il-creatore-dell’app-per-monitorare-i-vaccinati-muore-due-mesi-dopo-essere-stato-vaccinato-contro-il-covid-19

Il creatore dell’app per monitorare i vaccinati muore due mesi dopo essere stato vaccinato contro il Covid-19

Usa il pulsante altro per altre funzioni di condivisione

    Leggimi questo articolo

    Il creatore dell’app mobile “V-safe” utilizzata dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) per monitorare i vaccinati è morto due mesi dopo aver ricevuto un vaccino COVID.

    Lo sviluppatore di successo del Delaware (Ohio) Joel Robert Kallman è morto il 25 maggio a soli 54 anni, lasciando moglie e figli. Il 26 marzo aveva twittato di aver ricevuto la sua prima dose di vaccino contro il virus COVID-19.

    Kallman era ben noto nel campo della tecnologia ed era dietro la visione di Oracle APEX, una piattaforma di sviluppo software basata sul web.

    “Ho ricevuto la mia prima vaccinazione oggi”, ha twittato Kallman   il 26 marzo. “Sono incredibilmente orgoglioso di @Oracle e del team che ha lavorato instancabilmente per creare e gestire v-safe per gli Stati Uniti”.

    Successivamente ha twittato solo altre 5 volte, facendolo il 29 marzo per l’ultima volta, appena 3 giorni dopo aver ricevuto il vaccino.

    “V-safe” è uno strumento per smartphone sviluppato da Oracle APEX che utilizza messaggi di testo e sondaggi online per fornire controlli sanitari personalizzati dopo aver ricevuto un vaccino contro il virus Covid-19.

    Il CDC ha adottato l’app in modo che gli utenti potessero segnalare gli effetti collaterali all’agenzia dopo aver ricevuto un vaccino CCV e ricordare loro di ottenere una seconda dose del vaccino.

    Kallman è uno dei migliaia di casi di decessi per infezione da “COVID” dopo aver ricevuto il vaccino.

    Sebbene né l’azienda in cui ha lavorato né il suo necrologio stabiliscano alcun legame tra la sua morte e il vaccino, la sua morte genera sospetti poiché è noto che il più delle volte sul defunto non viene nemmeno eseguita l’autopsia e la causa della morte è segnalato come “COVID”. I media ripetono anche queste informazioni senza ulteriori indagini o informazioni di base.

    D’altra parte, abbiamo dati forniti dallo stesso CDC che riportano che i ricoveri per infezione da COVID e i decessi sono più che triplicati tra coloro che sono stati completamente vaccinati contro la malattia solo nell’ultimo mese.

    Oracle APEX ha twittato il 27 maggio sulla morte di Kallman per Covid-19. “Il calore e l’entusiasmo di Joel hanno toccato innumerevoli persone in tutto il mondo. Ci manca molto”.

    Vaccini e casi positivi

    Il mese scorso, il comico Bill Maher è risultato positivo al COVID-19 nonostante avesse ricevuto due dosi di vaccino settimane prima, così come almeno nove giocatori dei New York Yankees.

    Ora sappiamo anche dal CDC che i “decessi per COVID” in coloro che sono stati completamente vaccinati contro la malattia sono aumentati dai 160 del 30 aprile ai 535 de 1 giugno.

    Tra il 1 gennaio e il 30 aprile 2021, un totale di 10.262 “infezioni breakthrough” da vaccino, definite come infezioni da coronavirus in persone completamente vaccinate, sono state segnalate al CDC in 46 stati e territori degli Stati Uniti tra il 1 gennaio al 30 aprile 2021, secondo un rapporto pubblicato da CDC il 28 maggio.

    Circa il 10% (995) dei pazienti che si sono ammalati dopo la vaccinazione prima del 30 aprile sono stati ricoverati in ospedale e l’agenzia ha affermato di aver ricevuto segnalazioni di 160 pazienti completamente vaccinati che sono morti a causa dell’infezione.

    Pochi giorni dopo, il sito Web del CDC ha riferito che 3.016 pazienti completamente vaccinati con il vaccino COVID-19 avevano sviluppato una “ricaduta” ed erano stati ricoverati in ospedale o sono morti. Questi decessi sono stati 535 al 1 giugno rispetto ai 160 decessi segnalati un mese prima.

    %d bloggers like this: