La fonte della giovinezza esiste davvero? Alla scoperta dell’Acido Ialuronico tra scienza e fantascienza.

La pelle dovrebbe essere idratata tutti i giorni a partire dai 20 anni di età. Dai medici ai ricercatori fino ai chirurghi tutti sono concordi nell’evidenziare l’importanza di tenere la pelle sempre idratata. E il motivo è quello a cui tutti teniamo: combattere i segni del tempo. Inoltre idratare la pelle ottiene numerosi effetti benefici sulla salute della stessa: evitare infiammazioni, contenere acqua in modo da non risultare ruvida, mantenere elasticità, preservare un aspetto più tonico e giovane, preservare più luminosità. Ma col passare degli anni i fattori genetici determinano l’invecchiamento biologico della pelle che risulta meno capace di trattenere acqua al suo interno e perde compattezza anche se ci si impegna a bere di più.Un aiuto ci arriva dall’ACIDO IALURONICO. L’acido ialuronico è un GLICOSAMINOGLICANO cioè una molecola formata dal ripetersi di lunghe catene di due zuccheri semplici, altamente solubile in ambiente acquoso e quindi  grazie a questa sua particolare struttura è in grado di legare a se molte molecole di acqua, raggiungendo un elevato grado di idratazione. A livello cutaneo svolge un ruolo molto importante nel preservare il giusto grado di idratazione e turgore della pelle, esercitando anche un’azione riempitiva che dona alla cute un aspetto più giovane e rimpolpato. In realtà l’A.I. è una sostanza naturalmente presente nel nostro organismo con lo scopo proprio di idratare e proteggere i tessuti. Si trova oltre che nella pelle anche nell’umor vitreo degli occhi e nelle articolazioni con lo scopo di mantenerli lubrificati. Una delle principali proprietà dell’ A.I. è proprio quello di idratare la nostra pelle. Infatti le sue molecole sono in grado di trattenere fino a 1000 volte il suo peso in acqua. Il nostro corpo con l’avanzare dell’età produce meno A.I. e di conseguenza perde la capacità di trattenere acqua nelle cellule e nei tessuti e questo comporta comparsa di rughe, flaccidità della pelle e deterioramento della cartilagine. Non esiste altra sostanza biologica in grado di trattenere tanta acqua e di conseguenza di produrre un grado di idratazione così elevato. Altra proprietà è quella di mantenere lubrificate le articolazioni. Le nostre articolazioni sono circondate da una membrana sinoviale che secerne un liquido sinoviale formato da A.I. La cartilagine è immersa nel liquido sinoviale che è l’unico modo per  portare nutrimento dato che è avascolarizzata . Con l’invecchiamento la viscosità del liquido sinoviale diminuisce e iniziano a sorgere problemi articolari come rigidità, artrite, artrosi ecc. Assumere un integratore di A.I. può prevenire o minimizzare questi problemi. All’interno dell’occhio poi l’umor vitreo è quasi completamente composto da A.I. che serve come ammortizzatore e per il trasporto di nutrienti all’occhio. Inoltre mantiene in salute capelli e gengive e agisce come barriera difensiva dagli agenti nocivi con azione antinfiammatoria e cicatrizzante. La scoperta dell’A.I. risale al 1930 quando il biochimico Meyer e il suo assistente isolarono la molecola dall’umor vitreo bovino. Battezzarono la sostanza Hyaluronic Acid dall’unione delle parole  “Hyalos”, che in greco vuol dire vitreo, e “Uronic Acid”( acido uronico). L’applicazione in campo medico iniziò negli anni ’60 quando gli scienziati ne scoprirono la presenza anche in altri tessuti del corpo. Da allora è stato ribattezzato “ la fontana della giovinezza “ e utilizzato a tutt’oggi nei trattamenti anti-age. Essendo quasi privo di controindicazioni è molto utilizzato sia in cosmesi, spesso aggiunto alle creme idratanti che mirano a nutrire e idratare la pelle e in creme terapeutiche per la guarigione di ferite, che in campo medico soprattutto in medicina estetica( ad esempio i fillers rimpolpanti per le labbra).Il mio consiglio è quello di inserire nella routine di integrazione quotidiana anche un integratore in compresse di A.I. per limitarne la perdita causata dall’avanzare dell’età. Io personalemte lo ritengo un integratore molto valido( https://afnutrition.it/supplements/142-hyaluronic-acid.html ). Bisogna aver cura di noi stessi e metterci al primo posto. Non è egoismo è solo ricordarsi di volersi bene. Avere cura di sé è importante perché significa amarsi. Mi chiamo Federica Favale: Personal Trainer, Coach Online, FitModel, Titolare e Responsabile Commerciale dell’azienda AF Nutrition ( http://www.afnutrition.it ) , Blogger ( https://federicanuovo.blogspot.com/ ) e Mamma. Email: federica.favale79@libero.it  INSTAGRAM: ( federica_af_nutrition) https://www.instagram.com/federica_af_nutrition/?hl=it    FACEBOOK: ( Federica Favale)  https://www.facebook.com/federica.favale.71/

0 comments on “La fonte della giovinezza esiste davvero? Alla scoperta dell’Acido Ialuronico tra scienza e fantascienza.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: