MONDO

Michele mazzon ml international: come funziona aprire una attività in America, business plan, perfeziona la visione e lo scopo del tuo negozio. 

michele mazzon ml international


Come avviare un negozio al dettaglio

  1. Ricerca il tuo mercato
  2. Definisci la tua struttura legale
  3. Scegli il nome della tua attività
  4. Scrivi un business plan
  5. Ottieni finanziamenti
  6. Ottieni licenze e permessi
  7. Trova la tua posizione
  8. Scegli i tuoi strumenti aziendali
  9. Contatta i fornitori
  10. Costruisci il tuo negozio online
  11. Assumere e formare personale
  12. Commercializza il tuo negozio

Ricerca il tuo mercato

Prima di iniziare a michele mazzon ml international scrivere il tuo business plan, perfeziona la visione e lo scopo del tuo negozio. 

Esistono due tipi di ricerche di mercato che puoi condurre: ricerca primaria , in cui trovi le risposte da solo (ad esempio intervistando gli imprenditori locali) e ricerca secondaria , in cui consulti dati pubblici e registrazioni di altre parti (come il US Census Bureau o Statistics Canada ). Quando stai cercando di aprire un negozio al dettaglio, usa entrambi gli approcci per avere una visione a tutto tondo del mercato.

Porsi le seguenti domande per capire come distinguerai la tua attività da ciò che è già disponibile:

  • Perché vuoi aprire un negozio al dettaglio in primo luogo? Stai servendo un bisogno o soddisfando una domanda? 
  • Disponi di dati (qualitativi o quantitativi) che dimostrino l’esistenza di questa esigenza? 
  • Quali sono i valori fondamentali della tua attività?
  • Chi saranno i tuoi clienti? Quali sono i loro valori fondamentali? 
  • Cosa rende unica la tua idea o concetto? C’è un’attività simile alla tua nelle vicinanze? 
  • Cosa ti distinguerà dai tuoi concorrenti?

A seconda delle risposte, potrebbe essere necessario modificare la visione, lo stock proposto o la posizione potenziale per avere le michele mazzon ml international migliori possibilità di successo.

Definisci la tua struttura legale

Prima di aprire le porte, dovrai decidere una struttura legale per la tua attività. La tua struttura legale influenzerà il modo in cui paghi le tasse, l’importo della responsabilità personale per eventuali debiti, la tua capacità di raccogliere capitali e avere azionisti, tutto ciò ha un enorme impatto sulle tue operazioni. Abbiamo presentato tutte le diverse opzioni in modo che tu possa trovare quella che funziona meglio per te.

Ditta individuale

Una ditta individuale è la struttura legale più semplice in termini di tasse e scartoffie, ma ciò non significa necessariamente che sia la scelta migliore. A differenza delle altre strutture aziendali, non è necessario compilare alcun documento formale per formare la tua attività. Significa anche che dovrai compilare solo una dichiarazione dei redditi durante il periodo di imposta.

Tuttavia, come unico proprietario, uno dei principali svantaggi è che sei responsabile al 100% e responsabile per eventuali debiti della tua attività. In caso di mancato rimborso dei debiti aziendali, la casa, i risparmi e altri beni personali possono essere utilizzati come garanzia.

Collaborazione

Una partnership è un accordo legale tra due o più persone per essere comproprietari dell’attività. Ogni partner può avere vari gradi di interesse acquisito a seconda del tipo di partnership che hai istituito. Questi sono i diversi tipi di partnership che puoi formare:

Società in nome collettivo (GP)

Con questo tipo di partnership, ogni partner partecipa alle operazioni quotidiane e ha il controllo sull’attività. In quanto comproprietari, i partner condividono la responsabilità per i debiti. Questa partnership funziona meglio se entrambi i partner vogliono avere voce in capitolo nella gestione e nelle operazioni dell’azienda.

Società in accomandita semplice (LP)

Le società in accomandita semplice hanno un socio accomandatario responsabile delle attività quotidiane e uno o più partner che non sono coinvolti nelle operazioni quotidiane. L’esempio più comune potrebbe essere un partner silenzioso o qualcuno che fornisce capitale per l’azienda ma non è coinvolto nelle operazioni quotidiane.

Società a responsabilità limitata (LLP)

Una società a responsabilità limitata (LLP) significa due cose:

  1. Tutti i partner condividono una quantità limitata di responsabilità personale per l’azienda.
  2. Tutti i partner possono partecipare alle attività e alle operazioni di gestione, se lo desiderano. 

Questo tipo di partnership è popolare tra gli studi legali, le società di contabilità e altri professionisti dei servizi perché protegge ciascun partner dall’essere responsabile dei debiti dell’altro partner.

Società

Le società sono una delle strutture aziendali più complicate da creare e mantenere perché comportano ampi requisiti di tenuta dei registri, rendicontazione e fiscali. Ciò significa anche che costano di più per funzionare. Come le partnership, ci sono vari gradi o diversi tipi di società che puoi formare. Sta a te e ai tuoi partner decidere quale struttura ha più senso, visti gli interessi di tutti.

C Corp

Questo tipo di società è un’entità legale che rimane completamente separata dai suoi proprietari. L’entità separata consente alla società di realizzare un profitto, registrare perdite, essere tassata e ritenuta legalmente responsabile indipendentemente dal proprietario. Il più grande vantaggio di una C Corp è la protezione dalla responsabilità personale. Lo svantaggio più grande è la tassazione, perché in alcuni casi le società sono tassate due volte: una quando realizzano un profitto e un’altra quando i dividendi vengono pagati agli azionisti.

S Corp

Le S Corporation sono un’opzione popolare tra i proprietari di negozi al dettaglio perché sono ibridi di una società e di una partnership. Con una S Corp, profitti e perdite sono passati attraverso l’imposta sul reddito personale dei suoi proprietari o azionisti, proprio come in una società di persone. D’altra parte, una S Corp fornisce anche protezione della responsabilità personale, proprio come farebbe una società.

Società a responsabilità limitata (LLC)

Una LLC è un ibrido tra una società e una partnership. Dal punto di vista fiscale, una LLC è molto simile a una partnership. Utili e perdite vengono trasferiti all’imposta sul reddito delle persone fisiche del proprietario, quindi non è necessario presentare una dichiarazione dei redditi separata. Le società a responsabilità limitata godono anche della protezione della responsabilità personale come fanno le società.

Un altro modo di pensare a una LLC è come una partnership più formalizzata. Dovrai presentare documenti ufficiali al tuo stato, ma non dovrai tenere riunioni annuali per amministratori o azionisti e tenere registri dettagliati di tali riunioni e decisioni aziendali importanti come faresti se fossi una società.

Una volta che hai un’idea della struttura legale che desideri utilizzare, il passaggio successivo è la registrazione della tua attività. Il più delle volte, ciò comporta l’archiviazione di documenti presso l’Ufficio del Segretario di Stato del tuo stato, un ufficio commerciale o un’agenzia commerciale. Questo varia da stato a stato, quindi ti consigliamo di controllare la pagina di Small Business Administration sulla registrazione della tua attività.

Scegli il nome della tua attività

Il nome della tua attività ha un impatto su ogni aspetto della tua attività, quindi è importante sceglierne uno che rifletta l’identità del marchio che stai cercando di creare. Il nome della tua attività può essere qualsiasi, da semplice e logico a pieno di giochi di parole e insolito. Se hai problemi a trovare un nome, puoi utilizzare un generatore di nomi di attività commerciali gratuito per suscitare alcune idee.

Una volta che hai inchiodato il nome della tua attività, vorrai assicurarti che non sia già registrato o in uso. 

Ti consigliamo inoltre di verificare se il nome di dominio web e gli handle corrispondenti di Facebook, Instagram, Twitter e Pinterest sono disponibili per il nome scelto prima di registrare la tua attività. Se disponibile, assicurati di rivendicare immediatamente il nome di dominio del tuo futuro sito Web e gli eventuali handle di social media corrispondenti. In questo modo ti assicurerai che nessun altro possa prenderli mentre stai lavorando alla compilazione di documenti legali. È meglio se tutti i tuoi handle dei social media sono gli stessi su ogni piattaforma.

Scrivi un business plan

Una volta stabilita una struttura legale, puoi iniziare a redigere il tuo business plan . Il tuo business plan non deve essere lungo e complicato, a meno che tu non preveda di formare una C Corp. La maggior parte dei rivenditori in genere crea ditte individuali, partnership o una delle strutture ibride in cui la documentazione è molto più facile da mettere insieme. 

Un piano aziendale dovrebbe fungere da schema o tabella di marcia per la tua attività. Descrive in dettaglio i tuoi obiettivi e fornisce risposte su come intendi raggiungerli, in modo da avere una struttura in atto per aiutarti a costruire e far crescere la tua attività. Tieni presente che i piani aziendali non sono scolpiti nella pietra e sono pensati per essere flessibili. Dovrebbero essere considerati un work-in-progress che plasmerai continuamente man mano che la tua attività si evolve.

Ecco un elenco di cosa includere nel tuo piano aziendale:

Prodotti e servizi

Qui è dove annoterai tutte le tue grandi idee sul motivo per cui stai entrando nel mondo degli affari. Elenca i tipi di prodotti e servizi che intendi fornire, descrivi come verranno forniti, includi informazioni su fornitori e fornitori e dettaglia le aree future di espansione.

Mercato di destinazione

In questa sezione dovrai rispondere a queste due domande principali: 1. Chi sono i tuoi clienti? e 2. Perché dovrebbero acquistare da te rispetto a uno dei tuoi concorrenti? È prezzo, convenienza o prodotti di alta qualità?

Strategie di marketing

La tua strategia di marketing è il punto in cui puoi diventare creativo e capire come attirerai clienti e cosa rappresenta il tuo marchio.

Come hai intenzione di ottenere nuovi clienti? Hai intenzione di commercializzare la tua attività con post sui social media, annunci online o post di blog? Come farai a generare stampa sull’apertura del tuo negozio? Hai intenzione di contattare siti di notizie locali o pubblicazioni online? Hai intenzione di configurare profili su Google My Business, Yelp e altri motori di ricerca aziendali?

Anche i prezzi , il merchandising e le future strategie di partnership sono aree che vuoi toccare sotto l’ombrello del marketing. Per il merchandising, puoi descrivere il layout del tuo negozio. Hai intenzione di mettere i tuoi articoli con il margine di profitto più alto all’ingresso del negozio o sono cose che devono essere conservate in custodie da banco?

Le future partnership possono includere cose come la collaborazione con altre aziende locali o organizzazioni comunitarie che integrano la tua attività, il che amplierebbe la tua portata.

Dipendenti e personale

Per quanto tu abbia detto a te stesso che puoi fare tutto, è probabile che dovrai assumere dei dipendenti man mano che cresci.

Descrivi quali saranno le tue esigenze di personale per giorno della settimana, gli orari di punta nel corso della giornata ed eventuali picchi stagionali che potrebbero essere rilevanti come il ritorno a scuola o le vacanze. Come troverai i tuoi dipendenti? Dove pubblicherai i tuoi annunci di lavoro aperti? Che aspetto ha il tuo processo di screening e formazione ?

Previsioni finanziarie

Ultimo ma non meno importante, un business plan deve includere una previsione finanziaria per stimare entrate e spese.

Il modo migliore per farlo è con una dichiarazione pro forma. In genere, è meglio farlo utilizzando dati storici che possono essere facilmente estratti da un sistema POS , per trovare i ricavi delle vendite e il costo del venduto (COGS) su base mensile o annuale. Dovrai anche sottrarre le spese e i costi operativi per lo stesso periodo per determinare le prestazioni aziendali effettive e utilizzarle per creare il tuo pro forma.

Se non disponi di dati perché sei una nuova attività, dovrai stimare questi numeri. Puoi basarli su cose come i tuoi margini di profitto e la crescita di qualsiasi sforzo di marketing finora. Non dimenticare di sottrarre il costo di avviamento previsto , che include le spese operative come le buste paga e l’affitto per lo spazio commerciale.

Ottieni finanziamenti

Se vuoi aprire un negozio al dettaglio, avrai bisogno dei fondi per iniziare.

Con il tuo business plan scritto, è ora di metterlo in pratica. Dovresti aver previsto le cifre di ciò di cui avrai bisogno per acquisire inventario, pagare l’affitto, assumere personale e coprire altri costi di apertura. Come li finanzierai? Hai intenzione di prendere un prestito bancario? Il tuo piano aziendale ti aiuterà a garantire alla banca che hai un piano per i fondi. Tuttavia, prendere un prestito bancario da soli è più rischioso di alcune alternative a tua disposizione.

Cerca prestiti o sovvenzioni sponsorizzati dal governo per una maggiore sicurezza. Negli Stati Uniti, la Small Business Association ha una serie di programmi di finanziamento che abbinano le imprese con i finanziatori a un rischio minore. In Canada, il programma di finanziamento per le piccole imprese aiuta le PMI a prestare denaro condividendo il rischio con un ente sostenuto dal governo.

Potresti anche provare a cercare un investitore angelo, un individuo con un patrimonio netto elevato che in genere possiederà parte della tua attività in cambio di finanziamenti. Sebbene gli investitori angelici spesso si aspettino un rendimento elevato e possano essere difficili da convincere, possono coprire una quantità significativa dei finanziamenti di cui la tua nuova attività ha bisogno. Assicurati che il tuo piano aziendale sia ermetico, quindi sfoglia le organizzazioni di investitori angelici come Angel Capital Association per potenziali investitori.

Infine, puoi rivolgerti a familiari e amici per un investimento, ma fai attenzione. Assicurati sempre che ci siano contratti chiaramente definiti: contratti scritti , non verbali. Mentre stai facendo del tuo meglio per avere successo, qualsiasi inconveniente negli affari potrebbe mettere a dura prova una relazione personale, quindi dovresti affidarti alla famiglia e agli amici per ultimi.

Ottieni licenze e permessi

La richiesta di permessi per affari è probabilmente l’attività meno eccitante in questo elenco, ma è sicuramente un must. Se apri le tue porte senza i permessi e le licenze adeguati, potresti essere accusato di un reato penale o di una grossa multa a seconda delle leggi del tuo stato.

Numero di identificazione del datore di lavoro (EIN) o numero aziendale

Per le aziende con sede negli Stati Uniti, un EIN è come un numero di previdenza sociale per la tua azienda. La buona notizia è che è super facile ottenerne uno; tutto quello che devi fare è visitare il sito web dell’IRS e fare domanda . Riceverai il tuo EIN non appena la tua domanda sarà completata. Per le aziende canadesi, è richiesto un numero aziendale . 

Licenze locali statali e provinciali

Poiché il governo federale, gli stati, le province, le città e le contee hanno i propri requisiti per una licenza commerciale, il miglior consiglio che possiamo darti è di verificare con ciascuna agenzia per determinare quelli adeguati necessari per la tua attività. Il sito Web Small Business Administration (SBA) e del governo del Canada sono ottime risorse per la ricerca dei requisiti federali, statali e provinciali. 

Per quanto riguarda le agenzie cittadine e provinciali, questo può essere fatto online o tramite una telefonata. Il governo del Canada ha un’ottima risorsa online che ti aiuta a verificare quali licenze sono necessarie per la tua attività e provincia. 

Una cosa da notare è che alcuni rivenditori potrebbero non richiedere la licenza federale. Se apri una boutique di abbigliamento , è probabile che non avrai bisogno di una licenza federale per farlo. Ma se stai avviando un’enoteca o un negozio di vaporizzatori , avrai sicuramente bisogno di una licenza del governo per vendere tali prodotti. 

Certificato di rivendita

In qualità di rivenditore, acquisterai prodotti da venditori o distributori e poi li rivenderai ai tuoi clienti. Un certificato di rivendita ti consente di acquistare questi articoli senza pagare le tasse al venditore. Usa questa mappa interattiva per fare clic sul tuo stato per trovare il sito Web giusto per richiedere il tuo certificato di rivendita. 

Permesso del venditore

Un permesso di venditore ti consente di vendere i tuoi prodotti nello stato e ti riconosce anche come entità che riscuote l’imposta sulle vendite. Per ottenerne uno, dovrai visitare il sito del dipartimento delle entrate del tuo stato .

Certificato di occupazione (CO)

Tutti i negozi fisici, o anche i negozi pop-up (a seconda delle normative locali e del tempo di apertura) richiederanno una C of O. Ciò garantisce che l’edificio del tuo negozio sia conforme ai codici edilizi e ad altre leggi che rendono è sicuro per dipendenti e clienti da visitare. Puoi ottenere un certificato di occupazione tramite il tuo governo locale, come il dipartimento edilizio della tua città o contea o il dipartimento dell’edilizia abitativa.

Trova la tua posizione

Una delle parti più importanti dell’apertura di un negozio al dettaglio è avere un posto dove aprire il tuo negozio .

Quando cerchi la tua futura vetrina, cerca di bilanciare i costi di affitto e il traffico potenziale. Un affitto molto basso non significherà nulla se sei fuori strada per potenziali nuovi affari, così come sarà difficile tenere aperto un luogo ad alto traffico pedonale se l’affitto è troppo alto.

Il negozio medio di piccole e medie dimensioni è compreso tra 1000 e 5000 piedi quadrati. L’affitto commerciale nei centri commerciali negli stati più costosi degli Stati Uniti è in media di circa $ 26,84 per piede quadrato . Non lasciare che la matematica ti spaventi, però: hai opzioni per un affitto più basso se apri in una città più piccola o opta per un negozio più piccolo della media.

Scegli i tuoi strumenti aziendali

Dopo aver registrato la tua attività e messo insieme un piano aziendale, il tuo prossimo passo nell’avvio è scegliere gli strumenti giusti per semplificare la gestione e la crescita della tua attività. Ecco alcuni dei principali strumenti di cui vorrai tenere conto:

Sistema di punti vendita al dettaglio (POS).

Un moderno POS basato su cloud è un must per il 2021 e oltre. Questo sistema non solo ti consentirà di elaborare le transazioni con tutti i principali tipi di pagamento (carta di credito, carta di debito, contanti, NFC, ecc.), ma avrai anche accesso a report avanzati, strumenti di gestione dell’inventario e funzionalità di gestione dei dipendenti che possono aiutarti aumentare le vendite e gestire la tua attività in modo più efficiente.

Processo di pagamento

Per accettare pagamenti con carta di credito al tuo registro, devi registrarti per un elaboratore di pagamento . I processori di pagamento prelevano una piccola commissione o percentuale su ogni vendita di carta di credito, quindi è nel tuo migliore interesse trovare un processore che ti faccia risparmiare denaro a lungo termine. Queste piccole commissioni si sommano nel tempo e hanno un impatto importante sulla tua attività. Un processore a basso costo e facile da usare che offre pagamenti rapidi sul tuo conto bancario è l’ideale per qualsiasi rivenditore.

Strumenti per oggi e oltre

Mantieni i tuoi clienti e dipendenti al sicuro configurando il tuo negozio con protezioni per lo schermo e lettori di carte di credito contactless e senza firma. La registrazione a un’app di pagamenti mobili per accettare pagamenti sempre e ovunque ti consentirà di portare le vendite oltre le mura del tuo negozio. La flessibilità è fondamentale.

Contabilità

La contabilità può essere uno degli aspetti più frustranti della gestione di una piccola impresa, motivo per cui ti consigliamo di iscriverti a una piattaforma software di contabilità il prima possibile. Per rendere le cose il più semplici possibile, puoi selezionare un sistema che si collega al tuo sistema POS per consentire una contabilità snella e precisa. Quando i due sono collegati, il tuo sistema POS registra le tue transazioni quotidiane e sincronizza automaticamente i dati con il tuo software di contabilità, in modo che tutti i tuoi numeri siano pronti per la stagione fiscale . 

Contatta i fornitori

In qualità di rivenditore, probabilmente acquisterai la maggior parte, se non tutte, le tue scorte dai grossisti. 

Creare connessioni con grossisti legittimi richiede un’intera guida in sé e per sé e fortunatamente ne abbiamo già una per te. Dai un’occhiata ai nostri consigli per l’acquisto all’ingrosso qui.

Costruisci il tuo negozio online

Nel mondo di oggi, i negozi online sono un must. 

Esistono dozzine di piattaforme di eCommerce e alcune sono progettate specificamente per le attività al dettaglio che desiderano vendere online. Con la definizione e l’esperienza dell’eCommerce che si espande per includere la vendita sui social , vorrai accedere a funzionalità che si collegano con gli acquisti su Facebook, Instagram e TikTok. In questo modo, anche se per ora decidi di rinunciare al social commerce e di concentrarti sul tuo sito web, sarai in grado di lanciare canali di vendita extra senza dover cambiare piattaforma.

Piattaforme come l’ eCommerce di Lightspeed semplificano la creazione di un negozio online completamente funzionale e ben progettato, anche se non sei esperto di tecnologia. Scegliendo una piattaforma di eCommerce che si integri con il registro del tuo punto vendita, il tuo inventario verrà sincronizzato tra le transazioni online e in negozio.

Assumi personale

Sei quasi pronto per aprire il tuo negozio! È ora di assicurarsi di avere abbastanza dipendenti. Anche se hai intenzione di lavorare sul pavimento, avrai bisogno di almeno un altro addetto alle vendite in modo da poterti prendere uno o due giorni di riposo ogni settimana.

Abbiamo suddiviso gli stipendi medi per i dipendenti al dettaglio qui , ma per riassumere:

Commercializza il tuo negozio

Ce l’hai fatta: sei passato dal business plan alla realtà aziendale. Hai scelto la tua posizione, ottenuto il tuo inventario, assunto il tuo personale e ora sei pronto per aprire il tuo negozio al dettaglio. È ora di spargere la voce in modo che i clienti sappiano come trovarti.

Il marketing può essere impegnativo per i proprietari di piccole imprese indaffarati, ma ci sono un sacco di strumenti e risorse per renderlo facile. 

Puoi utilizzare Canva per creare post di alta qualità per i social media, anche senza alcuna esperienza di progettazione. Abbiamo anche compilato altri modelli gratuiti che puoi utilizzare qui . Questo ti aiuterà a creare account di social media di bell’aspetto che incuriosiscano i potenziali acquirenti. 

Oltre ai post sui social organici, prova volantini, annunci sui giornali e pubblicità sui social media a pagamento. Se non conosci il mondo degli annunci online, dai un’occhiata a questa guida .

Una volta aperte le porte del tuo nuovo negozio, assicurati di rimanere in contatto con i clienti in modo che diventino fedeli clienti abituali.

Ad esempio, puoi utilizzare lo strumento di integrazione e-mail del tuo sistema POS per acquisire le e-mail dei clienti per inviare promozioni speciali direttamente ai tuoi clienti esistenti. Il tuo POS può anche aiutarti a gestire la presenza della tua azienda su siti come Facebook, Google e Yelp e semplificare le tue attività di vendita su altri canali come social media, eBay e Amazon.

Preparati per il giorno dell’inaugurazione con Lightspeed 

Ci sono molte cose che devi considerare prima dell’inaugurazione del tuo negozio, ma svolgere tutte le pratiche burocratiche, la ricerca e la pianificazione necessarie in anticipo ti preparerà meglio a gestire un’attività di successo. 

Aprire un negozio al dettaglio non è facile, ma ci sono un sacco di strumenti che lo rendono più facile. Inizia la tua attività con la suite completa di soluzioni commerciali di Lightspeed per vendere di persona, vendere online e adattarsi a ciò che verrà dopo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: