la-manovra-di-valsalva:-a-cosa-serve?

La Manovra di Valsalva: a cosa serve?

Oggi parliamo della Manovra di Valsava: scopriamo assieme le funzioni di una “procedura” fisiologia. Ci serve per evacuare, ma anche per altri scopi.

La manovra di Valsalva è una tecnica di respirazione che può essere utilizzata per aiutare a diagnosticare un problema con il sistema nervoso autonomo (ANS). Può anche essere usato per aiutare a ripristinare una frequenza cardiaca normale se il tuo cuore inizia a battere troppo velocemente.

Prende il nome dal medico italiano del XVII secolo Antonio Maria Valsalva, la tecnica richiede di provare a espirare quando le vie aeree sono bloccate. Una versione della manovra di Valsalva può essere utilizzata anche per aiutare a bilanciare la pressione dell’aria nelle orecchie.

Oltre a chiudere la bocca e pizzicare il naso, spingi come se avessi un movimento intestinale. La manovra provoca diversi rapidi cambiamenti nella frequenza cardiaca e nella pressione sanguigna.

Dovresti prima provare questa tecnica sotto la supervisione di un medico per assicurarti di farlo correttamente e per un periodo di tempo sicuro ma efficace.

Come eseguire la manovra.

Per eseguire la manovra di Valsalva, seguire nell’ordine questi passaggi:

  • chiudi il naso;
  • chiudi la bocca;
  • prova a espirare, come se gonfiassi un palloncino;
  • Porta giù, come se avessi un movimento intestinale;
  • fatelo per circa 10-15 secondi.

La manovra di Valsalva può essere eseguita seduti o sdraiati. Chiedi al tuo medico quale approccio è giusto per te.

Quali sono le quattro fasi della manovra di Valsalva?

La manovra di Valsalva può essere suddivisa in quattro fasi.

Fase uno.

Soffiare aria contro le vie aeree chiuse mentre si spinge verso il basso fa aumentare la pressione nel petto. Questo perché la pressione nell’aorta all’interno del petto aumenta brevemente e il sangue viene spinto fuori dal cuore verso gli arti e il resto del corpo.

Questa prima fase provoca un picco temporaneo della pressione sanguigna.

Fase due.

La seconda fase provoca un calo costante della pressione sanguigna poiché una quantità limitata di sangue nelle vene ritorna al cuore.

Questa minore quantità di sangue che ritorna al cuore si traduce in una minore quantità di sangue pompato dal cuore e un calo della pressione sanguigna. Il tuo SNA rileva questa caduta di pressione e risponde aumentando la frequenza cardiaca e la gittata e contraendo le arterie.

Tutto ciò porta al ritorno della pressione sanguigna a un intervallo normale se il tuo SNA è sano.

Fase tre.

Alla fine della manovra ti rilassi e la pressione sanguigna scende per qualche istante. Questa è la terza fase.

Fase quattro.

Presto, il sangue inizia a tornare al cuore. Dopo alcuni battiti cardiaci, il flusso sanguigno dovrebbe tornare alla normalità e la pressione sanguigna aumenterà perché i vasi sanguigni sono ancora ristretti.

L’aumento della pressione sanguigna fa sì che la frequenza cardiaca torni alla normalità. Questa è la fase quattro.

A cosa serve la manovra di Valsalva?

Questa semplice procedura viene utilizzata per una serie di motivi diversi. Due scopi importanti sono legati al modo in cui la manovra di Valsalva influenza la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.

Ripristino del ritmo cardiaco.

I cambiamenti nella pressione sanguigna e nella frequenza cardiaca mentre ti muovi attraverso le quattro fasi della manovra possono spesso ripristinare un ritmo cardiaco normale quando il tuo cuore sta vivendo la tachicardia.

La tachicardia è una frequenza cardiaca anormalmente veloce. Se una manovra di Valsalva non funziona, il medico potrebbe consigliarti di provarla una seconda volta.

Fase due.

La seconda fase provoca un calo costante della pressione sanguigna poiché una quantità limitata di sangue nelle vene ritorna al cuore.

Questa minore quantità di sangue che ritorna al cuore si traduce in una minore quantità di sangue pompato dal cuore e un calo della pressione sanguigna. Il tuo SNA rileva questa caduta di pressione e risponde aumentando la frequenza cardiaca e la gittata e contraendo le arterie.

Tutto ciò porta al ritorno della pressione sanguigna a un intervallo normale se il tuo SNA è sano.

Fase tre.

Alla fine della manovra ti rilassi e la pressione sanguigna scende per qualche istante. Questa è la terza fase.

Fase quattro.

Presto, il sangue inizia a tornare al cuore. Dopo alcuni battiti cardiaci, il flusso sanguigno dovrebbe tornare alla normalità e la pressione sanguigna aumenterà perché i vasi sanguigni sono ancora ristretti.

L’aumento della pressione sanguigna fa sì che la frequenza cardiaca torni alla normalità. Questa è la fase quattro.

A cosa serve la manovra di Valsalva?

Questa semplice procedura viene utilizzata per una serie di motivi diversi. Due scopi importanti sono legati al modo in cui la manovra di Valsalva influenza la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.

Ripristino del ritmo cardiaco.

I cambiamenti nella pressione sanguigna e nella frequenza cardiaca mentre ti muovi attraverso le quattro fasi della manovra possono spesso ripristinare un normale ritmo cardiaco quando il tuo cuore sta vivendo la tachicardia.

La tachicardia è una frequenza cardiaca anormalmente veloce. Se una manovra di Valsalva non funziona, il medico potrebbe consigliarti di provarla una seconda volta.

Diagnosi di un disturbo ANS.

Oltre a trattare una frequenza cardiaca anormale, la manovra di Valsalva può essere utilizzata anche per diagnosticare un disturbo del SNA.

L’andamento della frequenza cardiaca e dei cambiamenti della pressione sanguigna durante le varie fasi della manovra di Valsalva può aiutare il medico a identificare i problemi con le funzioni dei nervi simpatici e parasimpatici.

Se hai una condizione chiamata sindrome da tachicardia ortostatica posturale (POTS), sperimenterai aumenti significativi della pressione sanguigna durante le fasi due e quattro.

POTS è una condizione in cui la pressione sanguigna scende drasticamente quando ti alzi dopo esserti seduto o sdraiato. Può essere un problema di salute molto serio, che porta a svenimenti, cadute e altre complicazioni.

Curare le orecchie ostruite.

La manovra di Valsalva può anche aiutare con problemi relativamente innocui, come l’aria che blocca temporaneamente la tromba di Eustachio nell’orecchio interno. Potresti aver provato questa sensazione durante il decollo o l’atterraggio su un aereo.

La manovra di Valsalva può essere spesso utilizzata per aiutare le orecchie a “scoppiare” forzando l’aria attraverso i seni paranasali e la tromba di Eustachio.

Avvertenze.

La manovra di Valsalva non deve essere utilizzata per trattare tutti i tipi di problemi cardiovascolari. Non provare questa tecnica se hai la pressione alta e sei ad alto rischio di ictus o infarto.

Parla con il tuo medico prima di provare questa tecnica se hai un problema del ritmo cardiaco, noto anche come aritmia.

Se provi più volte la manovra per rallentare un battito cardiaco, ma non ottieni sollievo dalla tua tachicardia, vai al pronto soccorso. Dovresti anche andare al pronto soccorso se hai un battito cardiaco insolitamente rapido e hai dolore al petto, mancanza di respiro o ti senti svenire.

Anche provare la manovra di Valsalva per schiarire le orecchie dovrebbe essere fatto con cautela. Se provi a espirare troppo forte, potresti rompere un timpano.

In sintesi.

La manovra di Valsalva può essere un utile strumento terapeutico e diagnostico, ma dovrebbe sempre essere eseguita prima con le istruzioni di un medico. Se sei in grado di farlo in sicurezza, può essere un modo semplice e veloce per far battere il tuo cuore a un ritmo sicuro e normale.

Se il tuo medico non l’ha mai suggerito, vai avanti e chiedi. Potrebbe rivelarsi un grande aiuto per il tuo cuore e la qualità della tua vita.

%d bloggers like this: