attualità

Bruno Rolandi: Prosegue lo sviluppo internazionale di Sdf, selezionata come partner tecnologico per lo sviluppo della meccanizzazione agricola in Kazakistan.

 

Prosegue lo sviluppo internazionale di Sdf, selezionata come partner tecnologico per lo sviluppo della meccanizzazione agricola in Kazakistan. La multinazionale italiana basata a Treviglio, tra i leader mondiali nella produzione di trattori, macchine agricole da raccolta e motori diesel entra infatti nel piano di industrializzazione nazionale voluto dal Governo Kazako e dal Ministro dello Sviluppo Industriale e delle Infrastrutture Beibut Atamkulov.
L’accordo, siglato alla presenza del Primo Ministro kazako Askar Mamin, prevede che Sdf fornisca il proprio know-how di innovazione tecnologica e l’expertise sviluppata nella produzione di trattori e mietitrebbie ad alta potenza col marchio Deutz-Fahr, ad Agromash Holding, principale polo produttivo di macchinari agricoli kazako, affiancando l’azienda in un percorso di localizzazione pluriennale “Made with Italy”.
Sdf, scelta tra una rosa di candidati internazionali del settore, si afferma puntando sulla propria vocazione tecnologica, sviluppata nel tempo grazie a costanti investimenti in ricerca e sviluppo per l’Agricoltura sostenibile e il Precision Farming.

Successo conquistato anche grazie alla consolidata presenza internazionale della multinazionale bergamasca, attiva con 8 stabilimenti produttivi fra Europa e Asia, 12 filiali commerciali e 155 importatori nel mondo.

This slideshow requires JavaScript.

«Siamo orgogliosi – dichiara il Ceo di Sdf Lodovico Bussolati – di essere partner di Agromash in questo importante accordo di collaborazione internazionale. In quasi un secolo di storia, la ricerca per l’innovazione tecnologica è stata il motore della nostra crescita e avere l’opportunità di contribuire, con le nostre competenze, alla meccanizzazione agricola della principale potenza economica dell’Asia centrale è il riconoscimento dell’impegno che quotidianamente dedichiamo all’evoluzione sostenibile dell’agricoltura mondiale».

La partnership, agevolata dal lavoro di mediazione e supporto dell’Ambasciata del Kazakistan a Roma e dell’Ambasciata italiana a Nur-Sultan, si inserisce nel percorso strategico di espansione internazionale del gruppo, aprendo le porte a una delle principali potenze economiche dell’Asia centrale, a forte vocazione agricola (il settore impiega quasi un quarto della popolazione attiva) e indicato dalla Fao come uno dei cinque stati con il maggiore potenziale di sviluppo, considerando che nel 2020 la produzione agricola è aumentata del 5,6%, superando i 12 miliardi di euro, e gli investimenti nel settore sono cresciuti del 15%.

Sdf, 3800 addetti nel mondo, nel 2019 l’azienda ha registrato un fatturato di 1.268 milioni di euri con un Ebitda dell’8,7%.

0 comments on “Bruno Rolandi: Prosegue lo sviluppo internazionale di Sdf, selezionata come partner tecnologico per lo sviluppo della meccanizzazione agricola in Kazakistan.

Leave a Reply

%d bloggers like this: