Autore: Rossella Grasso

The Best ‘Fast and Furious’ Songs, According to the Variety Staff

the-best-‘fast-and-furious’-songs,-according-to-the-variety-staff

With “Fast 9” opening this weekend, another selection of tunes has been added to the “Fast and Furious” franchise. Ty Dolla $ign and Anitta are just two of the artists who have songs on the new soundtrack.

Over the years, the franchise has produced some unforgettable songs. From G-Eazy and Kehlani’s inescapable “Good Life” to “Furious 7” tearjerker “See You Again,” the movies continue to deliver hits that become pop culture sensations.

“See You Again” by Wiz Khalifa featuring Charlie Puth has made history, hitting over 5 billion streams on YouTube — one of only five songs to ever do so. It’s a bittersweet track in “Furious 7” as Dom (Vin Diesel) and Brian (the late Paul Walker) go on their last ride together. “See You Again” was nominated for three Grammys and a Golden Globe and won the Critics’ Choice Award for best song.

Below, the Variety staff picks out some of their favorite songs from the franchise.

“See You Again” by Wiz Khalifa, featuring Charlie Puth — “Furious 7”

“Furious 7” had the impossible job of providing Paul Walker’s Brian O’Conner with a proper farewell while also playing homage to the late actor who played him, but thankfully, the film had Charlie Puth’s plaintive falsetto and Wiz Khalifa’s heartfelt lyrics to help carry the emotional load. “It’s been a long day without you, my friend / and I’ll tell you all about it when I see you again” is a perfect sentiment for the friendship that parts ways in the film, and for the actor who left us far too soon.

“Blanco” by Pitbull ft. Pharrell Williams — “ Fast & Furious 4″

In the opening track of the fourth “Fast” installment, Pitbull delivers exactly what we’ve come to expect from him: an infectious party anthem. “Blanco” sets the stage for a high-octane adventure as the series welcomes the original “Fast” crew to the Dominican Republic. After an intense gas-tanker chase, the track’s booming bass invites the audience to peel back the curtain on the light-hearted side of Dom and Letty’s new life together following their escape from the U.S. Punctuated by a velvety-smooth verse from crooner Pharrell Williams, this earworm is the perfect pick to jump-start a full-throttle night out.

“Act a Fool” by Ludacris — “2 Fast 2 Furious”

You’d be hard-pressed to find someone who doesn’t rap “2 Fast, 2 Furious” when they read the movie title — and that’s all thanks to the opening lines of Ludacris’ platinum hit. When Chris “Ludacris” Bridges joined the “Fast Family” in the role of Tej, he didn’t just bring the heat on screen; he also took the L.A.-originated franchise to the Dirty South with his signature ATL flow. With lyrics like “You think 12 gon’ catch me? Gimme a break / I’m super-charged with the hideaway license plate,” this track went on to be nominated for a Grammy and peaked at No. 10 on the Billboard rap songs chart. Luda also co-executive produced the soundtrack under his Disturbing Tha Peace label.

“Tokyo Drift” by Teriyaki Boyz — “Tokyo Drift”

As “Tokyo Drift” shifted “The Fast and the Furious” franchise into a fresh direction by introducing a lineup of new characters, it only made sense that its main theme would stand out on its own too. Marking the most popular single from the Japanese hip-hop group Teriyaki Boyz, this tune features a catchy rhythm played on electronic steel drums that is sure to get the energy flowing. Hip-hop artists like Lil Yachty and Pusha T have also added to the song’s pop culture relevance by putting out their own remixes. It even inspired a TikTok trend where people slid across their wood floors or around a corner in their house while bumping the titular song in the background.

“I Will Return” by Skylar Gray – “Furious 7”

While “See You Again” is the somber tune that fans almost always associate with “Furious 7” and Walker’s shocking death, Skylar Gray’s overlooked single “I Will Return” is just as impactful. Kicking off with a melancholic piano solo that transitions into an enhancing guitar riff, the song is written from the perspective of someone who has died and left a loved one behind. Donning the forceful line “I will return, don’t you ever hang your head,” the song serves as a comforting reassurance for those struggling with a tragic death that they will reunite with those they loved once again.

“Danza Kuduro” by Don Omar ft. Lucenzo — “Fast Five”

In cinema, it’s hard to beat a well-earned montage. And in montage history, you’ll be hard-pressed to find a song more perfectly suited to a Brazilian vault heist and double-cross than the “Fast Five”-ending track and contender for catchiest song of all time “Danza Kuduro” by franchise star Don Omar and Lucenzo. In “Five,” the undeniably joyful reggaeton earworm plays over footage revealing how each member of the Fast Family used their share of the hard-earned riches. In a movie series without an instantly recognizable score, “Danza Kuduro” is an anthem for good times with the family you make along the way.

“Rollin’ (Urban Assault Vehicle)” by Limp Bizkit, DMX, Method Man and Redman — “The Fast and the Furious”

Before the enormous set pieces and monologues about family, the “Fast” saga was about down-and-dirty street racing. No band captured that sweaty, Red Bull-fueled ethos more than Limp Bizkit, a group which, at the time, was wheezing their last gasps of superstardom. Luckily, the verses are filled with contributions from rappers with far more staying power than Fred Durst, as the late DMX delivers some looney lyrics (“A tisket / a tasket / I really need my ass kicked”) while Meth and Red clown around.

“Pump It Up” by Joe Budden — “2 Fast 2 Furious”

From a bygone era where Joe Budden was known for rapping instead of podcasting, this Just Blaze classic put him on the map. With a bouncy beat that flipped a horn sample from Kool and the Gang’s “Soul Vibrations,” Budden’s club-ready anthem was the perfect accompaniment to the very 2000s animated end credits of “2 Fast 2 Furious.” As Sega Dreamcast-esque cars race through digital streets, “Pump It Up” acts as a time machine to a point when Paul Walker and Tyrese Gibson’s breezy energy was the series’ best special effect.

“We Own It” by Wiz Khalifa and 2 Chainz – “Fast and Furious 6”

“We Own It” from “Fast and Furious 6” is easily one of the catchiest songs in the impressive “Fast and Furious” universe. The lyrics from Wiz Khalifa and 2 Chainz perfectly embody the series’ themes of loyalty and family: “Stuck to the plan, always said that we would stand up, never ran/We the fam, and loyalty never change up.” It’s a perfect duet that needs to be cranked up with the windows down.

Good Life by Kehlani & G-Eazy — “The Fate of the Furious”

This song was played everywhere in the summer of 2017 when it was released  — and for good reason. It is, put simply, a banger. It’s an earworm that’s made for cracking open a Corona and enjoying a barbecue with the family.

Adam B. Vary, William Earl, Angelique Jackson, David Viramontes and Antonio Ferme contributed to this report.

optional screen reader

Cosa succederebbe ad Apple, se dovesse aprire l’App store agli “estranei”

cosa-succederebbe-ad-apple,-se-dovesse-aprire-l’app-store-agli-“estranei”

I cinque scenari per iPhone e iPad se il colosso di Cupertino fosse costretto ad accogliere app store alternativi, come vogliono le autorità di Stati Uniti ed Europa

Apple Store galleggiante | Credit: Javan Ng, via Twitter (screenshot)

Se Apple dovrà cedere parte del controllo che esercita sulla sua piattaforma mobile, quali sono gli scenari possibili? E quali le conseguenze tecniche, economiche e operative? Cinque sono le ipotesi sul tavolo per rendere compatibile la strategia di Apple nella gestione delle sue piattaforme e le normative in cantiere negli Stati Uniti e soprattutto in Europa.

Secondo Apple, “gli app store alternativi distruggono la sicurezza“. L’azienda ha presentato qualche giorno fa un nuovo rapporto, in cui spiega che consentire agli utenti degli iPhone di fare side loading, cioè caricare app con altri sistemi che non sono lo store ufficiale, mina la protezione della privacy, rende più complicato il controllo parentale dei dispositivi dati ai figli, esponendo potenzialmente i dati degli utenti stessi e apre al rischio di malware e altre forme di attacchi informatici che, scrive nel rapporto l’azienda, “sono estremamente diffusi nelle piattaforme che non utilizzano questo tipo di protezioni“. Una frecciatina ad Android. Invece, il sistema chiuso di Apple, spiega l’azienda, è un vantaggio perché consente una maggiore protezione, a scapito della libertà di installare quel che si vuole quando e come si vuole. Questo secondo Apple è un valore sia per gli utenti che per gli sviluppatori.

Il rapporto non nasce per caso. Negli ultimi anni sia negli Stati Uniti sia in Europa è iniziato un dibattito complesso sul tema della privacy e della concorrenza. Mentre negli Stati Uniti si discute se “dividere” le grandi aziende quando occupano troppo spazio, e si guarda alla causa in corso tra Epic Games e Apple per capire quale sarà la strada da seguire, in Europa si affronta il tema dell’abuso di posizione dominante che inibisce lo sviluppo dei mercati bloccandone la concorrenza, dal punto di vista normativo e regolamentare.

A Bruxelles è in corso di definizione il Digital markets act (Dma), che entrerà in vigore non prima del 2023. Si tratta di una normativa che ha l’obiettivo di garantire un maggiore grado di concorrenza nei mercati digitali europei, impedendo alle grandi aziende di abusare del loro potere di mercato e consentendo a nuovi operatori di entrare nel mercato. La parte più interessante qui è quella che stabilisce un elenco di obblighi per i gatekeeper (cioè i big del settore) e, in caso di mancato rispetto, applica meccanismi sanzionatori, comprese multe fino al 10% del loro fatturato mondiale. Le principali aziende a essere interessate sono tutte americane: secondo Andreas Schwab, eurodeputato tedesco del Ppe, “il problema principale” per la tutela della concorrenza nell’Unione sono Google, Amazon, Apple, Facebook e Microsoft. E la cosa sta creando tensioni tra Bruxelles e la Casa Bianca.

Tuttavia, se effettivamente il Dma dovesse essere approvato nella versione più punitiva per i gatekeeper, Apple dovrebbe molto probabilmente modificare l’ecosistema dei suoi iPhone, cioè cambiare il modo con il quale gli utenti utilizzano i telefoni progettati a Cupertino. Apple potrebbe essere costretta a farlo, per esempio, a seguito di una sentenza di una corte europea, oppure scegliere di agire proattivamente. Ma in che direzione? Ecco i cinque possibili scenari.

Prima ipotesi: il solito telefono, più store

La prima è l’ipotesi più facile da immaginare: Apple mantiene il suo iPhone uguale a com’è adesso, solo lascia la possibilità di aggiungere altri app store di terze parti e quindi altre app. In questo caso si incrinerebbe la sicurezza dell’ecosistema di Apple. Se gli utenti decidessero di installare l’app store di una terza parte, non ci sarebbero più una serie di garanzie offerte dallo store di Apple. Per esempio, un sistema di protezione dagli acquisti non autorizzati da parte dei bambini o una garanzia analoga a quella di Apple per la protezione delle foto e dei video personali dalle applicazioni indiscrete.

Non ci sarebbe neanche la garanzia analoga a quella offerta da Apple che gli sviluppatori dichiarino il vero riguardo l’effettivo comportamento delle loro app. Inoltre, altri app store alternativi meno controllati potrebbero vendere le versioni pirata delle applicazioni più note senza che gli utenti se ne accorgano, creando un danno anche al mercato degli sviluppatori. Il vantaggio per gli utenti sarebbe poter installare tutte le app che vogliono da qualsiasi sorgente, e probabilmente modificare in maniera sostanziale l’interfaccia e l’esperienza d’uso del telefono. Le aziende più grandi potrebbero imporre i propri store alternativi e, facendo leva sulla capacità di investire in marketing, potrebbero ricreare ambienti “riservati”, solo per alcune app.

iphone
Foto: Apple

Seconda ipotesi: un telefono, due anime

Apple potrebbe fare delle modifiche interne al suo sistema operativo e inserire una opzione nei suoi telefoni. In questo scenario gli utenti al primo avvio potrebbero scegliere se utilizzare la versione tradizionale di iOS, con tutte le app pre installate e l’app store esclusivo, oppure scegliere una versione “vuota” in cui è presente solo un browser e un pannello di gestione. Questa sarebbe una possibile risposta alla richiesta più estrema da parte del legislatore europeo di fornire una versione “vanilla” (senza alterazioni) del suo hardware.

In questo caso, chi configurasse l’iPhone per funzionare senza software di Apple in pratica userebbe un dispositivo completamente diverso, privo di garanzie implicite sulla qualità e sicurezza del funzionamento. Apple nel suo rapporto dichiara che “ogni settimana vengono esaminati in media 100mila applicazioni e aggiornamenti da una squadra di di oltre 500 esperti, e quasi un milione di app sono state rifiutate o rimosse nel corso dell’ultimo anno: più di 150mila erano spam o imitazioni, oltre 215mila violavano le linee guida sulla privacy e poco meno di 50mila contenevano funzioni nascoste o non documentate, mentre quasi 100mila includevano una o più funzioni che permettevano di commettere azioni vietate“. Se poi l’utente cambiasse idea, potrebbe resettare il telefono e trasformarlo nell’altra versione. Il vantaggio qui sarebbe di poter trasformare l’hardware di un iPhone sostanzialmente in un telefono che usa skin e app Android.

Terza ipotesi: due telefoni, uno aperto e uno chiuso

Apple volendo potrebbe proporre due linee di telefoni, magari appartenenti alla medesima generazione di apparecchi anche se con caratteristiche diverse (per capacità di memoria o altro). Uno di questi apparecchi, ipotizziamo nella scatola bianca, sarebbe il classico iPhone con tutto il software Apple di serie, mentre quello nella scatola nera sarebbe la versione “vanilla”, cioè senza niente. A differenza della versione precedente, una volta effettuato l’acquisto non sarebbe più possibile passare da una modalità all’altra. In questo caso il telefono senza app e store di Apple diventerebbe una piattaforma simile ad Android, e vivrebbe solo basandosi sul software di terze parti.

La differenza sarebbe che l’azienda non supporterebbe il sistema e non consentirebbe alle terze parti di utilizzare i suoi software e i suoi strumenti di sviluppo per realizzare app. Ogni sviluppatore software dovrebbe ripartire da capo. Un telefono di questo tipo secondo Apple sarebbe esposto a tutti i problemi che l’azienda ritiene di evitare con il suo sistema operativo: rischio di truffe, attacchi e perdite di dati per gli utenti, violazioni della privacy, impoverimento del valore della piattaforma per gli sviluppatori, difficoltà tecniche nello sviluppo di software che porterebbero a un generale scadimento della qualità delle app. Il principale vantaggio sarebbe quello di avere sul mercato un iPhone che costa sensibilmente meno, e cercare app analoghe a quelle ufficiali per trasformarlo in un iPhone “fai-da-te”.

batteria iphone 13
(Foto: iFixit)

Quarta ipotesi: un telefono vuoto da riempire

È l’ipotesi che Apple sicuramente non vuole. Vorrebbe dire trasformare l’azienda in un produttore di hardware mentre la parte più esposta del sistema operativo e tutte le app sarebbero lasciate in mano ai terzi. Apple ritiene che in questo modo crollerebbe l’esperienza utente, ma anche il mercato degli sviluppatori ne risentirebbe, mentre garantire lo sviluppo della piattaforma per mantenerla sempre aggiornata e competitiva secondo Apple sarebbe impossibile.

Chi utilizzasse questo telefono potrebbe installare quello che vuole, dalle skin per modificare l’interfaccia alla possibilità di far funzionare qualsiasi app proveniente sia dagli store di terze parti che dal web. Il telefono sarebbe privo di garanzie per qualsiasi tipo di utilizzo, non avrebbe modalità protette per minori né garanzie di privacy per gli utenti in generale. Apple nel suo rapporto ricorda che il rischio è molto concreto. Gestendo il suo store, ad esempio, l’azienda spiega che negli anni ha bloccato oltre 1,5 miliardi di dollari in transazioni potenzialmente fraudolente e ha espulso 470mila sviluppatori perché provavano a frodare gli utenti, negando per gli stessi motivi più di duecentomila nuove registrazioni. Il vantaggio principale sarebbe di trasformare Apple in un prodotture di smartphone come gli altri, lasciando probabilmente a Google il monopolio del mercato dei sistemi operativi.

Quinta ipotesi: aprire il tablet

Apple non la considera una ipotesi realistica, però vale la pena approfondirla. Se sul tavolo delle trattative qualcuno proponesse un compromesso, cioè “aprire” l’iPad e trasformarlo in una piattaforma analoga al Mac (cioè in cui si possono installare anche applicazioni da fuori l’app store) mantenendo l’iPhone così com’è, Apple potrebbe mantenere ai livelli attuali il rischio per gli utenti e l’ecosistema degli sviluppatori di veder compromessi i loro dati, di essere attaccati dal malware, di essere invasi da copie pirata del loro software.

I rischi, però, si sposterebbero sulla piattaforma iPad, che già oggi ha la potenza di calcolo paragonabile a quella di un personal computer ma la chiusura nella gestione analoga a quella dell’iPhone. Il rischio sarebbe minore in valore assoluto perché ci sono meno iPad in circolazione (anche se i dati vengono condivisi via iCloud), e il problema sarebbe soprattutto tecnico, cioè riuscire a trasformare iPadOs (il sistema operativo degli iPad) che è pensato per essere chiuso come iOS, in un sistema aperto, mantenendo la compatibilità reciproca. Per gli sviluppatori ci sarebbe il rischio di veder comparire app piratate, gli utenti non saprebbero più se le app che stanno comprando sono effettivamente testate e sicure, e oltre ai rischi di privacy ci sarebbe la possibilità di malware e attacchi informatici su scala molto maggiore. Il tipo di utilizzo, sostanzialmente diverso, tra iPhone e iPad, con quest’ultimo che è sempre più simile a un Pc, metterebbe sostanzialmente l’iPad sullo stesso livello di oggi dei Mac. È l’ipotesi meno probabile ma forse la più interessante.

Reggio Calabria: sabato iniziativa sulla donazione degli organi

reggio-calabria:-sabato-iniziativa-sulla-donazione-degli-organi

Reggio Calabria: sabato iniziativa sulla donazione degli organi con il dott. Pellegrino Mancini

Le associazioni Aiso e Amici del Museo di Reggio Calabria organizzano una conferenza sabato 26 giugno alle ore 17:00 nella sede dell’Anmig sita sul viale Amendolea, 29. Il dott. Pellegrino Mancini, direttore U.OC. Centro Regionale Trapianti presso il Gom di Reggio parlerà su “L’importanza di un’informazione corretta per lo sviluppo della cultura della donazione degli organi. Seguiranno gli interventi e le testimonianze di familiari dei donatori e di pazienti trapiantati.


‘F9’ Composer Brian Tyler Says Character, Not Action, Drives the Score

‘f9’-composer-brian-tyler-says-character,-not-action,-drives-the-score

Brian Tyler has composed music for films including “Iron Man 3” and “Crazy Rich Asians,” but perhaps his most enduring work is the music of the “Fast & Furious” franchise, which has his stamp on five of the previous films in the massive hit series.

He’s back for another ride with “F9: The Fast Saga,” along with director Justin Lin. The two joined the series together for 2006’s “Tokyo Drift.” This outing sees Lin take the film back to its central theme of family.

On the surface, while international espionage, cars, planes and even outer space propel the action, the wall-to-wall music centers on the characters, through a complex string of themes. The advantage, Tyler says, in scoring six of the franchise’s nine films is the ability to tap into those recurring motifs.

“I have themes for Letty [Michelle Rodriguez] and Dom [Vin Diesel]. There’s Han [Sung Kang] — and now there’s Dom’s brother Jakob [John Cena] in the mix; I wrote themes for all of them,” he says, adding that the method is “akin to sagas like ‘Star Wars.’”

While the score is very much grounded in old-school orchestral music, Tyler incorporates hip-hop, Latin, electronic, EDM, drum and bass and IDM (intelligent dance music) as well as tinkering with the instruments associated with each character (for instance, a Spanish guitar for Letty).

As the action shifts to Japan when Letty and Mia (Jordana Brewster) split from the team to search for Han, Tyler brings back a theme that hasn’t been heard since “Tokyo Drift.”

“It’s this nostalgia. Tokyo is Han’s getaway — the place he wants to be. The music had this combination of the sound of Japan, but combined with this bluesy feel,” Tyler says. The cool demeanor of the motif added a unique flavor so that when the women arrive in the city and that music plays, there’s a sense that Han is present.

For flashback sequences where Dom recalls his father’s days on the racetrack, Tyler combined Dom’s theme with his brother Jakob’s — cues that took on an adagio form as he brought in cellos, violas and violins. “It’s so full of emotion, regret and pain,” he says, reflecting Dom’s inner torment and conflict as he tries to move forward in life. Sonically, the cascading instruments reverberate and sound like voices in the background. “To hear something like that in the ‘Fast and Furious’ theme would take people by surprise if they didn’t know the series,” he says.

Tyler immersed Helen Mirren’s Queenie in a James Bond vibe, which he describes as “a sexy theme” with a ’60s big-band sound that matches the effortlessness of her jewel-thief persona.

Since it began, the franchise has been renowned for its powerful soundtracks. For example, “Furious 7” featured Wiz Khalifa and Charlie Puth’s “See You Again,” which has garnered more than a billion YouTube streams to date. “The songs have to blend, and it has to be a seamless handoff from one to another,” Tyler explains of the transition from the score to needle drop. “The producers are careful to make sure that the song is produced right, and we make it smooth.”

Tyler tries to match the score to the music, whether that means incorporating a drum program or a high-hat (two cymbals and a pedal) or adjusting the sound equalization.

Ultimately, the music of “F9” serves as a powerful reference for faithful fans of the franchise. “I can’t think of a movie that has this many individual themes,” he says. “All of that, emotionally, gives you that built-in nostalgia.”

optional screen reader

Accademia di San Martino e Fondazione Sicilia insieme per i giovani artisti

accademia-di-san-martino-e-fondazione-sicilia-insieme-per-i-giovani-artisti

Riparte il Corso di Diploma Accademico di Primo Livello in Pittura dell’Accademia di San Martino che mette a disposizione 20 borse di studio

Lanciare e sostenere giovani artisti per dare loro la possibilità di sfruttare il proprio talento. Con questo obiettivo riparte il Corso di Diploma Accademico di Primo Livello in Pittura dell’Accademia di San Martino che, grazie alla preziosa collaborazione di Fondazione Sicilia e di altri partner locali, mette a disposizione degli artisti, che vogliono approfondire gli studi e strutturare il proprio talento attraverso il Corso Triennale in Pittura dell’Accademia di San Martino, 20 borse di studio che si configurano sotto forma di un esonero totale e parziale della retta di iscrizione. Le borse sono così suddivise: 10 a copertura totale destinate agli studenti che decidono di effettuare il trasferimento in entrata da altra Accademia di Belle Arti o che sono già in possesso di un titolo AFAM o di una Laurea in Architettura; 10 a copertura parziale per tutti gli altri studenti che ne faranno richiesta. È possibile partecipare al Bando entro il 30 Luglio 2021.

L’orientamento didattico dell’Accademia consiste nel tenere al centro dell’apprendimento l’esperienza degli studenti e la valorizzazione del loro personale e originale contributo nel dialogo con maestri e istituzioni autorevoli” – sottolinea il Prof. Vito Chiaramonte, Direttore dell’Accademia di San Martino.

L’Accademia di San Martino è un’Accademia legalmente riconosciuta autorizzata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e rilascia titoli di Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM)che rendono il titolo di studio triennale assolutamente equivalenti a una Laurea Universitaria triennale, ai sensi dell’Art. 11 del DPR 8.7.2005, n. 212. L’obiettivo principale dell’Accademia è la realizzazione di un modello formativo ibrido capace da un lato di fornire competenze sempre più aderenti alle necessità del mercato del lavoro e dall’altro di stimolare un sapere multidisciplinare, valorizzando il patrimonio artistico e culturale della Sicilia con l’intento di diventare un punto di riferimento per il territorio in cui opera.

Ad affiancare in questo importante progetto c’è un partner d’eccellenza: la Fondazione Sicilia.

Nata nel dicembre del 1991, la Fondazione si pone come scopo prioritario quello di favorire la crescita sociale, culturale ed economica della Sicilia, operando quotidianamente per sviluppare il patrimonio dell’Isola, valorizzare i beni culturali, supportare l’educazione, incentivare la ricerca scientifica, stimolare lo sviluppo sostenibile e, non ultimo, promuovere azioni di solidarietà.

“Dall’anno della sua nascita, Fondazione Sicilia si è spesa a supporto della valorizzazione e delle eccellenze dell’isola. Eccellenze – afferma il presidente di Fondazione Sicilia, Raffaele Bonsignore – capaci di conservare le tradizioni ma con un occhio a un futuro sostenibile e condiviso. Da questi presupposti nasce la volontà di supportare l’Accademia di San Martino incoraggiando, attraverso l’erogazione di borse di studio, gli studenti più meritevoli. Dare un futuro ai giovani e combattere la povertà educativa, meglio se attraverso l’arte e la cultura, sono da sempre tra i nostri obiettivi principali”.

Il bando è consultabile sul sito dell’Accademia di San Martino: www.accademiadisanmartino.it.

Per info: Dott.ssa Carmen Monterosso  +39 3757194626 – info@accademiadisanmartino.it

Kerbal Space Program: dieci anni di voli spaziali insegnati da un videogioco

kerbal-space-program:-dieci-anni-di-voli-spaziali-insegnati-da-un-videogioco

Il gioco di Squad e Private Division è approvato da Esa e Nasa e alimenta la passione per lo spazio di milioni di giocatori. Ne abbiamo parlato con chi, da modder, oggi lo sviluppa

(immagine: Squad/Private Division)

Elon Musk ci gioca regolarmente. Lo stesso fa il suo vicino di rampa a Cape Canaveral, Tony Bruno, ceo della United Launch Alliance (sui cui razzi abbiamo visto la partenza di Solar Oriber).

Non è dato sapere se durante la pianificazione del prossimo allunaggio di Artemis ci giochi anche Kathryn Lueders, figura chiave della Nasa, né se David Parker, direttore dell’esplorazione umana e robotica dell’Agenzia spaziale europea, le faccia compagnia. È però sicuro che collaborando con entrambi, cioè con Nasa ed Esa, gli sviluppatori di Squad e il publisher, Private Division, l’abbiano perfezionato fino a renderlo quello che è: Kerbal Space Program, uno dei simulatori spaziali più amati di sempre, nonché la risposta positiva alla domanda: “è possibile usare un videogioco per imparare lo spazio?”. Per apprendere, cioè, le complesse leggi del volo orbitale, gli spietati vincoli del movimento in microgravità e il peso enorme anche di errori minimi?

Sì, è possibile e da dieci anni esatti Kerbal Space Program lo dimostra. Con Elite: Dangerous, è il videogame con l’approccio più rigoroso alla fisica del volo extra-atmosferico. Di sicuro quello che, sulle dinamiche dei viaggi spaziali, ha sorprendentemente costruito la sua fortuna. Insomma, sarà rocket science, ma diverte da morire – letteralmente, visto quanto è facile lasciarci le penne per qualche manovra scorretta.

In attesa arrivi sugli scaffali, l’anno prossimo, il secondo capitolo, le iniziative per celebrare un videogioco diventato un paradigma iniziano in questi giorni, a dieci giri terrestri attorno al Sole da quel 24 giugno 2011 che ne vide il primo lancio. La cosa curiosa, o emblematica, è il tipo di testimonianze promosse dagli autori di Kerbal Space Program per festeggiare il compleanno: non le dichiarazioni dei tanti impallinati in giro per il Pianeta, così legati al gioco dall’averlo migliorato a ritmo di mod fin dai suoi esordi, ma addirittura gli statement ufficiali delle agenzie spaziali, la conferma definitiva di quanto gaming e attività extraterrestri convergano.

Niente è facile in Kerbal Space Program. Nemmeno piantare la propria bandiera (immagine: Squad/Private Division)

A ribadirlo è Emmet Fletcher, responsabile dell’ufficio Branding and partnerships dell’Esa, che a Wired ha riassunto quello che potrebbe essere un manifesto programmatico dello space simulator: “La cooperazione tra l’Agenzia Spaziale Europea e il team che lavora a KSP è sempre stata un incontro tra fanatici dello spazio. Fin dall’inizio c’è stato un desiderio reciproco di condividere le sfide e le emozioni dell’esplorazione spaziale con un pubblico più ampio. E quando i lanciatori Ariane 5, con le missioni Rosetta e BepiColombo, sono stati scelti per essere inseriti nell’universo di Kerbal, l’Esa si è sentita onorata. Come agenzia abbiamo il dovere sia di educare i cittadini. sia di comunicare con loro. Kerbal Space Program è un canale perfetto per fare entrambe le cose. Questo è importante per noi, perché i giovani giocatori di oggi hanno il potenziale per diventare gli ingegneri, gli scienziati o gli astronauti di domani”. Più chiaro di così…

Si è partiti proprio da questo presupposto per una chiacchierata in esclusiva con Jamie Leighton e David Tregoning, co-lead engineer di Kerbal Space Program, e con Nestor Gomez, che del gioco è il direttore di produzione.

È vero che a Kerbal Space Program giocano Elon Musk e Tony Bruno?

(Gomez): “Ci risulta di sì: Bruno in più occasioni ha twittato di stare giocando a KSP, anche se, immagino, non abbia molto tempo per farlo. Di Musk sappiamo meno, ma anche lui ha dichiarato in più di un’occasione di conoscere il gioco e di essere parecchio interessato al suo seguito”

A proposito di Kerbal Space Program 2, quali saranno le caratteristiche comuni e quali le differenze rispetto al predecessore?

(Gomez): “Credo che un sequel rappresenti un’enorme opportunità, sia per correggere eventuali errori del passato, sia per mantenere viva l’essenza del gioco, che nel nostro caso è intatta: sarà sempre uno space game con elementi realistici di fisica.

Una novità riguarda invece la curva di apprendimento, che abbiamo deciso di addolcire. Abbiamo una nuova consapevolezza delle difficoltà”.

Un’immagine in anteprima di Kerbal Space Program 2, in uscita l’anno prossimo (immagine: Squad/Private Division)

Che tipo di legame esiste fra il gaming e lo spazio?

(Tregoning): “Lo spazio rappresenta un’avventura incredibile per il genere umano. È una delle frontiere in cui si concentrano molte attività nel campo della scienza, della fisica e dell’educazione. Il gaming rappresenta un mezzo per evadere dalla realtà, quindi sì, credo ci sia un forte legame tra le due cose. I videogiochi danno la possibilità di provare esperienze che la maggior parte di noi non potrebbe mai vivere nella realtà. KSP offre, in questo senso, un’opportunità nuova: quella di sperimentare in maniera verosimile cosa significhi viaggiare oltre l’atmosfera, un’esperienza molto diversa da quella offerta dai tradizionali space game”.

Quali sono gli ingredienti che hanno reso Kerbal Space Program un gioco di successo per dieci anni?

(Leighton): “Credo sia perché ci si affeziona ai personaggi, i Kerbal: nessuno si capacita di come questi omini verdi pazzi e stravaganti riescano a costruire una navicella spaziale, o a conquistare il cosmo!”

(Tregoning): “Credo che il realismo del gioco sia un altro punto di forza: simulazioni fisiche in cui convergono l’aerodinamica o la fluidodinamica fanno percepire cosa significhi costruire un aereo, una imbarcazione o una ferrovia”.

(Gomez): “In più KSP è configurabile dagli utenti, ‘moddabile’ come si dice in gergo, e la cosa gli ha permesso di resistere tutti questi anni. La nostra community ci sostiene e ci aiuta a migliorare del primo giorno”.

Come è iniziato il rapporto con la community e come l’avete gestito negli anni?

(Leighton): “Il modding è sempre stato tra i pilastri dello sviluppo di Kerbal Space Program. Qualsiasi miglioria o novità è sempre stata concepita in funzione dei modder che, senza difficoltà, devono avere la possibilità di giocare come preferiscono.

Chi ha iniziato questo progetto aveva in mente quest’idea e noi non abbiamo fatto altro che portarla avanti, garantendo al giocatore la massima libertà nel creare ciò che più gli piace. A dire il vero, David e io abbiamo iniziato la nostra avventura con KSP proprio come modder, giocandolo e immaginandoci di agire in maniera diversa da quella prevista. Oggi se ci rendiamo conto che molte persone sono interessate alla robotica, per esempio, siamo in grado di modificare il gioco e migliorarlo, affinché possa essere più apprezzato non solo dagli appassionati di robotica, ma anche dai non esperti che, in questo modo, verranno stimolati ad avvicinarsi alla robotica stessa”.

Per questo il rapporto fra spazio e gioco è significativo: considerate KSP un modo efficace per imparare la meccanica orbitale e più in generale la fisica dello spazio? Non credete siano elementi in grado di allontanare il casual gamer?

(Tregoning): “Sono convinto che questo gioco aiuti a imparare molto della meccanica orbitale o della meccanica in generale. Io stesso ho sviluppato un interesse sempre maggiore per questi argomenti durante lo sviluppo, al punto da trascorrere molto del mio tempo ad approfondire le mie conoscenze. Da alcune conversazioni con i membri del team di sviluppo e della community so di non essere l’unico: molti di coloro con cui ho parlato hanno sviluppato questa mia stessa passione, che li ha poi spinti a studiare il mondo celeste. Una maggiore conoscenza aiuta ad apprezzare di più eventi come il lancio di un razzo da parte della Nasa o dell’Esa, per esempio”.

(Leighton): “Per quanto riguarda la seconda domanda, credo che la chiave sia l’equilibrio tra realismo e intrattenimento. Non sottovalutiamo i nostri giocatori, vogliamo fornire le conoscenze e gli strumenti necessari affinché possano ricreare, divertendosi, una missione spaziale nel modo più realistico possibile”.

Il lanciatore europeo Ariane 5 nella sua versione Kerbal Space Program (immagine: Squad/Private Division)

Tanto che le agenzie spaziali considerano il gaming un modo efficace per coinvolgere platee sempre più vaste, giusto?

(Gomez): “È così: gli enti spaziali condividono la nostra stessa audience e quindi è un interesse comune quello di lavorare insieme. La nostra prima collaborazione fu con la Nasa, qualche anno fa. Si trattò di un processo naturale, poiché, nel suo staff, c’era già chi utilizzava Kerbal per trovare qualche ispirazione in più, e subito l’idea di dare la possibilità a un gamer di ricreare una sua missione personale accese gli entusiasmi. Anche con l’Esa il rapporto è nato in modo spontaneo: abbiamo lavorato con i loro scienziati per anni e raggiunto, credo, un risultato fantastico”.

Lo spazio interesserà sempre più persone?

(Leighton): “Credo che il cinquantesimo anniversario dell’Apollo 11 abbia risvegliato un forte interesse del pubblico nei confronti dello spazio. Anche le ultime missioni, da Space X alle più recenti dell’Esa o a quelle della Cina, hanno contribuito ad accrescere l’interesse: la gente è sempre più sensibile alla possibilità di tornare sulla Luna, o di andare su Marte, quindi sì, sono certo che spazio interesserà una platea sempre più vasta. In fondo il settore ha subìto un’accelerazione incredibile: innovazioni come razzi e booster riutilizzabili hanno segnato un progresso tecnologico importante e senza menzionare la quantità di denaro investita, che cresce di mese in mese”.

Non credete che mentre la maggiore accessibilità stia rendendo lo spazio un settore sempre più democratico, la contrapposizione fra due blocchi – Stati Uniti ed Europa contro Cina e Russia- rischi di farlo tornare un terreno di scontro? Secondo voi come sarà lo spazio fra dieci anni, al prossimo anniversario di KSP?

(Gomez): “Credo che le attività spaziali siano passate dall’essere una conquista evolutiva per il genere umano a qualcosa che siamo in grado di fare e continueremo a fare. È sempre più facile per un’agenzia partecipare a missioni oltre l’atmosfera e sono convinto che la concorrenza sia una cosa buona e stimolante. Spero continuerà a esserci, in particolare nella corsa verso l’esplorazione spaziale più profonda”.

(Tregoning): “Credo che fra dieci anni lo scenario spaziale sarà molto interessante, con collaborazione e cooperazioni internazionali sempre più forti e articolate, sia su scala pubblica che privata. Sono certo questo porterà a traguardi incredibili e mi riferisco tanto all’accesso globale a internet quanto ai viaggi interplanetari”.

Elon Musk non potrebbe essere più d’accordo.

Agrigento, Girgenti Acque: scoperto sodalizio criminale, in corso numerosi arresti

agrigento,-girgenti-acque:-scoperto-sodalizio-criminale,-in-corso-numerosi-arresti

Foto Ansa

Vasta operazione di Polizia giudiziaria in corso: al centro la società per azioni Girgenti Acque, numerosi arresti

È in corso sul territorio nazionale una vasta operazione di Polizia giudiziaria coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Agrigento.

Militari dell’Arma dei Carabinieri e della Tutela per l’Ambiente, della Guardia di Finanza e personale della Direzione Investigativa Antimafia, stanno eseguendo una serie di misure cautelari personali nei confronti di un sodalizio criminale dedito alla commissione di una pluralità di illeciti.

Le ipotesi di reato per le quali si sta procedendo sono quelle di associazione a delinquere di colletti bianchi finalizzata alla commissione di delitti contro la Pubblica Amministrazione, frode in pubbliche forniture, furto, ricettazione, reati tributari, societari e in materia ambientale.

Al centro della vicenda, la società per azioni Girgenti Acque, gestore unico del servizio idrico integrato della provincia di Agrigento, destinataria di certificazione interdittiva antimafia nel novembre del 2018.

Tra gli indagati figurano imprenditori, professionisti, politici di rilievo nazionale, funzionari pubblici con responsabilità di vertice e appartenenti alle forze dell’ordine.


Nina Moric e Fabrizio Corona, torna il sereno? Qualcuno li fa riavvicinare

nina-moric-e-fabrizio-corona,-torna-il-sereno?-qualcuno-li-fa-riavvicinare

Nina Moric e Fabrizio Corona si sarebbero riavvicinati: secondo un’indiscrezione, i due avrebbero seppellito l’ascia di guerra.

Nina Moric Fabrizio Corona torna sereno
(Photo by Lawrence Lucier/Getty Images)

I rapporti tra Nina Moric e Fabrizio Corona non sono stati sempre sereni, anzi. Da quando i due non sono più una coppia, in varie occasioni sono avvenuti scontri tra i due. Ora però sembra che la situazione sia cambiata.

Stando ad un’indiscrezione riportata da ‘Il Tempo’, il re dei paparazzi e la modella croata non si starebbero più “facendo la guerra”.

Secondo un’anticipazione riferita dal quotidiano, Fabrizio e Nina si sarebbero riavvicinati. In particolare la testata ha riferito “un’indiscrezione bomba“. I due sarebbero stati fotografati insieme a Milano.

Insomma, avrebbero ritrovato una serenità che nei mesi scorsi sembrava essere ben lontana.

Nina Moric e Fabrizio Corona, il motivo del loro riavvicinamento

L’ex re dei paparazzi ha condiviso le foto del figlio Carlos Maria all’esterno dell’istituto Gonzaga di Milano.

Quest’ultimo, di recente, si è diplomato conseguendo la Maturità. Così il padre, oltre a pubblicare le immagini in questione, ha anche scritto nella didascalia agli scatti taggando anche la sua ex.

Orgogliosi di te. Si supera tutto solo uniti. Love U.

LEGGI ANCHE —> Fedez si scaglia contro Papa Francesco: il clamoroso attacco via Twitter

La stessa Nina pare aver commentato la ritrovata serenità familiare con una storia Instagram in cui si legge.

Alcune circostanze della vita sono inevitabili: imparare ad accettarle significa fare un passo verso la “saggezza”…? Si soffre molto per il poco che ci manca e gustiamo poco il molto che abbiamo. E’ meglio avere il 50% di qualcosa che il 100% di niente. Si, sono troppo stanca.

Mentre nella didascalia delle foto pubblicate su Instagram insieme al figlio, la donna ha scritto.

Lascia che gli altri si vantino di quante pagine hanno scritto; Preferisco lasciarti vantare di quelli che leggi. Ti amo mio campione.

LEGGI ANCHE —> Gigi D’Alessio, denunciato il figlio, l’ha fatta davvero grossa: lui non ci sta

I due avrebbero quindi smesso di “farsi la guerra” per il bene del loro unico figlio.

Barbara D’Urso su tutte le furie, il duro sfogo: “Vandali, non siamo questa roba”

barbara-d’urso-su-tutte-le-furie,-il-duro-sfogo:-“vandali,-non-siamo-questa-roba”
Barbara D'Urso
Barbara D’Urso

Barbara D’Urso arrabbiata sui social: il motivo

Nonostante sia in pausa estiva, Barbara D’Urso continua a rimanere attiva sui suoi canali social. A tal proposito, recentemente la conduttrice napoletana ha avuto un duro sfogo dicendo: “Questo non è vandalismo, ma l’ennesima aggressione omofoba!”. Carmelita, senza giri di parole, è tornata a difendere chi è vittima di attacchi omofobi.

Su Instagram Lady Cologno ha fatto vedere ai suoi numerosi follower un’altra panchina imbrattata con scritte che dovrebbero far vergognare coloro che l’hanno realizzata. La padrona di casa di Pomeriggio Cinque, riconfermata al momento solo con questo format, si è mostrata davvero arrabbiata. Infatti, la 64enne partenopea ha scritto anche: “Perché? Questo non è vandalismo, anche questa è un’aggressione omofoba!”.

Carmelita confermata a Pomeriggio Cinque

Mancano ancora alcuni mesi da quando Barbara D’Urso tornerà a condurre Pomeriggio Cinque, il rotocalco che Mediaset le ha confermato per la prossima stagione tv. Inoltre, pare che dopo la chiusura di Live Non è la D’Urso l’azienda potrebbe affidarle un programma in prime time. Si parla dello Show dei Record che Carmelita aveva già condotto nel 2008.

Al momento non si conosce la sorte di Domenica Live. Infatti, fino a qualche giorno fa era per certa la presenza di Lorella Cuccarini e Stefano De Martino come sostituti come un nuovo format, mentre ora il ballerino napoletano è stato riconfermato in Rai. Quindi, si parla di un possibile rinnovo con la professionista napoletana ma solo nella fascia 17:15 sino alle 18:45.

Barbara D’Urso felice al fianco di Francesco Zengrillo

Nel frattempo, sembra che la frequentazione tra Barbara D’Urso e Francesco Zangrillo prosegue nel migliore dei modi. Sulla nota rivista Oggi recentemente c’era scritto: “Ultimo a far capolino dal portone e a vegliare dall’alto con lo sguardo da condor, è proprio Zangrillo”.

Proprio l’assicuratore ha accompagnato la professionista Mediaset a casa in corso Como, una delle vie più glamour della notte milanese. “Una volta arrivata saluta gli amici: tutti, tranne lui. Perché si accorge del nostro fotografo, con gran disappunto. E corre a passo svelto verso casa, fingendo indifferenza”, ha scritto il magazine.

Serena Rossi, conoscete i suoi genitori? Una famiglia di artisti

serena-rossi,-conoscete-i-suoi-genitori?-una-famiglia-di-artisti

La famiglia dell’attrice è davvero fuori dal comune, un esempio importante per la sua formazione personale come artista a tutto tondo.

Serena Rossi

Il pubblico ha imparato ad amarla per la sua partecipazione nella celebre soap “Un Posto al Sole” dove ha anche conosciuto il suo futuro compagno Davide Devenuto.

Per Serena Rossi però da allora si sono aperte le porte del piccolo schermo e di grandi programmi tv molto seguiti da casa. Da “Che Dio ci aiuti”, “R.I.S. Roma – Delitti imperfetti”, sino a “Mina Settembre” e “Io sono Mia”.

Il successo dello show “La canzone segreta” inoltre l’ha avvicinata ancora maggiormente ai telespettatori per la sua grande empatia nel raccontare e raccontarsi, sempre con grande professionalità e allegria.

Serena Rossi deve la sua grande poliedricità però alla famiglia di origine che le ha trasmesso le grandi doti che possiede e la passione per la musica. Scopriamo cosa fanno i suoi genitori.

Serena Rossi ha una famiglia fuori dal comune: conosciamoli

Sembra che la Rossi tornerà presto sulla Rai con una nuova fiction intitolata “La sposa” assieme al collega Giorgio Marchesi. Un serie ambientata negli anni Cinquanta che racconta la storia di un matrimonio combinato per fini economici tra due famiglie agli antipodi.

Serena Rossi
Serena Rossi con i genitori (Screen Instagram)

Serena Rossi inoltre è stata anche doppiatrice sia a livello cinematografico che in molti altri prodotti televisivi, noto ad esempio il ruolo che ha avuto in “Frozen” dove ha dato la voce alla principessa Elsa.

L’amore per la musica è sempre stato nelle corde della 35enne napoletana, anche grazie alla professione del padre anche lui musicista. Loro l’hanno sempre spinta a seguire le sue passioni e sono sempre stati in prima linea in tutti i progetti che l’hanno vista protagonista.

LEGGI ANCHE –> Giulia Salemi, quanto la conoscete? Che titoli di studio possiede

LEGGI ANCHE –> Al Bano, la garanzia per il futuro: felicissimo della scelta presa

Alcuni mesi fa proprio la giovane aveva condiviso uno scatto sui social in cui abbracciava i genitori accorsi a vederla impegnata sul set di “Mina Settembre”. Innegabile dire da chi ha preso la sua straordinaria bellezza.