elezioni-usa:-segretario-di-stato-della-georgia-conferma-brogli-per-posta.-s’indaga-ma-il-danno-a-trump-e-fatto!

ELEZIONI USA: SEGRETARIO DI STATO DELLA GEORGIA CONFERMA BROGLI PER POSTA. S’indaga ma il danno a Trump è fatto!

di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

Fonte originale: articolo di Gospa News

Original English version here

«Hanno abrogato le tutele statutarie contro le frodi che gli osservatori responsabili raccomandavano da tempo per il voto per corrispondenza, e (2) lo hanno fatto in un modo che prevedibilmente conferiva un vantaggio di parte a un candidato alle elezioni presidenziali. Tali accuse sono serie e giustificano il riesame di questa Corte. In primo luogo, la proposta di legge sui reclami sostiene che gli attori non legislativi in ​​Pennsylvania, Michigan e Georgia abbiano abolito o indebolito unilateralmente i requisiti di verifica della firma per le schede inviate per posta. Sostiene che il Segretario di Stato 17 della Pennsylvania abbia abrogato l’obbligo legale di verifica della firma della Pennsylvania per le votazioni per corrispondenza in una soluzione “amichevole” di una causa intentata da attivisti».

È quanto scrissero 17 procuratori generali di altrettanti Stati Usa nel loro caso depositato, mercoledì 9 dicembre, alla Corte Suprema in relazione alle presunte violazioni che si sarebbero verificate durante le elezioni presidenziali del 3 novembre scorso in quattro “Stati Swing”, ovvero in bilico, (Georgia, Pennsylvania, Michigan e Wisconsin) fondamentale per l’assegnazione dei Grandi Elettori che, secondo i risultati finora certificati, avevano consentito la proclamazione ufficiosa di Joseph Biden a presidente eletto.

La segnalazione di presunti brogli elettorali, ripetutamente denunciati dall’allora presidente Donald Trump che per tale motivo fu più volte oscurato da Twitter, assume oggi una macroscopica importanza alla luce dell’ammissione del Segretario di Stato della Georgia che rivela un fatto assolutamente incredibile.

In 5 lotti di voti per posta, Trump, il suo sfidante democratico Joseph Biden poi proclamato eletto, e un altro candidato hanno raccolto lo stesso identico numero di voti. Una circostanza ritenuta impossibile dal funzionario georgiano che ha annunciato nuove indagini sebbene nel novembre scorso avesse smentito il sospetto di anomalie nelle lezioni presidenziali.

La notizia è riportata con grande risalto da Sputnik International, netowork finanziato dal governo russo, ma si basa proprio sui Tweet lanciati dal Segretario di Stato della Georgia, Brad Raffensperger, sul suo profilo ufficiale.

Questa vicenda con ogni probabilità non sarà sufficiente a mettere in discussione la nomina di Biden a presidente degli Stati Uniti in quanto è stata confermata dal Congresso. Ma potrebbe minare la fiducia degli americani nel sistema elettorale e anche nella Corte Suprema che si rifiutò di analizzare la denuncia di 17 procuratori generali di Stato (poi diventati 18) sui presunti brogli. Ciò può contribuire a sollevare nuove polemiche tra i fedelissimi di Trump dopo le aspre polemiche sulla presunta manipolazione del sistema di voto Dominion (finanziato dalla fondazione di Bill Clinton e adorato dall’amministrazione di Barack Obama nonostante il rifiuto di molti stati repubblicani come il Texas che lo riteneva facilmente alterabile).

di Sputnik International

Cinque lotti consecutivi di schede elettorali per corrispondenza dalla più popolosa contea di Fulton hanno mostrato sospettosamente lo stesso conteggio di 392 voti per Biden, 96 Trump e 3 per il candidato libertario Jo Jorgensen, che i funzionari statali hanno ammesso essere statisticamente impossibile.

Il massimo funzionario elettorale dello stato americano della Georgia ha riconosciuto irregolarità di voto nella capitale dello stato, sette mesi dopo le elezioni presidenziali. Le rivelazioni di questa settimana hanno spinto il Segretario di Stato della Georgia, Brad Raffensperger, a ordinare una nuova verifica di decine di migliaia di schede raccolte dalle cassette postali nella contea di Fulton, che copre il 90% della capitale dello stato Atlanta e il cui milione di abitanti rappresenta un decimo della popolazione dello stato. Joe Biden è stato dichiarato il vincitore dei 16 voti del collegio elettorale dello stato con un margine sottilissimo di circa 12.000. Donald Trump aveva affermato che i brogli elettorali sistematici in sei stati con la copertura del voto per corrispondenza massicciamente ampliato lo aveva derubato della legittima vittoria.

New revelations that Fulton County is unable to produce all ballot drop box transfer documents will be investigated thoroughly, as we have with other counties that failed to follow Georgia rules and regulations regarding drop boxes. This cannot continue.

— GA Secretary of State Brad Raffensperger (@GaSecofState) June 14, 2021

“Questa è una notizia molto importante. La gente sta iniziando a vedere la luce. Ottimo per l’America!” Trump ha detto in una breve dichiarazione giovedì in risposta ai tweet di Raffensperger.

Mentre Raffensperger nega ancora che la frode elettorale abbia influenzato le elezioni per Biden, ha chiesto il licenziamento del direttore delle elezioni della contea di Fulton, Richard Barron.

“Ho continuato a chiedere al direttore delle elezioni di essere rimosso dalla sua posizione, e la leadership della contea di Fulton ha continuato a non agire”, ha detto Raffensperger a Just the News mercoledì. Barron era stato precedentemente licenziato dal Board of Registration and Elections della contea a febbraio, ma è stato reintegrato il mese successivo dai commissari di contea

L’audit potrebbe avere implicazioni più ampie che minare la legittimità di Biden come presidente. Le elezioni di novembre hanno visto anche i candidati democratici Jon Ossoff e Raphael Warnock appena eletti come due senatori dello stato in un controverso ballottaggio contro i repubblicani. La loro elezione ha consegnato ai Democratici 50 dei 100 seggi al Senato: una maggioranza effettiva, poiché il vicepresidente Kamala Harris detiene il voto decisivo. Insieme al governatore della Georgia Brian Kemp, Raffensperger aveva negato pubblicamente le affermazioni di Trump di brogli elettorali nelle elezioni del novembre 2020, ottenendo l’approvazione dei media mainstream liberali.

Le dichiarazioni di Raffensperger

Venerdì, Raffensperger ha annunciato che più di 100.000 persone sarebbero state rimosse dalle liste elettorali in tutto lo stato – circa 18.000 di queste persone erano decedute, mentre il resto aveva informato le autorità che si erano trasferiti dallo stato o aveva ricevuto la posta ufficiale dal loro indirizzi elencati.

“Queste persone non vivono più in Georgia. Poi ci sono 18.000 persone che sono passate”, ha detto a Channel 2 di Atlanta. “Quindi non voteranno più. Devi avere liste elettorali accurate e un’adeguata manutenzione delle liste. Aiuta anche i direttori elettorali della tua contea”. Ma le organizzazioni per i diritti civili nello stato hanno affermato di temere che la mossa fosse un’epurazione degli elettori.

“Abbiamo già avvocati in standby, io sono in standby, nel caso in cui dovessimo avviare un contenzioso”, ha affermato Gerald Griggs dell’Atlanta NAACP. “Quindi guarderemo questo e risponderemo se riteniamo che gli elettori siano stati privati ​​dei diritti umani”. Il NAACP ha già lanciato una sfida legale alla nuova legge del legislatore statale della Georgia che richiede agli elettori di produrre un documento di identità con foto, che è stata approvata in reazione alle irregolarità percepite nelle elezioni dello scorso anno.

“Il tentativo velato di annullare i progressi che abbiamo compiuto per autorizzare i georgiani – a usare la loro voce nel processo democratico – crea una legge arbitraria che non migliora la fiducia degli elettori, non garantisce l’integrità delle elezioni né aumenta l’accesso alle urne”, ha dichiarato a marzo il leader reverendo James Woodall.


Segui Database Italia su Google News: Database Italia


0 comments on “ELEZIONI USA: SEGRETARIO DI STATO DELLA GEORGIA CONFERMA BROGLI PER POSTA. S’indaga ma il danno a Trump è fatto!

Leave a Reply

%d bloggers like this: