Giallo di Bolzano: Ecco cosa hanno trovato nel cervello di Benno Neumair. “Per questo ha ucciso”

giallo-di-bolzano:-ecco-cosa-hanno-trovato-nel-cervello-di-benno-neumair.-“per-questo-ha-ucciso”


Il caso di Benno Neumair ha fatto molto scalpore negli ultimi tempi. Stando a quanto emerso, la perizia della difesa lo avrebbe indicato come malato e pericoloso e quindi incapace di stare in carcere. La sua presenza potrebbe infatti comportare rischi per la struttura e per coloro che vivono al suo interno. Il 31enne di Bolzano ha ucciso i suoi genitori, Peter e Laura, occultandone i cadaveri. Sembrerebbe quindi che l’omicida sia risultato totalmente fuori di sé. Vediamo i dettagli del caso.

Gli psicologi Giuseppe Sartori e Cristina Scarpazza e lo psichiatra e neuroscienziato Pietro Pietrini sono i responsabili e consulenti della perizia fatta a Benno Neumair. Da quest’ultima è emerso che l’assassino dei propri genitori soffre di un grave disturbo narcisistico della personalità, già nato durante il periodo infantile. Tale disturbo sembrerebbe poi essere cresciuto con gli anni. Prima di commettere l’omicidio dei suoi genitori, il protagonista di questo terribile giallo aveva affrontato un litigio proprio con il padre. Sarebbe bastato questo a far scattare in lui la rabbia accecante che lo ha portato ad uccidere sia il padre che la madre.

I periti del processo del giallo di Bolzano hanno quindi confermato che Benno Neumair fosse incapace di intendere e di volere quando ha ucciso suo padre e strangolato sua madre. In realtà, l’imputato sarebbe da considerarsi, secondo gli psicologi, gravemente malato in ogni momento della sua vita. Non si è trattato quindi di un raptus né di un caso isolato. I disturbi di personalità di cui soffre lo rendono un soggetto socialmente pericoloso. Questo è quanto emerso durante il processo a carico di Neumair a Bolzano.

Leggi anche: Bufera a scuola, arrestato professore per come ha chiamato un suo alunno. La polizia irrompe in aula

La causa che sembra aver scatenato la furia e la reazione spropositata di Benno Neumair sembra essere un litigio con il padre. Di questo però non vi è alcuna prova certa al 100%. Infatti, si tratta solo di quello che l’assassino stesso ha riportato durante il processo. Ma i consulenti e responsabili della perizia sostengono che l’imputato non abbia alcun motivo per mentire circa le circostanze che hanno poi portato al delitto. Gli stessi ritengono inoltre che dalla risonanza magnetica è chiaramente emerso un difetto cerebrale, che avvalora l’ipotesi della malattia.

Sempre dal processo a carico di Benno Neumair è anche emerso che lo scorso 17 agosto il 31enne di Bolzano si è reso protagonista di un ennesimo spiacevole evento. Ha infatti sferrato un pugno nei confronti di un nuovo compagno di cella proprio durante un litigio. Ma questo non è stato un episodio isolato. Già precedentemente si era macchiato di un’altra aggressione sempre nei confronti di un detenuto. Naturalmente, la struttura penitenziaria nella quale si trova ha preso provvedimenti disciplinari nei suoi confronti. Stando quindi a tutto ciò che è emerso dal processo, Benno sembrerebbe a tutti gli effetti un soggetto pericoloso e incapace di stare in carcere. Seguiteci anche sui nostri profili Su Facebook anche su INSTAGRAM

Benno Neumair
Benno Neumair

 

 

Giallo di Bolzano: Ecco cosa hanno trovato nel cervello di Benno Neumair. “Per questo ha ucciso” scritto su Più Donna da Imma Bartolo.

0 comments on “Giallo di Bolzano: Ecco cosa hanno trovato nel cervello di Benno Neumair. “Per questo ha ucciso”

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: