Monopattini in sharing: a Roma cambiano le regole e il numero degli operatori

monopattini-in-sharing:-a-roma-cambiano-le-regole-e-il-numero-degli-operatori


Riservati ai soli maggiorenni, limiti di velocità più precisi, targa metallica di identificazione e numero massimo per il centro: a Roma cambiano le regole per la circolazione dei monopattini e, come si legge nell’Avviso pubblicato sul sito del Comune, “gli operatori dei servizi di noleggio passeranno dagli attuali 7 a 3, con concessione di durata triennale e con mezzi che potranno essere un numero massimo di 3.000 nelle zone centrali e poi equamente divisi tra gli altri Municipi”.
Inoltre, “le imprese che vorranno operare a Roma devono avere già effettuato un servizio autorizzato in città con un minimo di 750mila abitanti e almeno mille veicoli. Viene Inoltre stabilito che sarà compito del Comune individuare le nuove aree no parking e dove realizzare gli stalli”.
Il nuovo regolamento stabilisce anche che i monopattini vengano dotati della targa metallica e di Qr code che ne permette l’identificazione immediata attraverso dispositivi elettronici. La velocità massima consentita sarà di 20km/h che diventano automaticamente 6km/h nelle aree pedonali. Infine, come anticipato, i noleggi saranno appannaggio dei soli maggiorenni, con obbligo di iscrizione con carta d’identità.

Photo by Gabriella Clare Marino on Unsplash

“Con il nuovo bando per l’affidamento del servizio di monopattini elettrici Roma passerà dal caos di una situazione priva di programmazione ad un regolamento ordinato, attento alle esigenze dei cittadini e del decoro urbano”, ha spiegato il sindaco di Roma Roberto Gualtieri.
Ogni operatore – precisa il bando – potrà ottenere l’autorizzazione, a fronte di un canone da versare a Roma Capitale variabile tra 1 e 4 euro al mese per ciascun veicolo, per un numero di mezzi tra un minimo di 2500 e un massimo di 3mila. Aumenta, inoltre, l’estensione territoriale del servizio con un’area minima di 95 kmq totali estesa a 5 aree Pgtu tra le Mura Aureliane, l’anello ferroviario, la fascia verde, il Gra, Ostia e Acilia. Tra i requisiti per la vittoria del bando c’è anche quello che riguarda l’operatività del servizio rispetto a linee metro e stazioni. Per l’assegnazione del noleggio saranno infine valutati anche il sistema di manutenzione, il controllo e la redistribuzione della flotta, il sistema di contatto con la clientela, la sostenibilità ambientale, la possibilità di offrire abbonamenti, le agevolazioni per gli utenti del trasporto pubblico e gli sconti per spostamenti sistematici.
“Mettiamo ordine dove non c’era – ha dichiarato l’assessore alla Mobilità Eugenio Patanè – attraverso un bando che recepisce quanto previsto dalle linee guida del nuovo Regolamento. Discipliniamo concretamente un ambito molto sentito dai cittadini. Abbiamo il dovere di potenziare il ricorso a mezzi in modalità sostenibile, usandoli dove servono, per il tratto del cosiddetto ‘ultimo miglio’ o ‘primo miglio’, ossia negli spostamenti casa/prima fermata trasporto pubblico e da trasporto pubblico/lavoro-università-scuola. Dobbiamo inoltre evitare che siano posteggiati ovunque. Questo bando va proprio a fare questo, riducendo il numero di operatori, imponendo vincoli più stringenti a tutela del decoro urbano e della sicurezza, redistribuendo i monopattini in tutta la città e non solo nel centro storico”.

L’articolo Monopattini in sharing: a Roma cambiano le regole e il numero degli operatori proviene da The Map Report.

0 comments on “Monopattini in sharing: a Roma cambiano le regole e il numero degli operatori

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: