attualità

Acqua di cottura della pasta, mai buttarla: dall’impasto per la pizza ai legumi. Ecco come riciclarla

acqua-di-cottura-della-pasta,-mai-buttarla:-dall’impasto-per-la-pizza-ai-legumi.-ecco-come-riciclarla


Acqua di cottura della pasta, mai buttarla: dall’impasto per la pizza ai legumi. Ecco come riciclarla

La prossima volta che cuociamo la pasta non gettiamo via l’acqua di cottura! Non soltanto perché è un peccato sprecarla, ma anche perché l’acqua che utilizziamo per cuocere la pasta, oppure il riso, può essere infatti riciclata per diversi utilizzi. E, grazie all’amido e ai sali minerali che contiene diventare molto preziosa, in cucina e non solo! Oggi, allora, voglio suggerirvi come riutilizzare l’acqua della pasta.

Per cuocere di nuovo, per esempio cottura a vapore

La prima cosa che si può fare con l’acqua della pasta è riutilizzarla per cuocere di nuovo. Per esempio, riportandola a bollore, si può utilizzare per cuocere a vapore alimenti come le verdure, oppure il pesce, come il merluzzo.

 

Per l’ammollo di legumi e cereali

Un altro modo per riciclare l’acqua della pasta è utilizzarla per l’ammollo di legumi e cereali. Senza dover aprire di nuovo il rubinetto con altra acqua, possiamo semplicemente metterci dentro fagioli, lenticchie, ceci per una notte. Mi raccomando: l’acqua riciclata e utilizzata per l’ammollo non va bene per la cottura.

 

Minestroni, zuppe e vellutate

Un riciclo facile facile per l’acqua della pasta è quello di riutilizzarla come base per preparare nuovi minestroni, zuppe oppure delle gustose vellutate! Bisogna stare attenti, però, a dosare bene il sale, perché l’acqua della pasta è stata già salata in precedenza.

 

Impastare il pane e i lievitati

L’acqua della pasta si può utilizzare anche per impastare pane, pizza, focacce, torte salate. I lievitati, insomma! Anche qui, però, bisogna stare attenti con il sale. E, se è necessario, allungarla con dell’acqua non salata.

 

Sgrassare i piatti sporchi

L’amido contenuto nell’acqua della pasta è perfetto per sgrassare pentole, piatti e bicchieri! Per questo, l’acqua di cottura si può riciclare anche per lavare i piatti. Tutto quello che dobbiamo fare è versarla nel lavello, lasciare ammollo pentole e piatti nell’acqua ancora calda e aspettare qualche minuto. Dopo basterà dare una passata di spugna e poco sapone per averli puliti e perfettamente brillanti!

 

Per la pasta di sale

Con i bimbi in casa, l’acqua di cottura della pasta si può anche riutilizzare per preparare la pasta di sale e fare insieme qualche lavoretto. Per realizzarla, infatti, servono soltanto 1 tazza di sale fino, 2 tazze di farina e 1 tazza d’acqua tiepida. E il gioco è fatto!

 

Per un pediluvio nutriente

L’amido contenuto nell’acqua di cottura della pasta o del riso è perfetto anche per preparare un rilassante pediluvio! Basta aggiungere all’acqua tiepida del sale grosso e qualche goccia di olio essenziale a scelta per ammorbidire la pelle.

 

Innaffiare le piante, l’orto e il giardino

Infine, l’acqua di cottura della pasta si può anche riutilizzare per innaffiare l’orto, le piante in casa, in terrazzo oppure il giardino. Ma attenzione: si può usare solo se non è stata salata! Basta farla freddare, metterla in un annaffiatoio e procedere a innaffiare le piante come abbiamo sempre fatto.

 

Continua a leggere Piuricette.it e iscriviti al gruppo Facebook Masterchef ricette e trucchi degli chef
e mettete un like alla pagina Facebook    di PiuRicette.it

 

 

L’articolo Acqua di cottura della pasta, mai buttarla: dall’impasto per la pizza ai legumi. Ecco come riciclarla proviene da Più Ricette – Blog di cucina con ricette facili e veloci.

0 comments on “Acqua di cottura della pasta, mai buttarla: dall’impasto per la pizza ai legumi. Ecco come riciclarla

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: