Author: Raffaele Casola

Gims polygame ? Le chanteur répond enfin à la rumeur

gims-polygame-?-le-chanteur-repond-enfin-a-la-rumeur

Marié à DemDem depuis 2005 avec qui il a eu quatre enfants, Gims a été en couple avant cela avec une autre femme, mère de ses deux premiers enfants. Depuis de nombreuses années, une rumeur dit du chanteur qu’il est polygame. Certains ont été jusqu’à dire que sa femme était au courant et acceptait la situation.

Gims n’avait jusqu’alors jamais rebondi sur le sujet, ce qui a suffi à faire enfler la polémique.

Interviewé par le Journal du Dimanche de ce 23 janvier, le chanteur est finalement revenu sur cette rumeur et a entièrement nié.

“Je me suis marié une seule fois”

Gims a ainsi tenu à mettre les choses au clair : “C’est totalement faux. Je vis avec DemDem et les enfants. Je me suis marié une seule fois. Je ne l’ai jamais dit publiquement. Je n’ai jamais voulu m’attarder sur cette rumeur. La rumeur s’éteint quand elle atteint l’oreille de l’intelligent. J’ai confiance en l’intelligence de mon public.”

Lancé sur le sujet, le rappeur a expliqué pourquoi il n’a jamais cherché à démentir cette rumeur : “On ne me parle pas de ça. Mon public ne m’en parle jamais. Ça venait d’ailleurs, je ne sais pas précisément d’où. Ça fait très longtemps qu’elle existe, cette rumeur, depuis l’époque où je faisais partie du groupe Sexion d’assaut. Le fait de vivre au Maroc a dû amener cette ambiguïté.”

Voilà qui est dit et qui aura, on l’espère, de quoi laisser tranquille le couple marié.

Gims et sa femme DemDem © Giancarlo Gorassini
Gims et sa femme DemDem © RACHID BELLAK
Gims et sa femme DemDem © CYRIL MOREAU
Gims et sa femme DemDem © RACHID BELLAK
Gims et sa femme DemDem © VEEREN
Gims et sa femme DemDem © COADIC GUIREC
Gims © Tiziano Da Silva
Gims © Tiziano Da Silva
Gims © Pierre Perusseau – Rachid Bellak
Gims et sa femme DemDem © Pierre Perusseau
Gims © Pierre Perusseau
Gims © Norbert Scanella

Cédric Jubillar : comment ses avocats justifient qu’il ait avoué le meurtre de Delphine à plusieurs reprises 

cedric-jubillar-:-comment-ses-avocats-justifient-qu’il-ait-avoue-le-meurtre-de-delphine-a-plusieurs-reprises 

Une explication logique ? Delphine Jubillar est introuvable depuis le 16 décembre 2020. La jeune femme a disparu à Cagnac-les-Mines dans le Tarn, sans laisser de traces. Malgré une enquête qui a rapidement été ouverte et qui se poursuit à ce jour, aucun élément n’a permis de découvrir ce qui a pu lui arriver. Le principal suspect est son époux, Cédric Jubillar, mis en examen pour “homicide volontaire sur conjoint” en juin dernier. Alors qu’il ne cesse de clamer son innocence, le père de famille se serait confié à sa nouvelle compagne Séverine mais aussi à ses codétenus. Des aveux qui font beaucoup parler et que son avocate, Emmanuelle Franck, a souhaité expliquer. Sur l’antenne de BFMTV ce dimanche 23 janvier, elle a apporté des précisions. En réalité, rien de nouveau et rien d’exceptionnel, a-t-elle assuré. La raison ? “Il avait déjà indiqué cela à sa compagne dès le mois de juin. Elle lui posait de manière assez pressante la question que tout le monde se pose à savoir s’il a tué ou non Delphine Jubillar“. Selon les propos d’Emmanuelle Franck, son client en aurait simplement eu marre qu’on lui pose ce genre de questions.A force de lui répondre qu’il n’a rien fait et qu’il est innocent, il avait fini par lui dire, sur un ton ironique que l’on peut discuter bien sûr, qu’il avait tué et enterré Delphine dans la ferme qui a brûlé“, a conclu l’avocate. Des propos pris très au sérieux par les enquêteurs.

Elle ne comprend pas. Sur l’antenne de BFMTV, Emmanuelle Franck indique que Cédric Jubillar s’est désigné comme responsable de la disparition de son épouse puisqu’il en avait marre d’être pointé du doigt. Il semblerait qu’il ait fonctionné de la même manière avec son codétenu puisqu’on le sait que tous lui demandaient de manière incéssante s’il était l’auteur ou non, du meurtre de sa femme“, a affirmé l’avocate. Par la suite, elle a rappelé que la ferme n’était pas un élément inconnu des enquêteurs.Ils avaient mobilisé des moyens au moins de juin. La ferme a déjà été fouillée. Le codétenu s’est exprimé en octobre et je suis étonnée qu’on attende mi-janvier pour revenir sur cette ferme brûlée”, a-t-elle assuré. Selon Emmanuelle Franck, les propos tenus par Cédric Jubillar dont ceux “d’un homme stressé par les accusations qu’il finit par considérer comme absurdes”, a-t-elle déclaré avant d’ajouter : “Il clame son innocence depuis le début et il ne comprend pas qu’on continue à s’acharner et peut-être répond-il à cette absurdité par un comportement absurde”. Si le père de famille a simplement été lassé de toutes ces accusations, les enquêteurs ont, de leur côté, pris ses propos très au sérieux. Pour eux, ceux-ci sont une raison suffisante pour poursuivre son incarcération et refuser ses nombreuses demandes de remise en liberté.

Delphine Jubillar : la ferme est-elle un lieu idéal pour cacher un corps ?

Lorsqu’il s’est entretenu avec ses codétenus, Cédric Jubillar a mentionné la ferme, affirmant qu’elle a brûlé mais aussi qu’il s’agit de l’endroit où il a caché le corps de son épouse. “Il va dire cela à son codétenu et aujourd’hui, c’est monté en épingle et on fouille cette endroit“, a expliqué Emmanuelle Franck avant d’ajouter :Je ne sais pas si c’est un lieu idéal mais il serait question d’un autre véhicule que celui de Delphine Jubillar utilisé pour transporter son corps, selon les révélations du codétenu”. Pour rappel, Marco, le codétenu, a mentionné une voiture blanche qui aurait transporté le corps de l’infirmière de 33 ans. Ce que déplore l’avocate ?Encore aujourd’hui, Delphine Jubillar n’a pas été retrouvée, c’est tout ce que je sais. C’est bien  normal qu’il y ait des investigations, il faut continuer de chercher la jeune femme“, a-t-elle conclu. Qu’est-il arrivé à Delphine Jubillar ?

Cédric Jubillar © W9
Cédric Jubillar © Facebook
Cédric Jubillar © Facebook
Cédric Jubillar © Facebook
Cédric Jubillar © Facebook
Cédric Jubillar © Facebook
Cédric Jubillar © Facebook
Cédric Jubillar © Facebook
Cédric Jubillar © Facebook
Cédric Jubillar © Facebook
Cédric Jubillar © Facebook
Cédric Jubillar © Facebook

Delia Duran svela cosa hanno fatto Alex e Soleil sotto le coperte

delia-duran-svela-cosa-hanno-fatto-alex-e-soleil-sotto-le-coperte

Nella casa del GF Vip 6 Delia Duran ha svelato a Jessica Selassié cosa le avrebbe detto suo marito, Alex Belli, in merito a cosa sarebbe successo tra lui e Soleil sotto le coperte.

Alex Belli e Soleil: la confessione di Delia Duran

Nella casa del GF Vip 6 continua a tenere banco quanto accaduto tra Alex Belli e Soleil Sorge, specie ora che nella casa è entrata la moglie dell’attore Delia Duran. Confidandosi con Jessica Selassié, Delia ha rivelato che sarebbe avvenuto qualcosa tra suo marito e l’influencer sotto le coperte (e impossibile dunque da inquadrare per le telecamere). “Alex e Sole non hanno detto le cose come stanno. Quando lui è uscito mi ha rivelato che tra loro è successo qualcosa di particolare. Mi ha detto proprio tutto, si tratta di intimità. Devo dire che mi ha detto tutte queste cose dopo che l’ho perdonato. Questo è stato il mio errore, perdonarlo subito, ma in amore succede anche questo”, ha confessato Delia, che poi ha aggiunto ambigua: “Si vedeva”.

Delia Duran intende lasciare Belli

Nelle ultime ore sopra la casa del GF Vip è passato un aereo indirizzato a Belli e a Soleil Sorge, fatto che ha fatto sprofondare Delia nel più profondo sconforto. Per questo la modella si è detta intenzionata a lasciare suo marito, ma Belli ha replicato di essere pronto a rientrare al GF Vip per tentare di riprendersela. Come andranno a finire le cose tra i due?

Allarme Bollette Luce e gas, se sono troppo care state pagando l’Iva non dovuta. Rimborsi fino a 5 anni, controllate ora

allarme-bollette-luce-e-gas,-se-sono-troppo-care-state-pagando-l’iva-non-dovuta.-rimborsi-fino-a-5-anni,-controllate-ora

Bollette della luce troppo care? State pagando l’Iva non dovuta. Controllate subito e chiedete il rimborso fino a 5 anni. Come tutti sappiamo il costo delle bollette della luce dipende solo in parte dal consumo effettivo. A pesare su quanto paghiamo ci sono le imposte, come l’Iva, e le accise. L’Iva si paga sul valore economico del servizio nell’aliquota del 10% per le utenze domestiche, mentre l’accisa dipende dalla quantità del consumo di energia espressa in kWh.

Alla fine dei conti i consumatori si trovano a pagare un balzello fisso, che comporta un vero e proprio salasso per il portafoglio per quanto si faccia il possibile per contenere i consumi di energia. La parte più odiosa della bolletta della luce è proprio l’Iva, l’imposta sul valore aggiunto, che viene applicata alla fine, sul costo complessivo del servizio dato dalla somma di tutte le voci presenti in bolletta, incluse le accise e altri oneri. In questo modo si paga una tassa sulla tassa.

LEGGI ANCHE—> Mazzata Bollette luce e gas, Arriva la Tassa di 217 euro sulla bolletta di febbraio. Cosa fare subito per non pagarla

Una vera ingiustizia, di cui si sono accorti anche alcuni giudici che stanno rivoluzionando il sistema di tassazione delle bollette della luce. È il caso di una recente sentenza della Commissione tributaria provinciale di Varese, n. 504 del 12 dicembre 2019, che ha stabilito che dalla bolletta va sottratta l’Iva perché sulla base imponibile si pagano già le tasse, i cosiddetti oneri generali di sistema.

Come i giudici hanno spiegato, questi oneri hanno già una natura tributaria pertanto non possono entrare nella base imponibile a cui si applica l’Iva. Infatti, vanno a finanziare le politiche dello Stato, come ad esempio le fonti di energia rinnovabile. Pertanto sono somme pagate dai cittadini per sostenere spese per interessi a beneficio della collettività. Qui sta la loro natura di tributo.

Bollette troppo care: State pagando l’Iva non dovuta. Controllate

Diverso, invece, è il discorso per altri costi addebitati in bolletta, come quelli per il trasporto dell’energia, tramite la rete elettrica, o per la gestione del contatore. In questi casi l’applicazione dell’Iva è legittima. Riguardo agli oneri generali di sistema, poi, la definizione che ne dà l’Arera (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente) conferma la tesi dei giudici tributari di Varese. In merito l’Arera parla di componenti per la copertura dei costi per attività di interesse generale per il sistema elettrico nazionale.

Dunque, l’Iva non è dovuta su questa voce di spesa, che va indicata espressamente in fattura con il relativo ammontare. Al momento, quella dei giudici tributari di Varese è una sentenza che dovrà trovare conferma presso la Corte di Cassazione, ma la strada potrebbe essere spianata per evitare di pagare l’Iva su questi oneri e pertanto tagliare i costi delle bollette. In caso affermativo si potrà chiedere alle società elettriche la restituzione delle somme di denaro pagate a titolo di Iva sugli oneri generali di sistema.

LEGGI ANCHE—> Mazzata Postepay: Da Lunedì Svuotati tutti i soldi che avete sulla carta. “E’ un furto”. Ecco cosa fare subito e come avere il rimborso

In attesa della decisione della Cassazione, gli esperti come Angelo Greco, invitano a mettere in mora le società elettriche inviando una raccomandata A/R con la richiesta di rimborso dell’Iva non dovuta, in modo da bloccare la prescrizione, che dall’inizio dell’anno si è ridotta da 5 a 2 anni. Continua a leggere altre notizie su Piudonna.it e dal tuo cellulare su FacebookInstagram e Google News.

bollette ruzzo

L’articolo Allarme Bollette Luce e gas, se sono troppo care state pagando l’Iva non dovuta. Rimborsi fino a 5 anni, controllate ora proviene da Più Donna – Notizie di gossip, spettacolo, moda e attualità.

Delia Duran vuole troncare con Belli: la risposta dell’attore

delia-duran-vuole-troncare-con-belli:-la-risposta-dell’attore

Nelle ultime ore al GF Vip 6 Delia Duran è sprofondata nello sconforto dopo che alcuni fan hanno inviato un messaggio aereo a Alex Belli e Soleil Sorge. L’attore ha deciso di replicare contro sua moglie e non è escluso che faccia ritorno al GF Vip per tentare di riconquistarla.

Alex Belli e Delia Duran: l’aereo

L’aereo inviato dai fan a Soleil Sorge e Alex Belli ha gettato Delia Duran nel più profondo sconforto e per questo la modella ha affermato di essere intenzionata a troncare la relazione con suo marito (che nella casa del GF Vip ha instaurato un rapporto speciale con l’influencer italoamericana). A Casa Chi l’attore ha rotto il silenzio sulla questione e si è sfogato affermando: “Delia si è basata su un c***o di aereo mandato dai fan per decidere di interrompere una storia d’amore di tre anni. Perciò sono io che le dico: “Delia, riconnettiti anche te ma con il cervello”. Io la invito a fermarsi perché tutto quello che le entra come informazioni è parziale. La invito ad entrare dentro di se e capire se realmente quello che vuole fare è questo. Non può basarsi su un aereo dei fan. La risoluzione di questa storia non è lasciarsi e mandare a quel paese tutto quel bello che abbiamo costruito in questi anni. Non è questo. Andrei dentro la casa a riprendermela, ci andrei adesso. Spaccherei la porta per rientrare e spero che mi sia data la possibilità di farlo”.

Belli tenterà di nuovo di riconquistare sua moglie entrando nella casa del GF Vip? Staremo a vedere.

RHOSLC’s Jennie: I’m ‘Sorry’ for Causing ‘Pain’ With ‘Hurtful’ Past Posts

rhoslc’s-jennie:-i’m-‘sorry’-for-causing-‘pain’-with-‘hurtful’-past-posts
Real Housewives of Salt Lake Citys Jennie Nguyen Apologizes for Offensive and Hurtful Past Facebook Posts Amid Backlash
Chad Kirkland/Bravo

Making amends. Jennie Nguyen broke her silence amid backlash over her past Facebook posts, in which she allegedly made racist comments amid the 2020 Black Lives Matter protests.

Stars Defending Black Lives Matter: Tyler Cameron, Kate Beckinsale, More

Read article

“I want to acknowledge and apologize for my deleted Facebook posts from 2020 that resurfaced today,” the 44-year-old Bravo personality wrote via an Instagram statement on Wednesday, January 19. “At the time, I thought I was speaking out against violence, but I have since learned how offensive and hurtful my words were.”

Real Housewives of Salt Lake Citys Jennie Nguyen Apologizes for Offensive and Hurtful Past Facebook Posts Amid Backlash
Courtesy of Jennie Nguyen/Instagram

The Real Housewives of Salt Lake City star claimed she “deactivated” that account “more than a year ago” after realizing that she was doing more harm than good.

“[It’s] why I continue to try and learn about perspectives different from my own,” she continued. “I regret those posts and am sincerely sorry for the pain they caused.”

Everything to Know About the ‘RHOSLC’ Season 2 Reunion

Read article

The Vietnam native, who joined season 2 of RHOSLC in 2021, came under fire on Wednesday when posts from two years prior reappeared online. Many of the resurfaced messages allegedly from Nguyen’s account appeared to be promoting anti-Black Lives Matter posts amid the riots and protests during 2020.

During a six-month span, the mother of three allegedly shared and reposted memes and photos that seemed racist in nature. Some had phrases like “BLM Thugs” and “Violent Gangs.”

In September 2020, she reportedly posted a meme of an old lady with what appeared to be stickers of her family members or kids on the back windshield of her van. The caption read, “No, that’s not my family, that’s how many rioters I’ve hit!”

Another message allegedly posted by Nguyen that same month read, “I’m sick of people saying cops need more training. You had 18 years to teach your kids it’s wrong to loot, steal, set buildings a blaze, block traffic, laser people’s eyes, overturn cars, destroy buildings and attack citizens. Who failed who?”

Everything Jen Shah Said About Her Legal Issues on ‘RHOSLC’ Season 2

Read article

Fans were outraged after seeing the resurfaced messages, with many calling for Bravo to fire her from the series. After issuing her apology on Wednesday, many of Nguyen’s followers were still upset, with one commenting, “An apology should be as loud as the damage.”

Another fan replied, “One season wonder …. Girl bye 👋🏾,” while a third Instagram follower added, “Lol, yeah, no thanks. Only real apologies welcomed here….”

Us Weekly has reached out to Bravo for comment.

Nuovo arrotolatore nastro segnaletico: delimitare gli spazi non è mai stato così facile

nuovo-arrotolatore-nastro-segnaletico:-delimitare-gli-spazi-non-e-mai-stato-cosi-facile

Quando si lavora con il pubblico, a volte si ha l’esigenza di delimitare gli spazi: per esempio, la pandemia ha portato gli esercizi pubblici a dover riorganizzare gli spazi interni e a separare le entrate e le uscite dei clienti. Una delle soluzioni più pratiche ed efficaci per farlo in modo flessibile è rappresentata dai nastri segnaletici. Per questo scopo, Intec propone il nuovo Arrotolatore Nastro Segnaletico.

Il nuovo strumento offerto da Intec è un prodotto di semplice concezione, facile da usare e da applicare in qualsiasi condizione, che consente di isolare o interdire eventuali aree, di creare percorsi e delimitare zone vietate al pubblico in pochissimo tempo.

L’Arrotolatore Nastro Segnaletico di Intec pesa appena 2,9 kg, ha un ingombro ridotto, pur avendo un corpo robusto e resistente, e ha una maniglia integrata con cui è facile spostare e trasportare lo strumento all’occorrenza. Nella maniglia, inoltre, sono presenti pratiche asole tramite le quali l’arrotolatore può anche essere fissato al muro, per una soluzione continuativa.

Il nastro segnaletico inserito nell’arrotolatore – largo 48 mm, spesso 0,5 mm e lungo 16 m – è di alta qualità e disponibile nella doppia versione bianco-rosso, per indicare divieti, e giallo-nero per segnalare eventuali pericoli. Il nastro segnaletico assicura elevata visibilità ed efficacia e costituisce una soluzione economica ideale in ogni occasione sia necessario limitare un accesso o dividere un’area.

La parte terminale del nastro consiste in una pratica chiusura a fibbia: in questo modo, il nastro può essere agganciato sia su di sé, sia su altri supporti come, per esempio, il gancio che viene fornito con lo strumento. Tale gancio è disponibile sia nella versione a tassello, per una delimitazione più continuativa e stabile nel tempo, sia magnetica, per un impiego più flessibile e legato alle circostanze.

L’Arrotolatore Nastro Segnaletico di Intec è idoneo sia a impieghi all’interno, sia all’esterno, in quanto resistente a un range di temperature che va da -20°C a + 50°C. Può essere quindi una soluzione pratica per i mezzi che effettuano assistenza stradale, che potrebbero trovarsi a dover segnalare un incidente e a proteggere la zona. Ma l’arrotolatore si dimostra uno strumento molto valido anche per officine, carrozzerie e ogni altra tipologia di punto vendita, che hanno la necessità di creare percorsi di entrata e uscita dalla struttura oppure delimitare un punto in cui, per esempio, è caduto dell’olio e la superficie scivolosa, se non opportunamente indicata e delimitata, rischia di costituire un pericolo per i clienti. Il nuovo Arrotolatore Nastro Segnaletico proposto da Intec è disponibile sul sito di e-commerce dell’azienda dove, con pochi click, si potrà acquistare il prodotto.

The post Nuovo arrotolatore nastro segnaletico: delimitare gli spazi non è mai stato così facile appeared first on Pneusnews.it.

Legambiente: 2021, anno da codice rosso per l’Italia

legambiente:-2021,-anno-da-codice-rosso-per-l’italia

Quali e quanti effetti dei cambiamenti climatici, fra alluvioni, ondate di calore, trombe d’aria, grandinate e piogge intense, hanno interessato l’Italia nel 2021? A tracciare un dettagliato bilancio dell’anno oltre ad offrire un quadro aggiornato di quanto avvenuto dal 2010 ad oggi, è l’Osservatorio CittàClima di Legambiente, realizzato in collaborazione con Unipol e con il contributo scientifico di Enel Foundation,
In Italia nel 2021 sono stati ben 187 gli eventi che hanno provocato impatti nei territori e causato la morte di nove persone. Nello specifico si sono verificati 97 casi di allagamenti da piogge intense, 46 casi di danni da trombe d’aria, 13 casi di frane causate da piogge intense, 11 casi di esondazioni fluviali, 9 di danni da siccità prolungata, 8 casi di danni alle infrastrutture e 3 di danni al patrimonio storico da piogge intense. Molti gli eventi che riguardano due o più categorie, ad esempio casi in cui esondazioni fluviali o allagamenti da piogge intense provocano danni anche alle infrastrutture. Rispetto al 2020 nell’ultimo anno si sono rivelati in aumento i danni da grandinate intense (17 rispetto ai 9 nel 2020) e le frane da piogge intense (13 rispetto alle 10 nel 2020), mentre sono stato allo stesso livello record i dati sugli allagamenti (97 nel 2021 e 102 nel 2020).
Tra le città più colpite nel 2021 al primo posto compare Roma con 9 eventi estremi, seguita da Napoli con 5, Catania con 4, Palermo e Milano con 2. A livello regionale, nello stesso periodo di tempo considerato, la Sicilia e la Lombardia sono in testa alla classifica con 30 e 23 eventi estremi. Rilevanti anche i casi della Campania con 16 eventi, del Veneto e della Sardegna con 14 eventi, del Lazio con 13 eventi, del Piemonte con 12 e della Liguria con 11.
L’Osservatorio CittàClima sottolinea anche come il 2021 sia stato un anno da codice rosso per il clima, segnato da un’estate che ha registrato temperature record in Europa (in Italia a Siracusa l’11 agosto si sono toccati i 48,8 gradi), ma anche da piogge intense, forte siccità, violente trombe d’aria e il passaggio del funesto medicane Apollo che ha provocato la devastazione di intere aree con fiumi di acqua e fango, causando la morte di 3 persone, a Scordia e Gravina di Catania.
“Anche il 2021 è stato un anno con impatti terribili in tutto il mondo e nel nostro Paese – dichiara Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente –. Proprio questi numeri ci ricordano quanto le città italiane abbiano bisogno di urgenti interventi di adattamento a un clima che rende piazze, strade e linee ferroviarie sempre più pericolose durante le piogge di forte intensità e le case sempre più invivibili durante le ondate di calore. La nostra richiesta al Governo per il nuovo anno è che finalmente si approvi il piano nazionale di adattamento climatico, come hanno fatto tutti gli altri grandi Paesi europei, con chiare priorità di intervento in modo da indirizzare le risorse nazionali e i 2,5 miliardi di euro previsti dal PNRR verso interventi davvero utili di messa in sicurezza e la riqualificazione delle città e dei territori italiani”.

In questo report di fine anno, Legambiente ha anche aggiornato i dati dal 2010 ad oggi. Nella Penisola, dal 2010 ad oggi sono stati 1.181 i fenomeni meteorologici che hanno provocato danni nel territorio italiano con 637 Comuni dove si sono registrati eventi con impatti rilevanti, l’8% del totale. Ma ancora più rilevante è il tributo che continuiamo a pagare in termini vite umane e di feriti, 264 le persone vittime del maltempo dal 2010 ad oggi. A questo si aggiunge, come monitorato dal CNR, l’evacuazione di oltre 27mila persone, a causa di eventi quali frane ed alluvioni tra il 2016 ed il 2020, che diventano 320mila se si considerano gli eventi avvenuti dal 1971. Le Regioni più colpite dal 2010 ad oggi da eventi estremi sono Sicilia e Lombardia, “in testa” in questa non felice classifica (rispettivamente con 144 e 124 eventi) anche per quanto avvenuto nel 2021 (30 e 23). Ma rilevanti sono gli impatti avvenuti nel 2021 in Campania con 16 eventi, in Veneto e Sardegna con 14 e Lazio con 13. Così come dal 2010 in Lazio (111), Puglia (94), Emilia-Romagna (86), Toscana (80), Veneto e Campania (78).

L’articolo Legambiente: 2021, anno da codice rosso per l’Italia proviene da The Map Report.

