HOME

1. VIAGGIO NEL MONDO DEI NATURISTI NOSTRANI

28 AGO 2017 12:01

1. VIAGGIO NEL MONDO DEI NATURISTI NOSTRANI: ‘NON SIAMO EROTOMANI A CACCIA DI SESSO FACILE. ANZI I GUARDONI LI ALLONTANIAMO’. TUTTE LE SPIAGGE, CAMPEGGI E RESORT DEL PAESE
2. IN CALABRIA ‘CI SONO PRETI CATTOLICI E DONNE MUSULMANE’: DESIDERANO TORNARE A UNA PUREZZA ORIGINARIA. LA NUDITÀ NON È PECCATO, ANZI È LA CONDIZIONE CHE LO PRECEDE: PRIMA DELLA CORRUZIONE DELLA CIVILTÀ, PRIMA DELL’INTRODUZIONE DELLA VERGOGNA
3. LE PERSONE CHE INDOSSANO COSTUMI SONO DISPREZZATE O PRESE IN GIRO, E SONO CHIAMATI ‘TESSILI’: ‘NON CAPIRETE MAI LA BELLEZZA DI FARE IL BAGNO NUDI. NEI VILLAGGI VEDI DISABILI E OBESI FINALMENTE LIBERI DAL GIUDIZIO. CERTO, SPORT DI CONTATTO CERCHIAMO DI EVITARLI…’

Condividi questo articolo

1. IN SPIAGGIA COME MAMMA LI HA FATTI PIÙ DI 250MILA ITALIANI – PURE LE ISLAMICHE E I PRETI CATTOLICI

Gianluca Veneziani per ‘Libero Quotidiano

C’ è il desiderio di un ritorno a una purezza originaria, a una nudità adamitica, e insieme il recupero di un’ innocenza infantile, che riguarda la piacevolezza dell’ essere nudi e la mancata vergogna per esserlo. In quello stato paradisiaco la nudità non coincide più col peccato, al contrario è la condizione che lo precede, significa autenticità prima della corruzione della civiltà.

nudisti camerotaNUDISTI CAMEROTA

Nella filosofia del naturismo, che porta centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo a vivere completamente svestite le esperienze della socialità soprattutto in un contesto balneare e vacanziero, c’ è una dimensione spirituale che accompagna quella corporale: il senso di una correlazione tra sé e le cose, che porta a spogliarsi e sentirsi parte integrante del tutto, recuperando un rapporto immediato, senza più filtri, con gli elementi e la natura.

Il fenomeno, che in Italia coinvolge circa 250mila persone, tra naturisti affiliati a un’ associazione (alcune migliaia) e nudisti spontanei, sta via via prendendo piede, sebbene da noi manchi ancora una legislazione nazionale che disciplini la pratica.

naturisti italianiNATURISTI ITALIANI

Al momento solo cinque spiagge libere sono state autorizzate dai Comuni come destinazione naturistica – Capocotta a Ostia, il Nido dell’ Aquila a San Vincenzo (Livorno), Acquarilli all’ Isola d’ Elba, Lido Le Morge a Torino di Sangro (Chieti) e la Spiaggia del Troncone a Marina di Camerota (Salerno) – e soltanto cinque Regioni (Piemonte, Emilia Romagna, Lombardia, Veneto e Abruzzo) hanno emesso una legge regionale per la promozione del turismo naturista. Al contempo però sono fioriti villaggi e camping naturisti privati (riconosciuti come “terreni certificati” sono undici), diventati più meta di turisti dal Nord Europa.

nudi a capocottaNUDI A CAPOCOTTA

LE DIFFERENZE

Per analizzare bene il fenomeno occorre tuttavia fare alcuni chiarimenti e smentire e smontare alcuni cliché. In primo luogo, ci dice Gianfranco Ribolzi, presidente della Federazione Naturista Italiana (Fenait) che accorpa una dozzina di associazioni nonché direttore de Le Betulle, vicino Torino, primo camping nella storia del naturismo in Italia, «bisogna distinguere tra nudismo e naturismo. Il primo è la semplice pratica della nudità, senza particolari convinzioni o attenzioni all’ ambiente e alla condotta di una vita sana. Il secondo comporta invece l’ adesione a una serie di principi e l’ accettazione di un codice, che riguarda il rispetto di sé e del proprio corpo, degli altri e della natura».

NUDISMONUDISMO

Deriva da qui la seconda puntualizzazione, ossia la smentita dell’ idea che il naturismo sia associato all’ esibizionismo, alla trasgressione o al sesso. «Viceversa», nota Ribolzi, «un naturista gestisce la propria libido e non si abbandona a pratiche erotiche plateali. Ciò significa essere profondamente rispettosi dell’ altrui nudità, non considerare più un corpo senza indumenti come mero oggetto sessuale».

NUDISMONUDISMO

La confusione tra naturismo e sessualità nasce semmai da club come quello di Cap d’ Agde in Francia, considerato il paradiso di nudismo e scambismo. «Ma è un’ eccezione», ribadisce il presidente Fenait, «perché quasi tutti i villaggi naturisti sono a fruizione familiare».

Ed ecco un altro luogo comune da sfatare: l’ idea che spiagge e club naturisti siano frequentati perlopiù da giovani single a caccia di conquiste o esperienze estreme. «Al contrario», avverte Ribolzi, «moltissimi villaggi prevedono la presenza di famiglie con bambini. Anzi, se proprio viene fatta una selezione, è nei confronti dei single privi della tessera Fenait. Molto spesso non vengono accettati, perché considerati potenziali guardoni».

NUDISMONUDISMO

Nonostante questa chiara disciplina, la pratica tuttavia è ancora considerata tabù in molti luoghi, tant’ è che chiunque si avventurasse su spiagge libere mostrandosi senza veli rischierebbe una sanzione pecuniaria fino a 10mila euro per atti contrari alla pubblica decenza. Anche per questo, forse, buona parte dei naturisti italiani va all’ estero a praticare la sua scelta libera di vacanza, ad esempio in Francia, Croazia e Spagna.

nudisti a cap d agdeNUDISTI A CAP D AGDE

Mentre nei club naturisti italiani arrivano per lo più stranieri, come olandesi, tedeschi e svedesi (i francesi no, tendono a restare sulle loro spiagge, perché anche in questo sono nazionalisti). La fuga dei naturisti autoctoni può essere intesa come il risultato dei pregiudizi nel territorio dove si vive: della serie, nemo nudista in Patria. Ma può essere anche considerata un incentivo al turismo europeo, allo spostamento estivo da un Paese all’ altro, una sorta di Erasmus della nudità.

stretching nudiSTRETCHING NUDI

E infatti il mercato vacanziero segnala dei picchi dove ci sono strutture ad hoc per naturisti. Come dire, il Naturismo è un incentivo al turismo.

IL TENTATIVO

Lo storico campeggio «Pizzo Greco» di Capo Rizzuto in Calabria, ad esempio, fa registrare la media di 97mila clienti ogni anno, per l’ 80% stranieri, i quali poi hanno modo, una volta usciti dalla struttura (in abiti civili, va da sé), di visitare e conoscere anche il territorio circostante, con benefici per tutto il sistema turistico locale.

ginnastica natureGINNASTICA NATURE

E allora non è un caso, come ci dice Anna Greco, titolare del camping, che «circa otto bed and breakfast su dieci in Italia hanno chiesto di trasformarsi in luoghi ricettivi per naturisti. Devono aver verificato che il volume di affari, da questo punto di vista, aumenta in modo esponenziale».

NUDISTI VALLI DEL NATISONENUDISTI VALLI DEL NATISONE

D’ altronde, i potenziali clienti rientrano nella più svariate categorie, spesso impensabili. «Nel nostro club ci sono anche uomini e donne musulmani», ci dice la Greco. «E conosco sacerdoti cattolici, convinti naturisti», conferma Ribolzi. Come dire: anche i preti possono spogliarsi, e non solo a una certa età Più difficile cercare di far convivere nello stesso luogo naturisti e non-naturisti.

NUDISTI VALLI DEL NATISONENUDISTI VALLI DEL NATISONE

«Una struttura in Abruzzo», avverte la Greco, «ci aveva provato ma ha dovuto presto riconvertire il suo camping a uso esclusivo dei non naturisti, perché i bimbi di famiglie che non aderivano a questa pratica restavano turbati alla vista di adulti nudi». Allo stesso modo la presenza di uomini in costume da bagno o di donne in bikini sulle spiagge naturiste non è gradita, anzi è disprezzata o giudicata in maniera comica. E così scopri che in quei luoghi la vera perversione è coprirsi. Che scostumato, non si è nemmeno tolto gli slip.

nowtv a londra la terrazza per nudisti 8NOWTV A LONDRA LA TERRAZZA PER NUDISTI 8

2. «NIENTE EROTISMO, SOLO LIBERTÀ» – «VOI CHE VI COPRITE NON POTETE CAPIRE IL PIACERE CHE SI PROVA A FARE UN BAGNO SENZA COSTUME»

Gianluca Veneziani per ‘Libero Quotidiano

In 34 anni ha girato tutti i Paesi del Mediterraneo, frequentando decine di club dedicati. E passando «i mesi estivi e buona parte dei weekend d’ inverno» a praticare il naturismo, insomma godendosi quasi metà del suo tempo, libero dai vestiti. La passione di Luca Massenz, 56 anni, per la nudità come filosofia di vita nasce dal desiderio di frequentare ambienti internazionali, quali sono da sempre i villaggi naturisti, ma anche da un piacere più elementare.

ristoranti nudisti nel mondo 4RISTORANTI NUDISTI NEL MONDO 4

«Vuoi mettere la bellezza di farsi un bagno nudi, magari a mezzanotte, senza l’ obbligo del costume? È una sensazione che i “tessili” (nel gergo naturista coloro che ricorrono a indumenti, ndr) non potranno mai comprendere».

Più sfumato è invece il piacere erotico perché «da naturista perdi il gusto della scoperta dei corpi altrui, non c’ è più il gioco del “vedo non vedo”, anzi si può dire che la nudità venga depotenziata della sua forza sessuale». E questo significa, in positivo, anche «privarsi dell’ eros guardonesco, trovare naturale che delle persone si mostrino così come sono state create». Deriva da qui un principio di accettazione di sé e della propria fisicità, una manifestazione anche dei propri problemi o difetti.

piscine nudiste 4PISCINE NUDISTE 4

«Nei villaggi naturisti vedi disabili o obesi mostrarsi liberamente. Fanno del corpo una carta di identità, di cui non devono vergognarsi». Limiti ci sono per tutti, ma di natura pragmatica. «Da naturista tendi a evitare di praticare sport che richiedano il contatto fisico come calcetto e rugby e cerchi di indossare un pareo quando, in un villaggio, ti trovi al ristorante o a uno spettacolo serale. Questo conferma che non siamo dogmatici ma sappiamo essere flessibili, in base al contesto».

piscine nudiste 3PISCINE NUDISTE 3

Nei loro confronti resta un pregiudizio sociale anche se, dice Massenz, «non c’ è più una condanna come un tempo, piuttosto la curiosità di chi ti chiede “Ma d’ inverno come fate?”. Non sapendo che, nella stagione fredda, non andiamo mica nudi in spiaggia, ma pratichiamo naturismo in strutture come le saune». Naturismo ha smesso di far rima con scandalo anche perché «nella sovrabbondanza di nudità esibita ovunque, mi dice che notizia è vedere un corpo nudo?».

Leave a Reply

%d bloggers like this: