news

Oltre 83 mila unità di personale per affrontare la pandemia. Solo per il 20% assunzioni a tempo indeterminato

oltre-83-mila-unita-di-personale-per-affrontare-la-pandemia.-solo-per-il-20%-assunzioni-a-tempo-indeterminato

Sulla base dei dati trasmessi dalle regioni e Province autonome a fine aprile 2021 come riporta la Corte dei conti, risultano essere state reclutate a vario titolo dall’inizio della emergenza sanitaria 83.180 unità di personale. Solo il per il 20,6% delle assunzioni si è trattato di contratti a tempo indeterminato. Inoltre, al Sud, dove già mancavano infermieri e personale sanitario prima del Covid, è stato assunto meno personale rispetto al Nord.

Delle 83.180 unità di personale, si tratta per il 25,7% di medici (21.414) e per il 38,5% di infermieri (31.990). Il restante personale (29.776 unità) è costituito da operatori sociosanitari ed altre professionalità necessarie per fronteggiare l’emergenza sanitaria.

La quota di personale che ha sottoscritto un contratto a tempo indeterminato in particolare tra gli infermieri è di 31.990 infermieri, il 27,4%. Inferiore è invece la definizione di un rapporto di lungo termine nel caso delle altre figure professionali: sono solo il 23,7 per cento del totale quelle per cui si è prevista tale soluzione contrattuale. Significative le differenze tra aree territoriali.

Nel Sud, nonostante invece il forte rilievo del personale infermieristico tra quello su cui si è basato il potenziamento delle risorse umane impiegate per rispondere alla crisi, cioè il 42,6% del totale, solo per l’8,5% il rapporto instaurato è a tempo indeterminato.

Per esempio, in Puglia, da marzo 2020 ad aprile 2021, sono stati assunti 7638 operatori sanitari, 1126 per medici e 2737 per infermieri. Invece, l’Emilia Romagna ha assunto 10.660 unità e ha messo sotto contratto 2295 medici e 5007 infermieri.

Fonte: Nurse Times

Ultimi articoli pubblicati

%d bloggers like this: