Autore: Marina Forte

The Crown, Jonny Lee Miller sarà il primo ministro John Major

the-crown,-jonny-lee-miller-sara-il-primo-ministro-john-major

L’attore di Trainspotting ed Elementary entra nel cast – completamente rinnovato – della quinta stagione della serie che racconta le vicende della famiglia reale inglese. Il suo ruolo: quello del premier che ha guidato il Regno Unito attraverso le sfide degli anni ’90

crown

Lo ricorderete soprattutto per la parte di Sick Boy in Trainspotting e, più di recente, per quella di un moderno Sherlock Holmes nella serie americana Elementary. Ora Jonny Lee Miller è pronto a farsi conoscere al grande pubblico per un altro ruolo memorabile. Sarà lui, infatti, a interpretare John Major, il Primo ministro conservatore che ha guidato il Regno Unito dal 1900 al 1997, nella quinta stagione di The Crown. La produzione Netflix affronterà nei nuovi episodi proprio gli anni ’90, dopo il dominio thatcheriano descritto nello scorso ciclo di puntate. Dopo essere stato Cancelliere dello Scacchiere (ovvero Ministro delle finanze) e poi Ministro degli esteri negli ultimi governi Thatcher, Major le succedette a Downing Street dovendo affrontare quasi un decennio di grandi sfide, dai processi di pace in Irlanda del Nord all’avvicinamento all’allora Comunità europea passando per la Guerra del Golfo.

Il nuovo corso di The Crown racconterà sicuramente questi eventi, intrecciandoli alle vicende più private della Corona, in particolare il divorzio fra Carlo e Diana e la morte della Principessa triste. Per fare ciò, come consuetudine per questa produzione e come già annunciato mesi fa, cambieranno tutti gli attori protagonisti: Imelda Staunton sostituirà Olivia Colman nel ruolo della regina Elisabetta, mentre Helena Bonham Carter lascerà la parte della principessa Margaret a Lesley Manville e Jonathan Pryce sarà il nuovo principe Filippo al posto di Tobias Menzies; Elizabeth Debicki, infine, sarà Diana invece di Emma Corrin, mentre Dominic West è ancora in trattative per interpretare il principe Carlo.

Miller entra, dunque, in un cast molto variegato e a un punto cruciale della serie, il cui interesse si acuirà probabilmente ancora di più data l’emozione suscitata dalla recente morte del principe Filippo. Sebbene la quarta stagione di The Crown sia stata diffusa nel novembre 2020, è già stato annunciato che si dovrà attendere fino al 2022 per i nuovi episodi. A un certo punto il creatore Peter Morgan aveva fatto sapere che questa quinta stagione sarebbe stata l’ultima, ma è tornato sui suoi passi confermando il ritorno all’idea iniziale di sei cicli di puntate.

Reggio Calabria, 450 milioni per la rivoluzione di centro e periferie. Il Sole 24 Ore: “Museo del Mare, Alta Velocità e Ponte sullo Stretto, ecco il Piano”

reggio-calabria,-450-milioni-per-la-rivoluzione-di-centro-e-periferie.-il-sole-24-ore:-“museo-del-mare,-alta-velocita-e-ponte-sullo-stretto,-ecco-il-piano”

Waterfront Museo del Mare Zaha Hadid

L’approfondimento del Sole 24 Ore su Reggio Calabria, sui progetti futuri riguardante le periferie e il concetto di città di mare

Nonostante problemi annosi e passati, ma anche abbastanza recenti, una città come Reggio Calabria – che deve pensare al presente proprio per risolvere tali problematiche – ha l’obbligo di guardare al futuro con ambizione. Ed è la prospettiva con cui il Sole 24 Ore racconta i progetti della città dello Stretto, in un approfondimento dell’edizione odierna. Si fa riferimento ai lavori per migliorare le periferie, ma anche per rendere Reggio una città non più sul mare, ma di mare. E il riferimento è soprattutto al Museo del Mediterraneo progettato da Zaha Hadid, con i suoi 53 milioni di euro inserito tra le opere del PNRR del Governo. “Sogno e programmo il recupero del rapporto fra la città e il mare, a cominciare da un unico waterfront che va da Catona a Bocale. Una grande opera pubblica che restituisce ai reggini un enorme spazio urbano e ricostruisce l’immagine di una città bella e ambiziosa, pronta a cogliere le sfide del futuro”. Sono le parole in merito da parte del Sindaco Falcomatà.

Il focus del noto giornale si sposta poi su altri lavori: “Le trasformazioni in atto – si legge – coinvolgono anche l’interno, lungo sei linee di comunicazione a scorrimento veloce che costeggiano le fiumare della città. E le periferie. Una rigenerazione urbana che tra progetti realizzati, in cantiere o in fase di definizione vale 450 milioni, finanziata con Patti per il Sud, Pon Metro, decreto Reggio, vari investimenti ministeriali e le risorse del Recovery Plan. Sono state riqualificate piazze e parchi urbani, riaperte strutture sportive e migliorata l’offerta degli asili nidi. Servizi di bike e car sharing stanno cambiando la mobilità. Tre progetti di riqualificazione urbana (da 45 milioni), presentati al ministero delle Infrastrutture, prevedono interventi straordinari nei quartieri periferici di Arghillà nord, Modena-Ciccarello e Reggio Sud-Gebbione”. Una sorta di “pubblicità positiva”, che non manca però di sottolineare i problemi attuali: “Un cambio di passo radicale per una città – specifica il Sole 24 Ore – con molti nervi scoperti (la raccolta dei rifiuti, i problemi idrici, la pervasività criminale) e un Comune che ha evitato il dissesto con 200 milioni assegnati dal Decreto Agosto dello scorso anno”.

Viaggio all’interno del Museo del Mare di Reggio Calabria: tutto quello che c’è da sapere, dalla forma a stella marina all’affascinante acquario


Cristel Carrisi di nuovo incinta, Albano conferma: sesso, nome e quando nascerà

cristel-carrisi-di-nuovo-incinta,-albano-conferma:-sesso,-nome-e-quando-nascera

News

Il leone di Cellino San Marco e Romina Power nonni per la terza volta dopo Kay Tyrone e Cassia Ylenia

Pubblicato su

Tutto vero: Cristel Carrisi è incinta del terzo figlio. Il gossip circola da qualche giorno ma solo ora è stato confermato da Albano Carrisi sulle pagine del settimanale Di Più Tv. Il cantante pugliese e l’ex moglie Romina Power si apprestano dunque a diventare nonni per la terza volta. Cristel è già mamma di Kay Tyrone, nato nel 2018, e Cassia Ylenia, arrivata nel 2019.

Albano Carrisi ha confidato alla rivista edita da Cairo Editore che Cristel è incinta di un’altra bambina che nascerà a settembre. Un’immensa gioia per il 78enne e tutta la sua famiglia. Al momento Albano non sa come si chiamerà la piccola in arrivo ma a Carrisi poco importa: è al settimo cielo per questa fantastica notizia.

Notizia che Albano e Romina hanno appreso a Pasqua, quando Cristel Carrisi e il marito Davor Luksic sono rientrati in Italia. La coppia vive a Zagabria, in Croazia, ma per le festività pasquali si è ricongiunta con la famiglia Carrisi in Puglia. “Mia figlia era già in attesa, bellissima”, ha fatto sapere nonno Albano.

Parallelamente alla gravidanza Cristel Carrisi sta portando avanti gli studi universitari. Dopo la carriera nel mondo dello spettacolo – dove si è messa alla prova come cantante e conduttrice – la 35enne sta per laurearsi in Letteratura ad Harvard, una delle università americane più prestigiose al mondo.

Secondo Di Più Tv Cristel Carrisi potrebbe omaggiare la zia Taryn, recentemente scomparsa, con la sua terzogenita. Il primogenito di Cristel ha come secondo nome quello del nonno, il divo di Hollywood Tyrone Power, mentre per la secondogenita ha scelto il nome della sorella maggiore Ylenia.

Per la terzogenita Cristel potrebbe dunque scegliere il nome Taryn, come la sorella minore di Romina venuta a mancare all’età di 66 anni a causa di una leucemia.

Davor Luksic, chi è il marito di Cristel Carrisi

Di origini cileno-croate, il marito di Cristel Carrisi è il secondo imprenditore più ricco di Croazia con 170 milioni di euro. La sua famiglia, tra le più ricche e antiche del Sud America, vanta un patrimonio di 16 miliardi e Luksic gestisce le attività del gruppo, che comprende resort e alberghi di lusso.

L’incontro tra Davor e Cristel è avvenuto nel 2012 a New York: a presentarli Carolina, la migliore amica della giovane Carrisi. Il matrimonio della giovane Carrisi è stato celebrato nel 2016 in Salento. Grande assente Loredana Lecciso, che non ha mai avuto un buon rapporto con Cristel.

Via le mascherine all’aperto dal 28 giugno, c’è l’ok del CTS: ecco le nuove norme da seguire

via-le-mascherine-all’aperto-dal-28-giugno,-c’e-l’ok-del-cts:-ecco-le-nuove-norme-da-seguire

Via le mascherine all'apertoFoto di Emanuele Valeri / Ansa

Dal 28 giugno si potrà stare all’aperto senza mascherina, a patto di mantenere la distanza interpersonale e di portarla sempre con sè per ogni evenienza: arriva l’ok del CTS

Dal prossimo 28 giugno in Italia si potrà stare all’aperto senza mascherina. Il CTS ha dato l’ok a riporre in tasca quello che, probabilmente più di tutti, è il simbolo della pandemia di Coronavirus. Il cambiamento sarà sancito successivamente da un atto del governo Draghi. “Superiamo l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto in zona bianca, ma sempre nel rispetto delle indicazioni precauzionali stabilite dal Cts“, ha commentato il ministro Speranza. Si dovrà sempre mantenere la distanza interpersonale e portare la mascherina con sè, al fine di indossarla in luoghi in cui non è garantita la distanza di sicurezza di almeno un metro. Secondo le stime, il 28 giugno tutta Italia, compresa la Valle d’Aosta (unica ancora in giallo), sarà in zona bianca.

Attraverso una nota, il Comitato Tecnico Scientifico ha spiegato che: “nell’attuale scenario epidemiologico a partire dal 28 giugno ci siano le condizioni per superare l’obbligatorietà dell’uso delle mascherine all’aperto salvo i contesti in cui si creino le condizioni per un assembramento, come mercati, fiere, code, eccetera. Le persone devono portare con sé una mascherina in modo da poterla indossare ogni qualvolta si creino tali condizioni. Deve essere raccomandato fortemente l’uso della mascherina nei soggetti fragili e immunodepressi e a coloro che stanno loro accanto“.


Aurora Ramazzotti inattaccabile. L’ultima confessione la rende invincibile

aurora-ramazzotti-inattaccabile.-l’ultima-confessione-la-rende-invincibile

La ragazza rilascia delle parole molto significative su cosa sia diventato il vivere oggi. Ed Aurora Ramazzotti indica al meglio la giusta via.

Un messaggio molto importante e come sempre improntato alla positività arriva dalla 24nne di Seregno. Da Aurora Ramazzotti ecco giungere delle parole molto significative.

Aurora Ramazzotti
Aurora Ramazzotti Foto da Instagram

Nel corso di una intervista concessa a “Vanity Fair”, la figlia di Eros Ramazzotti e di Michelle Hunziker ha affrontato il sempre delicato argomento dei commenti degli haters.

Lei dice che ora, quando capita di imbattersi in situazioni negative come questa, ha imparato a farsi scivolare tutto addosso. Anche perché sono accomunati sempre e solo da una superficialità di fondo, che coinvolge il suo aspetto fisico.

Body shaming ed altre discriminazioni basate sull’aspetto fisico rappresentano una triste realtà, sui social network come in ambienti collettivi come la scuola. Ma si tratta di stupidaggini, in quanto arrivano da persone altrettanto stupide

Leggi anche –> Diletta Leotta, c’è il processo: dopo l’incidente la giornalista non perdona

La importante lezione data da Aurora

Ed Aurora Ramazzotti sottolinea come sia importante accettarsi per come si è, e scoprire di essere noi in realtà più belli di chi ci critica.

Eppure a lei è successo di essersi sentita brutta ed inadeguata. Ma una riflessione più profonda l’ha portata a scoprire quale è invece il giusto atteggiamento per prendere di petto la questione.

Ma non è una cosa che avviene dall’oggi al domani. Servono consapevolezza ed un duro lavoro su sé stessi. Poi può finire in due modi: o ti deprimi oppure reagisci

Ci sono dei difetti fisici ed estetici che in realtà servono proprio per portarci a migliorare. Questo compito lo ha avuto in particolare l’acne, che lei ha saputo affrontare.

Troppe cose non vanno ma non possiamo fare finta di niente

I social network hanno peggiorato alcune cose in quelle che sono le dinamiche di interazione umane. Oltre a far perdere il contatto diretto, hanno dato voce a chi si sente in diritto di fare il prepotente. E quindi giù l’ignoranza, la protervia e la presunzione.

Leggi anche –> Flavio Insinna lascia Matano senza parole: “Ormai ci siamo”, che ha detto?

Leggi anche –> Enrico Montesano, la stoccata sui vaccini diventa virale: la replica dell’AVIS

Atteggiamenti che, tanto per fare un esempio, sono tipici anche di no vax, complottisti e negazionisti. Tutta gente chiusa all’idea di un confronto civile, al bisogno di informarsi, di studiare e soprattutto di ammettere di avere commesso un errore. Da Aurora Ramazzotti apprendiamo poi una cosa molto bella:

Il complimento migliore che mi hanno mai fatto è quello di avere contribuito a formare consapevolezza negli altri

Euro 2021, risultati e classifica del Girone C: Olanda a punteggio pieno, l’avversaria dell’Italia sarà l’Austria

euro-2021,-risultati-e-classifica-del-girone-c:-olanda-a-punteggio-pieno,-l’avversaria-dell’italia-sara-l’austria

Foto Ansa

I risultati e la classifica finale del Girone C di Euro 2021: l’Austria batte l’Ucraina e raggiunge l’Italia agli ottavi, l’Olanda liquida la Macedonia e conferma il primo posto a punteggio pieno

Si chiude anche il Girone C, secondo raggruppamento di Euro 2021. Italia spettatrice interessata in attesa della seconda classifica, squadra che affronterà agli ottavi di finale. Nella ‘road to Wembley’, gli azzurri affronteranno l’Austria che, con un po’ di sorpresa rispetto alle sensazioni della vigilia, ha battuto l’Ucraina della vecchia conoscenza del calcio italiano Shevchenko. Decide la gara un gol al 21′ del primo tempo di Baumgartner. Italia che inizierà dunque a studiare i punti di forza degli austriaci: il talentuoso difensore Alaba, passato dal Bayern Monaco al Real Madrid; il centrocampista Marcel Sabitzer, stella del Lipsia; l’attaccante Marko Arnautovic, genio e sregolatezza presente, seppur non da protagonista, nel Triplete dell’Inter di Mourinho. Nella seconda sfida del girone l’Olanda supera con un netto 0-3 la Macedonia del Nord, fanalino di coda del girone.

Risultati Girone C

Macedonia del Nord-Olanda 0-3 (24′ Depay; 51′, 58′ Wijnaldum)

Ucraina-Austria 0-1 (21′ Baumgartner)

Classifica Girone C

  1. Olanda 9
  2. Austria 6
  3. Ucraina 3
  4. Macedonia del Nord 0


Incidente per Orietta Berti, si presenta in tv zoppicante: fan preoccupati

incidente-per-orietta-berti,-si-presenta-in-tv-zoppicante:-fan-preoccupati

Orietta Berti ospite di “Domenica In” si è presentata con un bastone, piccolo incidente per lei che ha allarmato molti telespettatori.

Orietta Berti

Ospite della penultima puntata di “Domenica In” andata in onda come di consueto la domenica pomeriggio su Rai 1, Orietta Berti è stata applaudita per la sua recente uscita musicale che l’ha piazzata a tutti gli effetti come uno delle hit più ascoltate del momento.

Dopo la colorita partecipazione a Sanremo 2021 dove si è contraddistinta con un pezzo tradizionale perfetto per le sue doti canore, ora la cantante di è messa nuovamente alla prova con musicalità molto

“Mille” cantata assieme a Fedez e Achille Lauro in pochi giorni è divenuta già una hit destinata a divenire il tormentone dell’Estate. Una vera sorpresa per tutti, dopo 55 anni di carriera, Orietta è diventata un’icona anche per le nuove generazioni.

Orietta Berti racconta l’incidente domestico in diretta: Mara sconvolta

La cantante ieri però è entrata in studio appoggiandosi ad un bastone per non dare eccessivo peso alla gamba.

Molti telespettatori si sono subito allarmati alla vista di Orietta in quelle condizioni. Mara Venier dopo averla fatta accomodarsi è subito accertata che l’amica stesse bene e le ha chiesto di spiegare cos’era accaduto.

Sono stata coinvolta in una sorta di incidente domestico”, ha spiegato la cantante che però pareva serena nel confessare quanto accaduto in diretta. Serena e spiritosa ha saputo mettere il buonumore anche raccontando quanto successole di brutto solo poche ore prima.

LEGGI ANCHE –> Giulia Salemi, quanto la conoscete? Che titoli di studio possiede

LEGGI ANCHE –> Serena Rossi, conoscete i suoi genitori? Una famiglia di artisti

Ha poi spiegato di essere inciampata in giardino, mentre stava portando uno dei suoi cani dal veterinario. Nulla di grave dunque ma solo tanta paura e la gamba dolorante ed una piccola distorsione al piede che le causa qualche fastidio a camminare ma che passerà in pochi giorni.

Incidente sul lavoro, crolla cantiere di un edificio scolastico: il bilancio è tragico

incidente-sul-lavoro,-crolla-cantiere-di-un-edificio-scolastico:-il-bilancio-e-tragico

Nell’incidente hanno perso la vita 5 persone impegnate nei lavori di costruzione della scuola nel quartiere New Zuid ad Anversa.

Ambulanza

Grave incidente venerdì pomeriggio in Belgio che è costato la vita a 5 operai impegnati in un cantiere per la ricostruzione di un’area di una scuola. Sono in corso tutti gli accertamenti per risalire al motivo del crollo.

La zona dove è avvenuto l’incidente è il quartiere di New Zuid di Anversa, le impalcature sono crollate venerdì pomeriggio per motivi non ancora chiari.

Le vittime sono cinque operai tra cui tre portoghesi, un russo e un romeno, altre nove invece sono state ferite ma non sono in pericolo di vita. Lavoravano per un subappaltatore dell’impresa edile olandese Democo.

L’Ansa ha fatto sapere che il re belga Philippe e il primo ministro Alexander De Croo si sono subito mobilitati. Poco dopo il crollo hanno visitato ieri il sito, su loro espressa richiesta è stata aperta un’indagine governativa.

Belgio, il bilancio sale a 5 morti e 9 feriti

Il Belgio sta vivendo ore drammatiche dopo l’incidente di venerdì scorso avvenuto ad Anversa e di cui al momento non si conoscono le cause.

Cantiere crollato Anversa
Cantiere crollato Anversa (Foto credit Ansa)

Il crollo potrebbe essere dovuto ad un cedimento strutturale delle fondamenta del cantiere su cui stavano lavoravano gli uomini.

Sono al vaglio degli inquirenti tutte le ipotesi sul possibile incidente. Il presidente della società Domoco, Frederick Benins, ha promesso un’”indagine approfondita” sulla causa dell’incidente.

LEGGI ANCHE —> Clamoroso, Maria De Filippi rinuncia alle esequie di Merlo: il gesto che spiazza tutti

LEGGI ANCHE —> Tragedia aerea, velivolo sbanda e va fuori pista: il tragico bilancio

Tutti i dipendenti sono scioccati per l’accaduto” – ha affermato Frederik Bijnens – “Ora che i servizi di emergenza hanno fatto del loro meglio, inizierà un’indagine completa per identificare con certezza la causa dell’incidente”.

Altre nove persone sono state coinvolte nella tragedia in quanto rimaste ferite dal peso delle macerie, non rischiano però fortunatamente la vita secondo i media locali. Nell’istituto scolastico in costruzione quando è accaduto il fatto non erano presenti né studenti né insegnanti.

Le storie di WandaVision continueranno anche dopo Doctor Strange 2

le-storie-di-wandavision-continueranno-anche-dopo-doctor-strange-2

Che fine hanno fatto Wanda e Visione dopo la miniserie di grande successo su Disney+? Lei tornerà in Doctor Strange 2, ma ora Kevin Feige non esclude che altre storie possano svilupparsi altrove

wandavision

Mesi dopo la fine di WandaVision, la prima serie originale della Marvel pensata per Disney+, i fan ancora si interrogano su che cosa potrebbe accadere in seguito ai personaggi coinvolti, come Wanda Maximoff o Vision. Eppure, da più parti è stato ribadito che la produzione non è destinata a una seconda stagione. Ultimamente l’ha ribadito la stessa Elizabeth Olsen, interprete della protagonista che ha abbracciato la nuova identità di Scarlet Witch. La speranza per molti è che, dato il successo riscontrato sulla piattaforma di streaming (in questi giorni bissato dalla serie Loki), Marvel si decidesse a ordinare nuovi episodi continuando la saga che tanto ha affascinato e interrogato gli spettatori.

Il capo di Marvel Studios Kevin Feige, però, sembra suggerire altro: “Dico sì a un’evoluzione di quella trama, probabilmente e inevitabilmente in forme diverse”. “Different capacities” è l’espressione usata in originale, al solito enigmatica quando si tratta degli sviluppi futuri del Marvel Cinematic Universe. Sappiamo di certo che Olsen tornerà a interpretare la Strega scarlatta in Doctor Strange in the Multiverse of Madness, in arrivo nel marzo 2022, e di sicuro il suo personaggio avrà un ruolo chiave nello snodo della trama. Feige aggiunge carne al fuoco: “È la prima occasione in cui quella storia continuerà, ma ce ne saranno altre”.

Quali saranno queste altre occasioni, almeno per ora, non è dato sapere. È possibile che Feige si riferisca al fatto che, mentre rivedremo Wanda in Doctor Strange 2, è probabile che altri personaggi, come Visione bianco o addirittura Agatha Harkness, torneranno in altri film o in ulteriori serie di questa affollata fase 4 dell’universo cinematografico Marvel. Per ora non resta che attendere o lanciarsi in ipotesi fantasiose. Sta di fatto che una serie come WandaVision ha colpito nel segno influenzando in modo profondo i fan dell’Mcu.