Mese: Ottobre 2020

A tu per tu con Mauro Tummolo

A che età risale il tuo incontro con la musica?
Ciao grazie per questa domanda allora.
il mio incontro avviene su per giù intorno ai 9/10 anni.
Mio padre mi ha trasmesso questa passione verso questa magnifica arte.
Ho iniziato con il studiare la teoria per poi passare allo studio della tromba con cui mi sono tolto un sacco di soddisfazioni.
E poi mi sono buttato interamente nel canto.
Di cosa parla il brano COME TE?
Ecco il brano COME TE parla proprio del mio essere in prospettiva al mio babbo.
‘’Voglio sembrare solamente me
quello che dico parlerà di me
e ti sorrido solamente se
quello che hai detto mi è piaciuto molto’’
Vivere di specchio al proprio padre non è facile ma alla fine rimane sempre il nostro unico eroe il nostro esempio ma senza cullarci troppo e affrontando la propria vita anche secondo un tuo punto di vista.
Il singolo ‘’TUTTA LA NOTTE’’ uscito a luglio 2019 conta oltre 150.000 ascolti su SPOTIFY. Ti aspettavi un “clamore” del genere?
A dire la verità no.
È stato come rinascere in una veste nuova.
È un brano che mi ha portato molte aspettative.
È cresciuto a dismisura su tutti i digital stores.
Sicuramente è merito di tutti non solo mio.
Una canzone che ha visto la collaborazione di tante anime come la mia BAND, il mio staff ( autore e produttore), gli attori del video girato a Matera, il fan club capitanato da Mary Lacitignola e la grossa mano che ho ricevuto e che ancora oggi ricevo dalla grande Valentina a capo della BOMBELLI GIOIELLI azienda che risiede a Corsico (MI)
Mi sento fortunato di avere tutte queste bellissime persone intorno ai miei progetti e felice di tutti coloro che mi seguono sui SOCIAL.
Attualmente cosa c’è in lavorazione?
Attualmente in lavorazione c’è il mio disco.
Sono 2 anni e mezzo che ci stiamo lavorando.
Siamo in dirittura d’arrivo.
Tutto costruito con i miei musicisti ( Fabrizio Frangione, Martino Trotta, Lorena Ticchio e Antonello Ruggiero.
Scritto con il grande Andrea Sandri e in coproduzione  con Walter Babbini.
Credo che manchi davvero poco.
Se tutto andrà bene nel mese di Gennaio 2021 sarà finalmente disponibile.
Siamo ansiosi di farvelo ascoltare.

“pezzi di me” il nuovo singolo di mr. double kappa ft margot ferrari: scopri perché questo video sta diventato virale

Si intitola Pezzi di Me il nuovo singolo Mr.Double Kappa. Il rapper romano in questa suo ultimo brano si avvale della collaborazion di Margot Ferrari, giovane cantante ed attrice emergente. Un pezzo malinconico che  racconta in rime una storia d’amore vissuta tra lontanaza, indecisioni e piccoli problemi di cuore (Cuori Infranti).

Il brano Pezzi di me è scritto e interpretato dallo stesso Mr.Double Kappa, beat, registrazione, mix, e master sono sono stati realizzati da Alex Noir,  il quale è anche il produttore del singolo. Il brano è disponibile su tutte le piattaforme in iformato digital download .

TITOLO: PEZZI DI ME
ARTISTI:Mr.Double Kappa ft Margot Ferrari
PRODUZIONE BEAT, REGISTRAZIONE, MIX, E MASTER: Alex Noir( il suo vero nome è Alessio Perosini)
GRAFICHE: Sob3k (KRC)
Su Istagram sta sob3k_97

 

Ecco chi è katiuscia Placanico fotomodella Napoletana: altro che Fedez Ferragni le sue foto fanno rizzare i capelli anche a Conte VIDEO ESCUSIVO

Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Katiuscia Placanico , uno dei volti più autentici del web. Video, foto, immagini su instagram che raccontano com’è nata la passione per la fotografia, una presa di conoscenza per molte donne che hanno voglia di cambiare e dire… c’è ancora molto da fare…

Facendo un piccolo bilancio della tua vita cosa ne verrebbe fuori?

Che dire! La mia vita è stata tra alti e bassi. Di forti emozioni, eventi e situazioni che mi hanno cambiata molto.

Parlaci dell’amore: cosa rappresenta nella tua vita?

Per me l’amore è un qualcosa che mi fa star bene. È prendersi cura delle persone che ami. Quella sensazione di benessere che mi appaga tutto il giorno.

Artisticamente, qual è la modella a cui vorresti somigliare?

Una Cindy Crawford! Adoro!

Puoi dirci a cosa stai lavorando adesso?

Attualmente sto lavorando su me stessa. Sulla mia forza e le mie fragilità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come sei nella vita privata?

Come sono nella vita? Coccolona!!! Esigo affetto e attenzioni dai miei cari. Solare e disponibile con gli amici.

Cosa vorresti che le persone capissero di te?

Vorrei che andassero oltre. Perché c’è tanto. Una donna apparentemente forte ma tanto fragile. Sensibile ed empatica.

Quali sono i ricordi della tua infanzia a cui particolarmente sei legata?

Il ricordo più bello della mia infanzia era il ritorno a casa, dal lavoro di mio padre. Lui lavorava tutto il giorno quindi ero sempre con mia madre e i miei fratelli. Il papà mi mancava.

Sei favorevole e contraria alla chirurgia platica?

Assolutamente favorevole! Se si cerca di migliorare per stare bene con sé stessa è sempre positivo. Te lo dice una che si è rifatta le tette!

 Ci sono persone che ti hanno aiutato in momenti difficili?

Nei momenti difficili al mio fianco ho avuto sempre mia madre e mia sorella che è di qualche anno più grande di me. Loro non mi hanno mai lasciata sola.

Un tuo sogno nel cassetto?

Il mio sogno? È diventare un pubblico!

Rinascente ospita i brand vincitori dei Torino Fashion Week digital Awards-Fino al 12 novembre

Fino al 12 novembre Rinascente Torino ospita i brand vincitori dei Torino Fashion Week digital Awards selezionati dal prestigioso store e da CNA Federmoda e Banca Cooperativa di Cherasco BCC: Gerardo Orlando, special guest dell’evento, Afrozan, Nicole Baratta ed Elena Imberti, Laura Artuffo, Barbara Montagnoli. Hangover ha invece selezionato MED, che esporrà per 2 mesi all’interno dello showroom, mentre gli stilisti Alberto Miceli, La Churaca, Miruna Modart Flower, Ambra Dodaj, Filoco, Maria Rita Ferlito saranno presso Mondo store per 1 mese.

Quest’anno Torino Fashion Week ha creduto nel digitale ed ha vinto. Le sfilate che ha organizzato a porte chiuse in Rinascente dal 3 al 9 ottobre, e che sono state trasmesse in live streaming sul sito www.torino-fashion-week.eu, hanno fatto registrare 1.051.310 di contatti, così suddivisi: sito 418.838, Facebook 411.083, Instagram 221.389.

L’edizione 2020 ha promosso la moda balcanica con gli stilisti di Help e Dress for Success Serbia. Help è un’organizzazione internazionale con sede a Bonn che si occupa di assistenza in caso di emergenza e aiuta chi ha bisogno di raggiungere l’autosufficienza. Dress for Success Serbia è un’associazione no-profit internazionale che supporta le donne in difficoltà economica o disoccupate a sviluppare la fiducia in loro stesse e a raggiungere l’indipendenza attraverso una rete di supporto. I 40 designers hanno presentato una capsule per raccontare la moda balcanica dei diversi paesi: Serbia, Bosnia ed Erzegovina, Montenegro, Albania, Kosovo, Macedonia e Croazia.

La quinta edizione della TFW ha dato anche grande risalto al made in Italy e i protagonisti sono stati stilisti italiani o stranieri che vivono a Torino o in Italia e che contribuiscono attivamente a sostenere l’economia nazionale. Dopo Le DangeRouge e Ginevra Von Drom, Sel.Dì, Laura is Glue, Elsa Lopreiato e Med, in passerella il 3 ottobre, lunedì 5 e martedì 6 hanno sfilato i fashion designer di CNA Federmoda Atelier Barbara Montagnoli, Elena Imberti e Nicole Baratta, Olesea Suharenco, Giannaesse, La Curaca, Maria Rita Ferlito, Verman’s Style, Regina Guasco Atelier e Miruna Mod’art Flowers, Miss Little C, Nazarena Vesentini. Il 7 ottobre è stata la volta dei vincitori del Torino Fashion Week Awarads 2019 ovvero Adelyur Fashion, Aurora Leopardi, Scialabà Jewels e Atelier Beaumont. L’8 ottobre, per la moda inclusiva, sono state protagoniste le borse create dagli studenti dell’Accademia Italiana di Moda e Couture di Torino, Lineapelle – la business experience ideata e promossa dalla conceria italiana, la più importante fiera mondiale della pelle e di tutto il settore che le gravita attorno – e U.I.L.D.M. sezione di Torino (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare). Oltre a loro gli stilisti Amichcouture e Kajal.

L’evento è stato caratterizzato da sfilate in streaming, talk on line con prestigiosi speakers internazionali del settore moda, 4 giorni di B2B, e-commerce per i fashion designers e un’importante partnership con CBI Camera Buyer Italia. La quinta edizione si è trasformata in digitale grazie ad una Web APP che ha proposto i diversi incontri ed ha connesso i protagonisti dell’evento, i buyers e i viewers in ogni parte del mondo. Con Torino Fashion Week 2020 è nato quindi un HUB della moda emergente e si è delineato il nuovo futuro del fashion show. Grazie all’APP i viewers – ovvero il pubblico, i buyers e gli operatori del settore – hanno potuto seguire sia le sfilate sia la consegna del premio, entrare virtualmente nel backstage e conoscere gli stilisti emergenti, i designer internazionali e i marchi di nicchia attraverso le interviste. Nuova, veloce e facile da utilizzare, la Web APP include una ricca sezione e-commerce in cui i consumatori hanno la possibilità di acquistare online i capi dei fashion designers emergenti, mentre i buyers e i rivenditori possono ordinare gli outfit della nuova stagione ed hanno tutta una serie di servizi dedicati.

Naturalmente non è mancata l’anima business del format con webinar destinati alle PMI, alle start up e agli imprenditori del settore tessile e fashion e una serie di incontri internazionali online dedicati al B2B e organizzati tramite la piattaforma b2match. Come ogni anno si è tenuto infatti il Torino Fashion Match organizzato da Unioncamere Piemonte nell’ambito della rete Enterprise Europe Network e del Sector Group Textile and Fashion di cui l’ente è partner. La rete EEN, creata dalla Commissione Europea per supportare l’attività imprenditoriale e la crescita delle imprese europee, in particolare delle PMI, si articola in circa 600 punti di contatto organizzati in consorzi dislocati in oltre 50 Paesi. A conferma del successo del B2B Torino Fashion Match, nel 2019 l’evento ha ricevuto il premio come miglior Best Practice tra tutte le attività di B2B svolte nell’ambito dei 17 Sector Groups della rete EEN. La Commissione Europea e la sua Agenzia per le Piccole e Medie Imprese lo hanno premiato per l’impatto innovativo, per la visibilità mediatica che offre alle imprese e alla rete stessa e per il potenziale di networking che genera favorendo la nascita di collaborazioni internazionali.

Diritto all’oblio, eliminare una informazioni da Google Cristian Nardi cancellare una notizia da internet

Togliere una notizia da Google o eliminare il proprio passato è un compito arduo ma non impossibile. Per questo motivo abbiamo chiesto il parere ad un esperto in cancellazione di notizie negative dal web che ci illustra come muoversi.

Stiamo parlando di Cristian Nardi della società di WEB REPUTATION  – RTS  consulente per molti studi legali, opera in molte città d’Italia tra cui Roma, Napoli, Abruzzo.  Fondatore della piattaforma web privacygarantita.it si occupa del delicato compito di eliminare notizie non gradite da Google. Un’attività che sta diventando indispensabile per molti privati e professionisti che richiedono a norma di leggere di rimuovere il proprio nome dalla rete.

richiesta-cancellazione-da-google-222828

Qual è il danno che può causare all’immagine e alla reputazione un articolo scandalistico?

Le posso rispondere con una domanda: quanto vale per lei la sua reputazione? quindi la risposta equivale al danno.  Vedersi apparire il proprio nome tra le prime pagine dei motori di ricerca per molti comporta serie problemi, come ad esempio un prestito negato in baca, o meglio ancora vedersi sfuggire un affare. Purtroppo il nostro interlocutore prima prendere qualsiasi decisione istintivamente interroga la rete, uno scenario molto inquietante sotto questo punto di vista, in quando non prevale più il rapporto di buona fede, ma tecnico.

recensioni-google - Copia

Cos’è fondamentale nel vostro lavoro?

Io credo la massima riservatezza e la garanzia del risultato. C’è da dire che noi privacygarantita.it partiamo sempre da una semplice chiacchierata con il cliente, gratuita e senza impegno, cercando insieme una soluzione al problema.

In pratica come si cancella una notizia informazione dalla rete?

Ci sono diverse soluzioni, ad esempio nel caso di divulgazione di foto, video, intime e senza consenso bisogna rivolgersi subito alla Polizia Postale  oppure ad una persona esperta in reputazione che sappia come muoversi nell’immediato. Ma purtroppo in alcuni casi parliamo di procedure lunghe dove a monte prevale una vera denuncia, anche se negli ultime tempi la giurisprudenza ha fatto grandi passi avanti e in alcuni casi eccezionali come la diffusione di un video hot tramite WhatsApp la rimozione è immediata. Nell’era digitale chiunque può pubblicata una notizia in rete senza essere rintracciato. A questo proposito Google ha messo online un modulo per la richiedere la rimozione dai link non desiderato, una soluzione che non sempre funziona.

Per concludere come bisogna comportarsi?

la rimozione dei link non è un lavoro del tutto semplice, bisogna conoscere tecniche di SEO e di posizionamento ed esperienze nel settore legale e di diritto altrimenti si rischia di fare danni.  La mole di difficoltà che si incontrano sono molte, come gli spessi imprevisti, anche lì dove esiste la possibilità di appellarsi al diritto all’oblio, noi consigliamo di contattaci per semplice consiglio l’abbiamo fatto molte volte, siamo consapevoli dell’imbarazzo che causa questo tipo di problema, ed avvolte un consiglio può migliorare la vita.

  • rimuovere informazioni personali da google
  • eliminare url da google
  • eliminare il proprio nome da google
  • rimozione immagini da google
  • richiesta di rimozione di risultati di ricerca ai sensi della legislazione europea
  • come esercitare diritto all’oblio google
  • come togliere https da google
  • rimuovere ricerca google

cancellare una notizia da internet

  • eliminare il proprio nome da google
  • eliminare url da google
  • come esercitare diritto all’oblio google
  • come cancellarsi definitivamente dal web
  • rimozione articoli online
  • richiesta di rimozione di risultati di ricerca ai sensi della legislazione europea
  • rimozione immagini da google
  • eliminare url da google search console

cancellare una notizia da google

  • eliminare url da google
  • come cancellare url da google chrome
  • come cancellarsi definitivamente dal web
  • cancellarsi da google
  • richiesta di rimozione di risultati di ricerca ai sensi della legislazione europea
  • rimozione immagini da google
  • diritto oblio google
  • eliminare risultati personali google

web reputation

  • Web reputation personale
  • web reputation aziendale
  • web reputation pdf
  • web reputation tools
  • web reputation tesi
  • web reputation esempi
  • aumentareweb reputation
  • web reputation ragazzi

Accademia di Belle Arti a Reggio Calabria: opportunità per una moda che evolve

 

Il corso di Progettazione della moda dell’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria è un modello didattico di eccellenza, di livello internazionale. Ogni cosa che ruota intorno alla moda del nostro tempo, nome collettivo che denomina tutto ciò che viene dalla grande tradizione e tutto ciò che è stato seminato da un secolo di eresie, sperimentazioni, nomadismi, costituisce il sistema della moda, come complesso entro cui le tendenze trovano una loro legittimazione, nel senso che vengono riconosciute come tali e quindi immesse in un circuito di valorizzazione e di scambio che le porta a diventare dei beni, con un valore possesso e un valore di scambio, immateriale l’uno, che porta ad una soddisfazione sensoriale, materiale, assolutamente materiale, l’altro, che porta ad una borsa di apprezzamenti e di oscillazioni, come qualsiasi altra merce. La moda gode di uno statuto speciale, che la associa ad una sorta di singolarità, nel sistema delle arti, intendendo, non già una situazione speciale riguardante il mercato degli abiti e degli accessori, ma un modo di funzionare del capitalismo maturo, che è costretto ad operare in spazi pieni, saturi, per cui può trovare entrate solo con il rendere necessarie tutte le sostituzioni che servono per assorbire le nuove produzioni.

 

Il Corso di Progettazione della moda vuole sviluppare ed incentivare le competenze di base degli studenti, fino a sperimentare ricerche ed esplorare ambiti di alta specializzazione, accompagnandoli a delineare e definire le loro capacità in un settore fortemente competitivo e in continua trasformazione.

Particolare attenzione è rivolta alla Cultura Italiana con le sue eccellenze, ma anche alle nuove sfide del marketing e della comunicazione, al fine di rendere gli studenti abili da un punto di vista manuale e facturale, senza trascurare gli aspetti manageriali ed imprenditoriali.

I profili professionali in uscita sono vari e tutti altamente competitivi sul mercato del lavoro, focalizzando l’attenzione degli studenti al settore stilistico, a quello della progettazione tessile, dalla modellistica al fashion design, ma con uno sguardo aperto alle nuove fenomenologie della moda e del costume della nostra postmodernità avanzata. Grazie a pratiche esperenziali, workshop e laboratori, con i protagonisti indiscussi dello scenario della moda e del costume mondiali, gli studenti potranno entrare in contatto con le nuove figure professionali del fashion design: dallo Stilista all’Influencer, dal Fashion blogger al Fashion manager, dalla Guest Star al Global Stylist.

Importante attenzione viene data all’acquisizione di una buona pratica della lingua straniera e dei supporti informatici adatti a una digitalizzazione del processo creativo e comunicativo, oggi necessari per continuare a sognare e costruire il proprio futuro, studiando e lavorando anche in telepresenza. Oggi tutto tende ad essere moda, maniera che permette la realizzazione della favola, per cui un principe può apparire come un mendìco e qualunque cenerentola può andare al ballo della vita, in quella che si può chiamare confusione, ma si tratta di una fusione, che sposta in là i nomi delle cose, i nomi, le cose. L’imperium dello spettacolo è connesso alla moda, in forme totalizzanti, oggi e sempre più non ci può essere l’uno senza l’altro e l’altro senza l’uno, sia nel regno dell’abbondanza, detta sviluppo, sia nel regno della penuria, detta crisi, perché questo è il segno di quest’epoca e probabilmente di quelle venture, con modificazioni sbalorditive, esponenziali.

 

Prof. Pasquale Lettieri

Coordinatore Scuola di Progettazione della moda

Accademia Belle di Reggio Calabria

http://www.accademiabelleartirc.it

The Pink Hill: arriva il drink ispirato a’ La Pantera Rosa ‘, di Blake Edwards, 1963

BARTENDER:  Francesco De Nicola, bar manager di  Amami,  a Roma

INGREDIENTI:
5 cl Seven Hills Italian Dry Gin
4 cl succo di limone fresco
2 , 5 cl sciroppo di zucchero
3 cl acqua di cavolo viola
2 gocce bitter al limone

Bicchiere : tumbler
Decorazione : mini sandwich di formaggio ‘Sette Colli’ ripieno con mostarda di cavolo viola

PREPARAZIONE:
Con la tecnica dello  shake and strain, versare in uno shaker il Seven Hills Gin, il succo di limone fresco, lo sciroppo di zucchero e l’acqua di cavolo viola, ottenuto bollendo il cavolo viola all’interno di una pentola. Introdurre del ghiaccio nello shaker e shakerare vigorosamente. Versare, filtrando il tutto, all’interno di un tumbler e completare con del ghiaccio a cubetti. Completare versando due gocce di bitter al limone.

ISPIRAZIONE:
Il drink – ideato da Francesco De Nicola, bar manager di  Amami  a Roma, in collaborazione con il capo barman Matteo Battistini e lo chef Riccardo Fanucci, che ha realizzato il mini sandwich – si ispira alla saga de  La Pantera Rosa.

Dai più grandi ai più piccoli, chi non conosce il più simpatico e sgargiante felino del cinema? Un palcoscenico per il celebre ispettore Clouseau, interpretato da un magnifico Peter Sellers, che, in virtù delle sue strampalate intuizioni riesce a intuire i colpevoli di furti e omicidi. « Il Pink Hill‘rappresenta queste geniali intuizioni con l’uso del cavolo viola, che diventa ingrediente nobile in questo drink, grazie alla base di Seven Hills Gin, e alle sue botaniche romane che riecheggiano nel nome dei’ Sette Colli ‘. La preparazione stessa del drink, proprio come il film, è un susseguirsi di colpi di scena, una successione gustosa di colori: il cocktail passa dal trasparente del Seven Hills Gin, al blu, con l’aggiunta dell’acqua di cavolo viola fino a un magico pantera-rosa, grazie al succo di limone fresco. Reazioni chimiche naturali per un drink magico e fuori dagli schemi, in cui ogni ingrediente è un tassello per risolvere il caso, quello del ‘ The Pink Hill ‘!

grande fratello vip raccontato da Samul Piazza: Stefano Sala esce allo scoperto e racconta il suo rapporto con l’ex, Dayane Mello

 

Stefano Sala esce allo scoperto e racconta il suo rapporto con l’ex, Dayane Mello, reclusa nella casa del Grande Fratello Vip. Stefano Sala fa sapere che Dayane Mello è rimasta incinta due settimane dopo il loro primo incontro e per lui è stato un “fulmine a ciel sereno”.

Stefano al tempo usciva da un’altra relazione, poi è arrivata Dayane: “L’ho conosciuta sette anni fa – ha raccontato in un’intervista a “Chi” – e dopo due settimane dal nostro primo incontro è rimasta incinta. Un fulmine a ciel sereno. Io uscivo da una storia con un’altra modella brasiliana, poi è arrivata lei ed è scoppiata una passione incredibile. Eravamo giovani, contenti e spensierati. Non abbiamo mai avuto il dubbio di dire: “Non teniamolo”. Mai!”

La crisi non ha tardato ad arrivare: “Dopo un anno insieme inizia una grossa crisi e un tira e molla, da parte sua, devastanti. L’amore era finito, ma oggi lo posso dire, forse non era mai iniziato. Eravamo da sempre due perfetti sconosciuti. C’era una grande passione, questo non lo nego. Ma non c’è mai stato amore. Io sono rimasto abbastanza traumatizzato da questa storia. Sono cresciuto in un piccolo paese, con dei valori, le ho provate tutte per recuperare il rapporto, ma niente. Dopo qualche disguido, chiamiamolo così, ora abbiamo l’affido congiunto di Sofia, ma la bimba vive a casa mia, cresce con me e mi occupo io delle sue spese e dei suoi alimenti, questo sia ben chiaro”.

Elisabetta Gregoraci, dichiarazione d’amore a Pierpaolo Pretelli al Gf Vip: «Sei stato un fulmine a ciel sereno, non voglio perderti»

Dayane ha parlato della figlia con i suoi coinquilini e Stefano si dice molto deluso: “Leggo le segnalazioni e ciò che dice. Racconta molte bugie: c’è di mezzo una bambina, sta sbagliando e quando uscirà dovremo discutere molto bene e seriamente di alcune cose poco gradite sia a me sia alla mia famiglia. Mia figlia fa la prima elementare ed è molto sveglia, torna a casa e mi racconta che i suoi compagni le dicono: “Ma hai visto tua madre cosa ha detto, cosa ha fatto?“. Mi creda, questa situazione mi fa piangere. Soprattutto perché Dayane ha detto una serie di falsità. Al momento non voglio intervenire pubblicamente, ma se la vicenda dovesse prendere una piega ancora più pesante, saprò come comportarmi. E non scherzo

Volare non è mai stato più bello, scrive un fan di Laura D’Amore la hostess di volo più famosa al mondo

Volare non è mai stato più bello, scrive un fan di Laura D’Amore in uno delle migliaia di messaggi sulla time line della hostess più sexy d’Italia. Forme da pin up, sorriso ammaliante, professionista d’esperienza sulle rotte della compagnia di bandiera. Laura oggi è una influencer proiettata verso nuovi orizzonti. D’altro canto la bionda pugliese, ma catanese di cuore, ha tutti i numeri per sedurre e conquistare traguardi ambiziosi, a partire dal mondo dello spettacolo a cui lei vorrebbe approdare

Questo slideshow richiede JavaScript.

Biografia

Ecco tutti i dettagli della vita privata per conoscere meglio chi è Laura D’Amore: età, biografia, influencer su facebook e instagram nonché Grande fan di Laura Chiatti.

LAURA è di origine pugliese ma oramai catanese d’adozione da più di 4 anni: Lascia la terra natale a 18 anni per trasferirsi a Perugia dove consegue la laurea quinquennale in marketing e pubblicità col massimo dei voti.

Tra un concorso di bellezza e l’altro, inizia ad accrescere la sua passione per i viaggi e la moda: col progetto Erasmus scopre la Polonia e se ne innamora perdutamente, mentre con un contratto post universitario si trasferisce un anno nella repubblica dominicana per insegnare nella famosa Dante Alighieri. Tornata in Italia inizia il suo percorso professionale come HOSTESS di volo per la compagnia aerea ALITALIA. In poco tempo consegue anche un Master in marketing e pubblicità ed inizia ad affermarsi nel mondo della moda lavorando sui social per molti brand internazionali e locali. La pagina INSTAGRAM @lauradamore_ vanta più di 700 mila followers in poco più di un anno ed anche i suoi tanti amici di FACEBOOK E TWITTER la seguono costantemente con ammirazione, apprezzando e condividendo i suoi contenuti social. Adora lo YOGA, La lettura e LAURA PAUSINI; le sue canzoni preferite italiane ed internazionali sono: fatti sentire, la solitudine, la soledad, víveme, benvenuto, “le cose che vivi” e tutto il repertorio di Sia e dei Coldplay. Ma soprattutto ama CATANIA, città cosmopolita e ricca di vibranti energie

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

TROISI POETA MASSIMO, dal 30 ottobre a Castel dell’Ovo la mostra dedicata a Massimo Troisi

Dopo il grande successo della mostra romana, arriva finalmente nella ‘sua’ Napoli, con un nuovo percorso espositivo e un leit motiv interamente dedicato al rapporto con la città, la grande mostra multimediale dedicata alla carriera e all’anima di uno dei più amati artisti della nostra storia.

“Troisi poeta Massimo” è un percorso tra fotografie private, immagini d’archivio, locandine, filmati e carteggi personali inediti che condurranno il pubblico nell’animo umano di Massimo Troisi.

Promossa e organizzata da Istituto Luce – Cinecittà con l’Asessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e 30 Miles Film, con il riconoscimento di MIBACT, Ministero per i Beni e le Attività culturali – Direzione generale Cinema e Audiovisivo e Regione Campania, in collaborazione con Archivio Enrico Appetito, Rai Teche, Cinecittà si Mostra e Cinecittà News, a cura di Nevio De Pascalis e Marco Dionisi e con la supervisione di Stefano Veneruso, l’esposizione sarà ospitata a Napoli a Castel dell’Ovo, dal 30 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021.

Una carrellata di ricordi, che attraverso musica e immagini, mette in risalto la poetica, le tematiche, le passioni e i successi di uno dei più grandi attori, e autori, italiani. Un “mito mite”, un antieroe moderno e rivoluzionario, che più di altri ha saputo descrivere, con sincerità, leggerezza e ironia, i dubbi e le preoccupazioni delle nuove generazioni. L’esposizione racconta le tappe salienti della carriera dell’artista: l’infanzia a San Giorgio a Cremano, la passione per il teatro, la popolarità improvvisa con il gruppo de La Smorfia, la carriera cinematografica da regista e attore.

Filo conduttore della mostra è il lato più sensibile e autoriale: Massimo Troisi è stato un poeta senza definirsi tale. Con parole, messe in scena, inquadrature, con tutto il suo immenso immaginario ha dato forma poetica ai sentimenti.

Il suo ineguagliabile talento comico si è espresso in parole (poesie, testi per il teatro, sceneggiature, e il testo vivo della sua mimica e del suo cinema) che hanno saputo raccontare con noncurante precisione, con una chiaroveggenza solo apparentemente casuale e indolente, con un esercizio continuo di leggerezza e passione, tutta una temperie umana, sociale, anche politica, ed emotiva. Per questo e senza farsene accorgere, ha lasciato a milioni di spettatori nel mondo l’opera di un vero Autore, di un grande regista indipendente, di un poeta, che può essere ammirata senza differenza da un pubblico cinefilo, colto, e popolare.

“Troisi poeta Massimo” ci racconta questo suo essere un artista totale, in un percorso raccontato attraverso le testimonianze visuali di Troisi e quelle, inedite e realizzate per l’occasione, di cari amici e colleghi: il nipote e collaboratore Stefano Veneruso, Enzo Decaro, Anna Pavignano, Gianni Minà, Carlo Verdone, Massimo Bonetti, Gaetano Daniele, Renato Scarpa, Massimo Wertmüller, Marco Risi.

Lungo l’itinerario, la mostra mette in risalto la dinamicità del genio campano, una forza non fisica, ma di pensiero. Un vulcano di idee in grado di creare continuamente su più livelli.

Un omaggio affettuoso per ricordare, a 26 anni dalla sua scomparsa, uno dei più grandi talenti comici italiani di tutti i tempi. Teneramente e fortemente presente nello sguardo di quei milioni di spettatori che ha fatto ridere, commuovere, rendendone la vita un po’ più incantevole.

Accompagna la mostra “Troisi poeta Massimo” un magnifico catalogo, edito da Istituto Luce – Cinecittà e Edizioni Sabinae, a cura di Nevio De Pascalis e Marco Dionisi, con decine di immagini private e d’archivio, saggi di approfondimento biografico, testi delle interviste ad amici e colleghi e apparati teatro – filmografici.

“Troisi poeta Massimo”, la mostra e il catalogo, e altre iniziative legate all’evento saranno presentati alla stampa giovedì 29 ottobre, alle ore 12 a Castel dell’Ovo, al Borgo Marinari sul Lungomare di Napoli, alla presenza dei curatori Nevio De Pascalis e Marco Dionisi, di Stefano Veneruso, dei rappresentanti di Istituto Luce Cinecittà e dell’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli Eleonora de Majo.