Pasta alla Guardì, mai mangiato un primo più cremoso. Si fa in 10 minuti col trucchetto del “pomodoro rosato” della tradizione sorrentina

pasta-alla-guardi,-mai-mangiato-un-primo-piu-cremoso.-si-fa-in-10-minuti-col-trucchetto-del-“pomodoro-rosato”-della-tradizione-sorrentina


La pasta alla Guardì è un primo piatto facilissimo da preparare e davvero super cremoso. Originario della costiera sorrentina, è davvero una ricetta golosa che si può preparare anche all’ultimo minuto per degli ospiti improvvisi, farà davvero contenti tutti. Gli ingredienti sono semplici e di facile reperibilità, il formato di pasta è indifferente, questo sugo si sposa davvero con tutto dalle penne, ai ravioli, alla pasta lunga. Vediamo quindi come si prepara

Pasta alla Guardì, Ingredienti

  • 350 g. di pasta ( formato a scelta)
  • 200 ml. di panna da cucina
  • 1/2 cipolla
  • 2 barattoli di pomodorini pelati
  • vino bianco mezzo bicchiere
  • 200 g. di gamberetti ( sgusciati o congelati)
  • prezzemolo fresco q.b.
  • olio extra vergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.

Pasta alla Guardì, Procedimento

Iniziamo a preparare la nostra pasta alla Guardì mettendo sul fuoco una abbondante pentola d’acqua salata e lasciamo che bolla. Nel frattempo laviamo i gamberetti freschi e sgusciati ( oppure usiamo i congelati, che prima avremo fatto scongelare lentamente in frigorifero) e mettiamoli da parte. Prendiamo quindi la cipolla, sbucciamola, laviamola ( in modo che non ci faccia piangere) e tagliamola a fettine molto sottili. Tritiamo anche un ciuffetto di prezzemolo fresco. Una volta preparati tutti gli ingredienti passiamo alla preparazione del piatto.

In una padella bella capiente mettiamo a riscaldare abbondante olio di oliva, quando sarà caldo versiamo dentro la cipolla e facciamo rosolare, quindi quando sarà bella dorata aggiungiamo anche i gamberetti e facciamo saltare giusto un paio di minuti a fiamma vivace. Quindi sfumiamo con mezzo bicchiere di vino bianco e lasciamo che evapori. Fatto ciò aggiunggiamo in pentola anche i due pelati di pomodorini e lasciamo in cottura mescolando di tanto in tanto con un mestolo di legno per una decina di minuti.

Quando il sughetto sarà bello ristretto aggiungiamo anche metà della panna e continuiamo a mescolare creando un bel colore rosato. Nel frattempo lessiamo la pasta scelta rispettando i tempi di cottura della confezione. Quando sarà cotta scoliamola e versiamola direttamente nella padella col sugo aggiungendo anche l’altra metà della pnna rimasta, Facciamo saltare il  tutto giusto un minuto a fiamma vivace, facendo attenzione a non far asciugare la panna. La nostra pasta alla Guardì è pronta. Impiattiamo e decoriamo con il prezzemelo tritato fresco. Buon appetito!

Leggi anche: Spaghetti alla disperata: quando la voglia di stare ai fornelli non c’è. Più buoni della puttanesca e più veloci e facili

Pasta alla Guardì, mai mangiato un primo più cremoso. Si fa in 10 minuti col trucchetto del “pomodoro rosato” della tradizione sorrentina scritto su Più Ricette da Redazione.

0 comments on “Pasta alla Guardì, mai mangiato un primo più cremoso. Si fa in 10 minuti col trucchetto del “pomodoro rosato” della tradizione sorrentina

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: