Las Vegas, da capitale dell’eccesso a esempio di efficienza idrica

las-vegas,-da-capitale-dell’eccesso-a-esempio-di-efficienza-idrica


Non solo “citta dell’intrattenimento”, com’è stata soprannominata, Las Vegas si sta guadagnando anche il titolo di città sostenibile, grazie ai lungimiranti provvedimenti per migliorare l’efficientamento idrico.
L’ultimo riguarda il Lake Mead, il più grande lago artificiale degli Stati Uniti alimentato dal fiume Colorado, il cui bacino rifornisce circa il 90 percento della Las Vegas Valley. Per far fronte alla più grave siccità mai registrata negli ultimi 110 anni, è stato stabilito che gran parte dell’acqua utilizzata dalla città verrà trattata e reimmessa nel lago.

Diga di Hoover, lago artificiale di Mead (Photo: Carol M. Highsmith’s America, Library of Congress collection. Digitally enhanced by rawpixel)

“Per avere la reputazione di città dell’eccesso, siamo in realtà una delle città più efficienti dal punto di vista idrico al mondo”, ha affermato John Entsminger, direttore generale della Southern Nevada Water Authority. “Tutta l’acqua che usiamo all’interno della città viene riciclata. Anche se passa da uno scarico, la ripuliamo e la reinseriamo nel lago Mead. Potresti letteralmente lasciare ogni rubinetto, ogni doccia in funzione in ogni stanza d’albergo e non consumeresti acqua”.
Non è la prima volta che Las Vegas si distingue per risoluzioni di questo genere. Già nel 2021 si era dotata di una legge che limita gli orari di irrigazione dei prati e vieta l’erba ornamentale, quella che la Southern Nevada Water Authority ha definito “tappeto erboso non funzionale”: l’erba inutilizzata presente nei parchi degli uffici, sugli spartitraffico e negli ingressi dei complessi residenziali. Sono esclusi i parchi dei campi da golf e le villette unifamiliari, i cui proprietari, però, possono ricevere incentivi fino a 3 dollari al metro quadro, per sostituire prati con rocce e piante desertiche. Le autorità locali stimano che il divieto dell’erba non funzionale permetterà di risparmiare, entro il 2027, il 10% dell’approvvigionamento idrico totale del fiume Colorado e circa 41 litri a persona al giorno, in una regione che conta una popolazione di 2,3 milioni di persone.
In futuro, i sette Stati che contano sul Colorado per il loro approvigionamento idrico, Arizona, California, Colorado, Nevada, New Mexico, Utah e Wyoming, saranno costretti ad adottare misure di questo tipo per contrastare una carenza d’acqua che, come annunciato dall’amministrazione Biden, richiederà tagli idrici senza precedenti in molti Stati della regione sud occidentale degli Stati Uniti.

L’articolo Las Vegas, da capitale dell’eccesso a esempio di efficienza idrica proviene da The Map Report.

Monica Di Martino

0 comments on “Las Vegas, da capitale dell’eccesso a esempio di efficienza idrica

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: