Autore: Francesca Sabella

19 of the Fastest-Selling Nordstrom Anniversary Sale Deals

19-of-the-fastest-selling-nordstrom-anniversary-sale-deals

Us Weekly has affiliate partnerships so we may receive compensation for some links to products and services.

It’s time, people! It’s time! The Nordstrom Anniversary Sale is officially open to all shoppers, and it’s a dream come true. There is one downside though. If the sale is open to everyone, that means everyone can shop…and claim the best pieces and exclusives before you can!

Top finds are already selling out left and right, so even though the sale lasts for a little while, you can’t wait too long to take advantage of these deals. We’ve found 17 incredible picks for you to shop, so let’s get to them, starting with our absolute favorites!

1. Our Absolute Favorite Leggings Pick — 34% Off!

nordstrom-anniversary-sale-faux-leather-leggings-spanx
Nordstrom

These bestsellers have thousands of reviews, and it’s not hard to see why. Their sleek, faux-leather material makes for an instant outfit upgrade, and because they’re Spanx, you know they’re going to be super flattering!

See it!

Get the Spanx Faux Leather Leggings (originally $98) for just $65 at Nordstrom for a limited time!

2. Our Absolute Favorite Skincare Pick — 39% Off!

nordstrom-anniversary-sale-nuface-facial-kit
Nordstrom

Nearly every skincare lover has had a NuFACE device on their wish list at some point. If you still have one on yours, this is your chance! This set comes with a mini Facial Toning Device, a FIX Line Smoothing Device, a gel primer and a smoothing serum!

See it!

Get the NuFACE Petite Facial Kit ($358 value) for just $219 at Nordstrom for a limited time!

17 More of the Fastest-Selling Nordstrom Anniversary Sale Deals

Our Favorite Sale Dress Picks — Up to 49% Off!

3. If you’re looking for an elevated version of a comfy T-shirt dress (Who isn’t?), then don’t miss out on this Charles Henry Midi T-shirt Dress!

4. It’s cute, it’s professional, it’s ultra-flattering — it’s the Tahari Asymmetrical Knot Sheath Dress!

5. Compliments are going to come flying your way in this Billabong Days in Paradise dress with its blouson sleeves and smocked bodice!

Shop all dresses in the Nordstrom Anniversary Sale here!

Our Favorite Sale Makeup Picks — Up to 38% Off!

6. Designer lashes, baby! Don’t miss out on two full-sized tubes of this Yves Saint Laurent Volume Effect Faux Cils Mascara. They come with such a cute case too!

7. Can’t decide between gloss and lipstick? With this MAC lip set, you don’t have to. It comes with a primer too!

8. If you have high-quality makeup but the application is iffy, upgrade to the best of the best: a beautyblender sponge set — plus two heart-shaped solid soaps!

Shop all makeup exclusives in the Nordstrom Anniversary Sale here!

Our Favorite Sale Top Picks — Up to 50% Off!

9. This CeCe crepe blouse is so pretty with its billowing lace sleeves!

10. This vintage-inspired, floral Treasure & Bond top has a drawstring waist for a flattering fit (and some added charm)!

11. We’re all about the mesh long-sleeve shirt trend right now, and Nordstrom’s very own Zella nailed it!

Shop all women’s tops in the Nordstrom Anniversary Sale here!

Our Favorite Sale Pants and Leggings — Up to 50% Off!

12. Apart from the Spanx leggings we listed above, these Zella Live In High Waist Leggings are a forever favorite for working out (and hanging out)!

13. We’re all about the wide leg look right now, and these Open Edit pants are some of the very best with their stretchy waistband and roomy pockets!

14. We wouldn’t forget about skinny jeans! These Joe’s Charlie Ankle Skinny Jeans are nice and comfy, and the ankle-length hems leave room for all types of footwear!

Shop all women’s pants and leggings in the Nordstrom Anniversary Sale here!

Our Favorite Sale Loungewear — Up to 45% Off!

15. Did you really shop the Nordstrom Anniversary Sale if you didn’t pick up anything from Barefoot Dreams? This CozyChic circle cardigan is a must for Us!

16. These Madewell Classic Sweatpants may be “classic sweatpants,” but they’re easily cuter than most basic pairs. We’d wear them out and about for sure!

17. We’re in love with the athleisure vibe of cropped hoodies, and this Champion sweatshirt is one of the coolest with its logo patch!

Shop all women’s loungewear in the Nordstrom Anniversary Sale here!

NAS-Jacket-Coat-Deals

19 Best Coat and Jacket Deals in the Nordstrom Anniversary Sale

Read article

Looking for more? Shop the entire rest of the Nordstrom Anniversary Sale here!

This post is brought to you by Us Weekly’s Shop With Us team. The Shop With Us team aims to highlight products and services our readers might find interesting and useful, such as face masks, self tanners, Lululemon-style leggings and all the best gifts for everyone in your life. Product and service selection, however, is in no way intended to constitute an endorsement by either Us Weekly or of any celebrity mentioned in the post.

The Shop With Us team may receive products free of charge from manufacturers to test. In addition, Us Weekly receives compensation from the manufacturer of the products we write about when you click on a link and then purchase the product featured in an article. This does not drive our decision as to whether or not a product or service is featured or recommended. Shop With Us operates independently from advertising sales team. We welcome your feedback at ShopWithUs@usmagazine.com. Happy shopping!

Università. Regione Veneto non può usare fondi Lea per formare medici ma può attivare corso laurea a Treviso e pagare i docenti

universita.-regione-veneto-non-puo-usare-fondi-lea-per-formare-medici-ma-puo-attivare-corso-laurea-a-treviso-e-pagare-i-docenti

Recovery Plan, ecco come saranno impiegati i fondi stanziati per la sanità

Venezia – La Regione Veneto non potrà usare fondi destinati all’erogazione dei Lea per pagare i docenti del Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia attivato a Treviso dall’Università di Padova, come aveva invece preventivato di fare per un totale di 1,57 milioni di euro l’anno.

La Corte costituzionale ha infatti accolto, parzialmente, il ricorso presentato la scorsa primavera dalla presidenza del Consiglio dei ministri, dichiarando incostituzionale l’utilizzo dei fondi destinati ai Lea per il pagamento dei docenti. Ciò detto, la Regione aveva il potere di definire l’attivazione del Corso universitario e può anche stanziare i fondi per il pagamento dei docenti, purché le risorse necessarie siano reperite in altro modo.

Il provvedimento regionale impugnato, infatti, non autorizza un incremento del numero di posti disponibili per la magistrale in medicina e chirurgia, ma si limita a sostenere l’attivazione del corso di laurea disposta dall’ateneo di Padova. Pertanto le questioni di legittimità costituzionale sollevate in merito dalla presidenza del Consiglio dei ministri non sono fondate.

Lo si apprende dalla sentenza 132/2021 del 12 maggio 2021, seguita all’udienza pubblica dell’11 maggio, depositata oggi e visionata dalla ‘Dire’.

Ultimi articoli pubblicati

Redazione InfoNurse

Informa Infermieri e OSS

Lo strano caso dell’uomo incastrato nel tempo che sta facendo IMPAZZIRE IL WEB

lo-strano-caso-dell’uomo-incastrato-nel-tempo-che-sta-facendo-impazzire-il-web
_rxuuid 1 year The main purpose of this cookie is targeting, advertesing and effective marketing. This cookie is used to set a unique ID to the visitors, which allow third party advertisers to target the visitors with relevant advertisement up to 1 year. ab 1 year This domain of this cookie is owned by agkn. The cookie is used for targeting and advertising purposes. am-uid 2 years This cookie is set by Admixer. The cookie is used to collect visitor behaviour from mutiple websites for serving them with relevant ads based on their preference. anj 3 months No description available. APIDTS 1 day This cookie is set by the provider Yahoo.com. This coookie is used to collect data on visitor preference and behaviour on website inorder to serve them with relevant content and advertisement. audience 1 year The domain of this cookie is owned by Spotxchange. This cookie is used for targeting and advertising. B 1 year This Cookie is used by Yahoo to provide ads, contents or analytics. CMID 1 year The cookie is set by CasaleMedia. The cookie is used to collect information about the usage behavior for targeted advertising. CMPRO 3 months This cookie is set by Casalemedia and is used for targeted advertisement purposes. CMPS 3 months This cookie is set by Casalemedia and is used for targeted advertisement purposes. CMRUM3 1 year This cookie is set by Casalemedia and is used for targeted advertisement purposes. CMST 1 day The cookie is set by CasaleMedia. The cookie is used to collect information about the usage behavior for targeted advertising. data-bs 1 year This cookie is provided by media.net. This cookie is used for targeting and advertising purposes. DSID 1 hour This cookie is setup by doubleclick.net. This cookie is used by Google to make advertising more engaging to users and are stored under doubleclick.net. It contains an encrypted unique ID. Gtest 1 year 1 month This cookie is used for collecting user behaviour and action on the website to optimize the website. It also helps Google Ads and Google Analytics to compile visitor information for marketing purposes. HAPLB5S This cookie is set by the provider Sonobi. This cookie is used to track the visitors on multiple webiste to serve them with relevant ads. i 1 year The purpose of the cookie is not known yet. id 1 year 1 month The main purpose of this cookie is targeting and advertising. It is used to create a profile of the user’s interest and to show relevant ads on their site. This Cookie is set by DoubleClick which is owned by Google. IDE 1 year 24 days Used by Google DoubleClick and stores information about how the user uses the website and any other advertisement before visiting the website. This is used to present users with ads that are relevant to them according to the user profile. IDSYNC 1 year This cookie is used for advertising purposes. KADUSERCOOKIE 3 months The cookie is set by pubmatic.com for identifying the visitors’ website or device from which they visit PubMatic’s partners’ website. KTPCACOOKIE 1 day This cookie is set by pubmatic.com for the purpose of checking if third-party cookies are enabled on the user’s website. lidid 2 years This cookie is used to collect data on user behaviour and interaction to make advertisement on the website more relevant. ljt_reader 1 year This is a Lijit Advertising Platform cookie. The cookie is used for recognizing the browser or device when users return to their site or one of their partner’s site. MarketGidStorage session This cookie is used to set an unique ID for the visitor which helps third-party advertisers to target the visitors with relevant advertisements. This facility is provided by the third party advertising hubs which provide real time bidding for the advertisers. mc 1 year 1 month This cookie is associated with Quantserve to track anonymously how a user interact with the website. mdata 1 year 1 month The domain of this cookie is owned by Media Innovation group. This cookie registers a unique ID used to identify a visitor on their revisit inorder to serve them targeted ads. muidn 16 years 7 months This cookie is used to set an unique ID for the visitor. This helps third party advertisers to serve the visitor with relevant advertisement. NID 6 months This cookie is used to a profile based on user’s interest and display personalized ads to the users. oo 5 years 5 days This cookie is set by the provider AddThis. This cookie is used for targeted advertising. It helps in knowing about the users that visit their webpages. ouuid 1 year This cookie is used to store the unique visitor ID which helps in identifying the user on their revisit, to serve retargeted ads to the visitor. ouuid_lu 1 year This cookie is used for serving the retargeted ads to the users. This cookie is used in association with the cookie “ouuid”. ov 1 year 1 month This cookie is set by the provider mookie1.com. This cookie is used for serving the user with relevant content and advertisement. PUBMDCID 3 months This cookie is set by pubmatic.com. The cookie stores an ID that is used to display ads on the users’ browser. pxrc 2 months The purpose of the cookie is to identify a visitor to serve relevant advertisement. remixlang 1 year 3 days 15 hours This cookie is set by the provider vk.com. This cookie is used for advertising purposes. rlas3 1 year The cookie is set by rlcdn.com. The cookie is used to serve relevant ads to the visitor as well as limit the time the visitor sees an and also measure the effectiveness of the campaign. stx_user_id 1 year The domain of this cookie is owned by the Sharethrough. This cookie is used for advertising services. TDCPM 1 year The cookie is set by CloudFlare service to store a unique ID to identify a returning users device which then is used for targeted advertising. TDID 1 year The cookie is set by CloudFlare service to store a unique ID to identify a returning users device which then is used for targeted advertising. test_cookie 15 minutes This cookie is set by doubleclick.net. The purpose of the cookie is to determine if the user’s browser supports cookies. tuuid 1 year This cookie is set by .bidswitch.net. The cookies stores a unique ID for the purpose of the determining what adverts the users have seen if you have visited any of the advertisers website. The information is used for determining when and how often users will see a certain banner. tuuid_lu 1 year This cookie is set by .bidswitch.net. The cookies stores a unique ID for the purpose of the determining what adverts the users have seen if you have visited any of the advertisers website. The information is used for determining when and how often users will see a certain banner. uid 2 months This cookie is used to measure the number and behavior of the visitors to the website anonymously. The data includes the number of visits, average duration of the visit on the website, pages visited, etc. for the purpose of better understanding user preferences for targeted advertisments. uids 2 months This cookie is set by Prebid Server. The cookies contains information that allows Prebid servers to distinguish between browsers and mobile devices. This information is then used to select advertisements delivered by the platform and measure the performance of the advretisement and attribute their payments. um 3 months Set by addthis.com.(Purpose not known) umeh 3 months The main purpose of this cookie is marketing. It is used to keep track of the users on multiple website inorder to show relevant advertisement based on the user behaviour. uuid 3 months To optimize ad relevance by collecting visitor data from multiple websites such as what pages have been loaded. uuid2 3 months This cookies is set by AppNexus. The cookies stores information that helps in distinguishing between devices and browsers. This information us used to select advertisements served by the platform and assess the performance of the advertisement and attribute payment for those advertisements. VISITOR_INFO1_LIVE 5 months 27 days This cookie is set by Youtube. Used to track the information of the embedded YouTube videos on a website.

La folle vita di John McAfee, da pioniere degli antivirus a perenne fuggitivo

la-folle-vita-di-john-mcafee,-da-pioniere-degli-antivirus-a-perenne-fuggitivo

Nel 1986 fiuta la grande opportunità economica della sicurezza informatica. Poi investimenti sbagliati, truffe e la fuga continua. Fino alla morte in carcere a Barcellona

John McAfee (Luis Echeverria, Photoshot/Ipa)
John McAfee (Luis Echeverria, Photoshot/Ipa)

È il 19 gennaio 1986 quando tramite floppy disk inizia a diffondersi in tutto il mondo il primo virus informatico della storia: Brain. Per John McAfee, all’epoca 41enne laureato in matematica e già attivo nel settore informatico, è un’illuminazione: chiama immediatamente un suo amico programmatore per spiegargli come dietro Brain si nasconda un’enorme opportunità economica. Dalla casa di McAfee a Santa Clara, California, i due iniziano a lavorare a un software in grado di contrastare i virus: VirusScan, un prodotto della neonata McAfee Associates.

All’epoca, il world wide web deve ancora essere partorito dalla mente di Tim Berners-Lee, ma i computer possono comunque comunicare tra loro tramite bulletin board, che consentono di accedere da remoto a un sistema centrale attraverso il quale scaricare e condividere risorse. È con questo mezzo che McAfee mette a disposizione il suo antivirus, con la convinzione che le aziende avrebbero pagato la licenza per utilizzarlo a livello professionale e proteggere i loro computer dalle nuovissime minacce informatiche. Ci aveva visto giusto: già nel 1990, John McAfee intasca qualcosa come 5 milioni di dollari all’anno. Il suo è il primo antivirus commerciale della storia, pioniere assoluto di un settore – quello della cybersicurezza – che oggi vale qualcosa come 156 miliardi di dollari (e in cui la società diventata nota solo come McAfee gioca ancora un ruolo importante).

È l’evento che dà una svolta alla vita di John McAfee, nato in Gran Bretagna nel 1945 ma trasferitosi in Virginia, Stati Uniti, già da bambino. A differenza di molti altri protagonisti della scena tecnologica, la sua vita è tutt’altro che facile: il padre è un alcolizzato che McAfee ha sempre accusato di innumerevoli e pesanti violenze contro il figlio e la moglie e che è morto suicida nel 1971. Da allora, raccontò McAfee all’edizione statunitense di Wired, “ogni giorno mi sveglio con lui. In ogni relazione che ho, è sempre di fianco a me. Ogni volta che non ho fiducia, è la causa di quella sfiducia

Dopo gli antivirus

Forse è anche questa generale diffidenza e irrequietezza a convincerlo a fare ciò che pochi imprenditori solitamente fanno: già nel 1994, solo due anni dopo la quotazione in borsa della società che porta il suo nome, McAfee si dimette dall’azienda, vende tutte le sue azioni, intasca 80 milioni di dollari e si imbarca in una serie di imprese informatiche che lasciano decisamente poche tracce rispetto all’azienda di antivirus, che nel 2010 verrà poi acquistata (e successivamente scissa) da Intel.

La fortuna economica di John McAfee ha però breve durata: dopo aver incassato i soldi dalla vendita delle azioni della sua creatura (che poi definirà essere diventato “il peggior software del pianeta”), nel 2008 perde quasi tutto: il suo patrimonio crolla da 100 a 4 milioni di dollari in seguito alla crisi finanziaria del 2008 e a una serie di investimenti sbagliati. È in seguito a questa vicenda che la sua vita prende una piega tra l’istrionico, l’assurdo e il criminale

Nel tentativo di sfuggire alle difficoltà economiche, McAfee si trasferisce infatti in Belize, piccolo stato centroamericano, dove – secondo la definizione del Guardian“coltiva un’immagine da boss a torso nudo delle medicine new age, sempre a rischio rapimento e con tanto di guardie del corpo armate e gangster sul libro paga”. Ma l’elenco delle pratiche illecite, bizzarre o immorali a cui si dedica McAfee richiederebbe un enciclopedia: nel 2012 viene messo in collegamento con la morte per colpi d’arma da fuoco del suo vicino Gregory Viant Faull, per la quale, anni dopo, verrà obbligato a pagare un risarcimento di 25 milioni di dollari da un tribunale della Florida. Risarcimento che si rifiuterà sempre di onorare, facendo sapere di non aver “mai versato un risarcimento per nessuna delle 37 cause che mi sono state intentate”.

Il tenore del personaggio si chiarisce anche tramite altri dettagli: all’epoca dei fatti, quando McAfee aveva già 67 anni, viveva con una ragazzina di 17, cosa di cui si vanterà in un documentario del 2016 affermando: “Ho molte fidanzate adolescenti, anche più di una per volta”. Secondo un giornalista che ha trascorso parecchio tempo con lui, ci fu persino un’occasione in cui, per dimostrare la sua tempra, giocò alla roulette russa schiacciando più volte il grilletto di una pistola carica puntata alla tempia. Dopo essere fuggito dal Belize per evitare un possibile arresto in seguito alla morte del vicino, finirà comunque in carcere in Guatemala per ingresso illegale e poi nel 2015, tornato negli Stati Uniti, anche in Tennessee, per guida in stato di ebbrezza e per possesso di armi da fuoco. 

La passione per le criptovalute

Ma come si guadagnava da vivere un personaggio del genere? È qui che entrano in gioco una delle più grandi recenti passioni di McAfee: le criptovalute. Dopo essere diventato un influencer del settore con un milione di follower su Twitter, sfrutta questa posizione per diffondere previsioni sempre più eccessive. La più celebre è quella del 2017, quando annuncia che i bitcoin raggiungeranno il valore di un milione di dollari entro il 2020, promettendo che se così non fosse stato “si sarebbe mangiato le palle in diretta tv” (rimangiandosi invece la promessa). Più in generale, però, McAfee usa la sua influenza per fare soldi. Un sacco di soldi. Secondo l’agenzia delle entrate, il pioniere della cybersicurezza ha guadagnato 23 milioni di dollari sfruttando la bolla delle criptovalute e delle Ico del 2017/18 e pubblicizzando su Twitter innumerevoli realtà del settore – più o meno truffaldine – sempre fingendo di esserne un disinteressato supporter.

Tra le imprese più ardite, però, ci sono sicuramente le svariate candidature a presidente degli Stati Uniti. Nel 2015 partecipa alle primarie del piccolo Partito Libertario in vista delle elezioni presidenziali dell’anno successivo, ma arriva terzo e ultimo. Nel 2019 ci ritenta centrando il suo programma sulle criptovalute e sulla avversione alle tasse, ma annuncia che la sua campagna elettorale procederà in esilio, visto che rischia di essere arrestato per evasione fiscale. Da lì viene avvistato in Venezuela, poi a Cuba (dove difende il comunismo facendo infuriare il Partito Libertario) e finisce nuovamente in manette mentre si trova sul suo yacht nella Repubblica Dominicana, accusato di avere a bordo armi di grosso calibro e munizioni.

Seguirne le tracce è difficile, dopo aver annunciato su Twitter, nel 2019, di non pagare le tasse da otto anni perché la tassazione è illegale, vive in costante fuga dagli Stati Uniti finché, nell’ottobre 2020, viene arrestato in Spagna su richiesta statunitense e sempre per evasione fiscale. Ed è proprio qui che, il 23 giugno 2021, John McAfee viene trovato morto (si ipotizza un suicidio, ma gli accertamenti sono ancora in corso) in un carcere vicino a Barcellona, poche ore dopo aver saputo che era stata accettata la richiesta di estradizione negli Stati Uniti, dove temeva – stando alle sue dichiarazioni – di dover passare tutto il resto della vita in prigione. A 75 anni, si conclude così la vita di un pioniere della cybersicurezza, ma la cui esistenza verrà probabilmente ricordata per essere stata di gran lunga la più incredibile, eccessiva, fuorilegge di tutta la storia della Silicon Valley.

“Con lui lo faccio volentieri”, Loredana Lecciso e Al Bano in crisi? Lei non nasconde nulla

“con-lui-lo-faccio-volentieri”,-loredana-lecciso-e-al-bano-in-crisi?-lei-non-nasconde-nulla

Loredana Lecciso rivela alcune curiosità sulla presunta crisi con Al Bano.

Loredana Lecciso è un personaggio televisivo noto principalmente per la sua relazione con il celebre cantante pugliese Albano Carrisi. La loro relazione è iniziata nel 1997 e nel 2001 è nata la primogenita Jasmine, seguita l’anno successivo da Albano junior, detto Bido.

Loredana Lecciso e Albano Carrisi (Screenshot Instagram)

Per Albano e Loredana non è stato tutto sempre rose e fiori. I due infatti hanno avuto alcuni momenti di litigio resi pubblici.

Come l’intervista nella quale il cantante dichiarava di essere contrario alla carriera televisiva della compagna, sottolineando di aver preferito una relazione lontana da riflettori e telecamere.

Le parole di Loredana Lecciso sulla presunta crisi di coppia con Albano Carrisi

Come alcuni sapranno tra la Lecciso e la ex moglie di Albano, Romina Power non scorre buon sangue. Ciò nonostante l’attuale compagna del cantante ha voluto precisare, dichiarando:

Conosco bene Romina e, in modo molto naturale, ho sempre insegnato ai miei figli a rispettarla perché è una donna che ha fatto parte della vita del padre. Io non odio Romina. Tutte queste rivalità, veleni e gli antagonismi non fanno parte di me. Sono fantasie, a volte anche divertenti, ma pur sempre invenzioni”.

LEGGI ANCHE–> Al Bano e Loredana Lecciso, storia al capolinea? Romina c’entra qualcosa

Proprio in merito, anche per via di alcune voci di corridoio, si era ipotizzato che la coppia stesse vivendo un periodo di crisi.

La loro relazione che dura ormai da 24 anni ha sempre resistito alle dicerie e alle fake news che sono circolate.

LEGGI ANCHE–> Al Bano, a chi andrà la tenuta di Cellino San Marco? Il figlio prediletto

Infatti dal 2019 sembrano aver ritrovato la serenità. In una recente intervista Loredana Lecciso ha infatti dichiarato:

Mi tiene in forma e con lui faccio delle passeggiate, mi accompagna volentieri. Devo perdere quattro chili e mi impegno a percorrere dieci chilometri al giorno. Quando cammino la sera vado a dormire più serena”.

La coppia ha sempre smentito tutti i rumors che avrebbero presunto una separazione tra i due.

Temptation Island, Filippo Bisciglia sconvolto: triste annuncio prima del via

temptation-island,-filippo-bisciglia-sconvolto:-triste-annuncio-prima-del-via

Un Filippo Bisciglia che si apre ai fans rivela loro quello che è stato un momento tremendo vissuto di recente: “Un dolore insopportabile”.

Il noto volto televisivo si è sempre fatto vedere in maniera sorridente e spensierata, il più delle volte accanto alla sua compagna, la bellissima Pamela Camassa.

Filippo Bisciglia
Filippo Bisciglia Foto da Instagram

Ma anche per lui c’è da fare i conti con momenti difficili e situazioni dolorose. Ed è proprio Filippo Bisciglia in persona a parlarne con gli ammiratori.

Lo fa pubblicando sul proprio profilo personale Instagram una immagine del passato, che avrà almeno tre decenni. Il 44enne romano rivolge una dedica ai suoi genitori, in particolare al padre.

E si fa vedere proprio da bambino assieme alla mamma ed al papà. Qui Filippo Bisciglia fa riferimento ad una dura lotta personale da dovere condurre:

Mi avete insegnato a lottare, a non mollare mai, a mettere il cuore in tutto ciò che si fa. Ora è con la stessa determinazione che dovremo affrontare questo momento difficile insieme. Papà ti amo. P.S. non amo parlare di cose private, questa volta l’ho fatto per farti una dedica pubblicamente

Leggi anche –> Grave lutto per Emilio Fede: l’addio straziante

Il conduttore di Temptation Island svela il suo dramma

Entrambi i genitori di Filippo Bisciglia hanno dovuto fare i conti con il Covid. Una situazione difficile, non solo per quanto riguarda la salute, che resta sempre la prima cosa da preservare.

Questa malattia riesce infatti a pregiudicare anche gli affetti, i rapporti umani, le normali dinamiche della famiglia. Perché chi viene colpito dal virus finisce con il doversi chiudere in casa per settimane.

E questo è quello che è successo ai signori Bisciglia. Che poi hanno ceduto il loro cane Molly a Filippo e Pamela. Il conduttore televisivo, che anche quest’anno sarà alle redini di “Temptation Island” a partire dal 30 giugno, riporta in particolare un aspetto.

Leggi anche –> Aurora Ramazzotti, la dolorosa confessione sul passato: il triste racconto

Leggi anche –> Belen Rodriguez si bagna, il costume bianco la tradisce

E cioè che sia lui che la Camassa si sono affezionati molto al quattrozampe, al punto da sentirlo come loro.

Quando è giunto il momento di restituirla alla mamma di Filippo, c’è stato come un dolore da distacco. Che si cura, come tutte le cose, con il tempo.

TedX Mirandola, un evento che racconta la vita nella terra del biomedicale

tedx-mirandola,-un-evento-che-racconta-la-vita-nella-terra-del-biomedicale

Prima volta in città per l’evento che diffonde idee e visioni in grado di cambiare il presente. Si parlerà di artificial intelligence, medicina, mobilità e cambiamenti sociali con protagonisti del territorio e expat eccellenti

L’intelligenza artificiale, la mobilità elettrica, le cure innovative in campo oncologico, vita e sentimenti tra fisico e digitale: sono temi fondamentali del nostro tempo, questioni vitali appunto. Il TedX Mirandola le mette al centro del suo appuntamento in programma il 3 luglio, all’insegna del tema Matters of lifeWired è media partner dell’evento.

È il primo Ted di sempre nel comune modenese che, assieme ad altre municipalità limitrofe, è noto come il territorio che ospita l’omonimo Distretto biomedicale che riunisce aziende grandi ma anche piccole e medie attive nel segmento.

Nel 2022 cadranno i 60 anni dai prodomi industriali del biomedicale mirandolese (la fondazione di Miraset, prima azienda del futuro distretto); la fase attuale è sicuramente una delle più stimolanti di sempre per le aziende del settore, in particolare le startup e le pmi innovative, pensando ai progressi tecnologici sul fronte della stampa 3D, della robotica, dei materiali avanzati, ecc.

Il tema conduttore dell’appuntamento mirandolese è Matters of LifeLe questioni di vita nel cuore della Biomedical Valley e sarà declinato nella classica modalità Ted, short conference per idee e storie che meritano di essere diffuse e divulgate, in grado di ispirare il pubblico e gli innovatori del futuro.

Matters of life ospiterà nove ospiti, dando voce a protagonisti ed eccellenze del territorio, con un aggancio al contesto che è peculiare degli eventi Ted independently organized: la vocazione industriale della città è definita in particolare dal biomedicale, dalla ricerca (Mirandola è sede del tecnopoloScience & Technology park for medicine) ma il modenese vanta primati in numerosi settori (automotive, food) ed esporta all’estero cervelli e talenti, come dimostra il parterre degli ospiti.

Interverrano al TedX mirandolese, Massimo Dominici, ordinario di oncologia medica presso l’ateneo di Modena e Reggio Emilia e membro di fondazioni scientifiche internazionali, racconterà l’evoluzione delle terapie cellulari; Maurizio Reggiani, Chief Technical Officer di Lamborghini, illustrerà gli scenari delle supercar elettriche; la ricercatrice Alessia Cavazza, originaria della città, parlerà di malattie rare e terapie geniche partendo dalla sua esperienza a capo di un team di ricercatori presso il Great Ormond Street Children’s Hospital. di Londra; Rita Cucchiara, direttrice del Laboratorio nazionali Cini, spiegherà gli scenari dell’artificial intelligence destinati a incidere sul prossimo futuro.

Ma vitali sono anche l’arte, il viaggio, la sessualità, lo sguardo sul mondo e la lotta a ogni forma di violenza: spazio quindi alla ballerina Chiara Malavasi; al fotografo giramondo Alessandro Bergamini; alla sex coach e co-founder dell’associazione Virgin & Martyr per l’educazione sessuale e socio-emotiva, Greta Tosoni; all’insegnante di inglese con vocazione social Norma Cerletti; all’avvocata e docente di criminologia Elisabetta Aldrovandi.

A ospitare l’evento, aperto al pubblico ma con numeri limitati, l’Auditorium Rita Levi Montalcini.

Reggio Calabria: aperte le iscrizioni al workshop “Le ceramiche di Seminara”

reggio-calabria:-aperte-le-iscrizioni-al-workshop-“le-ceramiche-di-seminara”

Reggio Calabria: aperte le iscrizioni al workshop “Le ceramiche di Seminara”. Sei giorni di attività presso le botteghe dei ceramisti

A partire da lunedì 28 giugno a sabato 3 luglio 2021, avrà luogo, presso Seminara, il workshop dal titolo “Le ceramiche di Seminara”, a cura di Saverio Manuardi, che vedrà la partecipazione dell’Esperto Chiara Fama Stefania Pennacchio e dell’artista visuale e multimediale Claudio Pieroni. I lavori si apriranno con la presentazione del progetto, la mattina di lunedì 28 giugno presso la sala consiliare del comune di Seminara a cui parteciperanno i ceramisti e il Sindaco. Con questo progetto, l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, Istituzione di alta formazione artistica diretta da Maria Daniela Maisano, avvia un percorso formativo, di tipo teorico-pratico, rivolto agli studenti e agli ex studenti (laureati da non più di 5 anni). I giovani impegnati nel workshop avranno l’opportunità di frequentare i laboratori di ceramica presenti nel Comune di Seminara, e sotto la direzione dall’artista Stefania Pennacchio coadiuvata dall’artista Claudio Pieroni, potranno conoscere le tecniche legate alla ceramica e ampliare le loro competenze tecnico-scientifiche e artistiche. L’evento si inserisce all’interno delle attività del “Laboratorio dello Stretto”, progetto diretto da Francesco Scialò, finanziato dall’intervento “Linee guida per le Istituzioni AFAM calabresi finalizzate al sostegno di interventi a valere sull’Azione 10.5.1 del POR Calabria FESR/FSE 2014-2020”. L’ Accademia ha predisposto una short list di adesioni a numero chiuso. Il workshop è gratuito, vitto e alloggio sono a carico dell’organizzazione. Per aderire basta contattare l’Accademia al seguente indirizzo mail: por.afamregione@accademiabelleartirc.it

A seguire alcuni cenni biografici sugli esperti.

Esperto Chiara Fama – Stefania Pennacchio

Artista che da 25 anni con impegno straordinario si dedica alla scultura ceramica, è nata a Varese da genitori calabresi, ha frequentato l’Istituto d’Arte (sezione ceramica) e l’Accademia di Belle Arti (sezione scultura) a Reggio Calabria. Sculture potentemente evocative, con rimandi antichi e contemporanei allo stesso tempo. Brucia nelle vene il sangue calabrese, mescolato dalle influenze della cultura giapponese nella tecnica della cottura della materia, che crea una mescolanza di citazioni e simbolismi senza confini spazio-temporali.

Esperto – Claudio Pieroni

Nasce a Civitavecchia (RM) nel 1959. Ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Roma, diplomandosi in Pittura nel 1984. Vive e lavora ad Amelia ed è Titolare della Cattedra di Pittura all’Accademia di Belle Arti, Istituzione di Alta Formazione Artistica.

Nel marzo 1994 crea con Simone Armelani e Carlo De Meo la rivista “APPARECCHIO”

2005 Il MAN presenta “APPARECCHIO”, a cura di C. Collu e A. Cuccu, MAN – Museo d’Arte Provincia di Nuoro.Dal 1995 lavora insieme con l’artista Martina Maria Riescher sotto il nome P&R ad un progetto intitolato “Città ideale”.

Curatore –  Saverio Manuardi

Docente di Tecniche della Modellazione Digitale presso l’Accademia BB.AA di Reggio Calabria.

Da responsabile ECTS per l’ufficio Erasmus ha la responsabilità di applicare il principio di trasparenza nei processi di apprendimento, insegnamento e verifica del profitto, facilitando la progettazione, erogazione e valutazione nei corsi di studio per gli studenti in mobilità internazionale. Ha maturato esperienze con sistemi hardware e software, in particolare con i sistemi operativi Windows e Apple OS, con programmi tridimensionali e Cad più avanzati, come Autodesk Maya, Autocad, Zbrush, Photoshop. Si dedica inoltre alla stampa 3d utilizzando diverse tipologie di stampanti.

Domenica In si rinnova, novità prossima stagione: Mara incontra la gente

domenica-in-si-rinnova,-novita-prossima-stagione:-mara-incontra-la-gente

Domenica in

Nel corso della conferenza sui nuovi palinsesti è stata rivelata una importante news sulla domenica con la Venier

Pubblicato su

Mara Venier è stata confermata a Domenica In nella prossima stagione Rai. Sebbene la conduttrice abbia più volte manifestato l’intenzione di lasciare il programma, alla fine non ce l’ha fatta. Tornerà anche nella stagione 2021-22 e con una importante novità. Tutto è stato svelato già nella giornata di oggi, in occasione della presentazione dei palinsesti Rai del prossimo autunno. La conferenza stampa, con tutti i direttori di rete presenti, si è conclusa da poco e in rete si parla solo di questo al momento. A proposito di Domenica In, Stefano Coletta ha svelato una importante novità in arrivo.

Come ha riportato il sito di Davide Maggio, c’è aria di cambiamenti a Domenica In. Il programma è reduce da stagioni di grande successo, zia Mara è diventata la regina della domenica e la novità in arrivo potrebbe confermare questo titolo anche per l’anno prossimo. Da anni ormai c’è un enorme affetto che lega il pubblico alla Venier e questo affetto potrebbe diventare protagonista della nuova Domenica In. L’anno prossimo, o meglio già a partire da dopo l’estate, Mara Venier si confronterà con le persone comuni.

Una novità molto importante che trasformerà il contenitore anche in un people show. Finora Mara ha incontrato e intervistato i personaggi famosi, nella nuova stagione invece avrà modo di parlare anche con il pubblico. Non si sa ancora in che modo nello specifico, probabilmente ci saranno dei temi da trattare con degli ospiti in studio. Su questo punto Coletta non si è sbilanciato, queste le sue parole:

“Domenica In tenterà un cambiamento di registro. Accanto alle interviste one to one arriveranno anche dei segmenti di people show in cui Mara si confronterà con gente comune”

Le interviste di Mara Venier ai personaggi famosi piacciono tanto al pubblico di Domenica In, inoltre sono spesso incontri divertenti e allegri. Insomma, la domenica con zia Mara piace molto! Si è creato inoltre un rapporto di grande affetto, tant’è che quando Mara ha vissuto un incubo a causa di un problema ai denti, ed è tornato in tv in lacrime, è stata inondata di messaggi di sostegno. Dopo la pausa estiva, Domenica In tornerà in onda il 19 settembre, sempre alle ore 14.

“È gay ma non lo sa”, Jessica Antonini spiega cosa voleva dire con la frase su Davide Lorusso

“e-gay-ma-non-lo-sa”,-jessica-antonini-spiega-cosa-voleva-dire-con-la-frase-su-davide-lorusso

Nelle ultime ore si è scatenata una vera e propria polemica attorno alle dichiarazioni di Jessica Antonini, l’ex volto di Uomini e Donne che, dopo la sua esperienza nel dating show in cui ha conosciuto quello che fino a qualche tempo fa era il suo partner, Davide Lorusso, ha dichiarato che il ragazzo era particolarmente distante nei suoi confronti e non ha escluso che lui potesse avere altri gusti sessuali. Questo, almeno, è quanto emerge dalla copertina del settimanale Nuovo, al quale la modella ha rilasciato l’intervista presa in esame. In poco tempo le sono arrivati insulti e messaggi minatori, tanto che ha dovuto spiegare nel dettaglio le sue affermazioni, oltre ad aver chiarito la questione con il direttore della testata Riccardo Signoretti.

Jessica Antonini prova a difendersi

È bastato che l’intervista circolasse qualche ora per scatenare l’ira delle fan che hanno subito aggredito Jessica Antonini, la quale in alcune stories pubblicate su Instagram, spiegando l’affermazione “È gay ma non lo sa” rivolta al suo ex ha poi aggiunto: “Si sa che i giornali devono fare sempre il titolo a effetto e appena vista la copertina mi sono sbrigata a sentire chi di dovere..non ho mai chiesto di scrivere così, soprattutto in copertina, mi è stato risposto che dentro è tutto spiegato”. Un modo per difendersi e far ragionare coloro che, immediatamente, hanno provato a denigrarla. C’è anche chi è intervenuto in sua difesa, dicendo che nell’intervista non c’è stata alcuna allusione all’orientamento sessuale di Lorusso.

La stoccata a coloro che l’hanno insultata

Jessica Antonini, dopo aver deciso di fare una diretta su Instagram per spiegare nel dettaglio quale fosse l’intento delle sue parole, ha condiviso un ulteriore chiarimento con i suoi follower, dove non è mancata una stoccata rivolta a tutti coloro che l’hanno aggredita senza conoscere la verità dei fatti. Questo è quanto ha scritto:

Specifico di essermi sentita con Riccardo Signoretti… E lo ringrazio per avermi tranquillizzata, in quanto in queste ore mi avete fatto terrorismo. Ragazzi un pochino più calmi, leggete la rivista, ho semplicemente raccontato la mia esperienza e parlando in riguardo a prima della “sparizione” ho raccontato che non c’erano problemi tra di noi se non il fatto che io sentivo sempre questa persona molto fredda e lontana anche dal punto di vista dell’intimità..nessuno ha accusato nessuno è un mio pensiero…può darsi che gli piaccia un altro tipo di donna, tutto può essere, io mi sono fatta la mia idea che non è affatto diffamatoria verso nessuno. P.s Poi però quando dalla mattina alla sera mi scrivete insulti pesanti e minacce di morte non battetevi il petto.