Bufera GF Vip, “Nessun provvedimento per Katia, Punizione per Lulù”. Entra Delia Duran. Fan in rivolta, ecco cosa accadrà stasera

bufera-gf-vip,-“nessun-provvedimento-per-katia,-punizione-per-lulu”-entra-delia-duran.-fan-in-rivolta,-ecco-cosa-accadra-stasera

GF Vip, Nonostante il caos generato sul web dalle dichiarazioni discutibili e razziste di Katia Ricciarelli contro Lulù Selassié, alla quale ha detto “str**za, vattene a studiare al tuo Paese”, può essere che gli autori decidano di non prendere alcun provvedimento disciplinare o di prenderne uno blando, pretendendo solo le scuse della soprano, che nel frattempo in Confessionale ha parlato con Alfonso Signorini, che ha provato a farla ragionare.

Il fatto che non verranno presi grossi provvedimenti – né tanto meno l’espulsione di Katia Ricciarelli – si evince da come è stata montata la puntata del daytime del GF Vip 6 in onda ogni pomeriggio su Canale 5. Sono state infatti censurate molte frasi infelici di Katia, nel chiaro tentativo di alleggerire la sua posizione soprattutto nei confronti di chi guarda solo le puntate serali del Grande Fratello Vip. Come reagiranno gli utenti social che chiedono a gran voce la squalifica della soprano?

Grande Fratello Vip, anticipazioni della puntata di stasera

Prosegue il cammino di questa ennesima fortunata edizione del GF Vip 6 in un clima che si fa sempre più incandescente nella casa dalla porta rossa, fra polemiche e liti che sfociano sempre più spesso nei social network,  dove le varie fazioni si scontrano e veicolano messaggi pro e contro questo o quell’altro personaggio. Queste situazioni ingigantite dai fans dei vari “vipponi” in gara, portano poi alcuni siti a cavalcare alcune voci che nascono e muoiono fra il fragore di alcune news che spesso diventano poi delle fake news.

Ma d’altronde sul fatto che un programma come il GF Vip generi interesse smodato che porta poi anche alla nascita di fake news è cosa ormai arci nota, ma vediamo dunque come stanno le cose su ciò che realmente accadrà prossimamente nel programma del lunedì e del venerdì sera di Canale 5. Prima di tutto difficile pensare che ci sarà una squalifica in vista per Katia Ricciarelli, per altro sempre più insofferente rispetto a quello che le accade intorno, eliminazione paventata da alcuni siti, mentre ci potrebbero essere dei provvedimenti da parte della produzione del programma verso i ragazzi della casa per il loro comportamento, per altro evidenziato dallo stesso conduttore e direttore artistico della trasmissione Alfonso Signorini, non esattamente educato, oltre che per lo stato di pulizia della casa, diciamo non proprio impeccabile.

LEGGI ANCHE—> Bufera Gf Vip, Katia esagera con Manuel, lui piange e la prende a parolacce. Mai visto così. Signorini interviene d’urgenza

A margine di tutto questo settimana prossima, probabilmente nella puntata di venerdì prossimo, ci dovrebbe essere l’ingresso di Delia Duran, la moglie di Alex Belli, che diventerebbe dunque una nuova concorrente del GF Vip 6 a tutti gli effetti, con tutte le conseguenze facilmente immaginabili rispetto agli equilibri della casa. Delia annuncerà direttamente domani sera in trasmissione il suo futuro ingresso dopo la quarantena da protocollo a cui si dovrà sottoporre nei prossimi giorni.

Non solo, nella puntata di domani sera sarà presente in studio una vecchia e cara conoscenza del GF Vip e fra i protagonisti della scorsa edizione, Dayane Mello, che incontrerà la sua amica del cuore Soleil Sorge. Per Dayane sarà questa l’occasione per raccontare qualcosa di più della sua tormentata partecipazione al reality show brasiliano La Fazenda. Tutto questo dunque e molto altro nella puntata di domani sera, venerdì 7 gennaio 2022 del Grande fratello vip 6 diretta e condotta da Alfonso Signorini e con la partecipazione di Adriana Volpe e Laura Freddi.

Commentate con noi sul gruppo ufficiale di Uomini e Donne di Maria de Filippi e seguici su Google News cliccando sulla stellina in alto a destra

LEGGI ANCHE—> Bufera Gf Vip, Lulù asfalta Soleil, mai vista così, “Grandiosa”. Manila e Davide si ridicolizzano per difendere l’amica. Web indignato

gf vip katia lulù
gf vip katia lulù

L’articolo Bufera GF Vip, “Nessun provvedimento per Katia, Punizione per Lulù”. Entra Delia Duran. Fan in rivolta, ecco cosa accadrà stasera proviene da Più Donna – Notizie di gossip, spettacolo, moda e attualità.