Author: Vittorio Ferla

Ethereum, oggi è il giorno dell’update London: comprare o vendere?

ethereum,-oggi-e-il-giorno-dell’update-london:-comprare-o-vendere?

Dopo lunghe attese, finalmente il giorno dell’update London della mainnet Ethereum è arrivato. Ma di che cosa si tratta? E come potrebbe impattare sui cambi?

Cos’è l’Update London

L’Update London è un aggiornamento del protocollo Ethereum, esattamente come avvenuto qualche tempo fa con Berlin e con i precedenti update (che, come tradizione, assumono il nome della città in cui si svolge la riunione della community di ETH).

In questo caso, ci troviamo davanti a un aggiornamento piuttosto importante, preparatorio al varo di quella Ethereum 2.0 che attendiamo da tempo. Ma che cosa comprende?

Cosa cambia con London

London apporta al protocollo Ethereum cinque diversi EIP (Ethereum Improvement Proposals), evidentemente a lungo testati sulla testnet.

Delle cinque, però, l’unica che sta assumendo una chiave di rilievo in ambito mediatico è la EIP-1559 che, di fatto, va a modificare non marginalmente il meccanismo di offerta della criptovaluta.

Cosa prevede l’EIP-1559

Per capire cosa cambia con EIP-1559 è bene ricordare quale sia l’attuale meccanismo del protocollo Ethereum, che funziona come una sorta di asta, in cui gli utenti che presentano l’offerta (gas) più alta alla rete sono coloro che hanno maggiore precedenza. In altri termini, chi paga più commissioni e più va vanti per primo.

Inoltre, l’intera fee viene attribuita come ricompensa ai miner che approvano la transazione, alimentando così quel sistema Proof of Work tipico di Ethereum e di altre catene.

Ora, è evidente che con l’incremento esponenziale delle transazioni sulla blockchain Ethereum, il meccanismo ha iniziato a incepparsi. Di qui, la necessità di passare a EIP-1559.

Il sistema di vendita a prezzo fisso

Con EIP-1559 sparisce il meccanismo di asta che ha caratterizzato ETH fino ad oggi, per sostituirlo con un sistema di vendita a prezzo fisso. Ci sarà dunque un livello base delle commissioni che sarà uguale per tutti e sarà regolato in base alla congestione della rete. Dunque, il protocollo fisserà un prezzo identico per ogni utente, e l’utente sceglierà se pagare quel prezzo o meno.

Oltre a ciò, si tenga conto che non tutta la commissione viene pagata ai miner. Del totale della fee, infatti, una parte viene resa oggetto di burn, distrutta per ridurre la supply, l’ammontare circolante di Ether, contribuendo così a sostenere il suo prezzo.

Contrariamente a quanto avviene con Bitcoin, infatti, Ethereum ha una supply teoricamente infinita e in continuo aumento. L’offerta è pertanto in costante crescita, generando pressioni ribassiste del prezzo della criptovaluta se questa non è sostenuta da una crescita della domanda.

Cosa fare con London? Comprare o vendere?

Ciò premesso, è meglio comprare o vendere Ethereum oggi?

Naturalmente, come da premesse, il meccanismo sopra descritto dovrebbe essere rialzista per Ethereum. Tuttavia, attenzione a non lasciarsi trarre in tentazione: il mercato scontava l’update London già da tempo e, dunque, l’incremento di ETH del 5% al momento della presente scrittura sembra essere il figlio legittimo di un’euforia generata dal fatto che l’update è andato (pare) bene sulla mainnet.

Non ci stupiremmo, dunque, se possano esservi delle vendite anche massicce una volta che il clamore dell’evento si sarà sgonfiato…

Con l’occasione, ricordiamo a tutti i nostri lettori interessati che è possibile investire in Ethereum anche senza possedere direttamente la criptovaluta. Il modo migliore per farlo è certamente quello di utilizzare un broker serio e regolamentato come eToro.

Se sei interessato a saperne di più, ti rammentiamo altresì che il broker ti da la possibilità di aprire qui gratis un conto demo con cui sperimentare la sua piattaforma in sicurezza!

L’articolo Ethereum, oggi è il giorno dell’update London: comprare o vendere? proviene da ValuteVirtuali.com.

How John Travolta Talked About Kelly Preston’s Death to Their Son Benjamin

how-john-travolta-talked-about-kelly-preston’s-death-to-their-son-benjamin

Being honest. John Travolta opened up about losing his wife, Kelly Preston, one year ago and how he discussed her death with their young son on Kevin Hart’s Hart to Heart talk show.

Kelly Preston Dead: Russell Crowe, Maria Shriver and More Stars Pay Tribute

Read article

The Grease star, 67, told the comedian, 42, about the tender conversation he shared with son Benjamin, 10. Travolta recalled taking a walk with the elementary schooler in their neighborhood one night when Benjamin told him, “Because mom passed away, I’m afraid you’re going to.”

His fear prompted the Saturday Night Fever actor to open up about loss and grief.

John Travolta and Kelly Preston’s Loving Marriage: A Timeline

Read article

“I said, ‘Well, it’s a very different thing,’” Travolta recalled during the Peacock interview, which was released earlier this week. “And I went through the differences about my longevity and her limited life. I said, ‘But you know, Ben, you always love the truth and I’m going to tell you the truth about life. Nobody knows when they’re gonna go or when they’re going to stay.’”

He continued, “Your brother [Jett] left at 16. Too young. Your mother left at 57. That was too young. But who’s to say? I could die tomorrow. You could. Anybody can. So let’s look at it like it’s part of life. You don’t know exactly. You just do your best at trying to live the longest you can.”

Preston died on July 12, 2020, at the age of 57 after battling breast cancer.

How John Travolta Talked About Wife Kelly Preston’s Death to Their 10-Year-Old Son Ben
Kelly Preston and John Travolta with children Ben and Ella. Courtesy of John Travolta/Instagram

“It is with a very heavy heart that I inform you that my beautiful wife Kelly has lost her two-year battle with breast cancer,” the Pulp Fiction star wrote in an Instagram post at the time. “She fought a courageous fight with the love and support of so many.  My family and I will forever be grateful to her doctors and nurses at MD Anderson Cancer Center, all the medical centers that have helped, as well as her many friends and loved ones who have been by her side. Kelly’s love and life will always be remembered.”

John Travolta, Kelly Preston’s Family Photos Over the Years

Read article

He added in his post, “I will be taking some time to be there for my children who have lost their mother, so forgive me in advance if you don’t hear from us for a while,” he concluded. “But please know that I will feel your outpouring of love in the weeks and months ahead as we heal. All my love, JT.”

The Gotti actress married Travolta in 1991, and they shared three children — Jett, Ella, 21, and Benjamin. Jett died in January 2009 at the age of 16 from a seizure.

Inside LVP’s 1st Run-In With Stassi Schroeder After ‘Pump Rules’ Exit

inside-lvp’s-1st-run-in-with-stassi-schroeder-after-‘pump-rules’-exit

SURving up kindness! Lisa Vanderpump‘s relationship with former employee Stassi Schroeder hasn’t always been a breeze, but after a recent run-in, the pair are moving forward.

‘Vanderpump Rules’ Cast’s Biggest Scandals and Controversies

Read article

“I actually ran into her,” the restauranteur, 60, told Us Weekly exclusively while promoting her Febreeze partnership. “I did say, ‘Yes, I called you back and I’ve called you and reached out to you.’ … She was very friendly.”

Schroeder, 33, was an original cast member of Bravo’s Vanderpump Rules, which premiered in 2013. After seven years on the show, the Next Level Basic author — along with costars Kristen Doute, Max Boyens and Brett Caprioni — were axed by the network in June 2020 after sparking backlash for their past racially insensitive remarks and actions.

What Happened the 1st Time LVP Saw Stassi Schroeder After 'Pump Rules' Exit?
Lisa Vanderpump and Stassi Schroeder. Gregory Pace/Shutterstock; Rob Latour/Shutterstock

“I wish them all well. I do,” Vanderpump told Us of the foursome. “I also think they needed to learn a lesson about, you know, respecting other people’s point of views and having empathy and looking at other people’s lives, not just through their own lens. Personally, I think a lot of people need to learn that.”

While the New Orleans native — who welcomed daughter Hartford with husband Beau Clark in January — experienced plenty of ups and downs on the reality show, she didn’t think Vanderpump was the reason for her eventual downfall.

“[She] doesn’t think her getting fired is Lisa’s fault by any means,” a source told Us shortly after news broke of the casting shakeup last summer.

Next Generation! See ‘Vanderpump Rules’ Stars’ Babies

Read article

As the controversy continued, the Real Housewives of Beverly Hills alum confessed that while she “loves and adores” her employees, she was “deeply saddened by some of the lack of judgment that has been displayed.”

She wrote in a June 2020 Instagram statement, “My hope is for this generation to treat each other with respect and humanity, and realize that actions have; and should have, consequences.”

Several months after the scandal — and after losing out on multiple business opportunities — Schroeder addressed her firing in an emotional interview with Tamron Hall. “I am someone who messed up quite a few times. I am the reason why I am in this situation,” she admitted. “And I think a lot of people wanted me to focus on cancel culture and whether I was a victim or not, and it’s not how I feel at all.”

Season 9 of Vanderpump Rules wrapped filming earlier this year, but Schroeder won’t be the only OG cast member missing from the action. Jax Taylor and his wife, Brittany Cartwright, announced their exits in December 2020, noting via social media at the time that they wanted to shift their focus toward their family. (The pair welcomed son Cruz in April.)

Despite the departures of some fan-favorite personalities, the Overserved With Lisa Vanderpump star is hopeful viewers will enjoy the “fresh” season.

‘Vanderpump Rules’ Season 9: Everything We Know

Read article

“It was always about an ensemble cast and that’s what it is, very much so,” the U.K. native told Us. “I look at James Kennedy and Lala [Kent] as old characters. … It’s definitely a show that keeps moving and hopefully we continue to do so. … You definitely do see a lot of SUR and some new people [next season].”

Vanderpump, a noted dog lover, teamed up with Febreeze to create new Touch ‘n Sniff pillows, designed to keep a pet-filled home smelling fresh all day. “You can touch them a hundred times and it kind of expels this beautiful kind of fresh scent,” the reality star raved.

The Touch ‘n Sniff pillows will be available on a first come, first served basis at the brand’s website, beginning Thursday, August 19.

Mathew Shea Seemingly Quits ‘Below Deck Mediterranean’ After Crew Fight

mathew-shea-seemingly-quits-‘below-deck-mediterranean’-after-crew-fight

Not enough cooks in the kitchen! Following a heated crew night out, Mathew Shea packed up his things and left Lady Michelle without anyone knowing during the Monday, July 26, episode of Below Deck Mediterranean.

Below Deck’s Biggest Drama Through the Years

Read article

“They can find some f–ker to do their s–t. Good luck. You’ll have some f–king asshole chef now,” Mathew said to the chief officer as he hit multiple production cameras on his way out.

Mathew Shea Seemingly Quits Below Deck Mediterranean After Crew Fight
Mathew Shea. Laurent Basset/Bravo

Earlier that night, Mathew found himself at odds with his crew members when Courtney Veale, Malia White and Katie Flood all reached their limits with the chef oversharing at the dinner table.

“I don’t like people giving me s–t. I’ve worked too hard to get s–t for being myself. Give me crap for being myself, it’s, like, f–k you,” Mathew said after repeatedly being asked to stop talking by the women.

The chef then returned to the boat alone and left with all of his stuff. The crew returned to find Mathew’s empty cabin, but no one realized he was gone as everyone started to have individual arguments with Lexi Wilson for the rest of the night.

Mathew previously exited at the beginning of season 6 because of a knee injury.

Stars Fired From ‘Below Deck’ Through the Years: Photos

Read article

“In the moment, it was the best thing I could have done for my mental health,” the reality star exclusively told Us Weekly earlier this month. “I was in pain and having a full-blown panic attack, you know? And there were cameras in my face. It just [was] a lot. It was all a lot.”

Mathew also hinted at the animosity that continued to grow between him and the rest of the Below Deck cast once he came back.

“They had issues with me. I left; I abandoned the first day … and then, like, I obviously bothered them at this dinner,” he noted. “There was a lot of tension at that dinner and alcohol involved and sometimes you just need to remove yourself from bad situations.”

The Below Deck Med star also reflected on his time on the show after calling the rest of the cast “really lovely people.”

Former ‘Below Deck’ Stars: Where Are They Now?

Read article

“I’ve been a private person my whole life before this and now it’s all out there. It’s surreal. Obviously, I had my incident the first day and it’s been a challenging season for me so far. But I’m just happy to have the opportunity,” he added at the time.

While the crew has not yet found out about his second departure, Katie previously spoke with Us about her feelings when Mathew left initially.

“Obviously I wasn’t happy. I was annoyed. I was pissed off,” the chief stew exclusively told Us in June. “I was worried because at the time it was like survival mode. Like, we have guests on board, they want dinner. We need to just get through this. And then it was like, once we got through dinner, it’s like, ok, now what? Like, are we getting a chef? Is he going to be a chef tomorrow? Someone else coming? Like, what the f–k is actually going on right now?”

Below Deck Mediterranean airs on Bravo every Monday at 9 p.m. ET. New episodes drop one week early on Peacock.

Coronavirus, oggi al GOM di Reggio Calabria 2 nuovi casi positivi su 182 persone sottoposte a tampone. Il bollettino dell’ospedale

coronavirus,-oggi-al-gom-di-reggio-calabria-2-nuovi-casi-positivi-su-182-persone-sottoposte-a-tampone.-il-bollettino-dell’ospedale

riuniti covid

Coronavirus: nelle ultime ventiquattro ore al GOM di Reggio Calabria sono stati 182 i soggetti sottoposti allo screening per CoViD-19. Di questi, 2 sono risultati positivi al test

La Direzione Aziendale del G.O.M. “Bianchi Melacrino Morelli” di Reggio Calabria comunica che le dosi di vaccino somministrate dal G.O.M. al personale e agli utenti per i quali è stato autorizzato sono 61.083 (927 nella giornata di ieri). Di queste, 35.995 sono prime dosi, 25.088 sono, invece, seconde dosi. (Il dato è aggiornato a ieri). Nelle ultime ventiquattro ore sono stati 182 i soggetti sottoposti allo screening per CoViD-19. Di questi, 2 sono risultati positivi al test. In seguito a 2 ricoveri e 1 dimissione, sono 24 i pazienti positivi al CoViD-19 ricoverati al G.O.M.: 21 nell’Unità Operativa di Malattie Infettive, 1 in Ostetricia e Ginecologia e 2 in Terapia Intensiva. I pazienti finora accolti dal G.O.M. sono 1.427 (di questi, 6 hanno avuto un doppio ricovero per un totale di 1.433 ricoveri). I pazienti deceduti sono 328. I pazienti clinicamente guariti sono 852. I pazienti trasferiti ad altro ospedale sono 220. La Direzione Aziendale del G.O.M. continua a raccomandare il rispetto delle misure di prevenzione del contagio nonché di tenere comportamenti sociali responsabili a tutela della salute di tutti. Per informazioni o in caso di sintomi sospetti contattare il numero Verde 1500 ministeriale. Per informazioni sulla campagna vaccinale regionale contattare il Numero Verde 800 00 99 66 della Regione Calabria.


Uomini e Donne, Giovanna Abate operata: “Ho avuto delle complicazioni”

uomini-e-donne,-giovanna-abate-operata:-“ho-avuto-delle-complicazioni”

Uomini e Donne

L’ex tronista parla dell’intervento chirurgico e poi confessa di aver ricevuto un messaggio dall’ex corteggiatore Sammy

Pubblicato su

Giovanna Abate, ex volto di Uomini e Donne, ha subito un intervento chirurgico di recente. Oggi ne parla ed entra nei dettagli, attraverso una nuova intervista sul Magazine dedicato al programma di Maria De Filippi. L’ex tronista ammette di aver vissuto un periodo molto difficile, come già aveva anticipato sul suo profilo Instagram. Oggi spiega che durante l’operazione e la convalescenza i suoi genitori, che sono separati, non l’hanno lasciata un attimo. Per lei averli vicini insieme è stata la cosa più bella in un momento buio.

Giovanna ha dovuto affrontare questo intervento chirurgico poco prima dell’estate. Si è trattata per lei di un’operazione molto dolorosa e invalidante. In particolare, le è pesato non avere il controllo su se stessa. Entra nel dettaglio e rivela di aver avuto dei polipi. “Il post-operatorio è stato molto doloroso”, dichiara la Abate, che è dovuta stare a letto per due settimane senza potersi alzare. Non poteva fare le cose più semplici, come lavarsi i capelli e andare in bagno. Fortunatamente, ora l’ex volto del Trono Classico sta bene e può iniziare a viversi l’estate.

Per quanto riguarda la sua vita sentimentale, la Abate conferma di essere attualmente single! La storia d’amore con Sammy Hassan, la sua scelta, si è conclusa ancora prima di iniziare. E dopo vari scontri a distanza, l’ex corteggiatore si è rifatto sentire. Infatti, fa sapere Sammy le ha chiesto gentilmente come stesse dopo aver scoperto sui social che era stata operata. “Altrettanto educatamente, l’ho ringraziato”, afferma Giovanna. Non c’è stata tra loro una conversazione particolare, ma solo qualche messaggio.

Invece, con Akash Kumar non c’è stato più alcun contatto, dopo quanto accaduto. Il modello non si sarebbe fatto più sentire e, pare, neanche per conoscere le sue condizioni di salute dopo l’intervento. Al momento, il suo cuore non batte per nessun uomo e ammette che trovare qualcuno con cui avere una relazione non è tra i suoi primi pensieri. Comunque, è aperta a tutto.

Nel corso di questa intervista Giovanna Abate afferma di non aver avuto la favola che avrebbe voluto. Non pensa di aver sbagliato a scegliere, ma probabilmente ha idealizzato troppo le persone, in quanto non ha avuto “l’occhio puntato sulla realtà”. In generale, crede che ci sia un uomo sbagliato per tutte: “il narcisista patologico”.

Intanto, non ha ancora organizzato nulla per questa estate. Pensa che farà “qualche giretto nei weekend” nelle isolette che ha intorno. Crede, inoltre, che raggiungere la Sardegna e Ibiza. Poi ad agosto andrà in vacanza con la sua famiglia, questa volta in Calabria.

Il Network Regioni valuta performance sistemi sanitari nel periodo del Covid. Solo il 23% insoddisfatto assistenza servizio sanitario nazionale

il-network-regioni-valuta-performance-sistemi-sanitari-nel-periodo-del-covid.-solo-il-23%-insoddisfatto-assistenza-servizio-sanitario-nazionale

Roma – Valutare la performance dei sistemi sanitari regionali anche in un anno particolarissimo come il 2020 quando, per la prima volta, sono stati travolti dallo tsunami della pandemia da Covid-19. E’ stata questa la sfida accolta dal ‘Network delle Regioni’, in collaborazione con il Laboratorio Management e Sanità dell’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, che oggi conta sull’adesione di 10 regioni e di due province autonome. Una sfida affrontata con coraggio che punta a utilizzare le evidenze quantitative, I numeri, ancora una volta come strumento di miglioramento, per imparare sempre di più a rispondere anche alle emergenze inaspettate come, nel 2020, si è rivelata la pandemia da covid 19.


I dati più significativi sono stati illustrati oggi dal team di ricerca della Scuola Superiore Sant’Anna coordinato dalla professoressa Milena Vainieri e dal dottor Federico Vola durante il seminario online, organizzato dal Laboratorio MeS Management e Sanità dell’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna, a cui hanno partecipato anche il dottor Domenico Mantoan, direttore generale di Agenas e Sabina Nuti, rettrice della Scuola Superiore Sant’Anna.


Il lavoro svolto dal ‘Network delle Regioni’, che include su base volontaria dieci regioni italiane (Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Marche, Puglia, Toscana, Umbria, Veneto, Lombardia e Piemonte) e le due province autonome di Trento e di Bolzano, permette di fornire a ciascuna regione una sintesi dei risultati conseguiti, messi a confronto con quelli delle altre, di certo non con uno spirito competitivo ma collaborativo, attraverso un processo di condivisione inter-regionale. Il metodo con cui è stata misurata la performance tiene conto della pandemia da covid-19 e include, per questa edizione, molti indicatori che misurano la capacità di resilienza, ovvero di tenuta e risposta all’emergenza.

L‘obiettivo dei dati presentati oggi è dunque individuare e valorizzare i sistemi sanitari che abbiano dato prova di maggiore capacità di resilienza e, al tempo stesso, individuare le aree rispetto alle quali si siano registrati cali di offerta nel corso del 2020. A questi ambiti deve essere infatti data priorità nel pianificare il rilancio del sistema, per rispondere in maniera proattiva a quelle necessità dei cittadini, che siano stati trascurati durante le principali fasi di recrudescenza della pandemia da covid-19.


Il ‘Network delle Regioni’ ha quindi risposto alla sfida di analizzare le proprie performance nel 2020, ridisegnando e integrando lo strumento che negli anni aveva sviluppato per valutare i propri risultati. Ha inoltre indagato la valutazione del gradimento dei servizi sanitari durante la pandemia da covid-19 da parte della popolazione italiana, attraverso un’indagine che coinvolto più di 12mila intervistati. Nel complesso, più di 70 nuovi indicatori hanno affiancato i 350 (per un totale di 420) che, negli anni scorsi, componevano il sistema di valutazione, proprio per monitorare gli andamenti regionali rispetto all’erogazione delle prestazioni sanitarie.


Il buon lavoro svolto dal Servizio sanitario nazionale (Ssn) nella gestione della pandemia viene, nel complesso, riconosciuto dai cittadini. E’ soltanto il 23 per cento della popolazione a dichiararsi non soddisfatto dell’assistenza ricevuta, con significative differenze riscontrate tra le regioni, oscillando dal 37% della Basilicata al 12.6% del Veneto, fino ad arrivare al 9.7% della Provincia autonoma di Trento. Si tratta di dati importanti, che restituiscono una fotografia dai contorni ancora più chiari. Chi ha partecipato al questionario e ha avuto un contatto con il covid-19 risulta, in media, più soddisfatto dell’assistenza ricevuta dal Ssn rispetto a chi non hanno avuto un contatto con il virus. Il dato dimostra come chi è stato preso in carico dal sistema sanitario tende a riconoscere e a valutarne l’operato in modo più positivo.

Se il termine ‘resilienza’ è ora al centro del dibattito pubblico, misurare la capacità di risposta del nostro Sistema sanitario allo shock pandemico significa inoltre monitorare in quale misura esso sia stato capace di garantire l’erogazione dei servizi non procrastinabili, ovvero di quelle prestazioni non differibili ai mesi successivi. Come hanno già evidenziato analisi precedenti, svolte dallo stesso ‘Network delle Regioni’, i cali per tante prestazioni sono significativi ma l’ampia variabilità tra le regioni permette di apprezzare come le specifiche scelte organizzative si siano tradotte in performance diverse, in termini di resilienza.

Dalle vaccinazioni alle prestazioni ambulatoriali, dagli screening oncologici ai ricoveri ospedalieri: la tenuta dei volumi erogati nel 2020, a confronto con quelli del 2019, è finita sotto la lente di ingrandimento del ‘Network delle Regioni’.

Alcuni esempi. I volumi riferiti agli interventi chirurgici per tumore alla mammella (classe di priorità A) segnano un calo superiore al 20% per Liguria, Piemonte, Basilicata e Trento ma una sostanziale stabilità o anzi un leggero incremento rispetto al 2019 in Friuli Venezia Giulia, nelle Marche e a Bolzano; il numero di accessi domiciliari (ADI/ADP) cala rispetto al 2019 del 18 e del 16% rispettivamente in Puglia e in Toscana, ma meno del 3% in Friuli Venezia Giulia e a Trento; il numero di visite cardiologiche di controllo si riduce di più del 40% a Bolzano, in Basilicata e in Umbria, mentre si attesta sul 20% in Toscana, a Trento e in Veneto (-18%).

In riferimento ad alcuni servizi poi si registra una sostanziale tenuta dei sistemi sanitari regionali; in riferimento alle vaccinazioni pediatriche, ad esempio, i cali sono decisamente contenuti. Quasi ovunque aumentano le vaccinazioni antinfluenzali per persone di età superiore ai 65 anni, a riprova di una maggiore propensione da parte della popolazione e di una attenzione da parte delle strutture sanitarie.

Oltre agli indicatori di valutazione di performance più tradizionali, hanno trovato spazio anche nuove e attuali aree di analisi, strettamente collegate alla rispondenza dei sistemi sanitari regionali alle nuove sfide poste dalla pandemia. Tra questi, l’accessibilità online delle informazioni sulla vaccinazione anti-Covid-19, che valuta la capacità delle aziende sanitarie di veicolare attraverso i propri siti internet le preziose informazioni inerenti alla campagna vaccinale contro il Covid-19.


“Ancora una volta le regioni che aderiscono al Network- commenta Sabina Nuti- hanno dimostrato una grande maturità politica nella loro scelta di non saltare l’appuntamento della valutazione, attente ai problemi emersi nel 2020 ma anche consapevoli che il sistema sanitario italiano, proprio nei mesi caldi della pandemia da covid-19, ha dato il massimo ed è grazie al lavoro instancabile dei professionisti sanitari che molte vite sono state salvate. I numeri sono alla base di un sano processo di confronto e di apprendimento e di miglioramento, mai esaustivi ma certamente capaci di segnalare come orientare l’azione”.

Ultimi articoli pubblicati

Ballando con le stelle 2021: spunta il nome del primo concorrente

ballando-con-le-stelle-2021:-spunta-il-nome-del-primo-concorrente

Ballando con le stelle

Gli ultimi rumors riguardanti il primo concorrente della nuova edizione del celebre talent show di Rai 1

Pubblicato su

Dopo i rumors circa un cambio di giuria per la nuova edizione di Ballando con le stelle, arriva a distanza di poche ore un’altra importante indiscrezione, riguardante stavolta il nome del primo concorrente. Di chi si tratta? A lanciare il gossip è stato nelle ultime ore Giuseppe Candela nella sua rubrica A lume di candela su Dagospia.it.

Milly Carlucci ha messo gli occhi su Federico Fashion Style” si legge sul noto portale, quindi Candela prosegue scrivendo: “dovrebbe essere, salvo colpi di scena, tra i concorrenti della nuova edizione di Ballando con le stelle“. Il popolare dancing show di Rai 1 dovrebbe prendere il via il 16 ottobre 2021.

In tanti lo conoscono con il nome d’arte di Federico Fashion Style, ma il suo vero nome è Federico Lauri. Originario di Anzio, l’hair stylist ha fatto fortuna con il suo salone di bellezza, dove sono soliti recarsi molti vip. Grazie al suo estro e alla sua creatività, l’hair stylist è approdato nel giro di poco tempo in tv.

Da diversi anni è ormai alla conduzione del programma ‘Il Salone delle meraviglie‘  e di ‘Beauty Bus‘ in onda su Real Time. Federico ama il suo lavoro, ma ancor di più la sua famiglia. Non tutti sanno, infatti, che Lauri è felicemente sposato con Letizia. Da questo grande amore è nata nel 2017 Sophie Maelle.

Le nuove rivoluzioni a Ballando con le stelle

Stando al alcuni rumors riportati dal settimanale Nuovo Tv, Milly Carlucci sarebbe pronta ad una rivoluzione nel dancing show di Rai 1. Il primo cambiamento importante sembra riguardi proprio la giuria. I rumors riferiscono infatti che i telespettatori non vedranno più sul bancone dei giurati Guillermo Mariotto.

Il celebre stilista aveva dato non pochi problemi a Milly e agli autori per alcuni ‘scivoli’ avvenuti durante le puntate della scorsa edizione del popolare dancing show. In tanti ricordano infatti le considerazioni rivolte dal giurato a Rossella Erra, definita come una cicciona con gli strass.

A queste osservazioni anche quelle nei confronti di Elisa Isoardi, che Mariotto avrebbe definito come esperta nei movimenti nel letto.

Reggio Calabria: venerdì si terrà 58ª Edizione del Premio “Bergamotto d’Oro”

reggio-calabria:-venerdi-si-terra-58a-edizione-del-premio-“bergamotto-d’oro”

Venerdì 25 giugno, alle ore 19,00, si terrà la 58ª Edizione del Premio “Bergamotto d’Oro” del Lions Club Reggio Calabria Host

Venerdì 25 giugno, alle ore 19,00, si terrà la 58. Edizione del Premio “Bergamotto d’Oro” del Lions Club Reggio Calabria Host. L’evento sarà celebrato nel pieno rispetto delle regole di distanziamento sociale fissate dalla normativa anti-covid 19 e sarà ospitato dalla splendida cornice della terrazza de L’Accademia di Reggio Calabria guidata da Chef Filippo Cogliandro. La premiazione sarà diretta dal Presidente del Lions Club Reggio Calabria Host, Prof. Avv. Giuseppe Strangio, e dal Presidente della Commissione Lions del Premio Avv. Emilio Lucisano. Il Premio più antico dedicato al Bergamotto di Reggio Calabria è destinato a “esaltare i valori spirituali, sociali e umani, che rifulgono nella provincia reggina, tra Jonio e Tirreno, memori di antiche civiltà”. I premiati dell’edizione 2021 saranno: il Prof. Pasquale Amato al merito letterario e sociale; il Dott. Gianfranco Capua, al merito imprenditoriale e civile; il Prof. Demetrio Neri al merito accademico e scientifico.