MONDO

Con 500 milioni di dollari anche Binance supporta l’acquisizione di Twitter di Elon Musk

con-500-milioni-di-dollari-anche-binance-supporta-l’acquisizione-di-twitter-di-elon-musk


A supportare Elon Musk non solo il noto exchange Binance, ma anche Sequoia, a16z, Fidelity, Qatar, Andreessen Horowitz, Larry Ellison, DFJ

Il più grande exchange di criptovalute, Binance, ha deciso di appoggiare l’iniziativa di Elon Musk per l’acquisizione di Twitter alla stratosferica cifra di 44 miliardi di dollari.

Il noto exchange, stando a quanto si evince dai dati relativi ai depositi che arrivano direttamente dalla SEC, avrebbe deciso di contribuire con 500 milioni di dollari. A tal proposito il CEO di Binance, Changpeng Zhao ha pubblicato proprio nelle scorse ore un tweet nel quale parla di “un piccolo contributo alla causa”.

A contribuire però non è solo BINANCE, con 500 milioni di dollari, ma anche altre importanti realtà finanziarie quali Sequoia Capital ($800 milioni), Andreessen Horowitz ($400 milioni), Qatar Holding ($375 milioni), Fidelity ($316 milioni), DFJ ($100 milioni) e altri. Tutte queste società hanno impiegato fondi di vari importi per favorire i piani di acquisizione di Twitter del patron di Tesla e SpaceX.

Con Larry Ellison come maggior investitore (1 miliardo di dollari) in tutto sono arrivati ‘contributi’ all’acquisizione di Twitter per un totale di 7,1 miliardi di dollari.

Si tratta di dati assolutamente certi in quanto, come accennato, arrivano direttamente dalla SEC. Ricordiamo infatti che ogni volta che un qualsiasi ente, in questo caso Elon Musk, acquisisce più del 5% di una compagnia deve essere depositata presso la SEC stessa una scheda 13D.

Grande interesse nel mercato crypto per l’acquisizione di Twitter

La tabella con i fondi messi in campo da altri importanti investitori a supporto dell’acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk non riporta l’impegno del miliardario saudita Al Waleed bin Talal Al Saud, che ha contribuito attraverso il proprio pacchetto azionario di Twitter. Il miliardario ha infatti impegnato per la causa 34.948.975 azioni TWTR del valore di 54,20 dollari.

Considerato che gran parte del dibattito sul mercato delle criptovalute avviene sulla piattaforma social, non sorprende che tutti gli appassionati di tecnologia Web3 abbiano seguito da vicino la mossa di Elon Musk per l’acquisizione di Twitter.

Il piano per acquistare Twitter è scattato il 4 aprile, con il CEO di Tesla che ha per la prima volta comperato azioni della società, accaparrandosi in un colpo solo circa il 9,2% di Twitter.

Successivamente trapelò la notizia che il miliardario sudafricano sarebbe entrato a far parte del board della società, ma nel giro di pochi giorni si apprese che ciò non sarebbe avvenuto.

È stato a questo punto che Elon Musk si è offerto di comprare Twitter per 43 miliardi di dollari, offerta inizialmente respinta dalla società che ha rilanciato a 44 miliardi.

Musk pronto a sbloccare il “potenziale enorme” di Twitter

“La libertà di parola è il fondamento di una democrazia funzionante e Twitter è la versione digitale della piazza della città, dove si dibattono questioni vitali per il futuro dell’umanità” aveva affermato Elon Musk a proposito del ruolo di Twitter, aggiungendo che questo social network “ha un enorme potenziale” e che non vede l’ora di mettersi al lavoro con l’azienda e la community per sbloccarlo.

il CEO di Coinbase, Brian Armstrong, ha affermato che “l’acquisto di Twitter da parte di Elon Musk è una grande vittoria per la libertà di parola e probabilmente cambia la traiettoria del mondo più di quanto la maggior parte delle persone immagini”.

Ma quali sono esattamente i piani di Elon Musk per sbloccare il “potenziale enorme” della popolare piattaforma social? Prima di tutto ha suggerito di introdurre un ‘edit button’ rendendo il codice di Twitter open source ed eliminando gli spambot.

Con l’acquisizione di Musk nuovi strumenti cripto-nativi su Twitter

L’acquisto di Twitter da parte di Elon Musk potrebbe anche tradursi nell’introduzione di nuovi strumenti cripto-nativi sulla piattaforma.

Si tratta di una novità importante soprattutto per i detentori di Dogecoin (DOGE), visto che l’uomo più ricco del mondo è anche diventato il volto della popolare meme coin.

Da Musk sono anche arrivate conferme in tal senso, ad esempio in occasione di un evento TED tenutosi il 14 aprile scorso, quando accennò all’aggiunta di DOGE per i pagamenti per il servizio di abbonamento Blue premium di Twitter.

Se vuoi entrare nel mercato delle criptovalute e cogliere le opportunità di guadagno che offre, affidati solo a exchange di prim’ordine come BINANCE. Clicca qui per visitare il sito ufficiale e scoprire come iniziare in modo sicuro.

L’articolo Con 500 milioni di dollari anche Binance supporta l’acquisizione di Twitter di Elon Musk proviene da ValuteVirtuali.com.

0 comments on “Con 500 milioni di dollari anche Binance supporta l’acquisizione di Twitter di Elon Musk

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: