oppo-find-x3-pro,-lo-smartphone-su-misura-per-i-fotoreporter

Oppo Find X3 Pro, lo smartphone su misura per i fotoreporter

Oppo Find X3 Pro, il nuovo flagship del brand, scende in pista sul circuito di Modena come main partner di Lamborghini Squadra Corse: il racconto della giornata

Quale miglior esempio può dimostrare che le innovazioni degli smartphone come Oppo Find X3 Pro possono coadiuvare il lavoro del fotoreporter se non organizzare un evento di una giornata intera in casa Lamborghini? Non posso garantire che la premessa sia valida in senso assoluto, ma che sia stato divertente sì!

Sveglia alle 4 del mattino

A chi sostiene che il lavoro del giornalista di automotive sia solo piacere, sottolineo che per essere in pista all’autodromo di Modena alle 9 in punto, la sveglia a tema Sfolgorio di Oppo Find X3 Pro è suonata alle 4 del mattino. Poi in macchina fino alla stazione QT8 della metro di Milano in attesa del treno delle 5 e 46. Infine, 11 fermate fino alla Stazione Centrale con corsetta finale per prendere il transfer diretto a Modena. Ritardo totale accumulato? Soli 15 minuti, rispetto alla tabella di marcia. Ma cosa non si fa per salire a bordo di una Lamborghini Huracan Evo e immortalare il tutto con lo smartphone flagship di Oppo.

Oppo Find X3 dopo la sveglia delle 4 del mattino
Oppo Find X3 Pro dopo la sveglia delle 4 del mattino

Due ore abbondanti di viaggio tra social e google news portano la percentuale residua di batteria a 92. Le sedute del pulmino hanno le prese Usb per la ricarica, ma il loro utilizzo sfalserebbe la prova: arrivare a fine giornata con ancora un residuo di batteria.

Una mattina in autodromo

Ai box ci attendono tre Lamborghini Urus e tre Huracan Evo di cui una cabrio con i relativi tre istruttori: il giovanissimo Jonathan Cecotto, il brillante Kevin Gilardoni e il saggio Milos Pavlovic. Ovviamente i primi scatti e video della giornata sono tutti per le vetture. Solo alla fine della mattinata per ringraziare lo staff dei piloti, chiediamo loro di mettersi in posa davanti ai loro tori scatenati.

Piloti Lamborghini
da sinistra: Milos Pavlovic, Kevin Gilardoni, Jonathan Cecotto

Nel frattempo, in attesa del proprio turno, c’è chi si prepara mentalmente. Bisogna sempre portare molto rispetto a un’auto che monta un motore aspirato V10 da 5,2 litri con una potenza di 640 cavalli e una coppia di 600 newton per metro. Coprire poi lo stacco 0-100 chilometri orari in 2,9 secondi o arrivare a 220 chilometri orari a pochi metri dalla fine del rettilineo richiede molta concentrazione.

C’è, invece, chi continua a lavorare dal proprio laptop –in perfetto stile smartworking– utilizzando l’hotspot di Oppo find X3 Pro. Non manca la Wi-Fi, ma un collega specializzato nella sicurezza informatica suggerisce di evitare il più possibile le reti aperte. Lavoro di desk a parte, come potrete vedere dalla gallery (senza filtri), tempo per scattare immagini ne ho avuto.

Riprese con Oppo Find X3 all'Autodromo di Modena
Riprese con Oppo Find X3 Pro all’Autodromo di Modena

Il mio turno su Lamborghini Huracan Evo sembra non arrivi mai. Una dilatazione del tempo dovuta più alla voglia di andare in pista e buttare già l’acceleratore, che altro. L’autodromo di Modena non è famoso per essere un circuito veloce. Del resto sono bravi tutti ad andare veloci sul dritto. C’è un unico vero rettilineo. Il resto sono curve e controcurve, ideali, però, per provare l’inesauribile accelerazione laterale senza contare l’handling mozzafiato di questa supercar. Un’auto mai scomposta, nemmeno nel giro finale con l’istruttore. Idem per Urus, il super-Suv di Lamborghini capace anche lui di trasformarsi in pista in un’auto fuori dal comune, considerata l’altezza da terra della sua scocca.

Nel quartier generale di Lamborghini Squadra Corse

Dopo un pranzo frugale –i piloti mangiano davvero poco per stare in forma– andiamo al centro polifunzionale Lamborghini Squadra Corse. Un nuovo spazio davvero tecnologico creato per i piloti professionisti e i clienti piloti. Qui ad esempio, nell’hangar, hanno dimora una parte delle 40 unità della Essenza SCV12 sempre pronte ad affrontare i circuiti di tutto il mondo. Il proprietario chiama e Lamborghini organizza tutto: viaggio, prenotazione del circuito desiderato e staff tecnico per assistenza alla vettura in pista.

Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO2
Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO2

Ma Oppo Find X3 Pro è stato anche il nostro lasciapassare per fotografare in anteprima la Huracán Super Trofeo EVO2, ultima generazione della versione da corsa della supercar V10. A pochi passi da questo gioiello il Lamborghini Squadra Corse Drivers’ Lab. È una palestra ipertecnologica, attrezzata Tecnobody, dove si allenano i piloti ufficiali Squadra Corse in vista delle gare endurance. I driver, infatti, sono soggetti a sforzi fisici e a sollecitazioni differenti da quelli degli altri sportivi. Entrare in una supercar da competizione è un’attività che richiede un training studiato nei dettagli: allenare forza e resistenza, la reattività e i riflessi per riuscire a trovare un perfetto equilibrio con la macchina è essenziale per tutti i piloti.

Pomeriggio inoltrato

A pomeriggio inoltrato, la batteria di Oppo Find X3 Pro è prossima al 60 per cento. Ma prima di riprendere il transfer per tornare a Milano, un giro veloce al Mudetec, il museo delle tecnologie, per riscoprire le prime visionarie creazioni del genio di Ferruccio Lamborghini come la Miura e la Countach. Senza dimenticare le supersportive più recenti ed esclusive come la concept ibrida Asterion, la few-off Centenario, la Huracán Performante e la Aventador SVJ. Qui abbiamo dato sfogo al click compulsivo. Non servono altre parole, dai un’occhiata alla gallery.

%d bloggers like this: