adidas-4dfwd,-la-rivoluzione-dell’intersuola-spinge-in-avanti-i-runner

adidas 4DFWD, la rivoluzione dell’intersuola spinge in avanti i runner

Anche nel campo delle running, l’evoluzione tecnologica non si ferma mai e le più grandi case mondiali sono sempre alla ricerca del successivo step che segna un upgrade in termini di innovazione di processo e di prodotto. Un discorso che vede protagonista adidas, il colosso mondiale delle calzature e dell’abbigliamento sportivo per professionisti e amatori.

La running adidas 4DFWD è l’ultima innovazione della casa tedesca in questo segmento. Per comprenderne i caratteri di disruption bisogna fare un passo indietro: già dal 2017, adidas, per la sua “piattaforma” Futurecraft, aveva lanciato una collaborazione con la 3d company Carbon, e utilizzandone la tecnologia Digital Light Synthesis™, aveva creato una peculiare intersuola stampata in 3d. Dal 2017 a oggi altri capitoli sono stati scritti e l’intersuola ha continuato a essere oggetto di sperimentazioni e di progressivi rinnovamenti in termine di leggerezza e ammortizzazione, diventando anche elemento imprescindibile di modelli disponibili solo in edizione limitata.

Il modello 4DFWD è quindi lo stadio più avanzato delle running che sfruttano questa intersuola, che nasce da una struttura reticolare 3D che sfrutta il metodo di stampa messo a punto da Carbon Dsl e anche i suoi materiali ad alte prestazioni (la luce poi consente di impostare la forma e il calore le proprietà meccaniche). Il serrato confronto tra il team di Carbon e quello di adidas ha prodotto oltre 150 formulazioni alternative di materiale al fine di arrivare a mettere a punto le giuste proprietà meccaniche dell’intersuola e 50 reticoli diversi per arrivare al design finale.

La partnership con Carbon Dsl ha permesso ad adidas di fare uno step ulteriore legato alle possibilità della stampa 3d: stampare i prototipi delle intersuole era già possibile ma mancava il passaggio finale, che era vincolato allo stampaggio a iniezione e compressione (in assenza di materiali adatti alla stampa di un prodotto così peculiare). Il supporto della tecnologia di Carbon Dls ha permesso quindi ad adidas di sfruttare la stampa 3d per andare oltre e approdare, con queste tecnologie, alla produzione su scala.

La domanda di fondo, che accompagna il processo di creazione di ogni scarpa per la corsa, non è cambiata: cosa può semplificare l’atto di correre e a tempo stesso restituire performance? La risposta arriva dalla tecnologia ma anche dallo studio dei dati relativi a migliaia di runner per un approccio, anche in questo ambito, data driven.

Il vantaggio del sistema 4DFWD è dato dalla capacità di ridurre la forza frenante del piede che si poggia a terra per favorire la spinta in avanti: a garantire grip, la suola in gomma. L’obiettivo è garantire a chi corre una falcata fluida e molto regolare: come spiegato da Charlotte Heidmann, Product Manager di adidas Running, “grazie alla stretta collaborazione con Carbon, i nostri team di prodotto e collaudatori hanno trovato l’intersuola in lattice perfetta, in grado di trasformare la compressione verticale in spinta orizzontale sotto carico e controbilanciare le forze meccaniche, per regalare ai nostri runner un’impareggiabile sensazione di scorrevolezza”.

Se la stampa in 3d rappresenta già un carattere innovativo rispetto alle tradizionali intersuole in schiuma, altri elementi della adidas 4DFWD confermano l’importanza di essere al passo con in tempi, anche sul fronte dei materiali in ottica sostenibilità: il 50% della tomaia Primeknit+ è costituito da materiali riciclati e l’intersuola dalla struttura reticolare di 4DFWD è realizzata a sua volta con il 40% di materiali naturali e rinnovabili.

Dopo il debutto in primavera limitato a pochi esemplari e il successivo lancio della livrea Core Black con accenti verde fluo, 4DFWD è disponibile in tre colori (Signal Green, Core Black, Cloud White) in tutto il mondo sull’app adidas, su adidas.com e presso i retailer selezionati.

The post adidas 4DFWD, la rivoluzione dell’intersuola spinge in avanti i runner appeared first on Wired.

%d bloggers like this: