l’imprenditore-della-cybersecurity-john-mcafee-e-stato-trovato-morto-in-un-carcere-spagnolo

L’imprenditore della cybersecurity John McAfee è stato trovato morto in un carcere spagnolo

Il corpo è stato rinvenuto dopo che una corte spagnola aveva decretato la sua estradizione negli Stati Uniti, dove era indagato per evasione fiscale

John McAfee (foto di LiPo Ching/Bay Area News Group/MCT/ABACAPRESS.COM)
John McAfee (foto di LiPo Ching/Bay Area News Group/MCT/ABACAPRESS.COM)

John McAfee è stato trovato morto in un carcere in Spagna. Il creatore di antivirus e imprenditore statunitense, classe 1945, era in un penitenziario di Barcellona. In mattinata l’Audiencia Nacional, l’alta corte iberica, aveva confermato l’estradizione di McAfee negli Stati Uniti, dove il magnate era indagato per una presunta evasione fiscale tra il 2016 e il 2018. A riferire per primo la notizia è stato El Mundo, quotidiano spagnolo. Alla Reuters il legale dell’imprenditore ha confermato la notizia e le circostanze finora trapelati dalle forze dell’ordine di Barcellona. Le autorità catalane stanno conducendo accertamenti, ma secondo le prime informazioni comunicate dal Dipartimento di giustizia, come riferisce El Pais, si tratterebbe di suicidio.

Dopo il verdetto della corte, la polizia penitenziaria del carcere di Brians 2, a Barcellona, ha rinvenuto McAfee morto nella cella che occupava. A nulla sono servite le manovre di rianimazione che sono state praticate al settantacinquenne da parte dei soccorritori intervenuti nel penitenziario. L’imprenditore degli antivirus si trovava in carcere a Barcellona dopo essere stato arrestato lo scorso ottobre dalla polizia spagnola all’aeroporto di El Prat, mentre si stava imbarcando su un volo per Instanbul, nell’ambito delle indagini condotte dalle autorità statunitense. McAfee era stato rinchiuso in carcere perché i giudici ritenevano che vi fosse un pericolo di fuga.

Chi era John McAfee

Nato a Cinderford, nel Regno Unito, il 18 settembre 1945, McAfee ha fondato nel 1987 la Mcafee Associates, società di antivirus che l’imprenditore ha guidato fino al 1994. La società è stata poi acquisita da Intel, benché venda ancora i suoi antivirus con il marchio McAfee. Successivamente l’imprenditore ha avviato numerose attività, spaziando dallo yoga all’omeopatia, dalle criptovalute agli smartphone. Per un periodo ha vissuto anche in Belize, prima di rientrare negli Stati Uniti.

McAfee è stato tentato anche dalla politica, benché i suoi due tentativi di correre per la Casa Bianca, nel 2016 e nel 2020, non abbiano avuto successo. E nel 2019 era già stato arrestato, insieme alla moglie e altre quattro persone, dopo essere sbarcato in Repubblica Dominicana con una barca carica di armi.

Le indagini finanziarie

Pesantemente colpito dalla crisi finanziaria del 2007, McAfee è stato accusato l’anno scorso dal Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti di evasione fiscale. Inoltre è stato indagato insieme a un’altra persona da una corte federale di Manhattan per aver promosso una criptovaluta via Twitter nascondendo un sistema pump and dump: pompare un titolo per vendere al momento giusto le proprie quote e poi lasciare che precipiti, lasciando gli altri investitori con il cerino in mano.

The US believes I have hidden crypto. I wish I did but it has dissolved through the many hands of Team McAfee (your belief is not required), and my remaining assets are all seized. My friends evaporated through fear of association.

I have nothing.

Yet, I regret nothing.

— John McAfee (@officialmcafee) June 16, 2021

In uno dei suoi ultimi tweet, McAfee prendeva le distanze dalle accuse mosse dalle autorità statunitense e lamentava di essere rimasto solo. “I miei amici sono svaniti per paura di essere associati a me. Non ho niente. Sì, non mi pento di nulla”, scriveva.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: