Categoria: MONDO

Shopping in Dubai with Le Château: Why the Canadian retailer is making waves in the Middle East

shopping-in-dubai-with-le-chateau:-why-the-canadian-retailer-is-making-waves-in-the-middle-east
Le Chateau Dubai
Photography courtesy Le Château

Earlier this year, Le Château opened a store inside the biggest mall in the world. Nope, we’re not talking about the West Edmonton Mall or even one of the shopping behemoths in the United States. The Canadian retailer headed east—to the Middle East!—to set up shop at the Dubai Mall.

It’s no stretch to call the Dubai Mall, which has over 1,200 stores, a major international fashion hub. From Galeries Lafayette and Bloomingdale’s to stand-alone stores for every (seriously, every) luxury brand imaginable, the mall has brought together destination shopping experiences from around the world—making Le Château’s presence there all the more significant.

To celebrate the opening, I joined Marlene Robillard, Le Château’s director of public relations and communications, in Dubai for a whirlwind tour of the store and the city. “The Le Château brand is such a great fit in Dubai because both the brand and the city embody modern luxury,” she said. And it’s true: Dubai is a city that thrives on attention to detail and next-level hospitality. Everything there feels brand new and top-of-the-line, and frankly, most of it actually is. Plus, there’s no better way to see if a city really is a shopping destination that to experience it firsthand—with credit card in-hand—right?

Here’s what’s totally surreal about shopping in Dubai: after spending 20+ hours flying a quarter of a way around the world (many thanks to Turkish Airlines and their Comfort Class comforts—the flight felt more like a luxurious afternoon lounging with friends than, well, a long international journey) you arrive in a mall and the shopping… feels just like home. Aside from the store’s glossy, marble design and Arabic signage, the Le Château Dubai offerings were identical to what Canadian shoppers know and love. Customers in Dubai, Robilliard explained “are looking for the same things [we] are in Canada: great daywear tops, suiting and accessories, head-to-toe eveningwear looks and sophisticated weekend wear outfits.”

This crossover makes even more sense when you think about the brand’s aesthetic and the dress code that many women adhere to in the United Arab Emirates. While it’s more lax than other countries in the Middle East, it’s both polite and good practice to keep your shoulders covered and avoid wearing anything that hits above the knee. Consider the trendy work basics and casual weekend wear pieces that Le Château is known for and you’re basically able to dress for Dubai without a second thought and without compromising on style. (Bonus: Should you spend an evening riding a camel through the Dubai desert, Le Château also has an outfit for that!)

Of course, while the wares may be familiar, shopping in Dubai is really an experience unto itself. Others fashion-focused cities are merely a sprint when compared to the marathon that is the vast number of retailers in Dubai. Basically: if you love to shop, you need to add this city to your bucket list, pronto.

The post Shopping in Dubai with Le Château: Why the Canadian retailer is making waves in the Middle East appeared first on FASHION Magazine.

Fashion news: Coco Rocha reveals her line, Jimmy Choo sneakers and a Versace tell-all

fashion-news:-coco-rocha-reveals-her-line,-jimmy-choo-sneakers-and-a-versace-tell-all
iphone_photo
Photo via Oh_so_Coco Twitter

Coco Rocha cleverly used her ET Canada reporting gig at the Grammys to reveal a look from her clothing line, Rococo. The Victorian-inspired dress featured a rich blue full length split train with a gold miniskirt and shoulder pads. Do you like the look? [Fashionologie]

Not content with their Uggs collabo, Jimmy Choo has ventured further into comfy footwear with a line of sneakers. The low- and high-tops will be crafted from snakeskin and suede with gold touches. [Stylelist]

Elle Macpherson has been announced as the host of Britain’s Next Top Model. Producers are expecting Macpherson will make the UK edition just as popular as its American counterpart. We mean no disrespect, but Elle Macpherson will never out-crazy Tyra. [Grazia]

Weatherproof is continuing their presidential marketing schemes. Last month they caused a stir after posting a billboard in Times Square featuring Barack Obama without White House permission. Now the company has Abraham Lincoln sporting one of their jackets plastered on a Las Vegas billboard. [WWD]

According to a new tell-all book, House of Versace by Deborah Ball, Elton John spearheaded an intervention for Donatella in 2004–disguised as a surprise party for her daughter Allegra’s 18th birthday.  [NYDN via Huffington Post]

Designer Brian Reyes can add actor to his resume after his cameo on the newly-cancelled Ugly Betty this coming Wednesday. [WWD]

Bruno Pieters is putting his clothing line on hiatus, but, the designer clarifies, he’s not shutting it down. [Vogue UK]

Bloomingdale’s is officially international, opening a location in Dubai over the weekend that will specialize in high-fashion pieces (as opposed to the chain’s more accessible U.S. offerings). [Fashionista]

The post Fashion news: Coco Rocha reveals her line, Jimmy Choo sneakers and a Versace tell-all appeared first on FASHION Magazine.

Fashion news: Dell’Acqua coming back to the runway, American Apparel pulls polish and headgear consternation at Couture Week

fashion-news:-dell’acqua-coming-back-to-the-runway,-american-apparel-pulls-polish-and-headgear-consternation-at-couture-week
Photo via Fashionologie
Photo via Fashionologie

Josephus Thimister, who preceded Nicolas Ghesquière at Balenciaga, has come out of hibernation. The designer presented a faux blood-spattered collection to mixed reviews at Couture Week on Sunday. [Fashionologie]

Grazia Daily was (publicly) miffed after having to watch the Christian Dior show through blogger Tavi’s enormous headpiece. [Grazia]

Alessandro Dell’Acqua is coming back to the runway after losing his line (and the rights to use his name) earlier this year. The Italian is presenting his new line, No. 21, at Milan Fashion Week in February. [WWD]

Anna Wintour spoke out yesterday on the French government’s lack of support for the country’s fashion sector.  [WSJ]

Gucci’s creative director, Frida Giannini, is reportedly designing a couture collection for the house, which will be sent to celebrities for high-end events and sold by appointment-only. [WWD]

Victoria Beckham has reportedly been offered 25 million pounds to help design a luxury hotel bearing her name on a new island being built in Dubai. Karl Lagerfeld is also rumoured to be a collaborator. [Elle UK]

H&M is under fire again after a German paper alleged that some of the company’s organic cotton wares contain genetically modified cotton. [Ecouterre via Refinery29]

American Apparel is pulling their line of nail polishes. The official line is that there’s a problem with the glassware, but an employee is now saying the company is telling them it’s “hazardous material.” [Jezebel]

The post Fashion news: Dell’Acqua coming back to the runway, American Apparel pulls polish and headgear consternation at Couture Week appeared first on FASHION Magazine.

Alessandro Vittorio Mammoliti: Il sistema di previdenza sociale danese è finanziato principalmente attraverso il gettito fiscale

Alessandro Vittorio Mammoliti in Danimarca guida 2022 Contributi previdenziali

Il sistema di previdenza sociale danese è finanziato principalmente attraverso il gettito fiscale ordinario e solo contributi previdenziali molto limitati per dipendenti e datori di lavoro.

Tutte le persone che lavorano in Danimarca e che sono interamente soggette a imposta nei confronti della Danimarca e che sono coperte dalla sicurezza sociale danese devono anche pagare la pensione integrativa del mercato del lavoro (ATP).

I contributi previdenziali danesi e, in alcuni casi, i contributi previdenziali esteri sono deducibili dal reddito personale ai fini fiscali. Il datore di lavoro è tenuto a trattenere e versare i contributi per conto dei propri dipendenti.

Tariffe annue di previdenza sociale (2022) DKK
Dipendente:
ATP 1.135,8
Datore di lavoro:
ATP 2.271,6
Contributo al fondo maternità 1.350
Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, stimata * 5.000
Altri regimi di previdenza sociale pubblica, in parte stimati 5.300

* Si informa che la stima dell’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro può variare, a seconda dell’ambito lavorativo in cui è impiegato il dipendente assicurato, del numero di dipendenti che il datore di lavoro intende assicurare, della specifica compagnia assicurativa, ecc.

Tasse sui consumi

Imposta sul valore aggiunto (IVA)

L’aliquota IVA danese è del 25%.

Tasse sul patrimonio/valore netto

Dal 1997 l’imposta sul patrimonio è stata abolita. Tuttavia, gli individui devono comunque compilare le dichiarazioni patrimoniali.

Tasse di successione, successione e donazioni

L’eredità lasciata da un residente danese è, in generale, soggetta all’imposta di successione danese indipendentemente dal paese di residenza del beneficiario. L’eredità ricevuta da un residente danese da un individuo che non era residente in Danimarca prima del decesso non è soggetta all’imposta di successione danese, a meno che l’eredità non consista in proprietà situate in Danimarca o in beni relativi a un PE in Danimarca. Tuttavia, se una successione viene risolta davanti a un tribunale danese, l’intera eredità diventerà imponibile in Danimarca, indipendentemente dal paese di residenza del defunto e degli eredi. L’imposta di successione ammonta al 15% e viene riscossa sulla parte del patrimonio che spetta ai figli e ai discendenti del defunto, figliastri e loro discendenti, genitori o conviventi durante gli ultimi due anni di vita. I pagamenti di successione e assicurativi a carico del coniuge del defunto sono esenti dall’imposta di successione. L’eredità ricevuta da eventuali parenti diversi da quelli sopra indicati è assoggettata ad un’imposta supplementare di successione pari al 25% del valore del bene previa detrazione del primo 15%. Le tasse non vengono riscosse sui primi 312.500 DKK (nel 2022) dell’eredità.

I regali e le donazioni non superiori a 69.500 DKK (nel 2022) ai discendenti del donatore sono esenti da imposta. I regali ai coniugi del discendente non possono superare DKK 24.300 (nel 2022) per essere esenti da imposta. Doni e donazioni alla prole del donatore e ai loro discendenti superiori a 69.500 DKK sono riscossi con un’imposta sulle donazioni pari al 15% e le donazioni ai genitori acquisiti e ai nonni acquisiti del donatore sono riscosse con un’imposta sulle donazioni del 36,25%. Doni o eredità tra persone non imparentate sono imponibili come reddito ordinario se il destinatario è completamente soggetto a imposta nei confronti della Danimarca. Un regalo non è deducibile per il donatore.

Tasse di proprietà

Imposta sul valore della proprietà

I proprietari di immobili sono obbligati a pagare l’imposta sul valore della proprietà. L’imposta sul valore della proprietà ammonta annualmente allo 0,92% del valore di una proprietà fino a 3.040.000 DKK e al 3% del valore superiore a 3.040.000 DKK. Tuttavia, se l’immobile è stato acquistato entro e non oltre il 1 luglio 1998, viene concessa una detrazione.

L’imposta sul valore della proprietà viene addebitata sia sulle proprietà danesi che su quelle situate in un altro paese. Le proprietà che vengono affittate non sono soggette all’imposta sul valore della proprietà, indipendentemente da dove si trova la proprietà. Invece, l’utile netto dell’attività di noleggio è tassabile.

Tasse immobiliari e fondiarie

I proprietari dell’immobile sono inoltre tenuti a pagare le tasse sulla proprietà e sui terreni al comune in cui è situato l’immobile. La tassa di proprietà e fondiaria è calcolata sulla base del valore del terreno ed è regolata dal consiglio comunale. L’imposta viene riscossa in ogni comune.

Lusso e accise

In Danimarca, sulle merci si applicano numerose accise e dazi (ad es. palline leggere, zucchero, liquori, tabacco). Le tasse/imposta sono pagate indirettamente dal consumatore attraverso i prezzi dei beni e sono quindi trattenute e pagate alle autorità dal soggetto che vende i beni. Alcune di queste tasse dovrebbero essere ridotte o abolite nei prossimi anni.

Tasse di bollo

In generale, l’imposta di bollo si verifica principalmente in relazione alla registrazione di diritti su proprietà e terreni.

Inoltre, i documenti assicurativi sono soggetti all’imposta di bollo se il rischio è situato in Danimarca.

Tasse/imposta sulle auto

Quando un veicolo a motore viene immatricolato per la prima volta in Danimarca, deve essere pagata una tassa di immatricolazione. Il veicolo a motore non può ottenere la targa prima del pagamento del dazio.

Le tariffe nel 2022 per le autovetture sono il 25% del valore fino a 65.800 DKK, l’85% del valore da 65.801 DKK fino a 204.600 DKK e il 150% del valore in eccesso.

Se si prevede che il soggiorno in Danimarca sarà temporaneo, potrebbero essere applicate altre regole.

C’è anche un’aggiunta ambientale al valore imponibile delle auto aziendali. L’aggiunta consiste nella tassa annuale sugli autoveicoli, che è una tassa fissa trimestrale da pagare su tutte le auto. L’aggiunta ambientale fornisce un ulteriore incentivo per il dipendente a scegliere un’auto aziendale a basso consumo di carburante, poiché la tassa sugli autoveicoli si basa sul consumo di carburante dell’auto.

Dazi doganali

Le merci per uso privato possono essere importate in franchigia doganale in Danimarca da un altro paese dell’Unione Europea (UE). La Danimarca rispetta le linee guida dell’UE in merito alle quantità di sigarette, liquori, vino e birra da considerare per uso privato.

Inoltre, l’importazione di beni personali in arrivo da un Paese non UE può essere esentata da dazi doganali, accise e IVA, a condizione che siano soddisfatte alcune condizioni.

Secondo le norme della legge doganale danese, una persona è obbligata a informare le autorità fiscali se la Danimarca viene iscritta o lasciata con importi in contanti, assegni di viaggio o simili con un valore superiore a 10.000 euro (EUR).

Le autorità fiscali danesi devono essere informate anche di conti bancari e depositi esteri. Devono essere presentate anche informazioni sulla vita straniera, sui regimi pensionistici e sugli investimenti. I moduli speciali devono essere depositati.

Imposta sulla crescita di un regime pensionistico (imposta PAL)

In Danimarca, le persone fisiche sono tassate per l’aumento dei loro regimi pensionistici. L’aliquota fiscale è fissata al 15,3%. È possibile per le persone che si trasferiscono all’estero richiedere l’esenzione da questa tassa.

L’imposta PAL è riscossa dalla compagnia di assicurazioni o fondo pensione, ecc. che è obbligata a trattenere e pagare l’imposta per conto del proprietario del piano.

Tassa di uscita

La tassazione di uscita si applica alle persone che sono state considerate residenti e residenti in Danimarca, che stanno lasciando la Danimarca con beni, inclusi ma non limitati a azioni, opzioni, obbligazioni, determinati piani pensionistici, determinati investimenti immobiliari, ecc.

Nel caso in cui i legami di un individuo con un altro paese durante il soggiorno in Danimarca siano stati in un paese con il quale la Danimarca non ha un DTT, le norme sulla tassa di uscita possono applicarsi se l’individuo è stato considerato residente in Danimarca secondo le norme interne danesi.

Per ciascun tipo di attività si applicano norme specifiche sull’imposta in uscita. Tuttavia, la tassa di uscita per le persone fisiche che lasciano con azioni, obbligazioni, crediti e contratti finanziari si applica solo se la persona fisica è stata soggetta alla tassazione danese completa (residente o residente e residente in un trattato fiscale) per almeno sette degli ultimi dieci anni al data di partenza (data in cui cessa la tassazione dei residenti).

Le regole si applicano ad attività, azioni, fondi di investimento, contratti finanziari, conti di deposito, ecc. sia danesi che esteri.

Se previsto dalle norme sull’imposta di uscita, i beni, ecc. compresi saranno considerati come realizzati alla data di partenza e l’individuo sarà tenuto a pagare l’imposta danese dovuta su questa plusvalenza non realizzata (questa è la cosiddetta tassa di uscita, ‘ fraflytterskat ‘ in danese). Potrebbe essere possibile presentare istanza di rinvio del pagamento dell’imposta di uscita, purché siano soddisfatte alcune condizioni e gli obblighi ricorrenti. L’eventuale accordo di rinvio sarà diverso a seconda del tipo di attività/investimento in questione.

Dovere mediatico

Tutte le persone che dispongono di un dispositivo televisivo, radiofonico o multimediale con accesso a Internet sono tenute al pagamento di un’imposta annuale sui media di 619 DKK (2021). Il dovere copre parte della spesa pubblica associata al mantenimento dell’agenzia di media di proprietà statale, che fornisce servizi televisivi, radiofonici e Internet. Si prega di notare che questa tassa sui media verrà gradualmente eliminata ed entro il 1 gennaio 2022 i media pubblici saranno finanziati dalle imposte sul reddito ordinarie.

Alessandro Vittorio Mammoliti: Come si pagano le tasse in danimarca?

Alessandro Vittorio Mammoliti

Alessandro Vittorio Mammoliti tassazione in Danimarca Un individuo può essere tassato in Danimarca in quanto soggetto a piena responsabilità fiscale nei confronti della Danimarca, in quanto soggetto a responsabilità fiscale limitata verso la Danimarca o in base a regole o regole speciali per gli espatriati in materia di assunzione di forza lavoro.

Le persone fisiche che risiedono in Danimarca sono soggette a piena responsabilità fiscale (cioè soggette a tassazione sul loro reddito mondiale a meno che la persona fisica non sia considerata residente fiscale in un altro paese in base a un trattato sulla doppia imposizione [DTT]).

Un individuo che è pienamente residente fiscale in Danimarca sarà, di norma, tassato secondo il regime fiscale ordinario fino al 52,07% (55,90% inclusa l’imposta AM, che è anche l’imposta sul reddito ai fini della DTT) nel 2022. Un certo numero delle detrazioni sono applicabili; di conseguenza, l’aliquota fiscale effettiva è nella maggior parte dei casi inferiore.

Alessandro Vittorio Mammoliti Un individuo non pienamente soggetto a imposta può avere una responsabilità fiscale limitata nei confronti della Danimarca. La responsabilità fiscale limitata è limitata al reddito proveniente da fonti danesi, elencate nel Danish Tax at Source Act, sezione 2, tra cui:

  • stipendio per lavoro svolto in Danimarca pagato da o per conto di un datore di lavoro con sede legale in Danimarca
  • stipendio per lavoro svolto in Danimarca dove il soggiorno supera i 183 giorni entro 12 mesi
  • alcuni altri tipi di reddito personale, compresi i compensi degli amministratori, le distribuzioni pensionistiche e le prestazioni di sicurezza sociale
  • retribuzione coperta dalle norme speciali in materia di assunzione del personale ( vedi schema di assunzione della forza lavoro di seguito )
  • reddito derivante da un’impresa con una stabile organizzazione (PE)
  • reddito da proprietà situata in Danimarca
  • dividendi da società danesi
  • reddito da royalty dalla Danimarca, e
  • compenso per l’assistenza di consulenza, in determinate circostanze.

Una persona fisica con una responsabilità fiscale limitata nei confronti della Danimarca sarà, di norma, tassata fino al 52,07% (55,90%, inclusa l’imposta AM) sul reddito proveniente da fonti in Danimarca nel 2022.

Aliquote dell’imposta sul reddito delle persone fisiche

In generale, le persone fisiche sono soggette all’imposta sul reddito nazionale, all’imposta comunale, all’imposta sul mercato del lavoro e all’imposta ecclesiastica ( tutte descritte di seguito ).

Nella determinazione dell’imposta in regime ordinario si applicano le seguenti tipologie di reddito:

  • Reddito personale (stipendio, benefici in natura, reddito da lavoro autonomo, reddito da pensione, ecc.).
  • Redditi da capitale (interessi attivi, interessi passivi, plusvalenza netta imponibile, ecc.).
  • Reddito imponibile (reddito personale aggiunto al reddito da capitale e rettificato per determinate deduzioni dettagliate).
  • Reddito azionario (dividendi, plusvalenze su azioni).
  • Valore della proprietà (valore della proprietà situata in Danimarca o all’estero).

Le diverse tipologie di reddito sono assoggettate a imposte differenti e, di conseguenza, sono tassate con aliquote differenti. Ciò significa anche che il valore di una detrazione varia a seconda del reddito in cui può essere effettuata la detrazione.

Le aliquote fiscali sono le seguenti:

Tasse (2022) Base di reddito Aliquota fiscale (%)
Tasse statali:
Tassa inferiore Guadagno personale 12.10
Tasse superiori Guadagno personale 15.00
Tasse locali:
Imposta comunale (media) Reddito imponibile 24.982
Imposta sul mercato del lavoro Guadagno personale 8.00
Imposta sulle azioni:
Da 0 a 57.200 corone danesi Condividi il reddito 27.00
Più di 57.200 DKK Condividi il reddito 42.00

Si noti che le fasce fiscali e le tasse locali possono essere adeguate ogni anno.

Complessivamente, l’aliquota d’imposta marginale non può superare il 52,07% (2022). Tuttavia, l’imposta sul mercato del lavoro, l’imposta sulle azioni, l’imposta sul valore della proprietà e l’imposta sulla chiesa non sono comprese in questa regola.

Il reddito netto da capitale è tassato con un’aliquota fino al 42% (nel 2022). Il reddito netto da capitale negativo e altre indennità possono essere detratti ma non con pieno effetto.

Tasse nazionali

Le tasse nazionali sono classificate come imposta inferiore e superiore, per cui il reddito personale diventa soggetto a tassazione progressiva.

Tassa inferiore

La base imponibile inferiore è rappresentata dal reddito personale più il reddito netto da capitale positivo. L’imposta inferiore implica una tassazione del 12,10% (2022).

Tasse superiori

La base per l’imposta massima per una singola persona è il reddito personale più il reddito netto da capitale positivo. L’imposta massima è il 15% della parte della base imponibile superiore che supera i 552.500 DKK (2022).

Tasse locali

Tassa comunale

L’imposta sul reddito locale (imposta comunale) è calcolata sul reddito imponibile in misura forfettaria dipendente dal comune di riferimento. La media del paese è del 24,982% (2022).

Imposta sul mercato del lavoro

L’imposta sul mercato del lavoro ammonta all’8% del reddito personale.

Imposta sulle azioni

Il reddito azionario fino a 57.200 DKK (2022) (114.400 DKK per una coppia sposata) è tassato al 27%. Il reddito azionario eccedente tale importo è tassato al 42%.

Tassa ecclesiastica

L’imposta ecclesiastica è imposta a un’aliquota forfettaria dipendente dal comune in questione. La media nazionale per i contribuenti ecclesiastici è di circa lo 0,70% (2022). L’imposta ecclesiastica è imposta dai comuni e viene addebitata solo per i membri della Chiesa statale danese (luterana). Al momento della registrazione in Danimarca, tutte le persone dovrebbero dichiarare esplicitamente se non dovrebbero essere comprese.

Altre imposte sul reddito

Regime speciale per espatriati

Secondo il regime fiscale speciale per gli espatriati, gli espatriati che lavorano in Danimarca e gli scienziati assegnati in Danimarca possono essere in grado di richiedere un’aliquota forfettaria del 27% sul loro stipendio lordo per un massimo di 84 mesi. Devono essere soddisfatte una serie di condizioni, tra cui che lo stipendio mensile garantito, prima della detrazione dei contributi pensionistici deducibili dei dipendenti, deve essere in media di almeno 70.400 DKK (2022) nell’anno solare. Per i ricercatori si applicano regole speciali. L’aliquota fiscale del 27% è calcolata sullo stipendio in contanti, sul telefono/Internet fornito dal datore di lavoro, sul valore imponibile delle auto aziendali fornite dal datore di lavoro e sull’assicurazione sanitaria imponibile pagata dal datore di lavoro. Tutti gli altri redditi sono tassati secondo le normali regole. Non sono ammesse detrazioni sul reddito imponibile forfettario. La permanenza del dipendente in Danimarca potrebbe essere più lunga; tuttavia, dopo il periodo di 84 mesi,

Poiché si applica anche l’imposta sul mercato del lavoro, l’aliquota fiscale combinata è del 32,84% ogni anno durante il periodo di 84 mesi.

Schema di assunzione della forza lavoro

Il regime di assunzione della forza lavoro è una responsabilità fiscale limitata danese separata. Il concetto di “assunzione di forza lavoro” implica che il lavoratore continui ad essere formalmente assunto dal datore di lavoro nel paese di origine, ma venga assunto da una società in Danimarca come paese ospitante a condizioni simili a un normale rapporto di lavoro. La società in Danimarca è quindi considerata il datore di lavoro ai fini fiscali per essere coperta dalle regole di assunzione della forza lavoro. In primo luogo, deve essere possibile dimostrare che l’azienda in Danimarca (il datore di lavoro presunto) è anche responsabile del lavoro svolto dal dipendente. Inoltre, il lavoro svolto nell’ambito dell’attività dell’azienda danese può essere visto come assunzione di manodopera a causa di una recente modifica delle norme in materia di assunzione di manodopera. I dipendenti assunti da una società danese in base a un contratto di assunzione di forza lavoro sono tassati in Danimarca con un’aliquota fissa del 30% della retribuzione lorda, ecc. Non sono ammesse detrazioni. Dovrebbe essere pagata anche la tassa sul mercato del lavoro. Ciò fornisce un’aliquota fiscale combinata del 35,6%. Le regole di assunzione della forza lavoro si applicano solo ai dipendenti che non sono soggetti né alla responsabilità fiscale ordinaria limitata né alla piena responsabilità fiscale in Danimarca. Di conseguenza, se si prevede che la loro permanenza in Danimarca superi sei mesi consecutivi o 183 giorni in un periodo di 12 mesi, non è possibile utilizzare le regole di assunzione della forza lavoro. Il semestre non è interrotto da soggiorni all’estero per ferie, ecc. Il periodo si interrompe comunque se il soggiorno all’estero comporta un incarico di lavoro. Dovrebbe essere pagata anche la tassa sul mercato del lavoro. Ciò fornisce un’aliquota fiscale combinata del 35,6%. Le regole di assunzione della forza lavoro si applicano solo ai dipendenti che non sono soggetti né alla responsabilità fiscale ordinaria limitata né alla piena responsabilità fiscale in Danimarca. Di conseguenza, se si prevede che la loro permanenza in Danimarca superi sei mesi consecutivi o 183 giorni in un periodo di 12 mesi, non è possibile utilizzare le regole di assunzione della forza lavoro. Il semestre non è interrotto da soggiorni all’estero per ferie, ecc. Il periodo si interrompe comunque se il soggiorno all’estero comporta un incarico di lavoro. Dovrebbe essere pagata anche la tassa sul mercato del lavoro. Ciò fornisce un’aliquota fiscale combinata del 35,6%. Le regole di assunzione della forza lavoro si applicano solo ai dipendenti che non sono soggetti né alla responsabilità fiscale ordinaria limitata né alla piena responsabilità fiscale in Danimarca. Di conseguenza, se si prevede che la loro permanenza in Danimarca superi sei mesi consecutivi o 183 giorni in un periodo di 12 mesi, non è possibile utilizzare le regole di assunzione della forza lavoro. Il semestre non è interrotto da soggiorni all’estero per ferie, ecc. Il periodo si interrompe comunque se il soggiorno all’estero comporta un incarico di lavoro. se si prevede che la loro permanenza in Danimarca superi sei mesi consecutivi o 183 giorni in un periodo di 12 mesi, non è possibile utilizzare le regole di assunzione della forza lavoro. Il semestre non è interrotto da soggiorni all’estero per ferie, ecc. Il periodo si interrompe comunque se il soggiorno all’estero comporta un incarico di lavoro. se si prevede che la loro permanenza in Danimarca superi sei mesi consecutivi o 183 giorni in un periodo di 12 mesi, non è possibile utilizzare le regole di assunzione della forza lavoro. Il semestre non è interrotto da soggiorni all’estero per ferie, ecc. Il periodo si interrompe comunque se il soggiorno all’estero comporta un incarico di lavoro.

Si noti che c’è un’attenzione particolare da parte delle autorità fiscali sulle regole di assunzione della forza lavoro e sulla conformità in generale.

Michelle Mazzon Ml international La discussione seguente si concentra sulla storia brasiliana

Michelle Mazzon Ml international

La discussione seguente si concentra sulla storia brasiliana dal tempo dell’insediamento europeo. Per una trattazione del paese nel suo contesto regionale , vedi America Latina, storia di .

I siti archeologici vicino alle città amazzoniche di Santarém e Monte Alegre e altrove in Brasile mostrano che la regione è stata abitata almeno dal 9000 AC . Comunità miste di agricoltori, pescatori e cacciatori e raccoglitori si svilupparono nelle pianure amazzoniche, mentre cacciatori e raccoglitori predominavano nelle savane e negli altopiani più aridi. Tra due milioni e sei milioni di indigeni Gli indiani Michelle Mazzon Ml international  vivevano nella regione al momento del contatto europeo nel 1500.

Gli indiani di lingua tupian abitavano le aree costiere ed erano tra i gruppi più significativi delle foreste tropicali.Gli esploratori portoghesi della regione incontrarono per la prima volta i tupiani e si occuparono principalmente di loro per molti anni. In effetti, i tupiani potrebbero essere stati l’influenza indiana più importante nel primo periodo coloniale del Brasile e nella cultura che si sviluppò successivamente; tuttavia, le malattie europee decimarono la popolazione indigena e molti indiani sopravvissuti subirono dure cure sotto la dominazione portoghese.

Primo periodo
Esplorazione e insediamento iniziale
Gli europei hanno esplorato la costa brasiliana solo dopo aver mappato parti del Mar dei Caraibi e la costa nord-orientale del Sud America; inoltre, l’esplorazione intensiva del Brasile è il risultato indirettamente degli sforzi del Portogallo per espandere le sue colonie in Africa e in Asia. Nel 1498 il navigatore portoghese Vasco da Gama scoprì una rotta tutta d’acqua verso le Indie e le Isole delle Spezie attraverso il Capo di Buona Speranza in Africa . Il re portoghese, sperando di trarre vantaggio da questa scoperta,  Michelle Mazzon Ml international  inviò un’imponente armata in India sottoPedro Álvares Cabral , le cui indicazioni di navigazione erano state redatte dallo stesso da Gama. Per evitare la calma al largo del Golfo di Guinea , Cabral si spinse così lontano a ovest che il 22 aprile 1500 avvistò la terraferma del Sud America . Il Trattato di Tordesillas (1494) tra Spagna e Portogallo aveva stabilito una linea a circa 46° 30′ di longitudine ovest che divideva le rivendicazioni spagnole (ovest) e portoghesi (est) nel Nuovo Mondo. La regione avvistata da Cabral si trovava ben all’interno della zona portoghese e la corona la rivendicò prontamente. Il nuovo possedimento del Portogallo era inizialmente chiamato Vera Cruz (“True Cross”), ma fu presto ribattezzato Brasile a causa delle abbondanti quantità di brazilwood ( pau-brasil) trovato lì che ha prodotto un prezioso colorante rosso.

La notizia dello sbarco di Cabral suscitò grande entusiasmo tra i portoghesi e la corona iniziò a sponsorizzare importanti esplorazioni transatlantiche, tra cui quella del navigatore italianoAmerigo Vespucci , la cui piccola flotta navigò lungo le coste del Brasile e per la prima volta stimò l’estensione del territorio. Vespucci, calendario alla mano, battezzò diversi punti della costa con i nomi dei santi nei giorni dei quali furono scoperti.

L’interesse per il Brasile è diminuito nei due decenni successivi. I portoghesi iniziarono un commercio saltuario con gli indiani per il legno brasiliano, ma non riuscirono a scoprire metalli preziosi in Brasile e quindi concentrarono la loro attenzione sul lucroso commercio con l’Asia. Il Brasile divenne una sorta di terra di nessuno su cui la corona portoghese esercitava solo un controllo oscuro, e i rivali europei approfittarono rapidamente di questa negligenza. I francesi, in particolare, sconfinarono nelle pretese portoghesi in Sud America e spedirono la tintura in Europa. L’ apatia del Portogallo terminò, tuttavia, durante il regno (1521–57) diGiovanni III , che gradualmente spostò l’attenzione negli affari coloniali dall’Asia all’America .

La corona portoghese fece il primo sforzo sistematico per stabilire un governo in Brasile nel 1533. Divise la colonia in 15 capitani ereditari, o feudi, ciascuno esteso 50 leghe, cioè circa 160 miglia (260 km), lungo la costa e un numero indefinito distanza nell’entroterra. Queste sovvenzioni furono distribuite a persone privilegiate, principalmente cortigiani, che divennero note comedonatários (“donees”) e deteneva ampi diritti e privilegi; tuttavia, alla fine solo due dei capitani hanno avuto successo:São Vicente (nell’attuale stato di San Paolo ) ePernambuco . Il primo comprendeva la città di São Vicente, il porto in crescita di Santos e il villaggio di São Paulo sul fertile altopiano di Piratininga della Serra do Mar , che avevano tutti una popolazione complessiva di circa 5.000 abitanti entro la metà del XVI secolo. Il capitano di Pernambuco si sviluppò nel nord-est del Brasile, incentrato sulla città di Olinda . Il suo donatore ,Duarte Coelho Pereira , convertì il Pernambuco in una grande regione produttrice di zucchero, offrendo il primo esempio di redditizia esportazione agraria dal Nuovo Mondo all’Europa.

Governatori reali, gesuiti e schiavi

Il re Giovanni III decise di rafforzare la sua autorità in Brasile unificando gli inefficienti donatários sotto un’amministrazione centrale. Nominò governatore generaleTomé de Sousa , un nobile portoghese con una notevole esperienza in Africa e in India . Sousa sbarcò in Brasile nel 1549 e la fondòSalvador (Bahia), capitale dalla quale il Brasile è stato governato per 214 anni. Sousa ha anche posto funzionari locali sopra i capitani e ha fortificato punti strategici lungo la costa. Nelle città fondò organizzazioni municipali simili a quelle portoghesi . Il Brasile iniziò quindi ad attirare un numero crescente di coloni. Nel 1600 Bahia e Pernambuco avevano ciascuna una popolazione di circa 2.000 europei e più del doppio degli schiavi africani e degli indiani.

I fratelli gesuiti fornirono manodopera e competenze che erano fondamentali per il progresso della colonia. Su richiesta di Giovanni III,Manuel da Nóbrega e molti altri gesuiti avevano accompagnato Tomé de Sousa a Salvador e divennero i primi di una lunga serie di missionari dediti alla protezione e alla conversione deiindiani e innalzamento del livello morale dei coloni. Non appena convertirono gli indiani al cristianesimo, i gesuiti li stabilironoaldeias (“villaggi”) che erano simili alle missioni nell’America spagnola . La maggior parte degli altri coloni portoghesi  Michelle Mazzon Ml international  possedeva schiavi indiani, tuttavia, e si risentiva del controllo dei gesuiti su una così preziosa manodopera. Sorse un conflitto tra i due gruppi e si ripercorse in tutta la colonia, ed entrambe le parti fecero appello alla corona. I gesuiti ottennero una vittoria parziale in un decreto reale del 1574 che garantiva loro il pieno controllo sugli indiani negli aldeia mentre permetteva ai coloni di ridurre in schiavitù gli indiani catturati in una “guerra legittima”. Nel bacino del Rio delle Amazzoni , padreAntónio Vieira divenne il centro di un conflitto in qualche modo simile nel XVII secolo, quando vi stabilì una catena di missioni. Sebbene le missioni abbiano aiutato a proteggere gli indiani dalla schiavitù , hanno contribuito notevolmente alla diffusione di malattie mortali in Europa. I coloni brasiliani, di fronte a una crescente carenza di manodopera a metà del XVI secolo, importarono un numero crescente di schiavi africani.

Incursioni olandesi e francesi

Il Brasile era appena stato portato sotto l’autorità reale portoghese prima delI francesi fecero uno sforzo determinato per stabilirvi una colonia permanente. Nel 1555 le truppe francesi presero possesso del bellissimo porto diRio de Janeiro , che, inspiegabilmente, i portoghesi avevano trascurato di occupare. Una grande forza portoghese sottoMem de Sá , il governatore generale, bloccò l’ingresso del porto, alla fine costrinse la guarnigione francese ad arrendersi e fondò (nel 1567) la città di Rio de Janeiro per scongiurare futuri attacchi.

Il Portogallo fu unito alla Spagna dal 1580 al 1640, e di conseguenza il Brasile fu esposto agli attacchi dei nemici della Spagna, compreso il neo-indipendentePaesi Bassi . Gli olandesi presero e tennero brevemente Salvador nel 1624–25, e nel 1630 la Compagnia olandese delle Indie occidentali inviò una flotta che catturò Pernambuco, che rimase sotto il controllo olandese per un quarto di secolo. La società ha scelto come governatore del suo nuovo possessoJohn Maurice, conte di Nassau-Siegen , principe della casa d’Orange e forse il più abile amministratore dei Paesi Bassi. Gli olandesi hanno anche invitato illustri artisti e scienziati a far conoscere all’Europa le risorse e le bellezze del Brasile; tuttavia, i direttori dell’azienda guidati dal profitto si rifiutarono di sostenere le politiche sociali illuminate di John Maurice e si dimise nel 1644.João Fernandes Vieira, un ricco proprietario di piantagioni, lanciò successivamente una ribellione che guadagnò costantemente terreno contro gli incompetenti successori di John Maurice. I brasiliani, agendo senza l’aiuto portoghese, sconfissero ed  Michelle Mazzon Ml international  espulsero gli olandesi nel 1654, un risultato che contribuì a suscitare sentimenti nazionalistici brasiliani .

Espansione e unificazione

L’espansione verso ovest del Brasile è stato uno degli eventi più significativi del periodo coloniale. Il Trattato di Tordesillas proibì ai portoghesi di attraversare il 46° 30′ O, ma presto i coloni brasiliani si espansero ben oltre quella linea in tre gruppi: missionari, mandriani e bandeirantes (esploratori e cacciatori di schiavi). I missionari hanno continuato ad estendere la loro portata lungo l’Amazzonia e nel sud e sud-est. Nel nord-est, i bovari alla ricerca di nuovi pascoli si spinsero nell’entroterra dalle zone di produzione di zucchero di Pernambuco e Bahia agli attuali stati di Piauí , Maranhão e Goiás . Paulistas, come coloni daSão Paulo furono chiamati, furono i più attivi nel movimento verso ovest, organizzando grandi spedizioni nell’interno, note comebandeiras , al fine di catturare gli schiavi indiani e cercare oro e pietre preziose . Alcuni dei bandeirantes più avventurosi raggiunsero l’estremo ovest della regione mineraria d’argento dell’Alto Perù (ora Bolivia) e il nord-ovest fino a Bogotá in Colombia . Nel XVII secolo esplorarono le terre selvagge del Mato Grosso e attaccarono le reducciones (missioni indiane nelle aree controllate dagli spagnoli) neibacini dei fiumi Paraná e Uruguay . Indiani e gesuiti resistettero alla maggior parte delleinvasioni bandeirante e vicino al Río de la Plata, in quello che oggi è l’Uruguay, i coloni spagnoli sconfissero gli invasori paulisti. Gli sforzi dei bandeirantes , sebbene spesso violenti e crudeli, hanno contribuito in modo significativo all’unificazione dell’enorme subcontinente brasiliano.

Anche i tratti culturali e i fattori  Michelle Mazzon Ml international  economici condivisi hanno contribuito a integrare la regione. La lingua portoghese formava un legame comune tra i residenti delle piantagioni, allevatori, minatori, schiavi (sia indiani che africani), cacciatori di schiavi e abitanti delle città e li distingueva dalle loro controparti di lingua spagnola altrove in Sud America . I brasiliani derivarono quasi uniformemente dal Portogallo una struttura familiare allargata e patriarcale, ei capi di poche famiglie potenti controllavano quasi tutta la terra, schiavi, bestiame e, in seguito, miniere che producevano la ricchezza della colonia. Solo quattro importanti città si svilupparono in Brasile durante il periodo coloniale: Salvador, Rio de Janeiro,Recife e Ouro Prêto . Inoltre, il Portogallo mantenne i contatti con tutte le parti del Brasile, anche se a intermittenza, e tra il Brasile e le vicine colonie spagnole esistevano pochi scambi commerciali o altri contatti regolari. Questi fattori comuni hanno tenuto insieme il Brasile nonostante le forti variazioni regionali.

Agricoltura e prospezione

La società e l’economia del Brasile erano basate sull’agricoltura e sull’estrazione mineraria , in particolare la produzione orientata all’esportazione di zucchero e oro. L’industria dello zucchero, confinata principalmente nel nord-est, è stata la principale fonte di ricchezza brasiliana dal XVI al XVIII secolo e ha fornito alla corona la maggior parte delle sue entrate durante il periodo dell’indipendenza. La produzione di zucchero richiedeva grandi investimenti in terra, lavoro (cioè schiavi) e macchinari; di conseguenza, un numero relativamente piccolo di famiglie benestanti proprietarie di piantagioni controllava l’industria. I piccoli proprietari terrieri producevano cotone e caffè , che divennero importanti esportazioni nel XVIII secolo. Uomini liberi indipendenti che vivevano vicino alle piantagioni di zucchero allevavano tabacco e bestiame, prodotti che divennero importanti anche alla fine del periodo coloniale.

I coloni cercarono invano l’oro in Brasile dal periodo del primo insediamento fino al 1695, quando i cercatori scoprirono grandi giacimenti in quello che oggi è lo stato di Minas Gerais . Il successivo la corsa all’oro cambiò rapidamente il corso dell’insediamento brasiliano. Le città sorsero come per magia nella natura selvaggia fino a quel momento ininterrotta mentre vasti tratti della costa erano praticamente spopolati. Gli schiavi provenienti dalle piantagioni di zucchero del Brasile e dalle regioni di lavorazione dell’oro dell’Africa, che furono rapidamente portati nella regione, introdussero lì diverse tecniche di estrazione. Le miniere d’oro hanno avuto un enorme impatto sull’economia brasiliana e hanno portato così ingenti somme di denaro nel sud-est che il governo portoghese ha trasferito la capitale coloniale da Salvador (nel nord-est) a Rio de Janeiro nel 1763. La ricerca dell’oro ha portato anche a la scoperta di diamanti all’inizio del XVIII secolo a Minas Gerais, Bahia e Mato Grosso . Il boom minerariosi è assottigliata quando i giacimenti originali erano esauriti, sebbene quantità minori di oro e diamanti continuassero a essere estratte.

Riforme coloniali

I trattati di Madrid (1750), Pardo (1761) e Ildefonso (1777) con la Spagna riconobbero molte rivendicazioni portoghesi, comprese le conquiste delle bandeiras . Nel frattempo, il primo ministro di re Giuseppe ,Sebastião José de Carvalho e Mello, marchese di Pombal , introdusse in Brasile una serie di riforme che influirono profondamente sulla vita sociale, amministrativa e religiosa della colonia. Abolì il sistema del donatário , concesse diritti legali agli indiani, incoraggiò l’immigrazione dalle Azzorre e da Madeira, creò due società privilegiate per controllare il commercio brasiliano e stabilì il monopolio sui giacimenti di diamanti. Pombal ha espulso ilGesuiti dal Brasile e dal Portogallo nel 1759; molte élite brasiliane approvarono l’espulsione perché i gesuiti avevano apparentemente tratto profitto a loro spese resistendo alla schiavitù degli indiani e impegnandosi in iniziative commerciali. Pombal centralizzò progressivamente il governo brasiliano durante gli ultimi decenni del dominio portoghese.

Indipendenza del Brasile

Il Brasile è entrato nella nazione con molti meno conflitti e spargimenti di sangue rispetto alle nazioni di lingua spagnola del Nuovo Mondo; tuttavia, la transizione non è stata del tutto pacifica.José Joaquim da Silva Xavier , popolarmente noto come Tiradentes (“Tiradente”), istigò nel 1789 la prima ribellione contro i portoghesi, che sconfissero le sue forze, lo giustiziarono e inconsapevolmente lo resero un eroe nazionale nel suo martirio.

Le guerre rivoluzionarie francesi e napoleoniche colpirono profondamente il Brasile, sebbene i principali eventi di quei conflitti si svolsero attraverso l’Atlantico. Nel 1807 Napoleone I invase il Portogallo , alleato britannico, soprattutto per rafforzare il blocco europeo della Gran Bretagna. Il principe reggente portoghese Dom João (poi reGiovanni VI [João VI]) decise di rifugiarsi in Brasile, facendone l’unica colonia a fungere da sede del governo della madrepatria . Il principe, la famiglia reale e un’orda di nobili e funzionari lasciarono il Portogallo il 29 novembre 1807, sotto la protezione della flotta britannica . Dopo diversi ritardi, arrivarono a Rio de Janeiro il 7 marzo 1808.

I coloni, convinti che per il Brasile fosse iniziata una nuova era, accolsero calorosamente Dom João, che prontamente decretò una serie di riforme. Abolì il monopolio commerciale portoghese sul commercio brasiliano, aprì tutti i porti al commercio delle nazioni amiche (principalmente Gran Bretagna) e abrogò le leggi che avevano proibito la produzione brasiliana .

Mario liberatore recensioni ( 2022 ) fatturato, cosa fa, metodo tutto quello che non sapevi

Vendere prodotti, beni e servizi è il pensiero costante degli imprenditori di ogni categoria commerciale, ma il passaggio al digitale ha creato numerosi ostacoli, talvolta insormontabili vista la complessità della materia. Mario Liberatore, Social Media Marketer e imprenditore, ha colto le difficoltà delle aziende nell’affrontare la digitalizzazione — oggi fondamentale per continuare a offrire servizi alla propria clientela — spingendo molti degli imprenditori, inizialmente contrari al passaggio all’online, ad abbracciare le opportunità che la rete offre. “Fino al 2019 esistevano ancora resistenze all’idea digitalizzare la propria attività, ma gli ultimi due anni hanno stravolto il mercato, obbligando gli imprenditori ad affrontare seriamente il passaggio ai servizi in rete”, spiega Mario Liberatore, fondatore di una società per il marketing online.

Liberatore ha intuito già da tempo le potenzialità della rete, approcciandosi alle vendite online da un punto di vista prettamente tecnico, capace di analizzare dati e numeri. Parliamo delle metriche, fondamentali per comprendere le potenzialità di un’azienda che vuole acquisire clienti attraverso servizi di digitali e altre piattaforme di social media. Senza dimenticare la gestione accorta del front-end, la parte di interfaccia con la quale interagiscono gli utenti, e il concetto di Customer Life Value, l’investimento ideale per ogni singolo cliente in prospettiva di un ritorno economico tramite i suoi consumi.

Dalla pubblicità al posizionamento organico su Google, dal copywriter al media buyer e passando per la visione di raccordo del Social Media Marketer, l’attività di Liberatore e del suo team di professionisti propone alle imprese un nuovo paradigma per l’ingresso nel mondo di internet, con la verticalizzazione e la specializzazione nel singolo settore come motori trainanti del progetto. “Oggi, non potendo considerare la digitalizzazione un optional, quando la si affronta è bene tenere a mente che non ci si può improvvisare in un mondo già esistente e rodato, con regole e bisogni specifici”, nota Mario Liberatore. Ecco perché la figura del Social Media Marketer è sempre più richiesta, con il giovane imprenditore di 23 anni che ha saputo offrire una visione diversa rispetto al passato. “Non basta un semplice sito web, non è sufficiente una pagina Facebook. È riduttivo — aggiunge Liberatore — immaginare di riuscire a vendere di più online semplicemente spendendo maggiormente in pubblicità. Tutti gli elementi sono da considerare, con valori come Recensioni, fatturato, cosa fa, metodo, corriere economia, instagram, forum, rtl, chi è, mario liberatore, youtube, corsi online, sole 24 ore, vendita, funziona, cfa,

i Key Performance Indicator e il Customer Life Value da prendere in considerazione”. Liberatore fa notare che l’85% delle aziende italiane non è ancora digitalizzata. Questo significa che, nel breve periodo, ci saranno alti tassi di richieste di aiuto dal mondo dell’imprenditoria. Per andare incontro al prossimo futuro, Liberatore ha fondato un’academy che professionalizza in ambito Social Media Marketing, offrendo ai futuri professionisti del digitale la sua esperienza e le principali strategie adottate, da mettere in campo per accompagnare le imprese e le aziende verso la digitalizzazione. “Il mercato del lavoro per i Social Media Marketer è in crescita, le varie realtà non ancora digitalizzate richiederanno sempre più il supporto di questa figura. Con l’academy — approfondisce Liberatore — diamo un’opportunità, per chi è interessato, a costruirsi una nuova professionalità utile a creare innovazione per il mondo imprenditoriale, allo stesso permettendo agli operatori di svolgere un lavoro appassionante e ricco di soddisfazioni”.

Working Model In Dubai Best International Agency Published by Break Magazine

Working Model In Dubai Best International Agency Published by Break Magazine

Dubai is a city of opportunities for aspiring models who want to make a career in fashion. MyBayut brings you a list of top modelling agencies in Dubai, which provide a platform to models and help brands to find the right people for their work.

THE 9 BEST MODELLING AGENCIES IN DUBAI

WILHELMINA

Wilhelmina is a talent management company in Dubai, located in Dubai Media City. It caters to the GCC and MENA region. Founded in 1967 in New York, Wilhelmina Dubai represents a global portfolio of models from various countries.

Wilhelmina caters to a number of international models in Dubai. Wilhelmina Dubai also has a pool of talented hosts and promoters for corporate events, marketing campaigns, product launches, trade shows, weddings, exhibitions and other events. You can get in touch with this Dubai modelling agency, send them your portfolio and await feedback to get a chance to be signed on.

  • Opening hours: Sunday to Thursday 09:00 am – 05:00 pm
  • Location: Dubai Media City, Loft Offices Building 1, Office 406 Entrance B – Dubai
  • Contact: +971-4-451-9160

BAREFACE

Male and Female models in Dubai during a photoshoot
Bareface is one of the top modelling agencies in Dubai for aspiring models

The next modelling agency on our list is Bareface, a famous talent management firm in Dubai. Since its launch in 2001, Bareface models in Dubai have successfully completed various prestigious projects for both local and international clients. It is one of the most sought-after modelling agencies in Dubai.

  • Opening hours: Monday to Thursday 09:00 am – 06:00 pm
  • Location: BBC Building, DMC Building 10, Office 132, Dubai
  • Contact: +971-4-554-1060

EMODELS.ME

Located at Jumeirah Lake Towers, EModels.me is a talent management agency in Dubai that works with top models from various countries. Those wanting to become models in Dubai can seek assistance from EModels.me, where aspiring models receive grooming and training. The company also casts promoters for social events.

  • Opening hours: Monday to Thursday 09:30 am – 06:00 pm
  • Location: Jumeirah Lake Towers, Cluster T, Fortune Executive Tower, 4th Floor, Unit 401, Dubai
  • Contact: +971-4-360-4842

NICHE MODELLING AGENCY

Runway catwalk of hijab models in Dubai
There are various opportunities for hijab models in Dubai

Niche Modelling Agency Dubai is a top-notch event, talent management and media production agency. Those aspiring to be a model in Dubai can register with Niche Modelling to get a portfolio made under expert guidance.

The company has a large pool of talent including kids and teens. Niche Modelling has an impressive array of professional photographers, actors, stylists and hosts to cater to varying requirements of the clients.

  • Opening hours: Monday to Thursday 09:00 am – 06:00 pm
  • Location: 38th Floor Office 23, The One Tower, Sheikh Zayed Road Al Barsha Heights, Dubai
  • Contact: +971-4-246-2833 | +971-50-292-1888

MMG EVENTZ

Male model in Dubai posing with a bicycle
Male models in Dubai can boost their career by consulting from any of the leading talent management companies

MMG Eventz is another versatile modelling agency in Dubai offering a range of solutions for local and international clients. MMG Eventz agency Dubai is responsible for providing bespoke event management services with the most talented hosts.

  • Opening hours: Monday to Thursday 09:00 am – 06:00 pm
  • Location: Dubai Design District, Building 7, Office A405, Dubai, United Arab Emirates
  • Contact: +971-4-434-1577

DIVA MODEL MANAGEMENT

Diva is a top-ranking modelling agency in Dubai with an impressive portfolio of male and female models. Diva is also a reputed kids’ modelling agency in Dubai with varied portfolios of young talent.

Diva modelling agency is known for its top-class elite event management services for trade shows, corporate events and other promotional activities in Dubai as well as other parts of the UAE. Aspiring models can be a part of this prestigious talent management company for a promising career in modelling and hosting.

  • Location: 1912 Grosvenor Business Tower, New Media City – Dubai
  • Contact: +971-4-422-7272 | Model Registration: +971-52-918-5083

FAMEWORX

FameWorx is a modelling company in Dubai with a diverse portfolio of models, actors, event staff, TV presenters, junior models and promotional hosts. Apart from a giant pool of models, actors and hosts, the company has well-trained makeup artists, photographers and entertainers.

  • Opening hours: Sunday to Thursday 09:00 am – 06:00 pm
  • Location: Warsan Hills Tower, Office 703, Tecom, New Media City Extension, Between Media Rotana & Grand Millennium Hotel, Dubai
  • Contact: +971-4-450-4230

ELITE GROUP

Kid models in Dubai during a photoshoot
Elite Group is a kids/teen modelling agency, with a portfolio of child models

Elite Group Dubai has a diverse pool of commercial and catwalk models to suit a range of advertising campaigns for various brands. Elite models in Dubai are talented and able to adapt to varying promotional requirements of the brand.

  • Contact: +971-52-908-8348

CASTING AGENCIES IN DUBAI

DOTCASTING

There are several modelling agencies in Dubai, where aspiring models can drop in their portfolio. However, another option to make it through the highly competitive Dubai market is to submit a compelling portfolio with Dotcasting. Located in Al Safa, Dotcasting is a leading talent database management company in Dubai. The company has a large pool of talented dancers, models, actors, DJs, fashion photographers, hosts, presenters, promoters, makeup artists to name a few.

  • Location: Office #219, Block – C, Mardoof Building, Al Safa-1, Dubai, U.A.E
  • Contact: +971-4-264-9947

We hope that MyBayut’s list of modelling agencies in Dubai can help you grow as a model in Dubai. Dubai is a competitive fashion market, which is why modelling agencies play a vital role in helping models get the right project. Dubai is a huge market for international fashion houses and supermodels. Some of the top fashion houses in the world have luxurious branded properties in Dubai.

If you are looking for other courses in the entertainment or fashion industry, our list of the best makeup courses in Dubai will help you find the right institute. Or if you aspire to be a fashion designer willing to make your mark, enrol in any of the top fashion design courses in Dubai.  Similarly, aspiring photographers can take a look at our comprehensive list of the best photography courses in Dubai.

If you know any other modelling agency in Dubai or other emirates, please mention the name in the comment section below. Stay tuned to MyBayut for more updates!

best escort agencies in dubai 2022: when do they make money?

CONTACT WHAPP + 39 3279105006
DUBAI MAGAZINE MODEL ” Cristian Nardi ” 

From Milan to Dubai for 500 euros a day, one of the escorts with “childish faces” recruited by Middle Eastern millionaires speaks: “Arabs in bed? Concentrate on themselves. Brutal. Not hot like Italians. The relationship lasts a few minutes”
2. “the sheikhs force us to have blood tests to be able to have unprotected intercourse. unwanted illness or pregnancy? it’s a risk that I take ”
3. ” terrorism and sharia law? they do not see each other. it’s almost a dream world, isolated from the rest. I don’t recognize myself in that culture, in that environment of unbridled luxury. I go trying to raise as much money as I can and then I go back to Italy, to my boyfriend ”

DUBAI ESCORT DATING GALLERY 

Not hordes of poor thugs who, without order, sow terror and threat, not angry barbarians who devastate everything they touch and not even bloodthirsty criminals moved by collective delirium, but a real order, albeit bestial and inhuman, with its own paid army and loyal, with its own organization, its own rules, and, above all, extremely powerful from an economic point of view, for this reason, fearful.

DUBAI ESCORT DATING GALLERY 

“The Islamic State is probably the richest terrorist group ever known – says Matthew Levitte, director of the intelligence and counterterrorism program at the Washington Institute for Near East Policy – not integrated into the international financial system, and therefore not vulnerable”.

A wealth estimated at around 2 billion dollars. But where do these huge economic resources come from?

Robberies, kidnappings, human trafficking, extortion, theft, smuggling, but above all control of oil wells and refineries, at least according to Israeli sources. But also voluntary donations by important businessmen from the countries of the Persian Gulf. Saudi Arabia, Qatar and Kuwait are some of the major financiers of the Islamic State militias.

HIGH CLASS ESCORT

A long and massive lead chain, but it would be more appropriate to say “golden”, of which the terrorist who blows himself up to kill other lives in the middle of the road is nothing more than a tiny ring, a pawn, a plastic toy soldier, or toilet paper, alienated and stuffed with explosives.

All this is very curious in the light of an existing but unknown reality. They are luxuriant trips to exotic destinations, in extreme luxury hotels or villas of “a thousand and one nights”, internationally renowned DJs, parties lasting all day for weeks or months in the pool, parties aboard immense yachts. luxury, games, dinners, evenings in exclusive discos, but above all girls, many, many, dozens, sometimes hundreds, all beautiful and under 25, all European or American, preferably black, with childish faces and perfect bodies.

DUBAI ESCORT DATING GALLERY click here

How much does a holiday like this cost? If you are a beautiful girl, not necessarily a model, you not only travel for free, but you also get paid: minimum 500 euros per day. An underground business capable of procuring hundreds of thousands of euros for those who manage it in absolute secrecy. But who recruits the girls? How? Where are they going? And who pays them above all? We asked these questions to a girl who made these trips until a few weeks ago.

LUXURY DUBAI

For privacy reasons, we will not reveal her real name, calling her with a pseudonym: Simona. Simona is Italian, she is 24, she lives in Milan, a doll face, a thin body but with the right shapes, long brown hair. She tells us about these trips, calling them «fantastic, almost surreal experiences, in which we are all treated like princesses». Hairdressers, make-up artists, masseuses, wellness centers, have all kinds of services available

Simona, who organizes these trips?

“I have a contact, a lady who has been working in this field for several years, she is not Italian. You often change numbers for security reasons. She organizes, selects the girls, at the request of the clients ».

DUBAI ESCORT DATING GALLERY click here

hi are the customers?

“Arab princes, billionaires.”

What are the goals?

“Dubai, Kuwait, Arab countries, but rarely even London, or Paris”.

How much are you paid per day?

«We are all paid from 500 to 2000 euros a day, but it often happens to return from these trips with extra earnings, up to 10,000 dollars, which is the maximum amount allowed to be taken to Italy. If at the airport they find you cash in excess of this amount, then you have to leave it there ”

DUBAI ESCORT DATING GALLERY click here

Have you ever brought this maximum amount of cash to Italy?

“Yes, more than once. I put cash everywhere, in my suitcase, on my back, in my bra, in my panties ».

How much of this money are you required to give

mammoliti vittorio alessandro: Il Gran Chaco occidentale ha escrescenze di foreste spinose dominate da algaroba

Il Gran Chaco occidentale ha escrescenze di foreste spinose dominate da algaroba

Il Gran Chaco occidentale ha escrescenze di foreste spinose dominate da algaroba (carrubi) nelle zone più aride e spesso saline. Sono presenti alberi di quebracho (una fonte di tannino), ma non nella misura in cui sono più a est. Nessuna pianta sopravvive in aree con sale più fine in superficie. Grappoli grossolani sono comuni nella steppa secca, che supporta anche fitte foreste di macchia mescolate a fichi d’India , botte e molti altri tipi di cactus.

La vegetazione del Chaco diventa sempre più rigogliosa verso est. Le foreste spinose vengono gradualmente sostituite da fitte foreste di quebracho (sebbene di specie meno pregiata di quelle occidentali) e vi sono alcuni popolamenti puri di algaroba. A circa 90 miglia (150 km) a ovest del fiume Paraná , iniziano ad apparire alcuni alberi enormi. La ricca fauna del Chaco comprende cervi, pecari, scimmie, tapiri, giaguari, puma, ocelot, armadilli, capibara e agouti. La vasta avifauna comprende i nandù incapaci di volare, che sono protetti da un rifugio nella zona. I torrenti ospitano numerose specie di pesci, tra cui i piranha, e abbondano serpenti e altri rettili.

Mesopotamia

Sottili distese di alte palme da cera occupano le zone alluvionali della Mesopotamia. Gruppi di alberi e aree erbose formano un paesaggio simile a un parco di notevole bellezza. Alberi comuni sono il quebracho, l’ urunday e il guayacán , usato per tannino e legname. Le foreste della galleria che crescono lungo i fiumi diventano sempre più fitte e più alte nella provincia di Misiones. I pini del Paraná compaiono ad altitudini più elevate. La Mesopotamia è un habitat per giaguari, scimmie, cervi, tapiri, pecari, molte varietà di serpenti e numerosi uccelli, in particolare tucani e colibrì, nonché api senza pungiglione.

Le Pampa

La principale vegetazione della Pampa è la foresta di monte nella Pampa secca e le praterie nella Pampa umida. Il confine tra la Pampa secca e quella umida si trova approssimativamente lungo la longitudine 64° O. Nelle zone più umide si trovano erbe alte fino al ginocchio, mentre a nord, ovest e sud, dove le precipitazioni diminuiscono, le erbe più dure lasciano il posto al monte di la Pampa Secca. L’ albero ombu autoctono , simile a una pianta ( Phytolacca dioica ) è apprezzato per l’ombra che fornisce, ma non ha alcun valore commerciale. Grani, erbe e alberi piantati hanno sostituito gran parte della flora originale.

Patagonia eTerra del Fuoco

La Patagonia contiene zone di foreste andine decidue e, a est delle Ande, di steppa e deserto. L’area più grande, la regione della steppa, si trova nella Patagonia settentrionale tra il fiume Colorado e la città portuale di Comodoro Rivadavia . Questa zona rappresenta un’estensione a sud del monte , che cede gradualmente il posto ad una zona arbustiva xerofitica priva di alberi se non lungo le sponde dei torrenti. All’estremo ovest del confine andino, piccoli popolamenti di araucariasopravvivono e sono presenti anche ciuffi di erbe filiformi. A sud di Comodoro Rivadavia fino all’estremità del continente si alternano una bassa vegetazione a macchia e una verde steppa di erba. La fauna della regione comprende ora rari guanachi e nandù, oltre ad aquile e aironi, la cavia della Patagonia ( mará ) e altri roditori scavatori, gatti di montagna e puma e vari serpenti velenosi.

Le foreste di conifere e latifoglie delle Ande della Patagonia si sono estese al Cile . Sono comuni i faggi antartici e gli alberi aghiformi misti ad araucaria. Le Ande della Patagonia non supportano una vita animale fiorente : vi abita il più piccolo cervo conosciuto, il pudu , e si sono moltiplicati i cinghiali, introdotti dagli europei.

La penisola di Valdés, situata sulla costa atlantica della Patagonia, è nota per la sua fauna selvatica. Di particolare rilievo sono i numerosi mammiferi marini, in particolare balene, elefanti marini e leoni marini, che si trovano nelle sue acque. Nel 1999 la penisola è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO .

Sembra probabile che le erbe della Terra del Fuoco abbiano prima coperto le zone ghiacciate, ma le foreste sono avanzate dopo che la cenere vulcanica si è depositata lì. Il faggio antartico è abbondante nelle valli e cresce insieme al cipresso sui pendii ripidi. Un fenomeno locale vicino alla punta meridionale del continente sono specie di pappagalli e altri uccelli più comunemente associati ai tropici che alla Patagonia. Pinguini e foche frequentano le zone costiere, soprattutto al sud.

Le persone

Gruppi etnici

Pesantel’immigrazione , in particolare dalla Spagna e dall’Italia , ha prodotto in Argentina un popolo che è quasi tutto di origine europea. Nel periodo coloniale, tuttavia, gli esploratori e i coloni spagnoli incontrarono un certo numero di popoli nativi. Tra questi c’erano iDiaguita del nord-ovest andino, un popolo agricolo residente in città che fu costretto a lavorare dopo essere stato conquistato. Furono divisi dagli spagnoli in piccoli gruppi e furono mandati a lavorare in Perù e nella zona del Río de la Plata . Nella regione mesopotamica il semiagricoloAnche i Guaraní furono costretti a lavorare.