Baccalà fritto alla romana, croccante fuori e morbido dentro. Il trucco della nonna romana: “Come deve essere l’acqua”

baccala-fritto-alla-romana,-croccante-fuori-e-morbido-dentro.-il-trucco-della-nonna-romana:-“come-deve-essere-l’acqua”


Il Natale è quasi alle porte e gli Italiani si iniziano a preparare per le grandi ‘abbuffate’. Il Baccalà fritto è uno dei piatti protagonisti dei cenoni, in particolare quello del 24 e del 31 dicembre. La ricetta romana, però, è quella tipica anche dello street food giornaliero verso i vicoletti di Roma centro, precisamente Trastevere. La sua particolarità è il fatto che i pezzetti di baccalà sono molto croccanti fuori e morbidi dentro e la preparazione è molto semplice e veloce.

Ingredienti per circa 4 persone

  • 500 g Baccalà
  • 100 g Farina
  •  Acqua frizzante fredda , olio di semi di arachidi, sale e pepe q.b.

Procedimento 

Innanzitutto bisogna decidere quale baccalà usare se quello sotto sale o quello surgelato. Nel primo caso, lo dovete lasciare in ammollo per circa 2-3 giorni. Nel secondo caso, dovete semplicemente scongelarlo. In entrambi i casi, però, prima di friggerlo, dovrete tamponare con carta i pezzetti di baccalà per asciugare quanto più possibile l’acqua. Il primo segreto quindi per farlo bene è che il baccalà sia quanto più asciutto possibile.

Procedete, dunque, con la pastella. Per questa ricetta non avremo bisogno nè di lievito nè di birra ma semplicemente basterà usare dell’acqua naturalmente frizzante. Quindi in una ciotola unite farina e acqua frizzate e mescolate per bene fino ad addensare il tutto. Man mano, a piccoli pezzi immergete il  baccalà nella pastella e giratelo per farlo ricoprire completamente.

Prendete una padella e riempitela d’olio meglio usare quello di arachidi che ha un tempo di fumo più alto e consente di far diventare più croccante la panatura. Quindi mettete i pezzi di baccalà ben bagnati nella pastella nella padella e fateli friggere fino a quando non diventino belli dorati. (Immergete max 3 pezzi alla volta). Una volta cotto, tamponate l’olio in eccesso e insaporite con sale e pepe. Per chi lo preferisce, va benissimo sopra anche una bella spruzzata di limone.

Leggi anche: Linguine alla genovese di mare, la ricetta napoletana più golosa della classica per chi ama il baccalà

baccala fritto alla romana 1

 

Baccalà fritto alla romana, croccante fuori e morbido dentro. Il trucco della nonna romana: “Come deve essere l’acqua” scritto su Più Ricette da Imma.

Vito Califano

0 comments on “Baccalà fritto alla romana, croccante fuori e morbido dentro. Il trucco della nonna romana: “Come deve essere l’acqua”

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: