Autore: Monica Di Martino

La nostra prova della Lamborghini con l’assistente vocale Alexa a bordo

la-nostra-prova-della-lamborghini-con-l’assistente-vocale-alexa-a-bordo

Navigazione, comfort, sicurezza e intrattenimento: ecco i nuovi servizi connessi della casa modenese

Questa è una Lamborghini Huracan EVO. Motore aspirato V10 da 5,2 litri. Una potenza di 640 cavalli e una coppia di 600 newton per metro che spingono il toro di Sant’Agata Bolognese a coprire i 0-100 in 2,9 secondi per una velocità massima di 325 chilometri orari. 

Il sistema Lamborghini Connect

Oggi, però, più che delle sue performance sportive, vogliamo concentrarci sui suoi servizi connessi. Si parte da Omegna sul Lago d’Orta dalla storica villa 9090. Una volta a bordo, la connettività di Lamborghini Huracan EVO è letteralmente a portata di mano grazie al nuovo touchscreen da 8,4 pollici posizionato proprio nella consolle centrale. Si trova sopra il tasto di accensione. Sì, anche su questo modello, lo start è protetto come sugli aerei. 

Il nuovo layout è molto intuitivo e prevede tre grandi bottoni esagonali dedicati a Veicolo, Media e Telefono. A loro si appoggiano altri sei bottoni. Tre a destra dedicati a Phone App, Sound e Navigation. Tre a sinistra per entrare nel Setting dell’auto, radio e Alexa.

Il suo scopo è liberare chi è alla guida da ogni inutile gesto manuale e da ogni procedura troppo complessa. Le funzionalità in vettura riguardano la Connected Navigation fornita da Here e Inrix con le informazioni sul traffico in tempo reale. A lei si aggiunge un infotainment che oltre ad appoggiarsi sulle web radio, porta in dotazione Apple CarPlay e Android Auto.

La nuova app Lamborghini Unica

Ma con la model year 2021, questa super sportiva può essere controllata attraverso l’applicazione Unica, quindi da remoto. Diversi i nuovi servizi safety & security. Tra i primi c’è il Geofencing, che permette di ricevere una notifica ogni volta che la vettura esce dall’area di sicurezza oppure entra in quella vietata. Entrambe sono impostabili dal proprietario ogni volta che presta l’auto su’area che l’utente può definire liberamente. Qui è possibile gestire anche la durata di queste limitazioni.

Trai parametri evidenziabili dallo Speed Alert, invece, troviamo la velocità massima che il proprietario dell’auto non vuole venga superata da chi sta guidando la vettura. Idem per la funzione Valet Alert che lancia una notifica ogni volta che l’auto supera un raggio e una velocità massima a partire dai 20 chilometri orari. Nasce per controllare l’auto quando viene consegnata ai parcheggiatori di ristoranti e hotel.

Lamborghini Huracan EVO con assistente vocale Alexa
Lamborghini Huracan EVO con assistente vocale Alexa

Infine, il fortunato proprietario può anche decidere l’arco di tempo in cui non vuole che l’auto venga utilizzata. Questo è il caso della Curfew Alert. Una volta selezionata la durata del coprifuoco, partirà una notifica se l’auto viene spostata in questo intervallo di tempo. Ovviamente l’auto è costantemente geolocalizzata. In più, ogni volta che si spegne il motore, Lamborghini Huracan EVO trasmette le coordinate gps della propria posizione.

Questi sono servizi cosiddetti Peace of Mind, cioè ideati per la serenità totale del cliente. Novità ancora più connesse in car. Huran Evo, infatti è la prima supersportiva della Casa del Toro a fruire del servizio OTA (Over-The-Air) per il sistema d’infotainment. Tale dotazione consente lo scambio di dati tra auto e server centrale per l’aggiornamento del proprio software tramite smartphone.

Come funziona l’assistente vocale Alexa

Il co-protagonista di questo test drive è l’assistente vocale Alexa. Rispetto ad altri competitor, Lamborghini Huracan EVO è la prima vettura al mondo che consente ad Alexa di accedere a diverse informazione di gestione dell’auto. Infatti, basta dire “Alexa apri il menù controllo dinamico” per avere la schermata con la ripartizione delle potenze del sistema AWD, la pressione dell’olio e altro.

Alexa difatti può muoversi abbastanza liberamente. Le si può chiedere “Alexa, imposta le bocchette di ventilazione su misto” per rinfrescare i bollori dati dall’energia di questa vettura. Oppure chiedere “Alexa, diminuisci la temperatura di un grado” ma anche semplicemente dire “Alexa, ho caldo” per vedere il termometro abbassarsi di un grado. 

Sono davvero molti i comandi in italiano eseguibili da Alexa. Questi riguardano la climatizzazione dell’abitacolo compresa la ventilazione; la luce degli interni; la luminosità del monitor; l’impostazione del navigatore e la ricerca di determinati punti d’interesse. Queste in particolare sono molto utili mentre si è in viaggio e non si trova una piazzola per fermarsi e digitare gli indirizzi.

Lamborghini Huracan EVO con assistente vocale Alexa
Lamborghini Huracan EVO con assistente vocale Alexa

Mani al volante, il microfono interno posto sopra in conducente riceve gli ordini e Alexa li esegue in maniera impeccabile. Per avere un risultato sempre perfetto, però, è necessario tenere alzati i finestrini e lasciare l’auto in modalità Strada. Nelle modalità selezionabili dal volante Sport e Corsa, il petrol-sound di Lamborghini Huracan EVO manda in confusione anche l’assistente Amazon.

Oltre alla completa gestione di sorgenti e musica, gli ingegneri Lamborghini assicurano che le funzionalità e le utterance con cui ottenere i servizi di Alexa andranno a crescere. Nel corso del tempo saranno anche più naturali. Sempre attraverso Alexa è possibile accedere ai contatti del proprio smartphone per chiamare e attivare i servizi di smart home.

Sinceramente chiedere ad Alexa di accendere l’aspirapolvere Roomba a bordo di una Lamborghini Huracan EVO, è sembrato fin troppo anche per noi! Attenzione, Apple CarPlay e Android Auto disattivano le funzioni di Alexa. Ma devo dire, che è stata la prima volta in cui non ho avuto la necessità di attivare il mirroring del mio smartphone.

La consegna ai primi clienti di Lamborghini Huracan EVO con l’assistente vocale Alexa è già in corso. Prezzo consigliato 184.034 euro, tasse escluse.

Selvaggia Roma, con l’attore de La casa di carta: cosa bolle in pentola?

selvaggia-roma,-con-l’attore-de-la-casa-di-carta:-cosa-bolle-in-pentola?

Televisione

La foto condivisa dall’ex gieffina ha generato non poca curiosità sui social

Pubblicato su

Selvaggia Roma condivide sui social una foto che la ritrae in compagnia di un attore de La casa di carta e genera non poca curiosità nei fan. Scendendo nel dettaglio, l’influencer pubblica uno scatto insieme a Darko Perić, conosciuto nel ruolo di Helsinki nella nota serie tv spagnola, che tornerà su Netflix il primo 3 settembre. Dopo la sua esperienza all’interno della Casa del GF Vip 5, Selvaggia si è subito concentrata sul suo futuro lavorativo. In particolare, ha iniziato a studiare intensamente con il regista teatrale, Luciano Bottaro.

La foto condivisa con il noto attore de La casa di carta sembra voler confermare che qualche soddisfazione sta arrivando. La Roma accompagna la foto con la didascalia: “E l’altro giorno con noi il my friend Darko”. Nello scatto è possibile vedere l’ex gieffina mandare un bacio verso l’obbiettivo e l’attore pronto a gustare un bel piatto di pasta. Il popolo di Twitter si è scatenato di fronte a questa immagine, in quanto la curiosità è tanta. In molti si chiedono, in particolare, per quale motivo i due si trovassero insieme.

Il loro è un incontro casuale oppure c’è un progetto all’orizzonte che li vede collaborare? Secondo quanto è possibile leggere sui social, pare che Selvaggia sia riuscita a ottenere una parte all’interno di un film. Ovviamente non si sa ancora nulla al riguardo, altrimenti già tutto sarebbe stato reso noto dalla stessa ex gieffina. Ma potrebbe comunque trattarsi della sua partecipazione al docu-film Napule, diretto da Enzo G. Castellari.

Selvaggia Roma si era dichiarata, in un’intervista su AdnKronos, onorata di lavorare con “un mostro sacro della cinematografia italiana e internazionale”. Lei stessa faceva notare che questo nuovo progetto avrebbe potuto rendere reale il suo sogno di approdare su Netflix.

Oltre ciò, si sa che Darko Perić – proprio lui l’ha fatto sapere su IoDonna sta lavorando a un film che dovrebbe girare a Roma questa estate, insieme a un cast italiano. Dunque, Selvaggia potrebbe essere presente all’interno di questa pellicola insieme all’attore spagnolo.

Attraverso queste informazioni, è possibile infatti pensare che i due stiano girando un film insieme. La Roma avrà sicuramente l’opportunità di rivelare ai fan cosa sta davvero accadendo nella sua vita lavorativa.

Nel frattempo, il profilo Instagram di Darko, conferma che nei giorni scorsi si trovava in Italia!

E l’altro giorno con noi il my friend Darko. #Helsinki pic.twitter.com/KPLwZRzDLf

— Selvaggia Roma (@roma_selvaggia) June 23, 2021

“Ricomincio dal No”, Caterina Balivo è la donna più felice al mondo: il lieto annuncio

“ricomincio-dal-no”,-caterina-balivo-e-la-donna-piu-felice-al-mondo:-il-lieto-annuncio

Nuovo grande traguardo conquistato dalla conduttrice che torna al successo lontana dalla tv.

Caterina Balivo è una conduttrice televisiva molto amata ed ex modella. Proprio di recente la conduttrice ha preso una difficile decisione.

Il 29 Maggio 2020, dopo aver condotto ben 350 puntate, ha annunciato l’addio al programma Vieni da me per dedicarsi ad altri progetti professionali e personali.

Caterina Balivo (Screenshot Instagram)

La Balivo in seguito ha spiegato che la sua decisione è stata presa anche per tutelare la salute dei cari. Riferendosi al marito Guido Maria Brera, sposato nel 2014 dal quale ha avuto due figli.

Intervistata da Mara Venier ha inoltre affermato di non aver voluto lasciare i figli da soli, perché il suo ed il lavoro del marito li porta a stare fuori di casa per tanto tempo.

Caterina Balivo il grande successo conquistato con il nuovo progetto lavorativo

Il 29 Gennaio del 2021, la Balivo è riapparsa sul piccolo schermo, esordendo come giurata del talent Il Cantante Mascherato, condotto da Milly Carlucci.

Il 29 Marzo del 2021 inizia un nuovo progetto, approda nel mondo dei podcast, lanciando il proprio dal titolo Ricomincio dal No, prodotto da Chora, podcast company diretta da Mario Calabresi.

Nel podcast Caterina Balivo intervista persone di successo, dello spettacolo e dello sport: medaglie d’oro olimpiche, amministratori delegati di grandi aziende, allenatori di calcio, scrittori e molto altro per raccontare i giorni più brutti della loro vita, “le lacrime che hanno versato proprio a causa di un no”.

Tra gli ospiti di questa edizione, Bebe Vio, Marcello Lippi, Roberto Saviano, Andrea Bocelli e tanti altri personaggi famosi.

LEGGI ANCHE–> Caterina Balivo, sfuma il sogno: clamoroso dietrofront della Rai

Proprio grazie al grande successo ottenuto dal podcast Ricomincio dal No, nella serata organizzata ieri la conduttrice ha ricevuto il Premio Miglio Conduzione, al Festival di Benevento.

LEGGI ANCHE–> Caterina Balivo si presenta sfatta e spettinata. Il motivo è nobile: fan in lacrime

Un grande traguardo per l’amata conduttrice, che ha dimostrato di aver intrapreso il percorso giusto, inoltre ha ringraziato gli organizzatori e i presenti alla serata in alcune storie apparse sul suo profilo Instagram.

UeD, Jessica incastrata: c’è l’audio in cui dice “Davide è gay ma non lo sa”

ued,-jessica-incastrata:-c’e-l’audio-in-cui-dice-“davide-e-gay-ma-non-lo-sa”

Uomini e Donne

Ha fatto scalpore una sua recente intervista che lei ha rettificato sui social, ma Signoretti ha tirato fuori le prove

Pubblicato su

Jessica Antonini ha detto davvero che secondo lei “Davide Lorusso è gay ma non lo sa”. Lo ha dichiarato in una intervista al settimanale Nuovo, che dalle parole dell’ex tronista di Uomini e Donne ha estrapolato il titolo della copertina. Parole che lei ha effettivamente pronunciato, sebbene abbia provato a rettificare attraverso i social dopo la pubblicazione dell’intervista. Evidentemente Jessica si è accorta che le sue parole fossero forti, non per il succo della questione quanto perché non dovrebbe spettare a lei parlare pubblicamente dell’orientamento sessuale di un’altra persona e metterla in dubbio. Insomma, non ci sarebbe ovviamente nulla di male se fosse vero ma dovrebbe dirlo il diretto interessato, molto semplicemente.

Le dichiarazioni di Jessica non sono piaciute e lei ha provato a rimediare, ma ha fatto infuriare Riccardo Signoretti. Quest’ultimo è il direttore del settimanale che ha intervistato l’ex tronista e oggi ha deciso di mettere a tacere le polemiche, e le chiacchiere, pubblicando le prove. Signoretti ha pubblicato l’audio in cui Jessica dice che secondo lei Davide è gay ma non lo sa. Adesso lei non potrà più negare, non potrà più dire che è stato soltanto creato un titolo a effetto. In realtà lei aveva detto su Instagram di non aver chiesto di scrivere quelle parole, né di metterle in copertina, ma quando si rilascia un’intervista si è responsabili di ciò che si dice e non si può decidere quali parole il giornalista deve pubblicare.

Un’intervista è un’intervista, tutto ciò che si dichiara può essere usato. Lei aveva chiesto spiegazioni sul titolo e le avevano risposto che nell’intervista era tutto spiegato. Signoretti ha fatto di più, ha pubblicato l’audio dell’intervista di Jessica Antonini sul suo profilo Instagram per rendere ancor più chiaro il tutto. Il direttore di Nuovo ha commentato così:

“Basta chiacchiere. Le affermazioni di Jessica Antonini sul suo ex, Davide Lorusso, sono a prova di smentita. Ecco un passaggio dell’intervista in edicola su Nuovo che chiarisce ogni dubbio”

Nell’audio Jessica ha detto che secondo lei Davide è gay:

“Secondo me Davide dentro di lui è gay, ma non lo sa. Ma lo capirà adesso. Ho provato a rassicurarlo, gli ho detto che se così fosse non ci vedrei niente di male”

Dopo queste parole, il giornalista interviene dicendo che giustamente una donna vorrebbe saperlo quando investe del tempo in una relazione. Jessica ha confermato, spiegando di aver fatto molti chilometri per raggiungerlo e probabilmente parlava dei problemi intimi che hanno avuto, che aveva già esposto. Cosa farà adesso l’ex tronista? Jessica risponderà all’audio di Signoretti oppure preferirà sorvolare e lasciare che si plachi la tempesta?

Chris Brown accusato di aver picchiato una donna: nuovi guai per l’ex di Rihanna

chris-brown-accusato-di-aver-picchiato-una-donna:-nuovi-guai-per-l’ex-di-rihanna

News

Non è la prima volta che finisce al centro di gravi accuse simili, nel 2009 è stato condannato per violenza su Riri

Pubblicato su

Ancora guai per Chris Brown: è stato accusato di aver picchiato una donna. La notizia sta circolando in queste ore sui siti italiani ed è stata ripresa anche da Adnkronos. Pare che il cantante abbia avuto una lite a Los Angeles con una donna, i fatti sarebbero avvenuti venerdì 18 giugno scorso. A rendere noto l’accaduto sono stati gli agenti della polizia di Los Angeles, che sono giunti sul posto dopo una chiamata. Gli agenti hanno raggiunto un’area della San Fernando Valley, a sud della California, alle 7.30, ora locale.

Chris Brown non era presente quando è arrivata la polizia, mentre la vittima pare abbia riferito di aver litigato col cantante e che lui l’avrebbe colpita. Questa la sua versione dei fatti, rivelata da un portavoce della polizia. Naturalmente le forze dell’ordine hanno fatto rapporto e sono in corso tutti gli accertamenti del caso. Toccherà all’ufficio del procuratore della città di Los Angeles indagare e valutare se formalizzare le accuse o meno. Il cantante né chi per lui hanno commentato la denuncia, al momento.

Non mancheranno ulteriori notizie dall’America nei prossimi giorni, i fan non possono che rimanere in attesa di saperne di più. Certo è che i precedenti potrebbero non essere di aiuto a Brown, che non è nuovo a questo genere di accuse.

Chris Brown, tutte le accuse di violenza nel passato

Chris Brown è stato accusato di violenza domestica nei confronti di Rihanna, all’epoca sua fidanzata. I fatti sono ben noti, la cantante si era presentata a una festa alla vigilia dei Grammy con dei lividi sul volto. Alla fine, Brown è stato condannato per l’aggressione a cinque anni di libertà vigilata e a 180 giorni di lavori socialmente utili. Nel 2017 ha ammesso di essersi molto pentito dell’accaduto, ma nel frattempo è finito nei guai più o meno con le stesse accuse altre volte.

Nel 2013 è stato fermato fuori da un locale a Washington per aggressione. Nel 2016 inoltre è stato arrestato per aver puntato una pistola contro una modella. Nel 2017 è arrivata l’accusa di aver picchiato un uomo e una ex fidanzata ottenne un ordine restrittivo di cinque anni nei suoi confronti. Infine, nel 2019 si è parlato di Chris Brown sotto custodia della polizia francese dopo la denuncia di una donna per violenza.

Grande Fratello Vip nuove opinioniste: la frecciatina di Antonella Elia

grande-fratello-vip-nuove-opinioniste:-la-frecciatina-di-antonella-elia

Grande Fratello Vip

L’ex valletta di Corrado e Mike Bongiorno è fuori dal reality show di Alfonso Signorini

Pubblicato su

Il Grande Fratello Vip riapre i battenti a settembre 2021. Il programma riparte senza gli opinionisti Antonella Elia e Pupo. Quest’ultimo ha detto addio al reality show per dedicarsi alla musica mentre l’ex valletta di Corrado e Mike Bongiorno – pare – sia stata tagliata fuori dalla produzione. Le nuove opinioniste di Alfonso Signorini sono Adriana Volpe, concorrente della quarta edizione, e Sonia Bruganelli, moglie di Paolo Bonolis. 

In un’intervista concessa al settimanale Nuovo Tv Antonella Elia ha commentato le nuove opinioniste del Grande Fratello Vip, non disdegnando qualche frecciatina:

“Temo che non bastino e che non ce la faranno mai a sostituire me. Adriana è la maestrina e non mi aspetto niente da lei. Non si esporrà mai e cercherà di essere amica di tutti e di mantenere i vari equilibri. Sonia mi sembra molto sveglia e tagliente, ha le carte in regola per essere una brava opinionista”

Dunque Antonella Elia sembra promuovere la moglie di Paolo Bonolis – alla sua prima esperienza in un ruolo così importante – mentre boccia sonoramente Adriana Volpe, che ha conosciuto nella Casa più spiata d’Italia. Le due sono state amiche per un breve periodo nel bunker di Cinecittà per poi scontrarsi più volte.

Ad oggi Antonella Elia e Adriana Volpe non hanno mantenuto alcun legame. E, siamo sicuri, queste dichiarazioni di Antonellina non faranno particolarmente piacere all’ex conduttrice Rai.

Cosa farà la Elia dopo il Grande Fratello Vip? Al momento il suo futuro professionale è avvolto nel mistero. Di sicuro va a gonfie vele la relazione con Pietro Delle Piane: quest’estate la coppia girerà la Sardegna in moto.

I probabili concorrenti del Grande Fratello Vip 6

La sesta edizione del Grande Fratello Vip sarà condotta ancora una volta da Alfonso Signorini. Per quanto riguarda i concorrenti si parla di: Katia Ricciarelli, Sandra Milo, l’ex tronista di Uomini e Donne Mariano Catanzaro, l’ex star de Il Segreto Alex Gadea, Miriana Trevisan, la sorella di Tommaso Zorzi, Amedeo Goria, Manuel Bortuzzo, Pamela Prati.

La soubrette sarda ha già partecipato alla prima edizione del GF Vip ma è stata squalificata dalla produzione per una serie di comportamenti sbagliati nei confronti degli autori. Dopo il caso Mark Caltagirone l’ex primadonna del Bagaglino potrebbe però varcare di nuovo la porta rossa per regalarsi una seconda chance mediatica.

Il Grande Fratello Vip 6 partirà a settembre e, con tutta probabilità, finirà nei primi mesi del 2022. Un’edizione molto lunga, quindi, come quella vinta qualche tempo fa da Tommaso Zorzi.

Amici, Sangiovanni e Giulia posano insieme e parlano d’amore: “La prima volta?”

amici,-sangiovanni-e-giulia-posano-insieme-e-parlano-d’amore:-“la-prima-volta?”

Amici

I due vincitori della 20esima edizione protagonisti di un servizio fotografico attesissimo: l’anteprima del servizio di coppia

Pubblicato su

Giulia Stabile e Sangiovanni sulla copertina di Vanity Fair: finalmente i fan possono vederla e condividerla! In tantissimi hanno atteso con ansia questo servizio fotografico della coppia nata ad Amici 20 perché alcuni erano riusciti a scattare foto durante il servizio. Insomma, le foto per Vanity sono state anticipate dai più curiosi che sono riusciti a beccare la coppia sulla spiaggia di Fregene. Si è parlato a lungo di cosa stessero facendo i due lì, mentre si rotolavano sul bagnasciuga: qualcuno ha subito pensato a una intervista, altri a un videoclip musicale.

Il giorno della copertina di Giulia e Sangiovanni su Vanity Fair è arrivato, la foto sta circolando da qualche ore sui social grazie all’anteprima dell’intervista. Il numero con i due protagonisti sarà disponibile da domani, intanto sono arrivate delle anticipazioni. La coppia parlerà del loro amore, ma anche della libertà di amare. Per il momento le dichiarazioni note sono poche, trattandosi di un’anteprima, ma sono abbastanza da mandare in tilt i fan. I Sangiulia sono amatissimi, oltre a essere ormai l’unica coppia nata ad Amici 20 e ancora in piedi.

A proposito della loro relazione, il cantante e la ballerina hanno detto: “La prima volta? Vuol dire essere una cosa sola. Ma a noi non è ancora successo“. Seguiranno altre dichiarazioni nell’intervista completa? Ai fan non dispiacerà se i due preferiranno tenere questi dettagli privati. Ma alcuni vorrebbero sapere pure questo! Sono giovanissimi, 18 anni lui e 19 lei appena compiuti, e alle prese forse con il loro primo amore. Di sicuro è il primo per Giulia Stabile, per lei è stato anche il primo bacio con Sangiovanni. Il cantante ha aggiunto: “Giulia ha iniziato a volermi bene prima che a desiderarmi”. Si sono trovati, insomma, sono giovani, belli, innamorati e teneri. Sul primo bacio, almeno quello a stampo, Giulia ha ricordato:

“Un giorno che lo sapevo in camera a riposare mi sono sdraiata accanto a lui e ci siamo guardati, avvicinati sempre di più, ho sentito in pancia un solletico e, mentre le labbra si toccavano piano piano, mi sono come sollevata da terra”

Sangiovanni ha subito specificato che non si è trattato proprio di un bacio, ma di un innocente bacio a stampo come tra due bambini. Il vero primo bacio poi è arrivato, ovviamente. Poche dichiarazioni che hanno alimentato ulteriormente la voglia dei fan di leggere questa intervista, ma soprattutto di vedere tutte le foto di Giulia e Sangiovanni al mare per Vanity Fair.

Serena Iansiti è diventata mamma: è nata Viola, figlia dell’attrice de Il commissario Ricciardi

serena-iansiti-e-diventata-mamma:-e-nata-viola,-figlia-dell’attrice-de-il-commissario-ricciardi

Serena Iansiti è diventata mamma. L’attrice de Il commissario Ricciardi ha reso nota con un post pubblicato via Instagram la nascita della piccola Viola, la figlia avuta dal compagno Ferran Paredes Rubio. La piccola è venuta al mondo sabato 19 giugno e la sua nascita è stata ufficializzata con una foto dolcissima: il dito della neo mamma che sfiora il piedino della sua bambina.

Gli auguri a Serena Iansiti

Numerosi sono i colleghi famosi che si sono complimentati con Serena per l’arrivo della sua bambina. A commentare il post della nascita sono stati numerosi volti noti del mondo dello spettacolo. A partire dalla collega Giusy Buscemi, ex Miss Italia oggi attrice che ha dato il suo caloroso benvenuto alla piccola Viola. Lei stessa è diventata recentemente mamma di due bambini: Caterina Maria, nata nel 2018, e Pietro Maria, nato nel 2019. A farle gli auguri anche Massimiliano Gallo, Barbara Foria, Sara Zanier, Ivana Lotito e numerosi altri.

Chi è Ferran Paredes Rubio, compagno di Serena Iansiti

Ferran Paredes Rubio è il compagno dell’attrice Serena Iansiti. Spagnolo, ha conosciuto Serena diversi anni fa mentre entrambi studiavano presso il Centro sperimentale di Cinematografia di Roma. Serena stava perfezionando i suoi studi di recitazione. Ferran, invece, studiava per diventare direttore della fotografia. Dopo essersi persi di vista, i due si sono ritrovati e innamorati nel 2019. La loro storia d’amore è diventata giorno dopo giorno sempre più importante, resistendo perfino al durissimo lockdown durante il quale la coppia ha deciso di allargare la famiglia. Viola è la prima figlia per entrambi. La stessa foto condivisa da Serena sul suo profilo Instagram è stata postata dal compagno sui social. Un modo condiviso per dare l’annuncio dell’evento che cambierà la vita di entrambi.

Covid, Spirlì firma l’ordinanza per la zona bianca in Calabria: discoteche, green pass e addio coprifuoco. Ecco tutti i provvedimenti

covid,-spirli-firma-l’ordinanza-per-la-zona-bianca-in-calabria:-discoteche,-green-pass-e-addio-coprifuoco.-ecco-tutti-i-provvedimenti

calabria zona bianca

Il presidente della Regione Calabria ha recepito l’ordinanza del Ministro Speranza e lascia la fascia gialla: da oggi meno restrizioni anche per bar e ristoranti

Il presidente della Regione, Nino Spirlì, ai fini del contenimento della diffusione del Covid-19, ha firmato due ordinanze (numero 43 e 42) con cui, rispettivamente, si applicano in Calabria le misure previste per la “zona bianca” (ordinanza ministro Salute del 18 giugno 2021) e si prende atto delle disposizioni (previste nel Dpcm del 17 giugno) che definiscono le modalità di rilascio delle Certificazioni verdi digitali.

LA ZONA BIANCA

Dal 21 giugno, “cessa la limitazione oraria degli spostamenti ed è prevista l’anticipazione delle date di riapertura” – rispetto a quelle fissate dai decreti legge 52 e 65 – per queste attività: parchi tematici e di divertimento; piscine e centri natatori in impianti coperti; centri benessere e termali; feste private anche conseguenti le cerimonie civili e/o religiose all’aperto e al chiuso; fiere, grandi manifestazioni fieristiche, congressi e convegni; eventi sportivi aperti al pubblico, diversi da quelli di cui all’articolo 5 del decreto legge 52, che si svolgono al chiuso; sale giochi e scommesse, sale bingo e casinò; centri culturali, centri sociali e centri ricreativi; corsi di formazione. In relazione alle sale da ballo e alle discoteche, si applicano le previsioni di cui all’articolo 5 del decreto legge 52, “fermo restando che le attività di ristorazione e bar sono equiparate a quelle già autorizzate dalla normativa vigente”.

Le feste conseguenti alle cerimonie civili e religiose “si svolgono nel rispetto dei protocolli e delle linee guida adottati ai sensi dell’articolo 1, comma 14, del decreto legge 33 del 2020, con la prescrizione che i partecipanti siano muniti di una delle certificazioni verdi Covid-19”.

LE CERTIFICAZIONI VERDI

Con la firma del Dpcm del 17 giugno si sono realizzate le condizioni per l’operatività del Regolamento Ue sul “Green Pass” che, a partire dal prossimo 1 luglio, garantirà la piena interoperabilità delle certificazioni digitali di tutti i Paesi dell’Unione. In questo modo, sarà assicurata la libertà di movimento sul territorio dell’Unione a tutti coloro in possesso di un certificato nazionale valido.

Nell’ordinanza firmata dal presidente Spirlì si ribadisce, dunque, “la necessità del quotidiano aggiornamento delle anagrafi dei soggetti sottoposti a vaccinazione anti Sars-Cov-2, a cura delle Strutture che effettuano il servizio”. Si dispone, inoltre, “l’inserimento immediato nel sistema Tessera sanitaria (Certificazioni verdi – Servizi di invio dati tamponi e certificati di guarigione) ovvero, alternativamente previa acquisizione delle credenziali ove non già fornite, nella piattaforma di reportistica Covid-19 regionale “monitoring”, dell’esito dei test molecolari o antigenici eseguiti, a cure delle strutture laboratoristiche pubbliche e private autorizzate e/o accreditate, abilitate a tali prestazioni, anche in relazione all’ordinanza n. 15/2021”.

OBBLIGO DI ALIMENTARE IL SISTEMA

Stabilito anche “l’obbligo di alimentare tempestivamente il Sistema tessera sanitaria con i dati relativi alle certificazioni di avvenuta guarigione, a cura: a) delle strutture sanitarie afferenti ai Servizi sanitari regionali; b) dei medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta; c) dei medici Usmaf (Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera) e i medici Sasn (Servizi assistenza sanitaria naviganti)”.

L’AGGIORNAMENTO DELLA PIATTAFORMA

Nel provvedimento si sottolinea che i “dipartimenti di Prevenzione delle Aziende sanitarie provinciali devono mantenere pienamente aggiornata la piattaforma web di sorveglianza integrata casi di Coronavirus Covid-19 in Italia dell’Istituto Superiore di sanità, valorizzando tutti i campi delle schede sanitarie, incluso lo stato clinico”.

Si dà mandato al delegato del Soggetto attuatore “di definire le ulteriori procedure operative finalizzate all’organizzazione funzionale della gestione dati, oggetto del presente provvedimento”.

Viene precisato, infine, che “il possesso e la presentazione di certificazioni vaccinali, e più in generale di certificazioni verdi, non deve sostituire il rispetto delle misure di prevenzione e contrasto della diffusione del contagio quali il distanziamento interpersonale, l’utilizzo della mascherina, l’igienizzazione delle mani e delle superfici, fin quando le relative indicazioni nazionali non vengano modificate”.


Martedì 22 giugno ore 10, sit in di protesta contro riduzione pagamento lavoro notturno e reperibilità

martedi-22-giugno-ore-10,-sit-in-di-protesta-contro-riduzione-pagamento-lavoro-notturno-e-reperibilita

Le scriventi Organizzazioni sindacali Nursing Up, Uil,Usb, Fsi, e Cisna con i rispettivi componenti eletti nella RSU ARNAS Brotzu rappresentano in questa iniziativa congiunta e unitaria la maggioranza delle rappresentanze sindacali operanti nell’Arnas Brotzu.

Le scriventi organizzazioni con la presente dichiarano di non essere giunti a nessuna ipotesi d’accordo sui criteri di ripartizione delle risorse per la contrattazione integrativa con l’Arnas Brotzu.

Unitariamente e in accordo i sindacati scriventi e le corrispettive rappresentanze in Rsu sono assolutamente contrari alla sospensione o riduzione del pagamento della maggiorazione delle indennità di lavoro notturno e di pronta disponibilità al fine di consentire all’Azienda di assolvere ai propri obblighi per il pagamento dei festivi infrasettimanali.

Leggiamo con sconcerto che la Direzione Generale del Brotzu persiste anche per mezzo stampa nella volontà di ridurre lo stipendio ai lavoratori del Brotzu che lavorano h 24 con turni e pronta disponibilità.

Il Commissario Straordinario scrive di aver raggiunto nella riunione dell’8 Giugno un’ipotesi di accordo insieme ai sindacati senza però indicare con quali sindacati. Sappiamo che i sindacati presenti erano solo CGIL, CISL, FIALS e Nursind.

La FIALS ARNAS BROTZU in un comunicato firmato e inviato a tutti i lavoratori via mail aziendale chiarisce di non aver concordato nessuna ipotesi di accordo. Anche il Nursind ha comunicato di non aver concordato nessuna ipotesi di accordo e di essere contrari alla proposta aziendale.

IL COMMISSARIO HA IL BENESTARE SOLO DELLA CGIL E DELLA CISL CHE INSIEME RAPPRESENTANO MENO DEL 20 % DELLA FORZA SINDACALE DELL’ARNAS BROTZU E PARLA IN GENERALE DI UN CONSENSO DEI SINDACATI?

Pertanto le organizzazioni sindacali scriventi esplicitano di non essere giunti a nessuna ipotesi d’accordo con la direzione del Brotzu e di considerare la proposta avanzata dall’Azienda Brotzu inaccettabile e offensiva per la dignità dei tanti operatori sanitari che consacrificio e professionalità garantiscono le prestazioni sanitarie alla popolazione di tutta la Sardegna.

Nonostante la contrarietà espressa ufficialmente dall’80 % dei sindacati il Commissario dell’ARNAS ha convocato per martedì 22 Giugno un incontro sindacale per sottoscrivere l’ipotesi di accordo proponendoci uno schema di ripartizione dei fondi precompilato a danno dei lavoratori.

I sindacati scriventi alle ore 10 di Martedì 22 Giugno non parteciperanno all’incontro convocato dal Commissario ma manifesteranno la propria contrarietà insieme ai lavoratori in un Sit in di protesta nell’area esterna del Brotzu.

Nursing Up Diego Murracino, Uil Fabio Sanna, Usb Firmato, Fsi Marco Pulisci, Cisna Giovanni Congiu

Ultimi articoli pubblicati