Autore: Vittorio Ferla

Gianni Morandi ha un figlio famoso! La notizia inaspettata sul rapper

gianni-morandi-ha-un-figlio-famoso!-la-notizia-inaspettata-sul-rapper

Tutti conoscono il famosissimo Morandi “senior”, monumento della canzone italiana: ma sapevate che anche il figlio è famoso?

gianni morandi come sta
Il cantante Gianni Morandi (Getty Images)

Gianni Morandi è uno dei migliori professionisti dello spettacolo nel nostro Paese. Cantante, compositore, musicista ed anche conduttore (ha guidato due edizioni del Festival di Sanremo, tra l’altro), sempre con l’inconfondibile sorriso.

Grande appassionato di sport, Morandi è stato anche Presidente Onorario del Bologna FC dal 2010 al 2014. Tanti traguardi, molta notorietà, ma ora si aggiunge qualcosa in più: suo figlio Pietro è un noto rapper.

Una novità decisamente positiva: il figlio di Gianni e della moglie Anna Dan, che da qualche tempo è anche la sua “fotografa ufficiale”, sta avendo un ottimo successo nella sua carriera musicale.

Chi è Pietro Morandi

Pietro è nato nel 1997, ed ha quindi 24 anni. E’ nato dall’amore tra Gianni ed Anna Dan ed ha puntato a costruire una carriera nel mondo della musica, ma ha scelto il genere rap con il nome Tredici Pietro.

Dopo il debutto con il brano Pizza e fichi, ha proseguito con Piccolo Pietro ed infine, nel 2019, ha pubblicato il suo primo album, intitolato Assurdo.

Tredici Pietro (screenshot instagram)

Il suo stile è affine a quello dei suoi amici, che sono poi anche tra i suoi modelli musicali: Madame (Francesca Galeano), la Dark Polo Gang ed i rapper Izi e Tedua.

Splendido il rapporto con i genitori, con i quali condivide molte attività e dai quali riceve sostegno nella sua carriera artistica. Spesso Pietro appare nelle foto che Anna scatta ai momenti della vita quotidiana di casa Morandi.

VEDI ANCHE—> Alena Seredova, Buffon ci prova ma lei è categorica. Il no definitivo all’ex

Inoltre, con più di 180mila follower, Pietro si mostra anche come un discreto influencer e sicuramente questo o favorisce nel promuovere i suoi progetti da musicista.

VEDI ANCHE—> Morgan, l’ex si sfoga sul cantante. Nel mirino anche Barbara D’Urso

Prima della pandemia, negli ultimi mesi del 2019, aveva già avviato un tour in diversi locali di città italiane. Speriamo possa riprendere presto!

Figliuolo alle Regioni: “Fornire entro il 15 luglio il numero degli over 60 che rifiutano dosi”

figliuolo-alle-regioni:-“fornire-entro-il-15-luglio-il-numero-degli-over-60-che-rifiutano-dosi”
_rxuuid 1 year The main purpose of this cookie is targeting, advertesing and effective marketing. This cookie is used to set a unique ID to the visitors, which allow third party advertisers to target the visitors with relevant advertisement up to 1 year. ab 1 year This domain of this cookie is owned by agkn. The cookie is used for targeting and advertising purposes. am-uid 2 years This cookie is set by Admixer. The cookie is used to collect visitor behaviour from mutiple websites for serving them with relevant ads based on their preference. APIDTS 1 day This cookie is set by the provider Yahoo.com. This coookie is used to collect data on visitor preference and behaviour on website inorder to serve them with relevant content and advertisement. B 1 year This Cookie is used by Yahoo to provide ads, contents or analytics. CMID 1 year The cookie is set by CasaleMedia. The cookie is used to collect information about the usage behavior for targeted advertising. CMPRO 3 months This cookie is set by Casalemedia and is used for targeted advertisement purposes. CMPS 3 months This cookie is set by Casalemedia and is used for targeted advertisement purposes. CMST 1 day The cookie is set by CasaleMedia. The cookie is used to collect information about the usage behavior for targeted advertising. DSID 1 hour This cookie is setup by doubleclick.net. This cookie is used by Google to make advertising more engaging to users and are stored under doubleclick.net. It contains an encrypted unique ID. HAPLB5S This cookie is set by the provider Sonobi. This cookie is used to track the visitors on multiple webiste to serve them with relevant ads. i 1 year The purpose of the cookie is not known yet. id 1 year 1 month The main purpose of this cookie is targeting and advertising. It is used to create a profile of the user’s interest and to show relevant ads on their site. This Cookie is set by DoubleClick which is owned by Google. IDE 1 year 24 days Used by Google DoubleClick and stores information about how the user uses the website and any other advertisement before visiting the website. This is used to present users with ads that are relevant to them according to the user profile. IDSYNC 1 year This cookie is used for advertising purposes. KADUSERCOOKIE 3 months The cookie is set by pubmatic.com for identifying the visitors’ website or device from which they visit PubMatic’s partners’ website. KTPCACOOKIE 1 day This cookie is set by pubmatic.com for the purpose of checking if third-party cookies are enabled on the user’s website. lidid 2 years This cookie is used to collect data on user behaviour and interaction to make advertisement on the website more relevant. ljt_reader 1 year This is a Lijit Advertising Platform cookie. The cookie is used for recognizing the browser or device when users return to their site or one of their partner’s site. MarketGidStorage session This cookie is used to set an unique ID for the visitor which helps third-party advertisers to target the visitors with relevant advertisements. This facility is provided by the third party advertising hubs which provide real time bidding for the advertisers. mc 1 year 1 month This cookie is associated with Quantserve to track anonymously how a user interact with the website. mdata 1 year 1 month The domain of this cookie is owned by Media Innovation group. This cookie registers a unique ID used to identify a visitor on their revisit inorder to serve them targeted ads. muidn 16 years 7 months This cookie is used to set an unique ID for the visitor. This helps third party advertisers to serve the visitor with relevant advertisement. NID 6 months This cookie is used to a profile based on user’s interest and display personalized ads to the users. ouuid 1 year This cookie is used to store the unique visitor ID which helps in identifying the user on their revisit, to serve retargeted ads to the visitor. ouuid_lu 1 year This cookie is used for serving the retargeted ads to the users. This cookie is used in association with the cookie “ouuid”. ov 1 year 1 month This cookie is set by the provider mookie1.com. This cookie is used for serving the user with relevant content and advertisement. PUBMDCID 3 months This cookie is set by pubmatic.com. The cookie stores an ID that is used to display ads on the users’ browser. pxrc 2 months The purpose of the cookie is to identify a visitor to serve relevant advertisement. remixlang 1 year 3 days 15 hours This cookie is set by the provider vk.com. This cookie is used for advertising purposes. rlas3 1 year The cookie is set by rlcdn.com. The cookie is used to serve relevant ads to the visitor as well as limit the time the visitor sees an and also measure the effectiveness of the campaign. stx_user_id 1 year The domain of this cookie is owned by the Sharethrough. This cookie is used for advertising services. TDCPM 1 year The cookie is set by CloudFlare service to store a unique ID to identify a returning users device which then is used for targeted advertising. TDID 1 year The cookie is set by CloudFlare service to store a unique ID to identify a returning users device which then is used for targeted advertising. test_cookie 15 minutes This cookie is set by doubleclick.net. The purpose of the cookie is to determine if the user’s browser supports cookies. tuuid 1 year This cookie is set by .bidswitch.net. The cookies stores a unique ID for the purpose of the determining what adverts the users have seen if you have visited any of the advertisers website. The information is used for determining when and how often users will see a certain banner. tuuid_lu 1 year This cookie is set by .bidswitch.net. The cookies stores a unique ID for the purpose of the determining what adverts the users have seen if you have visited any of the advertisers website. The information is used for determining when and how often users will see a certain banner. uid 2 months This cookie is used to measure the number and behavior of the visitors to the website anonymously. The data includes the number of visits, average duration of the visit on the website, pages visited, etc. for the purpose of better understanding user preferences for targeted advertisments. uids 2 months This cookie is set by Prebid Server. The cookies contains information that allows Prebid servers to distinguish between browsers and mobile devices. This information is then used to select advertisements delivered by the platform and measure the performance of the advretisement and attribute their payments. um 3 months Set by addthis.com.(Purpose not known) umeh 3 months The main purpose of this cookie is marketing. It is used to keep track of the users on multiple website inorder to show relevant advertisement based on the user behaviour. uuid 3 months To optimize ad relevance by collecting visitor data from multiple websites such as what pages have been loaded. VISITOR_INFO1_LIVE 5 months 27 days This cookie is set by Youtube. Used to track the information of the embedded YouTube videos on a website. YSC session This cookies is set by Youtube and is used to track the views of embedded videos. zuuid 1 year This cookie is set by sportradarserving.com. This cookie is used to serve relevant advertisement to the user by tracking visitors on multiple websites. zuuid_lu 1 year This cookie is set by sportradarserving.com. This cookie is used for setting a unique ID for the visitor. This unique ID is used for targetting the visitor with relevant ads based on user interests.

Euro 2021, Black Lives Matter: per la prima volta si inginocchiano anche quattro calciatori dell’Italia

euro-2021,-black-lives-matter:-per-la-prima-volta-si-inginocchiano-anche-quattro-calciatori-dell’italia

Quattro calciatori dell’Italia si sono inginocchiati insieme al Galles per la protesta Black Lives Matter: dopo Orsato è la prima volta a Euro 2021 per degli italiani

Dopo l’arbitro Orsato, altri italiani – per la prima volta – si sono inginocchiati per la protesta Black Lives Matter, il gesto di manifestazione contro ogni discriminazione razziale. Lo ha fatto il Galles, all’Olimpico, prima del fischio d’inizio della gara vinta dagli azzurri, e proprio quattro di loro hanno imitato il gesto. Si è trattato di Belotti, Bernardeschi, Emerson e Toloi.


La gabbia dorata che Ai Weiwei ha dedicato ai rifugiati

la-gabbia-dorata-che-ai-weiwei-ha-dedicato-ai-rifugiati

L’artista pechinese Ai Weiwei è protagonista di un nuovo progetto espositivo: una grande gabbia dorata installata di fronte al Blenheim Palace di Woodstock, in Inghilterra

L’arte di Ai Weiwei è sempre attenta alle tematiche sociali, come la crisi dei migranti che negli ultimi anni è stata il fulcro della sua ricerca. Gilded cage, la gabbia dorata, ne rappresenta l’apice. Questa grandissima opera è infatti, nella visione dell’artista, il simbolo della condizione di reclusione che affligge la vita dei rifugiati.

Creata nel 2017, dopo vari tour in giro per il mondo (nel 2018, anche in Italia a Venezia), la gabbia dorata arriva ora a Blenheim Palace. Situato a Woodstock, in Inghilterra, l’antico palazzo risalente alla prima metà del Settecento ospiterà per i prossimi mesi l’installazione dell’artista pechinese alta circa sette metri.

I visitatori potranno passeggiare negli spazi esterni della prestigiosa residenza reale ed entrare in simbiosi con l’istallazione: la scultura, infatti, è attraversabile liberamente in modo da suscitare riflessioni nel pubblico. Il progetto segna il ritorno di Ai Weiwei a Woodstock dopo una mostra all’interno del palazzo nel 2014.

La Reggina non riscatta Rivas, ma è previsto un nuovo incontro con l’Inter: si prova a chiudere per il titolo definitivo

la-reggina-non-riscatta-rivas,-ma-e-previsto-un-nuovo-incontro-con-l’inter:-si-prova-a-chiudere-per-il-titolo-definitivo

Reggina-Monza gol RivasFoto StrettoWeb

La Reggina ha deciso di non riscattare Rigoberto Rivas, ma la pista amaranto per l’honduregno non è affatto chiusa: le ultime

Scade oggi il termine ultimo, da parte della Reggina, per riscattare Rigoberto Rivas. Il club amaranto, però, non farà valere l’opzione programmata con l’Inter, che a sua volta avrebbe potuto esercitare il controriscatto. La società dello Stretto, quindi, ha preferito non perseguire questa strada, ma la pista dell’esterno non è affatto chiusa. Come scritto ieri, infatti, anche in caso di mancato riscatto la Reggina avrebbe provato nuovamente ad affondare il colpo per assicurarsi comunque il calciatore che molto bene ha fatto negli ultimi due anni a Reggio Calabria.

Secondo quanto verificato dalla nostra redazione, è previsto un nuovo incontro nella prossima settimana tra il ds Taibi e il club nerazzurro, società a cui il calciatore è tornato. Scaduto il riscatto, infatti, il club amaranto vorrebbe provare a chiudere per il giocatore a titolo definitivo, tenuto conto che un altro prestito per il terzo anno di fila non è possibile. La situazione non è semplice e le parti stanno trattando, ma l’intenzione è quella di operare un piccolo sforzo per assicurarsi un calciatore giovane, che conosce l’ambiente, la categoria e che sarebbe felice di rimanere alla Reggina, senza dimenticare che rappresenterebbe a tutti gli effetti una possibile plusvalenza. Appuntamento alla prossima settimana, dunque, la pista amaranto per Rigoberto Rivas non è chiusa.


Temptation Island, Valentina e Oronzo aspettano il primo figlio: lei è incinta

temptation-island,-valentina-e-oronzo-aspettano-il-primo-figlio:-lei-e-incinta

Temptation Island

La coppia che si è fatta notare durante l’esperienza nel reality delle tentazioni, andata in onda nell’estate del 2018, annuncia la gravidanza

Pubblicato su

Valentina De Biasi e Oronzo Carinola di Temptation Island attendono il loro primo figlio. Il pubblico di Canale 5 ha avuto modo di conoscerli nel corso della quinta edizione del reality delle tentazioni. La loro è una coppia che ha fatto parecchio discutere e che ha attirato l’attenzione. Ora proprio Valentina annuncia di essere incinta! Lo scorso mese di gennaio girava la voce che i due fossero in dolce attesa. Arrivò subito la smentita alla notizia ed ecco che ora, a distanza di mesi, la coppia annuncia la gravidanza su Instagram.

Valentina e Oronzo appaiono insieme nella foto, con l’ecografia del bambino che attendono. In particolare, la De Biasi fa sapere che oggi finalmente hanno la possibilità di dare “la vera risposta” alla domanda dei fan, spesso molto curiosi. Con certezza possono assicurare al pubblico che li segue dal 2018 di essere in dolce attesa. La De Biasi racconta che ascoltare il battito del cuore del piccolo, per la prima volta, è stata per lei “un’emozione indescrivibile”.

Sono tanto felici per quello che sta accadendo e si sentono “davvero fortunati”. Non vedono l’ora di viversi completamente questo loro “nuovo amore”. Non rende noto il mese di gravidanza in cui attualmente si trova. Sicuramente nelle prossime ore, farà sapere i dettagli sul social. L’annuncio di Valentina e Oronzo arriva in una giornata importante per Temptation Island. Infatti, il reality sta presentando al pubblico le coppie della nuova edizione.

Intanto, sono diversi i messaggi di auguri che i due ex protagonisti del noto programma estivo di Canale 5 stanno ricevendo. In particolare, sotto il post condiviso dalla De Biasi è possibile notare i commenti di Giada Giovanelli e Raffaella Giudice.

Il loro percorso nel reality delle tentazioni fece parecchio discutere. Il loro lieto fine arrivò in modo inaspettato. Oronzo si fece notare per i suoi commenti sulla fidanzata e per il rapporto instaurato con le tentatrici del villaggio.

Lui stesso, prima ancora di prendere parte a questa esperienza, confessò di avere delle debolezze nei confronti del genere femminile. Proprio attraverso questo percorso, Oronzo capì di non poter vivere lontano da Valentina.

E mentre tutti pensavano che la rottura fosse inevitabile, ecco che in un secondo falò di confronto Carinola riuscì a convincere la De Biasi a tornare insieme a casa. Dopo di che, hanno iniziato a pensare al matrimonio!

Ed ecco che ora Valentina De Biasi conferma di essere incinta e il suo Oronzo diventerà padre per la prima volta!

Amadeus, la moglie lo ‘sfotte’, il motivo lascia di stucco: “Sembra Sophia Loren”

amadeus,-la-moglie-lo-‘sfotte’,-il-motivo-lascia-di-stucco:-“sembra-sophia-loren”

La moglie del noto presentatore Amadeus e cioè Giovanna Civitillo, in un’ intervista l’ha preso in giro dicendo che sembra l’attrice Sophia Loren, ecco la motivazione assurda.

Amadeus e la moglie giovanna, ecco come lo prende in giro
Amadeus e la moglie Giovanna (Foto dal web)

Amadeus e Giovanna Civitillo stanno ormai insieme dal lontano 2003, quando si conobbero nella trasmissione L’Eredità, in cui il primo conduceva e la seconda era una delle ballerine. Nel 2009 è nato loro figlio Josè Maria, mentre nel 2019 si sono sposati, dopo l’annullamento del suo precedente matrimonio.

I due sono davvero molto legati e la loro è fin dall’inizio sembrata un’unione ben salda. Giovanna Civitillo ha affermato che la cosa che più gli piace di suo marito è il fatto che la fa ridere tantissimo e in continuazione. Inoltre, è orgogliosa di essere la moglie di Amadeus.

Infatti, la 43enne di origine napoletana, ha affermato che per lei non è affatto un problema in alcune circostanze essere considerata solamente come la moglie di Amadeus. Anzi, può essere solamente un motivo di vanto, visto il grande successo avuto in televisione negli ultimi anni.

LEGGI ANCHE —> Isola dei Famosi amara, lo sfogo clamoroso di Ilary Blasi: lacrime agli occhi

Amadeus, ecco perché la moglie l’ha rinominato Sophia Loren.

Giovanna Civitillo nel privato ha deciso di soprannominare suo marito con l’appellativo della storica attrice Sophia Loren. Il motivo è davvero molto divertente e come ha confessato la stessa showgirl è dovuto principalmente al fatto che il presentatore è sempre molto lento nel prepararsi quando bisogna uscire di casa.

Ecco le sue parole:

“Dobbiamo uscire alle 10? A me basta un quarto d’ora per fare la doccia, vestirmi e uscire. Lui alle 7 è già in piedi perché ha bisogno di tre ore per prepararsi. Lo chiamo Sophia Loren, sembra una diva che si sistema per una gran serata… Fa tutto con calma”.

LEGGI ANCHE —–> Mara Venier sta male: condizioni preoccupanti

La showgirl campana ha continuato sempre parlando di suo marito e dicendo che in casa spesso dà una mano nelle faccende o quando bisogna organizzare qualcosa. L’unica aspetto negativo è che non sa cucinare, ha chiuso simpaticamente.

Cerchiamo di capire meglio il rischio di un evento avverso dopo il vaccino contro Covid-19

cerchiamo-di-capire-meglio-il-rischio-di-un-evento-avverso-dopo-il-vaccino-contro-covid-19

La percezione del rischio è spesso soggettiva e istintiva, ma i numeri raccontano che quotidianamente ci esponiamo a rischi molto superiori rispetto a quelli dei rari effetti avversi dei vaccini contro Covid-19. Ecco qualche confronto

rischio_vaccino
(foto: Mohammad Shahhosseini/Unsplash)

Uno dei temi più ostici da comunicare, da molto prima dell’inizio della pandemia di Covid-19, è l’esposizione al rischio e l’effettivo pericolo a cui siamo esposti in una situazione di emergenza. Si potrebbe dire che la ragione e la scienza impongano di farne una questione anzitutto numerica, di analisi quantitativa e di statistiche, ma è noto da tempo quanto in realtà il tema – soprattutto quando si passa dalle valutazioni tra addetti ai lavori al grande pubblico – sia permeato anche da aspetti legati alla percezione soggettiva, all’emotività e alla nostra innata reazione istintiva dinanzi un potenziale pericolo, che talvolta si traduce in azioni apparentemente irrazionali dettate da distorsioni cognitive di vario genere.

Un tratto comune a molte valutazioni che si leggono online e sui giornali a proposito del rischio vaccinale (e che si sentono anche nel chiacchiericcio collettivo) è il tentare di mettere a confronto i vari vaccini. Non solo in termini di efficacia generale e contro le specifiche varianti, ma pure come incidenza degli effetti avversi più o meno rilevanti che possono fare seguito alla vaccinazione. Così, per esempio, ci si concentra sul fatto che l’una o l’altra formulazione abbia una frequenza un po’ più alta o un po’ più bassa nei rari sintomi collaterali che può determinare: un tema senz’altro importante da monitorare a livello di farmacovigilanza, e tornato alla ribalta proprio negli ultimi giorni dopo le ennesime modifiche alle indicazioni d’uso per il vaccino Vaxzevria di Oxford-AstraZeneca. Ma che potrebbe indurre a pensare che i confronti tra i vaccini siano determinanti, quando invece anche nella peggiore delle ipotesi il rischio in questione è estremamente basso.

Un esempio senz’altro notevole del lavoro di comparazione è quello offerto da Reuters, mentre in altri casi si è preferito concentrarsi sul raffronto generale tra rischio Covid-19 vs rischio vaccinale (qui l’università di Cambridge, per dare un’idea) o ancora su confronto tra rischio di trombosi con e senza vaccinazione. In termini assoluti, comunque, a oggi tanto per il vaccino anglo-svedese quanto per quello targato Johnson & Johnson (che al momento ha indicazioni d’uso diverse, pur non essendo chiaro il perché), le stime di incidenza dei rari effetti collaterali trombotici sono di uno ogni 100mila vaccinati, se non ancora meno.

Ha senso fare confronti con gli altri farmaci?

Un’ulteriore possibilità di confronto, sempre in merito al rischio di effetti avversi, è quella di paragonare i vaccini anti Covid-19 con altri farmaci d’uso comune. Il risultato è presto detto, anche senza scendere nel dettaglio dei numeri: i vaccini sono di gran lunga tra i farmaci più sicuri, sia in generale sia nel caso specifico di quelli contro il Covid-19. E diversi dei più comuni antidolorifici, antipiretici e antinfiammatori hanno un’incidenza di effetti collaterali – anche gravi – ben superiori a quelli di una vaccinazione.

A livello comunicativo, però, spesso questa argomentazione fatica a reggere, perché la tipica obiezione di chi sta esitando nel vaccinarsi è che un conto sono i farmaci che assumiamo quando stiamo male (accettando più di buon grado di correre un rischio, in cambio però di un beneficio percepibile) e un altro sono quelli che hanno uno scopo di prevenzione, che assumiamo quando il problema ancora non si è manifestato. Non che l’obiezione di per sé sia inoppugnabile – il vaccino riduce il rischio di complicanze in chi si contagia con il virus, e il rischio di contagio e senz’altro non trascurabile, anzi purtroppo piuttosto elevato, sul lungo periodo – ma fingiamo di accoglierla.

Una delle eccezioni a questa empasse comunicativa sono gli anticoncezionali a uso femminile, che certo di norma non sono farmaci da malati eppure hanno già dimostrato di avere una certa correlazione con gli eventi tromboembolici stessi: non uno su 100mila come i vaccini anti Covid-19, ma tra 3 e 9 ogni 10mila, o per lo meno superiore a 2 ogni 10mila secondo un mastodontico studio del British Medical Journal del decennio scorso. Ciò ovviamente non significa sia una cattiva idea assumere un anticoncezionale (e ci mancherebbe), ma che dal punto di vista degli effetti avversi più seri il rischio che si corre è più elevato di almeno dieci volte rispetto a quello della vaccinazione.

Più che il vaccino, la lampadina e il bagno in mare

Ricapitolando: può non bastare sostenere che il rischio nel vaccinarsi sia molto inferiore a quello della malattia da cui protegge; può non bastare mostrare che il vaccino abbia un livello di rischio molto inferiore a farmaci di uso comune; può non bastare confrontare l’incidenza di determinati effetti avversi con quelli che si manifestano comunque nella popolazione generale; e può non bastare dare i numeri assoluti di questi rischi (specificando, per esempio, che solo in un caso ogni tre la trombosi determinata dal vaccino si traduce in un esito clinico fatale, e che se anziché ragionare sui ventenni passiamo ai cinquantenni il rischio di trombosi è ulteriormente ridotto a un terzo). Ma che dire dei rischi che, da persone sane, corriamo quotidianamente nel fare le nostre attività di routine, e che numeri alla mano sono assai più problematiche del sottoporci a vaccinazione?

Facciamo qualche esempio. Sempre riferito a 100mila persone, secondo il Winton Centre for Risk and Evidence Communication e un’analisi della Bbc, il rischio annuale di morire d’incidente d’auto è stimato è a quota 38 per i giovani e 23 per le persone di mezza età (contro 11 e 4 nel caso del vaccino AstraZeneca). Di morire per un qualunque tipo di incidente oscilla tra 110 e 180 ogni anno, e solo nel caso delle morti a causa di un fulmine abbiamo un altro 1 da aggiungere ogni anno. Il rischio di non sopravvivere alla vaccinazione, detto altrimenti, è paragonabile a quello di essere vittima di un omicidio nei prossimi 30 giorni, o a quello che si corre nel fare un tragitto in macchina di 400 chilometri.

Addirittura, in molti casi, anche nel momento stesso in cui si è al centro vaccinale per l’iniezione si è più al sicuro che altrove, mura di casa incluse. Per esempio, statistiche in pugno, il rischio di morire salendo su una scala domestica a tre gradini per ordinarie operazioni di manutenzione (come cambiare una lampadina) è 9 volte superiore a quello della vaccinazione se si è donna, e 37 volte se si è uomo, tenendo conto della probabilità di cadute accidentali e del rischio di restare folgorati con la presa elettrica. La probabilità di morire di vaccino anti-Covid è grossomodo la metà di quella di essere uccisi dal proprio partner in un paese occidentale, e grossomodo è la metà pure rispetto a quella di morire annegati (per malore o altro) durante ogni singolo bagno in mare.

Ogni tragitto in bicicletta ha un rischio di esisto fatale rispetto a una dose di vaccino anti-Covid a vettore virale di 2,5 volte più alto, e lo stesso vale in media per ogni giornata trascorsa sul luogo di lavoro. Facendo confronti con altre statistiche di lunga data, il rischio di vaccinarsi corrisponde a quello di percorrere 16mila chilometri in aereo, o 100mila in treno, a un paio di viaggi in deltaplano, a passeggiare per un totale 270 chilometri (non tutti in una volta) o a percorrere 95 chilometri in moto. Ancora, in termini indiretti e per esempio tramite le malattie che possono determinare, un vaccino corrisponde al rischio di fumare 14 sigarette o bere 5 litri di vino.

A conti fatti, una persona che conduce una vita a tutti gli effetti media (niente sport estremi, niente eccessi di alcol, fumo, droghe o cibi spazzatura, niente attività lavorative particolari, stravizi o inutili azzardi) ha un rischio di morire per ogni settimana in cui semplicemente vive – ossia si alza dal letto e intraprende la propria giornata – pari al doppio di quello che si corre vaccinandosi. La percezione del rischio resterà comunque soggettiva, ma non vaccinarsi per timore degli effetti avversi ha razionalmente poco senso se si intende comunque continuare a condurre una vita che non sia solo da sdraiati sul materasso, e che contempli per esempio di spostarsi, di lavorare, di assumere qualche farmaco al bisogno, di convivere con il proprio partner o di andare in vacanza.

Reggio Calabria: secondo incontro dell’Associazione Anassilaos dedica a Dante

reggio-calabria:-secondo-incontro-dell’associazione-anassilaos-dedica-a-dante

romeo e dante

Reggio Calabria: disponibile su You Tube e sul sito facebook di Anassilaos da martedì 15 giugno 2021 il 2° degli incontri che l’Associazione Culturale Anassilaos dedica a Dante nel 7^ Centenario della morte

Disponibile su You Tube e sul sito facebook di Anassilaos da martedì 15 giugno 2021 il 2^ degli incontri che l’Associazione Culturale Anassilaos dedica a Dante nel 7^ Centenario della morte. La conversazione del Prof. Antonino Romeo sul tema “Dante e Forese Donati: un’amicizia controversa e tenace” analizza …Nonostante l’impegno di tanti biografi, sulle reali circostanze della vita di Dante sappiamo complessivamente poco e quel che conosciamo deriva non tanto da testimonianze documentate e perciò attendibili, ma da ricostruzioni che rimbalzano quasi per clonazione da una biografia all’altra, integrate ogni tanto da qualche aneddoto accattivante sul piano narrativo. In mancanza di dati verificabili, per molti aspetti della vita di Dante dobbiamo fare ricorso alla sua opera, in primo luogo alla Commedia, ma anche il Convivio e le Epistole sono una ricca miniera di informazioni. Si tratta, però, di testi letterari e la letteratura, si sa, è innanzitutto mistificazione: quando l’autore si consegna alla pagina scritta, cessa di essere persona e diventa personaggio, per cui tende a dare di sé un’immagine ideale, che non sempre coincide con quella reale. Dante, che sente di essere exul immeritus, per un comprensibile spirito di rivalsa sul grigiore della vita che deve condurre, si costruisce l’immagine di profeta, di guida e maestro per l’umanità tutta e in questo scenario dove tutto è grandioso e solenne c’è poco spazio per raccontare le sue esperienze quotidiane, le sue relazioni di amicizia e i percorsi compiuti in comune con gli altri. Per questi motivi non troviamo nelle sue opere molti riferimenti agli amici, intesi come persone con cui si è condiviso un percorso di formazione e la cui presenza conforta e arricchisce nei momenti cruciali dell’esistenza. Sappiamo del sodalizio con Guido Cavalcanti e del ruolo che questi ebbe per avvicinare Dante alla nuova poesia stilnovistica, ma i loro rapporti si guastarono, prima ancora che per motivi politici, per la netta diversità di vedute rispetto al tema della trascendenza divina, come possiamo notare da un rivelatore accenno nel decimo canto dell’Inferno. Delicati echi di sinceri rapporti amicali troviamo nel Purgatorio, quando Dante incontra prima Casella e poi Belacqua e con entrambi ricostruisce per un attimo l’incanto di ormai lontane esperienze terrene; anche nel Paradiso l’incontro con Carlo Martello ci fa pensare che fra i due giovani ci sia stato un amichevole incontro per un comune progetto nella Firenze di fine Duecento, ma ormai l’attenzione di Dante è concentrata su altri temi e quell’esperienza viene soltanto accennata.

In definitiva, l’unico amico di Dante di cui possiamo conoscere a sufficienza le caratteristiche e il destino è Forese Donati, che dovette essere quasi coetaneo del poeta e che gli divenne parente alla lontana quando Dante sposò Gemma Donati. I due giovani, che certamente amavano frequentare entrambi gli ambienti letterari di Firenze, diedero vita ad una tenzone poetica di indubbio interesse: si scambiarono rime ingiuriose, cantandosele di santa ragione in sei sonetti complessivi, tre di Dante ed altrettanti di Forese, che molto ci dicono, se non sulle abitudini reali dei due, certamente sulla disponibilità di Dante a cimentarsi su registri linguistici e tematici ben diversi da quelli ufficiali. Il tono è disinibito, a volte greve, ma perfettamente coerente con quello che doveva essere la vita di quartiere nella Firenze dell’epoca, dove certamente era forte l’interesse per la politica e per la cultura, ma non mancavano neanche allora le “zingarate” e la complicità fra coetanei era alla base di tante allegre brigate. Ma Dante non vuole lasciare di Forese solo l’immagine di un marito inadeguato e di un gozzovigliatore che ruba per alimentare tutti i suoi vizi né vuole che l’asprezza reciproca sia l’unico sigillo al loro rapporto. Immagina di incontrarlo nel Purgatorio, nel girone dei golosi, certo, perché quella fu la caratteristica e la colpa di Forese, ma l’incontro è intessuto di grande delicatezza espressiva, di mutuo ed indulgente affetto e, soprattutto, ci consente di muoverci per un attimo in una Firenze a dimensione umana, dove Forese, ricordando con struggente affetto la moglie, la chiama «Nella mia», «la vedovella mia, che tanto amai» e Dante nomina Beatrice, quasi a ricostruire un quartetto di amici che certamente si conobbero e forse si frequentarono. L’asprezza della tenzone, reale o solo letteraria che sia stata, sfuma nella solennità dell’eterno, con Forese già impegnato a confrontarsi con la giustizia divina e Dante che accenna, solo per un attimo ma con umanissima sincerità, alla stanchezza che sempre più lo pervade e che gli fa desiderare soltanto di finire presto e di ritrovarsi anche lui a poter vivere l’esperienza salvifica dell’amico. E’, in definitiva, la narrazione perfetta di un’amicizia che passa attraverso tutti i possibili tornanti che quel rapporto può avere, ma che evidentemente ha mantenuto per Dante tanta importanza da suggerirgli uno degli episodi più belli ed umanamente credibili della sua opera.


Achille Lauro al centro della bufera. Le accuse sono pesanti: interviene il manager

achille-lauro-al-centro-della-bufera.-le-accuse-sono-pesanti:-interviene-il-manager

Giornata nera per Achille Lauro, cosa è successo al cantante finito al centro di polemiche con la produzione? I dettagli dello scontro.

Achille Lauro

Achille Lauro continua a far parlare di lui e dopo l’uscita del nuovo video con Fedez e Orietta Berti, c’è ancora una cosa che lo pone al centro del gossip.

A quanto pare l’artista ha avuto un’accesa discussione con un’azienda con cui sta lavorando. A dare la notizia è la testata Dagospia che ha riportato che

A Milano gira voce che dietro le quinte ci sarebbero stati non pochi problemi per la gestione di Achille Lauro, in particolare alcuni accennano a scontri accesi tra il management dell’artista e la società di produzione Endemol. Solo cattiverie?.

Achille Lauro: il manager del cantante interviene

Il gossip ha fatto immediatamente il giro del web ma il manager di Achille Lauro, Angelo Calculli, ha voluto dire la sua al riguardo.

Così ha pubblicato un comunicato stampa in cui riporta che

Smentiamo categoricamente quanto scritto oggi all’interno dell’articolo di Dagospia, secondo il quale vi sarebbero stati problemi nella gestione di Achille Lauro dietro le quinte di Celebrity Hunted addirittura riferendosi a scontri occorsi tra il management e la Endemol Shine Italy. Nulla di più falso avrebbe potuto essere rappresentato. L’esperienza di Achille Lauro in Celebrity Hunted è stata a dir poco entusiasmante, serena e a tratti goliardica. Tutto è stato gestito alla perfezione grazie al supporto di un team molto professionale e grazie al sostegno di una struttura produttiva come Endemol. Quanto ai rapporti personali del manager con Endemol inutile e superfluo puntualizzare quanto siano ottimi e improntati da sempre, anche per altre occasioni, alla correttezza e reciproco rispetto. Non abbiamo mai avuto alcun tipo di problema o discussione. Chi riferisce situazioni differenti o contrapposte alle mie dichiarazioni lo fa non tenendo conto della verità.

LEGGI ANCHE>>>Michelle Hunziker perfetta dopo il parto, come ha fatto? Svelato il trucco

LEGGI ANCHE>>>Arisa, che stoccata alla cantante! Criticata perché troppo ‘osé’. Interviene lui

Il web quindi può mettersi l’anima in pace. Nessun litigio per Achille Lauro che è di nuovo su tutte le piattaforme e radio con il brano Mille insieme ai suoi colleghi.