astrazeneca,-seconda-dose-per-gli-under-60:-c’e-il-si-del-ministero-per-chi-rifiuta-il-mix.

AstraZeneca, seconda dose per gli under 60: c’è il sì del ministero per chi rifiuta il mix.

Circolare del ministero: può farla chi rifiuta la vaccinazione eterologa e dichiara – col consenso informato – di voler proseguire nel richiamo con Vaxzevria.

Dopo la presa di posizione, ieri, del premier Mario Draghi sulla possibilità di vaccinazione eterologa per chi ha fatto la prima dose con AstraZeneca, arriva oggi una circolare del ministero della Salute che chiarisce una situazione che obiettivamente si era di molto ingarbugliata dopo la decisione di non fare AstraZeneca agli under 60.

Il ministero dà il via libera alla seconda dose con AstraZeneca anche per gli under 60, ponendo però delle condizioni. Vediamo quali. Possono fare il richiamo con AstraZeneca le persone sotto i 60 anni che “dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino Vaxzevria, rifiutano il crossing a vaccino a mRNA e dichiarano di voler proseguire nel richiamo con lo stesso vaccino impiegato per la prima dose”.

LA CIRCOLARE

Il documento del ministero, firmato dal direttore generale della Prevenzione, Giovanni Rezza, specifica: “Secondo quanto evidenziato dal Cts, ferma restando la indicazione prioritaria di seconda dose con vaccino a mRNA, ispirata ad un principio di massima cautela rivolto a prevenire l’insorgenza di fenomeni VITT in soggetti a rischio basso di sviluppare patologia COVID-19 grave e a un principio di equità che richiede di assicurare a tutti i soggetti pari condizioni nel bilanciamento benefici/rischi, qualora un soggetto di età inferiore ai 60 anni, dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino Vaxzevria, pur a fronte di documentata e accurata informazione fornita dal medico vaccinatore o dagli operatori del centro vaccinale sui rischi di VITT, rifiuti senza possibilità di convincimento, il crossing a vaccino a mRNA, allo stesso, dopo acquisizione di adeguato consenso informato, può essere somministrata la seconda dose di Vaxzevria”.

VACCINO JANSSEN

La circolare poi ribadisce quanto già si sapeva sull’altro vaccino a vettore virale, ovvero Johnson & Johnson. “In merito alle richieste di chiarimenti relative al vaccino Janssen si specifica quanto segue: il Cts, con parere trasmesso con circolare del 11 giugno 2021, ha raccomandato il vaccino Janssen per soggetti di età superiore ai 60 anni, anche alla luce di quanto definito dalla Commissione tecnico scientifica di Aifa”.

%d bloggers like this: