Redazione

Il caso di Denise Pipitone, testimonianza choc

il-caso-di-denise-pipitone,-testimonianza-choc

Si ritorna a parlare del noto caso di Denise Pipitone, la bimba scomparsa nel 2004 a Mazara del Vallo. Ecco le ultime dichiarazioni sulla scomparsa.

La sparizione di Denise è restata negli anni uno dei casi più misteriosi da dover affrontare: la bimba aveva infatti solo quattro anni quando, nel mese di settembre del 2004, fece perdere le sue tracce. Nel corso di tutti questi anni, la mamma è sempre andata alla ricerca della piccola che, se ancora viva, oggi dovrebbe avere ben 21 anni. Si è dunque tornato a parlare nel caso recentemente, ed ecco quello che è stato rivelato.

La scomparsa di Denise Pipitone a ‘Storie Italiane’: parla l’ex pm Angioni

Nel corso di una recentissima puntata di ‘Storie Italiane‘ condotto da Eleonora Daniele, si è affrontato ancora una volta l’argomento della scomparsa di Denise Pipitone, avvenuta anni fa.

Denise può essere viva e potrebbe tornare“, ha detto l’ex pm Angioni, invitata a fare una testimonianza durante la trasmissione. La stessa ha inoltre parlato del rapporto che ci sarebbe tra Anna Corona, l’ex moglie del padre di Denise, e Beppe Della Chiave, nipote del testimone sordomuto, adesso deceduto, che avrebbe visto Denise dopo il presunto rapimento.

L’ex pm ha dunque rivelato che, nell’anno 2013, Della Chiave avrebbe confessato di non conoscere Anna Corona. Nonostante questo, un testimone anonimo ha infatti ribadito il contrario, affermando che i due si conoscevano già da molto tempo e che tra di loro ci fosse una vera e propria amicizia.

Leggi anche —-> Denise Pipitone lettera anonima: l’autore vicino alla famiglia | Chi è?

In passato hanno perfino vissuto nello stesso palazzo in via Itria, sullo stesso pianerottolo“, ha continuato poi, “Anna Corona viveva lì con la sua famiglia, prima di sposarsi. Non è tutto. La madrina di Jessica Pulizzi è la cognata di Belle Della Chiave“.

Leggi anche —-> Denise Pipitone ultima segnalazione: avvistata in Ecuador la figlia di Piera Maggio

Il pm ha inoltre affermato che sicuramente si è trattato di un’organizzazione che ha portato Denise a Milano. “Due persone nel magazzino che hanno portato via Denise con una barca a remi“, ha detto l’ex pm, “La testimonianza era genuina“. Inoltre, ha svelato il suo pensiero: “La bambina è viva e sta da qualche parte. L’ha salvata qualcuno che le voleva bene. E’ una mia ipotesi criminologica da tutto quello che è emerso“.

La donna ha infine lanciato un appello ai probabili rapitori, dicendo loro che potrebbero lasciare Denise da qualche parte e chiamare. Il ritorno della piccola Denise è ormai una speranza viva in tutta Italia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: