mattarella

«Storie individuali e di popoli, anche geograficamente vicini, fanno appello al nostro senso di solidarietà, ancorato ad alti doveri morali e giuridici»

«Il diritto internazionale prevede protezione per coloro che sono costretti ad abbandonare la propria casa e il proprio Paese in ragione di conflitti, persecuzioni, condizioni climatiche, calamità naturali e carestie». Inizia così il messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata mondiale del Rifugiato. «Oltre 80 milioni di persone sono in fuga, secondo l’Alto Commissario delle Nazioni Unite che, ad oggi, si trova a proteggere quasi 100 milioni di individui», ricorda il Capo dello Stato, chiedendo una seria «riflessione per rendere effettivo l’esercizio di questa responsabilità internazionale». Quelle delle migrazioni sono «storie individuali e di popoli, anche geograficamente vicini», che «fanno appello al nostro senso di solidarietà, ancorato ad alti doveri morali e giuridici. La protezione della vita umana, il salvataggio dei profughi, il sostegno ai sofferenti nelle crisi umanitarie, l’accoglienza dei più vulnerabili, sono impegni cui la Repubblica Italiana, in collaborazione con l’Unione Europea e le organizzazioni internazionali, non si è mai sottratta, anche nei tempi recenti segnati dalla pandemia».

Per questo Mattarella  rivolge «un sentito ringraziamento alle donne e agli uomini delle varie amministrazioni che, con dedizione e spirito di servizio, assicurano quotidianamente l’operatività della protezione internazionale». Il Presidente ricorda inoltre «la generosità con cui privati cittadini, organizzazioni della società civile e istituzioni religiose si prodigano nel nostro Paese per assistere i rifugiati, anche promuovendo esperienze innovative quali i corridoi umanitari, significativo esempio in materia di accoglienza a livello europeo».

E sull’argomento interviene anche il presidente del Parlamento europeo David Sassoli, che su Twitter scrive: «Dobbiamo garantire che le persone bisognose di protezione possano arrivare nell’Ue in sicurezza, senza rischiare la vita. In occasione della Giornata mondiale del rifugiato ribadiamo l’impegno del Parlamento europeo: l’Ue ha bisogno di una nuova politica in materia di asilo, di un nuovo sistema basato sulla responsabilità comune».

Sfoglia il giornale di oggi