Finanziamenti esteri per una città a Prova Ci City Branding

0
479
palazzo del quirinale at night
Photo by Jarod Barton on Pexels.com

La pandemia di COVID-19 ha colpito duramente il settore del turismo: i dati suggeriscono che gli IDE globali nel turismo sono crollati del 73,2% nella prima metà del 2020, rispetto all’anno precedente. Molti guardano a modelli finanziari complessi, workshop soffocanti o previsioni per guidare gli investimenti turistici in città, regioni e nazioni.

Tuttavia, il fattore più critico che abbiamo visto per generare investimenti turistici nazionali ed esteri in un luogo è il branding e il marketing: la capacità di un luogo di far sapere agli investitori perché la loro proposta di investimento è unica, sicura e altamente redditizia. Ad esempio, con il Ministero del turismo della Cambogia, stiamo sviluppando una strategia di investimento IDE turistico su due fronti che guida un approccio dell’intero governo per organizzare e attrarre investimenti, costruendo contemporaneamente una strategia di attrazione delle opportunità di investimento per abilitare e mobilitare le infrastrutture turistiche a Phnom Penh, Siem Reap e altre province chiave.

Il team di strategia e investimenti di Trove lavora con agenzie di promozione degli investimenti, autorità turistiche e organizzazioni locali per attrarre investimenti turistici stranieri e nazionali in un luogo, con l’obiettivo finale di aiutare il luogo a “distinguersi”. Ecco le tendenze principali e le migliori pratiche per qualsiasi agenzia di promozione degli investimenti, autorità turistica o azienda che cerca di attrarre investimenti turistici, come tratto dal White Paper di Trove intitolato “Guida definitiva al branding e al marketing per attrarre investimenti nel turismo”.

Comprendere le tendenze degli investimenti turistici nel 2022 Nel giugno 2022, il World Travel & Tourism Council (WTTC) ha pubblicato “Fattori critici per attrarre investimenti alberghieri”, un nuovo rapporto che evidenzia l’importanza di attrarre investimenti di capitale per consentire il pieno potenziale di crescita del settore dei viaggi e del turismo dopo la pandemia di COVID-19, che ha causato un calo del 25% nel 2020. Il WTTC spinge perché il governo e le autorità di investimento che rappresentano luoghi in tutto il mondo creino un ambiente favorevole agli investimenti.

A Trove, abbiamo osservato due principali nuove tendenze nel settore a partire dal 2020. Il primo riguarda l’aumento della concorrenza nel settore. Mentre storicamente quasi la metà di tutti gli investimenti turistici a livello globale (46%) sono stati realizzati nei primi dieci paesi, come il Regno Unito, gli Stati Uniti, la Germania, la Cina e la Spagna, gli IDE turistici sono cresciuti costantemente nei mercati emergenti, tra cui l’America Latina, i Caraibi, l’Australia, il Medio Oriente e l’Africa

Mata