Autore: Raffaele Ambrosino

Morto suicida in carcere John McAfee, inventore dell’omonimo antivirus: rischiava 30 anni di prigione negli USA

morto-suicida-in-carcere-john-mcafee,-inventore-dell’omonimo-antivirus:-rischiava-30-anni-di-prigione-negli-usa

Foto Ansa

John McAfee, programmatore britannico e inventore dell’omonimo antivirus, si è suicidato nel carcere di Barcellona: rischiava 30 anni di galera negli USA

Un’incredibile notizia sconvolge il mondo dell’informatica. John McAfee è stato trovato morto nel carcere di Barcellona nel quale era rinchiuso. Si tratterebbe di un suicidio. Il programmatore informatico britannico, naturalizzato americano, fondatore dell’omonima società e creatore del sistema antivirus che porta il suo cognome, era stato arrestato all’aeroporto di Barcellona nel 2020, mentre stava per prendere un aereo verso la Turchia. L’accusa a suo carico è di evasione fiscale, dal 2014 al 2018, nonostante i guadagni milionari ottenuti probabilmente attraverso attività di trading di criptovalute. Quest’oggi il tribunale nazionale spagnolo aveva approvato l’estradizione verso gli Stati Uniti nei quali rischiava 30 anni di prigione. Decisione che poteva comunque essere appellata e in ogni caso doveva essere approvata dal governo spagnolo prima che McAfee potesse essere effettivamente estradato.


Diletta Leotta in Turchia con Can Yaman, interviene la madre dell’attore

diletta-leotta-in-turchia-con-can-yaman,-interviene-la-madre-dell’attore

Continua la storia d’amore tra Diletta Leotta e Can Yaman. La conduttrice di Dazn e l’attore fanno spallucce davanti a chi ritiene la loro relazione solo una trovata pubblicitaria e si mostrano sempre più propensi a vivere questo sentimento alla luce del sole, condividendo sui social romantici scatti di coppia. In queste ore, Diletta Leotta è volata in Turchia, dove sta trascorrendo delle giornate piacevoli in compagnia della famiglia di Yaman.

Il messaggio della madre di Can Yaman per Diletta Leotta

Can Yaman è legatissimo alla sua famiglia. In un’intervista rilasciata in passato a Tv, Sorrisi e Canzoni ha avuto parole cariche di affetto e stima per i suoi genitori: “Mio padre per me è un idolo e mia madre è sempre stata un punto di riferimento“. C’è da presupporre, dunque, che l’opinione di mamma Guldem sia particolarmente importante per lui. A quanto pare, la donna è contentissima della relazione tra suo figlio e Diletta Leotta. In queste ore, ha pubblicato uno scatto in compagnia della coppia e nella didascalia ha scritto: “Mia figlia e mio figlio“, accompagnando la tenera frase con un cuoricino. È evidente, dunque, che Leotta è riuscita a conquistare anche la donna che potrebbe diventare sua suocera.

La vacanza in Turchia di Can Yaman e Diletta Leotta

La vacanza in Turchia di Can Yaman e Diletta Leotta è stata all’insegna del relax. La coppia si è concessa un giro in barca con i genitori dell’attore e tantissimi amici e parenti. Diletta ha assaggiato tutte le prelibatezze locali. Non sono mancati i momenti romantici, poi condivisi sui social, in cui l’attore ha stretto in un abbraccio la sua fidanzata mentre alle loro spalle si stagliava un incantevole tramonto. Il sorriso sul volto di entrambi sembra confermare il momento felice che stanno vivendo. Sarà il futuro a dire se sia vero amore.

All Rights Adds ‘The Thing Behind the Door’ to Cannes Market Slate

all-rights-adds-‘the-thing-behind-the-door’-to-cannes-market-slate

Hong Kong- and Paris-based All Rights Entertainment has added “The Thing Behind the Door” to its pre-Cannes and Cannes Market slate of films. The picture is a female-led French horror which is currently shooting and is to be delivered by the fourth quarter of this year.

All Rights pitches the film as a “Lovecraftian creature feature.” The story follows a young widow struggling to make ends meet as World War I rages on. Crippled by grief, feeling unable to keep going without her husband, she resorts to black magic, and is guided by an ancient manuscript. She enjoys success in reviving the dead man, but at a terrible cost.

“Thing” is the feature debut of Fabrice Blin. He is teamed up with experienced producer Fabrice Lambot, whose Phase 4 Productions is behind Monia Chokri’s new film “Babysitter.” (With his previous company Metaluna, Lambot produced numerous genre films including acclaimed French horror “Among the Living” and the anthology “The Theatre Bizarre.”)

Visual effects for the new film are produced by with vfx by Trimaran, a cpmpany which previously delivered effects for “Nightmare Cinema,” an anthology that involved David Slade, Ryuhei Kitamura, Mick Garris and Joe Dante.

The company previously picked up sales rights to French-made suspense thriller “The Pilot” about a drone pilot in Mali whose wife and daughter are kidnapped by terrorists. “The Pilot” is the latest example in the screenlife genre, in which everything the viewer sees happens on a computer screen, a smartphone or a tablet and the entire film plays out on screens.

optional screen reader

Morgan, l’ex si sfoga sul cantante. Nel mirino anche Barbara D’Urso

morgan,-l’ex-si-sfoga-sul-cantante.-nel-mirino-anche-barbara-d’urso

Morgan è di nuovo al centro del mirino, questa volta torna a parlare di lui la sua ex Jessica Mazzoli. La donna è pentita, di cosa?

Sanremo 2020 Morgan, a quanto ammonta il conto da saldare per quel terribile gesto

Morgan da anni ruba la scena in televisione, con le sue storie e alcuni retroscena della sua vita professionale e sentimentale. Per anni è stato innamorato di Asia Argento, i due hanno dato alla luce una figlia ma le cose poi sono andate scemando, fino ad arrivare alla separazione.

Poi Jessica Mazzoli, anche lei ormai un’ex. Tra loro i rapporti non sono finiti nel migliore dei modi e la donna ha rivelato alcuni particolari da lasciare senza parole.

Morgan: l’ex è pentita delle sue scelte

Morgan ha una figlia anche con Jessica Mazzoli, si chiama Lara. La donna più volte ha ribadito di essersi pentita di aver fatto delle scelte sbagliate.

Ha parlato poi facendo riferimento a quanto aveva dichiarato da Barbara D’Urso in una delle puntate di Pomeriggio 5 dove ha rivelato che

Tantissime interviste io le rinnego, soprattutto le prime da Barbara perché ero giovane, inconsapevole, incosciente, ingenua ed emotivamente presa dalla situazione di Morgan. Non avevo una buona proprietà di linguaggio anche dopo un anno che ero chiusa in casa a causa di un uomo che fa quello che fa.

La donna ha accusato di recenti il suo ex, ha spiegato che

Morgan mi chiede foto osé in cambio dei soldi, ho ceduto perché se non lo avessi fatto non mi avrebbe mandato i soldi del mantenimento.

LEGGI ANCHE>>>Gigi D’Alessio, il figlio è nei guai! Dopo la denuncia si avvicina la sentenza

LEGGI ANCHE>>>Il Volo, Ignazio Boschetto ha un’ex in comune con Carlo Conti: lo scoop

A quanto pare Lara non vede suo padre da molto tempo e secondo la versione di Jessica è Morgan che non ne vuole sapere. Non ci sono altri dettagli sulla loro relazione passata e del presente, ma la televisione e il gossip ancora una volta non perde occasione di parlare del grande artista. La vita di Morgan finisce nel diventare sempre uno degli argomenti più discussi.

Syria cantante oggi: cosa fa e novità sulla vita privata di Cecilia Cipressi

syria-cantante-oggi:-cosa-fa-e-novita-sulla-vita-privata-di-cecilia-cipressi

Musica

L’artista si è raccontata in una lunga intervista concessa al settimanale Vero, spiegando perché si è presa una pausa dalla musica

Pubblicato su

Syria – vero nome Cecilia Cipressi – resta una delle interpreti più brave e talentuose del panorama musicale italiano. La cantante è anche una dj e un’attrice. Negli ultimi anni, però, la 44enne ha deciso di prendersi una lunga pausa dal mondo delle sette note. Un vero e proprio colpo al cuore per i tanti fan della Cipressi.

In un’intervista rilasciata al settimanale Vero Syria ha spiegato i motivi che l’hanno portata ad allontanarsi – seppur brevemente –  dalla musica, la sua prima passione:

“Siamo in tanti e si sgomita, io non mi do tutta questa importanza. Ho preso alcune porte in faccia e non sono riuscita a fare qualche Sanremo. A un certo punto ti chiudi a riccio e pensi di prendere un’altra strada”

L’ultimo lavoro discografico di Syria è l’album 10+10 uscito nel 2017. Nello stesso anno l’ultimo singolo con l’amica Ambra Angiolini dal titolo Io, te, Francesca e Davide.  Syria ha avuto la possibilità di lavorare a teatro con un tributo importante a Gabriella Ferri. Proprio il palcoscenico sembra destinato ad essere il futuro di Cecilia Cipressi che ha puntualizzato che “il teatro richiede una concentrazione diversa e ho riversato lì le mie energie”.

In questo periodo Syria sta lavorando alla storia del grande Sergio Bardotti – paroliere e produttore morto nel 2007 – e ha in mente anche un progetto dedicato alla musica brasiliana. Syria ha poi rimarcato di capire subito quali sono gli artisti creati a tavolino e con poco talento rispetto ad altri che masticano musica da sempre.

Della nuova generazione di cantanti Syria apprezza particolarmente Madame, che ha definito una ragazza che si è fatta da sola e che ha tanto da dire. Un prodotto veritiero, ha precisato Syria, a dispetto di tanti altri di plastica.

La vita privata della cantante Syria

Per quanto riguarda la vita privata Syria è ancora felicemente legata al produttore discografico Pier Paolo Peroni. La coppia è convolata a nozze nei primi anni Duemila. Un matrimonio organizzato in appena un mese, con rito civile, nella campagna di Viterbo. Syria ha avuto dal marito due figli: Alice, nata nel 2001, e Romeo, arrivato nel 2012. 

Durante l’emergenza Coronavirus Syria ha sofferto particolarmente per la primogenita, che è stata costretta a trascorrere quasi due anni della sua adolescenza in casa, senza vivere la vita. Un vero e proprio dramma per tanti ragazzi in tutto il mondo.

Fedez e il video di Mille: la risposta al Codacons

fedez-e-il-video-di-mille:-la-risposta-al-codacons

Gossip

Il rapper milanese ha condiviso una Instagram Story dove annuncia con ironia l’esito della querelle con il Codacons

Pubblicato su

Fedez ha deciso di usare l’ironia per replicare alle accuse mosse contro di lui dal Codacons in riferimento alla presenza di pubblicità occulta nel suo ultimo brano musicale ‘Mille’. Per comunicare quindi l’esito della querelle, ha creato un divertente video, facendo interpretare alla moglie Chiara Ferragni il ruolo del suo avvocato.

La celebre associazione a tutela dei consumatori aveva attaccato pesantemente il rapper milanese ricordando che Fedez dopo aver utilizzato in svariate occasioni la sua pagina su Instagram per lanciare messaggi pubblicitari ai suoi follower, ha promosso il marchio Nike durante la partecipazione al concertone del primo maggio.

Ma non è tutto. Infatti, sempre secondo quello che afferma la Codacons, Fedez avrebbe anche abbracciato la causa del Ddl Zan in concomitanza del lancio della sua linea di smalti per uomo, quindi negli ultimi giorni la presunta pubblicità occulta nel brano ‘Mille’ – scritto insieme a Achille Lauro e Orietta Berti – dove si inciterebbe al consumo della Coca-Cola.

L’esito della querelle Fedez-Codacons

Mentre il ritmo leggero di ‘Mille’ convinceva gli italiani, gli avvocati del rapper hanno lavorato alacremente per difendere il cantante dalle accuse del Codacons. L’esito della querelle è stato comunicato da Fedez con la sua solita ironia. In una Instagram stories si vede il volto della moglie Chiara Ferragni trasformato in quello dell’avvocato del cantante. Quindi a margine il commento: “Abbiamo vinto la causa contro il Codacons“.

Il tutto con in sottofondo un frammento del brano cantato da Orietta Berti – dove si fa riferimento alla celebre bevanda americana -, mentre Fedez replica: “Hai risolto un bel problema, ma poi me ne restano mille“. Un chiaro riferimento ai tanti attacchi che quasi quotidianamente riceve e da cui deve difendersi.

Se questo è il prezzo del successo, Fedez sicuramente lo sta pagando tutto. A dispetto dei tanti invidiosi e dei detrattori del cantante, ‘Mille’ è un brano che coinvolge, piace e diverte. Ma soprattutto regala una spensieratezza che tanto noi italiani abbiamo bisogno in questo momento.

Dott. Bassetti sulle mascherina prima che “cambiasse” idea

dott.-bassetti-sulle-mascherina-prima-che-“cambiasse”-idea
ab 1 year This domain of this cookie is owned by agkn. The cookie is used for targeting and advertising purposes. AFFICHE_W 1 year 1 month 1 day The domain of this cookie is owned by Weborama Software. This cookie is used for targeting and advertising purposes. It helps in tracking the visitor and serving them with relevant ads. anj 3 months No description available. APIDTS 1 day This cookie is set by the provider Yahoo.com. This coookie is used to collect data on visitor preference and behaviour on website inorder to serve them with relevant content and advertisement. audience 1 year The domain of this cookie is owned by Spotxchange. This cookie is used for targeting and advertising. B 1 year This Cookie is used by Yahoo to provide ads, contents or analytics. CMID 1 year The cookie is set by CasaleMedia. The cookie is used to collect information about the usage behavior for targeted advertising. CMPRO 3 months This cookie is set by Casalemedia and is used for targeted advertisement purposes. CMPS 3 months This cookie is set by Casalemedia and is used for targeted advertisement purposes. CMRUM3 1 year This cookie is set by Casalemedia and is used for targeted advertisement purposes. CMST 1 day The cookie is set by CasaleMedia. The cookie is used to collect information about the usage behavior for targeted advertising. DSID 1 hour This cookie is setup by doubleclick.net. This cookie is used by Google to make advertising more engaging to users and are stored under doubleclick.net. It contains an encrypted unique ID. i 1 year The purpose of the cookie is not known yet. id 1 year 1 month The main purpose of this cookie is targeting and advertising. It is used to create a profile of the user’s interest and to show relevant ads on their site. This Cookie is set by DoubleClick which is owned by Google. IDE 1 year 24 days Used by Google DoubleClick and stores information about how the user uses the website and any other advertisement before visiting the website. This is used to present users with ads that are relevant to them according to the user profile. IDSYNC 1 year This cookie is used for advertising purposes. KADUSERCOOKIE 3 months The cookie is set by pubmatic.com for identifying the visitors’ website or device from which they visit PubMatic’s partners’ website. KTPCACOOKIE 1 day This cookie is set by pubmatic.com for the purpose of checking if third-party cookies are enabled on the user’s website. mc 1 year 1 month This cookie is associated with Quantserve to track anonymously how a user interact with the website. mdata 1 year 1 month The domain of this cookie is owned by Media Innovation group. This cookie registers a unique ID used to identify a visitor on their revisit inorder to serve them targeted ads. NID 6 months This cookie is used to a profile based on user’s interest and display personalized ads to the users. oo 5 years 5 days This cookie is set by the provider AddThis. This cookie is used for targeted advertising. It helps in knowing about the users that visit their webpages. ov 1 year 1 month This cookie is set by the provider mookie1.com. This cookie is used for serving the user with relevant content and advertisement. pxrc 2 months The purpose of the cookie is to identify a visitor to serve relevant advertisement. remixlang 1 year This cookie is set by the provider vk.com. This cookie is used for advertising purposes. rlas3 1 year The cookie is set by rlcdn.com. The cookie is used to serve relevant ads to the visitor as well as limit the time the visitor sees an and also measure the effectiveness of the campaign. test_cookie 15 minutes This cookie is set by doubleclick.net. The purpose of the cookie is to determine if the user’s browser supports cookies. uid 1 year 1 month This cookie is used to measure the number and behavior of the visitors to the website anonymously. The data includes the number of visits, average duration of the visit on the website, pages visited, etc. for the purpose of better understanding user preferences for targeted advertisments. uuid 3 months To optimize ad relevance by collecting visitor data from multiple websites such as what pages have been loaded. uuid2 3 months This cookies is set by AppNexus. The cookies stores information that helps in distinguishing between devices and browsers. This information us used to select advertisements served by the platform and assess the performance of the advertisement and attribute payment for those advertisements. VISITOR_INFO1_LIVE 5 months 27 days This cookie is set by Youtube. Used to track the information of the embedded YouTube videos on a website. YSC session This cookies is set by Youtube and is used to track the views of embedded videos.

Bianca Guaccero, l’ex la corteggia. Ritorno di fiamma?

bianca-guaccero,-l’ex-la-corteggia.-ritorno-di-fiamma?

La splendida Bianca Guaccero di nuovo oggetto delle attenzioni di un suo storico ex fidanzato: potrebbe esserci un ritorno al passato.

Quello di Bianca Guaccero è uno dei volti più amati e seducenti della Rai. L’attrice e presentatrice pugliese colpisce sempre con il suo fascino e può vantare numerosi ammiratori.

Bianca Guaccero
Bianca Guaccero (foto da profilo ufficiale Instagram)

In molti si preparano a godersi un’altra estate in cui sarà protagonista su Instagram. Lo scorso anno, i suoi scatti spopolarono, regalando sprazzi di fascino con pochi eguali.

Non è una novità del resto per chi la segue da tempo e la conosce bene, sapendo quali immagini può regalare. I suoi numerosi followers sul web stravedono per lei, e non sono i soli.

Una donna di tale fascino del resto può contare su un nutrito stuolo di ammiratori anche al di fuori della rete, nel mondo reale.

E uno di questi, in particolare, una vecchia fiamma, sembra si stia rifacendo di nuovo sotto.

Bianca Guaccero, la dedica speciale da parte di un vecchio amore: che cosa succede?

Il gossip impazza da tempo su uno degli ex fidanzati di Bianca e proprio su Instagram, in queste ore, sembrerebbe esserci un nuovo indizio.

Si tratta dell’ex calciatore Nicola Ventola, pugliese come lei. La loro storia risale agli anni giovanili, ormai circa vent’anni fa, ma i due sono rimasti in buoni rapporti.

In più di un’occasione si sono scambiati commenti e battute su Instagram. Questa volta, il messaggio di Nicola sembra recare in sé qualcosa di più.

Sotto uno degli ultimi post, infatti, le ha lasciato una dedica particolare:

A Natale sei ancora più bella!

Un commento che non è passato inosservato e a cui Bianca ha risposto prontamente con una battuta:

Ma se sono la Befana!

E’ passato del tempo, ma tra i due il feeling è rimasto immutato. L’ipotesi di un ritorno di fiamma viene avanzata da molto, dagli esperti di gossip.

LEGGI ANCHE —> Diletta Leotta beccata a pranzo con un uomo sconosciuto: dov’è Can?

LEGGI ANCHE —> Alba Parietti incastrata! Adesso va in Tribunale: che scontro con la Lucarelli!

Al momento Bianca continua a dirsi single e concentrata solo sulla figlia Alice. Ma chissà che il corteggiamento di Ventola non vada a buon fine…

L’ex di Gemma Galgani nei guai seri. “Drogato da una donna”, nasconde qualcosa?

l’ex-di-gemma-galgani-nei-guai-seri.-“drogato-da-una-donna”,-nasconde-qualcosa?

Uno degli ex di Gemma Galgani, nota dama di ‘Uomini e Donne’, racconta una brutta esperienza: che cosa gli è accaduto

Le vicende di Gemma Galgani hanno appassionato a lungo i telespettatori di ‘Uomini e Donne’. La dama è senza dubbio una delle più amate mai transitate nel programma di Maria De Filippi.

Gemma Galgani
Gemma Galgani (foto da profilo ufficiale Instagram)

Personaggio al centro di vari intrighi nel corso della sua partecipazione al programma, è ancora adesso molto seguita sui social network. I suoi tanti sostenitori la apprezzano per come abbia svolto con grande dignità il ruolo di dama del trono ‘Over’, nonostante alcune difficoltà.

Più di qualcuno tra i suoi corteggiatori alla fine non ha infatti manifestato intenzioni limpide o non ha mantenuto fino in fondo i sentimenti che prometteva.

Uno di questi, in particolare, racconta ora di essere finito nei guai con un’altra donna, dalla quale sarebbe stato addirittura drogato.

Gemma Galgani, il suo ex vittima di un raggiro: il racconto

L’ex in questione risponde al nome di Fabrizio Cilli, uno dei corteggiatori che maggiormente ha fatto discutere. Il suo interesse non reale per la dama era stato smascherato quasi subito da Gianni Sperti.

Cilli ha poi più volte replicato a distanza dando una sua diversa versione dei fatti. Ultimamente, poi, lo abbiamo visto impegnato in altri reality, come ‘Affinity’ e ‘Inf House’.

Di recente, però, ha spiegato di essere stato vittima di un raggiro da parte di una donna, una manager che lo avrebbe drogato ‘in cambio di favori sessuali’. Ecco la confessione di Cilli:

Ci siamo visti in albergo, mi ha versato da bere, ma ho iniziato a vedere offuscato e dopo poco sono svenuto. Mi sono svegliato nel letto dopo dieci ore. Lei mi ha detto: ‘non ti crederà nessuno’. Sono finito al pronto soccorso, mi ha raggirato.

LEGGI ANCHE —> Christian Eriksen, il comunicato della società: è necessario, subito!

LEGGI ANCHE —> Berlusconi, weekend in dolce compagnia: chi è la sua nuova fiamma!

In alcune storie su Instagram, ha confermato la sua versione ai fan che gli hanno chiesto ancora dell’episodio. In seguito alla caduta dopo lo svenimento, dice, avrebbe riportato la rottura del menisco. Non è chiaro se Cilli abbia denunciato l’accaduto alle autorità.

Bar, foresteria, mensa, palestre e… lavori un corso: un gioiello tutto colorato d’amaranto. Reggina, viaggio all’interno di un rinnovato Sant’Agata [FOTO]

bar,-foresteria,-mensa,-palestre-e…-lavori-un-corso:-un-gioiello-tutto-colorato-d’amaranto.-reggina,-viaggio-all’interno-di-un-rinnovato-sant’agata-[foto]
  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

  • Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

    Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

/

Il viaggio all’interno del centro sportivo Sant’Agata: la Reggina ha ospitato gli organi di informazione per un percorso “pieno” dentro la struttura, rinnovata e abbellita

E’ la casa della Reggina. E non è una frase fatta. Da quando esiste, il Sant’Agata rappresenta un gioiello, un orgoglio della società, presieduta dai vari fruitori nel corso degli anni. C’è chi ha avuto l’intuizione, chi ha costruito tanto nel tempo e chi, ora, sta realizzando un lavoro davvero straordinario per renderlo una struttura sicuramente unica in Calabria e tra le poche del Sud Italia. La Reggina, questo pomeriggio, ha offerto a tutti gli organi di informazione un vero e proprio viaggio all’interno del centro sportivo di Via delle Industrie, rinnovato dalle recenti migliorie apposte con determinazione, voglia e amore dal presidente Gallo. Da luoghi già definiti e in cui si è operato da poco ad altri in cui la parola d’ordine è “lavori in corso”. Perché la società amaranto non si ferma mai, lavora sempre, vuole espandersi. E, dopo la firma con la città metropolitana per la convenzione al club per 19 anni, sono previsti ancora tanti interventi importanti nel brevissimo periodo e non solo.

Il viaggio è stato guidato dal direttore generale Giuseppe Mangiarano, che ha condotto i giornalisti dalla “sala stampa Nakamura” agli spogliatoi passando per i campi, il nuovo bar, la foresteria, i vari magazzini e la mensa. Tutto, rigorosamente, contraddistinto da un unico colore: l’amaranto. E’ stata una scelta ben precisa, quella della società, di istituire ovunque – ben impressa – “l’immagine Reggina”. Loghi, colori, foto recenti e del passato, frasi storiche. La storia, tutta racchiusa all’interno di un centro grande, funzionale, ricco di servizi e rinnovato in ogni sua forma. Rinnovato e in continuo rinnovamento: la palestra della prima squadra è stata allargata, la “sala stampa Nakamura” rinnovata e abbellita, l’infermeria e gli spogliatoi pronti – entro il 10 luglio, data delle visite mediche – con le vasche moderne e defaticanti per i calciatori. Sui campi si sta invece lavorando adesso, che l’attività è ferma. Il campo 2, per la precisione, viene curato dallo stesso giardiniere del Granillo per permettere ai calciatori della prima squadra di abituarsi al tappeto dello stadio in cui si gioca la domenica. E poi il nuovo bar e le stanze delle squadre giovanili, che hanno sostituito la vecchia biglietteria/sala stampa, oltre ai campi in cui si allenano i più giovani e la mensa, sapientemente gestita dalle cuoche gentili e sorridenti. Dalle parole ai fatti, però. Tutte le foto del centro sportivo a corredo dell’articolo, un “percorso” virtuale in cui vi portiamo all’interno del Sant’Agata. Buon viaggio!