paola-ferrari-senza-freni:-“accavallamento-e-mutande?-non-ho-tatuaggi-li”

Paola Ferrari senza freni: “Accavallamento e mutande? Non ho tatuaggi lì”

Televisione

La conduttrice Rai risponde sul caso ‘Basic Instinct’ dell’accavallamento delle gambe. Intanto infuria la tempesta sui social per le numerose gaffe su Francia-Germania

Pubblicato su

Paola Ferrari ruba la scena a tutti agli Europei. Non tanto per aver dato sfoggio di particolari exploit quanto piuttosto per essere stata protagonista di due episodi che hanno fatto rumoreggiare tantissimo i telespettatori da casa e i social. Si parta dal video, diventato virale, in cui accavalla le gambe. Il filmato è già stato ribattezzato ‘Rai Instinct’ in quanto ha ricordato la famosissima scena del film Basic Instinct in cui Sharon Stone faceva il medesimo gesto, mostrando di non portare la biancheria intima a Michael Douglas. Ecco, a differenza di quell’episodio la giornalista precisa che lei ci tiene a portarla.

Sì, è diventato un video virale, stanno usando più il var su quello che in campo agli Europei. L’inquadratura? Beh, è capitata, niente di grave. Ma vi posso assicurare che non ho la farfallina tatuata, non volo così alto…”, ha ironizzato la conduttrice del servizio pubblico intervenuta a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio Uno. A proposito dell’inquadratura, non sono pochi coloro che credono che Paola abbia fatto la mossa volutamente. Gli utenti hanno notato che prima di ‘accavallare’ Paola ha scrutato il monitor e dunque ben sapeva di essere ripresa proprio e anche lì.

E il paragone con Sharon Stone? Cosa ne pensa? “Penso che sia azzardato, visto che lei è una delle donne più sensuali del mondo. Insomma, video virale mi sembra un po’ esagerato, ho condotto due sere coi pantaloni”. Quando le viene fatto notare che la Stone non indossava la biancheria intima replica: ”Io invece preferisco tutelare la salute e la pulizia igienica…”

Sempre restando sui temi caldi, incalzata dai conduttori radiofonici, ha speso parole di apprezzamento su Jorginho, ritenendolo il giocatore azzurro più intrigante e fascinoso: “Un bel fio come si dice a Milano, proprio un bel ragazzo”. Il ‘bersaglio grosso’, però, secondo la Ferrari, non è tra quelli che scendono in campo. Sta al timone della comitiva e sta seduto in panchina. Si, proprio il ‘Mancio’. “Vorrei spendere due parole sul nostro ct: ha il ‘5’ davanti all’età ma ha un fisico da paura. Quindi chi è tra i due il più bello della nazionale? Direi entrambi, ma se dovessi uscire a cena direi Mancini perché anche come età siamo più vicini, avremmo più cose da raccontarci”.

Paola Ferrari, bufera social dopo Francia – Germania

Nelle scorse ore la conduttrice è stata al centro di una bufera sui social. Tutta colpa di una serie di scivoloni nel pronunciare alcuni nomi dei giocatori scesi in campo durante il match Francia – Germania, disputatosi martedì 15 giugno e conclusosi con la vittoria dei transalpini per 1 a 0. Homeless, Mappé, Pobgall e Varenne, ha detto più volte la Ferrari, sbagliando a più riprese e scatenando gli utenti di Twitter che hanno provveduto rapidamente a mandarla in tendenza, facendo piovere una cascata di cinguettii pieni zeppi di sarcasmo e ironia.

%d bloggers like this: