covid,-niente-piu-mascherine-all’aperto:-c’e-la-data-dello-stop

Covid, niente più mascherine all’aperto: c’è la data dello stop

Il sottosegretario Sileri però ammonisce: “Sarà come gli occhiali per leggere da vicino, che si portano sempre in tasca”.

Covid Italia aeroporto

Da oggi la cugina Francia ha dato il via libera alla circolazione senza mascherina all’aperto. Una disposizione che presto sarà adottata anche nel nostro Paese se l’indice di contagio si manterrà stazionario come è stato nelle ultime settimane.

L’ampia campagna vaccinale sta facendo il suo corso e i risultati si stanno vedendo anche tra i giovanissimi, il rientro in zona bianca e l’adozione del green pass per gli spostamenti sono solo le ultime novità dopo 16 mesi di pandemia che però stanno facendo lentamente tornare il Paese alla normalità.

Presto sarà firmato il nuovo dpcm con le misure da seguire anche all’aperto e l’uso da fare con i dispositivi di protezione individuale.

Addio mascherina: la data ufficiale disposta dal Governo

lo stop scatterà il 15 luglio su tutto il Paese ma con alcune raccomandazioni specifiche che giungono proprio dagli alti vertici della sanità.

Il monito del sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri tuona però sulla questione. Ecco le sue parole intervistato da Repubblica:

Tutti gli studi ci dicono che in una situazione epidemiologica sotto controllo come in Italia la possibilità di contagio all’aperto con la metà della popolazione vaccinata almeno con la prima dose è quasi nulla. Ma non dobbiamo dimenticare che la mascherina resterà un accessorio da portare sempre con noi perché in determinate situazioni, in fila dal gelataio o allo stadio, per non correre rischi dovremo essere pronti ad indossarla.

LEGGI ANCHE –> Denise Pipitone, incredibile reazione dopo l’annuncio: non se l’aspettava

LEGGI ANCHE –> Scompare prematuramente, il gesto per la figlia spezza il cuore: “Donate”

E conclude con un esempio calzante per riuscire a farsi capire da tutti: “Sarà come con gli occhiali da vista per leggere da vicino, che si portano sempre in tasca”.

%d bloggers like this: