Autore:

Fials: Cessazione rapporti di lavoro a tempo determinato Asl Ta – Richiesta proroga

fials:-cessazione-rapporti-di-lavoro-a-tempo-determinato-asl-ta-–-richiesta-proroga

Di seguito la nota della Fials:

”La scrivente O.S. apprende con grande stupore che nel mese di luglio p.v. cesseranno i rapporti di lavoro a t.d. di numerosi Infermieri reclutati in regime di pronta disponibilità per fronteggiare  l’emergenza Covid e successivamente utilizzati, sia per la campagna vaccinale, che per dare sollievo alle tante Strutture dove perdura una grave carenza di organico. 

Ad incidere sulle suddette cessazioni, sembrerebbe essere la conseguente pubblicazione del recente avviso pubblico per CPS Infermieri, di cui ancora non si conoscono gli sviluppi. Tuttavia, pur apprezzando l’iniziativa, permangono numerosi dubbi per quanto attiene ai tempi di realizzazione della nuova graduatoria che, peraltro vedrà inevitabilmente tra i primi classificati, gli  stessi Infermieri attualmente in servizio c/o la ASL Taranto (reclutati dal precedente avviso) determinando un allungamento delle tempistiche sulle succitate procedure, con il consueto sovraccarico ed affollamento dell’Ufficio Concorsi. 

Altra preoccupazione per questa O.S. è rappresentata dalla mancata comunicazione della durata dei contratti previsti dal nuovo avviso pubblico, che creerà incertezze nei candidati e criticità nei servizi di assegnazione. Non vi sfugga che, proprio in considerazione delle recentissime assunzioni a t.d., la  Asl Taranto proponeva contratti semestrali, mentre le ASL Bari e Lecce proponevano contratti triennali,  suscitando maggiori aspettative per la maggior parte degli Infermieri che, dopo aver accettato l’incarico  c/o codesta Asl, ha poi rinunciato per prendere servizio altrove, creando enormi criticità sia nelle S.C. Ospedaliere (al collasso) che in quelle Territoriali! 

Non può, inoltre, essere sottovalutato il fattore cessazione dei rapporti di lavoro durante il periodo estivo, che determinerà -in modo definitivo- il collasso delle Strutture Sanitarie, molte delle  quali già oggi, non sono nelle condizioni di garantire i turni di servizio previsti e, tantomeno, possono concedere ai lavoratori i periodi feriali contrattualmente previsti e necessari soprattutto a rinfrancare  personale che, nei mesi scorsi è stato spremuto sul fronte emergenza Covid19 e logorato ai limite  dell’umana resistenza.

Infine, sarebbe opportuna una cauta valutazione in merito al perdurare dell’emergenza Covid19 che, visto i recenti sviluppi, non accenna a concludersi ma, si parla di una nuova variante che certamente viste anche le raccomandazioni ministeriali, non ci lascia sereni, sia per i nuovi focolai, che per il  perdurare dei focolai sul nostro territorio (è su tutti i giornali la notizia di quanto sta accadendo presso  la Casa Circondariale di Taranto). 

Per questi motivi, si chiede di sospendere la determinazione di cessazione dei contratti a Tempo  Determinato con scadenza luglio 2021, rinviandola a data da destinare e contestualmente avviare  l’avviso ricognizione del personale precario in servizio avente titolo alla stabilizzazione. 

Resta ferma la necessità di programmare le nuove assunzioni anche attraverso il completamento della procedura concorsuale unica regionale per CPS INFERMIERE indetta con D.d.G. n. 2141 del  31.10.2018. 

Nelle more di tanto, si chiede, altresì, il rinnovo, per un semestre, dei contratti attualmente  revocati (per un totale di mesi 12).

Ultimi articoli pubblicati

AIFA : gli studi sulla sicurezza del vaccino sono ancora in corso…

aifa-:-gli-studi-sulla-sicurezza-del-vaccino-sono-ancora-in-corso…
_rxuuid 1 year The main purpose of this cookie is targeting, advertesing and effective marketing. This cookie is used to set a unique ID to the visitors, which allow third party advertisers to target the visitors with relevant advertisement up to 1 year. ab 1 year This domain of this cookie is owned by agkn. The cookie is used for targeting and advertising purposes. am-uid 2 years This cookie is set by Admixer. The cookie is used to collect visitor behaviour from mutiple websites for serving them with relevant ads based on their preference. anj 3 months No description available. APIDTS 1 day This cookie is set by the provider Yahoo.com. This coookie is used to collect data on visitor preference and behaviour on website inorder to serve them with relevant content and advertisement. audience 1 year The domain of this cookie is owned by Spotxchange. This cookie is used for targeting and advertising. B 1 year This Cookie is used by Yahoo to provide ads, contents or analytics. CMID 1 year The cookie is set by CasaleMedia. The cookie is used to collect information about the usage behavior for targeted advertising. CMPRO 3 months This cookie is set by Casalemedia and is used for targeted advertisement purposes. CMPS 3 months This cookie is set by Casalemedia and is used for targeted advertisement purposes. CMRUM3 1 year This cookie is set by Casalemedia and is used for targeted advertisement purposes. CMST 1 day The cookie is set by CasaleMedia. The cookie is used to collect information about the usage behavior for targeted advertising. data-bs 1 year This cookie is provided by media.net. This cookie is used for targeting and advertising purposes. DSID 1 hour This cookie is setup by doubleclick.net. This cookie is used by Google to make advertising more engaging to users and are stored under doubleclick.net. It contains an encrypted unique ID. Gtest 1 year 1 month This cookie is used for collecting user behaviour and action on the website to optimize the website. It also helps Google Ads and Google Analytics to compile visitor information for marketing purposes. HAPLB5S This cookie is set by the provider Sonobi. This cookie is used to track the visitors on multiple webiste to serve them with relevant ads. i 1 year The purpose of the cookie is not known yet. id 1 year 1 month The main purpose of this cookie is targeting and advertising. It is used to create a profile of the user’s interest and to show relevant ads on their site. This Cookie is set by DoubleClick which is owned by Google. IDE 1 year 24 days Used by Google DoubleClick and stores information about how the user uses the website and any other advertisement before visiting the website. This is used to present users with ads that are relevant to them according to the user profile. IDSYNC 1 year This cookie is used for advertising purposes. KADUSERCOOKIE 3 months The cookie is set by pubmatic.com for identifying the visitors’ website or device from which they visit PubMatic’s partners’ website. KTPCACOOKIE 1 day This cookie is set by pubmatic.com for the purpose of checking if third-party cookies are enabled on the user’s website. lidid 2 years This cookie is used to collect data on user behaviour and interaction to make advertisement on the website more relevant. ljt_reader 1 year This is a Lijit Advertising Platform cookie. The cookie is used for recognizing the browser or device when users return to their site or one of their partner’s site. MarketGidStorage session This cookie is used to set an unique ID for the visitor which helps third-party advertisers to target the visitors with relevant advertisements. This facility is provided by the third party advertising hubs which provide real time bidding for the advertisers. mc 1 year 1 month This cookie is associated with Quantserve to track anonymously how a user interact with the website. mdata 1 year 1 month The domain of this cookie is owned by Media Innovation group. This cookie registers a unique ID used to identify a visitor on their revisit inorder to serve them targeted ads. muidn 16 years 7 months This cookie is used to set an unique ID for the visitor. This helps third party advertisers to serve the visitor with relevant advertisement. NID 6 months This cookie is used to a profile based on user’s interest and display personalized ads to the users. oo 5 years 5 days This cookie is set by the provider AddThis. This cookie is used for targeted advertising. It helps in knowing about the users that visit their webpages. ouuid 1 year This cookie is used to store the unique visitor ID which helps in identifying the user on their revisit, to serve retargeted ads to the visitor. ouuid_lu 1 year This cookie is used for serving the retargeted ads to the users. This cookie is used in association with the cookie “ouuid”. ov 1 year 1 month This cookie is set by the provider mookie1.com. This cookie is used for serving the user with relevant content and advertisement. PUBMDCID 3 months This cookie is set by pubmatic.com. The cookie stores an ID that is used to display ads on the users’ browser. pxrc 2 months The purpose of the cookie is to identify a visitor to serve relevant advertisement. remixlang 1 year 3 days 15 hours This cookie is set by the provider vk.com. This cookie is used for advertising purposes. rlas3 1 year The cookie is set by rlcdn.com. The cookie is used to serve relevant ads to the visitor as well as limit the time the visitor sees an and also measure the effectiveness of the campaign. stx_user_id 1 year The domain of this cookie is owned by the Sharethrough. This cookie is used for advertising services. TDCPM 1 year The cookie is set by CloudFlare service to store a unique ID to identify a returning users device which then is used for targeted advertising. TDID 1 year The cookie is set by CloudFlare service to store a unique ID to identify a returning users device which then is used for targeted advertising. test_cookie 15 minutes This cookie is set by doubleclick.net. The purpose of the cookie is to determine if the user’s browser supports cookies. tuuid 1 year This cookie is set by .bidswitch.net. The cookies stores a unique ID for the purpose of the determining what adverts the users have seen if you have visited any of the advertisers website. The information is used for determining when and how often users will see a certain banner. tuuid_lu 1 year This cookie is set by .bidswitch.net. The cookies stores a unique ID for the purpose of the determining what adverts the users have seen if you have visited any of the advertisers website. The information is used for determining when and how often users will see a certain banner. uid 2 months This cookie is used to measure the number and behavior of the visitors to the website anonymously. The data includes the number of visits, average duration of the visit on the website, pages visited, etc. for the purpose of better understanding user preferences for targeted advertisments. uids 2 months This cookie is set by Prebid Server. The cookies contains information that allows Prebid servers to distinguish between browsers and mobile devices. This information is then used to select advertisements delivered by the platform and measure the performance of the advretisement and attribute their payments. um 3 months Set by addthis.com.(Purpose not known) umeh 3 months The main purpose of this cookie is marketing. It is used to keep track of the users on multiple website inorder to show relevant advertisement based on the user behaviour. uuid 3 months To optimize ad relevance by collecting visitor data from multiple websites such as what pages have been loaded. uuid2 3 months This cookies is set by AppNexus. The cookies stores information that helps in distinguishing between devices and browsers. This information us used to select advertisements served by the platform and assess the performance of the advertisement and attribute payment for those advertisements. VISITOR_INFO1_LIVE 5 months 27 days This cookie is set by Youtube. Used to track the information of the embedded YouTube videos on a website.

Giovanni Ciacci lascia la tv, l’addio oggi: “Mi sono rotto!”, il motivo

giovanni-ciacci-lascia-la-tv,-l’addio-oggi:-“mi-sono-rotto!”,-il-motivo

Televisione

Lo stylist ha preso la sua decisione: non apparirà più in video e vuole sparire anche dai social. Cosa farà dopo la tv

Pubblicato su

Giovanni Ciacci vuole lasciare la televisione. Lo stylist è diventato anche opinionista nei salotti negli ultimi anni, ma dopo una lunga carriera in tv, dietro le quinte e davanti alla lucina rossa, ha deciso di dire basta. Ha comunicato la sua decisione oggi, durante l’ultima puntata di Ogni Mattina su TV8. Ultimissima per il programma, che potrebbe non tornare nella nuova stagione, ma ultimissima anche per le pagelle di Ciacci. L’opinionista ha ormai deciso e non è disposto a cambiare idea, su questo punto è stato chiaro. Il suo annuncio comunque ha spiazzato la conduttrice Adriana Volpe, che proprio non se lo aspettava così come i sostenitori di Ciacci.

Non aveva accennato a questa possibilità in precedenza, Giovanni Ciacci ha detto addio all’improvviso alla tv. Oggi Adriana Volpe ha annunciato le pagelle di Ciacci, la rubrica che teneva nel programma, dicendo che sarebbero state le ultime. Ma la Volpe ha parlato di “ultime pagelle” solo perché oggi è finito il programma, non immaginava che il suo commento si sarebbe trasformato in un assist per lo stylist. Eppure, Ciacci ha spiazzato dicendo che quello sarebbe stato l’ultimo ma proprio ultimo appuntamento con le pagelle. Perché pare sia stata anche la sua ultima apparizione in video:

“Io da oggi lascio la televisione. Basta! Mi sono rotto! Ormai è arrivato il momento dopo dieci anni, ho dato tutto quello che dovevo dare. Chiuso, stop. Da stasera stacco Instagram, Facebook, Twitter e non mi vedrete mai più in televisione. Te lo giuro, è la verità. Nessuno mi crede, sono giorni che lo dico”

In effetti Adriana proprio non credeva alle sue orecchie, infatti ha parlato di un vero e proprio colpo di scena. Ciacci non si è meravigliato della reazione della conduttrice, perché pare che nessuno creda al suo addio definitivo alla televisione. Ciacci ha detto che sono stati dieci anni meravigliosi per lui, così come lo sono stati i venti passati dietro le quinte. Ma ormai è stanco della tv. Il motivo? “Mi sono rotto”, ha detto semplicemente. La Volpe gli ha detto che è un privilegiato, dovrebbe ripensarci. Ciacci ha parlato di un vero inferno, invece:

“Per cosa? Per fare questo lavoro? Ma è un inferno! Questo lavoro è un inferno! Non lo voglio più fare, io voglio fare altro, coltivare pomodori, patate. […] Non ci ripenso. Cosa farò dopo? Ora sto due mesi in Sicilia, poi due in Egitto, poi vedremo quello che succede. La vita è lunga. Non riuscirai a farmi cambiare idea”

Quindi è passato a ringraziare uno per uno tutti i lavoratori in studio, poi ha fatto le sue ultime pagelle. Più avanti Adriana Volpe ha provato a parlare di possibili ripensamenti, ma niente da fare: Giovanni Ciacci non ne vuole più sapere della televisione. Non ha intenzione di ripensarci, insomma. Non ha escluso però che potrebbe tornare per qualche evento, purché sia qualcosa di straordinario.

Showbox Cannes Slate Brims With Korea’s Top Acting Talent

showbox-cannes-slate-brims-with-korea’s-top-acting-talent

“Parasite” star Song Kang-ho, who will be part of the main competition jury at Cannes Film Festival this year, will do double duty as the representative of Emergency Declaration, the Korean action drama film which plays out of competition. Song is joined in the cast of the film by two of Korea’s best actors Lee Byung-hun (“G.I.Joe,” “Ashfall”) and Jeon Do-yeon, who previously won the acting palme at Cannes for her role in “Secret Sunshine.”

The film involves a terror plot on board a plane from Seoul to Hawaii, but where the supposed terrorist is himself on board, puzzling a veteran detective who is investigating. When a man dies on board shortly after take off, the transport ministry tries to find a way to land the plane.

The film, directed by Han Jae-rim (“The King,” “The Face Reader”), heads the Cannes Market slate of producer-distributor Showbox. Pre-sales have secured the film distributors throughout Asia, and also Italin-speaking and German-speaking parts of Europe.

Other titles on Showbox’s flight plan include: another disaster-drama “Sinkhole” which sees the sudden subsidence of a house, which was launched at Busan last year; “fantasy-drama “Our Season,” in which an old lady is given remission from death and gets to spend an unexpected vacation with her adult daughter.

The slate is rounded off by “In Our Prime,” a drama about the rapport between a well-to-do misfit schoolboy and the school caretaker who is a math genius escaped from North Korea. The film charts their growing relationship and the elements from his past that threaten it. Choi Min-sik, another of Korea’s most acclaimed actors, stars as the caretaker.

optional screen reader

Malgioglio in tv con una sorpresa: è amore? Fans al settimo cielo | VIDEO

malgioglio-in-tv-con-una-sorpresa:-e-amore?-fans-al-settimo-cielo-|-video

Gli atteggiamenti da star gli sono propri da sempre, ed anche questa volta Cristiano Malgioglio non fa eccezione. Con lui c’è un bellissimo.

Ed ecco che pure Cristiano Malgioglio fa il proprio grande ritorno sulle scene. Arriva l’estate e pure la star siciliana irrompe in radio con una delle potenziali hit della bella stagione.

Cristiano Malgioglio
Cristiano Malgioglio Foto screenshot

Il titolo è “Todos Me Miran”, per una rivisitazione moderna di quello che in origine fu una canzone di Gloria Trevi.

Il videoclip ufficiale si è avvalso della presenza del bellissimo Michael Terlizzi, ex gieffino di lungo corso. Ma ci sono tanti altri bei maschi e lusso ovunque, proprio nello stile di Cristiano Malgioglio. Però è di Terlizzi che lui tesse le lodi, parlando di un volto pulito, giovane. Quasi come se ci fosse un debole per lui.

Proprio “Malgy” racconta l’esperienza vissuta nel girare questo video, parlando del divertimento vissuto e del significato intrinseco che stanno alla base del testo e della musica.

Questo è in tutto e per tutto un inno alla libertà, a fare quel che si vuole, con l’augurio che tutto questo possa durare per tutta la vita

Leggi anche –> Stefano De Martino, eroe del momento, ora si è superato: mai fatto prima

Le parole importanti che non bisogna trascurare

Dal cantante arrivano anche alcune importanti dichiarazioni che riguardano l’omofobia. Un qualcosa di odioso, che però nel suo caso non si è mai manifestato.

Di attacchi in tal senso Malgioglio non ne ha mai ricevuti, ma lui per primo è del tutto contrario a forme di odio come queste.

Lui manda un messaggio di solidarietà a tutti coloro che hanno dovuto sopportare qualcosa del genere. Il cantante reputa incomprensibili azioni di discriminazione e di odio basate sulla non accettazione di volere amare chi si vuole.

A suo avviso però i problemi nascono spesse volte dentro alle famiglie, in casa. Quando invece occorrerebbe il dialogo, servirebbe parlare e far vincere sempre l’amore e gli affetti su tutto.

Leggi anche –> Strage a Miami, crolla edificio di 12 piani: tante le vittime | VIDEO

Leggi anche –> Unomattina Estate, brutta sorpresa per il conduttore. L’ha preso anche lui, ora che succede?

Anche a livello politico si parla molto di questo. Ma certi personaggi anche molto in vista dovrebbero capire che essere omosessuali è un non problema. Una cosa che non nuoce a nessuno.

Ed anche un modo per misurare l’intelligenza e la tolleranza di alcuni: sono quest’ultimi che hanno bisogno di essere corretti, nel caso.

Britney Spears in tribunale contro la tutela del padre: “Sono infelice. Rivoglio la mia libertà”

britney-spears-in-tribunale-contro-la-tutela-del-padre:-“sono-infelice.-rivoglio-la-mia-liberta”

La cantante ha rotto il silenzio e parlato apertamente degli abusi che sostiene di avere subito dalla famiglia, in particolare dal papà Jamie, chiedendo di poter riprendere il controllo delle sue finanze e della sua vita

britney spears
(Foto: Instagram, @britneyspears)

Una serie di rivelazioni scioccanti. Abusi e privazioni della libertà personale. È quello che emerge dalla testimonianza pubblica resa in queste ore da Britney Spears nell’ambito del processo per confermare o revocare la conservatorship, una specie di tutela legale attualmente affidata al padre Jaime Spears e a Jodi Montgomery. Stabilita nel 2008 dopo il ricovero in una clinica psichiatrica, la conservatorship ha sostanzialmente privato l’artista della facoltà di decidere per sé delle sue proprietà e della sua attività musicale. Sono anni che i fan, attraverso il movimento #FreeBritney, denunciavano lo stato di cattività in cui si trovava la cantante, posizioni ulteriormente avvalorate dal recente documentario del New York Times Framing Britney Spears.

Lo scorso pomeriggio Spears ha parlato per la prima volta pubblicamente: “Ho detto al mondo intero che stavo bene ed ero felice: ma è una bugia”, ha dichiarato. “Non sono felice, non riesco a dormire. Sono così arrabbiata che quasi impazzisco, e sono depressa. L£ex popostar ha parlato ininterrottamente per quasi 24 minuti tanto che la giudice Brenda Penny ha dovuto chiederle più volte di rallentare per permettere le trascrizioni della deposizione. Britney Spears ha ribadito la volontà di “denunciare la famiglia”, rivolgendo soprattutto al padre l’accusa di aver amato tutte le imposizioni a cui l’ha sottoposta in questi anni.

“Non dovrei essere sotto tutela se posso lavorare, guadagnare e pagare altre persone. Le leggi dovrebbero cambiare”, ha insistito. “Tutto ciò che voglio è possedere i miei soldi, voglio che finisca tutto, e lasciare che il mio fidanzato mi accompagni nella sua fottuta macchina”. Il riferimento è a una serie di limitazioni a cui la donna è sottoposta, quali non potersi muovere se non accompagnata, non poter possedere un telefono… La rivelazione più agghiacciante: “Ho una spirale intrauterina che mi impedisce di rimanere incinta. Volevo farla rimuovere per provare ad avere un altro bambino, ma questo cosiddetto team mi impedisce di farlo”.

Vivian Thoreen, la legale di Jamie Spears, ha parlato per il suo assistito mantenendo la linea sempre sostenuta in questi anni: “È affranto di vedere sua figlia soffrire e stare così male. Il signor Spears la ama e le manca tantissimo”. Da parte sua Britney continua a sostenere di “volere indietro la sua vita”, supportata anche dalle centinaia di fan che si sono radunati fuori dal tribunale di Los Angeles per protestare in suo sostegno.

Pride, la docuserie sulle lotte (non ancora concluse) delle persone Lgbt+

pride,-la-docuserie-sulle-lotte-(non-ancora-concluse)-delle-persone-lgbt+

Arriva su Disney+ un documentario in sei parti che racconta sei decenni di battaglie lgbt+, dimostrando che queste rivendicazioni sono sempre esistite e devono sempre continuare

Dopo un anno di stop totale dovuto alla pandemia, il prossimo 26 giugno torneranno nelle principali città italiane, Roma e Milano, le manifestazioni del Pride, anche se quest’anno saranno – sempre per motivi di sicurezza – eventi stanziali piuttosto che parate colorate e movimentate. Anche se in queste settimane le persone Lgbt+ hanno manifestato in altre città e continueranno a farlo per tutta l’estate, questo weekend è particolarmente significativo perché si colloca storicamente nell’anniversario dei moti di Stonewall, avvenuti fra il 27 e il 28 giugno 1969, e considerati come il primo momento in cui la comunità Lgbt+ ha alzato la testa e risposto ai soprusi delle autorità. In effetti si pensa convenzionalmente che quella data sia stata la miccia che ha innescato i vari movimenti di rivendicazione che sono arrivati fino a noi oggi. Ma non è esattamente così.

A spiegarlo in modo molto efficace è una docuserie in sei episodi che s’intitola appunto Pride: si tratta di una produzione dell’americana Fx che arriva da noi invece in streaming dal 25 giugno su Disney+. È un documento molto importante perché ha una duplice funzione: poiché ogni episodio copre un diverso decennio, dagli anni Cinquanta ai Duemila, è un utile e sintetico ripasso della storia delle lotte e dei traguardi Lgbt+; dall’altro è anche un’utile problematizzazione della storia queer, perché se usualmente siamo abituati a pensare che il progresso dei diritti sia sempre una traiettoria lineare, questo documentario ci mostra come, negli Stati Uniti ma parallelamente anche altrove, molte rivendicazioni hanno trovato soddisfazione in alcune epoche per poi essere rimesse in discussione nelle successive, in un andirivieni a volte schizofrenico e legato al clima politico di turno.

In particolare i primi episodi ci aprono gli occhi su qualcosa che spesso sottovalutiamo: se un’organizzazione precisa dei movimenti Lgbt+ è nata veramente dopo Stonewall, non è altrettanto vero che prima le comunità Lgbt+ non esistessero. Gay, lesbiche, transessuali e altre persone queer sono sempre esistiti e, anzi, negli anni Cinquanta dopo la movimentazione massiccia e l’apertura al mondo dovuta alla seconda guerra mondiale potevano vivere una vita relativamente tranquilla, anche se molto privata. Ci pensarono poi le derive del maccartismo a innescare il cosiddetto Lavender Scare, la caccia alle streghe non più comuniste ma questa volta omosessuali. Ciò non toglie che, in un simile contesto, icone come Christine Jorgensen, considerata come la prima donna transgender negli Stati Uniti a sottoporsi a un intervento di riassegnazione sessuale e divenuta, a sorpresa di molti (e anche del nostro pregiudizio retroattivo), una star di tabloid e cabaret.

pride

Pride racconta grandi e piccoli traguardi, a volte molto pubblici e altre volte nascosti o dimenticati. Tutti per esempio conosciamo il leggendario discorso di Martin Luther King I Have a Dream, ma quasi nessuno sa che a dare una svolta al movimento per i diritti dei neri di King e soprattutto a organizzare quella famosa manifestazione a Washington nel 1963, in cui il discorso fu pronunciato, fu Bayard Rustin, uno degli attivisti più accesi e strategici del movimento di rivendicazione afroamericana, che aveva passato anni assieme a Gandhi a sperimentare i metodi di protesta pacifica, e che soprattutto era omosessuale (su di lui la casa di produzione di Michelle e Barack Obama sta preparando un biopic). Accanto a nomi perduti come il suo ci sono quelli di molti altri attiviste e attivisti, e spesso anche semplici cittadini, che si sono battuti per un movimento che da sempre è eterogeneo e spesso anche talmente frammentato da risultare quasi diviso.

In questi sei episodi, che ricalcano sessant’anni di storia, c’è spazio per grandi successi ma anche per altrettanto clamorose battute d’arresto, come la crisi dell’Aids negli anni Ottanta o il Don’t Ask Don’t Tell degli anni Novanta. Arriviamo però anche ai grandi risultati ottenuti negli scorsi decenni, con un aumento vertiginoso della rappresentazione Lgbt+ nei media, nello sport, nell’industria, ma anche con legami che hanno incrociato queste battaglie a quelle del femminismo o a quelle di altre minoranze, non ultime le grandi manifestazioni nel 2020 legati ai Black Lives Trans Matter. Piuttosto che rifarsi ai soliti cliché con cui spesso è raccontata la storia queer (le drag queen, la musica disco, la rivoluzione sessuale ecc., pur nominati), si vuole mostrare come l’avanzamento dei diritti Lgbt+ sia stato un difficoltoso processo organico che ha coinvolto (e ancora coinvolge, dati i risultati ancora da ottenere) tutta la società.

Nonostante i contenuti estremamente interessanti, va detto che Pride ha anche le sue idiosincrasie tecniche, dovute anche al fatto che ogni episodio della serie è stato affidato a un diverso o una diversa filmmaker Lgbt+: spesso quindi le scelte di stile sono poco omogenee, c’è chi rischia più di altri e qualche passaggio risulta meno cristallino o sagace della media. Infine preme fare un’avvertenza: questa produzione racconta sessant’anni di movimenti Lgbt+, certamente, ma lo racconta da un punto di vista esclusivamente americano, concentrandosi solo negli Stati Uniti.

Come in molte cose le rivoluzioni d’oltreoceano sono state poi importante anche qui da noi, costituendo un modello imprescindibile. Ciò non toglie che ci sia una storia Lgbt+ italiana, europea (ma anche africana, asiatica, latinoamericana ecc.) che andrebbe scritta in modo altrettanto sistematico. Gli esempi sono esempi, però, è già così si può capire quanta strada sia stata fatta finora e quanta ancora ce ne sia da fare. “Because of you, I know I exist“, si sente dire a un certo punto: Pride fa esattamente questo, ricordarci che ci sono state persone che hanno amato, sognato, combattuto e che spesso hanno dato la vita per rivendicare la loro libertà e consegnarla anche a chi è venuto dopo di loro. Senza storia non può esserci orgoglio.

Sara Affi Fella si è rifatta il seno: “Dopo il parto era…no comment”

sara-affi-fella-si-e-rifatta-il-seno:-“dopo-il-parto-era…no-comment”

Sara Affi Fella si è rifatta il seno dopo la gravidanza. L’ex tronista di Uomini e Donne è diventata mamma del piccolo Tommaso lo scorso settembre. Il piccolo, nato dall’amore con il calciatore Federico Fedato, oggi ha 8 mesi. Insieme alla sua famiglia in vacanza in Sardegna, Sara sfoggia uno splendido décolleté spiegando ai suoi follower la felicità di essersi sottoposta al ritocchino estetico: “Sì vero, anzi verissimo!”, ha confermato rispondendo alle domande su Instagram. “In gravidanza era aumentato tantissimo ! Tre taglie in più. Una volta partorito era diventato…no comment”, ha spiegato.

Sara Affi Fella mamma di Tommaso

Lo scorso settembre Sara aveva espresso su Instagram la gioia per essere diventata mamma per la prima volta del piccolo Tommaso. “Non riesco a trovare le parole per descrivere come mi sento”, aveva comunicato ai suoi follower. “Tutto il dolore svanisce ogni volta che io e tuo papà ti prendiamo tra le braccia. Sei la gioia, la speranza ed il mio punto di partenza. Oggi posso dire che sono grata alla vita. Grazie amore mio”. Il suo primo figlio, avuto insieme a Tommaso Fedato, è venuto al mondo a Caserta. Solo lo scorso marzo l’ex tronista aveva comunicato di essere incinta, raccontando di aver avuto non poche difficoltà durante i primi mesi di gravidanza. Il tutto però è stato sovrastato dalla felicità: “Da quel giorno tutto è cambiato”. 

È il primo figlio di Sara Affi Fella e Tommaso Fedato

Prima di diventare mamma per la prima volta, Sara Affi Fella ha passato un momento particolarmente tormentato della sua vita sentimentale, segnato dall’esperienza a Uomini e Donne. Nonostante la decisione di partecipare come tronista nell’edizione 2017-2018 e la sua scelta del corteggiatore Luigi Mastroianni infatti, dopo poco tempo si scoprì che Sara era ancora segretamente fidanzata con l’ex compagno Nicola Panico. Qualche mese dopo la scelta, il calciatore rivelò di essere stato sempre legato alla sua ex, obbligandola a prendersi le sue responsabilità. Così Sara decise di prendersi una pausa dal mondo della tv, allontanandosene definitivamente.

Unomattina Estate, brutta sorpresa per il conduttore. L’ha preso anche lui, ora che succede?

unomattina-estate,-brutta-sorpresa-per-il-conduttore.-l’ha-preso-anche-lui,-ora-che-succede?

Un imprevisto che non ci voleva per il conduttore di “Unomattina Estate” che è ormai alle porte: a rischio il debutto del giornalista.

Unomattina Estate brutta sorpresa per conduttore preso anche lui ora ora che succede

La nuova stagione di “Unomattina Estate” non sembra cominciare nella maniera migliore possibile. Tra pochi giorni avrà inizio il programma e subito la trasmissione deve far fronte a un imprevisto che di certo non ci voleva.

Infatti sono alcune settimane che uno dei due conduttori della trasmissione, che andrà in onda da lunedì 28 giugno alle ore 7.10, è costretto a lavorare da remoto con i collaboratori e con gli autori.

Inoltre, come riportato da TvBlog.it, sembra che il conduttore non sia riuscito ancora a mettere piede negli studi del contenitore mattutino di Rai 1.

Si tratta di una situazione sicuramente non semplice che potrebbe continuare anche quando andrà in onda il programma su “Rai 1”.

Scopriamo chi rischia di non debuttare in studio il prossimo lunedì.

Unomattina Estate, debutto a rischio per il conduttore

Stiamo parlando di Giammarco Sicuro, che insieme a Barbara Capponi sarà al timone della versione estiva di “Unomattina“.

Il giornalista sarebbe risultato positivo al Covid. La positività al Coronavirus gli potrebbe impedire il debutto in studio alla guida del programma, previsto per lunedì 28 giugno alle ore 7.10.

LEGGI ANCHE —> Flavio Insinna, l’ultimo gesto è una vera follia. “Nessuno è così pazzo da..”

Infatti, in caso di mancata negatività al tampone, a cui si dovrà sottoporre prossimamente, l’uomo potrà esordire lunedì prossimo al timone della trasmissione solo in collegamento con gli studi del contenitore mattutino di Rai 1.

La conduzione da casa di un programma televisivo non sarebbe una novità assoluta in Italia. La stessa cosa è avvenuta in precedenza ad esempio con Alessandro Cattelan, Monica Giandotti e Carlo Conti.

LEGGI ANCHE —> Temptation Island, il ‘dramma’ prima dell’inizio: drastica decisione di una coppia

Lunedì 28 giugno in studio invece si troverà la collega Barbara Capponi, giornalista del “Tg1“, che condurrà in presenza, assieme a Giammarco Sicuro, o in collegamento con quest’ultimo, la prima puntata di “Unomattina Estate”.