Autore: Marcello P

Minoli in Commissione Vigilanza, Giannetta: “continuare il sogno di Jole Santelli. La Calabria avrà il suo posto al sole”

minoli-in-commissione-vigilanza,-giannetta:-“continuare-il-sogno-di-jole-santelli.-la-calabria-avra-il-suo-posto-al-sole”

Minoli in Commissione Vigilanza, Giannetta: “faremo di tutto per portare avanti la visione di Jole e per sostenere il suo progetto di realizzare in Calabria il modello Campania”

“La Calabria avrà il suo “Posto al Sole” con studios di lunga serialità all’avanguardia”. Lo dichiara il presidente della Commissione speciale di Vigilanza, Domenico Giannetta (FI). “Faremo di tutto per portare avanti la visione di Jole e per sostenere il suo progetto di realizzare in Calabria il modello Campania, dove l’industria dell’audiovisivo è diventata la prima azienda di Napoli, con 8.500 addetti e dove non c’è famiglia in cui non ci sia qualcuno che vi abbia lavorato. Jole aveva scelto Giovanni Minoli – dichiara ancora Giannetta – che ha contribuito come pochi a fare la storia della televisione italiana, quale figura ideale per realizzare questo ambizioso progetto, attraverso la Calabria Film Commission. Ringrazio il commissario Minoli per la sua presenza in Commissione – dice il presidente – e per avere illustrato il suo programma per la Calabria. Che, come abbiamo ascoltato dalle sue parole, nasce dall’incontro con la visione, la forza e la vitalità di Jole Santelli, che gli ha chiesto di fare in Calabria quanto fatto a Napoli e Palermo, per amore della sua terra. Ringrazio inoltre Minoli – continua il Presidente – per avere accolto questa sfida e avere messo gratuitamente la sua professionalità a disposizione dei calabresi, che comprenderanno presto il valore di questo progetto. Anche in Campania “Un posto al sole” è nato in mezzo a critiche e contestazioni, ma i fatti hanno dimostrato, ben presto, che gli studios per la lunga serialità fossero un modello di sviluppo del Sud, per la capacità, dimostrata, di mettere in serie industriale i valori veri del Sud. La serie, inoltre, è divenuta, in 25 anni, la slot machine della Rai per incassi pubblicitari.

Lo stesso successo doveva essere replicato in Sicilia con “Agrodolce”, interrotta dopo 250 puntate, ci ha spiegato Minoli, per fatti compiuti dal produttore esecutivo scelto dalla Rai, nonostante fosse un successo sicuro, valutato a livello europeo modello di efficenza e redditività, con una ricaduta dell’investimento pari a 40 milioni, con il 160% in più rispetto all’investimento, con un risultato occupazionale da campionato europeo. Questo dobbiamo fare in Calabria – continua Giannetta – grazie all’audiovisivo, che è la nuova letteratura moderna popolare. Per realizzare questo progetto, la Regione Calabria ha intanto assegnato i lotti vicini l’aula bunker di Lamezia in una vasta area industriale. Ci vorranno 6-8 mesi per realizzare gli studi. Intanto l’equipe di scrittura, composta in prevalenza da calabresi, che si stanno formando sulla tecnica delle serie, è a già a lavoro sulle puntate e sulle sceneggiature ambientate in Calabria e tratte dalla vita vera. Nell’arco di un anno e mezzo – ci ha detto Minoli – si riuscirà a vedere qualcosa del prodotto. Sul punto della gestione, il neo direttore, Luciano Vigna, intervenuto in Commissione, ha chiarito che si potrebbe raggiungere, come Malta, il 100% della copertura del fabbisogno e che per il momento la Regione ha destinato 7 milioni per la realizzazione delle strutture, sono state individuate le aree che saranno oggetto di convenzione per il contratto ventennale di concessione delle stesse. Poi verrà redatto il piano fattibilità e il progetto sarà ripresentato in Giunta, con conseguente avvio al bando di gara con la SUAP regionale. Jole aveva pensato di proporre la lunga serialità a Mediaset, si vedrà con la nuova Giunta regionale cosa si determinerà. L’importante è – continua il presidente – non perdere di vista l’obiettivo e perseguire con forza quel sogno, che nasce da un amore profondo per la Calabria che è insito in noi e continua a ispirare le nostre scelte. Con la Calabria Film Commission – conclude Giannetta – potremo scrivere il futuro dell’audivisivo e formare le professionalità che potranno lavorare in tutto il mondo”.

‘The Deep House’ Directors Chat About Making the Blumhouse-Acquired Underwater Horror Film

‘the-deep-house’-directors-chat-about-making-the-blumhouse-acquired-underwater-horror-film

With “The Deep House,” the French director duo Julien Maury and Alexandre Bustillo have revamped the haunted house genre by shooting almost the entire film under water.

The buzzy title, which was produced by Radar Films with Logical Pictures and is releasing in French cinemas next week, caught the eye of Jason Blum’s horror film powerhouse Blumhouse. The company acquired U.S. rights to the indie film, and Epix will release it domestically.

Well-liked in the industry for their happy-go-lucky personality and sense of humour, Maury and Bustillo, who are both in their 40’s, have become the leading lights of a new wave of French horror cinema with their first two acclaimed features, “Livid” and “Inside,” which played at Cannes’ Critics Week.

“The Deep House,” which marks their follow up to “Leatherface” [“The Texas Chainsaw Massacre” prequel] revolves around a couple of YouTubers who go diving in a remote French lake and discover a house submerged in deep waters. Their adventure turns into a nightmare when they understand the house harbors atrocious crimes and find themselves trapped with hardly any oxygen left. Their presence has awakened a dark spirit haunting the house.

The movie is repped by Pulsar and XYZ. “The Deep House combines an amazing concept as well as massive technical challenges that were not made easier by the Covid pandemic,” said Pulsar Content’s co-founders Gilles Sousa and Marie Garrett. “The result is a great achievement from the whole team we cannot wait for the film to conquer international audiences,” said Sousa and Garrett.

The sales team at XYZ, meanwhile, said they “have been huge fans of Julien Maury and Alexandre Bustillo ever since they made their debut with the iconic ‘Inside,’ and (were) thrilled to have the chance to bring the film to audiences across America with partners as strong as Blumhouse and Epix.”

Maury and Bustillo are constantly brainstorming ideas and like to walk together for hours in the streets of Paris to come up with original concepts. The idea for “The Deep House” came out of their shared love for the aquatic universe and haunted house films. “We were drawn by the idea of combining these two sub-genres,” say the filmmakers.

“We just wrote down four sentences with our concept and illustrated it with a photo of a diver and Clément Miserez, our producer, went for it,” says Maury. Bustillo concurs, “he had the flair and the craziness to come on board with just this concept of aquatic horror film.”

But filming down there proved highly challenging. “Shooting a film underwater is like making a movie for the first time. All the technical aspects had to be done differently there, and it forced us to reinvent the mise en scene process and the way shots are organized,” says Bustillo.

“Every sequence under water takes three times longer to shoot than a sequence above it — even a shot reverse shot takes a long time to set up,” says Maury.

The helmers explain that directing the actors under the water presented another level of difficulty because they couldn’t be fully wired and “there’s no wifi down there,” points out Bustillo. “We had an engineer who took months to create a system where we had antennas placed in the water which were connected to one another. This unique system required us to work with unusual crew members and allowed us to see the dailies  on the monitors above water,” says Maury.

This unique process was “costly both financially and in terms of time,” says Maury. The production also got impacted by Covid-19. They had to go into lockdown and still had five more days to shoot underwater. The delay bumped the budget by 300K to 5 million euros. 

The pair explained that the house was built on large grids and progressively plunged into a nine-meter deep water tank that was 20 meters wide. Near the water tank was a warehouse where the decors were being fabricated. 

“We couldn’t leave the whole house in the water for days at a time because the decors would have been ruined, so we would immerse only parts of the house under water, and were shooting scenes floor by floor; we could only immerse one meter per hour, which represented six meters,” says Bustillo.

“The whole process was crazy, and we owe it to Jacques Ballard, who is a master of underwater filming. Ballard notably created Beyonce’s aquatic music video ‘Runnin,’” says Maury.

In order to create the muddy look of the water and give it some density, the directors said some food items, such as mashed Brussels sprouts, were thrown in it. Bustillo says he wanted the picture to be “beautiful as well as nightmarish.”

It was a risky shoot — having the actors and some of the crew go six-meter deep was very uncommon and difficult to insure. Maury and Bustillo were not allowed to go down there and were following the shoot across five or six monitors and four cameras. Directing actors who have their faces hidden by the diving masks was another unusual aspect. “We needed the actors to be able to let strong emotions be reflected in their eyes, which we found with Camille Rowe and James Jagger.” 

The prolific helmers also have “Kandisha” lined up. The movie had its world premiere at Stiges last year but had its theatrical release canceled due to the pandemic. It will come out on VOD and DVD/Blu Ray in July. An exorcism-themed movie, “Kandisha” is set during the summer break and revolves around a powerful and vengeful demon.

The pair works as a mini-studio and always have a several projects in the pipeline. Their movies ofter deliver twists on staple horror concepts. “We never put all our eggs in the same basket, we know it takes time to get a project greenlit and sometimes we can develop something for years in vain — we had eight projects in development when we signed ‘Kandisha’ and ‘The Deep House,’” says Maury.

The duo is currently in Paris promoting “The Deep House” and is working on three different projects. “We’re ready to dive back in soon in an exotic location,” they say.

The movie was produced by Miserez and Matthieu Warter at Radar Films, and co-produced by Logical Pictures, Apollo Films Distribution and Forecast Pictures, with support from Umédia.

optional screen reader

Expo Dubai, Calabria protagonista con Salvatores

expo-dubai,-calabria-protagonista-con-salvatores

Calabria, mancano 100 giorni dall’Esposizione universale. I video del regista premio Oscar saranno proiettati nel Padiglione Italia. Il presidente Spirlì: “la nostra è una terra di bellezze ed eccellenze”

A ormai 100 giorni dall’inaugurazione di Expo 2020 Dubai, entra nel vivo il percorso di avvicinamento della Calabria e delle altre regioni partecipanti all’Esposizione universale, primo grande evento globale dopo la pandemia. Prendono intanto il via le riprese nei territori italiani del regista premio Oscar Gabriele Salvatores, chiamato dal Commissariato per la partecipazione dell’Italia a Expo Dubai a narrare la Bellezza evocata fin dal titolo della partecipazione del nostro Paese: “La Bellezza unisce le Persone”.In queste settimane, lo sguardo e le troupe di Salvatores attraverseranno le 15 regioni che a Dubai porteranno le loro ricchezze culturali, paesaggistiche e storiche, oltre alle proprie tradizioni e alla capacità di innovare: le riprese verranno poi editate e infine proposte durante il semestre espositivo dall’1 ottobre al 31 marzo ai visitatori del Padiglione Italia. Il racconto costruito dal regista con le regioni partecipanti prevede una serie di contenuti altamente scenografici e d’impatto, che saranno visibili in due diverse sezioni del percorso del Padiglione Italia: il “Belvedere”, con proiezioni a 360 gradi dei paesaggi e dei luoghi più suggestivi, e il “Saper Fare” italiano, raccontato su uno schermo di 100 metri quadrati e capace di mostrare al visitatore il meglio delle “artigiane”, dell’agroalimentare, della meccanica, del design e dell’esercizio delle tecnologie più sofisticate. Nella nostra Regione le troupe di Salvatores racconteranno, per la sezione del “Belvedere”, il Parco del Pollino, con il suo Pino Loricato, il Parco archeologico “Scolacium” di Roccelletta di Borgia e l’affaccio e la basilica di Tropea; per la sezione del “Saper Fare” regionale, il Museo e la fabbrica della Liquirizia Amarelli, la produzione artigianale delle pipe del maestro Grenci di Brognaturo e il Centro per il restauro del Museo archeologico di Reggio Calabria.

“Ormai mancano poco più di tre mesi a Expo Dubai, un momento di rinascita globale nel quale la Calabria – dopo un anno e mezzo segnato dalle profonde ferite inferte da una pandemia che non ha gemelle nella storia dell’uomo – mostrerà al mondo le sue meraviglie culturali e naturalistiche, artigianali ed enogastronomiche. Questa straordinaria vetrina internazionale e l’arte magnifica di Salvatores ci permetteranno di rappresentare al meglio la nostra identità, che affonda le sue antichissime radici nella storia del Mediterraneo e di tutti quei popoli che qui hanno lasciato evidenti e sublimi tracce del loro passaggio. L’essere della Calabria è racchiuso nei suoi scorci più belli e famosi, ma anche in quelli più nascosti e misteriosi; ma la straordinarietà di questa terra si trova anche nei tanti prodotti unici e identitari, ormai diventati elementi preziosi e irrinunciabili tanto per chef stellati quanto per cultori dei prodotti bio, genuini e a chilometro zero. A 100 giorni da una manifestazione così importante, che segna un momento di svolta per tutta la comunità mondiale, mi auguro che, all’interno del “made in Italy”, il “made in Calabria” possa diventare al più presto la sezione più ricercata e apprezzata», dichiara il presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì.

“Mancano 100 giorni all’inaugurazione dell’Expo di Dubai! E io sto girando il nostro Paese per filmare, per questo progetto, il nostro “saper fare” italiano, le grandi e piccole cose meravigliose che sappiamo fare con le nostre mani: dagli scalmi delle gondole, alla pesca delle alici, dai tortellini fatti a mano ai componenti dei satelliti spaziali, dai vasi di vetro soffiato ai vini del Carso… e molto, molto altro! Ma anche documentando con telecamere, droni e macchine in grado di riprendere a 360 gradi le infinite bellezze della natura, della cultura e della storia del nostro Paese. Guardando i progetti del nostro Padiglione Italiano, sono sicuro che sarà una cosa straordinaria. Gli spazi che sono stati inventati e i materiali usati per realizzarli sono davvero magnifici. Credo, inoltre, che sia importante che, per la prima volta, un Paese arabo ospiti un’Esposizione universale, sperando che anche questo contribuisca a creare un vero scambio di sapere e di cultura tra i vari popoli di questo Pianeta», dichiara Gabriele Salvatores.

“Con la presenza di ben 15 Regioni – il più alto numero di regioni partecipanti mai registrato a una Esposizione Universale -, l’Italia porta a Expo Dubai la ricchezza e la bellezza dei suoi territori e dei suoi saperi. Le Regioni che hanno aderito saranno partner artistici del Padiglione italiano, realizzandone i contenuti e poi animandone le iniziative e gli eventi per l’intero periodo espositivo, da ottobre fino a marzo del prossimo anno”, afferma Paolo Glisenti, commissario generale per la partecipazione dell’Italia a Expo 2020 Dubai.

“Una presenza, quella delle Regioni, decisiva non solo per rilanciare il turismo, a cominciare da quello esperienziale, ma anche per far crescere l’attrazione dei capitali esteri verso le filiere d’impresa territoriali, dalla grande industria alle pmi innovative, alle start up e all’artigianato, anche con l’obiettivo di attirare i migliori talenti e le migliori competenze internazionali verso l’offerta formativa e progettuale delle università e nei centri di ricerca che operano in questi territori”, ha aggiunto. “La maestria di Gabriele Salvatore narrerà il saper fare italiano raccontando quelli che io chiamo i “beni culturali viventi”. Nell’installazione del Belvedere al Padiglione Italia a Expo Dubai il paesaggio italiano come non l’avrete mai visto, a 360 gradi», spiega il direttore artistico Davide Rampello.

Alla Calabria e alle altre 14 Regioni aderenti al progetto (il più alto numero che l’Italia abbia mai portato ad una Esposizione universale fuori dal nostro Paese), è inoltre dedicata un’intera sezione del sito del Padiglione Italia (https://italyexpo2020.it/le-regioni-a-expo-dubai/): uno spazio aggiornato quotidianamente con i contenuti che arricchiscono l’esperienza dei territori italiani a Expo Dubai nella quale in maniera semplice e intuitiva sarà possibile conoscere tutte le notizie relative alle Regioni coinvolte e consultare le pagine dei loro siti istituzionali dedicate all’Esposizione universale.

Note

Expo 2020 Dubai è la prima Esposizione universale a svolgersi in un Paese arabo. Il suo claim è “Connecting minds, creating the future”, “Connettere le menti, generare il futuro”. È prevista la partecipazione di 192 Paesi, ognuno con il proprio Padiglione. Il Padiglione dell’Italia (Architetti: Carlo Ratti, Italo Rota, Matteo Gatto e F&M Ingegneria) sarà un innovation hub, un sito dalla struttura innovativa, ispirato ai più avanzati elementi di sostenibilità e di economia circolare. È realizzato con il contributo di aziende partner – grandi, medie e piccole – chiamate a fornire le migliori componenti costruttive, impiantistiche, tecnologiche e scenografiche, capaci di dimostrare le competenze più innovative impegnate oggi nella sostenibilità, nell’economia circolare, nell’architettura digitale. Il Padiglione italiano si estende su una superficie di 3.500 metri quadri e si eleva su quasi 27 metri di altezza: è coperto da tre grandi scafi rovesciati pitturati in verde, bianco e rosso che formano il tricolore più grande della storia del Paese. È situato in una posizione centrale, a poca distanza da quello degli Emirati Arabi Uniti, degli Usa, della Germania e di Israele sulla cosiddetta “cultural spine” del grande sito di Expo Dubai. Lo scorso 27 aprile si è svolto presso il cantiere del il Padiglione Italia una cerimonia in diretta televisiva e seguita dai maggiori media internazionali per il varo degli scafi e per lo svelamento al suo interno della ri-produzione in scala 1 a 1 del David di Michelangelo, già descritto dalla stampa locale come una delle principali ragioni per visitare l’Esposizione Universale di Dubai.

Paura per Elisabetta Gregoraci: “Un ladro in casa. L’ho inseguito e Nathan ha chiamato la polizia”

paura-per-elisabetta-gregoraci:-“un-ladro-in-casa.-l’ho-inseguito-e-nathan-ha-chiamato-la-polizia”

Paura per Elisabetta Gregoraci. La showgirl si era allontanata da casa per andare a prendere Nathan Falco a scuola. Quando è rientrata, insieme al figlio e alla tata, ha trovato un ladro in casa. L’abitazione sembrerebbe essere quella di Monte Carlo. Gregoraci ha raccontato quegli attimi di terrore in una serie di Instagram Stories. Secondo quanto sostiene, lei stessa avrebbe inseguito il ladro – che poco prima avrebbe aggredito la tata – poi Nathan ha chiamato la polizia. L’uomo sarebbe stato arrestato.

Ladro nella casa di Elisabetta Gregoraci

Elisabetta Gregoraci, su Instagram, ha condiviso il racconto della disavventura vissuta. La showgirl ha riportato con dovizia di particolari, quale sarebbe stata la dinamica dell’accaduto. La prima a imbattersi nel ladro sarebbe stata la tata. L’uomo l’avrebbe aggredita, poi sarebbero intervenuti Elisabetta Gregoraci e il figlio Nathan Falco:

“Oggi sono andata a prendere Nathan a scuola e mi sono trovata un ladro in casa. È stata una giornata abbastanza movimentata e difficile. Ci siamo spaventati tutti. Non so con quale freddezza sono riuscita a inseguire il ladro e a fare dei video. Grazie a Dio il ladro è stato catturato, è stato arrestato. Nathan ha avuto la prontezza di chiamare la polizia. Purtroppo il primo incontro con il ladro l’ha avuto la mia tata. Questo personaggio ha cominciato a tirarle calci, ad aggredirla. Grazie a Dio sta bene ma ci siamo molto spaventati. Quindi Nathan ha chiamato subito la polizia che è arrivata dopo pochi minuti. Ho inseguito il ladro urlando e l’ho messo all’angolo. Il ladro ora è in prigione dove è giusto che sia. È stata una giornata dove siamo tutti un po’ scombussolati, ma adesso ve lo posso raccontare con il sorriso perché grazie a Dio stiamo tutti bene e tutto è passato”.

Nathan Falco ha difeso la sua mamma: le parole di Elisabetta

Elisabetta Gregoraci, poi, ha pubblicato una foto con Nathan Falco e ha espresso tutto l’orgoglio per suo figlio che ha avuto la prontezza di chiamare subito la polizia: Il mio campione che ha protetto la sua mamma e tutti. Ti amo Nathan Falco Briatore. Insomma, è stata una giornata decisamente difficile per la showgirl, che intendeva condividere con i fan le belle notizie che riguardano Battiti Live, ma si è ritrovata a dover raccontare questo brutto episodio.

Sociale e sanitario vicino ai cittadini: infermieri e assistenti sociali insieme a 360° per garantire la vera prossimità

sociale-e-sanitario-vicino-ai-cittadini:-infermieri-e-assistenti-sociali-insieme-a-360°-per-garantire-la-vera-prossimita

“Non basta soddisfare un bisogno, servono progetti multiprofessionali per rispondere alla salute, al benessere, delle persone”, così i presidenti della Federazioni degli infermieri, Barbara Mangiacavalli  e dell’Ordine degli Assistenti Sociali, Gianmario Gazzi.

I direttivi del Cnoas e della Fnopi si sono incontrati a Roma per definire una linea di azione che metta in risalto le peculiarità anche comuni delle due professioni e sia a solo ed esclusivo vantaggio del cittadino assistito.

“Questo è importante – hanno commentato i presidenti – non soltanto sul piano strategico delle riforme, ma nella vita di ogni giorno. Infermieri e assistenti sociali dimostrano, nella loro capacità di prendere in carico le persone su livelli multidimensionali,  una visione deontologica, disciplinare ed etica molto vicina”. 

Da anni, hanno commentato si assiste a un depotenziamento della componente sociale in sanità che accomuna infermieri e assistenti sociali.

Il rapporto sulla Salute mentale del Ministero della Salute, per esempio, conferma un trend negativo. Tra il 2016 e il 2018 (ultimi dati disponibili) il personale si riduce di oltre 5.000 unità e , purtroppo il saldo negativo riguarda tutte le professioni psichiatri, psicologi, infermieri, terapisti della riabilitazione psichiatrica e assistenti sociali.



“Senza professionisti non possiamo rispondere a chi si rivolge a noi”, spiegano.

Infermieri e assistenti sociali hanno analizzato azioni mirate per uniformare la formazione continua e la policy delle due professioni, molto vicine tra loro per visione, valori, obiettivi, capacità di rispondere a modelli di salutogenesi che non sono solo biomedici. 

Nelle Case delle comunità che il PNRR indica come principali snodi di prossimità sul territorio, ci devono essere équipe multidisciplinari con direzioni e coordinamenti contendibili, appannaggio di tutte le professioni sanitarie.

“Mai come adesso e soprattutto nel territorio – hanno affermato – la peculiarità delle azioni, delle valutazioni, delle risposte devono prevedere direzioni e management trasversali dove le diverse professioni sono un valore imprescindibile. E in questo senso è ancora più importante trovare sinergie sui tavoli dove siamo presenti insieme per rispondere correttamente ai bisogni del cittadino”.

Nell’incontro è stata evidenziata la necessità di rendere operativa la visione integrata sociosanitaria, troppo teorizzata e poco attuata.

Il cittadino oggi deve ricomporre per proprio conto questa mancanza, senza aiuti o percorsi chiari, bussando a cento porte diverse. E questo non è più sostenibile.

Perciò è necessario valorizzare l’assistente sociale  e l’infermiere di famiglia e comunità nei percorsi previsti dal PNRR. 

“Tutta l’area della non autosufficienza, della disabilità, della cronicità – hanno concluso i presidenti Mangiacavalli e Gazzi – non ha mai visto un modello di riferimento univoco efficace ed efficiente. Questi non sono bisogni che scopriamo oggi, ma necessità antiche a cui non siamo mai stati capace di rispondere. E questo è il momento storico per farlo. Perciò la sinergia infermieri / assistenti sociali diventa preziosa e fondamentale”.

Ultimi articoli pubblicati

Ghanese armato di coltello crea il caos alla stazione Termini, la polizia spara per fermarlo [VIDEO]

ghanese-armato-di-coltello-crea-il-caos-alla-stazione-termini,-la-polizia-spara-per-fermarlo-[video]

Immigrato roma

Roma: l’episodio è accaduto ieri sera intorno alle 19 nei pressi dell’uscita della stazione di via Giolitti

Panico nei pressi della stazione Termini a Roma dove un immigrato ghanese di 44 anni armato di un coltello ha creato il caos tra la gente. L’uomo è stato fermato dalla polizia: un agente ha esploso un colpo di pistola mirando a parti del corpo non vitali. L’allarme è partito con la segnalazione da parte di un dipendente delle Ferrovie dello Stato ai militari dell’esercito e alla PolFer di presidio a Termini.

Il ghanese è stato trasportato in ospedale

Il 44enne ghanese dopo essere stato colpito da un colpo di pistola è stato e trasportato in codice rosso al Policlinico Umberto I d Roma. A quanto si apprende, il proiettile avrebbe trapassato l’inguine dell’uomo fuoriuscendo dal gluteo. L’uomo non è in pericolo di vita. In basso il VIDEO completo.

Immigrato ghanese crea il panico a Roma, la polizia spara per fermarlo [VIDEO]


ELEZIONI USA: SEGRETARIO DI STATO DELLA GEORGIA CONFERMA BROGLI PER POSTA. S’indaga ma il danno a Trump è fatto!

elezioni-usa:-segretario-di-stato-della-georgia-conferma-brogli-per-posta.-s’indaga-ma-il-danno-a-trump-e-fatto!

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Fonte originale: articolo di Gospa News

Original English version here

«Hanno abrogato le tutele statutarie contro le frodi che gli osservatori responsabili raccomandavano da tempo per il voto per corrispondenza, e (2) lo hanno fatto in un modo che prevedibilmente conferiva un vantaggio di parte a un candidato alle elezioni presidenziali. Tali accuse sono serie e giustificano il riesame di questa Corte. In primo luogo, la proposta di legge sui reclami sostiene che gli attori non legislativi in ​​Pennsylvania, Michigan e Georgia abbiano abolito o indebolito unilateralmente i requisiti di verifica della firma per le schede inviate per posta. Sostiene che il Segretario di Stato 17 della Pennsylvania abbia abrogato l’obbligo legale di verifica della firma della Pennsylvania per le votazioni per corrispondenza in una soluzione “amichevole” di una causa intentata da attivisti».

È quanto scrissero 17 procuratori generali di altrettanti Stati Usa nel loro caso depositato, mercoledì 9 dicembre, alla Corte Suprema in relazione alle presunte violazioni che si sarebbero verificate durante le elezioni presidenziali del 3 novembre scorso in quattro “Stati Swing”, ovvero in bilico, (Georgia, Pennsylvania, Michigan e Wisconsin) fondamentale per l’assegnazione dei Grandi Elettori che, secondo i risultati finora certificati, avevano consentito la proclamazione ufficiosa di Joseph Biden a presidente eletto.

La segnalazione di presunti brogli elettorali, ripetutamente denunciati dall’allora presidente Donald Trump che per tale motivo fu più volte oscurato da Twitter, assume oggi una macroscopica importanza alla luce dell’ammissione del Segretario di Stato della Georgia che rivela un fatto assolutamente incredibile.

In 5 lotti di voti per posta, Trump, il suo sfidante democratico Joseph Biden poi proclamato eletto, e un altro candidato hanno raccolto lo stesso identico numero di voti. Una circostanza ritenuta impossibile dal funzionario georgiano che ha annunciato nuove indagini sebbene nel novembre scorso avesse smentito il sospetto di anomalie nelle lezioni presidenziali.

La notizia è riportata con grande risalto da Sputnik International, netowork finanziato dal governo russo, ma si basa proprio sui Tweet lanciati dal Segretario di Stato della Georgia, Brad Raffensperger, sul suo profilo ufficiale.

Questa vicenda con ogni probabilità non sarà sufficiente a mettere in discussione la nomina di Biden a presidente degli Stati Uniti in quanto è stata confermata dal Congresso. Ma potrebbe minare la fiducia degli americani nel sistema elettorale e anche nella Corte Suprema che si rifiutò di analizzare la denuncia di 17 procuratori generali di Stato (poi diventati 18) sui presunti brogli. Ciò può contribuire a sollevare nuove polemiche tra i fedelissimi di Trump dopo le aspre polemiche sulla presunta manipolazione del sistema di voto Dominion (finanziato dalla fondazione di Bill Clinton e adorato dall’amministrazione di Barack Obama nonostante il rifiuto di molti stati repubblicani come il Texas che lo riteneva facilmente alterabile).

di Sputnik International

Cinque lotti consecutivi di schede elettorali per corrispondenza dalla più popolosa contea di Fulton hanno mostrato sospettosamente lo stesso conteggio di 392 voti per Biden, 96 Trump e 3 per il candidato libertario Jo Jorgensen, che i funzionari statali hanno ammesso essere statisticamente impossibile.

Il massimo funzionario elettorale dello stato americano della Georgia ha riconosciuto irregolarità di voto nella capitale dello stato, sette mesi dopo le elezioni presidenziali. Le rivelazioni di questa settimana hanno spinto il Segretario di Stato della Georgia, Brad Raffensperger, a ordinare una nuova verifica di decine di migliaia di schede raccolte dalle cassette postali nella contea di Fulton, che copre il 90% della capitale dello stato Atlanta e il cui milione di abitanti rappresenta un decimo della popolazione dello stato. Joe Biden è stato dichiarato il vincitore dei 16 voti del collegio elettorale dello stato con un margine sottilissimo di circa 12.000. Donald Trump aveva affermato che i brogli elettorali sistematici in sei stati con la copertura del voto per corrispondenza massicciamente ampliato lo aveva derubato della legittima vittoria.

New revelations that Fulton County is unable to produce all ballot drop box transfer documents will be investigated thoroughly, as we have with other counties that failed to follow Georgia rules and regulations regarding drop boxes. This cannot continue.

— GA Secretary of State Brad Raffensperger (@GaSecofState) June 14, 2021

“Questa è una notizia molto importante. La gente sta iniziando a vedere la luce. Ottimo per l’America!” Trump ha detto in una breve dichiarazione giovedì in risposta ai tweet di Raffensperger.

Mentre Raffensperger nega ancora che la frode elettorale abbia influenzato le elezioni per Biden, ha chiesto il licenziamento del direttore delle elezioni della contea di Fulton, Richard Barron.

“Ho continuato a chiedere al direttore delle elezioni di essere rimosso dalla sua posizione, e la leadership della contea di Fulton ha continuato a non agire”, ha detto Raffensperger a Just the News mercoledì. Barron era stato precedentemente licenziato dal Board of Registration and Elections della contea a febbraio, ma è stato reintegrato il mese successivo dai commissari di contea

L’audit potrebbe avere implicazioni più ampie che minare la legittimità di Biden come presidente. Le elezioni di novembre hanno visto anche i candidati democratici Jon Ossoff e Raphael Warnock appena eletti come due senatori dello stato in un controverso ballottaggio contro i repubblicani. La loro elezione ha consegnato ai Democratici 50 dei 100 seggi al Senato: una maggioranza effettiva, poiché il vicepresidente Kamala Harris detiene il voto decisivo. Insieme al governatore della Georgia Brian Kemp, Raffensperger aveva negato pubblicamente le affermazioni di Trump di brogli elettorali nelle elezioni del novembre 2020, ottenendo l’approvazione dei media mainstream liberali.

Le dichiarazioni di Raffensperger

Venerdì, Raffensperger ha annunciato che più di 100.000 persone sarebbero state rimosse dalle liste elettorali in tutto lo stato – circa 18.000 di queste persone erano decedute, mentre il resto aveva informato le autorità che si erano trasferiti dallo stato o aveva ricevuto la posta ufficiale dal loro indirizzi elencati.

“Queste persone non vivono più in Georgia. Poi ci sono 18.000 persone che sono passate”, ha detto a Channel 2 di Atlanta. “Quindi non voteranno più. Devi avere liste elettorali accurate e un’adeguata manutenzione delle liste. Aiuta anche i direttori elettorali della tua contea”. Ma le organizzazioni per i diritti civili nello stato hanno affermato di temere che la mossa fosse un’epurazione degli elettori.

“Abbiamo già avvocati in standby, io sono in standby, nel caso in cui dovessimo avviare un contenzioso”, ha affermato Gerald Griggs dell’Atlanta NAACP. “Quindi guarderemo questo e risponderemo se riteniamo che gli elettori siano stati privati ​​dei diritti umani”. Il NAACP ha già lanciato una sfida legale alla nuova legge del legislatore statale della Georgia che richiede agli elettori di produrre un documento di identità con foto, che è stata approvata in reazione alle irregolarità percepite nelle elezioni dello scorso anno.

“Il tentativo velato di annullare i progressi che abbiamo compiuto per autorizzare i georgiani – a usare la loro voce nel processo democratico – crea una legge arbitraria che non migliora la fiducia degli elettori, non garantisce l’integrità delle elezioni né aumenta l’accesso alle urne”, ha dichiarato a marzo il leader reverendo James Woodall.


Segui Database Italia su Google News: Database Italia


Omicidio Desirée Mariottini, arriva la sentenza. La madre rilancia: “Non basta”

omicidio-desiree-mariottini,-arriva-la-sentenza.-la-madre-rilancia:-“non-basta”

Ieri in Corte d’Assise a Roma è arrivata una comunicazione che ha lasciato la famiglia della vittima in pieno sconforto. Il dramma non ha fine.

Barbara Mariottini
Barbara Mariottini in Corte d’Assise (Foto dal web)

Ieri è stata una giornata molto intensa per la cronaca italiana. Si è infatti svolta la sentenza relativa l’omicidio della giovane Desirée Mariottini, la 16enne di Cisterna di Latina trovata senza vita il 19 ottobre del 2018 in uno stabile abbandonato in via dei Lucani, nella periferia di Roma.

Il tribunale ha sentenziato in modo aspro la violenza di gruppo e l’omicidio per gli accusati in questo tragico fatto di sangue. Due le condanne all’ergastolo, una a 27 anni e l’altra 24 anni e sei mesi.

Uno dei quattro condannati però tornerà a breve in libertà per “scadenza dei termini di custodia cautelare”. La mamma di Desirée non ci sta a questa sentenza ignobile che ridicolizza quanto subito dalla figlia tre anni fa.

Omicidio Desirée: le parole della mamma sono taglienti

Ieri la Corte d’Assise di Roma ha condannato i responsabili dell’omicidio di Desirée Mariottini avvenuto nell’ottobre 2018. Secondo le ricostruzioni dei fatti la giovane venne drogata con un mix di sostanze spacciato per metadone e poi violentata prima di essere uccisa.

Per Mamadou Gara e Yussef Salia è stato inflitto l’ergastolo, 27 anni di carcere ad Alinno China, mentre per l’ultimo degli imputati invece, Brian Minthe, la sorpresa che nessuno si aspettava.

Nonostante le condanne, Brian Minthe, condannato inizialmente a 24 anni e mezzo, il Tribunale lo aveva rimesso in libertà per scadenza dei termini della custodia cautelare.

In queste ore è stata però notificata per l’uomo la nuova misura cautelare disposta dalla Procura per l’accusa di omicidio della minorenne di Cisterna di Latina. Resterà dunque in carcere.

LEGGI ANCHE —> Clamoroso, Maria De Filippi rinuncia alle esequie di Merlo: il gesto che spiazza tutti

LEGGI ANCHE —> Tragedia aerea, velivolo sbanda e va fuori pista: il tragico bilancio

Mamma Barbara alla lettura della sentenza ha avuto una dura reazione:

Uno dei condannati torna libero per scadenza dei termini e questo non doveva succedere. Aspettavo una sentenza completamente diversa, mi aspettavo ergastolo per tutti. Sono molto arrabbiata: non ho avuto giustizia. Aveva solo 16 anni.

Doc-Nelle tue mani 2: tre nuovi attori nel cast e quando va in onda

doc-nelle-tue-mani-2:-tre-nuovi-attori-nel-cast-e-quando-va-in-onda

Televisione

Procedono a ritmo spedito le riprese della seconda stagione della fiction Rai con Luca Argentero

Pubblicato su

Sono iniziate lo scorso 17 maggio, tra Roma e Milano, le riprese della seconda stagione di Doc-Nelle tue mani. Confermato nel ruolo del protagonista Andrea Fanti l’affascinante e talentuoso Luca Argentero. Tante le new entry nel cast, come annunciato da Francesco Arlanch, lo sceneggiatore della serie Rai campione di ascolti, al settimanale Di Più Tv.

Come noto da tempo la new entry principale di Doc 2 è Giusy Byscemi. Dopo aver passato qualche anno lontano dal set per dedicarsi alla famiglia l’ex Miss Italia ha ripreso in mano la sua carriera da attrice. Archiviata la sesta stagione di Un passo dal cielo è ora pronta a movimentare anche le trame di Doc-Nelle tue mani.

Giusy Buscemi indosserà i panni di una una dottoressa del Policlinico e con il suo ingresso si apriranno nuove storie. Tra i nuovi attori pure Alice Arcuri e Marco Rossetti, che ricopriranno i ruoli di due giovani medici. L’Arcuri è un’interprete teatrale, proveniente dal Teatro Stabile di Genova.

Inutile negare che Doc-Nelle tue mani è una grande occasione professionale per Alice Arcuri. Marco Rossetti, invece, non è nuovo al piccolo schermo: di recente lo abbiamo visto accanto a Raoul Bova in Buongiorno mamma. Ma nel suo curriculum tante altre fiction: Distretto di Polizia, RIS, Squadra Mobile, Il cacciatore, Speravo de morì prima.

Il creatore Francesco Arlanch ha inoltre anticipato che nella seconda stagione di Doc le vicende sentimentali del protagonista Andrea Fanti riserveranno sorprese. Continuerà ad essere conteso dall’ex moglie Agnese e dalla sua collega ed ex amante Giulia.

Su tutto e tutti incombe però il Covid che sconvolgerà le vicende della serie Rai, come ha sconvolto le vite di molte persone. Ci saranno addirittura delle uscite clamorose e a quanto pare uno dei medici morirà (si parla con una certa insistenza del dottor Lazzarini, a cui presta il volto Gianmarco Saurino).

Queste le parole dello sceneggiatore alla rivista edita da Cairo Editore:

“Affronteremo questo tema con un tono di speranza e ottimismo, visto questo momento di rinascita che stiamo vivendo. La seconda serie dovrebbe andare in onda nei primi mesi del prossimo anno”

Le riprese andranno avanti fino al prossimo novembre. Intanto la Rai dal 24 giugno trasmetterà in replica l’intera prima stagione di Doc-Nelle tue mani.