Autore: Tiziana Maiolo

Stato antico dell'Impero Romano [27 a.C.-476 d.C.] – Con te a Roma

Impero Romano, l’antico impero, incentrato sulla città di Roma, fondata nel 27 aC dopo la fine della Repubblica Romana e continuata fino all’eclissi finale dell’impero d’Occidente nel V secolo dC. Segue una breve trattazione dell’Impero Romano. Per il trattamento completo, vedere l’antica Roma.

Ascesa e consolidamento della Roma imperiale

Dai uno sguardo ai resti dell’Impero Romano nel Colosseo, nel Foro Romano e nella Via Appia

Dai uno sguardo ai resti dell’Impero Romano nel Colosseo, nel Foro Romano e nella Via Appia

Guarda tutti i video per questo articolo

Scopri come le tattiche e la disciplina dell’esercito romano hanno permesso all’Impero Romano di espandersi e resistere

Scopri come le tattiche e la disciplina dell’esercito romano hanno permesso all’Impero Romano di espandersi e resistere

Guarda tutti i video per questo articolo

Un periodo di disordini e guerre civili nel I secolo a.C. segnò il passaggio di Roma da repubblica a impero. Questo periodo comprendeva la carriera di Giulio Cesare, che alla fine prese il pieno potere su Roma come suo dittatore. Dopo il suo assassinio nel 44 a.C., governò il triumvirato di Marco Antonio, Lepido e Ottaviano, nipote di Cesare. Non passò molto tempo prima che Ottaviano entrasse in guerra contro Antonio nell’Africa settentrionale, e dopo la sua vittoria ad Azio (31 a.C.) fu incoronato primo imperatore di Roma, Augusto. Il suo regno, dal 27 a.C. al 14 d.C., si distinse per stabilità e pace.

statua dell’imperatore romano Augusto

statua dell’imperatore romano Augusto

Augusto stabilì una forma di governo nota come principato, che combinava alcuni elementi della repubblica con i poteri tradizionali di una monarchia. Il Senato funzionava ancora, sebbene Augusto, come princeps, o primo cittadino, rimase al controllo del governo..

Con l’intento di mantenere la struttura del potere affidata al suo governo, Augusto iniziò presto a pensare a chi avrebbe dovuto seguirlo. La morte ha rovinato i suoi tentativi di selezionare il suo successore. Non aveva figli e suo nipote Marcello, suo genero Agrippa e i suoi nipoti Gaio e Lucio lo precedettero ciascuno. Alla fine scelse Tiberio, rampollo dell’ultra-aristocratica Claudia gens, e nel 4 d.C. lo adottò come figlio.

Affacciato sul Foro Romano con il Tempio di Saturno a Roma, Italia

Quiz Britannica

L’impero romano

In che anno terminò l’impero romano? Su quanti colli era edificata Roma? Da Giulio Cesare ai leggendari fondatori della città-stato, metti alla prova la tua conoscenza dell’antica Roma in questo quiz.

Tiberio (regnò dal 14 al 37) divenne il primo successore della dinastia giulio-claudia e governò come un abile amministratore ma crudele tiranno. Suo pronipote Caligola (37–41) regnò come assolutista, il suo breve regno pieno di spese sconsiderate, omicidi insensibili e umiliazioni del Senato. Claudio (41–54) accentrò le finanze statali nella famiglia imperiale, facendo così rapidi passi avanti nell’organizzazione della burocrazia imperiale, ma fu spietato nei confronti dei senatori e degli equites. Nerone (54–68) lasciò l’amministrazione a abili consiglieri per alcuni anni, ma poi si affermò come un vizioso despota. Egli pose fine alla dinastia essendo il primo imperatore a subire la damnatio memoriae: il suo regno fu ufficialmente cancellato dagli atti per ordine del Senato.

A seguito di una guerra di successione, Vespasiano divenne imperatore e si costituì la dinastia dei Flavi. Il suo regno (69–79) fu notato per la sua riorganizzazione dell’esercito, rendendolo più leale e professionale; per il suo ampliamento del numero dei membri del Senato, introducendo amministratori con senso del servizio; per il suo incremento e sistematizzazione della tassazione; e per il suo rafforzamento delle frontiere dell’impero (sebbene si aggiunse poco nuovo territorio). Al breve ma popolare regno di suo figlio Tito (79–81) seguì l’autocrazia di Domiziano (81–96), l’altro figlio di Vespasiano, che combatté la classe senatoria e istituì tasse e confische per edifici, giochi e spettacoli costosi. Un regno di terrore nei suoi ultimi anni si concluse con il suo assassinio. La dinastia dei Flavi, come quella giulio-claudia, terminò con un imperatore la cui memoria fu ufficialmente dannata.

Salsa Don Mario, la più amata da Sofia Loren. Non chiamatela salsa al pomodoro, è più buona e facile, si prepara a casa in 10 minuti

salsa-don-mario,-la-piu-amata-da-sofia-loren.-non-chiamatela-salsa-al-pomodoro,-e-piu-buona-e-facile,-si-prepara-a-casa-in-10-minuti

Salsa Don Mario, una salsa che sembra di più una vera e propria magia visto che ha fatto letteralmente innamorare una star del calibro di Sofia Loren. A inventare la salsa  “Don Mario” è stato lo chef lucano Niko Sinisgalli o meglio ancora come confessato proprio da lui, a scoprire la ricetta sarebbe stata la nonna. Gli ingredienti sono poveri e genuini: i pomodori Pachino, quelli piccoli che arrivavano dritti dalla Sicilia, i “San Giuvanniéll”, come li chiama Sofia Loren in dialetto napoletano.

Ma attenzione a chiamarla come una semplice salsa al pomodoro, è molto di più quasi un vero capolavoro. L’attrice Sofia Loren ne chiede sempre una porzione abbondante con doppio giro di salsa, ogni volta che va al Ristorante Tazio a Roma dove lo chef prepara questa sua specialità. Per questa salsa va bene qualsiasi formato di pasta, da quella lunga ai classici paccheri. In questa ricetta abbiamo decido di proporre una pasta fresca fatta in casa. Vediamo quindi come preparla. Leggi altre RICETTE DI PRIMI PIATTI GOLOSI

Salsa Don Mario, Ingredienti:

 Per la pasta fresca

  • 300g di farina di semola rimacinata;
  • 150ml di acqua tiepida;
  • vino bianco q.b.

Per la salsa “Don Mario”

  • 100ml di olio di oliva extravergine;
  • 400g di pomodori di Pachino;
  • 2 spicchi di aglio rosso;
  • sale grosso q.b.;
  • coste di basilico q.b.

Per la mantecatura

  • 80g di pecorino di Moliterno;
  • 20 foglie grandi di basilico;
  • olio di oliva extravergine;
  • crema di peperoncino q.b.

Preparazione:

Iniziamo a impastare gli ingredienti per la pasta fresca, quindi in un recipiente impastiamo la farina di semola con l’acqua tiepida e il vino, affinché tutto sia omogeneo. Una volta composto un impasto omogeneo e compatto, fatelo riposare per almeno un’ora. Dopo di che formate dei cordoni sottilissimi lunghi 12-15cm e con questi formate dei fusilli aiutandovi con un ferretto squadrato o uno stecchino di legno. Mettete i fusilli su una teglia infarinata.

Nel frattempo preparate la salsa Don Mario. Quindi in una padella mettete a riscaldare l’olio evo con uno spicchio di aglio in camicia e pochissima acqua e lasciare cuocere per 5 minuti. Prendere i pomodorini inciderli e metterli a sbollentare in acqua bollente salata per un paio di minuti, quindi scolarli e raffreddarli subito in acqua gelata, pelarli e tagliarli on in due o in quattro pezzi, non di più. Aggiungerli alla pentola con l’aglio insieme alla coste di basilico ed aggiustare di sale. Lasciate cuocere altri 15 minuti.

Intanto mettiamo sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata (10g di sale per 1l di acqua) e appena bolle gettare la pasta fatta in casa. Far cuocere per 2 minuti appena. Scolare e versare i fusilli nella pentola con il sugo. Mescolare bene e togliere la pentola dal fuoco. Infine mantecare con un po’ di basilico, la crema di peperoncino e  una bella spolverata di pecorino e olio a crudo. Impiattare e servire ben caldi. Buon appetito.

Leggi anche: Pasta al pettine di Bruno Barbieri, la ricetta anni 80 che si prepara all’ultimo minuto con una cremina “magica” super golosa

pasta salsa don mario

 

Salsa Don Mario, la più amata da Sofia Loren. Non chiamatela salsa al pomodoro, è più buona e facile, si prepara a casa in 10 minuti scritto su Più Ricette da Redazione.

We Talked to Huda Kattan, Jen Atkin (and Others!) About Why Dubai Should Be On Everyone’s Beauty Radar

we-talked-to-huda-kattan,-jen-atkin-(and-others!)-about-why-dubai-should-be-on-everyone’s-beauty-radar

When you think of the beauty industry and its capitals, you likely think of the usual four cities: New York, London, Milan and Paris. They also happen to be the fashion capitals of the world. Or at least they were, once upon a time.

But thanks in large part to social media and the access it offers us, inspiration and influence now comes from, literally, all around the globe.

And one of the cities that’s playing a major role in the beauty industry right now is Dubai, boasting beauty trends that are very different from those coming out of the west. Middle Eastern beauty in general tends to take a “more is more” approach. Bold brows and false lashes aren’t reserved for special occasions—for many women, they’re part of a daily routine.

And as a Middle Eastern woman myself, I know this firsthand. While I rarely step out in a full face of makeup, some of my favourite childhood memories involve gathering at a family member’s house before a wedding, where all the women in the family would get ready together. That’s where I was introduced to things like lip overlining, hair extensions and enough kohl eyeliner to fill a drugstore aisle.

That’s why when Emirates invited me to explore Dubai and get to know not only the city, but also its budding beauty scene, I couldn’t say no. So I happily hopped on a 13-hour-long flight in search of beauty secrets from the industry experts in Dubai, land of bold brows and flawless contour.

What I didn’t realize was that my glam education would start before the plane even took off. Emirates prides itself on its comfort, glamour and excess. In fact, I learned that a single first class seat on an Emirates flight—complete with on-board showers, a Bulgari kit of amenities, the largest on-flight screen of any airline (32 inches!), loungewear that uses Hydra Active Microcapsule Technology to release motion-activated, nutrient-rich sea kelp which prevents dehydration and stimulates circulation (!!!)—is valued at around half a million dollars.

Then there are the flight attendants, who I learned have a major beauty trick up their sleeves. A well-known Emirates rule is that the women working the flight must wear a matte red lipstick (of any brand) that perfectly matches the red accents of their uniform. Since they’re flying for long periods of time, the matte lipstick has to be long-wearing and ultra comfortable, even in the dry, harsh air of a flight cabin. The most popular lipstick choice? Write this down: Sephora Collection Cream Lip Stain Liquid Lipstick in 01 “Always Red.”

Imagine the amount of swatching and trial and error required to find the perfect red.

Now that the (chic and actually really relaxing) flight was behind me, it was time to talk to some beauty industry experts about what they love about Dubai and why the city is on its way to becoming a major player in the beauty scene.

Huda Kattan

Dubai’s most famous beauty industry insider is Huda Kattan, Iraqi-American makeup artist and brand founder. About ten years ago, Kattan was working in L.A, where she became a go-to makeup artist for celebs like Eva Longoria and Nicole Richie. Upon moving back to Dubai, she launched a blog called Huda Beauty, and later, in 2013, a successful cosmetics line of the same name.

On Dubai’s love of glam
“Beauty in the Middle East is very glamorous, and the women living in this region love to pamper themselves. Many muslim women wear a niqab or a hijab, so the eyes really are the focus. [We also] have strong features and tend to play them up with eye makeup. Middle Eastern women can get away with wearing false lashes on a daily basis, having a dramatic winged liner, or being really bold when filling in their eyebrows.

We love to take chances and be quite daring. Women in Dubai love going full glam on any regular day; that means lashes, contour, highlight, prominent brows and a perfect eyeliner. European and [North American] women are definitely a lot more natural when it comes to their makeup.”

On skincare
“When it comes to skincare, we love natural ingredients–like using coconut oil to remove our makeup, castor oil for our brows, or using rose water as a toner. A lot of Middle Eastern women use ingredients from around the house because it’s what their mothers and grandmothers did for so many years and they trust it!

However, in the west, women are more aware of ingredients lists and if there is SPF in their products.”

On Dubai as an up-and-coming beauty industry hub

“I think Dubai will be the [leader in] ‘modern beauty.’ You can get the very best products here, some of the best Hollywood doctors and dentists practice here, and because the city is very young, it leads the way with beauty trends. Dubai offers unlimited possibility. I moved here permanently in 2008 and it was a really interesting time in my life. It was a time of self-discovery and what the UAE represented for me was limitless opportunities.

The Middle East is a really vibrant market and the beauty industry is fast-growing, particularly when it comes to indie and niche beauty brands. I feel like beauty is a necessity in the Middle East. Because of their amazing features, women in the Middle East wear more makeup to enhance their big beautiful eyes and bold brows. They’ve always loved makeup. Being very glam and over-the-top is a part of Middle Eastern culture and history; it’s as though it’s in your blood to love beauty.”

Jen Atkin

Celebrity hairstylist and founder of Mane Addicts and Ouai Haircare, Jen Atkin, visits Dubai regularly, as many of her clients are located in the UAE and are willing to pay serious cash to have her cut their hair.

On what draws her to Dubai

“I’ve been traveling to Dubai for 5 years now. I go four or five times a year, for a week at a time. A lot of my followers [and clients] are in the Middle East.”

On the retailers and industry in Dubai

“The beauty industry & retailers are so glamorous and savvy. Everyone does their research and knows about the best beauty regimes for gorgeous hair and skin.”

On what she’s learned from Middle Eastern clients

“Middle Eastern ladies tend to have hair that’s twice as thick as, and longer than, that of my clients back in Los Angeles. My clients here have taught me a lot about what women need. I learned about hair masking from them! They told me they have weekly masking nights at home with their family. That inspired me to create the Ouai Treatment Masque.”

Sonia and Fyza

Caption this

A post shared by Sonia & Fyza Ali (@soniaxfyza) on

You may know Sonia and Fyza as the Instagram influencers who have a striking resemblance to Kim and Kylie. But while they don’t personally see the similarities, they’ve used the Kardashian-Jenner association to build an impressive following and brand. Fyza, a makeup artist, posts photos of her work (which she does on her sister, Sonia), to their 781,000 followers, many of which come for the Kardashian-Jenner resemblance, but stay for the lewks.

On how they got their start

Fyza: I’d had a passion to move to the States from a young age. I wasn’t getting any opportunities as a makeup artist in the UK, where we were born and raised. I wasn’t getting any jobs because my last name was Abdullah. I feel bad for it now but I took my last name out. It was stopping me from getting any work.

Sonia: When she’d send an email, she’d use my name because it’s universal.

Fyza: Her name sounded European, so I’d use her name. That’s why the [Instagram] page is called Sonia first. Anyway, I wanted to move to the States because I always felt it was more accepting than the UK, for muslims especially. They say it’s harder but when you look a certain way in America, you’re accepted.

So we were on vacation in Miami and a woman who worked at M.A.C stopped us and said she loved our makeup, which I had done. She said, “There’s an app called Instagram. I want you to upload images of your work on Sonia or your mom.” She was the head of the region—from Canada, I think. She told us, “I want you to upload your work as much as you can so I can show my coworkers why you should come over here.” Every few days, I’d do a look on Sonia and we’d upload pictures with my mom’s digital camera onto the app.

Sonia:No hashtags. Nothing.

Fyza: All of a sudden people were following us and requesting Kim Kardashian-inspired looks. I started getting these makeup bookings from all over the world. I’d do a billionaire’s wife’s makeup every weekend in Vienna. I’d be flown out to Morocco and Spain and to the royal family of Saudi Arabia. All of them wanted a Kardashian look.

On whether or not the Kardashian-Jenner comparisons bother them

Fyza: No, it doesn’t bother me. They’re the most beautiful women in the world at the moment. They’re getting the most attention. I’d rather look like them than Paris Hilton.

Sonia: Because of them, our look is okay now. It’s accepted.

Fyza: Growing up, I was a hairy Arab girl that no one wanted. Now…

Sonia: But people don’t see our personalities now. We’re each just seen as someone who looks like someone else. Later on, when you get to know us as people, the image of Kim and Kylie disappears. Our personalities are nothing like theirs. We don’t really watch them so we don’t know how they act or their mannerisms.

Fyza: They’re very Californian. We’re British. It’s totally off.

Sonia: People expect us to speak in an American accent when they meet us. They’ll say, ‘You guys sound nothing like them!’ We’re not trying to act like them…

Fyza: I really admire them so much. If it wasn’t for them, blonde hair and blue eyes would still be the only thing considered pretty.

Sonia: No one would work with influencers before them.

Fyza: They get so much shit for what they do, but no one can do what they do. The amount of hate they get…I would quit if I was in their shoes. They came on the scene not knowing if they’d be laughed at or hated and still did it. They made people love them without having any talent. That’s the hardest thing to do.

On the differences between beauty trends in Dubai (where they now live) and the UK

Fyza: Girls here are wearing full coverage foundations from 8am onward.

Sonia: Many English girls would never wear full coverage makeup before. They’d save that for special occasions. They used to only wear tinted moisturizer and mascara. Now, they’re wearing Fenty and Huda foundation and going all out. They’re even wearing lashes, which is a lot for them—but that’s my everyday makeup.

On Middle Eastern beauty trends making their way west

Fyza: I think Huda started the trend of full-coverage makeup. She’s also a really good voice for the Middle East. Huda was the first in the Middle East to do the whole Kardashian thing. She’s put us on the map. Before that, I don’t think anyone gave a shit about girls from Dubai and what they were doing.

Sonia: Now brands are making more Arabic-influenced things that consumers can feel comfortable buying. When we were younger, you’d never see an oud perfume [in the mainstream market]. Now it’s everywhere. We went on a press trip with a group of bloggers from the west and all the girls were like, ‘What’s that smell? Ew, it’s so strong!’ Now everyone’s got oud perfume.

Fyza: We’re setting trends here. You know when someone laughs at you first and then copies you later? That’s the Middle East with beauty trends.

summer is here ?☀️ which city are you from? ?

A post shared by Sonia & Fyza Ali (@soniaxfyza) on

On why skincare doesn’t have as much of a pull in Dubai

Sonia: People here like what’s on trend. If an influencer writes about something, they’ll all go buy it.

Fyza: Women here generally have great skin. It’s so humid, so you’re forced to drink a lot of water. That’s the best thing for skin.

Fyza: I’m so into skincare but I’m not open about it. I’m very private when it comes to skin because it’s an insecurity. When Sonia posts a picture of makeup and you look at the insights, the likes are way more than a skincare post. But when you look at the insights, my skincare post is saved by 3000 girls while her makeup post is saved by 1000 girls. Girls are private here and don’t want their friends to know that they’re following skincare or surgery pages. Girls in Europe or America are more open with their insecurities and skincare routines.

Sonia: I’d never post pictures of my bad skin. It’s about modesty. It’s nice to have secrets [and not put that stuff on social media]. The mystery is very attractive.

On whether or not green beauty has taken off in Dubai

Fyza: It’s not doing very well here. Here, you can’t get past the term “mineral makeup” because girls think it’s not full coverage. I’m trying to tell girls it’s not just about covering your skin with makeup. You want to have a good base.

On what makes a beauty brand successful in Dubai

Fyza: Social media, 100%.

Sonia: Everyone here just follows trends on social media. If Huda’s wearing something, they’ll buy it. If we’re wearing something, they’ll buy it.

Fyza: That’s all that matters. Social media.

Shawna Morneau, Founder of Hammamii

Originally from Windsor, Canada, Shawna Morneau traveled all around the world (no really, she’s lived in North America, Australia, Africa, Europe, Russia) working in the spa industry (going from therapist, educator and trainer, to spa consultant and director of spa for The Four Seasons Hotels and Resorts), before settling in Dubai. Combining her appreciation of fresh regional ingredients (like za’atar, sumac, saffron, salt from the Arabian Sea), her love for the hammam and her knowledge of cosmetic chemistry, Morneau launched luxury beauty brand, Hammamii, in spas a year and a half ago. Currently, the brand is carried at the Fairmont Fujairah and Sharjah Ladies Club and Armani at The Burj Khalifa, with plans to expand.

On the inspiration behind Hammamii

“I wanted to come up with a nice range of cleansing rituals that were a merriment of North Africa and the Middle East. We do all our own manufacturing, and everything is made here in Dubai. I wanted to take my experience in cosmetic chemistry, my experience traveling through the Middle East, and my experience in plants and herbs and make a regional offering that was quite cool.”

On the conversation around skincare in Dubai

“Your skincare routine is something you wouldn’t do in front of anyone. However, the tradition of the hammam is basically seen as a social gathering. It’s the cleansing before Friday prayer. Organic and natural skincare is a new conversation here. People are starting to wake up and care about what’s going on their face. Before, it was more like, ‘Chanel is hot? I’m going to use Chanel. Shiseido is hot? I’m going to use Shiseido.’ Now, instead of using things that are so complicated, they’re going back to their roots. That’s what we found with Hammamii. People like the fact that these were their grandmother’s recipes that have been rebirthed and reproduced in a way that’s not so rough and more refined.”

On the ever-present glam factor

“I can’t imagine any of my friends going to a drugstore to buy skincare or makeup. Maybe at a specialty drugstore. Overall, it’s not really done, but this is just from my personal experience. Dubai is still Dubai. The glam side will always be more in the limelight.”

The post We Talked to Huda Kattan, Jen Atkin (and Others!) About Why Dubai Should Be On Everyone’s Beauty Radar appeared first on FASHION Magazine.

Oroscopo Branko settimanale: le stelle dal 26 settembre al 2 ottobre

oroscopo-branko-settimanale:-le-stelle-dal-26-settembre-al-2-ottobre

Oroscopo Branko settimanale per i segni di Ariete, Toro, Gemelli e Cancro
Ariete – La Luna Nuova in Bilancia ti spinge a riportare ordine e creare nuovi equilibri nell’area delle relazioni interpersonali più importanti. Mi riferisco, naturalmente, alle relazioni di coppia, ma anche ai rapporti con soci e collaboratori. In campo affettivo, per molte coppie giunge il momento di fare il punto della situazione e di sciogliere eventuali nodi irrisolti. E’ un periodo in cui occorre dialogare, mediare, e cercare intese e compromessi. Il tuo è un segno attivo e intraprendente, ma fa un po’ fatica ad attendere i tempi degli altri. La capacità di immedesimarsi e comprendere il punto di vista dell’altro è al centro del cielo della settimana e resterà importante nel corso di tutto il mese di ottobre.

Toro – La Luna Nuova in Bilancia agisce prevalentemente nell’area del lavoro, e ti suggerisce nuovi modi per dare continuità alle cose e porre rimedio al caos e all’instabilità che ha contraddistinto gli ultimi tempi. Il Toro è un segno che non sopporta l’imprevedibilità delle cose, soprattutto nella loro fase iniziale. Per chi ha attraversato un recente cambiamento, questa Luna Nuova consente alle novità degli ultimi tempi di andare a regime e cominciare a produrre frutti, conferme e soddisfazioni. Ai molti nati del segno, invece, che desiderano un cambiamento ma non trovano il modo concreto per metterlo in atto, la Luna Nuova consente di iniziare a guardare in nuove direzioni. Mercurio e Marte in aspetto positivo offrono importanti occasioni di rinnovamento e di riscatto, purché ci sia una aderenza alla realtà. Attorno a martedì 27, e ancora venerdì 30 potresti far sentire la tua voce su una questione di lavoro: il trigono di Marte ti rende grintoso e capace di smuovere mari e monti. Presta però attenzione ai toni perché c’è il rischio di far saltare un accordo che invece potrebbe rivelarsi utile. Inevitabilmente l’amore risente delle distrazioni professionali e di qualche responsabilità in più in famiglia o nella coppia. L’opposizione di Venere può rendere faticosa la nascita di nuovi amori in un momento che premia chi sa vivere alla giornata, senza proiettare troppe aspettative su ogni nuovo incontro.

Gemelli – Questa è una delle Lune Nuove più belle per il tuo segno. So bene che vieni da un anno e mezzo pesantissimo, nel corso del quale ogni conquista ha avuto un prezzo molto alto. Camminare con Saturno contro è un po’ come percorrere un tapis roulant contromano: ogni passo costa più del dovuto e il rischio di inciampare è molto alto. Da metà settembre, però, il cielo è cambiato e ora hai il sostegno di un bellissimo Giove a favore, che restituisce creatività, energia e vitalità. Un Giove che consente di rallentare quel tapis roulant e muovere passi più equilibrati e costanti in direzione dei propri progetti di vita. Certo, molti nati del segno giungono a questo punto stanchi, ma ottobre è il portale in un cielo più bello e leggero che deve essere cavalcato fino in fondo.

Cancro – La Luna Nuova in quadratura dalla Bilancia contiene un’importante prova d’indipendenza da sostenere. Molti nati del segno da qualche tempo sono incastrati in situazioni professionali o affettive che limitano un po’ la loro libertà e la loro indipendenza. La “libertà” è un’arma a doppio taglio, perché da un lato significa possibilità di dare ascolto alla voce dei propri desideri, ma dall’altra vuol dire lasciare un guscio di abitudini che danno sicurezza. Ed è proprio questo il “tema” di questa Luna Nuova per il Cancro: passare in rassegna le proprie sicurezze. Alcune meritano di essere confermate perché rappresentano radici ancora vive e vitali. Altre invece sono diventate solamente abitudini, “abiti” che rispondono solamente all’esigenza di non sentirsi “nudi”. Ma, si sa, quando si nasce, si nasce nudi, e questo è un cielo che contiene un importante seme di rinascita.

Oroscopo di Branko settimanale per i segni di Leone, Vergine, Bilancia e Scorpione

Leone – La Luna Nuova in Bilancia è un gong che inaugura una nuova stagione più ricca e dinamica soprattutto per il lavoro. Facciamo un passo indietro: sono ormai molti anni (per alcuni addirittura dal 2011) che il tuo lavoro procede a singhiozzo, alternando passi avanti e passi indietro, senza però riuscire a fare quel “salto” in alto verso la gloria. In altre circostanze, forse questa situazione sarebbe stata accettabile. Nel tuo cielo, però, è attivo da qualche anno un potente transito di Plutone che ti spinge a trasformare il lavoro in un palcoscenico importante sul quale mostrare il tuo valore e il tuo talento. Per questo, non è facile accontentarsi di situazioni precarie, o di ripiego, o comunque non all’altezza di ciò che senti di poter esprimere.

Vergine – Hai presente quando guidi in riserva sull’autostrada, cercando di far durare quel fondo di benzina più a lungo possibile tenendo basso il regime dei giri del motore, rinunciando a tentare sorpassi o altre manovre azzardate per evitare di restare a secco sul più bello? Ecco, se questa è la sensazione con la quale hai vissuto la seconda metà di quest’estate, la Luna Nuova in Bilancia ed il cielo d’ottobre risplendono ai tuoi occhi come il distributore di benzina! E’ tempo di fare il pieno, alzare l’asticella del serbatoio e fermarsi anche a prendere un caffè. E’ una Luna che inaugura una fase più serena sia nel lavoro che negli affetti. In campo lavorativo, diventa più facile ottenere il giusto riconoscimento economico per i propri sforzi. Creare scambi più equi tra ciò che fai e ciò che ricevi in cambio.

Bilancia – Questa è la tua Luna Nuova, fischio d’inizio di un campionato che ti vede vincitore, portale d’accesso in un cielo di assoluta rinascita. Il mese di settembre è stato faticoso perché ti ha tenuto lì a galleggiare tra un passato (quello degli ultimi anni) e un futuro che inizia adesso. Provo a elencarti alcuni “sintomi” che potresti aver sperimentato nelle ultime settimane: difficoltà a riconoscersi in alcune amicizie di sempre, che ad un tratto sembrano parlare un’altra lingua, spesso non del tutto comprensibile. Difficoltà a riconoscersi nella vita di tutti i giorni, dai rituali della routine alle prove del lavoro, che tutt’un tratto sembrano i lineamenti del volto un altro. E poi, tutta una gamma di effetti “minori”, se vuoi: scarsa voglia di uscire, incontrare, vedere gli amici. Come se fosse una pausa di raccoglimento interiore nel camerino prima di entrare in scena. La sensazione, sia per chi sta per abbracciare un cambiamento importante che per chi apre gli occhi sulla necessità di apportare piccole innovazioni alla vita, è la stessa: è come percorrere un lungo ponte tra un passato che non ti appartiene più fino in fondo e un futuro di cui ancora non si vedono con chiarezza i contorni.

Scorpione – La Luna Nuova in Bilancia illumina la tua Dodicesima casa natale, la più difficile da descrivere. Tra poco meno di un mese, quando il Sole entrerà in Scorpione, inizierà per te un nuovo Giro intorno all’anno, un nuovo ciclo di crescita e di cambiamento. Ti dico questo perché il mese prima del compleanno, invece, è una strana zona d’interregno: rappresenta la fine di un ciclo che volge al termine, ma contemporaneamente contiene i semi di un nuovo ciclo che sta per cominciare. E’ un periodo nel quale le intuizioni scorrono più potenti del solito e si avverte forte il desiderio di stare per conto proprio e di ascoltare la voce di dentro.

Oroscopo di Branko settimanale per i segni di Sagittario, Capricorno, Acquario e Pesci

Sagittario – C’è aria nuova nel cielo del Sagittario. Saturno è ancora nel segno, e per certi versi è come camminare con un’istitutrice tedesca accanto, pronta a darti una bacchettata sulle mani ogni volta che ti “distrai”. Ma è anche vero che, sotto sotto, si comincia a sentire una vocina che parla di nuove occasioni di rilancio. Non si tratta di un miraggio: da metà settembre il cielo è cambiato. Giove, il pianeta che governa e protegge il tuo segno, è entrato in una posizione favorevole che ti sosterrà per lungo tempo. Queste “rivoluzioni” non si avvertono dal giorno alla notte, in fondo non è come accendere un interruttore. Ma settimana dopo settimana il cielo si alleggerisce, cadono le zavorre delle difficoltà e delle responsabilità che hanno appesantito l’ultimo anno e mezzo, e si torna a prendere quota. In questo scenario di nuova luce, la Luna Nuova in Bilancia consente di allargare la cerchia delle conoscenze e delle amicizie, di individuare nuovi alleati, di condividere il peso di alcuni impegni e responsabilità con nuove persone che camminano nella tua stessa direzione. Sotto questo cielo, ogni nuova amicizia può esser sinonimo di nuove occasioni, di nuovi input creativi, di nuovi stimoli vitali.

Capricorno – La Luna Nuova in Bilancia illumina la tua Decima casa, l’area dello zodiaco che rappresenta la carriera e la realizzazione professionale. È una delle più potenti Lune Nuove dell’anno per il tuo segno: mostra i frutti degli sforzi degli ultimi mesi, ma anche le conseguenze di molte scelte e azioni. Per questa ragione, per molti si apre una fase di importanti riconoscimenti professionali che premiano l’impegno e la disciplina degli ultimi tempi. Per altri, invece, si apre una fase nel corso della quale sarà impossibile non rendersi conto che alcune scelte non hanno condotto nella direzione desiderata e raddrizzare la rotta per rimettere le cose nella giusta carreggiata.

Acquario – La Luna Nuova in Bilancia illumina la Nona casa, l’area dello Zodiaco che rappresenta l’espansione verso nuovi orizzonti e frontiere. Si sveglia il desiderio di voltare pagina e puntare la prua verso il “nuovo”. Capirai, il nostro segno ha già bisogno di nuovi input, di dedicarsi a cose nuove e di rompere la routine con nuovi stimoli. La Luna Nuova in questo senso è un vento in poppa che rimette tutto in gioco. Sono mesi (se non anni!) che aspettiamo questo momento. E’ una Luna che accende il motore di chi medita un cambiamento, di chi vuole smuovere le acque in una direzione diversa.

Pesci – Il vento sta cambiando… lo senti intuitivamente, e sai che il tuo intuito non mente mai. La Luna Nuova nell’Ottava casa in Bilancia significa grandi trasformazioni affinché la tua vita possa ripartire, appunto, un’ottava più in alto. Significa sganciare la zavorra delle “cose” che ormai non ti rispecchiano più e che sono diventate solamente freni alla tua corsa. Dentro di te sai perfettamente che nel corso dell’ultimo anno hai dovuto accettare più di un compromesso, sei stato ai patti, hai rispettato la tua parte di un accordo, e adesso pretendi che anche gli altri facciano lo stesso. Nelle prime tre settimane di settembre questa consapevolezza si esprimeva spesso attraverso conflitti anche molto accesi. Ora che Marte lascia la quadratura, invece, si torna a ragionare, a non avvertire un conflitto costante con il mondo esterno. Hai una calma che deve impensierire ancor di più chi cerca di metterti i bastoni tra le ruote. Sicuro del fatto tuo e forte delle tue verità, non sei più disposto a fare sconti.

Scopri in anteprima fortuna, amore, lavoro e salute del tuo segno zodiacale, entra nei gruppi Facebook dei grandi astrologi:

oroscopo di branko
Branko e le previsioni dell’oroscopo

Oroscopo Branko settimanale: le stelle dal 26 settembre al 2 ottobre scritto su Oroscopo Più da Redazione.

Cipolline catanesi, i famosi rustici di pasta sfoglia siciliani, un delizia che si prepara in pochi minuti per una cena velocissima

cipolline-catanesi,-i-famosi-rustici-di-pasta-sfoglia-siciliani,-un-delizia-che-si-prepara-in-pochi-minuti-per-una-cena-velocissima

Cipolline catanesi, i famosi rustici di pasta sfoglia siciliani, un delizia che si prepara in pochi minuti per una cena velocissima. Il mitico piatto “fast food” siculo che piace a tutti gli appassionati di cipolla. Un piatto buonissimo che può essere accostato all’arancino, al cannolo e così via. La cultura gastronomica siciliana à così varia da avere anche un capitolo folto che riguarda la rosticceria. Andiamo adesso a vedere come si preparano e quali sono gli ingredienti.

Ingredienti per Cipolline Catanesi

  • 2 rotoliPasta sfoglia
  • 2Cipolle
  • 150 g Prosciutto cotto
  • 150 ml Salsa di pomodoro
  • 100 g Provola
  • q.b.Olio evo
  • 1 Uovo

Preparazione

La prima cosa da fare è quella di prendere le cipolle e sbucciarle. Tagliatele quindi a metà e affettatele in maniera sottile. Lavatele e togliamo tutte le impurità. Con un panno carta asciughiamole bene. Fatto questo prendiamo una padella larga: aggiungiamo dell’olio ( siate generosi). Scaldate l’olio e versate le cipolle: fatele appassire a fuoco lento. Dovranno ammorbidirsi e dovranno risultare trasparenti. Aggiungete acqua. Aggiustate quindi di sale, mettete il pomodoro e lasciamo andare per 5 o 6 minuti: il tempo che si asciughi.

Prendiamo quindi la sfoglia dal frigo e lasciamo qualche minuto all’esterno ( a temperatura ambiente in maniera che si possa sdrotolare facilmente). Dividiamo in 4 quadrotti uguali. Al centro di ogni quadrotto mettiamo il nostro ripieno, il fior di latte ( o mozzarella ben asciutta). Mettete un pezzettino di prosciutto. Spennellate i lati dei quadrotti con un uovo battuto e poi chiudeteli a fazzoletto fino a formare un quadrato.

Una volta chiuse le cipollotte spennelliamo la superficie con l’uovo che abbiamo sbattutto in precedenza. Cuociamo i nostri rustici in forno preriscaldato a 200 gradi ( anche 190) statici per una 15ina di minuti. Se dopo 10 minuti le trovate dorate potete anche estrarle. Il risultato, oltre alla doratura, dovrà essere gonfia. Gustatele tiepide e buon appettito.

 

cipolline siciliane

Cipolline catanesi, i famosi rustici di pasta sfoglia siciliani, un delizia che si prepara in pochi minuti per una cena velocissima scritto su Più Ricette da Redazione.

Polpette di pollo al sugo di pomodoro, più buone di quelle di carne con il trucco per farle morbidissime. Facili e velocissime

polpette-di-pollo-al-sugo-di-pomodoro,-piu-buone-di-quelle-di-carne-con-il-trucco-per-farle-morbidissime.-facili-e-velocissime

Le polpette al sugo sono un classico della cucina tradizionale italiana, con le solite piccole varianti da regione a regione e da famiglia a famiglia. Un’alternativa alle tradizionali polpette, è la sostituzione della carne bovina con la carne di pollo, più leggera e salutare: le polpette di pollo al sugo di pomodoro, un secondo piatto leggero e saporito; una ricetta semplice e sfiziosa che piacerà tantissimo ai bambini, perfette per fare la scarpetta nel sugo, o per condire la pasta.

Una ricetta semplice, veloce ed economica, ideale per recuperare con gusto il pollo lesso o arrosto avanzato; basterà mescolare il petto di pollo macinato, pane, formaggio, uova, aromi e spezie, per realizzare delle polpette saporite da cuocere in un semplice sugo di pomodoro, aromatizzato alle erbe: rosolandole prima o tuffandole direttamente nel sugo.

Deliziose e saporite, saranno morbide e non secche con il trucco del pangrattato inumidito con un goccio di latte;
potete sostituire la carne di pollo con quella di tacchino e, per una ricetta priva di glutine, sostituire il pangrattato con l’avena finemente tritata.

Polpette di pollo al sugo di pomodoro

Ingredienti

Polpette di pollo

  • 400 g di petto di pollo già lessato o arrosto, oppure fresco
  • 2 uova medie
  • 60 g di pangrattato
  • 100 g di latte caldo
  • 3 cucchiai di parmigiano, grattugiato
  • sale e pepe
  • 2 cucchiaini di prezzemolo tritato
  • mezzo spicchio di aglio facoltativo
  • un pizzico rosmarino in polvere
    e/o altre spezie a piacere

Sugo al pomodoro

  • 400 g di pomodori pelati o passata di pomodoro
  • uno spicchio di aglio facoltativo
  • aromi: prezzemolo, salvia, rosmarino, basilico
  • olio extravergine di olive
  • sale e pepe

Procedimento

Preparate l’impasto delle polpette. frullate con un mixer o con il Bimby, il petto di pollo (avanzato o fresco), per pochi secondi, fino ad ottenere un composto liscio senza grumi; aggiungete il pangrattato bagnato con il latte, il formaggio e le uova, sale e pepe, aglio, erbe aromatiche; impastate formando un composto compatto ma morbido: non aggiungete troppo pane, per evitare polpette dure e secche. Formate le polpette delle dimensioni che volete: più sono piccole e meno tempo impiegheranno a cuocere, e adagiatele in un vassoio.

Preparate il sugo di pomodoro. In un tegame, sufficientemente grande per contenere tutte le polpette di pollo che avete fatto, versate un filo di olio di oliva e fate soffriggere lo spicchio d’aglio, cipolla e rosmarino; fate soffriggere le polpette da entrambi i lati, per pochi secondi, quindi versate i pomodori pelati, sale e pepe: per una versione più leggera, potete saltare questo passaggio e far cuocere le polpette di pollo direttamente nel sugo.

Aggiungete le erbe aromatiche, coprite con un coperchio e cuocete per circa 15 minuti, (25 minuti se le avete preparate con la carne cruda), mescolandole delicatamente per farle insaporire bene con la salsa, fino a fare restringere il sugo. Togliete dal fuoco e cospargete le polpette di pollo al sugo con origano o prezzemolo fresco tritato;
servitele calde, con un poco di fondo di cottura, per fare la scarpetta, e patate lesse.

Polpette di pollo al sugo di pomodoro
Polpette di pollo al sugo di pomodoro
Polpette di pollo al sugo di pomodoro
navigate_before
navigate_next

ricette dal blog Caos&Cucina 

Polpette di pollo al sugo di pomodoro, più buone di quelle di carne con il trucco per farle morbidissime. Facili e velocissime scritto su Più Ricette da Catia.

Tragedia a Uomini e Donne, muore a 35 anni il giovanissimo cavaliere. “Si è tolto la vita”. Maria de filippi sotto choc

tragedia-a-uomini-e-donne,-muore-a-35-anni-il-giovanissimo-cavaliere-“si-e-tolto-la-vita”.-maria-de-filippi-sotto-choc

E’ morto a soli 35 anni un volto tanto amato del programma di Maria de Filippi, Uomini e Donne. Si è infatti tolto la vita Manuel Achille Valicella, ex tronista della trasmissione, una notizia tremenda confermata a Biccy dall’amico fraterno Enrico Ciriaci, deejay e tatuatore. La notizia della sua morte è stata confermata anche da Amedeo Venza, che in un un post Instagram ha ricordato il giovane tronista: “Si è spento Manuel Vallicella, ex tronista dal cuore d’oro.. Aveva solo 35 anni! Una vita ancora davanti a se.. Spero solo che sia tra le braccia della sua tanto amata Mamma.. non ho parole Rip”. Tre anni fa era morta la mamma del giovane a cui era davvero molto legato. ( continua dopo la foto)

amici maria de filippi

La morte della mamma nel 2019

Probabilmente il giovane tronista di Uomini e Donne non ha mai superato il lutto per la perdita della cara mamma che lui ricordava in ogni occasione, Anche il giorno del suo 35esimo compleanno aveva scritto un poste per ricordare la defunta: “E tu Mamma so che mi guardi e sorridi con me” aveva infatti pubblicato a corredo dei ringraziamenti a coloro che gli avevano fatto gli auguri.

La mamma di Manuel è morta dopo una lunga malattia nel febbraio 2019 e come aveva raccontato l’ex tronista di Uomini e Donne aveva lottato fino alla fine e affrontato la malattia con forza per restare vicino al figlio. Manuel scriveva spesso sui social della mamma e confessava quanto gli mancasse la sua presenza: “E non smetterai mai e poi mai di mancarmi…imparerò soltanto a vivere tenendomi dentro in qualche modo l’ENORME vuoto che ha lasciato la tua assenza…” aveva recentemente pubblicato su Instangram insieme a una foto che li vedeva insieme.

Corteggiatore e tronista a Uomini e Donne

Manuel è stato uno dei protagonisti più amati di Uomini e Donne e in molti lo ricordano ancora bene tanto che tantissimi sono stati i messaggi di cordoglio sulla sua bacheca Facebook da parte dei tanti fan della trasmissione. La prima volta aveva partecipato al dating show di Maria de Filippi nel 2016 per corteggiare Ludovica Valli, la tronista però nonostante il forte feeling con Manuel aveva alla fine scelto Fabio Ferrara.

Manuel però come corteggiatore era stato talmente apprezzato che Maria De Filippi gli propose di salire sul trono e lui accettò. Il suo percorso da tronista, però, durò davvero poco, solo qualche settimana, poi il giovane decise di lasciare la trasmissione senza compiere una scelta e così ha lasciato anche il mondo della tv, segno di quante fosse un volto sincero e reale della trasmissione. Addio Manuel

Tragedia a Uomini e Donne, muore a 35 anni il giovanissimo cavaliere. “Si è tolto la vita”. Maria de filippi sotto choc scritto su Più Donna da Adriana Costanzo.

Cotolette alla Valdostana di Benedetta, cremose e tenere con il trucco dei due fogli di carta. Facilissime e pronte in 5 minuti

cotolette-alla-valdostana-di-benedetta,-cremose-e-tenere-con-il-trucco-dei-due-fogli-di-carta.-facilissime-e-pronte-in-5-minuti

Le cotolette alla Valdostana sono tipiche della Valle d’Aosta, e rappresentano una golosa variante delle solite cotolette perchè hanno un ripieno cremoso e filante. La carne da priviligera per prepararle sono le classiche costolette ma senza ossa a differenza di quella alla milanese che invece vuole l’osso. Buone tutto l’anno, saranno ancor più apprezzate nei periodi autunnali. Vediamo quindi come le prepara Benedetta per una ricetta facile e veloce. Leggi anche altre RICETTE DI BENEDETTA FACILI E VELOCI

Cotolette alla Valdostana, Ingredienti per 4

  • Costolette di vitello senza osso 800 g
  • Prosciutto cotto a fette 150 g
  • Fontina 100 g

PER LA PANATURA

  • Uova 2
  • Pangrattato 150 g
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

PER FRIGGERE

  • Burro chiarificato 200 g

Cotolette alla Valdostana, Preparazione

Per realizzare le costolette alla valdostana bisogna innanzitutto battere le fettine di costolette di vitello con il batticarne, il trucco per lasciare tenera la carne e non farla sfibrare è quella di batterla mettendola tra due fogli di carta da forno. A parte prendete il prosciutto cotto e tagliate a fette sottili la Fontina. Mettete su un piano quattro fette di carne e adagiatevi sopra una fetta di fontina e una di prosciutto.

Richiudete la nostra cotoletta con un’altra fetta di vitello. In questo modo avrete 4 cotolette alla valdostana. Ora possiamo procedere a preparare la panatura. Prendete una ciotola e sbattete le uova insieme a sale e e pepe. In un piatto vicino mettete il pangrattato (per un sapore più deciso potete aggiungere anche del parmigiano grattugiato e del prezzemelo tritato). Quindi passate le cotolette prima nell’uovo e poi nel pangrattato facendolo aderire per bene a tutta la superficie della carne.

Mettete le cotolette così ottenute da parte e nel frattempo in una padella meglio se antiaderente, fate scaldare del burro. Quando sarà sciolto e bello caldo adagiate in padella le cotolette, massimo due alla volta, e cuocetele da entrambi i lati, fino a che non saranno belle dorate. Quindi toglietele dal fuoco e adagiatele su carta assorbente facendole riposare.  Se volte potete anche cuocerle in forno.

Quindi prendete una teglia e copritela con della carta forno unta di olio extra vergine di oliva. Adagiate quindi sopra le 4 cotolette alla valdostana e ancora un filo d’olio sopra. Quindi infornate in forno caldo a 180 gradi per una buona mezz’oretta ( o in forno ventilato per 20 minuti a 160 gradi). Infine gli ultimi 5 minuti mettete funzione grill per farle belle dorate. Le nostre cotolette alla valdostana sono pronte per essere servite bene calde. Buon appetito. Provate come contorno queste ottime verdure grigliate di Benedetta:

Leggi anche: Verdure grigliate di Benedetta, cotte in padella in pochi minuti grazie al trucco della “torre”

Cotolette Alla valdostana

Cotolette alla Valdostana di Benedetta, cremose e tenere con il trucco dei due fogli di carta. Facilissime e pronte in 5 minuti scritto su Più Ricette da Redazione.

Oroscopo Paolo Fox, 18 settembre: bellissima domenica per i Gemelli. Luna favorevole per i Cancro.

Michele Mazzon

Concludiamo il nostro appuntamento giornaliero degli Astri del weekend per anticiparvi l’Oroscopo di Paolo Fox di domani 18 settembre. L’astrologo romano Paolo Fox ci fornisce alcune utili anticipazioni circa i segni zodiacali più o meno fortunati del giorno.
Partiamo subito! Previsioni di domani, domenica:

Ariete, segno di fuoco, primo nello zodiaco, domani vivrai un cambiamento al quanto nervoso a causa della Luna. Potresti avere alcune tensioni familiari e amorose. Sarà meglio essere prudenti e godersi il relax domenicale. Entra anche tu nel mio nuovo gruppo Facebook delle stelle di Paolo Fox 

Toro, segno di terra, secondo nello zodiaco, domani potrai raggiungere degli ottimi risultati, soprattutto a lavoro. Sii comunque prudente nel caso tu debba firmare un contratto. Dopodiché goditi la domenica. Entra anche tu nel mio nuovo gruppo Facebook delle stelle di Paolo Fox 

Leggi anche: Oroscopo Paolo Fox, 17 settembre: bellissimo sabato per gli Ariete. Un po’ di tensione per i Vergine.

Gemelli, segno di aria, terzo nello zodiaco, domani sarà un bella domenica. Goditela in famiglia o in compagnia di amici. Inoltre, approfitta per portare a termine dei progetti o delle idee. Entra anche tu nel mio nuovo gruppo Facebook delle stelle di Paolo Fox 

Cancro, segno di acqua, quarto nello zodiaco, domani avrai la Luna favorevole che ti consentirà di goderti una serena domenica. Organizza qualcosa di bello da fare e approfittane per stare con le persone a cui tieni di più. Entra anche tu nel mio nuovo gruppo Facebook delle stelle di Paolo Fox 

Leone, segno di fuoco, quinto nello zodiaco, domani avrai un oroscopo molto positivo che ti consentirà di avere successo. Potrai metterti in gioco e vincere alcune sfide. Approfittane al meglio. Entra anche tu nel mio nuovo gruppo Facebook delle stelle di Paolo Fox 

Vergine, segno di terra, sesto nello zodiaco, da domani potrai recuperare alla grande e lasciar andare tutta le tensione degli ultimi giorni. Cerca di essere e di avere più vicino il tuo partner così anche in amore tutto procederà alla grande. Entra anche tu nel mio nuovo gruppo Facebook delle stelle di Paolo Fox 

Bilancia, segno di aria, settimo nello zodiaco, domani avrai un oroscopo molto favorevole. Approfittane per viverti al meglio la domenica, staccare la spina e rilassarti. Evita discussioni familiari. Entra anche tu nel mio nuovo gruppo Facebook delle stelle di Paolo Fox 

Scorpione, segno di acqua, ottavo nello zodiaco, domani ti aspetta una bella giornata piena di forza ed energia. Anche in amore potrai vivere belle emozioni. Organizza qualcosa di entusiasmante per rendere la domenica speciale. Entra anche tu nel mio nuovo gruppo Facebook delle stelle di Paolo Fox

Sagittario, segno di fuoco, nono dello zodiaco, domani, finalmente, avrai più serenità rispetto agli ultimi giorni. Recupererai di più ma dovrai stare attento a Venere in opposizione per quanto riguarda l’ambito sentimentale. Entra anche tu nel mio nuovo gruppo Facebook delle stelle di Paolo Fox

Capricorno, segno di terra, decimo nello zodiaco, domani avrai la Luna in opposizione per cui sarà meglio restare calmi ed usare molta prudenza altrimenti ti rovini la domenica. Cerca di fare qualcosa di bello così ti svaghi. Entra anche tu nel mio nuovo gruppo Facebook delle stelle di Paolo Fox

Acquario, segno di aria, undicesimo nello zodiaco, per domani Fox ti consiglia di fare qualcosa di diverso, di entusiasmante. Cerca di stare in compagnia e non chiuderti in te stesso. Entra anche tu nel mio nuovo gruppo Facebook delle stelle di Paolo Fox

Pesci, segno di acqua, dodicesimo e ultimo nello zodiaco, domani sarà una giornata molto più positiva rispetto alle ultime. Potrai recuperare anche in amore superando alcune tensioni col partner e in famiglia. Entra anche tu nel mio nuovo gruppo Facebook delle stelle di Paolo Fox

oroscopo paolo 20 fox
paolo fox

Oroscopo Paolo Fox, 18 settembre: bellissima domenica per i Gemelli. Luna favorevole per i Cancro. scritto su Più Donna da Imma Bartolo.

Rigatoni alla toranese, si preparano con due ingredienti: per improvvise voglie di pasta

rigatoni-alla-toranese,-si-preparano-con-due-ingredienti:-per-improvvise-voglie-di-pasta

Rigatoni alla toranese, si preparano con due ingredienti: per improvvise voglie di pasta. Questa volta ci catapultiamo in un comune in provincia di Cosenza, Torano Calabro per preparare i rigatoni alla toranese. Semplicissimi, dato che questa cucina è povera di ingredienti, ma ricchissima di sapore, come tutta la cucina del Sud Italia. Buona e genuina, anche questa pasta ha una caratteristica principale, la facilità di preparazione, anche se, ovviamente, vi vuole un po’ di amore e cura. Andiamo a vedere quindi come si prepara e quali sono gli ingredienti.

Ingredienti dei rigatoni alla toranese

  • 400 gr di pasta ( rigatoni, penne o quello che volete, basta che sia corta)
  • 100 gr di lardo ( può essere di colonnata, ma anche di altro genere. Potere anche prendere del guanciale)
  • cipolle di Tropea ( quelle più dolci)
  • pecorino
  • sale
  • pepe

Preparazione dei rigatoni

Una ricetta davvero semplice che non ha bisogno di molti passaggi. Prendiamo una pentola piena d’acqua e mettiamola sul fuoco. Mentre la nostra acqua raggiunge le “bolle” ( la temperatura giusta per calare la pasta), prendiamo una padella e aggiungiamo il lardo e facciamo “sudare” a fiamma bassa ( dovrà rilasciare tutto il grasso), aggiungiamo quindi la cipolla in maniera molto sottile e facciamo andare.

Ci vorrà un po’ di tempo, l’importante è non mettere la padella sul fornello grande. Mettete la padella su quello medio; ci vuole qualche minuto in più, ma il risultato è assicurato.

Quando l’acqua ha raggiunto la temperatura giusta calate la pasta e salate: scolate la pasta e buttatela nella padella con un mestolo d’acqua di cottura. Mescolate con delicatezza e alla fine, a fiamma spenta una manciata generosa di pecorino. Saltate la pasta e servite con una spolverata di pepe macinato fresco. Buon appetito.

 

 

 

 

 

 

Rigatoni alla toranese, si preparano con due ingredienti: per improvvise voglie di pasta scritto su Più Ricette da Redazione.