Cinema Redazione

Cinema Sicilia: al via il casting della CinemaSet per film “RAGUEL”

RAGUEL

Dopo l’inaspettata riduzione delle limitazioni dovuti alla quarantena , CinemaSet inizia a scaldare i motori alla grande .

E’ il caso del grande Cinema che ritorna in Sicilia grazie al produttore cinematografico  Antonio Chiaramonte  che ha deciso di girare  parte di alcune riprese del film “RAGUEL” anche nella sua città nativa dopo essersi trasferito  dalla Sicilia da  tempo  in nuova città italiana.

CinemaSet in collaborazione con altri enti istituzionali governative , ha dato inizio  ad  un progetto triennale a partire da quest’anno 2020 , ad una serie di produzioni cinematografiche contro ogni forma di illegalità  indirizzato alle scuole a scopo educativo , grazie all’ideatore e conduttore di questo programma  Cinema & Legalità   il  noto avvocato Enzo Guarnera  .

Quindi si inizierà con la Sicilia e precisamente nella Città di Catania  Domenica 19 Luglio 2020 presso una delle sale conferenze dell’Hotel Mercure (ex Excelsior) in piazza Giovanni Verga 19  dalle ore 09.00 alle ore 13.00  dove saranno  effettuati i  provini  per ogni candidato/a .

Le persone interessate, per ruoli primari e secondari ( età dai 19  ai  50 anni ) dovranno inviare una mail  all’indirizzo produzionecinemaset@gmail.com – oggetto: candidatura film Raguel con i propri dati personali , l’indicazione di eventuali esperienze di recitazione e alcune foto . Il materiale pervenuto avrà un uso esclusivamente interno per valutare le proprie candidature per il film “RAGUEL”. Tutto l’iter della programmazione dei casting potrà essere seguito nei maggiori siti web per casting cinematografici e su alcune pagine costruite appositamente sui social .

Per il   Coach Artists  per la Regione Sicilia  l’incarico è stato affidato alla famosa attrice italiana  Guia Jelo , che sarà già presente al prossimo casting  di CinemaSet a Catania per il film “Raguel”  , dopodicchè  i casting proseguiranno nelle città di Reggio Calabria e Roma .

La nostra redazione è riuscita ad intervistare il produttore cinematografico Antonio Chiaramonte

Il periodo della quarantena ha bloccato tantissime attività , di cui migliaia hanno già chiuso , mentre lei addirittura in questo periodo rilancia la sua produzione che è una delle più penalizzate , il cinema .

In molti ci  chiediamo  –  dichiara Antonio Chiaramonte – di far ripartire il Paese a tutti i costi , noi come CinemaSet lo stiamo già facendo tenendo presente  tutte le precauzioni  di tutela per la  nostra salute . Certamente non è  il massimo , però abbiamo trovato il metodo come poter continuare il nostro lavoro  con le nostre risorse economiche ..

Secondo lei lo Stato italiano ha saputo gestire bene questa emergenza ?

Con l’emergenza coronavirus il governo  italiano, vedendo a  tutt’oggi i risultati allarmanti in altri paesi del mondo – continua Antonio Chiaramonte –  ha  dimostrato  un’efficace organizzazione. Scattato l’allarme infettivo, la risposta è stata pronta anche se impreparati ad un evento come questo  e oggi i risultati dei contagi e dei decessi  sono  arrivati al minimo , mentre in altri paesi  più organizzati di noi continua ad essere  una catastrofe maggiore di quella che abbiamo  subito  e non è una questione di densità di popolazione . Se potessimo raccontare questa impresa con un’immagine, diremmo che l’Italia sta costruendo una fortezza e che i telegiornali ne descrivono minuziosamente i mattoncini, questa è la mia opinione ed intendo precisa , scanso equivoci , che sono apartitico .

Come vede il futuro dopo questa pandemia ?

Ci saranno i brutti ricordi , l’ombra delle tragedie vissute , il profilo degli eroi che hanno combattuto impavidi , e poi la felicità della fine , il sapore dei nuovi abbracci .

I suoi progetti filmici saranno indirizzati sempre a favore della legalità?

Ascolti ho fatto un giuramento  con me stesso , vita natural durante,  i miei progetti saranno solo ed esclusivamente prodotti sulle tematiche sociali a favore della legalità per poter impartire una mentalità diversa a tutti i giovani e studenti . Oggi  i sentimenti e il coinvolgimento emotivo per questi giovani  sono più facile preda della fiction, dei film e degli sceneggiati televisivi, che, con i propri linguaggi e spesso con l’ambiguità con cui vengono proposti i personaggi di mafia, “aprono” a diverse e contraddittorie identificazioni, senza chiari distinguo tra le persone, le loro storie e le loro tragedie personali da una parte e la gravità degli atti commessi dall’altra.

Ecco perché ho deciso  , grazie all’avvocato Enzo Guarnera  ideatore e conduttore di questo progetto di valorizzare gli sforzi che il governo italiano , le sue istituzioni  e  la giustizia italiana , combattono  ogni giorno con tanti enormi sacrifici ogni forma di illegalità . Le rappresentazioni nell’immaginario mentale giovanile di oggi , indotte dalle narrazioni che hanno per oggetto la mafia, sono molteplici: possono suscitare fascino come inorridire, creare confusione quanto dare adito a giudizi manichei e semplificatori, captare adesioni emotive o suscitare difese e rifiuti, indurre identificazioni con gli “eroi negativi” o, viceversa, con le vittime, con chi combatte la mafia e fa resistenza.

Noi invece no , rappresenteremo la realtà dei fatti di questi personaggi  e falsi eroi del male che hanno un inizio e una fine , quella stessa fine che  molti  sceneggiatori non raccontano e non valorizzano mai  nei loro progetti cinematografici su queste tematiche  , il contrasto all’illegalità .

Io  Ho Denunciato continuerà il suo tour  di proiezione nelle scuole italiane ?

Io ho denunciato , prima della pandemia è stato visonato da migliaia di studenti d’Italia in appena due mesi  , in quasi tre mesi dall’uscita del suo trailer è stato visionato sui social  con oltre 70.000 visualizzazioni , ha già ricevuto tre premi e vado  oltre , senza confermare niente per adesso ,  lo farò solamente  quando riceveremo l’ufficialità  ,  che quest’anno riceveremo uno dei premi più importanti a livello cinematografico in Italia , un red carpet tra i più prestigiosi se non il più prestigioso d’Italia .

Alla sua domanda rispondo che Io Ho Denunciato ha già un programma ben stabilito e pianificato  nel continuo della  sua proiezione , grazie  all’intesa  raggiunta con  alcune istituzioni governative con tantissime scuole italiane già prenotate per il nuovo anno scolastico  .

 

Intervista redazionale

Leave a Reply

%d bloggers like this: