la-stazione-per-il-riciclo-del-vetro,-in-vetro

La stazione per il riciclo del vetro, in vetro

L’estetica minimale e trasparente è utile a dimostrare la facilità del riciclo di bottiglie, grazie anche al sistema che divide i residui liquidi dai recipienti

Una stazione per il riciclaggio del vetro realizzata con lo stesso materiale (riciclato, ovviamente), così da esercitare un effetto visivo su chi osserva l’oggetto e sensibilizzarlo sulla necessità del riciclo e sull’economia circolare, con l’auspicio di trasformare i concetti in una abitudine. Questo è l’idea da cui sono partiti idesigner Jack Lee e Trinna Wu del Taiwan Tech Department of Design (parte dell’Università di Scienze e Tecnologia di Taiwan) per realizzare l’Interactive Glass Recycle Bin. Una sorta di cestino di più ampie dimensioni rispetto allo standard che, proprio grazie al materiale e alla intuitiva modalità per gettare e accumulare le bottiglie, sfrutta una lastra rimovibile nella parte inferiore per svuotarla in modo rapido e trasferire l’intero contenuto in uno scatolone. Pronto, quindi, per essere riciclato.

L’estetica è minimale e trasparente, così da creare un netto contrasto con le bottiglie raccolte all’interno (come mostra il video qui sopra). L’apertura in cima si chiude automaticamente per evitare fuoriuscite di odori, mentre sul binario inferiore c’è un meccanismo che consente di deviare i liquidi residui dalle rispettive bottiglie. Nella parte superiore, inoltre, c’è un pannello solare che assorbe luce durante il giorno per illuminare l’ambiente circostante per circa 6 ore. Profilo, dimensioni e peculiarità dimostrano che il cestino di vetro interattivo si può installare ovunque, in strada, nelle sedi aziendali, all’interno di centri commerciali (dotati di vetrate) e in qualsiasi luogo pubblico all’aperto.

%d bloggers like this: