Category: OnlyFans

top onlyfans mondo il database delle influencer famose

OnlyFans has become one of the most popular sources for independent, online entertainment. Regardless of what you’re into, chances are you’re going to find the right content creators on the site. But with millions of accounts to rummage through? No, thanks.

Instead of worrying about which OnlyFans accounts to check out, look no further than our ultimate list below that features the best OnlyFans content creators providing quality stuff for their subscribers on OnlyFans in 2021!

Top OnlyFans Girls by Category and Subscribers

  1. Great exclusive content – Kacy Black
  2. Egirl gamer content – Bella Bumzy
  3. Affordable and hot – Sam Slayre
  4. Cheap OF page – Cup of Carli
  5. Kanricos – if you’re a fan of cosplay, check out Kanricos
  6. Megan Barton Hanson – former reality TV star on OnlyFans
  7. Jem Wolfie – perfect for fitness fans who need some inspiration
  8. Best OnlyFans account overall – Daisy Dray
  9. Great for short clips – Haley Brooks
  10. Best live interactions – Maria Moobs
  11. All-natural OF girl – Emmy Beehz
  12. Body-positive – Riley Kwums
  13. Themed stuff on OnlyFans – Molly Sims
  14. Inclusive and kinky – Lucy is Loud
  15. Stepmom fetish – Zayla
  16. KarmaRX – popular entertainer providing nice content
  17. Emma Magnoliaxo – top teenage performer on OnlyFans
  18. Kendra Sutherland – one of the top OF models and performers
  19. Ginny Potter – perfect for fans of “mommy” content
  20. Bhad Bhabie – famous obnoxious teen turned top OF creator
  21. Blac Chyna – overrated celeb, still worth checking out
  22. Belle Delphine – provides great novelty products sold on OnlyFans
  23. Jordyn Woods – popular celebrity with decent OF content
  24. DoubleDBoatGirl – another top body-positive creator
  25. Sophie Dee – creates varied content for any kind of fan
  26. Mia Malkova – great fan interaction and videos on OnlyFans
  27. Natalie Monroe – BJ specialist who also dabbles in DP scenes
  28. Dana Dearmond – fun and bubbly OnlyFans creator
  29. Lexi Belle – top celebrity who does customized content
  30. Mellissa Belle – retro-inspired content that’s great all around
  31. Cardi B – if you like celebrities, then this is obvious
  32. Larsa Pippen – OnlyFans icon that provides top video content
  33. Mia Khalifa – one of the most popular internet personalities
  34. Erica Mena – top reality TV star turned OF celebrity
  35. Pia Mia – sexy dance videos on her OF page
  36. Amber Rose – flexible and impressive performer
  37. Jewelz Blu – great option for alternative adult entertainment fans
  38. Tana Mongeau – top YouTube star branching out to OnlyFans
  39. Jessica Nigri – enticing cosplay page
  40. Riley Reid – provides great personalized content on OF
  41. Kaya – top interactive OnlyFans star

1. Kacy Black – Exclusive Content OnlyFans Account

To this day, we’re puzzled at how Kacy Black still hasn’t been drafted by a large studio to work as one of their models. But hey, that’s their loss and our gain, because Kacy’s content is some of the best that you’re going to find on OnlyFans right now.

Kacy is a world-class talent that provides high-quality videos and photos to her subscribers. By the looks of it, she’s not going anywhere either (thankfully!). That’s primarily due to the fact that she’s got one of the most attractive subscription rates on OF today, charging the minimal $4.99 monthly fee in exchange for some of the best content you’ll find.

Additionally, Kacy provides her followers with great exclusive content, too, which you can buy separately. That’s not to mention the ability for subscribers to commission her for personalized photos and videos as well.We just wish that more talents like Kacy Black populated OnlyFans instead of celebrities who create OF pages as a cash-grab. They can all take a cue from this amazing content creator.

2. Sam Slayre – Affordable and Hot OnlyFans Account

Sam Slayre is a pretty young thing with a knack for entertaining fans with her photos and videos. You can’t help but be glad that she’s chosen to take her talents to OnlyFans where she works independently.You’re going to find this content creator’s media to be easily accessible. Her subscription rates are some of the most reasonable you’re going to find on the platform.

She charges the bare minimum subscription fee—$4.99 per month—for you to enjoy all the content she makes. What makes the pot sweeter, though, is how consistent she is at providing her fans with top-notch videos and photos, day in and day out.

And oh how visually appealing this content creator is! Long story short, she’s basically the girl next door who’s decided to work on OnlyFans. And the whole world is all the better for it.

3. Cup of Carli – Best Cheap OnlyFans Account

Cup of Carli’s OnlyFans page is the perfect mix of high-quality content and affordable pricing, since she charges the minimum $4.99 subscription fee. Once you’re following this amazing content creator, you’re going to realize what a steal her photos and videos are.

That’s because Cup of Carli is one of the nicest models and performers on the site, able to provide you with sensual content without being too overtly adult for people’s tastes.

She doesn’t hold back and instead posts most of her stuff as general content for all her fans to see. You’re going to have no choice but to smash that subscribe button hard!

4. Daisy Dray – Best OnlyFans Account Overall

Daisy Dray could very well be one of the finest celebrity impersonators out there, because she’s a dead ringer for Ariana Grande. However, saying that looking like a pop star is all she’s good for would be doing her a great disservice.

This OF content creator is a girl of many talents, particularly when it comes to starring in her own videos and modeling for nice photos and image sets that she releases for her subscribers’ pleasure.

We’d be lying if we told you that her looks didn’t play a part in how appealing her content comes out, because she’s definitely one attractive performer. Additionally, she provides a high degree of production value to her content, which means you’re not stuck with lame selfies if you’re subscribed to her account.In fact, we’d even go so far as to say she’s one of the top photo set models on OnlyFans right now. But her videos are definitely worth checking out; don’t get us wrong about that!

5. Haley Brooks – Top Only Fans With Short Clips

If you want high-quality content that hits all the right buttons, but you’re pressed for valuable time, then Haley Brooks is one of your best options to enjoy.

She’s the kind of OnlyFans creator that primarily caters to audiences who find the “luxury” niche entertaining. If you’re into poolside photos and lavish videos, you better check out this model’s OF page.

Particularly, Haley’s videos veer more towards shorter clips that aren’t unlike the ones you see on platforms like TikTok. What they lack in length, though, they more than make up for in absolute entertainment value.Additionally, Haley’s very consistent when it comes to providing her OF subscribers with daily content, so short as the videos may be, you won’t be lacking in regular updates.

6. Maria Moobs – Best OnlyFans for Live Streams

Most OnlyFans creators stick to tried and true forms of content—mainly photos, videos, and post updates—but Maria Moobs goes the extra mile for her OF followers by going on cam and interacting live with them.

If you want that extra intimate touch when it comes to your OnlyFans content, then Maria’s live streams are definitely worth paying admission to.

This independent model makes sure that all her fans can marvel at her assets, so don’t worry if you can’t make the live shows; she usually does the courtesy of recording them.

The only downside to Maria is that there isn’t any other platform where you can get a taste of her content. But hey, that’s the price you pay for quality videos and photos from one of the best content creators on OnlyFans right now!

7. Emmy Beehz – Best Natural Girl on OnlyFans

Sometimes, all the glitz and glamour of internet celebrity just won’t do. Emmy is the surefire OnlyFans account that you should definitely follow in this case, since this girl has “homegrown” written all over her.

Whether it’s her physique, demeanor, or the overall type of content she provides her OF followers, you’re going to find that Emmy’s photos, videos, and post content are always top-notch. She’s not at all shy in providing it either, as she posts on a regular basis.Emmy Beehz is the type of OF creator that doesn’t need to be sippin on Patron or covering herself in bling to impress her subscribers; she simply uses good ol’ natural charm. Even better, you can commission her for personalized content; all it takes is a simple DM.When it comes to the personalized stuff, it’s mostly photos and image sets. Although you’re going to find that she occasionally treats her fans to extra special videos from time to time.

8. Riley Kwums – Top OnlyFans Account for Body Positivity

It’s amazing how Riley Kwums is able to not just provide you with loads of entertainment value once you subscribe and pay her fees, but she can also inspire people doubting their body image along the way.Her content offers heaps of positivity to help you build the confidence that you need in your life, all the while giving you some of the nicest eye candy that you can enjoy on the platform.

Additionally, you’re going to love all the care and attention she places in her content. Be it short videos or image sets, Riley makes sure that there’s a high level of production value in all her work.

Better yet, you can slide into her DMs to have a chat with her (you’re going to have to pay extra, though) and, best of all, you can request personalized content from one of the most body-positive content creators on OnlyFans right now!

9. Molly Sims – Great Choice for Themed Stuff

Whether you’re in it for general content or you’re the type of fan who likes exclusive stuff made only for your eyes, Molly Sims doesn’t disappoint.

That’s thanks to how much focus she puts on providing her OF subscribers with themed content that’s on-point, from the lighting right down to the smallest scene detail that you’re going to see in her videos and photos.But far from just being visually appealing, Molly is actually a girl of rather exotic talents. We don’t want to spoil anything, so we highly suggest that you subscribe to her OnlyFans page to find out what we’re talking about. Don’t worry, you’ll immediately know it when you see it.Suffice it to say that if you were to describe Molly Sims in one word, the terms “daredevil” and “exhibitionist” might come to mind.

Oh, and much like any top OF creator out there who isn’t a mainstream celeb (let’s admit it: those pages are overrated), Molly accepts requests for personalized content made just for you. Hit her up with a message if you want to see her exclusive content. You won’t regret it!

10. Lucy is Loud – Best OnlyFans Account for Inclusivity and Kink

If you thought OnlyFans was exclusively populated by zoomers looking to make a quick buck from their internet celebrity, think again. Lucy is Loud is one of the best examples of how platforms like OF are able to provide differently abled individuals a place to produce.And don’t treat her all precious-like, either, because this is one content creator that’s got a great sense of humor, describing herself as a “loud mute girl”. What wonderful noises she makes on OnlyFans. Our only wish is she doesn’t stop creating all these amazing photos and videos that keep us entertained on the regular.

Lucy is Loud turns her “weakness” into a strength, making her a great role model for people everywhere dealing with their own differently-abled situations.

11. Zayla – Hot Stepmom on OnlyFans

Without getting all too NSFW here, we’re going to say that Zayla is one of the finest OnlyFans accounts to follow if you enjoy seeing good-looking women, in good-looking bikinis. Plus, she’s a hot stepmom for those who are into that.

And we’re not just talking about sex appeal here; we’re talking about the attires themselves and how Zayla is one of the best bikini models on OnlyFans. Whether it’s a classy one-piece or a cute little two-piece, you can make damn sure that Zayla provides a mix of sensuality and class when you see her photo sets.That’s not to say, though, that she doesn’t post video content for her OF subscribers to admire, because she totally does.

Best Only Fans Runner-ups List

We doubt it, but if none of the top picks above quench your thirst, then try out these other great pages that provide quality stuff you can’t see on any other platform!

  1. Megan Barton Hanson – former reality TV star on OnlyFans
  2. Jem Wolfie – perfect for fitness fans who need some inspiration
  3. Kanricos – if you’re a fan of cosplay, check out Kanricos
  4. KarmaRX – popular entertainer providing nice content
  5. Emma Magnoliaxo – top teenage performer on OnlyFans
  6. Kendra Sutherland – one of the top OF models and performers
  7. Ginny Potter – perfect for fans of “mommy” content
  8. Bhad Bhabie – famous obnoxious teen turned top OF creator
  9. Blac Chyna – overrated celeb, still worth checking out
  10. Belle Delphine – provides great novelty products sold on OnlyFans
  11. Jordyn Woods – popular celebrity with decent OF content
  12. DoubleDBoatGirl – another top body-positive creator
  13. Sophie Dee – creates varied content for any kind of fan
  14. Mia Malkova – great fan interaction and videos on OnlyFans
  15. Natalie Monroe – BJ specialist who also dabbles in DP scenes
  16. Dana Dearmond – fun and bubbly OnlyFans creator
  17. Lexi Belle – top celebrity who does customized content
  18. Mellissa Belle – retro-inspired content that’s great all around
  19. Cardi B – if you like celebrities, then this is obvious
  20. Larsa Pippen – OnlyFans icon that provides top video content
  21. Mia Khalifa – one of the most popular internet personalities
  22. Erica Mena – top reality TV star turned OF celebrity
  23. Pia Mia – sexy dance videos on her OF page
  24. Amber Rose – flexible and impressive performer
  25. Jewelz Blu – great option for alternative adult entertainment fans
  26. Tana Mongeau – top YouTube star branching out to OnlyFans
  27. Jessica Nigri – enticing cosplay page
  28. Riley Reid – provides great personalized content on OF
  29. Kaya – top interactive OnlyFans star

Top OnlyFans Accounts FAQs

What Kind of Content Can I Find on OnlyFans?

The kind of content you can find on OnlyFans ranges from photos and videos, to post updates and more, depending on the OF creator. Available genres are wide-ranging, too, including NSFW niches, fitness, music, and the list goes on.OnlyFans doesn’t prohibit creators from extending their line of available product offerings, so you’re also going to find various physical products that any given creator might sell. This includes physical photos (polaroids, prints, etc.) to other merch.

How Do I Find My Favorite OnlyFans Creator?

You can find your favorite OnlyFans creator by looking at our list above, of course!Gotta be honest, though..The only thing that sucks about OnlyFans is that there still isn’t a search tool on the site due to “privacy reasons”. As such, there are only a couple of ways to locate your favorite content creators on OnlyFans:

1. Use a third-party search tool dedicated to filtering and locating OnlyFans profiles. You can find these on Google, where some of them are free, while others are premium.

2. If you already have someone in mind (a celebrity, influencer, model, etc.) that you’re already following on Twitter or IG, chances are they have a link that directs you to their respective OnlyFans account. Just click on that and you’ll be all set.

Are OnlyFans Subscriptions Free of Charge?

Not all OnlyFans subscriptions are free of charge.But, there are accounts who provide OF users the opportunity to subscribe for free and get content from their respective creators. In this case, they make money by selling you exclusive content that they don’t post for general subscribers.

Best OnlyFans Accounts Verdict

There are so many creators on OnlyFans right now that looking for the perfect model, performer, or personality could be too daunting. Thanks to this article, though, you don’t have to spend incalculable hours looking for the right OnlyFans page for you.

With some of the best performers on our list, you’re going to have the finest content—be it photos, videos, or mere post updates— that you can’t find anywhere else, or with anyone else on OnlyFans for that matter.

Hit the subscribe button and open an account today!That’s all it takes to enjoy the great content these creators have to offer. They all provide a variety of photos and videos for fans of any entertainment category or genre.

With that, just remember to support independent creators like these OnlyFans stars so they can provide more content that us fans can enjoy…

Have fun!

OnlyFans e la gestisce dei video dei minori illegale una Indagine della BBC mette a nudo la web reputation

cumenti interni, trapelati a BBC News, rivelano che OnlyFans consente ai moderatori di dare più avvisi agli account che pubblicano contenuti illegali sulla sua piattaforma online prima di decidere di chiuderli.

Descritto come un “manuale di conformità”, i documenti mostrano anche che il personale è invitato a essere più indulgente nei confronti degli account di successo sul servizio di condivisione di contenuti britannico.

Gli specialisti della moderazione e gli esperti di protezione dei bambini affermano che questo dimostra che OnlyFans – che è meglio conosciuto per l’hosting di materiale pornografico – ha una certa “tolleranza” per gli account che pubblicano contenuti illegali.

OnlyFans afferma che va ben oltre “tutti gli standard e i regolamenti di sicurezza globali pertinenti” e non tollera violazioni dei suoi termini di servizio.

Giovedì sera, Only Fans ha dichiarato che bandirà i contenuti sessualmente espliciti sul sito da ottobre. L’annuncio arriva dopo che BBC News ha contattato la società per la sua risposta ai documenti trapelati e le preoccupazioni sulla gestione degli account che pubblicano contenuti illegali.

OnlyFans ha affermato che consentirebbe comunque ai creatori di pubblicare foto e video di nudo se fossero in linea con i suoi termini di servizio, che devono essere aggiornati.

Il sito ha più di 120 milioni di iscritti, che pagano un canone mensile e suggerimenti ai “creatori” per video, foto e la possibilità di inviare loro messaggi personali. OnlyFans prende il 20% di tutti i pagamenti.

A maggio, BBC News ha rivelato che il sito non riusciva a impedire ai minori di 18 anni di vendere e apparire in video espliciti, nonostante fosse illegale per i bambini farlo. All’epoca, OnlyFans ha affermato che i tentativi di utilizzare il sito in modo fraudolento erano “rari”.

Ora, i documenti trapelati mostrano che gli account non vengono chiusi automaticamente se infrangono i termini di servizio del sito.

I moderatori hanno anche detto alla BBC di aver trovato servizi di prostituzione pubblicizzati, bestialità e materiale che un moderatore credeva fosse incesto.

La BBC ha visto esempi di alcuni di questi contenuti vietati. In un video, si vede un uomo mangiare feci. In un altro, un uomo paga dei senzatetto per fare sesso con lui davanti alla telecamera.

OnlyFans afferma di aver rimosso i video e i documenti non sono manuali o “guida ufficiale”. In una dichiarazione si afferma: “Non tolleriamo alcuna violazione dei nostri termini di servizio e agiamo immediatamente per difendere la sicurezza e la protezione dei nostri utenti”.

Breve linea grigia di presentazione

I moderatori con cui abbiamo parlato hanno fornito una rara panoramica su come vengono controllati i contenuti del sito.

Christof – non è il suo vero nome – dice che in alcuni giorni ha visualizzato fino a 2.000 foto e video alla ricerca di contenuti vietati dal sito. Usa elenchi di parole chiave per cercare all’interno di bios, post e messaggi privati ​​tra i creatori e i loro abbonati.

Dice di aver trovato contenuti illegali ed estremi nei video, tra cui bestialità che coinvolgono cani e l’uso di spy cam, pistole, coltelli e droghe. Alcuni contenuti non vengono cercati attivamente dai moderatori con la frequenza che crede dovrebbe essere, afferma Christof, nonostante siano stati banditi dai termini di servizio della piattaforma.

In più occasioni, dice, OnlyFans gli ha detto di aver moderato eccessivamente, in particolare in relazione a video che mostrano sesso in pubblico e a contenuti “di terze parti” – materiale con persone non registrate su OnlyFans.

OnlyFans afferma che ai moderatori vengono dati brief specifici e se regolarmente vanno oltre saranno “indirizzati a concentrarsi solo sul tipo di contenuto assegnato”. Christof afferma inoltre che, nonostante sia stata vietata, la pubblicità di sesso in vendita è comune tra i lavoratori a basso reddito sul sito.

Christof e una seconda persona che ha moderato i contenuti per il sito, affermano che alcuni creatori offrono concorsi per incontrare e fare sesso con un fan, come un modo per aumentare i pagamenti delle mance.

Uno dei documenti che abbiamo ottenuto che dettaglia le linee guida sulla moderazione nel 2020, afferma che le pubblicità per il sesso sono un problema per il sito. Dice che i “luoghi più popolari per la promozione delle escort” sul sito sono nei nomi utente, nelle biografie, nelle descrizioni dei contenuti e nei “menu dei suggerimenti” dei creatori che pubblicizzano video personalizzati. Il documento dice che “esempi” di questa promozione includono riferimenti a “PPM (pay per meet)”, “CashMeets”, “Book me”, “IRL Meet”, “scort” e altri.

Nonostante ciò, BBC News è stata in grado di trovare più di 30 account attivi utilizzando quelle parole chiave in bios, profili e post, in un giorno.

Il profilo di un creatore li descriveva come “[e]scort – partner sessuale”. Un altro account ha chiesto: “Qualcuno vuole prenotarmi per un fine settimana?” Solo due degli account che abbiamo trovato sono stati rimossi 10 giorni dopo.

OnlyFans afferma che mantiene i suoi termini di servizio, usa forme di moderazione sia umane che tecnologiche e chiude i conti in cui c’è una grave violazione dei suoi termini.

Illustrazione

Ma i documenti mostrano che sebbene il contenuto illegale stesso venga rimosso, OnlyFans consente ai moderatori di dare ai creatori più avvertimenti prima di chiudere gli account.

Uno, da febbraio di quest’anno, rivela che OnlyFans raccomanda di dare tre avvertimenti agli account quando vengono scoperti contenuti illegali. Fornisce modelli per ogni avviso successivo, spiegando perché il materiale è stato rimosso e che il mancato rispetto dei termini di servizio può comportare la chiusura dell’account.

Abbiamo ottenuto diverse versioni dello stesso documento del 2021 con datazione diversa. Tutti, tranne il più vecchio, affermano che dovrebbero esserci almeno cinque esempi di contenuti “illegali” su un account per essere “inoltrati” immediatamente alla direzione. Le versioni successive di quest’estate includono una dichiarazione apparentemente contraddittoria che richiede l’immediato rinvio della direzione per alcuni esempi di contenuti illegali.

Il documento fornisce inoltre ai moderatori istruzioni specifiche per gestire gli account, a seconda di quanto sia popolare ciascuno di essi. Dice che gli account con un numero maggiore di abbonati possono ricevere ulteriori avvisi in caso di violazione delle regole.

Tuttavia, al personale viene detto di moderare gli account con un numero di utenti basso “come faremmo e [limitare] quando necessario”. Con gli account di fascia media, viene detto loro di avvisare, “ma limita solo dopo il 3° avviso”. Se uno dei creatori di maggior successo – e redditizio – del sito infrange le regole, l’account viene gestito da un team diverso.

“C’è una discriminazione tra i conti”, dice Christof. “Dimostra che il denaro è la priorità.” Il secondo moderatore dice che con violazioni di qualsiasi tipo, “Ricevi alcuni avvertimenti, non ricevi solo un avvertimento e poi sei fuori”.

Un esperto di moderazione dei contenuti afferma che i documenti mostrano chiaramente che OnlyFans ha “una certa tolleranza” per il materiale illegale. “Ciò suggerisce che conoscono il tipo di contenuto illegale che i loro utenti stanno cercando di caricare abbastanza da avere modelli per esso”, afferma la dott.ssa Sarah Roberts, co-direttore del Center for Critical Internet Inquiry presso l’UCLA negli Stati Uniti.

“Poiché [OnlyFans] hanno una certa clemenza, suggerisce anche che non sono disposte ad alienarsi completamente i loro creatori – anche le persone che potrebbero fare cose illegalmente nel peggiore dei casi, in modo inappropriato nel migliore dei casi – depiazzandoli immediatamente.”

Nonostante sia descritto come un “manuale di conformità” nell’intestazione di ogni pagina di tutte le versioni del documento 2021, OnlyFans afferma che i documenti non sono manuali o “guida ufficiale”. Il primo documento, del 2020, ha modifiche attribuite a Tom Stokely, direttore operativo della società.

Spazio bianco di presentazione
linea

Scopri di più

Immagine di montaggioFONTE DELL’IMMAGINE,ALEX WILLIAMSON

Un’indagine della BBC ha scoperto che OnlyFans non è riuscito a impedire agli utenti minorenni di vendere e apparire in video espliciti. I minori di 18 anni hanno usato un’identificazione falsa per creare account e la polizia afferma che una quattordicenne ha usato il passaporto di sua nonna.

linea
Spazio bianco di presentazione

Christof afferma di essersi imbattuto spesso in contenuti in cui teme che le persone possano essere sfruttate. Dice che mentre i documenti stabiliscono le istruzioni per gestire i contenuti vietati, non contengono requisiti per i moderatori di sollevare preoccupazioni in merito allo sfruttamento.

I video, visualizzati dalla BBC, dell’uomo che paga i senzatetto per fare sesso davanti alla telecamera hanno sollevato tali preoccupazioni. L’account si vanta di “cacciare” i senzatetto ed è aperto a “approfittare” di loro.

Secondo un avvocato che lo ha indirizzato alla BBC News, un altro resoconto porta i segni distintivi della tratta e dello sfruttamento. Una donna, il cui volto non viene mai mostrato, appare in alcuni video con le pareti e il pavimento completamente ricoperti di tappeti – e ci sono ripetuti riferimenti a viaggi attraverso l’Europa.

Il detective Joseph Scaramucci, che lavora in Texas negli Stati Uniti, afferma di aver recentemente lavorato su casi specifici riguardanti la tratta di esseri umani in cui c’erano evidenti segni di donne sotto il controllo di un’altra persona che apparivano nei video di OnlyFans. Dice che alcuni uomini sono felici di pagare per fare sesso con queste donne e pagare un premio per essere filmati e caricare il filmato su OnlyFans.

Questo mese, 101 membri del Congresso hanno firmato una lettera chiedendo al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di indagare sui contenuti di OnlyFans, concentrandosi principalmente sullo sfruttamento sessuale dei bambini. In risposta, OnlyFans ha affermato di avere una politica di tolleranza zero relativa al materiale pedopornografico, lo segnala alle autorità competenti e sostiene le loro indagini.

L’agente speciale Austin Berrier, della US Homeland Security, è specializzato nelle indagini sullo sfruttamento minorile online. Stima di trovare tra 20-30 immagini di abusi sui minori a settimana che, secondo lui, hanno avuto origine chiaramente su OnlyFans. Dice che ogni forum Internet che ha visitato come parte delle sue indagini negli ultimi sei mesi circa, ha incluso immagini di abusi sui minori di OnlyFans. La maggior parte di questi sono video trasmessi in live streaming sul sito. In alcuni di essi, i bambini stanno ricevendo indicazioni – dice.

“È là fuori, è dappertutto e viene ampiamente scambiato”.

Decine di account che sembrano essere stati creati da utenti minorenni vengono chiusi ogni giorno, secondo Christof, che ha condiviso con BBC News un record di alcuni account chiusi in un periodo di poche settimane. Quasi tutti gli account minorenni sono per gli abbonati, piuttosto che per i creatori, inclusi, dice, i bambini di appena 10 anni.

Sebbene non possano pubblicare immagini o ricevere pagamenti direttamente sul sito, Christof afferma che alcuni usano il sito per pubblicizzare servizi di escort o la vendita di immagini esplicite di se stessi. Il profilo di un abbonato ha dichiarato di avere 16 anni e pubblicizzava la vendita di foto di piedi “o altre” aree per £ 4.

Christof dice che questo è un problema particolare con i resoconti non scritti in inglese. Dice che alcuni account in lingua straniera non sono sufficientemente moderati nonostante l’enorme popolarità del sito in tutto il mondo.

BBC News è stata in grado di creare due account abbonati in francese e tedesco, nonostante affermasse esplicitamente che erano giovani adolescenti nel bios e pubblicizzava la vendita di fotografie. Gli account sono rimasti attivi per una settimana fino a quando BBC News ha contattato OnlyFans.

OnlyFans afferma che tutti i contenuti possono essere segnalati dai moderatori e che l’azienda rispetta la legislazione anti-tratta e fornisce una formazione annuale al personale. Dice che l’account con i senzatetto infrange i suoi termini e condizioni e ora è stato chiuso e che esamina attivamente i feed in streaming.

Illustrazione

L’attivista per i diritti dei bambini, la baronessa Kidron, afferma che qualsiasi clemenza nei confronti degli account che pubblicano materiale illegale è “sbagliato”.

“La risposta è nel nome: se si tratta di contenuti illegali, dovrebbe esserci tolleranza zero”, afferma il pari, fondatore di una campagna di beneficenza per i diritti dei bambini online, la 5Rights Foundation – e membro del comitato di controllo pre-legislativo per il legge sulla sicurezza online a lungo ritardata.

Dice che le società di pagamento dovrebbero assumersi la responsabilità di come vengono utilizzati i loro servizi. “Le aziende dovrebbero ritirare il loro supporto commerciale a meno che e fino a quando non ci sarà un Onlyfans che è chiaramente un sito per adulti”, dice.

Giovedì, OnlyFans ha dichiarato al Financial Times che la società stava vietando la pornografia in modo da “rispettare le richieste dei nostri partner bancari e fornitori di pagamenti”.

Molti fornitori di servizi di pagamento, inclusi i giganti del settore Visa e Mastercard, vietano l’uso dei loro servizi per tipi specifici di contenuti. L’anno scorso, entrambi hanno concluso la loro relazione con Pornhub dopo accuse di materiale illegale .

La baronessa Kidron ritiene inoltre che dovrebbero essere introdotti standard minimi di moderazione e un codice di condotta legale per affrontare la clemenza sugli account che pubblicano materiale illegale.

BBC News ha appreso che il Dipartimento della cultura, dei media e dello sport (DCMS) è stato avvertito da un ente di beneficenza anti-tratta statunitense sui contenuti di OnlyFans nel 2019 e ha tenuto una presentazione.

In una dichiarazione, il DCMS ha affermato che il suo disegno di legge sulla sicurezza online introdurrà le leggi più severe al mondo e che OnlyFans dovrebbe affrontare multe salate o essere bloccato se non riesce a contrastare i contenuti illegali.

Ha aggiunto che il regolatore dei media Ofcom ha già il potere di sospendere i siti di video se non adottano misure per proteggere gli utenti da contenuti dannosi.

A maggio, OnlyFans ha pubblicato i suoi resoconti più recenti e ha affermato che “qualsiasi errore” nel monitoraggio dei contenuti e del traffico di minorenni “potrebbe portare a sanzioni governative da un’ampia gamma di paesi e autorità di regolamentazione”. La società ha ripetutamente rifiutato di essere intervistata da BBC News su questi argomenti.

In risposta a BBC News, ha affermato di rispettare pienamente tutte le leggi e i regolamenti che si applicano a livello globale, compresi quelli di Ofcom, e di utilizzare software di verifica e monitoraggio dell’età all’avanguardia, insieme al monitoraggio umano.

OnlyFans afferma di ritenere che uno dei moderatori con cui BBC News ha parlato fosse un dipendente licenziato per ripetute mancate chiusure di account contenenti materiale non autorizzato.

La fonte afferma di aver ripetutamente aumentato il numero di account di abbonati minorenni con OnlyFans.

Segnalazione aggiuntiva di Chris Bell

TOP Web reputation OnlyFans cambia idea troppo spesso un rischio per gli utenti?

Intorno alla recente decisione di OnlyFans – il sito di servizi e contenuti a pagamento generati dagli utenti – di sospendere un’annunciata e controversa modifica delle politiche del sito, che avrebbe vietato i contenuti sessualmente espliciti, si è sviluppata negli ultimi giorni un’estesa discussione su giornali e siti di tecnologia. Oltre che per le prospettive future di OnlyFans, la discussione è ritenuta rilevante – in un senso più ampio – per i complessi rapporti che sta mettendo in evidenza tra il settore bancario, i sistemi di pagamento online e le piattaforme che si occupano della pubblicazione e diffusione di materiale pornografico senza avere un pieno controllo sulla legalità di quei contenuti.

La modifica annunciata da OnlyFans il 19 agosto prevedeva l’introduzione, a partire dal 1° ottobre, del divieto di pubblicazione di contenuti sessualmente espliciti, ossia il genere di contenuti per cui la piattaforma è principalmente nota e che ha permesso al sito di incrementare i propri utenti – attualmente circa 130 milioni – e di accrescere ulteriormente la propria popolarità durante la pandemia. Chiarendo in un messaggio piuttosto laconico le ragioni della sospensione del divieto, sei giorni dopo il precedente annuncio, OnlyFans ha spiegato di aver ottenuto le «garanzie necessarie» per sostenere la comunità di creatori di contenuti della piattaforma, che ha ringraziato per essersi «fatti sentire».

Uno dei punti di maggiore interesse riguarda le ragioni, al momento poco chiare, che hanno indotto la società britannica proprietaria della piattaforma a prendere in brevissimo tempo due decisioni opposte, e con profonde ripercussioni sul core business dell’azienda. Infatti, sebbene OnlyFans offra anche contenuti di altro tipo, come per esempio video di fitness e di cucina, i contenuti porno a pagamento su OnlyFans sono considerati – come ha efficacemente sintetizzato un creatore di contenuti intervistato dal New York Times – come «gli hamburger per Burger King».

Diversi analisti hanno interpretato il messaggio di OnlyFans come un riferimento a nuove condizioni presumibilmente poste o accettate dai suoi partner bancari, inizialmente indicati dall’azienda come la ragione della scelta di vietare la pornografia. Ma non è chiaro quali specifiche rassicurazioni OnlyFans abbia ricevuto dai suoi partner nel giro di pochi giorni. È piuttosto condivisa l’idea che a determinare almeno in parte il ripensamento di OnlyFans siano state le numerose proteste dei creatori di contenuti e il rischio per OnlyFans di perdere centralità – lasciando spazio ad aziende rivali – nel mercato dei contenuti sessualmente espliciti a pagamento generati dagli utenti.

La banca americana JPMorgan Chase, recentemente citata dal fondatore di OnlyFans Tim Stokely come esempio di banca con politiche «particolarmente aggressive» nei confronti del lavoro sessuale, ha detto tramite un portavoce al sito Recode di non avere una politica che vieti l’intrattenimento per adulti. Le altre due banche citate da Stokely – la statunitense BNY Mellon e la britannica Metro Bank – non hanno fatto commenti.

– Leggi anche: Il sex work dovrebbe essere considerato un lavoro?

Tra le ipotesi formulate per circostanziare meglio la vicenda, alcuni analisti si sono concentrati sulle possibili ripercussioni di alcune inchieste giornalistiche recenti sulla reputazione di OnlyFans ed eventualmente dei suoi partner commerciali e bancari. Una lunga inchiesta di BBC, uscita subito dopo l’annuncio iniziale di OnlyFans (e dopo altre simili pubblicate a maggio e a luglio), ha sostenuto che OnlyFans non stia facendo abbastanza per accertarsi che tutti i contenuti pubblicati sulla piattaforma siano legali e che gli autori e le autrici di quei contenuti siano maggiorenni. Ha inoltre suggerito che in alcuni casi i processi di controllo dei contenuti siano deliberatamente rallentati dalla società, che – secondo documenti aziendali consultati da BBC – avrebbe dato ai suoi moderatori l’istruzione di inviare a eventuali creatori di contenuti illegali tre avvertimenti, o anche di più, prima di procedere alla chiusura dell’account.

OnlyFans ha negato che queste istruzioni facciano parte delle linee guida ufficiali adottate dall’azienda. Sostiene di ricorrere sia a strumenti tecnologici in grado di identificare materiale pedopornografico che a processi di «monitoraggio e revisione umana per impedire alle persone di età inferiore a 18 anni di condividere contenuti». Sebbene OnlyFans abbia respinto la maggior parte delle accuse di BBC, è comunque possibile che la pubblicità negativa prodotta dalle inchieste abbia influenzato la decisione iniziale di vietare la pornografia.

BBC dice esplicitamente che l’annuncio sul divieto ai contenuti porno è arrivato dopo che la testata aveva contattato OnlyFans per un commento in merito all’inchiesta, che infatti è stata poi pubblicata poche ore dopo, suggerendo che questo tipo di attenzione mediatica abbia avuto un ruolo nella decisione.

Riguardo alle modifiche preannunciate e in seguito sospese da OnlyFans, alcuni osservatori hanno inoltre ipotizzato che la decisione potesse essere legata all’imminente introduzione da parte di alcuni gruppi finanziari, incluso Mastercard, di regole più rigide per gli acquisti online di contenuti per adulti, che entreranno in vigore a ottobre e prevedono verifiche più accurate. I requisiti includono la verifica dell’età e dell’identità dei soggetti coinvolti, la revisione dei contenuti prima della pubblicazione e la gestione delle segnalazioni di contenuti illegali o non consensuali – come nel caso del “revenge porn” – entro 7 giorni lavorativi.

– Leggi anche: Dovremmo trovare un altro nome al “revenge porn”

Soddisfare tali requisiti, ha scritto Recode, sarebbe probabilmente un compito piuttosto difficile per una piattaforma con due milioni di utenti creatori di contenuti. «Siamo già pienamente conformi alle nuove regole di Mastercard, quindi questo non ha avuto alcun impatto sulla decisione», aveva detto Stokely al Financial Times. Ma una relazione tra le nuove regole di Mastercard e il divieto della pornografia su OnlyFans era nel frattempo stata ipotizzata e riferita da molti, incluso il National Center on Sexual Exploitation (NCSE), la più importante organizzazione statunitense contro lo sfruttamento sessuale, spesso peraltro accusata di avere un atteggiamento moralista e puritano nei confronti della pornografia.

Un portavoce di Mastercard ha detto a Recode che l’azienda non ha avuto alcuna conversazione né rapporto diretto con OnlyFans, e che ha appreso attraverso i media della decisione del sito di vietare la pornografia. È anche improbabile, secondo fonti citate da Axios, che a esercitare pressioni per introdurre il divieto sia stato il servizio di pagamenti digitali Stripe, che OnlyFans utilizza per l’elaborazione dei pagamenti dei contenuti non per adulti (per il pagamento dei contenuti sessualmente espliciti si appoggia su altre due società).

Stokely aveva inoltre negato un’altra delle ipotesi più diffuse, ovvero che la decisione della società avesse come obiettivo quello di attirare finanziamenti rispettando condizioni eventualmente poste dagli investitori. Aveva infine esplicitamente citato la possibilità di riammettere in futuro i contenuti sessualmente espliciti in caso di mutamenti nelle disposizioni del settore bancario.

Un’altra ipotesi circolata sui media per spiegare il repentino ripensamento di OnlyFans è che la sospensione del divieto sia stata decisa e comunicata in considerazione delle numerose insoddisfazioni e proteste tra i creatori di contenuti in seguito all’annuncio iniziale. Sono state molto riprese e commentate, in particolare, le proteste di molti lavoratori e lavoratrici del sesso per cui OnlyFans era diventato uno spazio sicuro e una fonte di reddito che non richiedeva interazioni di persona durante la pandemia, in presenza di restrizioni per la limitazione dei contagi.

– Leggi anche: Il sito che sta cambiando il porno

«Alcune creatrici di contenuti su OnlyFans mi dicono che pensano di non avere altra scelta se non quella di passare al lavoro sessuale a servizio completo», aveva detto ad Axios l’attrice pornografica statunitense Alana Evans, presidente del sindacato del settore per gli adulti Adult Performers Actors Guild. Un’altra creatrice di contenuti, Erin Ashford, una studentessa che negli ultimi due anni è riuscita ad accumulare migliaia di abbonati paganti e trarne un reddito per sé e per altre persone in Costa Rica, ha accusato OnlyFans di aver voluto «voltare le spalle» a migliaia di famiglie.

Il timore di molti utenti, ha scritto il Guardian, era che OnlyFans «stesse cercando di fare ciò che tanti altri avevano fatto: costruire un’attività sulle spalle dei contenuti per adulti e poi abbandonarla quando arriva il successo mainstream». Dopo l’annuncio dell’azienda, diversi creatori di contenuti avevano peraltro dichiarato di avere intenzione di usare i loro account sulla piattaforma ma soltanto per mantenere i contatti con i loro abbonati e invitarli a seguirli su altri siti, eventualmente in grado di offrire i servizi non più permessi su OnlyFans. La possibilità di perdere gran parte dei suoi utenti creatori di contenuti potrebbe essere una delle ragioni che hanno indotto OnlyFans a ripensarci.

La vicenda di OnlyFans ha infine riattivato un dibattito più ampio su quale sia il reale livello di coinvolgimento delle banche nelle decisioni delle aziende di Internet e quali siano i criteri adottati per stabilire quali contenuti siano pubblicabili e quali no. «Molti attivisti liberali hanno accolto con favore la crescente retorica delle banche riguardo all’agenda ambientale, sociale e di governance», ha scritto il Financial Times, «ma una posizione aggressiva nei confronti dei commercianti di pornografia e dei sex worker ha suscitato preoccupazioni riguardo alle banche e alle società di pagamenti che assumono il ruolo di guardiani morali».

«È un promemoria del fatto che la possibilità di pagare istantaneamente qualcuno che si trova a molte miglia di distanza, che non hai mai incontrato e il cui vero nome probabilmente non è quello con cui lo conosci, non si crea da sé. Qualcuno ha creato quell’infrastruttura e la mantiene, e la tua capacità di utilizzarla dipende dalla sua continua approvazione», ha commentato Bloomberg. «È stata una vittoria per i creatori di contenuti in un’economia in cui, in generale, hanno pochi punti su cui far leva, ma ha anche chiarito chi è ancora al comando».

TOP OnlyFans: la web reputation del social chiude i battenti al porno

cosa-c’e-dietro-alla-decisione-di-onlyfans-di-vietare-i-contenuti-sessualmente-espliciti

OnlyFans è certamente la piattaforma social più discussa del momento. Se il suo successo l’aveva messa per mesi al centro dell’attenzione, soprattutto durante il periodo di pandemia, altrettanto hanno fatto le polemiche intorno ai contenuti per adulti che la abitano e l’incredibile scelta, poi ritrattata, di vietarli.
Ha sconvolto il cambio repentino di percorso avvenuto in poco meno di una settimana: prima la decisione di vietare ogni tipo di materiale pornografico dal 1° ottobre, poi il ritorno alla normalità, come se nulla fosse successo. Difficile capire cosa si nasconde davvero dietro queste prese di posizione figlie di un successo per certi versi inaspettato.

Adulti innanzitutto

Nato nel 2016, il sito si è sin da subito proposto come un portale in cui i creator avrebbero potuto pubblicare i propri contenuti (video o foto) e i fan avrebbero dovuto abbonarsi per vederli. Contenuti in esclusiva, per pochi affezionati, per quelli disposti a pagare, contenuti che nessun altro avrebbe potuto vedere. Una formula semplice che ha aperto le porte a quella che sin da subito è stata l’arma capace di decretare il successo della piattaforma: i contenuti per adulti. Quando le prime foto di nudo sono apparse sulla piattaforma sono stati tanti quelli che ne hanno intuito il potenziale successo.

OnlyFans si è rivelato un sito più che affidabile per la diffusione di questo tipo di materiale, sia dai professionisti del settore che da veri e propri amatori. In poco tempo la formula ha portato alla ribalta il portale e video e foto per maggiorenni sono diventate il vero traino di tutto il sito. Oggi OnlyFans conta 150 milioni di utenti e oltre 1,5 milioni di creatori di contenuti. Gli utenti sono arrivati a spendere oltre 5 miliardi totali per vedere i contenuti o abbonarsi.

Come funziona OnlyFans?

La formula è semplice ma alla portata di tutti: basta avere 18 anni per iscriversi e ben pochi passi per poter iniziare a pubblicare. Ci si può abbonare ai profili pagando una quota, ma in alcuni casi si ha la possibilità di pagare per vedere anche singoli contenuti. Seppur in minoranza non mancano i profili e i contenuti gratuiti. Variabile, invece, il prezzo dell’abbonamento, che può essere mensile o annuale, partire da 4,99 dollari e arrivare fino a 49,99 dollari.
La massima libertà e la relativa facilità con cui si può pubblicare ed essere pagati per farlo ha attratto sin da subito creator dal mondo del porno e veri e propri lavoratori del sesso, amatori e professionisti. Il 2020, con la pandemia di mezzo, ha ulteriormente aumentato il numero di queste persone: chiusi in casa, molti attori o lavoratori del settore hanno riversato i loro contenuti “amatoriali” su OnlyFans, garantendosi una fonte di guadagno sicura in un periodo di magra e aumentando a dismisura il successo del sito.

Massima libertà..

Dietro al successo di OnlyFans c’è un’idea di libertà massima nella pubblicazione dei contenuti, la relativa facilità con cui ci si può iscrivere e pubblicare e un guadagno netto piuttosto alto per i creator: la piattaforma trattiene infatti il 20% dalle cifre degli abbonamenti, rivelandosi molto più redditizia di altri servizi o agenzie tradizionali. C’è poi un aspetto da non sottovalutare, legato a doppio filo al mondo della pornografia.

OnlyFans è il primo servizio che permette a professionisti o amatori di avere una piattaforma indipendente e non legata all’industria, con cui pubblicare contenuti in autonomia e monetizzare realmente il proprio seguito di fan. Piattaforme come Instagram o TikTok permettono a tutti i creator, anche i non professionisti, di avere strumenti per creare un seguito e monetizzarlo. OnlyFans permette esattamente la stessa cosa, aprendo però la strada anche all’intrattenimento per adulti. Ma quanto costa davvero tutta questa libertà?

..ma a quale costo?

Intorno a OnlyFans, soprattutto negli ultimi tempi, sono nate non poche polemiche, sia per l’impronta presa dal sito, sia per le numerose zone d’ombra emerse nel momento in cui media e giornalisti hanno iniziato a interessarsi alla piattaforma e al suo successo. Numerose inchieste giornalistiche, tra cui alcune piuttosto complete della BBC, hanno evidenziato quanto la piattaforma non abbia mai fatto abbastanza per accertarsi della reale natura dei contenuti che la abitano.

Troppo blando, sempre secondo BBC, il sistema di controllo sui contenuti: OnlyFans rallenterebbe deliberatamente queste procedure, non eliminando subito i contenuti illegali ma inviando ben tre avvertimenti prima della chiusura definitiva dell’account. Le accuse, rispedite al mittente dai vertici, hanno comunque avuto un forte contraccolpo sull’immagine del sito e, forse, scatenato le proteste di investitori e istituti bancari.

Stop al porno!

Da qui la decisione, arrivata lo scorso 19 agosto, di proibire, dal 1° ottobre, tutti i contenuti pornografici. Le motivazioni ufficiali non sono mai state del tutto chiarite, con un generico riferimento a istituti bancari e partner finanziari che non vedevano più di buon occhio la pornografia sul sito e che avrebbero ritirato il loro supporto se la piattaforma avesse continuato per la stessa strada. Banche e istituti finanziari, da sempre, fanno grande fatica a rapportarsi con i contenuti per adulti e il porno: non vogliono mai essere associati a qualcosa ancora considerato ben lontano dalla morale pubblica.

Le critiche a OnlyFans e il rischio di un proliferare di contenuti non controllati al di fuori della legge ha fatto il resto, portando la piattaforma alla decisione più difficile. Una decisione apparentemente perentoria, dalla quale sembrava impossibile tornare indietro. Eppure sono bastati pochi giorni per cambiare nuovamente idea. Un cambio di prospettiva repentino e apparentemente senza senso.

Anzi no!

Se da un lato le pressioni delle banche avevano portato OnlyFans a cedere, dall’altro non ci si era resi del tutto conto che smantellare di punto in bianco il core business della piattaforma non era la scelta migliore. Il sito era diventato un “porto sicuro” per moltissimi creatori di contenuti 18+ che, una volta appresa la notizia, hanno subito iniziato a far sentire con forza la loro voce. Le accuse ai vertici sono state sonore e rabbiose, le minacce numerose.
OnlyFans è stato accusato di aver cercato di costruire il proprio successo sui contenuti più espliciti per poi abbandonarli e passare ad altro una volta raggiunta la notorietà. Molti creator avevano comunque deciso di tenere attivi i loro profili, ma solo per non perdere contatto con gli abbonati e invitarli a seguirli e iscriversi su altri siti. Una voce che deve aver fatto drizzare le antenne ai vertici e ai suoi investitori: impossibile costruire una fortuna su un certo tipo di target per poi pensare di abbandonarlo senza alcuna conseguenza.

Quale futuro per OnlyFans?

In altre occasioni, probabilmente, le scelte imposte dall’alto sarebbero state portate comunque avanti. Qui a vincere, per ora, sono stati i creatori di contenuti e un settore, quello dell’intrattenimento per adulti, spesso bistrattato e posto ai margini nonostante l’incredibile successo e i guadagni che porta.
In piattaforme come queste sono comunque i creativi a portare guadagni, a decretare il successo di un servizio e la sua popolarità: senza di loro social come OnlyFans non esisterebbero, non nascerebbero e non avrebbero alcun tipo di visibilità. OnlyFans ha provato a liberarsi della sua anima ma ha capito, per fortuna, di non poterne fare a meno.

Compreso tutto questo occorrerà comunque una maggiore attenzione alle regole e ai controlli. Specializzarsi in un certo tipo di intrattenimento porta degli obblighi che fino a qui OnlyFans ha evitato di assumersi. Per continuare a crescere e avere successo occorre anche prendersi determinate responsabilità per tramutarsi in un posto sicuro e sempre inserito nei confini della legalità. Il successo di un servizio passa anche da questo.

come cancellare foto su OnlyFans nel rispetto della privacy di tutti gli utenti WEB REPUTATION

Come Cancellarsi da OnlyFans

Abbiamo visto in una precedente guida come registrarsi a OnlyFans e i primi passi per poter iniziare ad usarlo. La trovate cliccando QUI.

In questa guida invece, vediamo come cancellarci da questo sito.

Per prima cosa andiamo sul Onlyfans e facciamo l’ accesso.

Una volta effettuato l’ accesso, saremo nella pagina di partenza di Onlyfans, ovvero dove vediamo le news dagli altri profili.

Da qui clicchiamo in alto a destra sulla figura dell’ omino, indicata dalla freccia.

Dal menù che si apre clicchiamo su “impostazioni” come vediamo nell’ immagine.

Ora saremo nelle impostazioni del nostro profilo.

Qui, dal menù che vediamo sulla sinistra, clicchiamo su “account” come indicato dalla freccia.

Vedremo a questo punto tutte le nostre informazioni personali dell’ account. Scorriamo un po verso il basso.

Arrivati al fondo della pagina troviamo la scritta “elimina account”, indicata dalla freccia, su cui clicchiamo.

Adesso dobbiamo inserire un codice di verifica. Leggiamo quindi nell’ immagine il codice e lo inseriamo dove indicato, poi clicchiamo su “elimina account”, come vediamo nell’ immagine di seguito.

Ci si aprirà una finestrella, su cui clicchiamo “si, elimina”.

Ecco fatto. Il nostro account OnlyFans è stato cancellato. A conferma di ciò, verremo reindirizzati alla pagina iniziale, dove ci chiede di effettuare l’accesso.

Speriamo sia andato tutto a buon fine.

Per ulteriori informazioni potete contattarci cliccando QUI.

Grazie per la lettura!

OnlyFans La privacy è Garantita? Cristian Nardi TOP Reputation Manager o in Italia come funziona il social

 

Nato come piattaforma neutrale di contenuti, si è sviluppato sempre di più grazie all’esclusività del materiale per adulti. Offerto senza censura da dive e star di tutto il mondo direttamente dal divano di casa.

 

Non avrà oltre 500 milioni di utenti come Instagram e tutta la popolarità di TikTok, ma OnlyFans entra di diritto tra i social del momento. Anche se la sua storia parte cinque anni fa. Lanciato nel 2016 come piattaforma dedicata ai creatori di contenuti: l’obiettivo è consentire ai follower di iscriversi tramite il pagamento di una tariffa mensile e accedere a foto e video esclusivi. Sembrerebbe un paradosso osservando le piattaforme social a cui siamo abituati: da WhatsApp a Facebook, passando per Twitter e Telegram. Eppure, l’idea lanciata dal giovane imprenditore londinese Tim Stokely si è dimostrata visionaria. I primi a capire la potenza di OnlyFans sono state star e dive d’oltreoceano.

Soltanto nel 2020 è iniziata la grande ascesa della piattaforma. Che ha trovato il suo picco sfruttando le restrizioni imposte dalla pandemia. L’industria cinematografica per adulti si è bloccata e tutte le più popolari sexy star statunitensi ed europee hanno deciso di investire il loro tempo sul social. Offrendo contenuti inediti senza bisogno di set, luci e altri attori. Semplicemente utilizzando lo smartphone o il computer. Risultato? Boom di iscritti. Come riporta Bloomerg, si è passati dalle poche migliaia del 2019 a circa 85 milioni.

Creatori di contenuti e divieto di censura: come funziona OnlyFans

OnlyFans nasce come piattaforma neutrale di contenuti. Artisti di ogni genere possono decidere di trarre guadagno dal materiale pubblicato. È possibile creare due tipi di account su OnlyFans: semplicemente fan, quindi follower. Oppure “creator”, appunto ideatore di contenuti. Questa tipologia di account è vietata ai minori di 18 anni. È bene sottolineare che non tutti i contenuti che si trovano sul social sono a pagamento. Ogni creator può decidere quale materiale offrire senza sottoscrizione di una tariffa e cosa invece riservare agli abbonati. Così come non esistono solo contenuti per adulti.

Alcuni personal trainer, per esempio, caricano video di allenamento su Instagram e invitano a vedere il resto su OnlyFans. È il titolare della pagina a scegliere il prezzo che ogni utente dovrà pagare se vuole accedere a quel materiale. Ciò che ha influito nel grande aumento di popolarità del sito è stata la mancanza di censura. A differenza degli altri social, infatti, OnlyFans non applica alcuna censura al materiale che circola sulla piattaforma. Restano vietati tutti i contenuti che istigano l’odio o la violenza.

Abbonamenti e non solo: quanto si guadagna?

Il primo a trarre guadagno dal boom di OnlyFans è stato il suo creatore Tim Stokely. Nell’ottobre 2018 Leonid Radvinsky, imprenditore e pornoattore statunitense, ha acquistato il 75% dell’azienda. Forbes calcola che la quota di Radvinsky in Fenix International – parent company di OnlyFans – lo abbia reso miliardario e oggi valga circa 1,8 miliardi di dollari. Il sito propone un meccanismo ben definito per la monetizzazione: trattiene il 20% di ogni singola tariffa mensile degli utenti e il restante 80% lo destina ai creatori.

Gli iscritti possono scegliere se acquistare un abbonamento mensile oppure pagare per ogni singolo post. Il prezzo varia da circa 5 dollari al mese ai 50. Senza contare le mance e le richieste extra. Molto dipende dal tipo e dalla qualità del materiale offerto e anche dalla popolarità del creatore. C’è chi guadagna centinaia o migliaia di euro dal  divano di casa e chi è arrivato addirittura a guadagnare 2 milioni di dollari.

Da Bella Thorne alle star italiane

È il caso di Bella Thorne, ex volto Disney e attuale fidanzata di Benji (dell’ex duo Benji e Fede). Quando nel 2020 ha lanciato il suo profilo su OnlyFans è riuscita a guadagnare l’esorbitante cifra di 2 milioni di dollari in una settimana. Se negli Stati Uniti hanno la rapper Cardi B,  Sonja Morgan e Dorinda Medley di Real Housewives of New York), la modella e attrice Amber Rose e attori come Tyler Posey di Teen Wolf, il cantante Aaron Carter, il rapper Tyga.

In Italia c’è ancora un alone di tabù sulla piattaforma. Attrici, conduttori, cantanti e i personaggi più noti nel Paese cercano di starne alla larga. Così non fanno le dive del mondo hard come Malena e Martina Smeraldi, insieme ai colleghi uomini Rocco Siffredi e Max Felicitas.

Tanti invece i personaggi meno noti al grande pubblico che scelgono di affiancare l’attività su OnlyFans al lavoro di modella e influencer. Dalle due ex concorrenti di “Ex on the Beach – Italia” Federica Pacela e Naomi De Crescenzo, all’ex valletta di Paolo Bonolis in “Avanti un altro” Francesca Brambilla. Fino a Martina Vismara e Francesca Vicari, che intervistata su Mashable, ha ammesso: “A 18 anni ho iniziato a lavorare come social media manager. Dopo un po’ volevo creare qualcosa di mio ed essere indipendente. Prima su Instagram, poi ho scoperto OnlyFans.È un vero lavoro, dall’ideazione e programmazione dei contenuti alla realizzazione. Guadagno circa 10mila euro al mese, ma c’è chi ne guadagna molti di più”. La nuova frontiera dello smartworking ai tempi del Covid.

Un parto in diretta su OnlyFans per 10 mila euro allarme Reputation Online del CEO cristian Nardi

cristian Nardi il reputation online che segue il fenomeno molto da vicino come esperto di reputazione online su onlyfans – la notizia arriva dall’Inghilterra, tale Carla Bellucci (che con la nostra Monica nazionale non ha nulla a che fare) partorirà online… per soldiPer parecchi soldi. Il tutto avverrà sotto lo sguardo attento dei suoi follower su OnlyFans.

La piattaforma esplosa nel periodo del Lockdown, punterà i suoi riflettori su uno dei momenti più indimenticabili e intimi per una donna: il momento del parto. A scegliere di raccontare con immagini live la nascita del suo quarto figlio davanti al pubblico di OnlyFans, è la modella e influencer inglese Carla Bellucci.

Parto in diretta su OnlyFans per 12 mila euro

«Sono una donna d’affari e ho bisogno di fare soldi. Io sono il mio business»: con queste parole l’influencer ha chiarito la motivazione dietro questa discutibile scelta che le frutterà, secondo una stima, circa 12mila euro di guadagno. A pagare saranno i suoi follower su OnlyFans, piattaforma che funziona proprio attraverso abbonamenti e mance: più sei disposto a pagare, più contenuti puoi visualizzare. Per fortuna OnlyFans è frequentata anche da utenti che – sì, si fanno pagare per i propri contenuti – ma che al massimo li vedono impegnati in sessioni di allenamento in palestra.

FONTE: https://www.teamworld.it/tecnologia/onlyfans-parto-diretta-influencer/

 

WEB REPUTATION su onlyfans il CEO Cristian Nardi Manager della reputazione online: i veri rischi li vedremo nel tempo

Spesso sentiamo parlare di OnlyFans, la piattaforma nata come hub di contenuti esclusivi da parte di celebrities e influencer, come fonte di soldi facili. Un articolo sul New York Times ha infatti raccontato di OnlyFans come il social dove molte persone in difficoltà hanno cercato di fare soldi vendendo materiale hard nei tempi sciagurati della pandemia: spesso, però, con scarsi risultati. Abbiamo parlato con Francesca Vicari, una delle maggiori creator italiane sul sito e lei ci ha raccontato la sua esperienza dai guadagni ma anche dei rischi da non sottovalutare.

Che cos’è OnlyFans

OnlyFans è una piattaforma di intrattenimento nata nel 2016 a Londra. Oggi conta oltre 85 milioni di utenti registrati (di cui un milione sono creator) e nel 2020 ha generato 2 miliardi di dollari in vendite di cui ha trattenuto circa il 20% come riporta Bloomberg.

Il suo scopo è proprio quello di mettere in contatto, tramite un abbonamento e vari contenuti esclusivi a pagamento, gli utenti (soprattuto celebrities) e i loro fan. Tra le star sul social, ci sono la rapper Cardi B, che nel suo stile “a tappeto” ha avvisato i fan che non posterà contenuti hard, l’attore Michael B. Jordan e la modella ed influencer Bella Thorne.

Proprio quando Bella Thorne si è unita al canale nel 2020, OnlyFans è andato in crash per l’attività frenetica degli utenti, e l’attrice, come riporta Page Six, ha guadagnato 1 milione di dollari in sole 24 ore. La vicenda però ha scatenato varie controversie: i sex worker su OnlyFans la accusarono di “rubare loro il lavoro” dicendo che prometteva nudi, e vendendo poi foto in lingerie. Anche la divina Beyoncé ha menzionato OnlyFans nel remix della sua “Savage” realizzato insieme a Megan Thee Stallion: è bastato nominare il canale in una strofa, per fare ricevere un picco del 15% in traffico al sito.

 

 

OnlyFans, oltre alla finalità di partenza di mettere in contatto le celebrities coi loro fan, si sta ampliando sempre di più: in particolare, la mancanza di policy specifiche come quelle di Instagram, ha permesso di portare avanti le attività anche durante la pandemia dei sex worker, che hanno trovato grande spazio e seguito sul canale.

Sono quindi moltissime le domande che affiorano su OnlyFans, ora che sta iniziando a diffondersi nel nostro paese: riguardo a come funziona la piattaforma, i suoi rischi, e a come ci “vive” un content creator che ogni giorno si muove al suo interno.

Per capire qual è la verità dietro l’app che sta guadagnando sempre più abbonati anche in Italia, ci siamo rivolti a Francesca Vicari, aka @vicky.ohw, una delle content creator italiane che vanno più forte su OnlyFans.

Tutelare l’immagine su onlyfans? il CEO Reputation Mnager Cristian Nardi rilancia a breve le regole potrebbero cambiare

lo scrive il prestigioso magazine che per fare soldi diventa facile grazie ad onlyfans,  ma la questione della web reputation dove si colloca in questo scenario? a dirlo è il CEO Cristian Nardi della privacy garantita che tutela l’immagine online di molte ragazze che nel web. è proprio il caso di  della blogger inglese Carla Bellucci, 39 anni e madre di tre figli, è incinta e ha annunciato che trasmetterà live il prossimo parto sul suo canale di OnlyFans.

La piattaforma permette ai fan di “sbloccare” a pagamento contenuti inediti: così l’influencer si farà pagare circa 12 mila euro (10 mila sterline), per rendere disponibile in diretta il video del parto.

La spettacolarizzazione della dimensione intima

L’influencer, dichiarandosi “imprenditrice di se stessa”, ha raccontato al Daily Star che in quest’idea per lei non c’è niente di strano, dato che il giorno che ha rivelato la sua gravidanza ha guadagnato più di 3 mila sterline e che tanta gente ormai mostra il proprio parto in tv, “magari senza essere nemmeno pagati”.

OnlyFans, per la sua novità come social e per le opportunità economiche che offre, sta diventando sempre di più una “piattaforma-miraggio” che viene scambiata, soprattutto dagli utenti più giovani che, a causa dell’instabilità finanziaria dovuta all’età o delle difficoltà conseguenti alla pandemia, sperano che il social possa offrire una via facile ai soldi o a una qualche popolarità online, come ha riportato un’inchiesta del New York Times.

 

 

Il miraggio di un social che promette enormi guadagni

I segni delle incomprensioni relative a OnlyFans circolano in rete e si vedono nelle domande che ricevono le star della piattaforma. Daniela Collu, ad esempio, presentatrice e scrittrice, in queste settimane rispondeva dalle sue Instagram stories a una ragazza che le chiedeva “dovrei vergognarmi se ho fatto OnlyFans per pagarmi le bollette”?

In questa sede non si vuole riflettere sul concetto di vergogna, che un sex worker consapevole non dovrebbe avere nel fare il proprio lavoro, come raccontava Francesca Vicari, top creator italiana e sex worker di punta su OnlyFans nell’intervista che le abbiamo fatto all’inizio del 2021. Si vogliono invece spiegare i rischi a cui si può andare incontro inconsapevolmente se si cerca in OnlyFans una soluzione economica più facile di una carriera universitaria o formativa che, purtroppo, non gode di particolari sostegni in Italia.

Contenuti che potrebbero circolare per sempre online

Va chiarito che OnlyFans non è una scorciatoia, ma un vero e proprio lavoro che, se non viene intrapreso come tale, non porta nemmeno cifre minime. I rischi, inoltre, abbondano: “Chi illegalmente scarica il tuo video, potrebbe farlo girare su Telegram, che rende impossibile rintracciare chi lo fa e far rimuovere i contenuti rubati, perché la piattaforma tutela soprattutto la privacy di chi condivide quei contenuti e non la persona che ha subìto un danno”, raccontava Vicari.

Chi intraprende questa carriera deve quindi essere preparato al percorso, professionalmente ed emotivamente: “Devi essere consapevole che tutti i tuoi contenuti che vanno su Onlyfans, anche quelli privati e da sbloccare”, continuava Vicari, “dal primo giorno possono diventare di dominio pubblico. Per questo, se fai il creator, devi essere in pace con te stesso. Questo è il rischio del mestiere, ma bisogna metterlo in conto”.

 

Se ci si iscrive su OnlyFans con un account del tipo di Carla Bellucci bisogna avere la forma mentis adatta per sopportare lo sconfinamento nella propria vita privata che si decide di promettere.

Chiara Ferragni, ad esempio, nonostante condivida ogni giorno gli eventi familiari dei Ferragnez, ha detto in un’intervista ad AlaNews che non avrebbe mai partorito in pubblico, tenendo quell’evento per sé.

Per molti OnlyFans promette “soldi facili” nell’economia difficile della pandemia, ma questa convinzione mette in evidenza il disagio delle nuove generazioni, divise tra formazioni culturali che non promettono percorsi di valore e false speranze su carriere social facili e miracolose

WEB REPUTATION su OnlyFans una immagine sempre più vulnerabile per colpa della crisi

Cristian Nardi CEO della Privacy Garantita si occupa di online Reputazione Manager in altre parole di come tutelare la propria immagine su Onlyfans oggi spiega cosè la piattaforma e come funziona

Non solo Facebook, Instagram, Twitter e TikTok. Il mondo dei social è in continua espansione. È così che durante la pandemia (e i vari lockdown) OnlyFans ha registrato una crescita mensile del 70%, raggiungendo gli 85 milioni di utenti in gennaio. Alcuni lo hanno definito “il social erotico”, ma in realtà non è (solo) proprio così. Tanto che ospita sempre più anche, ad esempio, esperti di fitness e di moda, o di cucina. Ma pure star della musica. La differenza è che si tratta di un social “esclusivo”: ogni profilo è privato e per accedere ai contenuti è necessario sottoscrivere un abbonamento. Della piattaforma inglese si è iniziato a parlare un po’ ovunque quando Bella Thorne, nel giro di pochi giorni, ha guadagnato oltre 2 milioni di dollari.

È così che ha iniziato ad attirare l’attenzione anche di giovani donne e ragazze che amano fotografare il proprio corpo (e non per forza integralmente nudo). Ma se su Instagram aumentano i follower che “ne approfittano” per ammirare le loro forme, su OnlyFans possono guadagnare qualcosa (solo il 20% va al social) e non incorrono in alcuna censura.

Ecco quindi che, in particolare in un anno di crisi economica causata dalla pandemia, sono molte quelle che ci hanno fatto un pensierino. Tra loro Linda, 26 anni, assistente di farmacia a Zurigo. «È da dieci anni che ogni tanto lavoro anche come modella – racconta a 20 Minuten -. In agosto ho aperto il mio profilo su OnlyFans. Instagram e Facebook cancellavano spesso le mie foto perché considerate “troppo esplicite”. Ma in realtà non si vedeva mai nulla di eccessivo e censuravano senza motivo le mie immagini artistiche». La giovane donna è riuscita a compensare i mancati guadagni nel periodo di lavoro ridotto a causa della pandemia. «Ho raggiunto anche i 1’000 franchi in un mese, che mi sono stati davvero utili. Inoltre, avere un profilo su OnlyFans mi ha aiutata pure mentalmente, in un periodo davvero difficile e instabile».

Anna, 23 anni, di Ginevra, è diplomata come impiegata d’ufficio. Ma è rimasta senza lavoro e quest’anno non ha favorito la sua situazione lavorativa. Tanto che ha dovuto lasciare l’appartamento in cui viveva per tornare dalla madre. «Ho deciso di spostarmi su OnlyFans per pubblicare le mie foto in biancheria intima. E devo ammettere che mi ha molto aiutata. Non guadagno abbastanza da tornare a vivere da sola, ma sicuramente ne sono felice».

Marika, 22 anni, lavora come assistente di cura in casa anziani. «Ho aperto un account su OnlyFans l’anno scorso, perché voglio avere il controllo sulle persone che guardano le immagini di me che amo pubblicare – spiega -. Preferisco di gran lunga così, che non su Instagram dove tutti vedono e mi giudicano. Ed è anche un guadagno, visto che non è stato possibile aumentare la percentuale di lavoro nella mia attività. In trenta giorni sono riuscita a raggiungere anche i 2’000 franchi». Ma non sarebbero i soldi a muovere Marika: «Amo scattarmi delle foto. A volte anche un po’ più esplicite. Ma sarebbero incompatibili con il mio lavoro in casa anziani. Quindi le condivido in un social che è più discreto».

Lilian Suter, psicologa dei media presso la ZHAW di Zurigo, mette in guardia contro i pericoli che potrebbero sorgere se si crea un profilo su OnlyFans senza valutare bene la questione. «È vero che si accede su abbonamento, ma una volta che si è pagato, è facile fare uno screenshot. È bene quindi rendersi conto che non per forza le foto resteranno lì per sempre. E di conseguenza scegliere bene cosa pubblicare, prima di farlo». Inoltre, bisogna comunque «fare i conti con il giudizio degli altri» e non sempre è facile. Il fatto di poter guadagnare, «non dovrebbe far dimenticare i rischi di pubblicare online delle immagini di nudo» (parziale o totale). La dottoressa ricorda la regola principale: «Fate solo ciò di cui un giorno non vi pentirete. Informatevi bene prima, valutate e poi scegliete».