Categoria: WEB REPUTATION

Cristian Nardi is one of the leading experts in online reputation manager in the world “what is web reputation”

What is website reputation? Cristian Nardi is one of the leading experts in online reputation manager in the world “what is web reputation” he founded the first reputational company www.privacygarantita.it com he deals with international strategy he works closely with the foundation of all the pinaneta and deals with issues related to cryptocurrency

Just like people, everything on the internet has a reputation. From websites to files to apps and beyond, there’s a history for each internet object, how it has behaved over time, and what relationships it has with other objects. And, just like with people, if an internet object is associated with a bad crowd that’s known for stealing information and spreading malware, then the object itself is probably bad too. In the case that a harmless domain gets hijacked to host a malicious website, then the domain’s reputation score will suffer. By association, the other sites linked to that domain may also see these consequences in their own reputations. To improve their reputations after being hijacked, benign objects will need to remain clean and unaffiliated with dangerous internet objects for several months or more. That’s web reputation in a nutshell.

The most important thing about any web reputation service is accuracy, which is usually determined by the breadth, depth, and variety of the data being used. The algorithms used to analyze the relationships between internet objects and determine web reputations must be continually trained by experienced human analysts, and the data they use must be continually refreshed. But with an accurate web reputation source fueling your URL filter, firewall solution, or other network appliance, businesses can rest assured that they’re well on their way to a resilient, proactive cybersecurity posture.

Why is web reputation important?
New websites and online threats have something in common: they both emerge at astonishing rates and often simultaneously. On top of that, dynamically generated web content, mashups, rapid deployments, website structure, and links change very quickly, creating major security gaps and ample opportunities for cybercriminals and malicious actors to cause damage.

Many websites lack enough security, while others are actually designed to take advantage of unsuspecting visitors. Internet users can be exposed to a wealth of threats, including phishing, keyloggers, spyware, drive-by malware and the many other types of malicious code, and these risks are only growing in number with every new website that appears. Legitimate sites get compromised or temporarily hijacked regularly. And malicious websites may shift rapidly between malicious and benign behaviors to avoid detection.

Website reputation intelligence helps protect internet users from known malware sources and malicious or inappropriate content on the internet, typically via a web or URL filtering solutions. As an example, if you’ve ever tried to access a web page at work and gotten a “website blocked” notification, then your company is using web filtering.

Administrators and security teams may choose to block a variety of content, both to protect their employees and guests from cybercrime, and to limit access to bandwidth and productivity drains like social media or video streaming sites. Additionally, some web browsers and internet service providers may also use web reputation to help keep you safe from malicious internet content. This type of protection is possible through website reputation.

 

When implemented correctly, web reputation intelligence can provide an accurate, up-to-date risk assessment of a given website at the moment a user attempts to access the URL, independent of its site category. This capability is extremely important because it ensures protection against sites that have only very recently been created, compromised or hijacked.

How do you determine a web reputation score?
To produce an accurate web reputation score, it’s important to consider a variety of factors and context. For example, a website that is well-trafficked, well-known and associated with numerous trusted IP addresses has a higher chance of being secure. But a relatively new or unknown URL may present a hazard. If that unknown URL is also associated with a suspicious or malicious IP, then the site poses a higher risk.

Here are some of the parameters that may be used in gauging website reputation.

URL category
Age of a URL
History of a URL
Domain reputation
IP reputation
Presence of downloadable files or code
Previous association with malicious internet objects
Current association with malicious internet objects
Popularity
Hosting location
Real-time performance
Website and/or network owner
Presence on any block/allow lists
By analyzing characteristics like the ones outlined above and assigning levels of importance to them, you can get a very accurate, even predictive picture of the amount of risk a website is likely to pose.

 

What website reputation tools are available?
Website reputation tools can be broken out into several categories. The main types are as follows.

IP Reputation
Every packet on the internet has a source and a destination IP address. Although you could block all communication to and from known malicious IPs, the shifting threat landscape and nuance, and context around IPs render this process less effective unless you have highly accurate, predictive threat intelligence. By incorporating real-time IP reputation intelligence, enterprises and technology providers can better protect their users and customers from IP-related threats.

Web Classification
Web classification, i.e., the act of categorizing a website or URL by its purpose, continues to be a challenge as new websites keep emerging. Most lists are unable to keep up with volume and speed to provide accurate classifications on new and changing sites. With web classification intelligence, also known as URL classification, enterprises and technology vendors can implement granular web access policies that address key concerns, including protection against online threat sources, bandwidth and productivity drains, legal and compliance liabilities, and more.

Web Reputation
As more websites are created, organizations need finely tuned security to protect their users from malicious sites. With web reputation intelligence, a.k.a. URL reputation, enterprises and technology partners can assess a website’s reputation in real or near-real time, at the precise moment a user tries to access them. That way, users are protected from the pitfalls of web pages that are new, unknown, or that change risk status often.

Anti-Phishing Intelligence
Many of the most dangerous phishing sites are extremely short-lived, existing in the wild for minutes or hours, instead of days. Standard static phishing lists are too slow to keep up with the pace at which these threats evolve. With real-time anti-phishing intelligence, technology partners can perform site scans as a user attempts to access the site, alerting them to potential risk and blocking them from visiting a phishing page.

Use Cases
There are a variety of ways website reputation intelligence can be used to improve security online. Here are some of the more common applications for web reputation, web classification, and IP reputation intelligence.

Strengthening web filtering gateways
Web filtering gateways typically layer multiple security services into a single platform to provide outbound filtering protection from malicious or unwanted websites. Gateways need to be told which websites are malicious or undesirable. While you could take a series of static lists of known bad URLs and IPs and join them together to try to block malicious websites, static lists can’t keep up with websites and IPs whose status switches from benign to malicious and back very quickly. Accurate, timely web classification, web reputation and IP reputation threat intelligence all work to improve the level of security the gateway can provide.

Securing wireless access points
A wireless access point (WAP) allows WiFi-enabled devices to connect to wired networks. Strong content filtering requires a careful balance between protecting users from risks while still ensuring they can access the content they want or need. Many content filters are based on a static list of known URLs, which are often out of date as soon as they are created and lack the nuance and context organizations really need. WAP vendors can incorporate real-time web classification and web and IP reputation services to build in web content filtering that can detect and block malicious activity accurately and before it hits the network. Providing this enhanced security benefit to their customers can also help WAP vendors differentiate themselves from their competition.

Enhancing the capabilities of next-gen firewalls
Next-generation firewalls (NGFWs) enforce security policies at the application, port, and protocol levels to detect and block sophisticated cyberattacks. But by themselves, NGFWs are unable to differentiate between benign and malicious IP addresses. NGFW vendors who incorporate web/URL classification and web and IP reputation feeds benefit from better visibility and control over the traffic that passes through the edge device.

Improving ADC solutions
Application delivery controllers (ADCs) work to improve the security, performance and resilience of applications that are delivered over the internet. As a natural entry point into a given network, ADCs face a growing number of threats from rapidly changing IP addresses, malware activity, DDoS attacks, and other inbound and outbound botnet traffic. ADC vendors who incorporate IP reputation intelligence gain better visibility into the context of inbound connections and can leverage that visibility to better detect and block malicious activity before it hits the network.

Www.privacygarantita.it website reputation services
Www.privacygarantita.it offers a range of its BrightCloud Threat Intelligence services to help address numerous website reputation needs. Additionally, intelligence from each of these services is incorporated into the Www.privacygarantita.it line of cyber resilience solutions for businesses and home users, ensuring all vww.privacygarantita.it customers benefit from world-class threat intelligence.

BrightCloud IP Reputation Service
Disabling communication to and from malicious IPs is a great way to help stop threats, but you need highly accurate, predictive threat intelligence to do it effectively. With up-to-the-minute IP intelligence, the BrightCloud IP Reputation Service scores IP addresses based on a reputation index to signal which may be a threat to users.

 

L’imprenditore Padovano Andrea Ottogalli diventa una figura importante per il mercato Asiatico

Alla figura di Andrea Ottogalli, si sono avvicinate negli ulitmi anni, grosse aziende Cinesi con lo scopo di realizzare progetti “trasversali” riguardanti una miriade di settori.

Afferma Ottogalli “Stiamo sviluppando un concetto integrato per un sistema che permetta alle aziende Cinesi di avvicinarsi al nostro mondo imprenditoriale” affinchè l’esigenza del cliente venga soddisfatta mediante le tecnologie più efficienti e innovative sul mercato.

Così facendo, accompagneremo i nostri clienti a inserirsi nel nostro “tessuto” industriale con investimenti nelle nostre realtà imprenditoriali.

Nei primi sei mesi di quest’anno, il volume degli scambi tra Cina e Italia è aumentato del 50% su base annua e le esportazioni italiane in Cina sono aumentate del 75%: il tasso di crescita più alto tra i principali paesi dell’Unione Europea.

“La Cina continuerà con standard molto elevati per promuovere un’ espansione eccellente, ha affermato Ottogalli aggiungendo che la Cina vorrebbe che più aziende Italiane investano e facciano business in Cina.

Elena Morali entra nella lista del motore di ricerca OnlyFans, che fine farà la sua web reputation

L’ex soubrette di Colorado e influencer Elena Morali ha aperto il proprio profilo su OnlyFans insieme al fidanzato Luigi Mario Favoloso. Gli scatti hanno da subito infiammato il web, scopriamo il perché…

Una nuova bomba sexy è sbarcata su OnlyFans, un sito web che offre un servizio di intrattenimento (prettamente con contenuti hot) tramite abbonamento; insomma, una sorta di Instagram nel quale però i creatori caricano dei contenuti più osé che gli permette di guadagnare denaro dagli utenti che si iscrivono ai loro profili, i fan, appunto. Come avrete intuito dal titolo, oggi parliamo dell’ex soubrette di Colorado e influencer Elena Morali che da qualche tempo ha aperto un profilo sulla nota piattaforma insieme al fidanzato Luigi Mario Favoloso.

LEGGI ANCHE > LOL, Chi Ride è Fuori 2: tutto sui comici della nuova stagione

Dopo Denis Dosio, Antonella Mosetti, Malena anche Elena Morali ha scelto questa nuova piattaforma per guadagnare attraverso degli scatti un po’ più osé: insieme al suo fidanzato Luigi Mario Favoloso, ex di Nina Moric, ha deciso infatti di condividere con i propri fan dei contenuti notevolmente più bollenti rispetto a quelli che si possono trovare sul suo profilo Instagram. Non si tratta, però, di contenuti porno, nonostante le foto lascino davvero poco spazio all’immaginazione regalando – immaginiamo – momenti di pura felicità a tutti gli iscritti.

LEGGI ANCHE > Chi è Giulia Sara Salemi, la TikToker dal nome fortunato?

Possiamo sicuramente dire che le parole chiave del loro profilo sono sensualità e sregolatezza: è quindi possibile imbattersi in foto in lingerie, col sedere bene in vista e il seno in mostra. L’attenzione su OnlyFans ricade dunque tutta sulle spettacolari forme della showgirl bergamasca che non fa nulla per nasconderle. Un assaggio di questi scatti bollenti è possibile trovarli anche sul suo profilo Twitter, dove incinta i propri fan ad iscriversi al suo canale per non perdersi i contenuti esclusivi.

deindicizzazione del proprio nome da un motore di ricerca o cancellare notizie da internet meglio rivolgersi a privacygarantita

privacygarantita

Eliminiamo informazioni personali dai motori di ricerca

LE TRE TREGOLE

TEMPI CERTI | COSTI SOSTENIBILI | GARANZIA DELLA CANCELLAZIONE  

per info chiama il Cell 3279105006 Privacy Garantita 

 

ELIMINARE RISULTATI PERSONALI DA GOOGLE: ?

Occorrono una seria di dati, esempio sapere se un reato si è estino o meno: prescrizione, condannato, o assolto. Acquisito questi dati si procede con una breve analisi di come sarà il profilo dell’utente “PRIMA DOPO” la cancellazione.

QUAL È IL RISCHIO CHE UNA NOTIZIA POSSA RIAPPARIRE?

Una notizie può sempre riapparire, nessuno conosce questa probabilità, per questo che noi di “Privacy Garantita” offriamo un servizio “garanzia per sempre”  cioè la garanzia a vita sulle informazioni già rimosse.

QUANTO TEMPO OCCORRE PER RIMUOVERE INFORMAZIONI PERSONALI CHE MI RIGUARDA?

Normalmente dalla 48 ore in su, dipende dalle difficoltà che si trovano durante la cancellazione. Il dispendio delle energie più importante è nell’individuare gli amministratori del quotidiano online o del blog, che purtroppo non sono sempre cosi raggiungibili.

Costi per la cancellazione di link lesivi, ecco come ottenere il miglior preventivo per la tua azienda o privato che sia: i prezzi per cancellare notizie da internet e da tutti i motori di ricerca Google, Yahoo, bing, Yandex variano molto a secondo delle agenzie o studio legale, anche se sconsiglio sempre di rivolgersi allo studio legale di famiglia, di solito non sanno come affrontare in pieno il problema.

Tutti i prezzi sono in riferimento all’agenzia privacygarantita.it

  • Cancellare articoli da Google: Quindi da un quotidiano online con pagina link 404, a seconda della gravità del danno varia, siamo da € 200 a salire per ogni singolo articolo.
  • Rimuovere immagini da Google: Le immagini sono più cavillose da rimuovere a secondo come sono incastrate variano i prezzi, di media variano dai € 300 a salire.
  • Deindicizzazione gdpr: La richiesta di deindicizzazione va rivolta normalmente alle grandi testate come, it, corrieredellasera.it, Ilfattoquotidiano.it quindi il prezzo si aggira intorno a € 300 a link circa per via di gestione della pratica completamente diversa dalle altre.
  • Costi per la  sopprimere video hot o da you tube: di solito per questo genere di video si consiglia di rivolgersi alla it oppure rivolgersi al supporto Google. In ogni modo se decidete di farlo privatamente con un studio legale specializzato o una agenzia di web reputation il prezzo varia da € 500 fino a €2000 a link dipende dal video dal tipo di link da rimuovere.
  • cancella notizia da internet: i costi per declassificare una notizia negativa. La de-classificazione di una notizia è una delle operazioni più care in assoluto in quando occorrono molte ore di lavoro da parte di Web Master, in pratica consiste di spostare un URL dalla prima pagina del motore di ricerca alla terza pagina.
  • Costi per la analisi della reputazione online: un costo per una azienda dai 30 ai 100 dipendenti si aggira intorno ai € 5.000 Euro per una analisi.
  • Gestione della reputazione aziendale: ci sono diversi fattori da calcolare per una gestione di una reputazione, in grande linee una gestione della reputazione di Grandi Manager o personaggi pubblici VIP siamo attorno ai € 5.000 Euro mese per un profilo TOP 

Vuoi cancellare o nascondere un risultato di ricerca Google che riguarda te o la tua azienda? 

Privacy e dati personali oggi rappresentano un vero ostacolo per molte persone, per questo ho creato una guida per togliere notizie dal web.  Basta armarsi di un po’ di buona volontà e seguire passo dopo passo questa GUIDA pensato per i navigatori meno esperti.

BOTTONE PER CANCELLA NOTIZIE DAL WEB

Mentre se non sai come far scomparire: articoli di giornale da internet e non hai molto tempo a tua disposizione ti consiglio di contattarmi in privato alla pagina contatti per ricevere un consiglio senza impegno, ti deluciderò in merito alla legge sull’oblio. Cancellare notizie negative su internet

 

Rimozione da Google, rimuovere contenuti da Google, de indicizzarediritto oblio sono tutte parole nuove per molti di noi, allora prima di metterci al lavoro facciamo chiarezza su alcuni punti: Cos’è il diritto all’oblio Google? è realmente efficace per elimina notizia da Google? in sintesi  Il diritto all’oblio  è lo strumento che ti permette di cancellare notizie da internet e dai motori di ricerca in generale come: Bing ,Yahoo, Google, creato per evitare la diffusione delle notizie che possono costituire un precedente pregiudizievole di una persona oltre a tutelare la riservatezza, per questo si fa richiesta di cancellare notizie da internet o cancellazione dati Google, se siete curiosi di conoscere i prezzi di una agenzia di reputazione date uno sguardo qui sotto rappresentato.

Diritto all’oblio cosa fare?

il diritto all’oblio gdpr non sempre è efficace hai fini di eliminare notizie Google. allora resta una sola una domanda: diritto all’oblio come fare? Ovviamente affidarsi ad una agenzia di web reputation o ad un’esperta in reputazione digitale è la soluzione migliore, quando il diritto all’oblio può essere applicato, solo se si tratta di una vicenda giudiziaria che non abbia connessine con l’attualità di un soggetto, in quel caso si può de-indicizzare la notizia, anche in caso di diffamazione.

In questo caso per cancellare notizie da internetti consiglio di prenderti un po’ di tempo per acquisire un po’ di dimestichezza con alcuni vociabili che andremo ad utilizzare. Qui sotto ho selezionato una serie di parole chiavi con cui dovrai prendere confidenza: diritto all’oblio, URL, Webmaster, link, declassamento, de-indicizzazione ecc, forse per te sono ancora sconosciute mentre se hai già la padronanza puoi tranquillamente saltare questo passaggio. Ci tengo a precisare che si tratta di un’operazione molto delicata ed è in gioco c’è la libertà della nostra reputazione, il rischio che qualcosa vada storto è sempre probabile.

INDICE SIGNIFICATO DEI TERMINI PER LA RIMOZIONE DEI CONTENUTI

Webmaster: nel momento in un cui si decide di rimuovere informazioni personali da Google, interviene un informatico che sotto la cui responsabilità avviene la gestione di Pagine Web Web, Blog, Forum e/o Social Media allocati in appositi computer-server collegati ad Internet.

Link: non è null’altro che un collegamento tra file.  Di solito per eliminare risultati personali devi copiare il link per poi incollarlo nella Email che verrà inviata alla redazione.  

URL: Esso identifica il computer-server contenente il file, il nome specifico di quest’ultimo ed in quale parte della memoria del computer si trova. Il reperimento di un file viene agevolato attraverso l’Indicizzazione del relativo URL nei Motori di Ricerca e/o la pubblicazione del Link all’interno di altre Pagine Web.

Indicizzazione: la procedura di identificazione di un file effettuata da un Motore di Ricerca e corrisponde esattamente al contrario della Deindicizzazione.

Deindicizzazione: la procedura opposta all’Indicizzazione, ovverosia l’eliminazione dal database di un Motore di Ricerca di un file precedentemente indicizzato;

SERP (Search Engine Results Page): la “Pagina dei Risultati del Motore di Ricerca” cioè l’elenco di tutti i file che il Motore di Ricerca individua, disposti in un dato Posizionamento e suddivisi per pagina;

Posizionamento: l’ordine assegnato ai risultati di una ricerca secondo criteri propri del Motore di Ricerca.

Declassamento: a parità di Keywords, un Posizionamento del risultato nella SERP, meno evidente rispetto alle condizioni preventivo.  nell’ipotesi in cui subisca un danneggiamento all’immagine e/o all’attività svo lta, derivante dalla propria menzione all’interno di una o più Pagine Web come da allegato elenco URL, chiede: in prima istanza la cancellazione definitiva delle Pagine Web incriminate dal Sito, Blog, Forum e/o Social Media; la sostituzione del nominativo completo con le semplici iniziali, laddove non fosse possibile la cancellazione di cui sopra.

Eliminare URL da Google

La rimozione di informazioni negative dei quotidiani, soprattutto quando si tratta di eliminare risultati personali, purtroppo cancellazione dati Google non è semplice.

ci sono stati numerosi casi in cui la redazione di un quotidiano online, hanno aggiornato la notizia scrivendo “NESSUN DIRITTO ALL’OBLIO PER TIZIO E CAIO” quindi oltre la beffa il danno.  In questo caso ci ritroveremo il nostro nome e cognome ai primi posti delle pagine SERP (Search Engine Results Page) di Google, soprattutto se in gioco c’è la vita di un professionista, Manager o personaggio pubblico, in quel caso com’è possibile rimuoverli?

Difronte ad un pasticcio del genere la nostra reputazione è compromessa, con il rischio di essere inghiottiti dalla storia, dove a prevalere non è il diritto all’oblio “cioè essere dimenticati” ma la storicità dell’evento che torna di nuova d’attualità.  In tal caso si interviene chirurgicamente con una delicata operazione di WEB REPUTAZIONE.  Esempio  eliminare url da Google esiste un software proprietario della privacygarantita.it chiamato reputazione a nodi che calcola con una complessa equazione matematica come ricostruire la reputazione di un individuo e di una azienda che sia, con un risultato garantito al 100%. La reputazione a nodi è una piattaforma

Conclusione la rimozione contenuti da Google è un lavoro complesso e meglio contattare un’agenzia esperta in reputazione online come ce ne sono tante in tutta Italia: Milano, Roma, Torino, Veneto, Brescia, Palermo, Napoli e molte altre zone. Dico questo perché quando si tratta di eliminare dati da Google tutto diventa difficile.                   

Sono stato coinvolto in una vicenda giudiziaria accaduta diversi anni fa posso chiedere di cancellare articoli da Google?

R: La prima cosa da fare è un tentativo  utilizzando modulo di Google per il diritto all’oblio  che trovi qui sarà sufficiente compilarlo con in allegato documento di riconoscimenti  e codice fiscale della persona interessata. Andiamo sul motore di ricerca Google, posizioniamoci nella prima pagina, ora cancellarsi da Google  cerchiamo la parola chiave che ci riguarda, esempio “Tizio Caio sempronio indagato” Clicca sul link dell’articolo con il mouse selezioniamo se con il tasto destro facciamo. È sufficiente fare una copia del URL  in questione e incollare all’interno di questa casella alla voce Inserisci un URL per riga (massimo 1000 righe)  Lo strumento è stato realizzato seguendo le indicazioni contenute nella  eliminare URL da Google discussa sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea sul cosiddetto “diritto all’oblio”, che ha stabilito che i cittadini europei hanno il diritto di chiedere ai motori di ricerca di eliminare dalle loro pagine dei risultati i link verso cose che li riguardano nel caso in lui lo ritengano “inadeguati, irrilevanti o non più rilevanti, o eccessivi in relazione agli scopi per cui sono stati pubblicati”. Un team di avvocati esperti del diritto all’oblio si occuperanno della tua pratica nell’arco di 90 giorni in tempi di COVID -19.  Ma vi assicuro cancellare un articolo di giornale da internet molte volte non è così semplice. Soprattutto se si parla di una richiedere diritto all’oblio gdpr non sempre questo strumento legale funziona perfettamente.

Mi hanno rifiutato un prestito posso accedere ad un altro prestito bancario considerando che in rete sono presenti alcuni articoli negativi?

  1. Nel momento in cui fai una richiesta di finanziamento personale o aziendale in un istituto di credito scattano una serie di indagini da parte dell’istituto, un loro Webmaster specializzato si occuperà di fare le dovute verificare nelle prime pagine dei motori di ricerca.

Nel caso in rete vengono trovate notizie negative sul tuo conto parte una segnalazione che potrebbe compromettere la tua pratica di finanziamento. Al fine di evitare imbarazzi del genere e vedersi rifiutare un prestito importante Il mio consiglio è quello di contattarmi  per poter fare un controllo rapido che ti  togliere notizie da Google consente di ottenere un finanziamento.  Molte volte i quotidiani online pur di fare colpo con una richiesta di rimozione di risultati di ricerca ai sensi della legislazione europea notizia accattivante scrivono notizia diffamatoria, falsa, sbagliate, o addirittura fake news. In questo caso  diritto all’oblio GDPR se vuoi rimuovere da Google notizia diffamatoria puoi sempre contattarmi in quando sappiamo sempre come aiutarti per risolvere questo problema.   Purtroppo il domandare di retorica resta sempre quella: che considerazione ha un istituto di credito delle tue reputazione? Al fine di ottenere un prestito personale o aziendale molta, soprattutto come farsi cancellare da Google  banche come CompassFindomesticIntesa San Paolo ed altri istituti, se il rating reputazionale non è buono l’importante e che diventi buono in breve tempo. Dando così la possibilità alle persone di tornare ad essere finanziabile in giro di poco tempo.

Qual è il danno che può causare all’immagine e alla reputazione un articolo scandalistico?

Le posso rispondere con una domanda: quanto vale per lei la sua reputazione? Quindi la risposta equivale al danno. Vedersi apparire il proprio nome tra le prime pagine dei motori di ricerca per molti comporta serie problemi, come ad esempio un prestito negato in banca, o meglio ancora

eliminare risultati personali da Google vedersi sfuggire un affare. Purtroppo il nostro  cancellare articoli da Google  come diritto all’oblio Google esercitare diritto all’oblio Google interlocutore prima prendere qualsiasi decisione istintivamente diritto all’oblio come fare interroga la rete, uno scenario molto diritto all’oblio Google inquietante sotto questo punto divista, in quando non prevale più il rapporto di buona fede, ma tecnico.

 

 

 

 

 

 

 

cancellare notizie da Google

come eliminare un sito web da Google

come cancellare articoli di giornale da internet

rimuovere url da ricerca Google

rimozione da Google di informazioni obsolete

 

deindicizzazione

deindicizzazione del proprio nome da un motore di ricerca

deindicizzazione nome motore di ricerca

diritto all’oblio avvocato

gdpr diritto alla cancellazione

gdpr diritto all’oblio

gdpr cancellazione dati

come rimuovere un link da Google

come eliminare da Google il proprio nome

rimozione notizie di cronaca da Google

cancellare notizie dai risultati di ricerca Google

eliminare il proprio nome dalle ricerche Google

come togliere una notizia da Google

cancellarsi da Google

rimuovere ricerca Google

rimuovere url da ricerca Google

come eliminare un sito da internet da Google

eliminare notizie da internet

come non apparire su Google

richiesta di rimozione Google ai sensi della legislazione europea

eliminare il proprio nome da ricerche Google

cancellazione eliminare risultati di ricerca

come cancellare recensioni da Google in caso di commenti negativi che rovinano la tua attività

Come far cancellare le recensioni negative su Google

Le valutazioni degli utenti, specie nei risultati di ricerca di Google, hanno un’influenza indicibile sulla vostra impresa: infatti i potenziali acquirenti ricercano spesso online le recensioni di altre persone che hanno acquistato i vostri prodotti o usufruito dei vostri servizi. Ma cosa accade quando anziché fornire una critica fondata viene espressa una valutazione sproporzionatamente negativa o addirittura intenzionalmente malevola che danneggia l’immagine della vostra azienda? Ovviamente vorreste semplicemente che potesse sparire. In alcuni casi ciò è possibile.

Perché le valutazioni Google sono fondamentali per la vostra impresa

Google continua a dominare il mercato dei motori di ricerca. Del resto non c’è da stupirsi: l’obiettivo dichiarato del gruppo IT è sempre stato quello difornire ai propri utenti i migliori risultati di ricerca possibili per le loro richieste. Pertanto Google lavora costantemente allo sviluppo del suo motore di ricerca.

Uno dei risultati di questo sforzo è il cosiddetto “Knowledge Graph”, introdotto nel 2012: se ad esempio si cerca un nome specifico di un’azienda, alla destra dei risultati di ricerca appare un chiaro riepilogo di tutte le informazioni importanti dell’azienda che si sta cercando inclusi foto, indirizzo, recapiti e orari di apertura. Inoltre è possibile visualizzare tutte le valutazioni di Google (da 1 a 5 stelle) e le recensioni che l’azienda ha ricevuto da clienti e partner commerciali. Le stesse informazioni vengono visualizzate anche nei risultati di ricerca dell’azienda su Google Maps, sempre che sia stata creata una voce corrispondente.

L’impatto di queste valutazioni non va assolutamente sottovalutato: secondo un recente studio della società di ricerche di mercato Growth from Knowledge (GfK), il 66,4 per cento degli intervistati ha utilizzato le valutazioni online come base per le proprie decisioni di acquisto, e il 31,9 per cento ha detto di essere fortemente influenzato da esse. Oggi le recensioni sui motori di ricerca e sui portali di confronto sono considerate importanti per il volume di affari della vostra azienda quasi quanto le raccomandazioni dirette di amici e conoscenti.

Rischio per l’impresa: le valutazioni negative di Google

Come le recensioni positive possono avere un effetto positivo sulla vostra azienda, è vero anche che quelle negative possono avere un effetto negativo sul vostro business, perché da un lato spaventano i potenziali clienti e dall’altro possono anche influenzare il vostro posizionamento su Google.

Il pericolo di valutazioni negative non va sottovalutato, perché l’esperienza ha dimostrato che i clienti insoddisfatti o arrabbiati sono quelli che più riportano le proprie esperienze su Internet. Poiché le valutazioni positive sono anche soggette a una sorta di sospetto generale di essere contraffatte o acquistate da prestatori di servizi di dubbia provenienza, spesso esse godono di minore credibilità rispetto alle critiche negative. Una singola valutazione a 1 stella può costare diversi potenziali clienti che poi migrano verso la concorrenza.

Il problema più grande non è nemmeno che le opinioni negative sui vostri prodotti e servizi diventino pubbliche (dopo tutto, nessun business è perfetto); il rischio reale deriva dal fatto che fondamentalmente ogni utente con account gratuito di Google può pubblicare una recensionepersino se non ha mai avuto a che fare con la vostra azienda. Può anche diffondere la propria opinione in modo completamente anonimo, ad esempio inserendo un nome falso e non scattando una foto del profilo. Google non verifica l’identità dei suoi utenti e non può tracciare se e come abbiano interagito con la vostra azienda.

La conclusione più inquietante è proprio che qualsiasi utente Google può abusare del sistema a piacimento e inventare liberamente recensioni negative per danneggiare deliberatamente un’azienda. E anche se il vostro business è nuovo sul mercato e non è registrato su Google, il recensore scontento può crearlo lui stesso e riempirlo di critiche. Nel peggiore dei casi ne verrete a conoscenza soltanto quando vi sarete registrati su Google My Business, tuttavia molti potenziali clienti potrebbero aver già visto la valutazione negativa.

 Consiglio

Se non avete ancora creato una voce per la vostra azienda su Google, ma questa appare già nei risultati di ricerca con un Knowledge Graph, potete richiedere il profilo dell’azienda cliccando su “Sei il proprietario dell’azienda?”. Sarà quindi necessario creare un account Google My Business per gestire i dati della vostra azienda.

Ora probabilmente vi starete chiedendo se potete semplicemente disabilitare la funzione di valutazione nel vostro profilo aziendale. Ciò, però, non è possibile e sarebbe anche in contraddizione con la volontà di Google di fornire ai propri utenti le migliori informazioni possibili. Nemmeno cancellare il vostro account Google impedisce le valutazioni negative: perché una volta creato, un profilo aziendale rimane nei risultati di ricerca. Cancellando il vostro account, perdete semplicemente il controllo su di esso. La vostra unica chance consiste nella modifica o cancellazione delle valutazioni negative. Nella sezione seguente vi spieghiamo quali sono le opzioni disponibili.

Valutazioni negative su Google: cosa si può fare

Non appena il vostro profilo aziendale riceve una valutazione, verrete informati automaticamente via e-mail tramite Google My Business. Se la valutazione è negativa conviene fare subito uno screenshot, nel caso siano necessarie delle prove. A questo punto è tutta una questione di tempismo: la recensione negativa è visibile ai vostri potenziali clienti con conseguenze negative per la vostra azienda. Perciò bisogna agire tempestivamente.

Rispondere alle recensioni su Google

Innanzitutto, come imprenditore responsabile e orientato al cliente, dovreste sempre cercare di mettervi in contatto con il recensore. Potete scrivere un commento direttamente sotto la recensione: dato che sarà esposto pubblicamente, assicuratevi di essere sempre amichevoli e oggettivi.

Se si tratta di un vostro cliente o di un vostro partner commerciale, il vostro obiettivo dovrebbe sempre essere quello di aiutarlo ad avere un piacevole Customer Journey, almeno a posteriori: scusatevi per eventuali errori o incongruenze e, se le critiche vi sembrano appropriate, cercate una soluzione comune al problema. Mostrate rammarico, ma non lasciatevi ricattare.

Se si tratta di una questione più complessa o se i dati sensibili sono parte della comunicazione, potete anche suggerire che il cliente vi contatti tramite la funzione messaggio del vostro account My Business o per telefono. Ma tenete presente che una controversia risolta pubblicamente può avere il massimo impatto pubblicitario e segnalare il vostro orientamento al cliente. Si può anche riuscire a persuadere il recensore a riconsiderare la propria valutazione originale e modificarla di conseguenza.

 Fatto

In teoria una recensione Google si può cancellare in ogni momento, ma può farlo soltanto chi l’ha scritta. Per farlo basta semplicemente cliccare sul simbolo del cestino accanto alla propria valutazione.

Se colui che ha scritto la recensione non è raggiungibile e si ritiene che la valutazione negativa sia fondata o inappropriata, provate a contattare direttamente Google.

Mettersi in contatto con Google

Dopo vari scandali in materia di protezione dei dati e al più tardi con l’entrata in vigore del regolamento europeo sulla protezione dei dati, il gigante di Internet sembra aver preso atto di doversi seriamente occupare degli interessi degli utenti per evitare reclami e controversie legali. Se non siete d’accordo con una valutazione su Google, il servizio vi offrirà diversi punti di appiglio.

Innanzitutto c’è il “reporting flag”, direttamente accanto alla rispettiva valutazione, che è possibile utilizzare per segnalare il contenuto come “inappropriato”. Ciò che è considerato inappropriato è determinato nelle linee guida di Google. Ad esempio, non sono ammesse valutazioni che:

  • contengono un linguaggio osceno, volgare o offensivo
  • esprimono odio contro minoranze
  • vengono ripetute più volte con lo stesso contenuto
  • vengono create con diversi account Google per la stessa azienda
  • vengono create allo scopo di manipolare la valutazione finale
  • non si basano su una vera esperienza personale

Soprattutto gli ultimi due punti sono difficili da dimostrare, per cui è improbabile che la valutazione venga cancellata sulla base di questi. La situazione sembra particolarmente disperata per le valutazioni a una stella senza commenti ulteriori, che non contengono alcun testo e quindi non possono essere in contraddizione con le linee guida.

Potete anche rivolgervi al Google Support, raggiungibile telefonicamente o via chat. Anche se il rappresentante del servizio clienti non può avviare una cancellazione, può rivedere la vostra richiesta e inoltrarla “all’ufficio competente”, sempre che vi sia una notevole violazione della politica di Google.

L’ultima e più promettente possibilità è l’ufficio legale di Google, perché non solo è responsabile delle linee guida interne, ma anche di tutte le altre questioni giuridiche. Per essere ascoltati in questa sede, tuttavia, è necessario prima compilare un formulario online piuttosto dettagliato. Inoltre Google richiede che l’utente sia in grado di specificare le precise disposizioni legali che giustificherebbero la cancellazione della valutazione contestata. Per avere la massima possibilità di successo possibile, vale quindi la pena di conoscere la situazione giuridica corrente.

Familiarizzare con la situazione giuridica

Le valutazioni e le recensioni dei clienti sono generalmente protette dal diritto alla libertà di espressione. Pertanto non si può impedire che qualcuno vi recensisca su Internet e che questa recensione venga resa pubblica e messa a disposizione di altri. Né avete il diritto di far cancellare una critica spiacevole.

Tuttavia, altro è il caso quando la valutazione in questione soddisfa una delle due seguenti condizioni:

  • Afferma fatti non veritieri: cioè travisa circostanze oggettive e dimostrabili e rientra quindi nell’ambito della diffamazione.
  • Esprime una diffamazione: tale critica sussiste quando la recensione anziché occuparsi della questione, mira esclusivamente a insultare e denigrare l’imprenditore o la sua azienda.

Le recensioni che rientrano in queste categorie non solo non sono protette da alcuna legge costituzionale, anzi sono addirittura vietate. Ciò significa che Google deve confrontare il rispettivo autore con la posizione dell’azienda recensita e richiedere una dichiarazione. Google è quindi obbligato a cancellare la recensione. Pertanto vale sempre la pena di chiedersi se una recensione negativa sia una menzogna e se l’autore sia stato un cliente o un partner commerciale dell’azienda.

Il problema sta nella chiara demarcazione tra un’affermazione di fatto non veritiera o una critica calunniosa e un legittimo giudizio di valore protetto dalla libertà di espressione. Per esempio, un giudizio soggettivo come “Ho trovato l’ambiente del ristorante spiacevole perché la luce rossa era davvero fastidiosa” può essere inammissibile se nel detto ristorante non ci sono lampade che emettono una luce rossa. D’altra parte, una dichiarazione polemica ed esagerata come “Il consulente era assolutamente stupido e incompetente” potrebbe essere ammissibile, a condizione che il recensore offra una giustificazione comprensibile, come ad esempio “Non aveva alcuna conoscenza dei comuni termini tecnici e non è stato in grado di fornire una risposta chiara alla mia domanda nemmeno dopo ripetuti tentativi”.

Rivolgersi a un avvocato

Se non avete familiarità con le questioni giuridiche, vale la pena di rivolgersi a un avvocato esperto nel campo, anche nel caso in cui Google non vi abbia contattato entro 14 giorni dalla ricezione del vostro reclamo da parte del supporto o dell’ufficio legale. Ci sono maggiori possibilità che Google risponda rapidamente e metta a disposizione un suo rappresentante, se a contattarlo è un avvocato.

 Consiglio

Se rispondete entro un mese dal momento in cui siete venuti a conoscenza della valutazione negativa (via e-mail tramite il vostro account Google My Business), avrete la possibilità di chiedere al giudice un procedimento d’urgenza. Si tratta di un ulteriore mezzo giuridicamente efficace per esercitare pressioni su Google.

Dalla sua reazione alla vostra richiesta di cancellare una valutazione negativa su Google, potrete comprendere rapidamente se vi siete rivolti all’avvocato giusto: sono in molti infatti gli avvocati che pensano erroneamente che Google, in quanto società statunitense, sia quasi intoccabile da parte dei nostri ordinamenti giuridici. Questa idea è tuttavia sbagliata, come hanno dimostrato diverse sentenze. Una reazione negativa o scettica, quindi, segnala che quell’avvocato non ha sufficiente familiarità con la situazione giuridica in merito a questi temi.

Conclusione: cancellare le recensioni Google non è semplice, ma è possibile

Come potete vedere, cancellare una recensione inappropriata o addirittura menzognera da Google è una sfida, pur complicata, ma non impossibile. Ma prevenire è sempre meglio che curare: con un servizio clienti disponibile e un’efficiente gestione dei reclami, è possibile mantenere minimo il numero di valutazioni negative fin dall’inizio.

si può rimuovere una notizia da un giornale? privacygarantita agenzia abruzzese nata prima del diritto all’oblio

Si può essere dimenticati online? Secondo il diritto all’oblio, una ramificazione giurisprudenziale relativamente recente, , è possibile. In linea generale, tale diritto è inquadrabile come il non voler essere imprescindibilmente esposti ad ulteriori danni che una notizia potrebbe arrecare alla reputazione e all’onore. L’eterno presente delle notizie on-line è una dimensione continuamente dibattuta, sia nella sfera pubblica che in ambito giurisprudenziale, dato l’enorme utilizzo dei social network e del “mondo” internet in genere. La questione del diritto all’oblio ricondiziona inoltre l’utilizzo della memoria collettiva: rispetto al passato si è rovesciata la prospettiva che vigeva, per esempio, nell’antico diritto romano, in cui l’oblio era considerato una pena (damnatio memoriae), mentre oggi invece la “condanna” è la ridondanza informativa perpetuaGabriele Rugani, Dottorando di ricerca in Scienze Giuridiche presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Pisa, chiarirà nelle righe successive le spinose dinamiche che condizionano il diritto all’oblio.

1) Cosa è il diritto all’oblio? Come nasce e perché?

Definire il diritto all’oblio è tutt’altro che agevole. Si tratta infatti di una figura che, in mancanza di una specifica disciplina positiva di riferimento, ha trovato la propria originaria elaborazione ad opera della dottrina civilistica e della giurisprudenza: in Italia, alcune importanti pronunce della Corte di Cassazione sul punto risalgono agli anni ’80 del secolo scorso, mentre in altri Stati vi sono sentenze ancor più risalenti (in particolare in Francia, dove il celebre caso Landru risale agli anni ’60)[1].

Una simile genesi ha inevitabilmente reso incerto il perimetro dell’istituto in questione, alimentando un vivace dibattito interpretativo in merito alla sua effettiva portata. Tuttavia, se si vuole tentare di definire il diritto all’oblio nella sua accezione più tradizionale, affermatasi come si è visto in epoca antecedente rispetto all’avvento della Rete, si può dire che esso consiste nel diritto di un soggetto a non vedere pubblicate alcune notizie relative a vicende che erano già state legittimamente pubblicate in un certo momento storico, ma rispetto all’accadimento delle quali è ormai trascorso un notevole lasso di tempo[2]. Esso, ovviamente, è finalizzato a tutelare la pretesa di un soggetto a non veder reintrodotte nel circuito della divulgazione informativa notizie relative a vicende personali che si vorrebbe venissero dimenticate, in quanto lesive della propria reputazione[3].

Come è stato autorevolmente sostenuto, si tratta dunque di un diritto che appartiene “alle ragioni e ‘alle regioni’ del diritto alla riservatezza”[4].

2) Come si è mossa la giurisprudenza riguardo la tutela dei dati personali in correlazione alla libertà di informazione?

Fin dalla breve definizione che è stata appena data, appare chiaro come sia necessario bilanciare la tutela del diritto in esame con altri interessi e, in particolare, con la libertà di informazione. Secondo la giurisprudenza, per capire quale delle due esigenze prevalga, e quindi se la pubblicazione sia lecita o meno, è necessario verificare se si protrae nel tempo l’interesse pubblico alla conoscenza dell’evento (si veda, inter alia, Cass. Civ., 15 marzo 1986, n. 1763). Da questo punto di vista, dunque, non si tratta di valutare se la notizia che si vorrebbe nuovamente pubblicizzare sia lesiva della componente reputazionale ed identitaria, ma se il trascorrere di un significativo lasso di tempo abbia fatto venir meno la finalità dell’originaria divulgazione[5]. In tal caso, ne consegue la legittima pretesa del soggetto, cui la notizia si riferisce, alla non riemersione della memoria collettiva su quel determinato evento[6]. Al contrario, per poter ripubblicare, è necessaria una specifica e rinnovata utilità sociale all’ulteriore diffusione degli avvenimenti del passato[7].

3) Quale correlazione c’è fra questo nuovo ma controverso diritto e il mondo online?

Come si è già detto, il diritto all’oblio, nella sua accezione più tradizionale, è stato elaborato prima dell’avvento di Internet. Tuttavia, con l’utilizzo della Rete, si può affermare che si è sviluppata una nuova accezione di tale diritto: su Internet, infatti, la ripubblicazione non è più necessaria, dal momento che l’informazione non è cancellata, ma permane disponibile per un tempo indeterminato. Non si tratta di un evento che si ripropone all’attenzione del pubblico, bensì di un evento che potenzialmente non è mai uscito dall’attenzione del medesimo[8]. Di conseguenza, l’esigenza che il diritto vuole soddisfare in questo caso è differente: si rende infatti necessario, se non cancellare, quantomeno contestualizzare l’informazione, come ha affermato anche la Suprema Corte italiana (sul punto, si veda Cass. Civ., 5 aprile 2012, n. 5525).

4) Quale caposaldo giurisprudenziale circoscrisse per la prima volta il tema?

Il caposaldo giurisprudenziale a cui si fa riferimento quando si parla di diritto all’oblio nella sua accezione più recente è, senza alcun dubbio, la sentenza nota come Google Spain, pronunciata dalla Corte di giustizia dell’Unione europea nel maggio 2014[9].

La vicenda riguardava il cittadino spagnolo Mario Costeja Gonzáles il quale, nel 2009, si era reso conto che inserendo il proprio nome nel motore di ricerca del gruppo Google (Google Search) l’elenco dei link rimandava a due pagine del quotidiano spagnolo “La Vanguardia” risalenti al 1998. Su di esse figurava l’annuncio di una vendita all’asta di immobili in seguito a un pignoramento effettuato per la riscossione coattiva di crediti previdenziali nei confronti dello stesso Costeja González[10]. Egli, tuttavia, sosteneva che la menzione di tale evento fosse ormai priva di qualsiasi rilevanza[11].

Orbene, il Giudice di Lussemburgo ha dato ragione a Costeja González, sviluppando il proprio ragionamento a partire dall’art. 12, lett. b), dell’allora vigente Direttiva 95/46/CE, che si limitava ad accordare il diritto alla cancellazione dei propri dati personali in determinate ipotesi. Attraverso un’interpretazione estensiva di tale scarna disposizione, la Corte di giustizia ha sancito il diritto dell’interessato di esigere dal gestore del motore di ricerca la soppressione, dall’elenco dei risultati che si possono ottenere effettuando una ricerca nominativa, dei link verso le pagine degli archivi del quotidiano contenenti il suo nome[12].

Il diritto all’oblio, che viene qui a configurarsi come un vero e proprio “diritto alla deindicizzazione”, prevale dunque sull’interesse del grande pubblico a trovare le informazioni in occasione di una ricerca concernente il nome di una persona. Così non sarebbe solo qualora l’interesse del pubblico ad avere accesso all’informazione risultasse preponderante per ragioni particolari, come il ruolo ricoperto dalla persona nella vita pubblica[13]: anche la Corte di giustizia tenta dunque di trovare un bilanciamento tra il diritto in questione e la libertà di informazione.

5) In che casi si applica il diritto all’oblio?

Attualmente, i casi in cui il diritto in esame può trovare applicazione sono sanciti dall’art. 17 del Regolamento (UE) 2016/679, meglio conosciuto come Regolamento generale sulla protezione dei dati o GDPR, che ha sostituito la menzionata Direttiva 95/46/CE[14]. Tale disposizione, rubricata proprio “Diritto alla cancellazione («diritto all’oblio»)”, elenca al par. 1 tutte le ipotesi in cui una persona ha il diritto di ottenere la cancellazione dei dati personali che la riguardano. Tra queste, a titolo esemplificativo, è possibile menzionare il caso in cui i dati personali non siano più necessari rispetto alle finalità originarie[15]; il caso in cui il trattamento si basi sul consenso ed esso venga revocato[16]; il caso in cui i dati personali siano trattati illecitamente[17].

Conviene ricordare, a tal proposito, che il par. 2 dello stesso articolo prevede un meccanismo affinché in tali ipotesi la cancellazione abbia una portata ancora più ampia: il titolare del trattamento, infatti, è tenuto entro certi limiti ad informare della richiesta di cancellazione gli ulteriori titolari che trattino i medesimi dati, in modo che provvedano a rimuovere qualsiasi link, copia o riproduzione degli stessi.

A onor del vero, occorre anche ricordare che sull’opportunità di qualificare un simile diritto come “diritto all’oblio” vi sono alcuni scetticismi. A tal proposito, mi sia concesso rinviare al mio contributo G. RUGANI, Il diritto all’oblio dell’articolo 17 Regolamento (UE) 2016/679: una grande novità? Una denominazione opportuna?, in A. MANTELERO, D. POLETTI (a cura di), Regolare la tecnologia: il Reg. UE 2016/679 e la protezione dei dati personali. Un dialogo fra Italia e Spagna, Pisa University Press, Pisa, 2018, p. 455 e ss..

6) Perché solo in alcuni casi?

È possibile esercitare il diritto all’oblio solo in alcuni casi perché anche il GDPR tiene conto delle possibili esigenze confliggenti, con cui è necessario trovare un punto di equilibrio. A tal proposito, giova ricordare che il par. 3 dello stesso art. 17 elenca una serie di ipotesi in cui il diritto in questione non può essere esercitato (e quindi i paragrafi 1 e 2 non si applicano). Ancora una volta, possiamo vedere che si fa riferimento al caso in cui il trattamento è necessario per l’esercizio della libertà di espressione e di informazione[18]. Ma non solo: tra le ragioni per cui la cancellazione può essere negata figurano anche motivi di interesse pubblico nel settore della sanità pubblica[19]; fini di archiviazione nel pubblico interesse, di ricerca scientifica o storica o fini statistici[20]; oppure per l’accertamento, l’esercizio o la difesa di un diritto in sede giudiziaria[21].

7) Cosa consigliereste alle persone per la tutela di questo diritto?

Le persone che vogliono tutelare il proprio diritto all’oblio potrebbero, in primo luogo, rivolgersi al gestore del motore di ricerca. Google, ad esempio, ha deciso di attivarsi senza indugio per dare attuazione all’analizzata pronuncia della Corte di giustizia, e ha messo a disposizione un modulo online da compilare identificandosi e descrivendo la propria richiesta di cancellazione. Tale modulo è reperibile al seguente link.

Tuttavia, cosa ancor più importante, occorre ricordare che i diritti sanciti dal GDPR, compreso quindi il diritto alla cancellazione (o all’oblio che dir si voglia) dell’art. 17, possono essere tutelati ai sensi degli artt. 77 e ss. dello stesso Regolamento: l’interessato potrà dunque adire in via amministrativa l’autorità di controllo competente (che in Italia è il Garante per la protezione dei dati personali), oppure proporre un ricorso innanzi all’autorità giudiziaria (che, in Italia, è il giudice ordinario e non il giudice amministrativo)[22].


[1] M. MEZZANOTTE, Il diritto all’oblio, ESI, Napoli, 2009, spec. p. 216 e ss.

[2] G. FINOCCHIARO, Il diritto all’oblio nel quadro dei diritti della personalità, in G. RESTA, V. ZENO-ZENCOVICH (a cura di), Il diritto all’oblio su Internet dopo la sentenza Google Spain, Roma TrE-Press, Roma, 2015, p. 29 e ss..

[3] A. RICCI, I diritti dell’interessato, in G. FINOCCHIARO (a cura di), La protezione dei dati personali in Italia: Regolamento UE n. 2016/679 e d.lgs. 10 agosto 2018, n. 101, Zanichelli, Bologna, 2019, p. 392 e ss..

[4] G.B. FERRI, Diritto all’informazione e diritto all’oblio, in Rivista di diritto civile, 1990, p. 801 e ss..

[5] A. RICCI, op. cit..

[6] Ibid..

[7] G.B. FERRI, op. cit..

[8] G. FINOCCHIARO, op. cit..

[9] Corte di giustizia dell’Unione europea, sentenza del 13 maggio 2014, causa 131/12, Google Spain SL e Google Inc. contro Agencia Española de Protección de Datos (AEPD) e Mario Costeja González, ECLI:EU:C:2014:317.

[10] Ibid., § 14.

[11] Ibid., § 15.

[12] Ibid., § 98.

[13] Ibid, § 97 e § 99.

[14] Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati), 27 aprile 2016, GU L 119, 4 maggio 2016, pp. 1-88.

[15] Ibid., art. 17, par. 1, lett. a).

[16] Ibid., art. 17, par. 1, lett. b).

[17] Ibid., art. 17, par. 1, lett. d).

[18] Ibid., art. 17, par. 3, lett. a).

[19] Ibid., art. 17, par. 3, lett. c).

[20] Ibid., art. 17, par. 3, lett. d).

[21] Ibid., art. 17, par. 3, lett. e).

[22] A. CANDINI, Tutela amministrativa e giurisdizionale, in G. FINOCCHIARO (a cura di), La protezione dei dati personali in Italia: Regolamento UE n. 2016/679 e d.lgs. 10 agosto 2018, n. 101, Zanichelli, Bologna, 2019, p. 742 e ss

web Reputation Manager Roma: Privacy Garantita per eseguire una verifica della reputazione

Chiama l’agenzia +39 327-9105006

ESEGUI UNA VERIFICA DELLA TUA REPUTAZIONE ELETTRONICA PER PROTEGGERLA MEGLIO

La reputazione elettronica (o cyber-reputazione, reputazione digitale, ecc.) È l’opinione comune su Internet di un marchio, una persona fisica o giuridica. Che tu sia un’azienda o un privato, è importante controllare la tua immagine sui motori di ricerca, al fine di migliorarla e controllarla meglio. L’agenzia privacy garantita  offre molti servizi adattati e fornisce una verifica della tua reputazione elettronica all’inizio di ogni missione.

Audit della reputazione

Audit della reputazione

Eseguire un audit di reputazione elettronica, per chi e perché?

L’importanza della reputazione online per le aziende

L’immagine di un marchio o di un’azienda può cessare rapidamente di farne parte. Gli utenti di Internet formano un’immagine in base alle informazioni che trovano sui vari canali. Una diagnosi di reputazione elettronica consente all’azienda di rendersi conto di ciò che la distingue e quindi di correggerla.

È importante stabilire questa diagnosi perché una “cattiva” reputazione elettronica può avere conseguenze dannose sull’azienda, e in particolare sul fatturato di questa.

Domande da porsi durante questo test di reputazione elettronica

Prima di iniziare, è importante sapere a cosa prestare attenzione, come azienda, quando si parla di reputazione elettronica.

La prima cosa da fare è digitare il nome dell’azienda o del professionista su Google. Bisogna fare attenzione che non emerga alcun collegamento negativo (articoli di stampa, directory mal valutate, ecc.). Quindi, per quanto riguarda la sua reputazione elettronica in generale, possiamo chiederci:

  • Se l’azienda è presente sui social network
  • Chi parla dell’azienda? E come ne parliamo?

È importante eseguire questo audit di reputazione elettronica per conoscere i tuoi clienti e le loro abitudini. Inoltre, vediamo cosa deve essere migliorato in azienda. Ricorda che quasi l’88% degli utenti Internet consulta le opinioni sulle piattaforme prima di acquistare un prodotto. Più della metà degli utenti di Internet consulta le opinioni sui social network. Attenzione, un terzo degli utenti di Internet rinuncia all’acquisto se le opinioni sono troppo negative!

Ma anche per i privati

Gli utenti di Internet a volte rimangono sbalorditi da ciò che viene fuori quando digitano il loro nome sui motori di ricerca. Può essere molto utile per un individuo eseguire un audit di reputazione elettronica per questi motivi. Questo gli permette di rendersi conto della sua presenza sul web e di quello che si dice di lui. Inoltre, questo può permettergli di rendersi conto che alcune informazioni (vecchio blog, foto del profilo di un social network da quando sono state eliminate…) sono ancora presenti su Google. Può quindi provare a correggere questo problema e quindi a ripulire la sua reputazione elettronica.

Ricorda che ciò che vedi apparire sotto il tuo nome su Google sarà visto anche da un potenziale datore di lavoro.

Nel caso di un’azienda come individuo, si possono trovare spiacevoli sorprese effettuando una diagnosi di reputazione elettronica. O a volte solo cose che non vogliamo più vedere associate ai risultati (professionali o personali) sul motore di ricerca. È quindi necessario eseguire una pulizia della reputazione elettronica. L’agenzia Privacy Garantita adempie a questa missione di “web cleaner” al fine di ottimizzare il più possibile la tua reputazione online.

Ripulire il proprio nome da internet: Privacy Garantita rimuovere articoli dal web

Quando un’azienda o un individuo esegue una verifica della propria reputazione online, possono esserci spiacevoli sorprese. Che si tratti di un articolo di stampa, di un post di un blog o di recensioni negative, è molto importante fare subito una pulizia della reputazione online. L’agenzia PrivacyGarantita.it mette a disposizione la sua esperienza per ripulire la tua web reputation il più rapidamente possibile se danneggiata.

L’obiettivo di una pulizia della reputazione elettronica è rimuovere i contenuti che non si desidera più visualizzare nella prima pagina dei motori di ricerca.

Una pulizia della reputazione elettronica, per quale scopo?
ripulisci la tua reputazione
ripulisci la tua reputazione

Oggi l’e-reputazione occupa un posto primordiale in tutti i settori di attività. I risultati negativi possono influenzare un’azienda così come un individuo e avere gravi conseguenze. È importante reagire molto rapidamente ed eseguire un audit prima di procedere con la pulizia della reputazione elettronica. Una forte reazione impedirà ai contenuti negativi di prendere piede nei risultati di Google. Inoltre, il lavoro di gestione della reputazione online può richiedere molto tempo. È quindi importante ripulire la tua reputazione online il prima possibile.

Come affrontare una cattiva reputazione elettronica?
Innanzitutto,PrivacyGarantita.it esegue una verifica della tua reputazione elettronica. Questo ti permette di sapere cosa si trova su di te (la tua azienda, il tuo nome …) quando vieni cercato su un motore di ricerca. Una volta effettuata questa diagnosi di reputazione elettronica, te la sottoponiamo, insieme a una proposta di strategia da seguire.

Prima di tutto, stimiamo cosa possiamo fare per rimuovere dai risultati di Google. Il nostro team legale, specializzato nella protezione dei dati, ci aiuta a determinare se e in che modo il contenuto negativo è rimovibile o meno. Stiamo anche cercando di far valere il diritto all’oblio digitale .

A volte i risultati negativi non possono essere rimossi. Oppure, vogliamo evitare l’effetto Streisand – quando vogliamo cancellare o impedire la trasmissione di dati e ha l’effetto opposto. In questo caso, stiamo implementando una strategia di scultura. Si tratta di costruire una reputazione positiva per il nostro cliente. Per fare ciò, ci impegniamo a portare gli elementi che ti promuoveranno al meglio nella prima pagina dei risultati di Google.

Infine, effettuiamo un controllo quotidiano per monitorare la tua reputazione elettronica con l’obiettivo di essere il più reattivo possibile.

Quando un’azienda o un individuo esegue una verifica della propria reputazione online, possono esserci spiacevoli sorprese. Che si tratti di un articolo di stampa, di un post di un blog o di recensioni negative, è molto importante fare subito una pulizia della reputazione online. PrivacyGarantita.it  mette a disposizione la sua esperienza per ripulire la tua web reputation il più rapidamente possibile se danneggiata.

L’obiettivo di una pulizia della reputazione elettronica è rimuovere i contenuti che non si desidera più visualizzare nella prima pagina dei motori di ricerca.

Una pulizia della reputazione elettronica, per quale scopo?
ripulisci la tua reputazione
ripulisci la tua reputazione

Oggi l’e-reputazione occupa un posto primordiale in tutti i settori di attività. I risultati negativi possono influenzare un’azienda così come un individuo e avere gravi conseguenze. È importante reagire molto rapidamente ed eseguire un audit prima di procedere con la pulizia della reputazione elettronica. Una forte reazione impedirà ai contenuti negativi di prendere piede nei risultati di Google. Inoltre, il lavoro di gestione della reputazione online può richiedere molto tempo. È quindi importante ripulire la tua reputazione online il prima possibile.

Come affrontare una cattiva reputazione elettronica?
Innanzitutto, PrivacyGarantita.it esegue una verifica della tua reputazione elettronica. Questo ti permette di sapere cosa si trova su di te (la tua azienda, il tuo nome …) quando vieni cercato su un motore di ricerca. Una volta effettuata questa diagnosi di reputazione elettronica, te la sottoponiamo, insieme a una proposta di strategia da seguire.

Prima di tutto, stimiamo cosa possiamo fare per rimuovere dai risultati di Google. Il nostro team legale, specializzato nella protezione dei dati, ci aiuta a determinare se e in che modo il contenuto negativo è rimovibile o meno. Stiamo anche cercando di far valere il diritto all’oblio digitale .

A volte i risultati negativi non possono essere rimossi. Oppure, vogliamo evitare l’effetto Streisand – quando vogliamo cancellare o impedire la trasmissione di dati e ha l’effetto opposto. In questo caso, stiamo implementando una strategia di scultura. Si tratta di costruire una reputazione positiva per il nostro cliente. Per fare ciò, ci impegniamo a portare gli elementi che ti promuoveranno al meglio nella prima pagina dei risultati di Google.

Infine, effettuiamo un controllo quotidiano per monitorare la tua reputazione elettronica con l’obiettivo di essere il più reattivo possibile.

Agenzie di web reputation: chi sono le migliori agenzia a cui affidarsi per la cancellazione di notizie da internet

È boom di agenzie come la privacygarantita.it fondata da Cristian Nardi che si occupano di nascondere ai motori di ricerca un passato che si vuole dimenticare. A cui si rivolgono grandi aziende ma anche comuni cittadini. Guido Scorza: «La cancellazione di un contenuto deve rappresentare l’ultima spiaggia per la tutela dell’identità personale».

Cosi come ripotato in un articolo dall’espresso oggi Un fenomeno figlio del nostro tempo, la reputazione online. Oggi il nostro principale biglietto da visita sta diventando proprio questo: il come gli altri ci percepiscono per quello che diciamo, facciamo e mostriamo connettendoci alla rete. Che non dimentica. Ogni giorno, ogni ora, ogni minuto lasciamo tracce potenzialmente indelebili di noi stessi su Google, sui social network e sui media, e possiamo a un certo punto della nostra vita anelare la rimozione di contenuti sgraditi o diffamatori che ci riguardano. O, perlomeno, una loro “de-indicizzazione”, per farli derubricare e occultare in coda ai motori di ricerca, in anfratti impercettibili. Parola d’ordine, minimizzazione dei danni. Ad adoperarsi per tutelare e ristabilire una web reputation con tutti i crismi, esistono diverse agenzie dedicate, che «normalmente lavorano più sulla produzione e la diffusione di contenuti ulteriori rispetto a quelli oggetto di contestazione, e sulla loro indicizzazione, in modo da spingere sul fondo dei risultati della ricerca i contenuti che si desidera non siano più indicizzati… che sulla loro cancellazione/de-indicizzazione». Perché «queste ultime possono essere richieste da chiunque, senza bisogno di farsi rappresentare né da un avvocato, né da un’agenzia. E se vengono negate, l’interessato può rivolgersi autonomamente al Garante (o a un giudice, ma in questo caso ha bisogno di un legale)» ci spiega Guido Scorza, docente universitario,  componente del collegio del Garante per la protezione dei dati personali, tra i massimi esperti  di privacy, digitale e intelligenza artificiale.

Alle società specializzate a pagamento si rivolgono aziende grandi e medie, manager, influencer e comuni cittadini. Il businessman che ha chiuso non certo in gloria un’attività e ne ha avviata un’altra di successo, e introietta la prima come una zavorra identitaria. La persona che ha deciso di cambiare sesso, e con questo la sua intera esistenza virtuale pregressa. I ventenni che non riescono a entrare nel mercato del lavoro perché la prima azione dei reclutatori del personale è diventata quella di sviscerare i nostri profili Facebook e Instagram. «Siamo un team di quindici persone, per lo più giuristi specializzati in tecnologia. Un po’ studio legale, un po’ agenzia di comunicazione – spiegano all’Espresso Sveva Antonini e Gabriele Gallassi, di Tutela Digitale -. Abbiamo creato un algoritmo e un’applicazione per velocizzare i processi». Il loro parco-clienti è costituito «per un 60% da liberi professionisti, per il resto aziende». Si affidano ai servizi di questa realtà che ha la sua sede offline a Bologna varie tipologie, e per le ragioni più disparate. Ci sono le vittime del revenge porn e di ricatti/adescamenti sessuali, che chiedono la soppressione di foto e video intimi diffusi per vendetta o per estorcere denaro alle ex fidanzate/i. Il cyberbullismo, come nel caso dell’alunna delle scuole medie bullizzata dai compagni di classe, in un profilo FB e in una chat WhatsApp. I bambini che vogliono togliere le foto postate dalle madri quando erano ancora piccoli. I ristoranti e i negozi bersagliati da recensioni infauste altamente condizionanti, e non di rado posticce. La fu soubrette che rivendica una tabula rasa dei suoi scatti osé del passato, perché adesso è una critica d’arte. Il medico indagato anni fa per reati fiscali, condannato in primo grado e assolto in appello. Il diplomatico che ha lo stesso nome e cognome di un camorrista che ha fatto in modo che almeno dalle prime pagine di Google non risultasse più l’omonimia ferale.

Strettamente connesso c’è tutto il discorso sulla privacy, «nell’accezione di diritto all’identità personale che azioniamo quando tuteliamo la nostra reputazione online – afferma ancora all’Espresso Guido Scorza -.«Almeno quando per quest’ultima intendiamo il diritto a essere percepiti per ciò che siamo effettivamente, e senza scivolare nell’ambizione che il mondo ci veda per come non siamo, ma ci piacerebbe essere, nascondendo ciò che di noi non ci piace. Molte delle agenzie suddette fanno anche un genere di attività, come dire, di “chirurgia plastica di ricostruzione” che, naturalmente, non ha niente a che vedere con il diritto all’identità personale».

Ma dove finisce, appunto, il diritto all’oblio, al “voltare pagina” e inizia quello della collettività a serbare conoscenza delle vicende trascorse, legalmente o moralmente nevralgiche, per esempio, di politici e imprenditori noti? «Quella tra il diritto del singolo all’amnesia collettiva relativa a un fatto del suo passato e il diritto della collettività a essere aiutata, anche dal web, a ricordare, è una linea sottile e in continuo movimento. È difficile tracciarla una volta e per sempre o in maniera universale, valida per tutte le stagioni. In linea di principio questa linea, che si parli di cancellazione o di de-indicizzazione nel caso di personaggi pubblici, tende a disegnare un campo per il diritto di cronaca molto più ampio rispetto a quello all’oblio. Ma più ampio non significa sconfinato. Anche un politico, solo per fare un esempio, quando ha abbandonato da tempo l’agone della vita politica può avere diritto all’oblio, specie in rapporto a episodi non rilevanti per tracciare (altro esempio) il suo profilo nella storia».

Capitolo eliminazione di contenuti personali sconvenienti di ieri, o dell’altroieri. Quali sono gli effetti collaterali? «Ogni volta che un contenuto viene cancellato dallo spazio pubblico telematico, la cronaca o la storia vengono modificate, e in alcuni casi letteralmente mutilate. Il rischio che si corre, quindi, è quello di alterare la percezione che le persone hanno di un’altra persona, di un tempo o di un fenomeno, e di comprimere oltre il democraticamente sostenibile il diritto di cronaca, quello di critica e, in generale, la libertà di manifestazione del pensiero» spiega Scorza. Che continua così la sua analisi: «Ovviamente questo non vale per quelle tessere dell’identità personale che non avrebbero mai dovuto entrare nella cronaca e nella storia, perché prive di un reale interesse pubblico». Per quanto concerne i contrappesi a salvaguardia dell’evocato diritto di cronaca, in ambito di editoria, se gli editori possono cercare tranquillamente di opporsi a una richiesta nuda e cruda di cancellazione, tuttavia «hanno meno potere sulle de-indicizzazioni: qui sono soggetti passivi che soffrono, a torto o a ragione a seconda dei casi, le conseguenze di decisioni assunte dai gestori dei motori di ricerca o da giudici/autorità». Scorza coltiva un sogno segreto: «Per indole e cultura, vagheggio un mondo in cui la società, attraverso un processo darwiniano, acquisisca abilità a convivere con episodi anche scomodi del passato di ciascuno di noi, senza affrettarsi a giudicare le persone per questo o quell’incidente di percorso. Un mondo nel quale, dunque, la storia possa essere tramandata ai posteri inalterata, naturalmente quando gli episodi narrati sono reali, corretti e aggiornati, senza bisogno di modifiche e alterazioni a tutela del diritto alla privacy del singolo. Ma, appunto, questo è solo un sogno». Nella realtà, invece, «credo che la cancellazione o de-indicizzazione di un contenuto – in un’infrastruttura globale di comunicazione in cui quando un fatto non è nelle prime pagine dei risultati della ricerca di Google, semplicemente non esiste – debbano rappresentare l’ultima spiaggia per la tutela dell’identità personale del singolo, dopo che si sia preso atto che non può essere garantita semplicemente aggiornando una notizia del passato, e solo quando si è certi che il sacrificio imposto alla collettività in termini di diritto di sapere è inferiore rispetto a quello del singolo a convivere con la circolazione di una determinata notizia sul suo passato».
Rifarsi una verginità digitale, insomma, oggi può essere possibile, aprendo o meno il portafogli. Ma c’è sempre un altro prezzo da pagare.

Cancellare articolo da Google PrivacyGarantita l’agenzia Abruzzese di molti VIP ci dice tutto

Come fare per cancellare articoli da internet, con il diritto all’oblio Google tutto sembra apparentemente semplice ma se non si è abbastanza esperti nella cancellazione articoli che lede la vostra immagine persona, si incombe in situazioni non facile da venirne fuori.   Per questo abbiamo messo a disposizione un numero di telefono per una consulenza gratuita sul diritto all’oblio gdprCancellare dati personali da Internet ti consiglio di chiamare ( CELL 327.910.5006 )  PRIVACYGARANTITA è l’unico sito italiano che garantita la cancellazione di notizie negative dal web.

Soluzioni immediate e tempi brevi per l’eliminazione di articoli dal web  Informazioni sul fondatore : Cristian Nardi  Tutti i prezzi sono in riferimento all’agenzia privacygarantita.it LE NOSTRE TRE REGOLE  TEMPI CELERI | CANCELLAZIONE ASSICURATA | GARANZIA A VITA SULLE INFORMAZIONI RIMOSSE  per info chiama il numero Cell 3279105006 Privacy Garantita offriamo diritto all’oblio per aziende e privati .

Come funziona cancellare notizie su Internet?

La soluzione più snella per  eliminare notizie dal web Occorrono una seria di dati, esempio sapere se un reato si è estino o meno: prescrizione, condannato, o assolto. Acquisito questi dati si procede con una breve analisi di come sarà il profilo dell’utente “PRIMA DOPO” la cancellazione,  insomma come cancellare notizie su Google?

Qual è il rischio che una notizia possa riapparire?

Una notizie può sempre riapparire, nessuno conosce questa probabilità, per questo che noi di “Privacy Garantita” offriamo un servizio “garanzia per sempre”  cioè la garanzia a vita sulle informazioni già rimosse.

Quanto tempo occorre per rimuovere informazioni personali che mi riguarda?

Normalmente dalla 48 ore in su, dipende dalle difficoltà che si trovano durante la cancellazione. Il dispendio delle energie più importante è nell’individuare gli amministratori del quotidiano online o del blog, che purtroppo non sono sempre cosi raggiungibili.

Costi per la cancellazione di link lesivi, ecco come ottenere il miglior preventivo per la tua azienda o privato che sia: i prezzi per cancellare notizie su internet e da tutti i motori di ricerca (Google, Yahoo, bing, Yandex) variano molto a secondo delle agenzie o studio legale, anche se sconsiglio sempre di rivolgersi allo studio legale di famiglia, di solito non sanno come affrontare in pieno il problema. come eliminare notizie web

  • Cancellare articoli da Google: Quindi da un quotidiano online con pagina link 404, a seconda della gravità del danno varia, siamo da € 200 a salire per ogni singolo articolo.
  • Rimuovere immagini da Google: Le immagini sono più cavillose da rimuovere a secondo come sono incastrate variano i prezzi, di media variano dai € 300 a salire.
  • Deindicizzazione gdpr:  La richiesta di deindicizzazione va rivolta normalmente alle grandi testate come, it, corrieredellasera.it, Ilfattoquotidiano.it quindi il prezzo si aggira intorno a € 300 a link circa per via di gestione della pratica completamente diversa dalle altre.
  • Costi per la  sopprimere video hot o da you tube: di solito per questo genere di video si consiglia di rivolgersi alla it oppure rivolgersi al supporto Google. In ogni modo se decidete di farlo privatamente, con un studio legale specializzato o una agenzia di web reputation il prezzo varia da € 500 fino a €2000 a link dipende dal video dal tipo di link da rimuovere.
  • Cancellare notizie personali su Google:
  • I costi per declassificare una notizia negativa. La de-classificazione di una notizia è una delle operazioni più care, in assoluto in quando occorrono molte ore di lavoro da parte di Web Master, in pratica consiste di spostare un URL dalla prima pagina del motore di ricerca alla terza pagina.
  • Costi per la analisi della reputazione online: un costo per una azienda dai 30 ai 100 dipendenti si aggira intorno ai € 5.000 Euro per una analisi.
  • Gestione della reputazione aziendale: ci sono diversi fattori da calcolare per una gestione di una reputazione, in grande linee una gestione della reputazione di Grandi Manager o personaggi pubblici VIP siamo attorno ai € 5.000 Euro mese per un profilo TOP. rimuovi articolo dal web  

Vuoi cancellare o nascondere un risultato di ricerca Google  o cancellare notizie dal web che riguarda te o la tua azienda? 

Privacy e dati personali oggi rappresentano un vero ostacolo per molte persone, per questo ho creato una guida per togliere notizie dal web.  Basta armarsi di un po’ di buona volontà, e seguire passo dopo passo questa GUIDA pensato per i navigatori meno esperti.

 

Mentre se non sai come far scomparire: articoli di giornale da internet e non hai molto tempo a tua disposizione, ti consiglio di contattarmi in privato alla pagina contatti per ricevere un consiglio senza impegno, ti deluciderò in merito alla legge sull’oblio. Cancellare notizie negative su internet

Rimozione da Google, rimuovere contenuti da Google, de indicizzare, diritto oblio sono tutte parole nuove per molti di noi, allora prima di metterci al lavoro facciamo chiarezza su alcuni punti: Cos’è la legge sull’oblio Google? è realmente efficace per elimina notizia da Google? in sintesi  Il diritto all’oblio  è lo strumento che ti permette di rimuovere notizie dal web e dai motori di ricerca in generale come: Bing ,Yahoo, Google, creato per evitare la diffusione delle notizie che possono costituire un precedente pregiudizievole di una persona oltre a tutelare la riservatezza, per questo si fa richiesta di cancellare notizie da internet o cancellazione dati Google, se siete curiosi di conoscere i prezzi di una agenzia di reputazione date uno sguardo qui sotto rappresentato.

Come eliminare notizie da Google news:  Ci sono diversi modo per togliere una news da Google. Se vuoi semplicemente disattivare le notifiche provenienti dall’app di Google News per Android, non devi far altro che recarti nelle impostazioni del tuo device e selezionare l’opzione che permette di disabilitare la ricezione delle notifiche provenienti da quest’ultima. diversamente si si tratta di cancellare una news ti consiglio di seguire questa proceduta io di contattare l’apposito Team della Privacy Garantita   

il diritto all’oblio gdpr non sempre è efficace hai fini di eliminare notizie Google. allora resta una sola una domanda: diritto all’oblio come fare? Ovviamente affidarsi ad una agenzia di web reputation o ad un’esperta in reputazione digitale è la soluzione migliore, quando il diritto all’oblio può essere applicato, solo se si tratta di una vicenda giudiziaria, che non abbia connessine con l’attualità di un soggetto, in quel caso si può de-indicizzare la notizia, anche in caso di diffamazione.

Rimuovere contenuti da Google:

In questo caso per cancellare notizie su internet,  o un link lesivo, ti consiglio di prenderti un po’ di tempo per acquisire un po’ di dimestichezza con alcuni vociabili che andremo ad utilizzare. Qui sotto ho selezionato una serie di parole chiavi con cui dovrai prendere confidenza: diritto all’oblio, URL, Webmaster, link, declassamento, de-indicizzazione ecc, forse per te sono ancora sconosciute mentre se hai già la padronanza puoi tranquillamente saltare questo passaggio. Ci tengo a precisare che si tratta di un’operazione molto delicata, ed è in gioco c’è la libertà della nostra reputazione, il rischio che qualcosa vada storto è sempre probabile. Vale la stessa cosa se devi cancellare

INDICE SIGNIFICATO DEI TERMINI PER LA RIMOZIONE DEI CONTENUTI

Webmaster: nel momento in un cui si decide di rimuovere informazioni personali da Google, interviene un informatico che sotto la cui responsabilità avviene la gestione di Pagine Web Web, Blog, Forum e/o Social Media allocati in appositi computer-server collegati ad Internet.

Link: non è null’altro che un collegamento tra file.  Di solito per eliminare risultati personali devi copiare il link per poi incollarlo nella Email che verrà inviata alla redazione.  

URL: Esso identifica il computer-server contenente il file, il nome specifico di quest’ultimo ed in quale parte della memoria del computer si trova. Il reperimento di un file viene agevolato attraverso l’Indicizzazione del relativo URL nei Motori di Ricerca e/o la pubblicazione del Link all’interno di altre Pagine Web.

Indicizzazione: la procedura di identificazione di un file effettuata da un Motore di Ricerca e corrisponde esattamente al contrario della Deindicizzazione.

Deindicizzazione: la procedura opposta all’Indicizzazione, ovverosia l’eliminazione dal database di un Motore di Ricerca di un file precedentemente indicizzato;

SERP (Search Engine Results Page): la “Pagina dei Risultati del Motore di Ricerca” cioè l’elenco di tutti i file che il Motore di Ricerca individua, disposti in un dato Posizionamento e suddivisi per pagina;

Posizionamento: l’ordine assegnato ai risultati di una ricerca secondo criteri propri del Motore di Ricerca.

Declassamento: a parità di Keywords, un Posizionamento del risultato nella SERP, meno evidente rispetto alle condizioni preventivo.  nell’ipotesi in cui subisca un danneggiamento all’immagine e/o all’attività svo lta, derivante dalla propria menzione all’interno di una o più Pagine Web come da allegato elenco URL, chiede: in prima istanza la cancellazione definitiva delle Pagine Web incriminate dal Sito, Blog, Forum e/o Social Media; la sostituzione del nominativo completo con le semplici iniziali, laddove non fosse possibile la cancellazione di cui sopra, è un modo elegante per togliere informazioni da Internet

Google Cancella Dati: La rimozione di informazioni negative dei quotidiani, soprattutto quando si tratta di eliminare risultati personali, purtroppo cancellazione dati Google non è semplice.

ci sono stati numerosi casi in cui la redazione di un quotidiano online, hanno aggiornato la notizia scrivendo “NESSUN DIRITTO ALL’OBLIO PER TIZIO E CAIO” quindi oltre la beffa il danno.  In questo caso ci ritroveremo il nostro nome e cognome ai primi posti delle pagine SERP (Search Engine Results Page) di Google, soprattutto se in gioco c’è la vita di un professionista, Manager o personaggio pubblico, in quel caso com’è possibile rimuoverli?

Difronte ad un pasticcio del genere la nostra reputazione è compromessa, con il rischio di essere inghiottiti dalla storia, dove a prevalere non è il diritto all’oblio “cioè essere dimenticati” ma la storicità dell’evento che torna di nuova d’attualità.  In tal caso si interviene chirurgicamente con una delicata operazione di WEB REPUTAZIONE.  Esempio esiste un software proprietario della privacygarantita.it chiamato reputazione a nodi che calcola con una complessa equazione matematica come ricostruire la reputazione di un individuo e di una azienda che sia, con un risultato garantito al 100%. La reputazione a nodi è una piattaforma

Conclusione la rimozione contenuti da Google è un lavoro complesso e meglio contattare un’agenzia esperta in reputazione online come ce ne sono tante in tutta Italia: Milano, Roma, Torino, Veneto, Brescia, Palermo, Napoli e molte altre zone. Dico questo perché quando si tratta di “eliminare dati da Google” tutto diventa difficile.                   

Sono stato coinvolto in una vicenda giudiziaria accaduta diversi anni fa posso chiedere di cancellare articoli da Google?

R: La prima cosa da fare è un tentativo  utilizzando modulo di Google per il diritto all’oblio  che trovi qui sarà sufficiente compilarlo con in allegato documento di riconoscimenti  e codice fiscale della persona interessata. Andiamo sul motore di ricerca Google, posizioniamoci nella prima pagina, ora cerchiamo la parola chiave che ci riguarda, esempio “Tizio Caio sempronio indagato” Clicca sul link dell’articolo con il mouse selezioniamo se con il tasto destro facciamo. È sufficiente fare una copia del URL  in questione e incollare all’interno di questa casella alla voce Inserisci un URL per riga (massimo 1000 righe)  Lo strumento è stato realizzato seguendo le indicazioni contenute nella discussa sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea sul cosiddetto “diritto all’oblio”, che ha stabilito che i cittadini europei hanno il diritto di chiedere ai motori di ricerca di eliminare dalle loro pagine dei risultati i link verso cose che li riguardano nel caso in lui lo ritengano “inadeguati, irrilevanti o non più rilevanti, o eccessivi in relazione agli scopi per cui sono stati pubblicati”. Un team di avvocati esperti del diritto all’oblio si occuperanno della tua pratica nell’arco di 90 giorni in tempi di COVID -19.  Ma vi assicuro (cancellare un articolo di giornale da internet) molte volte non è così semplice. Soprattutto se si parla di una richiedere diritto all’oblio gdpr non sempre questo strumento legale funziona perfettamente.

Mi hanno rifiutato un prestito posso accedere ad un altro prestito bancario considerando che in rete sono presenti alcuni articoli negativi?

  1. Nel momento in cui fai una richiesta di finanziamento personale o aziendale in un istituto di credito scattano una serie di indagini da parte dell’istituto, un loro Webmaster specializzato si occuperà di fare le dovute verificare nelle prime pagine dei motori di ricerca.

Nel caso in rete vengono trovate notizie negative sul tuo oppure tu vengono trovate rimuovere informazioni personali da Google  parte una segnalazione che potrebbe compromettere la tua pratica di finanziamento. Al fine di evitare imbarazzi del genere e vedersi rifiutare un prestito importante Il mio consiglio è quello di contattarmi  per poter fare un controllo rapido che ti consente di ottenere un finanziamento.  Molte volte i quotidiani online pur di fare colpo con una notizia accattivante scrivono notizia diffamatoria, falsa, sbagliate, o addirittura fake news. In questo caso se vuoi rimuovere da Google notizia diffamatoria puoi sempre contattarmi in quando sappiamo sempre come aiutarti per risolvere questo problema.   Purtroppo il domandare di retorica resta sempre quella: che considerazione ha un istituto di credito delle tue reputazione? Al fine di ottenere un prestito personale o aziendale molta, soprattutto banche come Compass, Findomestic, Intesa San Paolo ed altri istituti, se il rating reputazionale non è buono l’importante e che diventi buono in breve tempo. Dando così la possibilità alle persone di tornare ad essere finanziabile in giro di poco tempo.

Qual è il danno che può causare all’immagine e alla reputazione un articolo scandalistico?

Le posso rispondere con una domanda: quanto vale per lei la sua reputazione? Quindi la risposta equivale al danno. Vedersi apparire il proprio nome tra le prime pagine dei motori di ricerca per molti comporta serie problemi, come ad esempio un prestito negato in banca, o meglio ancora vedersi sfuggire un affare. Purtroppo il nostro interlocutore prima prendere qualsiasi decisione istintivamente interroga la rete, uno scenario molto inquietante sotto questo punto divista, in quando non prevale più il rapporto di buona fede, ma tecnico. per concludere vi abbiamo elencato come far sparire notizie da Google, o con l’aiuto di un avvocato, o di una web agency con conoscenza sistema di de-indicizzazione.

La famosa telefonata di primadanoi.it sul diritto all’oblio 

Dunque per concludere la gestione degli URL non sono del tutto semplice lo è ancora meno se cerchi di cancellare tutti i dati da Google oppure eliminare url da Google è necessario contattare uno studio legale che si occupa di diritto all’oblio che abbia rapporti con un webmaster, in modo da farsi cancellare da Google. Nella fattispecie anche eliminare risultati personali Google.