Lo ha annunciato il fondatore di Microsoft con un breve comunicato affidato al suo canale Twitter personale: Bill e Melinda Gates hanno deciso di separarsi dopo 27 anni di matrimonio. La coppia, che insieme aveva anche dato il nome alla Fondazione che si occupa della promozione di progetti educativi, sanitari e di combattere la povertà nel mondo, ha spiegato che “dopo una lunga riflessione – si legge nel testo a firma di entrambi i coniugi – e un grande lavoro svolto sulla nostra relazione, abbiamo deciso di mettere fine al nostro matrimonio“.

pic.twitter.com/padmHSgWGc

— Bill Gates (@BillGates) May 3, 2021

Non vengono spiegati i motivi di questa scelta inaspettata. Anzi, nel comunicato si specifica: “Chiediamo spazio e privacy per la nostra famiglia adesso che iniziamo questo percorso in una nuova vita”. Quella che ormai è una delle ex coppie più famose degli Stati Uniti e del mondo ha poi voluto ricordare questi 27 anni passati insieme, durante i quali “abbiamo cresciuto tre figli incredibili e costruito una Fondazione che lavora in tutto il mondo per permettere alle persone di condurre una vita sana e produttiva”.

Proprio la Fondazione Bill e Melinda Gates sarà ciò che continuerà ad esistere anche dopo il divorzio, assicura il magnate americano: “Continuiamo a credere in questo progetto e continueremo a lavorare insieme alla fondazione – concludono – Ma crediamo che non sia più possibile crescere insieme come coppia in questa prossima fase delle nostre vite”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Via libera all’esportazione delle dosi Pfizer prodotte negli Usa: Messico e Canada i primi a beneficiarne

next