Biennale di Venezia 2023: Danza, Musica e Teatro

0
43
biennale-di-venezia-2023:-danza,-musica-e-teatro

Venezia, 03 aprile 2023 – Settanta novità, 450 artisti internazionali, 41 produzioni e coproduzioni, per un totale di 48 giorni di programmazione. Sono i numeri dei programmi dei festival di Danza, Musica e Teatro della Biennale di Venezia, presentati stamane nella sede di Cà Giustinian, alla presenza dei direttori artistici di settore e del presidente, Roberto Cicutto.

Teatro

Prosegue con ‘Emerald’ il programma quadriennale tra i colori dei direttori Stefano Ricci e Gianni Forte per il 51/o Festival Internazionale del Teatro (15 giugno – 1 luglio). Sarà un viaggio nello stupore, “un laboratorio ipnotico e vibrante di creazione scenica – spiegano i direttori artistici -, che si drappeggerà in verde emerald”. Andranno in scena, tra gli altri, il Leone d’oro alla carriera, Armando Punzo, con il gruppo di attori-detenuti della Compagnia della Fortezza, Romeo Castellucci, e due compagnie che incarnano le tendenze degli ultimi anni: la catalana El Conde de Torrefiel e la fiamminga FC Bergman, destinataria del Leone d’argento.

Danza

‘Altered States’ è invece titolo del 17/o Festival Internazionale di Danza Contemporanea (13 – 29 luglio), terzo capitolo del direttore Wayne McGregor nel dialogo tra disciplina mobile e tecno-culture. “Gli artisti e i lavori selezionati – spiega il coreografo britannico – sono alchimisti del movimento. Il loro lavoro è guidato da un’insaziabile curiosità di esplorare e sperimentare sia nel processo creativo che nella performance”. Tra gli appuntamenti spiccano l’omaggio a Simone Forti, Leone d’oro alla carriera, con una retrospettiva del suo lavoro di ‘artista del movimentò, e le coreografie ‘ipnotiche’ di Tao Dance Theater, compagnia cinese a cui è stato attribuito il Leone d’argento. I festival, quest’anno, godranno di più stanziamenti, “perché non sono concepiti come rassegne per mostrare il meglio delle produzioni, ma come sviluppo di un progetto di conoscenza e sperimentazione”, ha annunciato Cicutto. Le maggiori risorse permetteranno più repliche, master class, installazioni e attività interdisciplinari”. 

Musica

In scena dal 16 al 29 ottobre, il 67/o Festival Internazionale di Musica Contemporanea ‘Micro-Music’, secondo il direttore, Lucia Ronchetti, “è dedicato al suono digitale, alla sua produzione e diffusione nello spazio acustico, attraverso tecnologie avanzate e ricerche sperimentali”. Una kermesse che presenta lo spettro di tendenze stilistiche e ricerche creative della scena musicale internazionale. Tra gli ospiti, il pioniere dell’elettronica digitale, Morton Subotnick, il Leone d’oro alla carriera Brian Eno, e il leggendario duo Autechre, che ha portato la club culture ai confini con la musica d’avanguardia.

Vittorio Rienzo

Leave a Reply