Brandacujun di Benedetta, il baccalà più buono che c’è. La ricetta ligure facile e veloce. “Il trucco per farlo diventare cremoso”

brandacujun-di-benedetta,-il-baccala-piu-buono-che-c’e-la-ricetta-ligure-facile-e-veloce.-“il-trucco-per-farlo-diventare-cremoso”


Il Brandacujun è una ricetta tipica della tradizione ligure. Benedetta lo prepara in modo semplice e veloce facendolo diventare un piatto super buono e cremoso. Una volta provato non potrete più rinunciarvi. La base di questa ricetta è lo stoccafisso o il baccalà. Il nome ha un’origine alquanto simpatica. Pare che sulle navi, al marinaio più incapace ( il cujun insomma) venisse dato il compito di “brandare” ovvero agitare la pentola dove veniva cucinato il baccalà. Quindi Brandacujun appunto.

La ricetta originale ligure prevede che l’ingrediente principale sia lo stoccafisso, molto più difficoltoso da trovare. Quindi Benedetta l’ha sostituito con il baccalà, più facile da comprare. Fate attenzione però, prima di preparare questo piatto bisognerà lasciare in ammollo in acqua il pesce per due giorni interi in modo da far eliminare il sale in eccesso. La particolarità di questa ricetta è nel modo di esecuzione. Ad un certo punto infatti si dovrà brandare la pentola, ovvero spostarla velocemente e con forza in modo che il baccalà si sfaldi e si cuocia così alla perfezione, diventando super cremoso. Vediamo quindi come si cucina

Brandacujun, Ingredienti

  • 400 g baccalà ammollato
  • 300 g patate
  • aglio 2 spicchi
  • prezzemolo 1 ciuffo + qb per guarnire
  • 50 g pinoli
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 1 limone, (la scorza grattugiata)

Preparazione

Iniziamo a preparare il nostro Brandacujun, sbucciando le patate, laviamole, tagliamole a cubetti e quindi alla fine lessiamole in abbondante acqua bollente. Nel frattempo prendiamo una padella capiente con un filo di olio extra vergine di oliva e mettiamola sul fuoco aggiungendo i due spicchi d’aglio sbucciati e schiacciati e il prezzemolo tritato fresco. facciamo soffriggere queste spezie finchè l’aglio non sarà bello dorato.

Mentre cuoce il soffritto, tagliamo il baccalà a tocchetti e  versiamolo nella padella facendolo rosolare per un paio di minuti. Quindi scoliamo le patate e aggiungiamole al baccalà nella padella. Lasciamo in cottura per 10 minuti. Infine versiamo nella padella anche i pinoli e amalgamiamo il tutto aiutandoci con un mestolo di legno. Ora viene la parte “divertente” ovvero dobbiamo iniziare a brandare.

Mettiamo un coperchio sulla padella e iniziamo a muoverla velocemente e con forza, come se la stessimo scuotendo energicamente. Continuiamo la cottura per altri 15 minuti, continuando a brandare di tanto in tanto. Quando il baccalà avrà raggiunto una consistenza cremosa sarà pronto il brandacujun. Procediamo quindi all’impiattamento decorando con la scorza di limone grattugiata e un ciuffo di prezzemolo. Buon appetito!

Qualche consiglio in più da Benedetta: Per dare ancora più sapore al piatto basterà aggiungere durante la cottura anche della maggiorana e del timo e qualche oliva nera denocciolata. Il brandacujun può essere servito come un secondo piatto, ma anche come antipasto, accompagnatelo a qualche crostino di pane abbrustolito e avrete un piatto davvero unico e buoniddimo. Leggete altre RICETTE CON IL BACCALA‘, delle tradizioni regioni, buonissime e facili da preparare!

 

Brandacujun piuricette

Brandacujun di Benedetta, il baccalà più buono che c’è. La ricetta ligure facile e veloce. “Il trucco per farlo diventare cremoso” scritto su Più Ricette da Redazione.

0 comments on “Brandacujun di Benedetta, il baccalà più buono che c’è. La ricetta ligure facile e veloce. “Il trucco per farlo diventare cremoso”

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: