E’ ricoverata al Policlinico San Martino di Genova una ragazza di 18 anni con diagnosi di trombosi al seno cavernoso. E’ stata operata due volte, prima per rimuovere il trombo e poi per ridurre la pressione intracranica. Il 25 maggio aveva partecipato a un open day vaccinale e le era stata somministrata una dose di Astrazeneca. La Regione Liguria, che ha reso noto il caso, ha fatto sapere che “la direzione del policlinico ha attivato le previste segnalazioni nell’ambito delle procedure di farmacovigilanza verso Aifa nelle quali sono stati indicati anche i farmaci assunti dopo la vaccinazione”. In questo momento non ci sono elementi che colleghino la vaccinazione con la trombosi.

Il 3 giugno la ragazza era andata in pronto soccorso con cefalea e fotofobia. Tac cerebrale ed esame neurologico erano risultati entrambi negativi. Era quindi stata dimessa con raccomandazione di ripetere gli esami ematici dopo 15 giorni. Il 5 giugno è tornata in pronto soccorso con deficit motori. Sottoposta a Tac cerebrale con esito emorragico, è stata immediatamente trasferita alla Neurochirurgia del San Martino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un’informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Vaccini, dalla 12enne Ada all’open day di Rieti: al via campagna per gli adolescenti. Remuzzi: “Ma adesso la priorità resti agli over 30”

next