Autore: Roberta Caprioli

Hours of Rehearsal! Inside Schitt’s Creek’s Jazzagals’ Most Iconic Covers

hours-of-rehearsal!-inside-schitt’s-creek’s-jazzagals’-most-iconic-covers

Just a group of gals! Schitt’s Creek is filled with charming landmarks — The Rosebud Motel, Rose Apothecary, Café Tropical and even Bob’s Garage. It also is home to the singing group, the Jazzagals, led by local teacher Jocelyn Schitt (Jennifer Robertson) and former soap star Moira Rose (Catherine O’Hara).

Everything ‘Schitt’s Creek’ Cast Has Said About Possible Film 

The Crows actress learned of the group for the first time in season 2 of the beloved comedy, which ran for six seasons from 2015 to 2020. Twyla, played by Sarah Levy, also took part when she wasn’t off planning murder mystery parties.

“We would always be told weeks in advance of songs that we needed to rehearse for certain episodes. So although we didn’t necessarily know what was going on in those episodes, per se, we knew that these were the songs we had to sing as we had hours and hours of rehearsal together,” Levy, 34, exclusively told Us Weekly. “I come from a very musical family and to add that element to the show was always such a highlight. Catherine, you know, she thrives off of that stuff.”

Schitt’s Creek Jazzagals
Cbc/ITV/Kobal/Shutterstock

The show had a music arranger who would help the cast with their harmonies, which were “incredibly intricate,” she added. Some of the Jazzagals’ standout performances also coincided with pinnacle episodes of the series. In season 4, episode 13, they memorably sang “Silent Night” a cappella in “Merry Christmas, Johnny Rose.”

“[It] was so stunning. I wish there was a Jazzagals EP, or little album of all of the covers that they’d done, because you only really get to hear snippets of these songs. And they’re all live,” Levy explained to Us. “That ‘Silent Night’ rendition was live on set. … If there was one kind of, not even regret, but thing that I wish people got a little more of, it was just hearing these songs in full.”

TV Reboots and Revivals

Another tearful cover took place during David Rose (Dan Levy) and Patrick Brewer’s (Noah Reid) wedding in the series finale. As David walked down the aisle, the women sang a rendition of Tina Turner’s “Simply the Best,” which, of course, had a special connection to the couple. Two seasons earlier, Patrick serenaded David during an open-mic night.

“Such a beautiful nod. And I think Daniel and the writers did such an incredible job of these Easter eggs and throwbacks and callbacks of episodes in seasons past,” Sarah told Us. “Everyone was just teary and weepy. It was our very last day amongst our set. And it was already incredibly emotional and bittersweet to begin with. So the Jazzagals had to come in and do a little warmup and then record it first just to get the actual recording of it before we started shooting. And the entire cast and the entire crew were kind of gathered around as we were singing it, and everyone was weeping, and it was this really surreal moment of kind of the beginning of the end. It was tough to get through. It was just such a special moment.”

Schitt’s Creek Jazzagals Catherine O'Hara
Catherine O’Hara Cbc/ITV/Kobal/Shutterstock

The same can be said for Reid’s initial Rose Apothecary performance. His vulnerable risk paid off, as David — who was understandably panicked about his then-boyfriend’s decision to perform — quickly become emotional over the sweet gesture.

“I’ve always thought it was one of the most beautifully written pop songs in history,” the Happiest Season actor told GQ in July 2020. “Because of the tempo of it, and because it plays as sort of a fast-paced song, a lot of people skip over just how profound those lyrics are. I, on the other hand, would listen to it and get completely emo on long walks.”

He added: “Noah took the mandate — ’This is the song. Make it slow. Make it beautiful’ — and came up with that incredible cover. The minute I heard it, I knew that the scene was going to work.”

Reboots Missing Their Beloved Stars

The rest of the cast, on the other hand, didn’t hear Reid’s version until they filmed it. “That was such a special night because we were all hearing Noah’s version for the first time and he is such an incredible musician, so talented. And it’s such a passion of his, and I think that’s part of why that scene is so successful as well because you know that it truly is coming from his heart,” Sarah told Us. “It felt so real, that moment. We really felt like we were living in it. Luckily, we got to hear it multiple times because they did do a few takes from different angles. And it was just enough. We got to hear it as many times as we wanted to without overdoing it and it kept it fresh, and it kept it special. But I think we would have listened to it all night and all day forever. It’s such a beautiful rendition.”

The Jazzagals were in the audience that night, but they’d later sing James Morrison’s “Precious Love” during David and Patrick’s wedding ceremony. “[Those] were two songs that really kind of stood out in the series. When we learned that those were the songs that we were singing and the arrangements … we couldn’t get through them,” she said. “Daniel, I’m sure, had been planning [those], if not episodes previous, seasons previous. He’s always thinking ahead constantly.”

Brad, Angelina’s Custody Case May Cost ‘Millions’: She Has ‘Uphill Battle’

brad,-angelina’s-custody-case-may-cost-‘millions’:-she-has-‘uphill-battle’

Far from over. Angelina Jolie earned a victory in her lengthy court battle against Brad Pitt over custody of their children, but there are still many more moves to be made in the case.

Brad Pitt and Angelina Jolie’s Ups and Downs

Read article

Los Angeles divorce attorney Mark Vincent Kaplan, who has represented celebrities including Kevin Federline, Charlie Sheen and Paula Abdul but is not affiliated with the Mr. & Mrs. Smith costars’ case, is weighing in on what the actress’ win means for the exes moving forward. The high-powered Hollywood lawyer estimates that Jolie, 46, and Pitt, 57, have already spent “hundreds of thousands of dollars, if not in the millions” on litigation.

Brad Angelinas Custody Case May Cost Millions She Has Uphill Battle
Brad Pitt and Angelina Jolie. Shutterstock (2)

“And it could be more if they start over again,” Kaplan exclusively tells Us Weekly. “Nothing is more expensive than a hotly contested custody [dispute]. I’m sure both of these people can afford to [keep litigating], which is not the reason to do it, but that’s probably not going to be a major factor for either of them given their respective wealth.”

See Brad Pitt and Angelina Jolie’s Family Album

Read article

Us confirmed on Friday, July 23, that Jolie’s petition to remove Judge John Ouderkirk from the custody case was granted. The California Court of Appeal made the ruling, determining that the judge failed his ethical duty by not disclosing his ongoing cases that involved Pitt’s attorneys in a timely manner. Ouderkirk previously claimed that the Maleficent star “clearly failed” to prove any form of bias on his part.

“The case has been sent back to the Los Angeles Superior Court,” a source exclusively told Us earlier this month. “Judge Ouderkirk is no longer involved and Angelina is grateful to seek a fair decision regarding custody for the children.”

Brangelina: The Way They Were

Read article

The ruling means that Jolie and Pitt’s current custody arrangement could be overturned, with the proceedings starting over again. Ouderkirk granted the actor joint custody of their children — Maddox, 19, Pax, 17, Zahara, 16, Shiloh, 15, and twins Knox and Vivienne, 13 — in May. Kaplan acknowledges that the development is not an instant win for the Eternals actress, though.

“She’s still got an uphill battle because now there is historical observation rather than future projection [of how the children are doing],” the legal expert tells Us.

The judge’s removal did not shake Pitt either. “The appeals court ruling was based on a technical procedural issue. The facts haven’t changed,” a spokesperson for the Fight Club star told Us in a statement on Friday. “There is an extraordinary amount of factual evidence which led the judge — and the many experts who testified — to reach their clear conclusion about what is in the children’s best interests. We will continue to do what’s necessary legally based on the detailed findings of what’s best for the children.”

Jolie filed for divorce from the Ocean’s Eleven star in September 2016 after two years of marriage. They were declared legally single in April 2019.

With reporting by Marjorie Hernandez

Opi Taranto: assunzioni Infermieri non in possesso di Laurea in Infermieristica – esercizio abusivo della Professione – falsa attestazione titolo di studio

opi-taranto:-assunzioni-infermieri-non-in-possesso-di-laurea-in-infermieristica-–-esercizio-abusivo-della-professione-–-falsa-attestazione-titolo-di-studio
Di seguito la nota dell’Opi Taranto:

La grave carenza di Infermieri su tutto il territorio nazionale e la disperata ricerca di personale da parte delle strutture pubbliche e private, sta mettendo in luce gravissime situazioni in cui sedicenti Infermieri con titoli di studio contraffatti e palesemente falsi propongono le loro candidature per una eventuale assunzione a tempo determinato o  indeterminato. 

Lo scrivente Ordine Professionale nel mese di febbraio 2021 ha accertato che un Infermiere assunto a tempo  determinato dalla ASL Taranto a seguito di autocertificazione dei titoli di studio, non risultava mai conseguito la Laurea in Infermieristica. 

Prontamente l’OPI Taranto ha avviato tutte le procedure di cancellazione dall’Albo professionale e le  segnalazioni di rito al Comando dei Carabinieri del NAS e alla Procura della Repubblica. 

Il sedicente Infermiere autocertificando con dichiarazioni mendaci i titoli di studio ai sensi e per gli effetti  dell’art. 46 DPR 445/2000, ha ottenuto inizialmente l’iscrizione all’OPI Taranto per poi essere immediatamente  cancellato dall’albo a seguito delle verifiche effettuate ai sensi per gli effetti dell’art. 71 comma 1) DPR 445/2000,  dopo l’applicazione delle specifiche procedure. 

Il sedicente Infermiere ad oggi non ha riconsegnato il tesserino OPI Taranto ed è in possesso di certificazione non  più valida attestante l’iscrizione all’Albo professionale e di un certificato di laurea falso come accertato  dall’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. 

Al fine di evitare che sedicenti Infermieri provvisti di certificazioni e titoli di studio contraffatti possano essere  assunti in strutture sanitarie pubbliche o private, compresi i laboratori d’analisi, si invitano i destinatari della presente  a verificare l’effettiva iscrizione all’albo dei dipendenti neoassunti utilizzando il nostro sito istituzionale o inviando una richiesta formale a mezzo PEC al seguente indirizzo: taranto@cert.ordine-opi.it 

Dalle informazioni giunte allo scrivente Ordine Professionale sembrerebbe che il sedicente Infermiere presti servizio presso un laboratorio analisi della Provincia di Taranto. 

Al Direttore Generale della ASL Taranto nell’ambito della cooperazione istituzionale, si chiede di far pervenire la presente, per il tramite degli uffici preposti al controllo (Dipartimento di Prevenzione – sezione  strutture accreditate), a tutte le Strutture accreditate della Provincia di Taranto. ”

 Ordine delle Professioni Infermieristiche  Provincia di Taranto, Dott. Pierpaolo Volpe 

Ultimi articoli pubblicati

’The Ice Road’ Review: Liam Neeson Delivers Entertaining if Implausible Far-North Action

’the-ice-road’-review:-liam-neeson-delivers-entertaining-if-implausible-far-north-action

As if the Frozen North hadn’t already given him enough grief in “The Grey” and “Cold Pursuit,” Liam Neeson is back for more chilly punishment with “The Ice Road.” Jonathan Hensleigh’s first feature as writer-director since “Kill the Irishman” a decade ago has the star as one of three drivers making a dangerous journey to deliver equipment needed to rescue trapped miners in Northern Manitoba.

Just about every possible peril turns up to thwart their mission en route, making for an increasingly implausible action movie that will entertain most viewers, but also perhaps make them feel a bit played for fools. In the U.S., it’s going straight to Netflix on June 25, while other distributors are handling theatrical and/or online release in numerous other territories over the coming weeks.

At a Canadian diamond mine 400 miles below the Arctic Circle, a methane explosion kills eight workers and strands another 26 in a tunnel deep beneath the surface. Between limited oxygen and permafrost temperatures, the survivors only have 30 hours or so to be rescued, or they’ll perish. It falls to Jim Goldenrod (Laurence Fishburne) to draft qualified drivers to transport all-important wellheads down the long, treacherous ice roads atop frigid lakes, in vehicles weighing up to 65,000 pounds. But at this especially high-risk time of year for such trips, his usual haulers are gone, most on far-flung vacations. So his recruiting gets inventive, bailing feisty ex-employee and Native rights activist Tantoo (Amber Midthunder) out of jail; she’s more than eager to sign on, since her half-brother (Martin Sensmeier) is among the trapped.

He also reluctantly takes on Mike (Neeson), a previously unmet Yank big-rigger who’s just lost yet another job due to brother Gurty (Marcus Thomas), a talented mechanic but also a PTSD-afflicted, childlike Iraq War veteran who requires a considerable amount of caretaking. Jim himself drives a third vehicle, the idea being that at least one in their convoy will make it through any hazards to the mine site in time.

But not all those dangers turn out to be ones Mother Nature devises, such as cracking ice or snowstorms. We soon detect two snakes here: Tantoo is stuck with a passenger (Benjamin Walker as Varney) who says he’s the insurance company’s representative, but may have a malevolent hidden agenda. And at their destination, a crew supervisor (Chad Bruce) grows ever more duplicitous as his fellow miners’ situation worsens.

Hensleigh says he took inspiration from “The Wages of Fear” (as well as “Of Mice and Men” for the Mike/Gurty relationship). But “The Ice Road” soon feels less akin to that French classic, or Friedkin’s equally nail-biting remake “Sorcerer,” than it does the jerry-built pile of yee-haw cliffhangers in his screenplay for “Armageddon” nearly a quarter-century ago. If he’s not quite so lead-footed a director as Michael Bay, he similarly can’t stop equating “more” with “better.”

So after a while, all credibility of physical action and jeopardy is abandoned for an endless domino chain of crises: avalanche, assassins on snowmobiles, snapping bridge cables, skewering by pine branch, plain old mano-a-mano combat and so on. Eventually the vibe is close to a cross between “True Lies” and “Smokey and the Bandit” — though those movies took nothing seriously, while despite a certain degree of humor, this one does not intend for audiences to find its parade of perils absurd. Entirely shot in Manitoba, it’s nonetheless too hectically contrived to render vivid the constant lethal threat of extreme cold above or below the water line. There’s no patience here for any menace so prosaic.

The overloaded thrills are also compromised at times by variable CGI work, though in general “The Ice Road” is executed in solidly professional if not particularly stylish or imaginative fashion. Less angst-ridden, and less of a solo protagonist than in many recent vehicles, Neeson (who at the brink of 70 may be the oldest-ever action star still in his commercial prime) is solid as usual. Other principal players Thomas, Midthunder, Walker and Fishburne are fine within the limits of their roles. Max Aruj contributes exactly the kind of bombastic orchestral score you’d expect, and the soundtrack is further filled out with some testimonies to the formulaic mediocrity too typical among today’s mainstream country music acts.

optional screen reader

Alfredino serie Sky: è scontro tra PFM e i produttori

alfredino-serie-sky:-e-scontro-tra-pfm-e-i-produttori

Televisione

Dopo le critiche della band PFM, arriva la replica della casa di produzione della miniserie targata Sky

Pubblicato su

Cosa sta succedendo tra la storica band musicale PFM e la Lotus, casa di produzione della mini serie tv targata Sky ‘Alfredino‘? Nelle ultime ore, infatti, si è assistito ad un botta e risposta mediatico circa l’utilizzo del brano ‘Impressioni di Settembre‘, presente nel drama dedicato alla tragedia di Vermicino.

Il comunicato della PFM

La Premiata Forneria Marconi non ci sta: “La musica ed il testo della canzone rappresentano un inno alla libertà e alla gioia“. Emozioni decisamente contrastanti con i tragici eventi che portarono alla morte del piccolo Alfredino. Una delle pagine più tristi dell’Italia.

Alfredino è un bambino che è rimasto nel cuore di tutti noi” si legge nella nota diramata dalla PFM, che prosegue dicendo: “La sua tragica scomparsa ha scosso l’Italia intera“. Per queste ragioni i membri della band ritengono che il brano non sia adatto a quelle immagini di dolore.

Il gruppo ha poi precisato che per loro è stato impossibile intervenire, nonostante avvisati. Non detengono infatti i diritti di sfruttamento commerciale del celebre brano del 1971. Il testo ‘Impressioni di settembre’ porta la firma di Mogol e Pagani.

La replica della casa di produzione

Franco Battiano e Marlene Kunz hanno fatto delle nuove versioni del brano. In serata è pervenuta la replica della casa di produzione Lotus.I diritti per l’utilizzo del brano sono stati regolarmente concessi dalla casa discografica e in nessun caso sarebbero state utilizzate delle musiche senza averne autorizzazione” queste le loro parole.

La casa di produzione ha sottolineato  quanto il progetto Alfredino – Una storia italiana sia stato realizzato in accordo con il Centro Alfredo Rampi per la Protezione Civile. Questi ultimi infatti hanno visionato e autorizzato gli episodi per conto della famiglia.

Lo scopo della realizzazione della miniserie è quello di far conoscere ciò che successe a Vermicino. Ma anche raccontare della generosità della famiglia Rampi e del sodalizio tra Franca Ciampi e Sandro Pertini, grazie ai quali si gettò il seme per la creazione della Protezione Civile.

Vaccini in Calabria, sabato e domenica open vax day [INFO e DETTAGLI]

vaccini-in-calabria,-sabato-e-domenica-open-vax-day-[info-e-dettagli]

vaccino calabriaFoto di Ernesto Guzman / Ansa

Vaccini in Calabria: la Protezione civile regionale ha comunicato che ci si potrà vaccinare senza bisogno di prenotazione

Open Vax Day in Calabria sabato e domenica prossimi. La Protezione civile regionale, ha comunicato che ci si potrà vaccinare senza bisogno di prenotazione. Inoltre, per effetto della sinergia tra la Protezione civile, il Commissario dell’Asp di Crotone e la stessa Asp, è stata lanciata l’iniziativa “Vacanze in sicurezza”. Le strutture ricettive presenti all’interno del comune di Isola Capo Rizzuto potranno comunicare i nominativi dei propri ospiti che necessitano di effettuare il vaccino.


Monoduo Takes World Rights to U.K.-Serbia Music Doc ‘Faith and Branko’ (EXCLUSIVE)

monoduo-takes-world-rights-to-uk.-serbia-music-doc-‘faith-and-branko’-(exclusive)

Monoduo Films, the leading distributor of feature-length music documentaries, has acquired world sales rights to “Faith and Branko,” an intimate story that chronicles the relationship between two musicians over the course of seven years. The deal was announced on the eve of the Thessaloniki Documentary Festival, where the film screens in the Agora Doc Market.

Written and directed by Catherine Harte, “Faith and Branko” follows the journey of the English musician Faith, who travels to Serbia to learn the gypsy accordion. There she meets the Roma violinist Branko, and despite the language barrier, they fall in love through music. Captivated by their musical chemistry, they marry and take their duo abroad. But their relationship is tested by the realization that music may be all they have in common.

“I met Faith and Branko while I was doing research for an MA in Visual Anthropology, so at that time I had no intention to make a film as such,” said Harte. “We were all at the same school for Romani culture, and I found myself filming them often, as they were charismatic and had amazing musical chemistry. I was also fascinated by how they communicated through music without a common language.”

It wasn’t until after their wedding, however, that Harte decided to make a film about their unconventional relationship. “At that time, I wanted to make the film because I was interested in the dynamics of a cross-cultural marriage and in the workings of an artistic relationship,” she said. “I hadn’t seen any documentaries about love or relationships when I started, so I thought it would be interesting to show what’s beneath the exterior story of their unusual union.”

“Faith and Branko” is produced by Snezana van Houwelingen, of Belgrade-based This and That Productions. The film had its world premiere at Sheffield Doc/Fest and screened in DOK Leipzig and Hot Docs.

“We are thrilled to be working with Catherine on her striking and intimate first feature,” said Ben Bassauer, head of sales and acquisitions at Monoduo Films. “‘Faith and Branko’ takes the audience on a turbulent seven-year journey that captures the ecstasy and trials of love, musical collaboration and cultural differences—all with an immense amount of heart and humor.”

“I met Catherine in 2013 and I was very pleased that the committee of Film Center Serbia recognized the quality of this project and gave its support, making it a very rare co-production between Serbia and the U.K.,” said van Houwelingen. “I am also looking forward to collaborating with Monoduo Films, hoping that thanks to them, the film will reach an even broader audience.”

Harte added that she hoped her musical love story would strike a chord with global audiences.

“All relationships are cross-cultural to a certain degree, because we have different backgrounds and expectations—and we all know what it’s like to feel inspired and excited by someone as well as alienated and lost,” she said. “I hope that the film shows both sides of their story, and that audiences can reflect on how different perspectives and expectations can impact a relationship.”

optional screen reader

I migliori ventilatori per l’estate 2021

i-migliori-ventilatori-per-l’estate-2021

Dai potenti modelli Dyson alle soluzioni più economiche, una selezione di prodotti su cui puntare

Formaldeide | Depuratori d'aria Dyson
(Foto: Dyson)

Tutti i prodotti sono selezionati in piena autonomia editoriale. 

Se acquisti uno di questi prodotti, potremmo ricevere una commissione.

Estate tempo di canicola e di ventilatori a casa come in ufficio: abbiamo scelto cinque modelli in grado di soddisfare varie necessità, da chi cerca stile e tecnologia e ha un budget importante a chi vuole abbinare la fresca brezza con la purificazione dell’aria fino ai modelli più economici da piazzare sulla scrivania oppure sul pavimento.

Dyson Pure Humidify+Cool

Umidificatore ventilatore purificatore Dyson Pure Humidify+Cool
Dyson Pure Humidify+Cool

Dyson Pure Humidify+Cool (qui la nostra recensione) è un ventilatore tre in uno che rileva gli agenti inquinanti in casa (PM2.5, PM10, composti organici volatili e biossido di azoto) e monitora i livelli di umidità, emettendo aria igienicamente umidificata e purificata.  I filtri in borosilicato catturano il 99,95 per cento delle particelle ultrasottili fino a una dimensione di appena 0,1 micron includendo anche allergeni, batteri e polline. Costa 699 euro, qui le offerte su Amazon.

Lg PuriCare 360

lg puricare 360
(Foto: Lg)

Lg PuriCare 360 è un colossale purificatore-ventilatore rotante e inclinabile in grado di coprire superfici fino a 91 metri quadrati. Come vi abbiamo raccontato nella nostra recensione, la parte superiore si può inclinare fino a 55 gradi e ruotare di 70 così da coprire fino a 7,5 metri di distanza. Inoltre, indica la qualità dell’aria attraverso una serie di led montati nella parte centrale e sul pannello superiore. Costa 999 euro, qui le offerte su Amazon.

Black and Decker Bxeft48e

Black and Decker Bxeft48e
(Foto: Black and Decker)

Scendiamo di prezzo per Black and Decker Bxeft48e che non sarà forse un elemento d’arredo come le proposte di Dyson e Lg, ma mette a disposizione tanta potenza per rinfrescarsi in modo efficace, silenzioso e a basso consumo energetico. Questo ventilatore a torre oscillante da pavimento è alto 81 centimetri, offre tre velocità, timer 12 ore e telecomando per il controllo a distanza. Costa 59,99 euro, si trova in offerta su Amazon.

Ventilatore da tavolo Tesoky senza fili

(Foto: Tesoky)

Ideale per campeggi, viaggi in auto o semplicemente da piazzare sulla scrivania senza preoccuparsi del collegamento alla corrente, il ventilatore Tesoky include una potente batteria da 10400 mAh che può durare dalle 8 alle 36 ore a seconda della velocità impostata. Si ricarica via usb, include una luce led a basso consumo ed è sorprendentemente silenzioso seppur possa generare un bel flusso d’aria fresca. Grazie al gancio si può anche appendere dove si vuole. Costa 29,99 euro su Amazon.

Ardes Penny

Ardes Penny
(Foto: Ardes)

Ardes Penny (modello AR5AM40P) è un ventilatore rotante di tipo tradizionale con un’asta che si può estendere di ulteriori 60 centimetri e con pale da 40 centimetri per creare una brezza potente regolabile in tre velocità. Costa 34,90 euro, si può trovare in offerta su Amazon.

Ventilatore vintage Brandson

Brandson
(Foto: Brandson)

Per chi cerca un ventilatore dallo stile vintage, la proposta di Brandson offre un modello con diametro da 38,5 centimetri che si può poggiare su un tavolo oppure sul pavimento. Cromato e con colorazione argentea, è regolabile su tre livelli di potenza. Il prezzo è di 59,85 euro, ma si può trovare in offerta su Amazon.

Mezza nazionale azzurra se ne frega del razzismo?

mezza-nazionale-azzurra-se-ne-frega-del-razzismo?

La stampa, folle d’amore per l’Italia che continua a mietere vittorie, ha parlato dei giocatori che si sono inchinati a favore del movimento Black Lives Matter, mentre avrebbe dovuto farlo di quelli che, chissà perché, sono rimasti in piedi

All’inizio di Italia-Galles, ultima partita del girone A dei campionati Europei, la compagine britannica si è inginocchiata per mandare il suo messaggio contro il razzismo, simbolo del movimento Black Lives Matter. Cinque calciatori italiani – Belotti, Pessina, Bernardeschi, Toloi, Emerson, Palmieri – hanno fatto altrettanto, mentre il resto della squadra tricolore è rimasta in piedi. Un comportamento difforme che ha causato polemiche e che a ben vedere non è stato un bello spot per una battaglia, quella contro le discriminazioni razziali, che non dovrebbe essere una questione di opinione, tanto più se in mondovisione come era in quel contesto.

Nella Premier League, il campionato inglese, inginocchiarsi contro il razzismo è stata un’abitudine portata avanti per tutta la stagione, all’inizio di ogni partita. Il movimento Black Lives Matter è molto forte a Londra e dintorni, questo anche e soprattutto per la storia del paese, un trascorso scomodo fatto di colonialismo e sfruttamento che ha reso necessario un ripensamento collettivo dei tempi che furono attraverso una gestualità nel presente. Poche cose sono più mainstream del calcio ed ecco allora che il campo si è trasformato in uno dei palcoscenici ideali da cui portare avanti il messaggio dell’antirazzismo, anche perché il legame tra discriminazione e sport è molto più saldo di quanto si creda, basti pensare alla lunga storia recente in Inghilterra e altrove di ululati razzisti, lanci di banane e quant’altro.

La genuflessione dei calciatori è ora arrivato anche in Europa, con i campionati Europei di questi giorni. E come per l’Inghilterra, non si può parlare di forzatura. Il razzismo non è un finto problema del vecchio continente, al contrario tra porti chiusi, rigurgiti neofascisti, ere coloniali con cui non si è riusciti ancora a fare realmente i conti e discriminazioni sociali di vario tipo promosse da alcune delle stesse tifoserie partecipanti come quella dei neofascisti ungheresi della Carpathian Brigade, l’utopia della democrazia perfetta con perfetti diritti per tutti in Europa è, appunto, ancora un’utopia. Mandare un messaggio di antirazzismo in contesti mainstream come quelli calcistici è allora un impegno fondamentale, tanto più se questo avviene in un ambito, quello dell’Uefa, dove “Respect” e “No to racism” sono i motti che la fanno da padrone su magliette, tabelloni e schermi.

In questo contesto, la scelta di alcuni calciatori italiani di non replicare il gesto tanto simbolico quanto necessario davanti a milioni di telespettatori, è un’occasione persa. Certo, questo non significa che Bonucci & co siano una comitiva di razzisti, giungere a conclusioni simili come hanno fatto in molti sui social è andare oltre a una condanna del loro atteggiamento che però resta legittima. Una cosa è se nessuno si fosse inginocchiato, se il simbolo non fosse entrato nello stadio: in questo caso, non ci saremmo nemmeno accorti della cosa e tutto scorreva liscio. Un’altra è la scelta di tirarsi indietro mentre compagni e avversari decidono invece di mandare il loro messaggio di antirazzismo. Non è stata una bella immagine, perché quella contro le discriminazioni è una battaglia sociale fondamentale e se anche non si dovesse credere nella portata di un gesto apparentemente banale – mettersi in ginocchio – farlo non ha comunque alcun costo.

“Marchisio”:

Perchè “c’è libertà di scelta ma era meglio vederli tutti inginocchiati”

Is the new

“Siamo un popolo di merda”#BlackLivesMatter #EURO2020 #ItaliaGalles #ITAWAL pic.twitter.com/RfNTYMEsrj

— Perché in tendenza ? (@TendenzaPerche) June 20, 2021

Non possiamo sapere cosa sia passato nella testa dei calciatori che non si sono inginocchiati, ma qualunque fosse la ragione, se anche dietro ci siano state delle buone intenzioni, il messaggio trasmesso non è un bell’assist all’antirazzismo. Quello che è passato infatti è che il razzismo non è un problema reale o che la lotta alle discriminazioni è una questione politica, che sono proprio le ragioni principali per cui il razzismo continua a essere un problema tangibile nella società contemporanea. Come ha detto l’ex calciatore Claudio Marchisio, “C’è libertà di scelta, ma questa è una protesta molto importante e avrei preferito che si inginocchiassero tutti”.

Che estate sarà? Le previsioni di Paolo Fox per ogni segno zodiacale

che-estate-sara?-le-previsioni-di-paolo-fox-per-ogni-segno-zodiacale

Quali sono le previsioni dell’oroscopo per ogni segno zodiacale in vista dell’estate 2021? L’estate è una delle quattro stagioni in cui è diviso l’anno, segue la primavera e precede l’autunno. Nell’emisfero boreale la stagione copre l’arco di tempo che va dal solstizio di giugno (20-21 giugno) all’equinozio di settembre (23 settembre) occupando in totale 92 giorni. In Italia, tradizionalmente, l’estate inizia il 21 giugno. In questo periodo dell’anno il Sole, che ha raggiunto il punto più alto rispetto all’orizzonte, comincia una discesa che termina con l’equinozio di autunno.

Le temperature raggiungono i loro livelli massimi, solitamente nel pieno della stagione. Ciò rende molto più rare le precipitazioni, causando anzi siccità e secchezza. Una conseguenza è rappresentata anche dalla maggior lunghezza del dì rispetto alla notte. Il caldo porta, in vari Stati, alla sospensione delle attività scolastiche: tale periodo è noto come “vacanza”. Vediamo insieme cosa prevedono gli astri in vista della prossima estate per amore, lavoro salute.


estate-2021-previsioni-oroscopo-segno-zodiacale


Estate 2021, le previsioni dell’oroscopo per ogni segno zodiacale

Oroscopo estivo 2021 Ariete

Secondo le letture di Paolo Fox, il mese di giugno inizierà leggermente male, piuttosto lento ad ingranare e sottotono. Ma non preoccupatevi più di molto perché verso luglio tutto migliorerà, soprattutto sotto il punto di vista lavorativo! In questo mese sarà, infatti, possibile chiudere un paio di accordi vantaggiosi, oltre ad iniziare una trattativa delicata ma decisamente remunerativa! Agosto, poi, sarà un mese importante per l’amore e per l’unione delle coppie.

Oroscopo estivo 2021 Toro

A giugno sarà, dunque, importante impegnarsi veramente per voi, soprattutto nel caso desideraste raggiungere una nuova posizione entro l’arrivo dell’autunno! Luglio sarà caratterizzato dalla presenza di Giove, che porterà importanti migliorie a livello economico, facendo anche pensare più intensamente alla sfera amorosa! Agosto sarà, infine, un mese decisamente tranquillo che vi permetterà di concludere questa estate con il sorriso e il cuore leggero.

Oroscopo estivo 2021 Gemelli

Carissimi nati sotto il segno dei Gemelli, questa estate 2021 sembra essere particolarmente proficua per il lavoro, mutando poi il suo aspetto e aiutandovi nella sfera amorosa! Giugno sarà un mese decisamente importante e vantaggioso per chiudere alcuni accordi, garantendovi dei grandi complimenti dai vostri superiori che inizieranno a pensare se siate voi la figura migliore per quella posizione di comando che è rimasta scoperta! Luglio sarà, però, caratterizzato da alcuni fastidi, specialmente in amore per voi amici single del segno.

Oroscopo estivo 2021 Cancro

L’estate che si configura al vostro orizzonte, secondo la lettura di Paolo Fox degli astri sembra essere piuttosto interessante fin dai primissimi giorni! Giugno sarà utile per garantirvi alcuni bei risultati, non necessariamente sul posto di lavoro, che vi permetteranno di tornare a sognare lucidamente il futuro che desiderate! Grazie a Giove e Venere, luglio sarà un mese segnato da numerose importanti conoscenze, che prenderanno strade abbastanza diverse in base alla vostra situazione sentimentale.

Oroscopo estivo 2021 Leone

Amici del Leone, la vostra estate 2021 si aprirà con una dissonanza abbastanza marcata, quella di Saturno che vi trascinate dietro da maggio. Nulla di troppo brutto, grazie anche al fatto che Giove lascerà la vostra orbita, ma le nuove conoscenze saranno decisamente poco favorite. Luglio, invece, sarà tutto dedicato all’amore, grazie alla buonissima presenza di Marte, nume dell’amore d’eccellenza per il vostro segno.

Oroscopo estivo 2021 Vergine

Carissimi nati sotto il segno della Vergine, va detto che la vostra estate del 2021 non inizierà esattamente con il botto. Giugno sembra essere segnato da alcuni litigi che potrebbero sconvolgere abbondantemente la vostra vita, rispolverate la vostra diplomazia se non volete perdere qualcuno a cui tenete particolarmente. Luglio, però, sarà un mese risolutivo, sia per i vostri rapporti che per i problemi lavorativi che potrebbero sorgere nel frattempo. Agosto segnato da una notevole creatività, unita ad una produttività particolarmente marcata!

Oroscopo estivo 2021 Bilancia

Voi della Bilancia dovreste trovarvi al cospetto di un’estate 2021 che presenterà notevoli tensioni lavorative per il mese di giugno. State attenti a non compiere passi falsi, o potreste poi dedicare il resto dell’estate alla ricerca di un nuovo lavoro. Nel caso riusciate ad evitarne le ripercussioni, luglio sarà un mese decisamente buono e produttivo, facendovi recuperare tutto il terreno perso durante giugno. Agosto sembra, però, essere impegnatissimo e potreste trovarvi a dover rinunciare alle vacanze, occhio in tal caso alla vostra dolce metà, che potrebbe prenderla male.

Oroscopo estivo 2021 Scorpione

L’estate di questo 2021, per voi amici dello Scorpione, si aprirà con l’importante transito di Giove per tutta la durata di giugno! Lui sarà particolarmente utile soprattutto per la sfera lavorativa, riempiendovi di soddisfazioni, ma non sperate di incappare in chissà quale novità. Luglio accentuerà notevolmente le possibilità di conquista per voi single, mentre le coppie si troveranno a prendere una delicata, ma forse gratificante, decisione. Agosto tutto da dedicare all’amore, nel caso abbiate una relazione o siate riusciti ad instaurarne una a luglio, altrimenti dedicatevi un po’ a voi stessi.

Oroscopo estivo 2021 Sagittario

Cari Sagittario, le letture di Paolo Fox degli astri che caratterizzeranno la vostra estate 2021 sembrano promettervi alcune buone possibilità! Certo, però, è anche vero che giugno sembra essere un mese faticoso, interessato da alcuni fastidi decisamente marcati, quasi sicuramente sul posto di lavoro. Luglio sarà, poi, un mese fantastico per tutti voi con una relazione abbastanza giovane, che potrete saldare davvero in profondità il vostro rapporto sentimentale, ma occhio ancora al lavoro. Agosto segnato da alcune tensioni per le coppie di vecchia data, ma facilmente risolvibili e, addirittura, vantaggiose per il vostro futuro assieme.


estate-2021-previsioni-oroscopo-segno-zodiacale


Oroscopo estivo 2021 Capricorno

Amici del Capricorno, allacciatevi le cinture prima di affrontare le prime settimane di questo giugno. Infatti, questa estate 2021 si aprirà con dei notevoli problemi per le coppie, sia stabili e di vecchia data, che sorte da poco tempo. Sarà necessario correre ai ripari, ma forse sarà necessario anche affrontare un brutto addio. Se la vostra coppia dovesse resistere, allora luglio sarà eccellente per dimenticare tutte le tensioni. I single potrebbero conoscere qualcuno nel secondo mese dell’estate! Vi attende poi un agosto ricco di opportunità, pressoché in ogni campo.

Oroscopo estivo 2021 Acquario

Carissimi Acquario, l’inizio della vostra estate 2021 sembra essere caratterizzato da una qualche agitazione che vi farà leggermente desistere. Cercate, però, di tenere duro il più possibile, perché verso l’ultima settimana di giugno tutto dovrebbe cambiare in maniera piuttosto marcata ed evidente. Luglio dovrebbe essere dedicato al lavoro, dove potrete ottenere degli ottimi risultati, iniziando a progettare lucidamente i vostri passi verso il successo. Fine del mese segnata da alcune tensioni, mentre agosto vi garantirà il riposo e un emozionante incontro nel caso siate single.

Oroscopo estivo 2021 Pesci

Infine, amici dei Pesci, siete ancora una volta voi a chiudere le letture di Paolo Fox degli astri per l’estate del 2021! Il vostro giugno si aprirà con alcuni momenti veramente importanti e gratificanti per la vostra carriera lavorativa, anche se qualcuno tra voi potrebbe decidere di cambiare completamente lavoro! Luglio mese fondamentale per i single, che potrebbero riuscire ad instaurare una buona relazione, mentre le coppie intavoleranno una volta per tutte quel progetto che hanno in mente ormai da mesi! Agosto, però, porterà notevoli tensioni per tutti i rapporti iniziati da poco tempo.