La malinconica fotografia di Virginia Raggi davanti all’incendio di una pineta

09 ago 2017 – 12:44
La malinconica fotografia di Virginia Raggi davanti all'incendio di una pineta

Da tre settimane nella pineta di Castel Fusano, a pochi chilometri da Roma, continuano a svilupparsi nuovi incendi, spesso causati da piromani e favoriti dal clima secco e dal vento. Ieri, dopo lo scoppio dell’ennesimo focolaio, il sindaco di Roma Virginia Raggi è tornata sul posto per un’ispezione e ne ha approfittato per farsi scattare una fotografia con cui accompagnare i suoi commenti sull’incendio e sulle misure che intende adottare.

https://www.facebook.com/plugins/post.php?app_id=&channel=http%3A%2F%2Fstaticxx.facebook.com%2Fconnect%2Fxd_arbiter%2Fr%2FXBwzv5Yrm_1.js%3Fversion%3D42%23cb%3Df299075de1294d8%26domain%3Dwww.ilpost.it%26origin%3Dhttp%253A%252F%252Fwww.ilpost.it%252Ff23aeaa3481e6b8%26relation%3Dparent.parent&container_width=708&href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fvirginia.raggi.m5sroma%2Fphotos%2Fa.470151043167350.1073741827.469144566601331%2F827431264105991%2F%3Ftype%3D3%26theater&locale=it_IT&sdk=joey&width=600

Più che il testo, però, ad attirare l’attenzione è stata la fotografia. Raggi è ripresa di profilo, con lo sguardo rivolto a un punto indefinito dell’orizzonte e un’espressione piuttosto malinconica. L’immagine, anche a causa della luce suggestiva del tramonto, a molti ha ricordato una fotografia romantica scattata durante un viaggio, più che l’immagine istituzionale di un sindaco impegnato nell’affrontare una grave emergenza.

In molti online hanno paragonato Raggi al personaggio di Via col vento, Rossella O’Hara, mentre assiste all’incendio di Atlanta, oppure all’imperatore romano Nerone durante il rogo di Roma. Naturalmente, era inevitabile che qualcuno associasse Raggi anche a un altro personaggio, particolarmente popolare in questi giorni.

https://www.facebook.com/plugins/post.php?app_id=&channel=http%3A%2F%2Fstaticxx.facebook.com%2Fconnect%2Fxd_arbiter%2Fr%2FXBwzv5Yrm_1.js%3Fversion%3D42%23cb%3Df2620ce28c412f%26domain%3Dwww.ilpost.it%26origin%3Dhttp%253A%252F%252Fwww.ilpost.it%252Ff23aeaa3481e6b8%26relation%3Dparent.parent&container_width=708&href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fhipdem%2Fphotos%2Fa.328940987210110.67656.278130048957871%2F1251719514932248%2F&locale=it_IT&sdk=joey&width=600

A Utrecht hanno aperto il parcheggio per bici più grande al mondo, ma forse è già troppo piccolo

09 ago 2017 – 12:16
A Utrecht hanno aperto il parcheggio per bici più grande al mondo, ma forse è già troppo piccolo

Lo sa chiunque abbia provato ad attraversare una strada ad Amsterdam: i Paesi Bassi sono pieni di biciclette. Sono uno dei pochi paesi al mondo in cui ci sono più biciclette che abitanti e si è calcolato che un olandese su tre va al lavoro in bici. Tutte quelle bici però bisogna parcheggiarle: è per questo che a Utrecht è stato aperto quello che diventerà il più grande parcheggio coperto di bici al mondo. Ora ci stanno circa 6mila bici; entro la fine del prossimo anno, quando sarà completato, ce ne staranno più di 12mila. Il parcheggio si trova sotto la stazione centrale della città, è su più piani ed è grande 17mila metri quadrati. Secondo alcuni – e tra loro l’associazione di ciclisti Fietsersbond – il problema è che, anche quando tutto il parcheggio sarà aperto, i posti non saranno comunque abbastanza. Il fatto è che il parcheggio fu progettato durante gli anni Novanta ma nel frattempo, anche grazie a diverse politiche e incentivi pubblici, sempre più persone hanno iniziato a spostarsi in bici: a Utrecht la usano il 43 per cento delle persone che devono fare spostamenti sotto i 7,5 chilometri.

Intanto, si tratta comunque di un gran parcheggio per bici: le prime 24 ore sono gratis e poi costa 1,25 euro al giorno. Ci sono anche dei codici QR per ritrovare la propria bici se non ci si ricorda dove la si è messa.

Largest bike parking in the world opened this morning in . Including a 600+ ‘OV-fiets’ bike sharing location.

Il bellissimo rapporto di un osservatore del Milan sul giovane Andriy Shevchenko

09 ago 2017 – 12:15
Il bellissimo rapporto di un osservatore del Milan sul giovane Andriy Shevchenko

In occasione dell’ottantesimo compleanno di Italo Galbiati – un noto personaggio del calcio italiano, ex calciatore, vice di Fabio Capello e osservatore – la tv ufficiale del Milan ha pubblicato su Twitter il rapporto che Galbiati realizzò per il club nel 1997 dopo aver seguito una partita dell’allora ventenne attaccante ucraino Andriy Shevchenko. All’epoca Shevchenko, insieme al compagno di squadra Serhij Rebrov, formava una delle coppie d’attacco più prolifiche d’Europa, che rese la Dinamo Kiev di Valeriy Lobanovskyi celebre anche all’estero (in quella partita vinse 4-0 al Camp Nou contro il Barcellona, e tre gol li segnò proprio Shevchenko). Shevchenko era già abbastanza noto, ma nel suo rapporto Galbiati ci prese in pieno, descrivendo alla perfezione le sue caratteristiche. Una volta trasferitosi al Milan, Shevchenko diventò uno dei centravanti più forti al mondo, nonché protagonista dei successi del Milan e vincitore del Pallone d’Oro del 2004.

Tra poco LIVE per parlare di  e fare gli auguri a Italo Galbiati (80 anni)! Qui un suo report del ’97 su un certo attaccante…

Nuovo Flash

I Guardiani della notte di “Game of Thrones” si vestono con tappeti IKEA

09 ago 2017 – 09:12
I Guardiani della notte di "Game of Thrones" si vestono con tappeti IKEA

Un paio di giorni fa è andato in onda – NO SPOILER, a meno che non andiate qui – un episodio di Game of Thrones che, anche se non ci sono dati precisi, è di sicuro costato molto. Il sito Quartz ha colto l’occasione per riprendere un video del 2016 che spiega che anche quando si è pieni di soldi in certi casi vanno bene le idee che costano poco, così che i soldi si possano usare altrove. Nel video il costumista delle prime cinque stagioni della serie, Michele Clapton, dice che per fare i pesanti vestiti indossati dai membri dei Guardiani della notte – quelli che proteggono la Barriera dagli Estranei – sono fatti, in certi casi, con dei tappeti comprati da IKEA. I tappeti – non si sa quali, di preciso – sono poi stati ovviamente tagliati, invecchiati, sporcati e ghiacciati. Come ha detto Clapton, «voglio che la gente possa quasi sentirne l’odore».

Per Carnevale potete usare lo stesso costume di Rihanna

08 ago 2017 – 17:55
Per Carnevale potete usare lo stesso costume di Rihanna

Come ogni anno la cantante Rihanna parteciperà al festival del Crop Over nelle Barbados, suo paese natale, una festa simile al Carnevale di Rio de Janeiro. E come ogni anno si è preparata un costume apposta, particolarmente sfavillante e sensuale come si vede da due foto e da una storia che ha pubblicato ieri su Instagram: piume colorate e un bikini incrostato di gemme insieme a una nuova tinta di capelli, turchese. Le foto hanno ricevuto quasi quattro milioni e tre milioni di like.

https://www.instagram.com/p/BXgaVpsDzfL/embed/captioned/?cr=1&v=7&wp=658#%7B%22ci%22%3A0%2C%22os%22%3A8816.995%7Dhttps://www.instagram.com/p/BXgD5arjO3H/embed/captioned/?cr=1&v=7&wp=658#%7B%22ci%22%3A1%2C%22os%22%3A8828.995%7Dhttps://www.instagram.com/p/BXgEZpSg8Wr/embed/captioned/?cr=1&v=7&wp=658#%7B%22ci%22%3A2%2C%22os%22%3A8836.995%7D

La Corea del Nord ha fatto dei francobolli per ricordare il lancio di un missile

08 ago 2017 – 17:19
La Corea del Nord ha fatto dei francobolli per ricordare il lancio di un missile

L’agenzia di stampa nordcoreana KCNA ha diffuso le foto di alcuni nuovi francobolli che saranno usati nel paese. La cosa particolare è che sono fatti per ricordare e celebrare il lancio di un missile balistico intercontinentale (ICBM) fatto il 4 luglio. Come si legge su uno dei francobolli in cui c’è anche un testo in inglese, il missile era un Hwasong-14: è stato lanciato da un campo volo militare nei pressi di Panghyon, nel nord-ovest del paese, e ha volato per un po’ più di 930 chilometri arrivando a oltre 2.500 chilometri di altitudine. Anche a causa di quel lancio – e di uno simile fatto a fine luglio – durante il weekend il Consiglio di sicurezza dell’ONU ha deciso all’unanimità di imporre nuove e ancora più pesanti sanzioni alla Corea del Nord.

Il trailer del prossimo episodio di “Game of Thrones” (e quello che suggerisce)

08 ago 2017 – 15:31
Il trailer del prossimo episodio di "Game of Thrones" (e quello che suggerisce)

È online il trailer del quinto e terzultimo episodio della settima e penultima stagione di Game of Thrones, che andrà in onda nella notte tra domenica e lunedì. Il titolo dell’episodio è “Eastwatch” e, così come il quarto, è stato diretto da Matt Shakman. Già il titolo è un primo indizio: Eastwatch-by-the-sea e uno dei punti che si trovano al di qua della Barriera. Nel trailer si vede anche Jon Snow che dice, parlando con Ser Davos e Varys: «Bran ha visto il Re della notte e il suo esercito marciare verso Eastwatch». Davos risponde, con buona sintesi: «Bad things are coming», «stanno per succedere brutte cose». Si vedono anche:

– Daenerys che prova a convincere i suoi prigionieri a combattere per lei (anche perché l’alternativa è una probabilmente poco piacevole morte)
– Varys che dice a Tyrion che bisogna trovare un modo per far sì che “lei” (probabilmente Daenerys) ascolti i loro consigli
– Cersei che, al solito, dice che sconfiggerà tutto e tutti
– Jon Snow faccia a faccia con Drogon: secondo molti potrebbe essere il momento in cui, vedendo un Drogon magari particolarmente mansueto, si capirà che Snow è un Targaryen.

La foto di Renzo Ulivieri che fa il dito medio alla Trump Tower, a Chicago

08 ago 2017 – 15:21
La foto di Renzo Ulivieri che fa il dito medio alla Trump Tower, a Chicago

L’allenatore di calcio Renzo Ulivieri (ha allenato tra le altre Napoli, Bologna, Fiorentina e Torino) – presidente dell’Associazione italiana allenatori di calcio e, da marzo, vicepresidente della FIGC, la Federazione Italiana Giuoco Calcio – ha pubblicato su Facebook una sua foto a Chicago, davanti alla Trump Tower, con lui che fa il dito medio. Il testo della foto è: «Già che c’ero……».

https://www.facebook.com/plugins/post.php?app_id=&channel=http%3A%2F%2Fstaticxx.facebook.com%2Fconnect%2Fxd_arbiter%2Fr%2FXBwzv5Yrm_1.js%3Fversion%3D42%23cb%3Df24b122d0320b2c%26domain%3Dwww.ilpost.it%26origin%3Dhttp%253A%252F%252Fwww.ilpost.it%252Ff23aeaa3481e6b8%26relation%3Dparent.parent&container_width=708&href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fphoto.php%3Ffbid%3D690897261120806%26set%3Da.450580905152444.1073741829.100006016143039%26type%3D3%26theater&locale=it_IT&sdk=joey&width=600

Ulivieri è noto per essere di sinistra: è stato iscritto al Partito Comunista e nel 2013 si candidò al Senato (senza essere poi eletto) con SEL, Sinistra Ecologia Libertà. Attualmente allena la squadra femminile del Pontedera.

Il video della donna spinta nel traffico da un corridore, a Londra

08 ago 2017 – 15:11
Il video della donna spinta nel traffico da un corridore, a Londra

La polizia britannica ha chiesto aiuto per identificare un uomo che, mentre
faceva jogging lo scorso 5 maggio, ha rischiato di uccidere una donna. L’uomo, sulla trentina, con occhi e capelli castani, stava correndo sul ponte di Putney, nella zona sud-ovest di Londra, quando sulla sua strada ha incontrato una donna di 33 anni che stava camminando in direzione opposta.

Dai filmati di sicurezza si vede chiaramente che la donna non ingombrava affatto il cammino dell’uomo che però, ugualmente, l’ha spinta per terra con un colpo molto secco e violento. La donna è caduta all’indietro ed è finita sulla traiettoria di un autobus che stava passando proprio in quel momento. Soltanto grazie ai riflessi dell’autista, che ha immediatamente sterzato, la donna non è stata colpita.

I passeggeri sono immediatamente scesi per aiutare la donna a rialzarsi. Circa 15 minuti dopo, l’uomo che l’aveva spinta è ripassato nello stesso punto. Lei ha cercato di parlargli, ma lui l’ha semplicemente ignorata, proseguendo la sua corsa. La polizia di Londra ha chiesto a chiunque riconosca l’uomo nei filmati di farsi avanti e denunciarlo.

E quindi ora esiste una foto di Clemente Mastella con Lenny Kravitz

08 ago 2017 – 12:16
E quindi ora esiste una foto di Clemente Mastella con Lenny Kravitz

Domenica il cantante Lenny Kravitz ha visitato Capri insieme all’imprenditore Diego Della Valle. Secondo i giornali, i due sono stati in un celebre locale dell’isola e poi Kravitz ha scattato alcune foto con i suoi fan. Tra gli altri ha incontrato anche l’ex ministro della Giustizia e sindaco di Benevento Clemente Mastella – molto amico di Della Valle – che oggi ha pubblicato sulla sua pagina Facebook una fotografia dell’incontro.

https://www.facebook.com/plugins/post.php?app_id=&channel=http%3A%2F%2Fstaticxx.facebook.com%2Fconnect%2Fxd_arbiter%2Fr%2FXBwzv5Yrm_1.js%3Fversion%3D42%23cb%3Df2cbfb45d326178%26domain%3Dwww.ilpost.it%26origin%3Dhttp%253A%252F%252Fwww.ilpost.it%252Ff23aeaa3481e6b8%26relation%3Dparent.parent&container_width=708&href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fphoto.php%3Ffbid%3D10209210861697283%26set%3Da.10209210861857287.1073741830.1493145183%26type%3D3%26theater&locale=it_IT&sdk=joey&width=600

 

Il cortometraggio di danza moderna con Ellen Page

08 ago 2017 – 11:45
Il cortometraggio di danza moderna con Ellen Page

Da un paio di giorni è su Vimeo un cortometraggio in cui l’attrice canadese Ellen Page balla insieme alla coreografa Emma Portner. La canzone che si sente, e che dà il titolo al video, è “Slack Jaw” dei Sylvan Esso, il duo electro-pop formato da Amelia Randall Meath e da Nicholas Sanborn. Il video è senza parole e anche senza grandi contorni: ci sono una sedia e le due protagoniste che ballano.

https://player.vimeo.com/video/228488753

L’angosciante trailer di “Mother!” con Jennifer Lawrence

08 ago 2017 – 11:44
L'angosciante trailer di "Mother!" con Jennifer Lawrence

È online il primo trailer di Mother!, il film drammatico (e forse un po’ horror) del regista statunitense Darren Aronofsky che sarà in concorso al Festival di Venezia. Mother! uscirà nei cinema italiani a fine settembre e parla di una coppia la cui vita relativamente tranquilla si complica “all’arrivo di un nuovo ospite”. Gli attori principali saranno Jennifer Lawrence, Javier Bardem, Michelle Pfeiffer, Ed Harris e Kristen Wiig. Aronofsky non dirigeva un film dal 2014: Noah, il più recente, non era stato ben recensito; prima aveva diretto Requiem for a Dream, The Wrestler e Il cigno nero. Si parla molto poco, nel trailer, ma i rumori e la colonna sonora fanno venire una certa ansia.

Leave a Reply

%d bloggers like this: