Category: Community

ESCLUSIVA ! DOCUMENTO SHOCK CHE SVELA IL PIANO DELL’ELITE PER I PROSSIMI MESI IN UK.

esclusiva-!-documento-shock-che-svela-il-piano-dell’elite-per-i-prossimi-mesi-in-uk.

Riportiamo di seguito la traduzione del documento ricevuto:

To Dr. Frank Atherton, Dr. Michael McBride, Dr. Susan Mashie, Dr. Gregor Smith, Dr. Richard Taylor, Sir Patrick Valiance, Dr. Jonathan Van Tam, Chris Whiny

From: Neil M Ferguson 

Date: 14th June 2021

Subject: Next Steps – Permanent Lockdown of the UK (Private & Confidential)

PROSSIMI PASSI PER UN LOCKDOWN PERMANENTE NEL REGNO UNITO ( PRIVATO E CONFIDENZIALE ) Con l’imminente decisione e l’annuncio che verrà fatto non più tardi di oggi dal Primo Ministro, per quanto riguarda l’estensione di quattro settimane di Lockdown del Regno Unito, ora abbiamo una finestra di opportunità relativamente breve con cui finalizzare i nostri prossimi passi del processo.Rimane fondamentale che tutto rimanga sulla buona strada e che tutti noi ricordiamo i nostri comuni propositi dietro a questo.E’ stata dura, e il muro diventa più duro, ma a condizione che rimaniamo uniti e che riusciamo a convincere la maggior parte del Paese che lo stiamo facendo per buone ragioni, allora saremo in grado di muoverci verso la seconda parte del Piano. In breve, ci si muoverà verso un Lockdown permanente del Paese da giovedì 15 luglio, con il motivo di un picco nelle nuove ‘varianti’ indiane e nepalesi del ‘virus’ (che come sappiamo è solo un rinominare la Febbre di Hay). Il ‘virus’ è già stato molto redditizio e fruttuoso per noi e non c’è limite al quale non possiamo ulteriormente trarre profitto sia in termini finanziari che reputazionali.Tuttavia, dobbiamo assicurarci di avere una cooperazione completa e totale sia dal governo che dai media e usare la linea che “è troppo rischioso andare avanti con l’estate”.Possiamo rilevare incrementi di queste ‘varianti’ in linea con, ad esempio:

• Proteste anti-lockdown,  ( questa sarebbe una buona idea da spingere, alla luce degli eventi recenti)

• Partite di calcio Euro 2021 in Inghilterra e Scozia

• Dove le popolazioni crescono durante i mesi estivi – Località balneari (Blackpool, Bournemouth. Brighton, Sicegness ecc.) come anche i parchi a tema (Alton Towers, Thorpe Park, Chessington World of Adventures ecc.) così come la campagna e le “Trappole per turisti” Se riusciamo a diffondere il messaggio che a causa di ciò, le “varianti” saranno multiple e distruggeranno completamente il servizio sanitario nazionale se non correttamente gestite nell’immediato, allora il pubblico dovrebbe essere accondiscendente e l’obbedienza e la natura incondizionata delle masse sarà cruciale per farci tagliare il traguardo e quindi avremmo giocato la nostra parte nel cambiamento del Paese.Spetterà poi ad altri bloccare, come parte del Piano Kalergi e del piano del WEF/Schwab, per altri motivi come l’ambiente e la scarsità d’acqua (2022-23), la carenza di cibo (2023-24) e la Finanza Globale mentre noi sappiamo che ci sarà una resistenza a questo, dobbiamo assicurare che ogni e qualsiasi resistenza sia mantenuta ad un minimo assoluto e questo vale a tutti gli strati della società, dall’ordinario uomo/donna della strada a parlamentari e signori.Mentre oltre il 70% supporta le nostre azioni ( grazie alle modifiche di YouGov), abbiamo un gruppo forte e veemente chiamato “pro freedom”  che ha deciso di screditarci qualsiasi opportunità.Il lancio del nuovo canale “GB News” ha solo aggiunto benzina a questo fuoco, quindi il mio piano è di esercitare altrettanta pressione sulle società dei social media nel Regno Unito per avviare immediatamente le seguenti procedure, al fine di proteggere noi e le cose che stiamo facendo:

• Blocca/vieta/elimina tutti i post e gli utenti che vanno contro il consenso scientifico

• Per i siti Web,  limitare/negare l’accesso ai gruppi di cui sopra, inclusa la cancellazione di qualsiasi “account”.

• Per ogni persona “anti lockdown” e i loro leader, inviare i loro dati inoltrandoli alla polizia perchè vengano arrestati per incitazione all’odio, violenza e disobbedienza civile ( la disposizione di arresto ricade nella legge sul coronavirus 2020)

Per qualsiasi genitore/tutore che dichiari apertamente che loro o la loro famiglia non saranno vaccinati togliere il loro bambino/parente anziano in modo permanente, da casa e/o per loro essere rimossi dalla proprietà indipendentemente dai diritti di proprietà/Atti. Una copia di queste proposte intitolata ‘Combating Covid Disinformation 2021’ è già stata inviata a Nick Clegg ( Facebook ) , Jack Dorsey ( Twitter ) e Susan Woicicki ( Youtube ) e Sundar Pichal ( Google/Alphabet).Inoltre, capisco che il Primo Ministro spingerà per un’azione più forte nei confronti del movimento anti lockdown, incluso spiegare l’Esercito per le strade del Regno Unito per sorvegliarle rigorosamente durante l’imminente Lockdown di Luglio.

Sono stato anche aggiornato da Serco che rilascerà “Stay At Home Bracelets” ( braccialetto Rimani a Casa ) che agirà come etichetta elettronica e sarà reso obbligatorio, per ogni famiglia nel paese con tutti i residenti, inquilini ecc. che dovranno averlo per legge.Questi braccialetti funzioneranno con la nuova tecnologia 5G e notificheranno al CCC (Central Command Center) se una persona si è avventurata al di fuori del proprio “Spazio confinato” con punizioni che vanno da una multa di Sterline 50.000, fino alla detenzione in custodia “per un tempo indefinito”. Il primo lotto di braccialetti sarà introdotto ad agosto a Londra, Birmingham, Nottingham, Cardiff, Belfast, Swansea, Manchester, Newcastle, Glasgow, Edinhurgh, Liverpool, Leeds, Sheffield, Norwich, Cambridge, York, Exeter e Carlisle e con un secondo lotto introdotto il giorno successivo e un terzo a novembre per raggiungere le zone periferiche e difficili da raggiungere del Regno Unito.

L’intero Regno Unito dovrebbe indossare e attivare questi braccialetti entro e non oltre il 1° dicembre 2021.Convincendo le persone e abituandole a rispettarci, possiamo abbattere ogni resistenza ai nuovi cambiamenti in arrivo nel Regno Unito.Comunque, dobbiamo sempre apparire come  “gli amici della gente”, e guardare come se avessimo a cuore i loro migliori interessi in modo che non pensino in contrasto con ciò che vogliamo che facciano.Dobbiamo convincere i media a spingere la linea che poiché troppe persone (più del tasso R ) sono morte, il messaggio è “Resta sempre a CASA “, “Proteggi vite” e “salva l’NHS” ( il servizio sanitario nazionale ). Oltre ad essere scienziati, anche noi dobbiamo mantenere il nostro buon profilo con i Media ed avere un atteggiamento di prudenza il più possibile.

Per quanto riguarda le “varianti” nuove o extra, vorrei sentire le vostre opinioni sulle seguenti proposte:

a) La Variante della Capitale ( concentrata a Londra )

Le proteste anti-lockdown e i tifosi di calcio che partecipano alle partite di Euro 2021 saranno ritenuti responsabili di una variante più aggressiva che causa problemi ai Polmoni, problemi cardiaci e renali. Questo significherà chiudere Londra a partire da giovedì 15 luglio.

b) La “Variante” del Dorset (incentrata su Bournemouth)

Le persone che viaggiano per vacanza a Bournemouth da Londra hanno portato la Variante della Capitale nell’area e questo si è trasformato in una nuova variante, il che significa che l’area deve essere chiusa a partire da lunedì 19 luglio.

c) The Border Variant’ centrata sul confine Inghilterra-Scozia, che si diffonde/muta con altre varianti. Potremmo anche lavorare su questo grazie alle partite di Euro 2021 di Football Fans in Scozia. Ciò significherà un divieto dei trasporti tra le due nazioni da venerdì 2 luglio.Si prega inoltre di essere consapevoli del fatto che per ottenere più persone da vaccinare GlaxnSmithKline ( GSK ) bisogna bloccare la produzione di medicinali per raffreddori comuni, influenza e febbre da fieno insieme a Johnson & Johnson, Bayer AG, Sanofi, Merck & Co LTD ecc. dall’inizio di luglio.Nessuna Farmacia potrà avere il permesso di venderli.Dobbiamo contare sull’obbedienza del popolo e del Primo Ministro e dei suoi ministri che possano essere accondiscendenti con noi.Sappiamo tutti che se ciò dovesse disfarsi e crollare, le conseguenze sarebbero terribili, se puoi continuare a manipolare la maggioranza, questo renderà le cose molto più semplici e ci consentirà lo spazio di respiro extra richiesto (cioè sei un “vero patriota” se obbedisci). Inoltre, alcuni gruppi come i neri, gli asiatici e la “Comunità gay” sono ignoranti e problematici per quanto riguarda le vaccinazioni, è necessario fare di più per educare questi gruppi a conformarsi e ad avere entrambi i vaccini.Per quanto riguarda la nostra immunità da future persecuzioni, ciò dipende sia dal fatto che il Primo Ministro stesso mantenga un buon rapporto con noi e sia che gli altri ministri del governo si conformino.Lui sa quale influenza abbiamo su di lui e quindi, poiché è vincolato e guidato da noi prima di tutto, possiamo ottenere il nostro .Tuttavia, abbiamo anche la carta “uscire di prigione gratis” affermando che stavamo seguendo i dati e facendo del nostro meglio per le persone.Fintanto che quella linea continuerà ad essere diffusa e creduta, come nel caso dell’emissione di Midazolan agli anziani, dovremmo stare bene ed evitare qualsiasi critica.

In conclusione, quindi, continuiamo così per le prossime settimane e assicuriamoci che siate visti agire solo nell’interesse del Regno Unito nella lotta contro il Virus.

Si prega di stampare una copia di questa lettera e tenerla sotto chiave, non dimenticare la sicurezza di base, poiché ciò che il pubblico non sa non gli farà male.Come sempre, negare ogni conoscenza di aver ricevuto queste informazioni…

A prescindere dall’autenticità di questo documento, tutto quello che abbiamo appena letto, sta già accadendo da più di un anno in tutto il Mondo e specialmente nel nostro Paese, con la complicità dei Media, dei Politici e portato avanti da un comitato tecnico scientifico che si sta comportando nello stesso identico modo, come descritto in questa lettera.Tutto è già accaduto anche qui, braccialetto a parte per il momento, e questo fatto è ancora più sconvolgente perché “chi ama l’iniquità, odia la propria anima” e quella del prossimo.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENI DATABASE ITALIA

VACCINOPOLI. IL GRANDE TABÙ DELLA SCIENZA MEDICA

vaccinopoli.-il-grande-tabu-della-scienza-medica

A cura Di Damiano Mazzotti

“Vaccinopoli” è un saggio del dottor Domenico Mastrangelo che descrive i reali benefici e i rischi poco conosciuti della vaccinazione (introduzione del Prof. Giulio Tarro, Edizioni Madaat, 2021, 430 pagine effettive, https://www.sindacatosuomi.it/vaccinopoli-html, link per acquistare il libro).  

Domenico Mastrangelo affronta il misterioso tabù della mancanza di un vero esame critico nella valutazione scientifica dei vaccini, e tratta con estrema lucidità un tema controverso e scottante. Perché si può parlare liberamente degli effetti collaterali più o meno dannosi di un farmaco, ma non si può parlare apertamente dei piccoli e dei grandi danni vaccinali? In Italia vige addirittura una legge che proibisce a qualsiasi medico di sconsigliare qualsiasi vaccino obbligatorio a qualsiasi paziente, con la minaccia della radiazione dall’Ordine dei Medici. Il vaccino sembra essere diventato l’unico metodo di prevenzione delle malattie in molte nazioni occidentali. Per fortuna nei paesi politicamente evoluti come la Svezia la Vitamina D viene aggiunta nel latte per rafforzare il sistema immunitario (in Svezia le ore di luce solare a disposizione sono poche). 

Negli ultimi anni la Medicina ufficiale ha trascurato di prevenire molte malattie attraverso una migliore alimentazione e la promozione dell’assunzione di preparati vitaminici vari (soprattutto A, B, C, D). Da molti decenni le multinazionali farmaceutiche hanno attivato  un condizionamento cognitivo professionale inconscio, e hanno pilotato i risultati di molti studi attraverso il finanziamento della quasi totalità delle ricerche mediche (in molti casi sono state condannate per vera e propria corruzione). Troppi medici sembrano aver dimenticato che la salute inizia da una buona alimentazione. In effetti la maggior parte delle malattie iniziano dall’intestino (Ippocrate). 

La vera Scienza ha sempre coltivato l’arte del dubbio, mentre lo scientismo “è la fede cieca e dogmatica nella scienza. Ma questa fede cieca nella scienza è estranea allo scienziato autentico” (Karl Popper, citato a p. 20). Nessuno sembra valutare in maniera obiettiva due fenomeni critici delle attuali somministrazioni vaccinali: “ma quando mai accade, che nella realtà quotidiana, un bimbo sia contagiato da tre virus simultaneamente?” (si tratta di virus inattivati); che effetti ha, a lungo termine, l’iniettare gli antigeni per via intramuscolare, evitando le naturali barriere della pelle e delle mucose? Inoltre, perché non sono mai stati fatti dei veri studi scientifici nell’arco della vita, per confrontare la salute a lungo termine dei vaccinati e dei non vaccinati?

Non è facile rispondere a queste domande perché l’immunizzazione è un fenomeno molto complesso e in parte sconosciuto, ma la scienza vaccinale ha lasciato in sospeso delle questioni fondamentali da troppi decenni, ed è giunto il momento di affrontare il duro faccia a faccia con la realtà. In ogni caso molte ricerche hanno dimostrato l’effetto di immunosoppressione di alcuni vaccini, o viceversa l’emergere di malattie autoimmuni in alcuni vaccinati, anche adulti, come è accaduto nel caso di numerosi militari multivaccinati (https://autoimmunity-network.com). 

I vaccini moderni sono composti da innumerevoli sostanze chimiche (da alcune decine a oltre duecento), ed è stato dimostrato che gli adiuvanti vaccinali a base di alluminio e formaldeide possono comportare alcuni gravi problemi. Ad esempio “secondo l”American Academy of Pediatrics, l’alluminio interferisce con vari processi metabolici e cellulari, nel sistema nervoso centrale ed in altri tessuti” (p. 115; https://pediatrics.aappublications.org). Oltretutto molti vaccini vengono somministrati prima dei due anni di età, quando il microbiota intestinale dei bambini non si è completamente stabilizzato, e quindi anche il sistema immunitario è ancora immaturo (p.181). Nella maggior parte dei casi le vaccinazioni non danno una protezione completa e duratura (vanno ripetute), e l’immunizzazione naturale è quasi sempre molto superiore all’immunizzazione ottenuta attraverso una vaccinazione. 

Inoltre bisogna riflettere sul fatto che molti virus hanno vari ceppi piuttosto diversificati. Prendendo come esempio le sindromi influenzali bisogna chiarire che solo il 17 per cento delle sindromi appartiene ai quattro principali ceppi influenzali. Il restante 83 per cento delle sindromi è costituita da decine e decine di altri ceppi microbici parainfluenzali di vario genere (p. 280).

Per quanto riguarda il vaccino contro l’influenza è molto interessante il risultato di una ricerca molto recente, eseguita direttamente dall’esercito degli Stati Uniti: “i soggetti ai quali era stato somministrato il vaccino antiinfluenzale, mostravano un aumento del 36 per cento della suscettibilità al coronavirus, rispetto ai non vaccinati” (p. 296). Questo fatto potrebbe spiegare i gravi fenomeni virali di Bergamo e Brescia, avvenuti dopo un secondo piano di vaccinazioni di massa attivato a metà gennaio 2020 (forse si trattava di un nuovo vaccino quadrivalente antiinfluenzale; https://www.agoravox.it/Il-grande-mistero-virale-di.html).

Chi conosce bene la storia, sa che in realtà molti vaccini sono stati diffusi quando le principali malattie si erano ridotte grazie alle migliori condizioni igieniche, alla migliore alimentazione e alla forte riduzione del grande inquinamento dovuto alla prima rivoluzione industriale. La scomparsa delle fogne a cielo aperto e la costruzione di sistemi di distribuzione di acqua potabile sono stati i veri grandi successi di igiene pubblica che hanno consentito la riduzione della mortalità infantile di circa il 90 per cento dei casi (in “Malattie, vaccini e la storia dimenticata”; vedere la nota finale). 

D’altra parte “Ogni test diagnostico presenta falsi positivi e falsi negativi, e pertanto, nessun test diagnostico è mai sufficientemente accurato, per il semplice fatto che la Medicina non è Matematica e in Medicina non esistono realtà assolute, ma solo realtà relative; in altre parole, in Medicina, nulla è vero o falso al 100 per cento” (p. 373). Quindi andrebbe elaborato un calcolo delle probabilità caso per caso, differenziando tra persone sane e sintomatiche. I test effettuati sulle persone asintomatiche sono quasi sempre inattendibili o poco significativi. Quindi testare le persone sane è un procedimento antiscientifico che serve a far incassare soldi facili a pochi privilegiati (si svuotano le casse degli Stati, che sono ulteriormente ricattati a livello finanziario). 

Del resto “il potere della Scienza Medica si è basato sulla paura della malattia, e, in particolare, sulla paura della malattia infettiva” (p. 229, Peter Duesberg). Le grandi case farmaceutiche internazionali aumentano tutti gli anni i loro profitti grazie all’imperante marketing della paura, diretto o indiretto (esempio: https://ilsimplicissimus2.com/2021/06/22/la-balla-delle-varianti). 

Dopotutto le persone sane non fanno guadagnare nessuno, tranne nel caso dei vaccini. I vaccini sono l’unica preparazione farmaceutica che consente di far soldi con le persone sane, cioè la stragrande maggioranza o la quasi totalità della popolazione. In un mondo saturo di beni e di servizi, e in forte crisi, la vaccinazione è diventata il grande business del futuro, che promette ricavi stratosferici mai visti prima. E cosa sappiamo davvero di queste ultime tipologie molto innovative di vaccinazione sperimentale? Il Prof. Giovanni Frajese, medico endocrinologo universitario, vive al di fuori delle seduzioni televisive, ed è molto realista: https://www.byoblu.com/2021/06/18/ecco-perche-non-vaccinero-mia-figlia-il-potente-discorso-del-professor-giovanni-frajese.

Comunque nella parte finale del libro vengono riportate alcune delle principali condanne a carico di AstraZeneca e Pfizer. Sono state citate anche delle sanzioni a carico di altre case farmaceutiche. Ad esempio “Merck ha patteggiato il pagamento di oltre 7 miliardi di dollari, per i danneggiati dal farmaco Vioxx” (https://www.fronteampio.it/il-caso-vioxx-il-farmaco-che-uccise-decine-di-migliaia-di-pazienti, p. 149). Chiaramente le multe sono irrisorie rispetto ai guadagni incassati con i vari crimini. In effetti le multe servono solo a ripulire la coscienza di molti giudici. In galera non ci finisce nessuno e la vita dei pazienti viene messa di nuovo a rischio da altri farmaci inopportuni, trasformati in veleni legalizzati a causa della scarsa vigilanza e della corruzione pubblica e privata. 

In conclusione l’autore non vuole stabilire nessuna verità, ma cita gli studi controcorrente poco conosciuti e riporta molte ricerche trascurate dalla medicina scientifica ufficiale, oggi decisamente troppo condizionata dagli ingenti finanziamenti provenienti dalle grandi multinazionali farmaceutiche (https://ilsimplicissimus2.com/2021/06/21/faccia-come-il-covid-152300).  

Domenico Mastrangelo si è laureato in Medicina con 110 e lode, lavora all’Università di Siena, e nel corso della sua quarantennale carriera si è occupato di Ematologia, Oncologia, Farmacologia Clinica e Oftalmologia (affezioni tumorali e diagnosi prenatale delle affezioni tumorali). Per valutare vari approfondimenti: https://www.scienzemedicolegali.it/documenti/curriculum/cv-mastrangelo.pdf; https://www.byoblu.com/2021/04/06/vaccinopoli-fra-business-farmaceutico-e-scienza-etica-domenico-mastrangelo. Mastrangelo è anche un grande esperto di vitamina C, una sostanza terapeutica molto versatile, utile per prevenire e per curare molte infezioni più o meno gravi: https://www.byoblu.com/2020/05/18/fake-news-e-chi-dice-che-la-vitamina-c-non-serve-contro-il-virus-domenico-mastrangelo-byoblu24 (la vitamina C non ha nessun effetto collaterale); https://www.auretitalia.org/2020/08/05/il-caso-vitamina-c-e-covid-19 (vitamina C e Covid-19).

Nota personale – In passato e nel presente, sostanze come l’olio di cannella hanno dimostrato di avere dei grandi effetti antibatterici e antivirali. Il succo della pianta di aloe ha dei buoni effetti antiinfiammatori (https://www.my-personaltrainer.it/fitoterapia/aloe-vera.html). Inoltre anche l’olio di oliva ha dei poteri antibatterici molto utili e aiuta la rimarginazione delle ferite, anche nel caso delle ustioni solari. Per approfondire la scienza degli oli essenziali (con l’esperienza personale di Red Ronnie come utilizzatore): https://www.youtube.com/watch?v=rwTumrk5UB0. Per approfondire le riflessioni di un medico molto saggio, padre dell’impostazione della medicina moderna: https://www.lalungavitaterapie.it/sir-william-osler-un-grande-medico. Per guardare un documentario molto emozionante: https://www.youtube.com/watch?v=LuzkTK4uYaY (Vaxxed 2).

Nota civica – “Negare l’informazione è l’essenza della tirannia. Il controllo sul flusso delle informazioni, è lo strumento principale della dittatura” (Bruce Coville, scrittore americano). In India e in molti altri paesi è stato utilizzato un farmaco molto potente per la cura della sindrome Covid-19, ma la mannaia della censura è calata impietosamente sui media occidentali, proprietà di pochi miliardari: https://twitter.com/sharylattkisson, https://sharylattkisson.com/2021/06/read-study-ivermectin-can-lead-to-large-reductions-in-covid-19-deaths (giornalista investigativa). Per approfondire alcune nozioni accademiche di storia della medicina e di storia della salute pubblica: https://twitter.com/elenaconis, http://www.elenaconis.com/contact-us.html. L’utilizzo della vitamina C rappresenta una cura poliedrica conosciuta dal 1930, quando Jungeblut scoprì che le massicce dosi di Vitamina C inattivavano molti virus, molti batteri e anche alcune tossina (p. 201). Nel 1947 Frederik Klenner curò con successo 41 polmoniti, scoprendo la migliore  via di somministrazione a seconda del tipo di paziente (endovenosa, intramuscolare, orale; p. 202). Naturalmente la vitamina C non è stata promossa perché non interessa alle grandi multinazionali farmaceutiche: non è brevettabile e quindi i margini di guadagno sono sempre stati ridottissimi.  

Nota finale – Nel libro “Malattie, vaccini e la storia dimenticata” le considerazioni finali sono queste: “I primi lavori del dottor Robert Watt mostravano che, sebbene sembrasse che ci fosse stato un calo dei decessi dopo l’introduzione del vaccino, le morti per cause diverse erano aumentate. Il tasso complessivo di mortalità relativo ai bambini resto invariato” (p. 434). Quindi è evidente che “le affermazioni della maggior parte degli autori riguardo gli effetti salvavita dei vaccini siano nettamente esagerate, mentre i rischi e i danni da vaccino siano sempre negati o minimizzati” (p. 426). Così “la vaccinologia, come viene descritta al pubblico di oggi, equivale a scrivere religione sul dorso dell’ignoranza” (p. 439, Suzanne Humphries, Roman Bystrianyk, 2018; https://www.altrainformazione.it/wp/2017/05/21/vaccini-cosa-non-conosciamo-storiatabelle-e-grafici-mai-visionati). A causa dei grandi interessi finanziari in ballo le cure di molte malattie vengono spesso ignorate o trascurate: https://www.youtube.com/watch?v=j-v71772Qfo (grande manifestazione di protesta a Milano); https://www.youtube.com/watch?v=1pFs9qBsQuE (Prof. Remuzzi). Per avere maggiori informazioni sui vaccini sperimentali (a cura del Dr. Gregory Poland della Mayo Clinic Cancer Center): https://www.youtube.com/watch?v=Yg_VsBjAMUs (2021). 

I SOLDATINI DEL DITTATORE: INDIPENDENTI DALLA VERITÀ, DIPENDENTI DAL POTERE

i-soldatini-del-dittatore:-indipendenti-dalla-verita,-dipendenti-dal-potere

Articolo a cura del Dr. Stefano Scoglio, Ph.D.

Avevamo già avuto a che fare con gli analisti “indipendenti” (come li definisce Facebook) di Facta News, e già allora (https://www.databaseitalia.it/dott-stefano-scoglio-fact-checkers-o-falsologi-la-mia-replica-ai-soldatini-del-dittatore/) avevo sottolineato i metodi logici distorti (le bugie, insomma) con cui cercavano di sostenere l’insostenibile. Ci riprovano ora, contestando come falso il mio articolo sull’ammissione-bomba del CDC che conferma l’impossibilità di isolare, e dunque definire e conoscere, i virus. 

Anche in questo caso si arrampicano sugli specchi, come vedremo, ma tanto il loro scopo non è quello di avere argomenti forti e sensati con cui avere legittimamente ragione. A loro basta scrivere che una cosa è falsa, anche senza veri argomenti, perché il loro ambito di azione non è la verità, ma la forza del potere. Dichiarano qualcosa come falso, anche se sanno benissimo che è vero, perché così, nel gioco delle parti, Facebook potrà usare la loro dichiarazione per mettere in atto la censura e repressione tipici della dittatura sanitaria in cui siamo caduti. E lo fanno senza metterci la faccia, protetti dietro il velo dell’anonimato, dato che l’autore non si firma: la mancanza di trasparenza è un’altra caratteristica chiave del potere dittatoriale. 

    Vediamo dunque le obiezioni dei falsologi di Facta, che iniziano con questa ricostruzione del mio pensiero: 

   “L’articolo sostiene che il virus Sars-CoV-2 non sarebbe mai stato isolato, in quanto non sarebbe mai stato ottenuto in forma pura ma solo coltivato in colture cellulari, dove non sarebbe distinguibile da altre «particelle simil-virali»”

FALSO: Io non ho mai detto che il virus viene messo in coltura, dove poi sarebbe indistinguibile. Questa è la loro ricostruzione falsificata, per farmi dire che il virus esiste, anche se non è isolato. La mia posizione è molto più netta: se tu metti in coltura non un virus previamente isolato, ovvero purificato, ma il liquido secreto del paziente, non puoi affermare nulla rispetto ad un virus che ci sia o meno; si tratta di un materiale eterogeneo complesso sulla cui composizione, e dunque sulla possibile presenza di un virus o l’altro, non puoi sapere nulla. Pertanto, senza adeguato isolamento, precedente la sua messa in coltura, non puoi neppure affermare che esista un virus. 

Proseguono i falsologi: 

“Nell’articolo Scoglio sostiene anche che nessun virus sia stato veramente isolato secondo i criteri desiderati da Scoglio stesso, ovvero ottenuto in forma pura e quantificata.”

FALSO: I criteri da me adottati non sono quelli desiderati da me, ma quelli stabiliti da Koch e che rappresentano la fondazione del metodo scientifico in microbiologia. Sappiamo che virologi e loro lacchè stanno cercando da quasi un secolo di disfarsi dei Postulati di Koch, ma si tratta di criteri di logica elementare, quindi i virologi dovrebbero riconoscere apertamente che  stanno lavorando per sopprimere completamente qualsiasi parvenza di logica. Nel frattempo, anche i falsologi di Facta  stanno già praticando la cancellazione di qualsiasi logica elementare dal loro discorso. 

    I falsologi entrano poi nel merito: 

“Per prima cosa, Scoglio nell’articolo fa spesso riferimento al documento di Luglio 2020 dei Center for disease control and prevention (CDC) secondo cui «al momento non sono disponibili isolati del virus 2019-nCoV quantificati», indicandolo come ammissione ufficiale che il virus non fosse stato isolato. Come in precedenza su Facta, questa frase significa solo che non era disponibile una quantificazione precisa del numero di particelle virali nei campioni di virus. Gli stessi Cdc il 29 dicembre 2020 che Sars-CoV-2, «il virus che causa Covid-19, è stato isolato in laboratorio ed è disponibile per la ricerca da parte della comunità scientifica e medica».

FALSO: In realtà, il documento del CDC non dice “non sono disponibili isolati del virus SARS-nCov QUANTIFICATI CON PRECISIONE”, questa è una frase che i falsologi mettono nella bocca del CDC per evitare di fare i conti con la verità. Il CDC afferma che non ci sono “isolati quantificati”, e quello che significa è ora molto chiaro: dato che l’isolato non è veramente isolato ma, come chiarisce ora il CDC, è il materiale che si produce dopo la messa in coltura del secreto del paziente, è chiaro che in quella massa colturale eterogenea non può esserci nessuna identificazione, e dunque nessuna quantificazione. Di nuovo, la logica elementare richiede che se si tratta di vero isolato, esso sia intrinsecamente quantificato, dovendo costituire il  100% del prodotto, o qualcosa meno se ci sono impurità, ma mai meno del 95%. Quindi il senso vero dell’affermazione del CDC è: dato che isolato significa messo in coltura, e dato che non hai isolato/purificato nessun virus in via preliminare, il prodotto della coltura non può che essere un materiale (impropriamente chiamato “isolato”) del tutto opaco, in cui non puoi ritrovare alcun virus, che non conosci (non avendolo previamente purificato/definito), e che dunque non puoi in nessun modo quantificare. 

    Quanto al fatto che il CDC affermi che il virus è stato isolato, ovviamente lo dicono, cos’altro potrebbero dire? Ma quando pronunciano la parola “isolato” in realtà intendono “messo in coltura”, il che ripropone tutti gi esiziali problemi indicati sopra. 

    Dato che per i falsologi sembra normale che in microbiologia “isolato” significhi “messo in coltura”, la domanda da porsi è: ma perché per tutti questi decenni passati non avete detto “liquido del paziente messo in coltura”, anziché “virus isolato”? Non è che ci avete ingannato volendoci ingannare? A me pare che non possa esserci altra spiegazione: questi pseudo-scienziati, nel più generale processo di distruzione del metodo scientifico, hanno posto la falsificazione al centro della pseudo-scienza dominante. 

    Per Popper la falsificazione era un pilastro del metodo scientifico, nel senso che le ricerche scientifiche vanno strutturate in modo da poter essere riprodotte ed eventualmente falsificate (mostrate come sbagliate). Nella teoria di Popper, il motore della scienza era pur sempre la ricerca della verità, anche se approssimativa e i cui risultati sono dunque superabili (falsificabili).  Gli pseudo-scienziati falsologi del nostro tempo sono invece mossi dal desiderio della falsificazione sin dall’inizio, e usano dunque il falso, e il conseguente inganno,  come motore della pseudo-scienza. Così, fanno una coltura del liquido del paziente, il che è una moltiplicazione della eterogeneità del materiale, e ci dicono invece che si tratta di un isolato, che è l’opposto, è una riduzione e semplificazione della originaria eterogeneità del liquido del paziente. 

Veniamo ora al centro dell’argomentazione di Facta: 

“Veniamo al cuore dell’argomentazione dell’articolo. Scoglio ritiene che la definizione di «isolamento» usata normalmente in microbiologia sia priva di senso, perché è necessario coltivare il virus in un mezzo biologicamente complesso come una coltura cellulare e quindi non è «isolato» nel senso di un preparato puro che non contenga niente altro. Scoglio nell’articolo, supporto delle proprie tesi, mostra delle e-mail apparentemente scritte dai Cdc e da un team di scienziati cinesi, che indicano come «impossibile» l’isolamento del virus senza una coltura cellulare. I virus, infatti non si replicano da soli ma sono hanno bisogno di cellule in cui riprodursi.”

FALSISSIMO: Qui abbiamo un coacervo di stupidaggini e bugie. Iniziamo da quel tentativo di delegittimazione su “e-mails apparentemente scritte dal CDC”. il documento che ho riportato non sono emails, ma un documento ufficiale del CDC in risposta ad una richiesta FOIA (Freedom of Information Act), che è una richiesta dotata di valore legale, così come ha valore legale la risposta. Trattandosi di documento ufficiale del CDC, con tanto di carta intestata e firma del funzionario CDC responsabile, solo una rabbia impotente  può avere  spinto questi falsologi a usare quel termine, “apparentemente”, che vorrebbe insinuare che si tratti di un documento falso. Il documento è ovviamente vero e ufficiale, e il tentativo di surrettizia delegittimazione di quest falsologi dimostra come non abbiano veri argomenti, e come l’unico modo che possono usare per evitare di ammettere che il CDC ha svelato il segreto oscuro della virologia in modo ufficiale, sia quello di negare l’evidenza, e affermare, senza nessuna base giustificativa, che quel documento non può essere vero. Purtroppo peer loro, è vero e ufficiale! 

E in fondo rivela quello che tutti gli addetti ai lavori già sapevano, ma che era importante non fare sapere al popolo.

    I falsologi continuano poi nella lettura manipolata e volutamente distorta della mia posizione:   io non affermo che l’eventuale virus non possa esser messo in coltura; che lo mettano pure in coltura, ma dopo averlo isolato/purificato, altrimenti metti in coltura un materiale eterogeneo senza sapere cosa ci sia dentro. Non è difficile da capire, e dunque sorge il quesito se questi falsologi ci sono o ci fanno…

Proseguendo nella loro lettura distorta, i falsologi aggiungono: 

“Questo però non significa che sia impossibile purificare il virus (ovvero ottenere le particelle virali senza contaminanti, come richiede Scoglio) da tali colture, che sono solo il primo passo necessario a ottenere una quantità di virus adatta allo studio. In questo senso è «impossibile» isolare il virus senza usare una coltura di cellule. Separare il virus dalla coltura cellulare però è possibile: si può filtrare il liquido delle colture, per esempio.”

FALSO: Ma se è possibile purificare il virus dalla coltura cellulare di liquido del paziente + cellule animali, perché non sarebbe possibile purificarlo all’inizio, nel solo liquido del paziente? Se il problema è, come affermano, che il virus ha bisogno delle cellule per proliferare, quale situazione migliore del liquido del paziente, dove il virus dovrebbe essere presente in maniera dominante e in forma smagliante? Perché complicarsi la vita raddoppiando la complessità del materiale da filtrare? La verità è che non lo fanno all’inizio perché non lo possono fare neppure alla fine, dopo la coltura cellulare. E non lo possono fare perché i filtri più selettivi, quelli che operano la nanofiltrazione, lasciano passare tutte le particelle nanomolari, quindi non solo i presunti virus, ma anche tutti gli esosomi, che hanno esattamente la stessa dimensione dei presunti virus, e rappresentano la stragrande maggioranza  (fino al 95%) delle particelle presenti nei liquidi dei pazienti umani. La virologia si rivela sempre più un gigante dai piedi di argilla. D’altra parte, lo stesso Montagnier, nel difendere la sua “scoperta” del virus dell’HIV, dovette ammettere che : 

    “…a questa densità del materiale, trovi quelle che vengono definite “micro-vescicole” di origine cellulare, che hanno la stessa dimensione dei virus…Come si può differenziare queste particelle cellulari dai virus? Francamente, con le nostre tecniche non lo si può fare.” (D. Tahi, Did Luc Montagnier discover HIV? I repeat, we did not purify, in Continuum, Vol 5., n¡2, 1997, pp. 31-35, p. 35.). 

Non avendo argomenti di sostanza,  i Facta-falsologi si appellano ora al principio di autorità:

“I virus sono stati purificati per la prima volta nel 1935 dal ricercatore statunitense Wendell M. Stanley, che vinse per questo il premio Nobel per la chimica nel 1946. La purificazione di virus è oggi una procedura di routine in virologia, tanto che vi sono numerosi protocolli standard e kit commerciali per questo scopo, inclusi protocolli specifici per i coronavirus.”

FALSO: Innanzitutto, Stanley non purificò nessun virus. Affermò di aver isolato proteine del virus in forma di cristalli, che però non avevano nessuna infettività. Ma si sa com’è: continua ad affermare come vero un falso storico, e il falso diventa vero. D’altra parte,  lo stesso Rivers, nell’articolo in cui emendò i postulati di Koch nel 1937, ammise che non era stato mai isolato o purificato nessun virus. Quanto al fatto che la purificazione sia una procedura standard, se così fosse, perché mai sia il CDC che la Unione Europea hanno affermato di non avere isolati quantificati disponibili? Un virus purificato è intrinsecamente quantificato, è il 100%, e il fatto che questa autorità abbiamo dichiarato che tale purificato non ci sia mostra chiaramente come la rivendicazione dei falsologi sulla purificazione come normale routine virologica è una emerita stupidaggine. 

I falsologi propongono poi uno studio che avrebbero isolato e purificato il SARS-Cov2:

“Il virus Sars-CoV-2 è stato isolato, purificato e quantificato nel senso in cui richiede Scoglio? Sì, come si può vedere ad esempio in questo studio del 20 maggio 2021 in cui Sars-CoV-2, dopo essere stato coltivato su cellule, è stato ottenuto in forma pura con esplicita attenzione al rimuovere possibili contaminazioni.”

Se uno legge l’articolo citato, troverà che in realtà i ricercatori hanno sequenziato (proteomica) il materiale prodotto dalla coltura cellulare e filtrato, non l’hanno purificato. E soprattutto, dato che affermano di aver messo il virus in coltura, dove hanno preso il presunto virus? Non dovevano  purificarlo prima di metterlo in coltura? La verità è che hanno messo in coltura  lo “isolato” fornito loro dallo Spallanzani. E se uno va a vedere lo studio sul presunto isolamento dello Spallanzani, vede che si tratta sempre della solita tecnica di chiamare isolato la cultura cellulare eterogenea. Quindi, avendo messo in coltura la precedente cultura cellulare eterogenea fornita dallo Spallanzani, i ricercatori in questione non hanno fatto che generare una super-eterogeneità, senza nessuna informazione su un virus mai purificato, e dunque andando alla cieca a cercare proteine da sequenziare e attribuire arbitrariamente a un virus che, allo stato attuale, non può che essere inventato. 

    Lo stesso vale per i due articoli citati in seguito dai falsologi, che avrebbero provato la patogenicità del SARS-cov 2 con anche il controllo su cellule non “infettate”. Ma anche qui, siamo alle solite. Il secondo studio, scambia sempre isolamento con coltura cellulare, e testa un presunto SARS-Cov2 che altro non è che una precedente coltura cellulare, quindi di nuovo senza nessun virus veramente isolato, cioè purificato, presente.  Sia questo che il primo studio citato dai falsologi addirittura nemmeno dichiarano da dove viene il presunto SARS-Cov2 che hanno inoculato nella coltura cellulare: ormai si preferisce dare per scontato che si usa un “isolato” di SARS-Cov2, senza neppure spiegare come è stato ottenuto. Anche perché, in questo modo, si evita di dover sottostare a quel principio di verificabilità che è l’essenza del metodo scientifico. Il primo studio citato  non spiega neppure come sono stati trattati o mantenuti in coltura i cardiomiociti non infettati (mock), di nuovo rendendo la verifica impossibile.  Solo per queste clamorose mancanze, i due studi citati non dovevano neppure essere ammessi alla pubblicazione; invece, sono proprio questi articoli manipolati e non verificabili che vengono pubblicati sulle riviste scientifiche più importanti. Ma ormai la ricerca è scesa a livelli talmente infimi che solo personaggi come i falsologi di Facta possono raggiungere.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENI DATABASE ITALIA

COVID-19 DA VIP: CONTAGI IN COSTA SMERALDA MA NON ALLA FESTA DEL NAPOLI. Billionaire Sotto Accusa per Epidemia Colposa. Ignorata pista “Virus da Laboratorio”

covid-19-da-vip:-contagi-in-costa-smeralda-ma-non-alla-festa-del-napoli-billionaire-sotto-accusa-per-epidemia-colposa.-ignorata-pista-“virus-da-laboratorio”

Fonte originale: articolo di Gospa News

Proprio nell’imminenza della riapertura delle discoteche in tutta Italia, annunciata dai vertici del Ministero della Salute per le prime settimane di luglio, in Sardegna arriva la mannaia della magistratura contro i locali della Costa Smeralda che nell’estate 2020 furono oggetto di una polemica mediatica e politica per un misterioso focolaio di Covid-19.

La Procura di Tempio Pausania ha infatti contestato l’accusa di epidemia colposa ai gestori del Billionaire, la discoteca di Flavio Briatore a Porto Cervo, nell’inchiesta giudiziaria sui contagi la scorsa estate nei rifugi da Vip della costa sarda. I PM – come riportato da Ansa e vari quotidiani – hanno notificato la chiusura indagini agli amministratori del Billionaire e di altri due locali notturni della costa gallurese, il Phi Beach di Baja Sardinia e il Country Club di Porto Rotondo, perché sarebbero state violate le norme anti Covid e vari clienti, tra cui lo stesso Briatore ma anche l’allenatore del Bologna Sinisa Mihajlovic, e numerosi dipendenti contrassero il virus in forma anche grave.

I magistrati, però, non hanno saputo spiegare perché il SARS-Cov-2 fu così virulento in Costa Smeralda, dove era in atto uno scontro burocratico tra gli amministratori pubblici e quelli delle discoteche proprio per le riaperture finito sulle prime pagine dei quotidiani, mentre tale non fu, ad esempio, dopo la maxi festa organizzata nella notte tra il 17 ed il 18 giugno a Napoli dai tifosi partenopei quando la squadra di calcio conquistò la Coppa Italia vincendo contro la Juventus.

Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell’Oms (ora sotto inchiesta per false dichiarazioni ai PM di Bergamo in relazione ad altri aspetti della gestione nazionale dell’emergenza pandemia) sostenne che i tifosi del Napoli scesi in piazza erano stati degli “sciagurati”. Ma il sindaco del capoluogo campano Luigi De Magistris (durante la trasmissione Un Giorno da Pecora su Rai Radio1) intervenne a difesa dei suoi concittadini: «Mi sembra un po’ esagerato. Napoli non ha più contagiati praticamente da quando è finito il lockdown, in città sono sette giorni che c’è il contagio zero, e in piazza c’erano solo napoletani».

«In poche settimane la Sardegna da Covid Free – così proclamava con orgoglio il governatore Solinas – a regione che diffonde il contagio in mezza Italia e rischia, da indiscrezioni ministeriali, di essere isolata. Il bollettino dell’epidemia è chiaro: 37 contagi in un giorno, si è ritornati ai livelli di aprile e ai tempi del lockdown, quando però era la Regione a chiedere l’alt agli imbarchi sui traghetti e in aereo mentre ora, soprattutto dal Lazio, si sollecitano misure che evitino l’esportazione dall’isola del Covid 19» scrisse il 19 agosto 2020 il Corriere della Sera.

 La discoteca Billionaire di Porto Cervo e il proprietario Flavio Briatore

Com’è possibile che i «70-100 giovanissimi che hanno veicolato il virus a Portorotondo e Porto Cervo, tutti amici romani» abbiano creato una situazione definita “fuori controllo” dal quotidiano milanese, mentre migliaia e migliaia di tifosi napoletani intenti a festeggiare la Coppa Italia con baci ed abbracci non abbiano creato un’impennata dei contagi? Erano davvero tutti immuni come la gente che in pieno lockdown sfidava le restrizioni con passeggiate nei mercatini di Posillipo e sul lungomare? Com’è possibile che la tifoseria partenopea sia stata difesa dal Sindaco di Napoli mentre i gestori della Costa Smeralda siano stati additati come “untori” da quelle amministrazioni locali che negli anni si sono arricchite proprio grazie al fiorente turismo della privilegiata area gallurese?

Ma l’ultima e più importante domanda riguarda la magistratura: come può accusare di epidemia colposa per violazione delle normi antiCovid alcuni imprenditori senza aver svolto un’adeguata indagine sulla natura ed origine del SARS-Cov-2? La questione non è oziosa ma cogente.

Se, infatti, il virus fosse davvero stato creato in laboratorio, come ipotizza anche l’Intelligence Usa e come sostengono nuove importanti ricerche scientifiche (una britannica e una americana), sarebbe legittimo anche ipotizzare che i locali della Costa Smeralda siano stati presi di mira da ignoti sabotatori per creare una situazione di terrorismo pandemista finalizzata al business delle Big Pharma sui vaccini, gestito a livello mondiale dalla Fondazione Bill & Melinda Gates che ha firmato un accordo di “cartello” con le multinazionali farmaceutiche nel settembre 2020 dopo aver per anni finanziato la ricerca sui supervirus chimerici SARS, infettati con HIV/AIDS, nel famigerato Wuhan Institute of Virology.

Tutti questi aspetti sono completamente ignorati dalla magistratura sarda che si è limitata a fare il “compitino” come spiega l’articolo di TGCOM24: «Gli amministratori dei tre dei discoclub più gettonati delle vacanze dei vip in Sardegna, secondo i pm, non avrebbero saputo tenere alto il livello di sicurezza anti covid, determinando decine di contagi che hanno fatto ammalare prima di tutto i dipendenti. Fra le vittime dei contagi da discoteca ci furono anche personaggi di punta del jet set internazionale, primo fra tutti Flavio Briatore, proprietario proprio del Billionaire, ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano. Sotto i colpi del coronavirus tutti i locali del divertimento gallurese furono costretti a spegnere le insegne e archiviare in maniera disastrosa la stagione turistica. Solo al Billionaire l’Azienda sanitaria della Sardegna registrò 58 contagiati fra i dipendenti. Chiusero i battenti per covid anche altri club storici come il Sottovento e il Phi Beach».

«E oltre ai focolai scoppiarono le polemiche: Briatore si distinse per una furiosa lite a distanza contro il sindaco di Arzachena, Roberto Ragnedda, reo di avere limitato gli orari della movida in Costa Smeralda per cercare di contenere la diffusione del virus. Una lite che finirà anche questa in tribunale, con Briatore trascinato davanti al giudice dal sindaco, con l’accusa di diffamazione» aggiunge il sito del gruppo Mediaset.

Tutto ciò assume una valenza completamente differente se si analizza il contesto alla luce della teoria del virus da laboratorio. Gospa News, avendo sviluppato ormai 39 inchieste sull’argomento intitolate WuhanGates, prese in seria considerazione una “soffiata” arrivata da ambienti vicini ai servizi segreti in relazione ad un presunto sabotaggio nei confronti del Billionaire dove il virus, secondo la fonte, sarebbe stato sparso con nano-droni.

Pur consapevoli che questa “pista” sia da prendere con le pinze e tutta da verificare rimane il fatto certo, come dimostrato nel nostro precedente articolo, che Briatore divenne bersaglio politico per aver attaccato duramente il governo di Giuseppe Conte per la gestione dell’emergenza pandemia, che il virus è stato costruito in laboratorio – come ben sa la comunità dell’Intelligence internazionale anche secondo un microbiologo militare dei servizi segreti israeliani – e che dal 2007 il Pentagono USA, attraverso l’Airf Force Research Laboratory,  che ha sede principale nella base militare di Wright-Patterson, in Ohio, sta lavorando ai Micro Air Vehicles (MAV), denominati anche BugBot perché hanno forma di insetto, avendo preso spunto dal progetti DragonflEye e Insectothopter, le cyber-libellule progettate dalla CIA fin dal 1970.

Come nel migliore dei romanzi gialli appaiono quindi evidenti l’occasione (la pandemia), i mezzi (virus da laboratorio e MAV) e il duplice movente: colpire un avversario politico scomodo e propalare il terrorismo pandemista che ha favorito il business miliardario sui vaccini, più che mai di attualità vista l’imminente riapertura dei locali notturni solo per i clienti con il Green Pass: ha infatti lunga scadenza solo se si è vaccinati (9 mesi dopo la seconda dose), mentre più breve se si ha fatto un tampone con esito negativo (47 ore) o si è guariti dal Covid (6 mesi).

“Entro i primi dieci giorni di luglio le discoteche potranno aprire e penso che il criterio del green pass possa essere applicato anche alle discoteche”. Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, su RTL 102.5 durante il programma Non Stop News che ne ha diffuso il testo. “Ho appena avuto un colloquio su questo con il ministro Speranza.

Redazione Gospa News

© COPYRIGHT GOSPA NEWS

divieto di riproduzione senza autorizzazione


MAIN SOURCES

GOSPA NEWS – WUHANGATES REPORTAGE

GOSPA NEWS – INCHIESTE CORONA VIRUS


Segui Database Italia su Google News: Database Italia


USA: cosa succede se si sviluppa la prova della frode elettorale per le presidenziali del 2020?

usa:-cosa-succede-se-si-sviluppa-la-prova-della-frode-elettorale-per-le-presidenziali-del-2020?

In tutto questo, diversi Stati hanno inviato le loro delegazioni per visionare l’audit di Maricopa, se ne contano oltre 20 ormai, tra i quali i più importanti Stati cosiddetti swing che hanno determinato la certificazione della vittoria di Biden. Presunta, aggiungerei a questo punto: non ho mai creduto alla sua elezione, ora più che mai sono convinta del furto. Quelle delle delegazioni non sono certo visite di cortesia, ma sono finalizzate a raccolta firme, già partite in modo ingente, e richiesta di una revisione uguale per i loro Stati. Con un vantaggio in più: avendo l’esperienza precedente, tutto dovrebbe svolgersi in modo più celere, quanto meno per l’aspetto giuridico e logistico.

In sostanza, è sempre più chiara la volontà dei Cittadini Americani non tanto di vedere confermata la vittoria di Trump, quanto di non vedere calpestata la loro Costituzione, questo è il punto focale di tutto quello che si è messo in moto. Se poi, all’esito di tutto, ristabilità l’integrità delle elezioni, Trump tornerà al suo posto, sarà una piacevole conseguenza, ma non è il motore che ha messo in moto quello che stiamo vedendo accadere.

Ora, la domanda che viene in mente almeno una volta al giorno a chi sta seguendo passo passo gli accadimenti, in qualsiasi parte del mondo si trovi.

Cosa succede se si sviluppa la prova della frode elettorale per le presidenziali del 2020?

E’ doveroso premette che nessuno ha una risposta certa, nessuno, poichè nulla del genere è mai accaduto in tutta la storia degli Stati Uniti. Mai.

Possiamo però spingerci ad ipotizzare alcune soluzioni, partendo dal presupposto che difficilmente Americani che hanno voluto con tanta enfasi tali procedimenti si tranquillizzeranno di fronte ad un risultato del genere. Vorranno la soluzione, la pretenderanno ed è giusto che sia così. Se si difende la Costituzione, lo si fa fino in fondo.

A mio parere ci sono tante possibilità, ne ho parlato ampiamente sul mio canale: dall’impeachment, a nuove elezioni, fino ad un quo warranto, persino ad un colpo di stato del Pentagono e magari alle rivolte nelle strade.

Nessuna è una soluzione ideale.

L’impeachment, ad esempio, non correggerebbe il problema, il colpo di stato militare, tanto auspicato da alcuni osservatori, diciamo così, in realtà trasformerebbe gli Stati Uniti in una repubblica delle banane del terzo mondo. La rivolta nelle strade, beh, già si vedono le conseguenze dei BLM, si avrebbe una vera e propria guerra civile che porterebbe a una versione moderna del caos sanguinoso che ha caratterizzato la Francia post-rivoluzione.

Ma nel mondo perfetto, la soluzione ideale esiste, ed è quella che invertirebbe l’inaugurazione di Biden e inaugurerebbe Donald Trump come presidente legittimo – e lo farebbe mantenendo la Repubblica costituzionale.

C’è un’opzione, caldeggiata da Sidney Powell: “La frode vizia tutto”.

Nel 1878, in United States v. Throckmorton, la Corte Suprema affermò che “Non c’è dubbio sulla dottrina generale che la frode vizia i contratti più solenni, i documenti e persino le sentenze“.

In altre parole, la frode invalida i contratti – e un’elezione non è altro che un contratto. Tutti sanno che se si firma un contratto basato su informazioni fraudolente, quel contratto non è valido. Questo porta al “void ab initio” che significa che la frode dall’inizio macchia tutto ciò che ne deriva.

Esiste un secondo aspetto giurisprudenziale americano, viene chiamato “Fruit of a poison tree.”

In questo caso, si è visto spesso usare dagli avvocati nelle serie televisive ma questo non ne sconfessa il fondamento giuridico, si intende che le prove sono state ottenute illegalmente, il tutto riferito alla certificazione dell’elezione.

La prova è inammissibile in quanto “frutto di un albero velenoso”.

La Corte Suprema, nel 1939, l’ha spiegato in Nardone contro gli Stati Uniti, che , se un albero è velenoso, lo è anche il suo frutto. (Andrea Widburg, Donna Palen, e Al Simon)

Questo significa che, se viene dimostrata la frode, l’elezione non è valida.

Biden non è presidente e ogni azione della sua amministrazione è nulla come se non fosse mai avvenuta.

Naturalmente, questo non è mai stato fatto in un’elezione presidenziale, ma è successo diverse volte in elezioni inferiori, ricordate il Quo Warranto di cui avevo parlato in precedenza?

Il punto dolente.

Tutto questo richiede che un tribunale – inevitabilmente la Corte Suprema – decida che l’elezione è stata effettivamente fraudolenta.

Data la generale (ma molto selettiva) riluttanza della Corte Suprema ad addentrarsi in aree politiche e la dimostrata codardia di questa particolare Corte, è improbabile che prenda in considerazione la questione.

Il che, presumo, porta a questa conclusione: se la Costituzione non può rimediare agli atti che la violano, bisogna fare qualcosa di nuovo.

Come fecero i Padri Fondatori nel 1776, potrebbe essere necessario riscrivere il fondamento giuridico: il testo riscritto, pur non essendo una nuova Dichiarazione d’Indipendenza, è un tentativo di Patto di Secessione.

Una sorta di nuovo testo costituzionale ovvero patto giuridico tra gli Stati i cui voti legittimi sarebbero dovuti andare a Donald Trump.

Questi Stati dovrebbero chiarire che la frode ha violato il diritto dei loro cittadini a un governo federale costituzionale, che, per l’ordinamento costituzionale americano, è sottostante alla sovranità statale.

Se il Congresso non pone rimedio alla situazione, all’unisono secederanno.

Questo patto non sarebbe letteralmente la secessione, ma l’annuncio di una proposta di azione che il Congresso potrebbe evitare correggendo i deficit costituzionali dimostrati nelle elezioni del 2020. Congresso che, sottolineo, con estrema probabilità tra qualche mese vedrà ribaltati gli equilibri a seguito delle mid-terms.

Se la nullità ab initio fallisce, non c’è alcun progetto per correggere le elezioni del 2020 perché il Congresso, gli Stati e la Corte Suprema hanno permesso un’inaugurazione incostituzionale.

Tuttavia, il furto della più alta carica del Paese semplicemente non può stare in piedi, ed allo stato attuale dubito fortemente che gli Americani accettino di vederlo passare in cavallleria.

Come New York, la California e altri Stati democratici stanno vedendo nelle loro strade oggi, se si permette ai ladri di rubare o ai delinquenti di molestare e aggredire impunemente, la rivolta è dietro l’angolo e le legislazioni statali sono costrette ad intervenire per non vedere una guerra interna.

Lo stesso vale per i brogli elettorali e la conseguente usurpazione dell’apparato di governo e i poteri coercitivi che ne derivano.

Se si permette a questo furto di rimanere in piedi, allora nessun Americano può andare avanti con fiducia nelle elezioni della Nazione e nel sistema basato su di esse.

La Costituzione non è altro che un pezzo di carta. È la fedeltà dei cittadini a quella Costituzione e al sistema costruito su di essa che la fa funzionare.

Dopo tutto, la vecchia Unione Sovietica, Cuba, Cina e la maggior parte delle altre dittature hanno regolarmente costituzioni che promettono libertà e diritti ai loro cittadini che i governi ignorano. Le parole su un foglio non significano nulla se il governo non è vincolato da esse e i cittadini non hanno fiducia in esse. In Italia abbiamo una Costituzione quasi perfetta, eppure quello che stiamo vivendo da anni, ed in particolar modo nell’ultimo, è una sua continua vituperazione.

Non credo esistano altri termini per definire meglio la situazione, se non che è un gran casino.

L’ultima volta che si è verificato un sentimento nazionale che sottintendeva la secessione, è esattamente quello che si è verificato. Non senza perdite di vite, non in modo pacifico.

Tuttavia, con la volontà del Congresso, a questo giro è possibile evitare la secessione.

Nonostante i forti venti che si sono alzati a riguardo, infatti, laddove dovesse davvero essere sottoscritto in qualche modo un Patto di Secessione tra gli Stati che rivendicano un’elezione legittima, in risposta ad eventuali rigetti degli organi giuridici preposti a tutelarla, il Congresso avrà l’opportunità, di concerto con gli Stati stessi, di affrontare i brogli dimostrati e garantire, in modo freddo, logico e pacifico, che le elezioni del 2020 non si ripetano più.

Questo è un modo pacifico di procedere, una correzione ed un miglioramento della Costituzione nei punti di vuoto presenti che possono consentire di non affrontare la situazione, ma il Congresso deve capire che, una volta che gli Americani vedranno che c’era l’arrosto sotto il fumo del 4 novembre, non staranno seduti a guardare la loro Costituzione distrutta.

Troppi hanno pagato un prezzo troppo alto perché gli Americani potessero vivere sotto l’ombrello della libertà che essa fornisce, per permettere che una tale trasgressione prevalga.

God bless you and the United States of America. Nella speranza che restino uniti.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENI DATABASE ITALIA

FILIPPINE – DUTERTE: “VACCINATEVI O VI FARÒ INCARCERARE”

filippine-–-duterte:-“vaccinatevi-o-vi-faro-incarcerare”


Il presidente filippino Rodrigo Duterte, frustrato dalla lentezza delle vaccinazioni contro il COVID-19 nel suo Paese, ha minacciato le persone che rifiutano di farsi vaccinare con il carcere o un’iniezione di Ivermectin, il farmaco utile contro il Covid-19 ma nato come antiparassitario e usato per trattare gli animali.

L’ivermectina è un trattamento alternativo per il COVID-19, ma i regolatori statunitensi ed europei e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) lo hanno boicottato come inefficace e pericoloso.

“Scegliete, vaccinatevi o vi farò incarcerare”, ha detto Duterte in un discorso televisivo lunedì, a seguito di segnalazioni di bassa affluenza in diversi siti di vaccinazione nella capitale Manila.

“Ma finché siete qui se siete esseri umani e potete portare il virus, fatevi vaccinare.

“Altrimenti, ordinerò a tutti i capitani dei villaggi di avere un conteggio delle persone che si rifiutano di essere vaccinate. Perché in caso contrario, vi farò iniettare Ivermectin per i maiali.”

Duterte è famoso per la sua retorica bellicosa e le sue osservazioni di lunedì hanno contraddetto quelle dei suoi funzionari sanitari, che hanno affermato che farsi vaccinare contro il COVID-19 è volontario.

“Non fraintendetemi, c’è una crisi in questo paese”, ha detto Duterte. “Sono solo esasperato dal fatto che i filippini non prestino attenzione al governo”.

Le Filippine hanno avuto alcuni casi eclatanti in passato legati ai vaccini che hanno ucciso un gran numero di persone, specialmente bambini. Il fiasco del Dengvaxia (vaccino per la febbre dengue) ha ucciso migliaia di persone. Ciò ha aiutato i filippini a rendersi conto che non tutti i vaccini fanno bene alla salute e sono naturalmente cauti nei confronti del siero COVID. 

Altri vaccini sono stati usati per ridurre la popolazione lì, incluso il tetano che ha programmato le donne in modo che abortissero in caso di gravidanza. I medici filippini si sono resi conto che qualcosa non andava e i vaccini sono stati restituiti ai produttori. L’Italia, con la sua propaganda del SSN pompata anno dopo anno, è uno degli ultimi paesi sulla terra a risvegliarsi in merito alla vera agenda dell’intervento medico di riduzione della popolazione. 

Per inciso, le Filippine hanno avuto pochissimi casi di COVID. Ci sono bonus pagati sia alle famiglie che agli ospedali nelle Filippine quando viene registrato un decesso per COVID. La malattia è vista come una truffa per fare soldi e si crede che sia semplicemente la ridenominazione di una malattia simil-influenzale locale chiamata Trangkaso. La procedura è sempre la stessa. Mettono le persone sui ventilatori con oppiacei come il Fentanyl e muoiono abbastanza velocemente mantenendo la narrativa delle notizie con alcune morti da segnalare. La maggior parte dei filippini vede la maggior parte delle narrazioni del governo come bugie belle e buone, e il COVID non è diverso. Senza dubbio il governo mondiale genocida continuerà a provare altri metodi. I blocchi nelle Filippine sono stati totalmente controproducenti e hanno portato a decine di migliaia di nascite extra poiché l’unica cosa che si poteva fare nell’ultimo anno era fare bambini.

I governi mondiali che operano nelle città occidentali non hanno idea di come si trasformino le loro misure una volta tradotte e applicate nel bundok.

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENI DATABASE ITALIA


Segui Database Italia su Google News: Database Italia


Davide Donateo

Sono il fondatore e gestore di DatabaseItalia, libero cittadino, padre, ho vissuto tra l’Italia, Parigi e New York, ho studiato scienze internazionali e diplomatiche da sempre mi interesso di geo-politica.

Il mio indirizzo e-mail è: dbase.italia@gmail.com

BIDEN CENSURA PRESS TV E ALTRI NETWORK IRANIANI. Deep State USA scatenato contro gli Islamici Sciiti

biden-censura-press-tv-e-altri-network-iraniani.-deep-state-usa-scatenato-contro-gli-islamici-sciiti

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Versione originale in Inglese

Fonte originale: articolo di Gospa News

La vittoria del conservatore Sciita Ebrahim Raeisi nelle recenti elezioni presidenziali in Iran ha suscitato reazioni politiche internazionali differenti. A distanza di pochi giorni dalla sua investitura ufficiale a Presidente della Repubblica Islamica dell’Iran le sanzioni americane travolgono la libertà di stampa censurando il principale network mondiale di Teheran.

Mentre il rinnovo del trattato nucleare tra Iran e Usa (Joint Comprehensive Plan of Action) sembra ancora in altomare per la pressione di Israele che si oppone alla concessione a Teheran dell’utilizzo di centrali nucleari (dove l’arricchimento dell’uranio per armi atomiche avviene in sfregio alle normative internazionali) il dominio di Press TV in inglese e di altri siti iraniani è stato bloccato dall’amministrazione di Joseph Biden che prosegue sulla stessa linea di Donald Trump contro il paese mediorientale, a maggioranza Sciita e pertanto inviso ai paesi arabi del Golfo Persico che hanno sottoscrito con Israele, grazie alla mediazione di Washington, gli Accodi di Abramo.

 Ebrahim Raeisi, nuovo presidente della Repubblica Islamica dell’Iran

Sayyid Ebrahim Raisol-Sadati, conosciuto semplicemente come Ebrahim Raisi (persiano: ابراهیم رئیسی‎ “Ibrāhīm Raīsī”; Mashhad, 14 dicembre 1960), è un politico e magistrato iraniano. Ha conseguito una laurea in diritto islamico all’università Motahari di Teheran[4].

Ha iniziato a studiare nel seminario di Qom, dove sorge una delle più importanti moschee dell’Iran a poca distanza da una inespugnabile fortezza nucleare sotterranea, all’età di 15 anni, ed ha successivamente iniziato a frequentare la scuola dell’Ayatollah Sayyed Muhammad Mousavi Nezhad prima e la scuola dell’Ayatollah Borujerdi a Qom nel 1976 poi; è stato allievo di Seyyed Hossein Borujerdi, Morteza Motahhari, Abolghasem Khazali, Hossein Noori Hamedani, Ali Meshkini e Morteza Pasandideh. È stato uno dei giovani rivoluzionari di Khomeini.

Diventa davvero difficile pensare che la sua nomina non abbia nulla a che fare con l’applicazione della censura al più importante network iraniano in un’ottica che conferma l’orientamento dell’Occidente, e del Deep State massonico che ha sostenuto Biden, ha cancellare ogni pensiero differente soprattutto se proviene dalla minoranza musulmana Sciita che in Iran, come in Siria e in Libano (altri paesi colpiti dalle sanzioni Usa), controlla il potere politico.


Articolo di Press TV (versione originale in Inglese qui)

In quella che sembra essere un’azione coordinata, un messaggio simile è apparso sui siti web di una serie di reti televisive iraniane e regionali che affermano che i loro domini sono stati “sequestrati dal governo degli Stati Uniti”.

L’avviso, apparso nella tarda serata di martedì sul sito web della rete di notizie televisive in lingua inglese Press TV, nonché su un certo numero di altri canali di informazione iraniani e regionali, citava le leggi statunitensi sulle sanzioni per il sequestro ed era accompagnato dal sigillo del Investigation (FBI) e il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

“Il dominio presstv.com è stato sequestrato dal governo degli Stati Uniti in conformità con un mandato di sequestro… come parte di un’azione di contrasto da parte del Bureau of Industry and Security, Office of Export Enforcement e Federal Bureau of Investigation”, il messaggio letto.

Anche i siti web della rete televisiva iraniana in lingua araba Al Alam, del canale televisivo yemenita al-Masirah e della rete televisiva Lualua del Bahrain erano tra i punti di emissione. Il governo degli Stati Uniti non ha commentato ufficialmente la questione, ma alcuni rapporti hanno affermato che i siti Web potrebbero essere stati violati. Press TV ha annunciato che il suo sito web sarà disponibile sul dominio .ir.

Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno più volte adottato misure simili contro i media iraniani.

Google rinnova l’attacco all’account YouTube di Press TV iraniana Google ha preso di mira per la settima volta l’emittente iraniana Press TV, bloccando l’accesso della rete di notizie in lingua inglese al suo account YouTube ufficiale senza alcun preavviso. Il gigante tecnologico statunitense Google ha ripetutamente preso parte a Press TV più di qualsiasi altro canale iraniano, data l’ampiezza del suo pubblico e dei suoi lettori.

A marzo, Google per la settima volta ha bloccato l’accesso della rete di notizie in lingua inglese al suo account YouTube ufficiale senza alcun preavviso, citando “violazioni delle linee guida della community”.

Il colosso dei social media con sede negli Stati Uniti Facebook ha anche informato Press TV nello stesso mese che il suo account era stato chiuso per quello che sosteneva essere il fallimento del canale di notizie iraniano nel “seguire i nostri standard comunitari”. La pagina è stata ripristinata pochi giorni dopo.

La rete di notizie in lingua inglese con sede a Teheran è stata ripetutamente vittima della censura su più fronti, tra cui Twitter e Instagram oltre a Google e i suoi servizi. È possibile accedere al sito Web di Press TV anche ai seguenti indirizzi alternativi:

http://www.presstv.ir

http://www.presstv.co.uk

http://www.presstv.tv


Segui Database Italia su Google News: Database Italia


LA NUOVA REALTÀ MANIPOLATA (NEW NORMAL)

la-nuova-realta-manipolata-(new-normal)

L’obiettivo finale di ogni sistema totalitario è stabilire il controllo completo sulla società e su ogni individuo al suo interno al fine di raggiungere l’uniformità ideologica ed eliminare ogni e qualsiasi deviazione da essa.

Questo obiettivo non può mai essere raggiunto, ovviamente, ma è la  ragion d’essere  di tutti i sistemi totalitari, indipendentemente dalle forme che assumono e dalle ideologie che abbracciano.

Puoi vestire il totalitarismo con uniformi naziste progettate da Hugo Boss, abiti da Mao o maschere per il viso dall’aspetto medico, il suo desiderio principale rimane lo stesso: rifare il mondo nella sua immagine paranoica … per sostituire la realtà con la sua stessa “realtà”.

Siamo proprio nel bel mezzo di questo processo attualmente, motivo per cui tutto sembra così pazzesco. Le classi dirigenti capitaliste globali stanno implementando una nuova ideologia ufficiale, in altre parole, una nuova “realtà”. Ecco cos’è un’ideologia ufficiale. È più di un semplice insieme di credenze. Chiunque può avere tutte le convinzioni che desidera. Le tue convinzioni personali non costituiscono la “realtà”.

Per rendere “realtà” le tue convinzioni, devi avere il potere di imporle alla società. Hai bisogno del potere della polizia, dell’esercito, dei media, degli “esperti” scientifici, del mondo accademico, dell’industria culturale, dell’intera macchina che produce ideologia.

Non c’è niente di sottile in questo processo. Smantellare una “realtà” e sostituirla con un’altra è un affare brutale. Le società si abituano alle loro “realtà”. Non li cediamo volontariamente o facilmente. Normalmente, ciò che ci serve per farlo è una crisi, una guerra, uno stato di emergenza, o… sai, una mortale pandemia globale.

Durante il passaggio dalla vecchia “realtà” alla nuova “realtà”, la società è lacerata. La vecchia “realtà” viene smontata e la nuova non ha ancora preso il suo posto. Sembra una follia e, in un certo senso, lo è. Per un po’, la società è divisa in due, mentre le due “realtà” si contendono il dominio. Essendo la “realtà” quello che è (cioè monolitica), questa è una lotta all’ultimo sangue. Alla fine, solo una “realtà” può prevalere.

Questo è il periodo cruciale per il movimento totalitario. Ha bisogno di negare la vecchia “realtà” per implementare la nuova, e non può farlo con la ragione e i fatti, quindi deve farlo con la paura e la forza bruta. Ha bisogno di terrorizzare la maggior parte della società in uno stato di isteria di massa senza cervello che può essere rivolto contro coloro che resistono alla nuova “realtà”.

Non si tratta di persuadere o convincere le persone ad accettare la nuova “realtà”. È più come guidare una mandria di bestiame. Li spaventi abbastanza da farli muovere, poi li guidi dove vuoi che vadano.

Il bestiame non sa né capisce dove sta andando. Stanno semplicemente reagendo a uno stimolo fisico. I fatti e la ragione non c’entrano niente.

E questo è ciò che è stato così incredibilmente frustrante per quelli di noi che si oppongono al lancio della “Nuova Normalità“, che si tratti di sfatare la narrativa ufficiale di Covid-19, o “Russiagate“, o lo “Storming del Campidoglio degli Stati Uniti”, o qualsiasi altro elemento della nuova ideologia ufficiale.

E, sì, è tutta un’ideologia, non “comunismo” o “fascismo” o qualsiasi altra nostalgia, ma l’ideologia del sistema che in realtà ci governa, il capitalismo globale sovranazionale. Viviamo nel primo sistema ideologico veramente egemonico globale nella storia umana. Lo siamo da 30 anni. Se sei suscettibile al termine “capitalismo globale”, vai avanti e chiamalo “globalismo” o “capitalismo clientelare” o “corporativismo” o qualsiasi altro nome ti serva.

Comunque lo chiami, è diventato l’impareggiabile sistema ideologico egemonico a livello globale quando l’Unione Sovietica è crollata negli anni ’90. Sì, ci sono sacche di resistenza interna, ma non ha avversari esterni, quindi la sua progressione verso una struttura più apertamente totalitaria è logica e del tutto prevedibile.

Ad ogni modo, ciò che è stato così incredibilmente frustrante è che molti di noi hanno operato nell’illusione di essere coinvolti in una discussione razionale sui fatti (ad esempio i fatti del Russiagate, Literal-Hitlergate, l’11 settembre, le armi di distruzione di massa di Saddam, l’”insurrezione” del 6 gennaio, la narrativa ufficiale del Covid, ecc.) Non è affatto ciò che sta accadendo. I fatti non significano assolutamente nulla per gli aderenti ai sistemi totalitari.

Puoi mostrare ai Nuovi Normali i fatti quanto vuoi. Puoi mostrare loro le foto false di persone morte per le strade in Cina nel marzo del 2020. Puoi mostrare loro i falsi tassi di mortalità previsti. Puoi spiegare come funzionano i falsi test PCR, come le persone sane sono state considerate “casi” medici.

Puoi mostrare loro tutti gli studi sull’inefficacia delle maschere. Puoi spiegare le cifre false di “ricovero” e “morte”, inviare loro articoli sugli “ospedali di emergenza” inutilizzati, i tassi di mortalità irrilevanti per età e popolazione, citare i tassi di sopravvivenza per le persone sotto i 70 anni, i pericoli e l’inutilità di “vaccinare” i bambini.

Niente di tutto questo farà la minima differenza.

Oppure, se hai acquistato la narrativa del Covid-19, ma non hai completamente abbandonato le tue facoltà critiche, puoi fare ciò che Glenn Greenwald ha fatto di recente. Puoi dimostrare come i media abbiano intenzionalmente mentito, ancora e ancora, per fomentare l’isteria di massa sul “terrorismo interno”. Puoi mostrare alla gente i video dei “terroristi domestici violenti” che entrano con calma nel Campidoglio in fila indiana, come un gruppo delle scuole superiori in gita, essendo stati fatti entrare dai membri della Capitol Security.

Puoi sfatare il famigerato “omicidio con l’estintore” di Brian Sicknik che non è mai accaduto davvero. Puoi sottolineare che la convinzione che poche centinaia di persone disarmate in giro per il Campidoglio si qualifichi come “insurrezione” o “tentato colpo di stato” o “terrorismo interno” è delirante al punto da essere letteralmente pazzo. Anche questo non farà la minima differenza.

Potrei andare avanti, e sono sicuro che lo farò poiché l’ideologia della “Nuova Normalità” diventerà la nostra nuova “realtà” nel corso dei prossimi anni. Il mio punto, al momento, è… questo non è un argomento. Le classi dominanti del capitalismo globale, i leader di governo, i media e le masse della Nuova Normalità che hanno strumentalizzato non stanno discutendo con noi. Conoscono i fatti. Sanno che i fatti contraddicono le loro narrazioni. A loro non importa. Non devono. Perché non si tratta di fatti. Si tratta di potere.

Non sto dicendo che i fatti non contino. Certo che contano. Sono importanti per noi. Sto dicendo, riconosciamo di cosa si tratta. Non è un dibattito o una ricerca della verità. I Nuovi Normali stanno smontando una “realtà” e sostituendola con una nuova “realtà”. (Sì, so che la realtà esiste in un senso ontologico fondamentale, ma non è questa la “realtà” di cui sto parlando qui, quindi per favore non inviatemi email che inveiscono contro Foucault e il postmodernismo.)

La pressione per conformarsi alla nuova “realtà” è già intensa e peggiorerà man mano che le vaccinazioni, l’uso di mascherine pubbliche, i blocchi periodici, ecc., si normalizzeranno. Coloro che non si conformano saranno sistematicamente demonizzati, socialmente e/o professionalmente ostracizzati, segregati e altrimenti puniti.

Le nostre opinioni saranno censurate. Saremo “cancellati”, deplatformizzati, demonizzati e altrimenti messi a tacere. Le nostre opinioni saranno etichettate come “potenzialmente dannose”. Saremo accusati di diffondere “disinformazione”, di essere “estremisti di estrema destra”, “razzisti”, “antisemiti”, “teorici della cospirazione”, “anti-vaxxer”, “terroristi interni violenti contro il capitalismo globale, ” o semplicemente varietà da giardino di “molestatori sessuali” o qualunque cosa credano ci danneggerà di più.

Questo accadrà sia nella sfera pubblica che in quella personale. Non solo i governi, i media e le aziende, ma i tuoi colleghi, amici e familiari lo faranno. Gli estranei nei negozi e nei ristoranti lo faranno. La maggior parte di loro non lo farà consapevolmente. Lo faranno perché la tua non conformità rappresenta per loro una minaccia esistenziale… una negazione della loro nuova “realtà” e un promemoria della realtà a cui si sono arresi per rimanere persone “normali” ed evitare le punizioni sopra descritte.

Questa non è una novità, ovviamente. È così che viene fabbricata la “realtà”, non solo nei sistemi totalitari, ma in ogni sistema sociale organizzato. Coloro che sono al potere strumentalizzano le masse per imporre la conformità con la loro ideologia ufficiale. Il totalitarismo è solo la sua forma più estrema e pericolosamente paranoica e fanatica.

Quindi, certo, continua a postare e condividere i fatti, supponendo che tu possa farli passare attraverso la censura, ma non prendiamoci in giro su ciò che dobbiamo affrontare. Non sveglieremo i Nuovi Normali con i fatti. Se avessimo potuto, lo avremmo già fatto.

Questo non è un dibattito civile sui fatti. Questa è una lotta. 

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENI DATABASE ITALIA


Segui Database Italia su Google News: Database Italia


Documenti riservati rivelano che Moderna inviò un candidato vaccino mRNA contro il coronavirus a ricercatori universitari settimane prima dell’emergere del Covid-19

documenti-riservati-rivelano-che-moderna-invio-un-candidato-vaccino-mrna-contro-il-coronavirus-a-ricercatori-universitari-settimane-prima-dell’emergere-del-covid-19


Il governo degli Stati Uniti ha inviato “candidati al vaccino contro il coronavirus mRNA” ai ricercatori universitari SETTIMANE PRIMA dell’epidemia di “COVID” in Cina!

Un accordo di riservatezza mostra che i potenziali candidati al vaccino contro il coronavirus sono stati trasferiti da Moderna all’Università della Carolina del Nord nel 2019, diciannove giorni prima dell’emergere del presunto virus che causa il Covid-19 a Wuhan, in Cina.

L’accordo confidenziale che può essere visualizzato  qui  afferma che i fornitori “Moderna” insieme al “National Institute of Allergy and Infectious Diseases” (NIAID) hanno accettato di trasferire “candidati al vaccino contro il coronavirus mRNA” sviluppati e di proprietà congiunta di NIAID e Moderna ai destinatari “The Università della Carolina del Nord a Chapel Hill’ il 12 dicembre 2019.

Trovato a pagina 105 dell’accordo

L’accordo di trasferimento del materiale è stato firmato il 12 dicembre 2019 da Ralph Baric, PhD, presso l’Università del North Carolina a Chapel Hill, e poi firmato da Jacqueline Quay, Direttore del Licensing and Innovation Support presso l’Università del North Carolina il 16 dicembre 2019.

I firmatari del destinatario si trovano a pagina 107

L’accordo è stato firmato anche da due rappresentanti del NIAID, uno dei quali era Amy F. Petrik PhD, specialista in trasferimento tecnologico che ha firmato l’accordo il 12 dicembre 2019 alle 8:05. L’altro firmatario era Barney Graham MD PhD, un investigatore del NIAID, tuttavia questa firma non era datata.

I firmatari del NIAID si trovano a pagina 107

I firmatari finali dell’accordo sono stati Sunny Himansu di Moderna, e Shaun Ryan, vice consiglio generale di Moderna. Entrambe le firme sono state fatte il 17 dicembre 2019.

I firmatari di Moderna si trovano a pagina 108

Tutte queste firme sono state fatte prima di qualsiasi conoscenza della presunta comparsa del nuovo coronavirus. Solo il 31 dicembre 2019 l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è venuta a conoscenza di un presunto gruppo di casi di polmonite virale a Wuhan, in Cina. Ma anche a questo punto non avevano stabilito che la colpa fosse di un presunto nuovo coronavirus, affermando invece che la polmonite era di “causa sconosciuta”.

Non è stato fino al 9 gennaio 2020 che l’  OMS ha riferito che  le autorità cinesi avevano stabilito che l’epidemia era dovuta a un nuovo coronavirus che in seguito divenne noto come SARS-CoV-2 con la presunta malattia risultante soprannominata COVID-19. Allora perché un candidato al vaccino contro il coronavirus mRNA sviluppato da Moderna è stato trasferito all’Università della Carolina del Nord il 12 dicembre 2019?

La stessa Moderna che ha avuto un vaccino contro il coronavirus mRNA autorizzato solo per l’uso di emergenza sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti per combattere presumibilmente il Covid-19.

Cosa sapeva Moderna che noi non sapevamo? Nel 2019 non c’era nessun singolo coronavirus che rappresentasse una minaccia per l’umanità che giustificasse un vaccino, e le prove suggeriscono che non c’è stato nemmeno un singolo coronavirus che ha rappresentato una minaccia per l’umanità nel 2020 e nel 2021.

Considerando il fatto che un test PCR difettoso è stato utilizzato ad un alto tasso di cicli, gli ospedali sono stati vuoti rispetto agli anni precedenti, le statistiche mostrano che solo lo 0,2% dei presunti infetti è morto entro 28 giorni da un presunto risultato positivo del test, la maggior parte di quelle morti sono state persone di età superiore agli 85 anni e  una massa di queste morti è stata causata da un farmaco chiamato midazolam, che provoca depressione respiratoria e arresto respiratorio .

Forse Moderna e l’Istituto Nazionale di Allergie e Malattie Infettive vorrebbero spiegarsi in tribunale?

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENI DATABASE ITALIA


Segui Database Italia su Google News: Database Italia


ELEZIONI USA: SEGRETARIO DI STATO DELLA GEORGIA CONFERMA BROGLI PER POSTA. S’indaga ma il danno a Trump è fatto!

elezioni-usa:-segretario-di-stato-della-georgia-conferma-brogli-per-posta.-s’indaga-ma-il-danno-a-trump-e-fatto!

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Fonte originale: articolo di Gospa News

Original English version here

«Hanno abrogato le tutele statutarie contro le frodi che gli osservatori responsabili raccomandavano da tempo per il voto per corrispondenza, e (2) lo hanno fatto in un modo che prevedibilmente conferiva un vantaggio di parte a un candidato alle elezioni presidenziali. Tali accuse sono serie e giustificano il riesame di questa Corte. In primo luogo, la proposta di legge sui reclami sostiene che gli attori non legislativi in ​​Pennsylvania, Michigan e Georgia abbiano abolito o indebolito unilateralmente i requisiti di verifica della firma per le schede inviate per posta. Sostiene che il Segretario di Stato 17 della Pennsylvania abbia abrogato l’obbligo legale di verifica della firma della Pennsylvania per le votazioni per corrispondenza in una soluzione “amichevole” di una causa intentata da attivisti».

È quanto scrissero 17 procuratori generali di altrettanti Stati Usa nel loro caso depositato, mercoledì 9 dicembre, alla Corte Suprema in relazione alle presunte violazioni che si sarebbero verificate durante le elezioni presidenziali del 3 novembre scorso in quattro “Stati Swing”, ovvero in bilico, (Georgia, Pennsylvania, Michigan e Wisconsin) fondamentale per l’assegnazione dei Grandi Elettori che, secondo i risultati finora certificati, avevano consentito la proclamazione ufficiosa di Joseph Biden a presidente eletto.

La segnalazione di presunti brogli elettorali, ripetutamente denunciati dall’allora presidente Donald Trump che per tale motivo fu più volte oscurato da Twitter, assume oggi una macroscopica importanza alla luce dell’ammissione del Segretario di Stato della Georgia che rivela un fatto assolutamente incredibile.

In 5 lotti di voti per posta, Trump, il suo sfidante democratico Joseph Biden poi proclamato eletto, e un altro candidato hanno raccolto lo stesso identico numero di voti. Una circostanza ritenuta impossibile dal funzionario georgiano che ha annunciato nuove indagini sebbene nel novembre scorso avesse smentito il sospetto di anomalie nelle lezioni presidenziali.

La notizia è riportata con grande risalto da Sputnik International, netowork finanziato dal governo russo, ma si basa proprio sui Tweet lanciati dal Segretario di Stato della Georgia, Brad Raffensperger, sul suo profilo ufficiale.

Questa vicenda con ogni probabilità non sarà sufficiente a mettere in discussione la nomina di Biden a presidente degli Stati Uniti in quanto è stata confermata dal Congresso. Ma potrebbe minare la fiducia degli americani nel sistema elettorale e anche nella Corte Suprema che si rifiutò di analizzare la denuncia di 17 procuratori generali di Stato (poi diventati 18) sui presunti brogli. Ciò può contribuire a sollevare nuove polemiche tra i fedelissimi di Trump dopo le aspre polemiche sulla presunta manipolazione del sistema di voto Dominion (finanziato dalla fondazione di Bill Clinton e adorato dall’amministrazione di Barack Obama nonostante il rifiuto di molti stati repubblicani come il Texas che lo riteneva facilmente alterabile).

di Sputnik International

Cinque lotti consecutivi di schede elettorali per corrispondenza dalla più popolosa contea di Fulton hanno mostrato sospettosamente lo stesso conteggio di 392 voti per Biden, 96 Trump e 3 per il candidato libertario Jo Jorgensen, che i funzionari statali hanno ammesso essere statisticamente impossibile.

Il massimo funzionario elettorale dello stato americano della Georgia ha riconosciuto irregolarità di voto nella capitale dello stato, sette mesi dopo le elezioni presidenziali. Le rivelazioni di questa settimana hanno spinto il Segretario di Stato della Georgia, Brad Raffensperger, a ordinare una nuova verifica di decine di migliaia di schede raccolte dalle cassette postali nella contea di Fulton, che copre il 90% della capitale dello stato Atlanta e il cui milione di abitanti rappresenta un decimo della popolazione dello stato. Joe Biden è stato dichiarato il vincitore dei 16 voti del collegio elettorale dello stato con un margine sottilissimo di circa 12.000. Donald Trump aveva affermato che i brogli elettorali sistematici in sei stati con la copertura del voto per corrispondenza massicciamente ampliato lo aveva derubato della legittima vittoria.

New revelations that Fulton County is unable to produce all ballot drop box transfer documents will be investigated thoroughly, as we have with other counties that failed to follow Georgia rules and regulations regarding drop boxes. This cannot continue.

— GA Secretary of State Brad Raffensperger (@GaSecofState) June 14, 2021

“Questa è una notizia molto importante. La gente sta iniziando a vedere la luce. Ottimo per l’America!” Trump ha detto in una breve dichiarazione giovedì in risposta ai tweet di Raffensperger.

Mentre Raffensperger nega ancora che la frode elettorale abbia influenzato le elezioni per Biden, ha chiesto il licenziamento del direttore delle elezioni della contea di Fulton, Richard Barron.

“Ho continuato a chiedere al direttore delle elezioni di essere rimosso dalla sua posizione, e la leadership della contea di Fulton ha continuato a non agire”, ha detto Raffensperger a Just the News mercoledì. Barron era stato precedentemente licenziato dal Board of Registration and Elections della contea a febbraio, ma è stato reintegrato il mese successivo dai commissari di contea

L’audit potrebbe avere implicazioni più ampie che minare la legittimità di Biden come presidente. Le elezioni di novembre hanno visto anche i candidati democratici Jon Ossoff e Raphael Warnock appena eletti come due senatori dello stato in un controverso ballottaggio contro i repubblicani. La loro elezione ha consegnato ai Democratici 50 dei 100 seggi al Senato: una maggioranza effettiva, poiché il vicepresidente Kamala Harris detiene il voto decisivo. Insieme al governatore della Georgia Brian Kemp, Raffensperger aveva negato pubblicamente le affermazioni di Trump di brogli elettorali nelle elezioni del novembre 2020, ottenendo l’approvazione dei media mainstream liberali.

Le dichiarazioni di Raffensperger

Venerdì, Raffensperger ha annunciato che più di 100.000 persone sarebbero state rimosse dalle liste elettorali in tutto lo stato – circa 18.000 di queste persone erano decedute, mentre il resto aveva informato le autorità che si erano trasferiti dallo stato o aveva ricevuto la posta ufficiale dal loro indirizzi elencati.

“Queste persone non vivono più in Georgia. Poi ci sono 18.000 persone che sono passate”, ha detto a Channel 2 di Atlanta. “Quindi non voteranno più. Devi avere liste elettorali accurate e un’adeguata manutenzione delle liste. Aiuta anche i direttori elettorali della tua contea”. Ma le organizzazioni per i diritti civili nello stato hanno affermato di temere che la mossa fosse un’epurazione degli elettori.

“Abbiamo già avvocati in standby, io sono in standby, nel caso in cui dovessimo avviare un contenzioso”, ha affermato Gerald Griggs dell’Atlanta NAACP. “Quindi guarderemo questo e risponderemo se riteniamo che gli elettori siano stati privati ​​dei diritti umani”. Il NAACP ha già lanciato una sfida legale alla nuova legge del legislatore statale della Georgia che richiede agli elettori di produrre un documento di identità con foto, che è stata approvata in reazione alle irregolarità percepite nelle elezioni dello scorso anno.

“Il tentativo velato di annullare i progressi che abbiamo compiuto per autorizzare i georgiani – a usare la loro voce nel processo democratico – crea una legge arbitraria che non migliora la fiducia degli elettori, non garantisce l’integrità delle elezioni né aumenta l’accesso alle urne”, ha dichiarato a marzo il leader reverendo James Woodall.


Segui Database Italia su Google News: Database Italia