Sanità

Gastroenterite Eosinofila: cause, sintomi e trattamento.

gastroenterite-eosinofila:-cause,-sintomi-e-trattamento.

Quali sono le cause, i segni e i sintomi della Gastroenterite Eosinofila? E soprattutto come si tratta dal punto di vista clinico-assistenziale?

La gastroenterite eosinofila è una malattia digestiva rara caratterizzata dalla triade di infiltrazione eosinofila di segmenti del tratto gastrointestinale, anomalie della funzione gastrointestinale (che variano da dispepsia e ostruzione a diarrea e ascite) ed esclusione di altre malattie con eosinofilia periferica.

L’esofagite eosinofila è sempre più riconosciuta e non è inclusa in questo rapporto.

Segni e sintomi.

La gastroenterite eosinofila può interessare qualsiasi parte del tratto gastrointestinale dall’esofago al retto. I sintomi includono disfagia (che a volte si presenta come ostruzione del cibo), bruciore di stomaco, dolore addominale, nausea, vomito, diarrea, perdita di peso e gonfiore (è possibile l’ascite).

L’infiltrazione eosinofila può interessare uno o più strati della parete gastrointestinale. I sintomi particolari presenti in ogni persona dipendono dallo strato e dalla posizione del coinvolgimento.

Più comunemente, sono coinvolti la parete dello stomaco e il piccolo intestino. Il coinvolgimento della mucosa porta a enteropatia con perdita di proteine ​​e malassorbimento.

Il coinvolgimento dello strato muscolare provoca dolore addominale, vomito, sintomi dispeptici e ostruzione intestinale.

Il coinvolgimento subserosale causa prevalentemente ascite con marcata eosinofilia. A volte è presente versamento pleurico eosinofilico. La gastroenterite eosinofila è una condizione cronica, crescente e calante.

Cause.

La causa esatta della gastroenterite eosinofila è sconosciuta. Alcuni casi di questa malattia possono essere causati da un’ipersensibilità a determinati alimenti o altri allergeni sconosciuti.

Spesso è presente una storia familiare di allergia.

L’atopia (asma, febbre da fieno o eczema) è presente in un sottogruppo di pazienti. Le allergie alimentari sono comuni.

Popolazioni colpite.

La gastroenterite eosinofila è una malattia rara (10 / 100.000) che colpisce sia i maschi che le femmine, ma è leggermente più comune tra gli uomini. La prevalenza massima è nei bambini e negli adulti di età compresa tra 20 e 50 anni.

La prevalenza riportata è aumentata notevolmente e ciò è probabilmente dovuto a una precedente sotto-diagnosi.

Le persone con una storia di allergie, eczema e asma stagionale hanno maggiori probabilità di sviluppare questa malattia.

Disturbi correlati.

I sintomi dei seguenti disturbi possono essere simili a quelli della gastroenterite eosinofila. I confronti possono essere utili per una diagnosi differenziale:

La malattia di Whipple è un raro disturbo digestivo di origine microbica che colpisce il rivestimento dell’intestino tenue e provoca un malassorbimento dei nutrienti. Questo disturbo può colpire anche altri organi del corpo. (Per ulteriori informazioni su questo disturbo, scegli “Whipple” come termine di ricerca nel database delle malattie rare.)

La celiachia refrattaria è un disturbo da malassorbimento intestinale cronico causato dall’intolleranza al glutine, un componente insolubile del grano e di altri cereali. Il miglioramento clinico e / o istologico dei sintomi segue la sospensione dei cereali contenenti glutine nella dieta. (Per ulteriori informazioni su questo disturbo, scegli “celiachia refrattaria” come termine di ricerca nel database delle malattie rare.)

La mastocitosi è una malattia genetica caratterizzata da accumuli anomali di un particolare tipo di cellula (mastociti) normalmente presenti nel tessuto connettivo. Il fegato, la milza, i polmoni, le ossa, la pelle e talvolta la membrana che circonda il cervello e la colonna vertebrale (meningi) possono essere colpiti. (Per ulteriori informazioni su questo disturbo, scegli “mastocitosi” come termine di ricerca nel database delle malattie rare.)

La sprue tropicale, una malattia di causa sconosciuta, è caratterizzata da malassorbimento, molteplici carenze nutrizionali e anomalie nella mucosa dell’intestino tenue. Sembra essere acquisito e correlato alle condizioni ambientali e nutrizionali ed è più diffuso nei Caraibi, nel sud dell’India e nel sud-est asiatico. (Per ulteriori informazioni su questo disturbo, scegli “sprue tropicale” come termine di ricerca nel database delle malattie rare.)

La sindrome ipereosinofila è caratterizzata da una marcata eosinofilia ematica. È correlato alla produzione disordinata di cellule precursori mieloidi o cellule T linfoidi. Ha una marcata eterogenicità clinica. La neoplasia ematologica deve essere esclusa.

La malattia di Crohn, nota anche come ileite, enterite regionale o colite granulomatosa, è una forma di malattia infiammatoria intestinale caratterizzata da una grave infiammazione cronica della parete del tratto gastrointestinale.

Diagnosi.

Alcuni pazienti presentano livelli elevati di IgE ed eosinofilia di tessuti e sangue. Un’anamnesi accurata può suggerire al medico che è necessaria una biopsia. I risultati della biopsia (biopsia chirurgica endoscopica o a tutto spessore) sono generalmente diagnostici.

Trattamento.

L’eliminazione degli alimenti a cui una persona è allergica può rivelarsi utile in alcuni casi.

Il farmaco corticosteroide prednisone è solitamente un trattamento efficace per la gastroenterite eosinofila.

A volte la budesonide può essere utile. Vale la pena provare farmaci immunosoppressori come l’azatioprina.

La chirurgia può essere necessaria nei casi gravi in ​​cui è presente un’ostruzione dell’intestino. Un altro trattamento è sintomatico e di supporto.

Fonte:

  • Eosinophilic Gastroenteritis – NORD – LINK;
  • Archivio AssoCareNews.itLINK.

Leggi anche:

Gastroenterite Virale: una “influenza” da non sottovalutare.

0 comments on “Gastroenterite Eosinofila: cause, sintomi e trattamento.

Leave a Reply

%d bloggers like this: