Emergenza gas, bozza piano UE: nelle case termostati giù di un grado

emergenza-gas,-bozza-piano-ue:-nelle-case-termostati-giu-di-un-grado


Secondo una bozza a cui si sta lavorando in questi giorni, l’Unione Europea chiederà agli Stati membri di ridurre il consumo di gas invitando i governi a dare incentivi alle aziende per questo obiettivo, utilizzando i fondi del REPower e del Next Generation Ue. La bozza è quella del Piano per la riduzione della domanda di gas che la Commissione europea presenterà il 20 luglio: l’obiettivo è quello di tagliare di un terzo l’impatto dello stop totale al gas russo.
La Commissione – si legge nel documento – sostiene con forza le migliori pratiche, come l’idea di aste o gare d’appalto per incentivare la riduzione del consumo da parte dei consumatori industriali, consentendo alle industrie di offrire una riduzione del consumo di gas in cambio di una compensazione. Queste aste o gare potrebbero essere organizzate a livello transfrontaliero per massimizzare le possibilità dei grandi clienti transfrontalieri che operano in più Stati membri e per gli Stati membri con minori risorse fiscali.
Come riporta l’ANSA, durante “l’inverno del gas” (ottobre-marzo), si possono ottenere grandi risparmi utilizzando fonti di calore alternative per il riscaldamento e sostenendo “campagne di risparmio di gas mirate alle famiglie per l’abbassamento del termostato di un grado, ma anche imponendo, laddove tecnicamente fattibile e applicabile, la riduzione del riscaldamento di edifici pubblici, uffici, edifici commerciali (in particolare grandi edifici) a 19 gradi.
“Le simulazioni effettuate dall’Entsog (Associazione europea degli operatori del gas) indicano che la carenza di gas in caso di interruzione totale dalla Russia a partire da luglio porterebbe a un tasso di riempimento degli stock probabilmente inferiore all’obiettivo dell’80% stabilito per novembre dal nuovo regolamento UE sugli stoccaggi, nonostante i buoni progressi compiuti finora. Le simulazioni suggeriscono che lo stoccaggio potrebbe essere al 65-71%”.
Intanto il fornitore russo Gazprom mette l’Europa in preallarme sul funzionamento di Nord Stream, il gasdotto che collega Mosca a Berlino e all’Europa occidentale. “Gazprom non è in possesso di alcun documento che indichi che Siemens è in grado di portare la turbina a gas per la stazione di compressione di Portovaya fuori dal Canada, dove è in riparazione – recita la nota -. In queste circostanze non è possibile garantire il funzionamento sicuro della stazione di compressione di Portovaya, che è una struttura fondamentale per il gasdotto Nord Stream”.

L’articolo Emergenza gas, bozza piano UE: nelle case termostati giù di un grado proviene da The Map Report.

0 comments on “Emergenza gas, bozza piano UE: nelle case termostati giù di un grado

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: